pagine viste: ...
...no javascript...
phone
opzioni grafiche:
T
T
T
TT
Benvenuto, visitatore
     
Tue 19 October, 16:13:03
logo

bookmark Metti nei segnalibri
qr code

Alla fine lo capisci

(altro altro, breve - per tutti)
40 visite dal 08/10/2021, l'ultima: 4 ore fa.
3 recensioni o commenti ricevuti
Autore di quest'opera:


Titoli simili:



Descrizione: Breve riflessione sul fatto che c'è qualcuno di cui davvero non puoi liberarti.


Alla fine lo capisci
file: mura.jpeg
size: 442,07 KB

Alla fine lo capisci
file: opera.txt
size: 3,80 KB
Tempo di lettura: meno di 5 minuti


Elenco Tag dell'opera:
#conflitto(5)    #demoni(19)    #diario(29)    #disagio(12)    #introspezione(28)    #pensieri(116)    #problemi(5)    #riflessioni(54)    #sofferenza(26)    #vita(234)



Recensioni: 3 di visitatori, 6 totali.
  recensisci / commenta

recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2021

Recensione o commento # 1, data 16:19:39, 08/10/2021
Bellissima questa riflessione. Riguarda l'immagine dell'io.
Noi ci comportiamo nella vita reale di tutti i giorni con la consapevolezza di essere quello che siamo; ovvero come noi immaginiamo che gli altri ci vedono.
Tutto il nostro comportamento dipende dal giudizio che noi stessi diamo alla nostra immagine mentale.
È come un gioco di specchi: se siamo convinti di essere quello che crediamo di essere, ci comporteremo di conseguenza, applicando le conoscenze mentali, culturali, morali che abbiamo immagazzinato.
È naturale comportarsi a seconda di quello che si crede di sé stessi.
Se sono convinto di essere superiore agli altri, agirò con alterigia; se, al contrario, credo fermamente di essere una nullità, mi sentirò succube di chiunque.
Se non sono sicuro di me stesso e delle mie idee, sarò propenso a credere in ciò che dicono gli altri; per contro, se dimostro sicurezza in quello che dico, è molto facile che la gente mi creda e, di conseguenza, faccia quello che voglio io.
Tutto questo è talmente ovvio che sembra banale anche il parlarne.
L'immagine mentale o immagine dell'io si forma con la propria evoluzione e quando la personalità di ciascuno è completata, l'immagine che ciascuno ha di se stesso è presente in ogni momento del vivere quotidiano.
E da questa modo di vedere se stessi deriva il nostro atteggiamento nei confronti degli altri.
Quella persona, come la chiami, non arriva: c'è sempre stata. Sei tu che devi accettarla.
Eppure sappi che puoi modificarla e renderla molto vicina ai tuoi desideri. Ma questo è un altro discorso…



recensore:

risposta dell'autore, data 10:44:00, 09/10/2021
Buongiorno e buon sabato, Giancarlo. Naturalmente ti ringrazio e ti faccio presente che non hai scritto una recensione, ma un post che è di gran lunga più interessante e meglio scritto del mio!
Devo sinceramente ammettere che il significato del mio sfogo non è quello da te ipotizzato, ma quanto hai scritto è interessantissimo.
Un abbraccio



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2021

Recensione o commento # 2, data 16:36:33, 09/10/2021
Il mio post, come l'hai chiamato, era troppo lungo per un commento.
Ecco il seguito sperando che il tuo complimento sia sincero e non una cortesia e sperando che non ti annoi.
Il tuo sfogo parte da un presupposto: la persona che c'è in te potrebbe non corrispondere alle tue aspettative e quindi la consideri con diffidenza se non addirittura con antagonismo.
È vero che prima o poi lei arriva e tu sei spacciata.
Se la vedi in questo modo!
Forse c'è una piccola confusione di fondo. Anche tu dici che quella persona sei tu, ovviamente.
Ma se è così, non c'è nessuna persona che deve arrivare.
Torniamo all'immagine dell'io. Essa si crea perché c'è uno sdoppiamento: da una parte ci sei tu e dall'altra c'è un essere che vive insieme a te ma che tu pensi sia un'altra entità.
Di questa entità, quella che agisce nella quotidianità della vita,
tu hai una immagine che attribuisci a te stessa.
Quando chiudi gli occhi e pensi alle tue mani che possono muoversi al tuo comando, il tuo Io comanda all'altro Te di fare una cosa, una azione fisica. Sono due aspetti diversi che non si possono fondere in unica realtà. Ci sei Tu e Te per distinguerli.
Del Te hai un'immagine di una entità che agisce nel modo che descrivi nel tuo sfogo:
"Quindi tu calcoli tutto, sistemi tutto, programmi tutto, prevedi tutto… Alla fine hai organizzato e ottimizzato tutta la tua esistenza in modo da avere da lei il massimo e sfruttarne tutte le potenzialità, pronta a prendere tutto il meglio che lei ti può offrire: hai la convinzione di aver programmato ogni cosa in modo che il male nemmeno ti sfiorerà, perché hai alzato delle belle barricate, messo su delle difese apparentemente impenetrabili."
Un'immagine che puoi modificare:
"Oppure magari ti sei messa nascosta e defilata in modo da non provare ed ottenere chissà cosa o addirittura rinunciando a quello che già avevi; ma in questo modo sei certa che sofferenze e problemi saranno cancellati quasi del tutto."
Il Tu (il tuo vero Io, quello intoccabile e forse immortale) è lì che ti guarda e ti "sa".
Quando dici che "Lei arriva, e tu sei spacciata." significa solo che prendi consapevolezza della sua esistenza.
Queste considerazioni sono facili da comprendere, ma in realtà sono difficilissime da digerire. Ci vuole molto tempo perché la mente introiti e assorba come proprio lo stato di consapevolezza del Sé.
Ancora perdonami, ma il tuo post è troppo interessante per non approfittarne.
E certamente non si può esaurire in due paginette!



recensore:

risposta dell'autore, data 18:39:22, 09/10/2021
Il complimento era sincero, ma certo! Ora però sto scappando e non posso risponderti con calma e precisione; prometto però che lo farò il prima possibile.
Buona serata.



recensore:

risposta dell'autore, data 13:42:29, 10/10/2021
Quella persona sono tecnicamente io perchè ovviamente il corpo quello è, ma in realtà è una entità del tutto distinta. È una partizione del mio cervello che non posso controllare e ha sempre funzionato a quel modo fin da quando ne ho memoria (prima infanzia). Dal mio punto di vista è lei che mi mette spesso i bastoni tra le ruote e si diverte a torturarmi, dal suo punto di vista sono probabilmente io che le ho tarpato le ali e sto spendendo male il ciclo vitale di questo corpo. Dal punto di vista degli altri io sono tutto ed il contrario di tutto perchè effettivamente dall'esterno può sembrare così.



recensore:
avatar di Giancarlo Rizzo
nwGiancarlo Rizzo
$ sostenitore 2021

Recensione o commento # 3, data 16:49:48, 10/10/2021
"Dal mio punto di vista è lei che mi mette spesso i bastoni tra le ruote e si diverte a torturarmi, dal suo punto di vista sono probabilmente io che le ho tarpato le ali e sto spendendo male il ciclo vitale di questo corpo."
Perché continui a dissociarti al contrario?
Prova a pensare con intensità: TU NON SEI il tuo corpo con la sua mente. TU POSSIEDI il corpo e la mente; tu sei altro! Tu puoi dirigere te stessa e il tuo comportamento cambiando eventualmente l'immagine che hai di te, se non ti piace. Essere tutto e il suo contrario può essere piacevole, ma è quello che credi di te stessa!





Scrivi qui la tua recensione o commento...

Nota: Scrivere recensioni e commenti alle opere è uno dei motori principali di questo portale artistico. È solo grazie a esse che, infatti, gli autori possono migliorarsi e i visitatori orientarsi. Se sei un autore, inoltre, scrivere recensioni e commenti a opere altrui incentiverà i destinatari a fare altrettanto con le tue.


Mancano 250 battute affinché questa recensione possa partecipare al nwClub dei Recensori.

Nota: le recensioni e i commenti devono essere lunghi almeno 30 battute e devono riguardare il contenuto dell'opera, meglio se critiche, costruttive e collaborative. Saranno eliminate dallo Staff le recensioni se saranno: offensive, volgari, chiacchiere e (se scritte da visitatori) presunte autorecensioni dell'autore o banali "bello, mi è piaciuto".

Nota: le recensioni e i commenti sono tuoi e modificabili per 2 giorni, dopodiché diventeranno di proprietà dell'autore che hai recensito o commentato.


NO JAVASCRIPT
NO BUTTON
Recensisci / commenta un'opera a caso.

Nota: per vedere un'opera a caso di un particolare genere, entra nell'elenco dei generi e scegli la tipologia desiderata.



L'Opera è messa a disposizione dall'autore sulla base della presente licenza:

Licenza Creative Commons
Alla fine lo capisci di Ibbieffe è pubblicata sotto licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
L'opera di riferimento si trova su www.BraviAutori.it.
(Licenza di default del sito)


Elenco delle opere che condividono una o più tag con questa opera

(racconto teatro, brevissimo)  di nwMaestrairrequieta

descrizione: Una famiglia con tre figli adolescenti vive in modo conflittuale la teledipendenza, si passano in rassegna in modo ironico i vari reality e talk show e, in ultimo, il padre prende una decisione drastica per salvare i suoi figli.

tags: #adolescenza(17)    #famiglia(56)    #figli(15)    #genitori(6)    #programmi(2)    #rapporti(5)    #teledipendenza(1)    #televisione(5)    #conflitti(5)


(racconto fantasy, breve)  di nwMaurogonella

descrizione: Ma ci dovrà pur essere un "perché" dietro tutti i conflitti della umana storia. E se questo "perché" fosse un ufficio preposto a costruire ogni tipo di guerra?

incipit: E' Aprile quando i due amici si presentano, contemporaneamente, alla porta dell'Ufficio Guerre S.p.A., al terzo piano di un colossale Edificio, al centro della Città Senza Nome: il Ministero dell'Odio e del Rancore Internazionale. L'impiegato li riceve chiedendo loro nome e professione. Il primo è un Capo di Stato di un grande paese occidentale, democratico. Il secondo è il dittatore in carica di un paese medio-orientale.

tags: #capi di stato(1)    #cupidigia(1)    #guerre(78)    #humour nero(2)    #marketing(4)    #conflitti(5)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAlessandro Borghesi

tags: #amarezza(6)    #conflitto(5)    #riflessione(54)


(racconto narrativa, breve)  di nwAndrea Menegon

descrizione: Una famiglia vede modificata radicalmente la sua vita a causa di un conflitto bellico

incipit: Eravamo felici, perché anche noi sappiamo amare.

tags: #conflitto(5)    #famiglia(56)    #guerra(78)    #naufragio(4)    #bellico(2)


(racconto fantasy, breve)  di nwVihio

descrizione: Il campione è giunto sotto l’obelisco, nel compimento della missione capitale.

incipit: – La cima! Ombre che accompagnate il mio cammino, ammirate la mia forza poderosa! Sono stato io l’uomo capace di giungere sino a qui. Nessuno s'è mai spinto tanto avanti, vero? Ora dovrò issarmi sull'obelisco interdetto al genere umano. E' oltremodo elevato, un numero spropositato di braccia, anche duecento dozzine o oltre, ed è levigato come ossidiana. Sarà l'ultima prova prima dello scontro, ombre tutrici?

tags: #angeli(28)    #demoni(19)    #dio(45)    #mastodonti(2)    #missione(5)    #obelisco(1)    #ombre(27)    #serpente(4)    #campione(2)


(racconto fantasy, brevissimo)  di nwLucia Guglielminetti

descrizione: Riflessioni di un demone in un momento difficile della propria esistenza

incipit: Era molto tardi, quando K. rincasò. Si sedette di schianto presso il tavolo e accavallò le lunghe gambe fasciate in un paio di jeans che avevano visto giorni migliori. Come se non bastasse, erano anche fradici di pioggia, oltre che di sangue...

tags: #demone(19)    #inferno(13)


(poesia narrativa, brevissimo)  di nwAngela Mori Angelika

incipit: Trionfa suprema la voglia del suo corpo, Sicura è la vanità del saper dare; Troppo forte il desiderio, Di ricevere il suo calore.

tags: #alba(17)    #angeli(28)    #brama(1)    #demoni(19)    #matrimonio(14)    #nemico(6)    #ostacolo(3)    #paradiso(17)    #passione(63)    #sesso(45)


(racconto narrativa, breve)  di nwMaddalena Cafaro

descrizione: Un breve racconto che si svolge la vigilia di Natale, a cavallo tra sogno e incubo, tra verità e bugia.

incipit: Alice si allontanò dallo specchio passando la mano tra i capelli rasati, aveva alzato le punte con il gel e reso liscia l'unica ciocca lunga sistemandola lungo il lato del viso. La sua amica Aiku si era travestita da Miku di Vocaloid, raccogliendo i lunghi capelli corvini in due code alte, il corpino oro e viola le stringeva il busto sottolineandone la magrezza, la gonna nera a balze con gli inserti in pizzo le toglievano un pò di centimetri, ma Aiku aveva rimediato con le scarpe, stivali con al…

tags: #alice(3)    #cappellaio matto(1)    #demoni(19)    #stregoni(2)    #natale(65)

Elencate 10 relazioni su 451 -
 
10
20
 ... 
460
 


Nota: vi invitiamo a
Questo indirizzo email è protetto dagli spam.
Attiva JavaScript per vederlo.
eventuali termini o contenuti illeciti, scurrili o errati che potrebbero essere sfuggiti al controllo degli Autori o dello Staff.




PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!


vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 3.236.232.99


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2021
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0.17 secondi.