pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Mon 28 September, 08:38:27
logo


Il tempo degli uomini morti - Cirillo Alessandro

IL TEMPO DEGLI UOMINI MORTI

acquista
scheda vista 676 volte.


autore: Cirillo Alessandro

editore: 0111edizioni (collana LaBlu. Big-C)


Altri libri dell'autore (o simili)
nwHuman Take Away di (Alessandro Napolitano e Massimo Baglione)
nwHuman Takeaway di (Alessandro Napolitano and Massimo Baglione)
nwI promessi sposi di (Alessandro Manzoni)
nwL'estinzione delle parole. Terra anno 20.555 di (Ancarani Alessandro)
nwMr Gwyn di (Alessandro Baricco)
nwNon voltarti con rabbia di (Alessandro Logli)
nwPer una cipolla di Tropea di (Alessandro Defilippi)
nwSeta di (Baricco Alessandro)
nwTre volte all'alba di (Baricco Alessandro)
Titoli simili
nwAstenersi perditempo di (Santoro Gianni)
nwÈ tempo sprecato uccidere i morti di (Diego Di Dio)
nwGli uomini vengono da Marte le donne da Venere di (John Gray)
nwLa grande storia del tempo: Guida ai misteri del cosmo di (Stephen W. Hawking)
nwTime City - Amanti nel Tempo di (Massimo Baglione e Valentina Margio)



Recensioni:


recensione del 05/03/2014 di



Il problema del tempo nella prospettiva del male.

 

Alessandro Cirillo non è il primo autore che si cimenta nell'interpretazione del problema del tempo attraverso la finzione narrativa. Nel suo libro d'esordio è possibile scorgere un'interessante riflessione esistenziale che può sorprendere anche il lettore meno addentro alle questioni filosofiche: il tempo degli uomini morti è il tempo soggettivo che condiziona la vita di ogni individuo, è il tempo che rivela la caducità della realtà. Le sette storie presenti nel libro sono cronologicamente ordinate (dall'imbalsamatore dell'antico Egitto all'autocrate di un mondo futurista) e ontologicamente teologizzate. L'autore racconta la loro caduta utilizzando i vizi capitali. Nella loro semplicità i peccati capitali riescono a descrivere le situazioni in cui l'uomo può perdersi.

Hisham, un antico imbalsamatore egiziano, cerca disperatamente di salvare suo figlio dalla progeria, l’invecchiamento precoce. Flavio cammina nella notte di una Roma decadente in cerca di giustizia. Una principessa misteriosa è chiusa in una torre, condannata a rivivere sempre lo stesso giorno. Un gruppetto di nobildonne francesi aspetta di consumare un’antica vendetta servendosi della devota contessa de Montmorency. Nella California del diciannovesimo secolo, si consuma il dramma di una giovane vedova inconsolabile. Su un blog, si apprende l’assurda storia di una famiglia postmoderna che ha lasciato morire d’inedia la cara nonnina. In un futuro imprecisato, un oscuro autocrate celebra il trionfo della morte.

 

Queste storie presentano personaggi maledetti, morti a causa dei loro desideri inconfessabili. L'uomo può essere punito per aver assecondato un suo piacere naturale, una suo sogno, un suo diritto? Eppure la realtà ultima di questi uomini pone un serio interrogativo sulla libertà degli uomini.

Abitiamo questo pianeta da migliaia di anni, abbiamo costruito, inventato, trasformato, abbiamo lasciato eredità incommensurabili ad altri uomini. Eppure non riusciamo a trasmettere ai posteri la profonda consapevolezza dei nostri giorni. L'uomo è un essere quasi morto, un essere che è segnato dalla fine del suo tempo. Ma tutto ciò è inaccettabile. Il nostro tempo è il tempo degli uomini morti: corridori ad ostacoli, organizzatori imperfetti, fissati dei risultati, conservatori edonisti della giovinezza, bambini impegnati come adulti, eterni adolescenti, giovani vecchi imbottiti di prozac. L'ira di Flavio che nella notte più lunga della sua vita cerca di vendicarsi di suo nonno, il grande senatore Caio Agrippa, è a condizione esistenziale di chi si è visto rubare il tempo, di chi non ha avuto la forza di resistere alla violenza del ladro. Come non pensare ai giovani derubati del loro futuro da una classe politica vecchia e corrotta? Come non giustificare l'impeto distruttivo di Flavio di fronte alla perversione di un vecchio tiranno? Come non avere compassione per coloro che pagano la disonesta cupidigia di chi doveva amministrarli?

Il tempo degli uomini morti ha questa caratteristica: se non si spezza il suo dinamismo, avanza inesorabilmente fino alla fine. Se non si ha il coraggio di processare i propri desideri, di discernere il bene dal male, allora il tempo è degli uomini morti. I vizi capitali rivelano l'incapacità dell'uomo a farsi dio, essere senza dipendere dal creatore.


(aggiungi recensione a questo libro)






braviautori


Tag a caso:
...
Clicca qui per altri.


PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!

up

vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 75.101.220.230


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2020
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 1,27 secondi.
up