pagine viste: ...
...no javascript...
phone
Opzioni grafiche:
T
T
T
Ti
Ti
Benvenuto, visitatore
     
Fri 25 September, 18:05:04
logo


Woody... fuga dalla realtà - La Licata Alfonso

WOODY... FUGA DALLA REALTà

acquista
scheda vista 782 volte.


autore: La Licata Alfonso

editore: Minerva Edizioni (Bologna)


Altri libri dell'autore (o simili)
Nessuno
Titoli simili
nwLontane realtà di (Nicholas Nisopoli)



Recensioni:


recensione del 12/04/2012 di



Woody Grantortino, il protagonista del romanzo di Alfonso La Licata, è l'erede di una tradizione letteraria lunga tutto il Novecento: è la versione in minore dell'Uomo senza qualità di Musil, è l'inetto della narrativa sveviana, è un omino catapultato nella vita e condannato ad un anonimato imbarazzante. Nessuno si accorge di lui nonostante il suo aspetto sia quantomeno originale, il risultato di "una concrezione anatomica" in cui sono assemblati una testa piccolina e un tronco corto con collo, braccia e gambe di una lunghezza spropositata. Nell'ufficio in cui lavora come modesto impiegato di infima categoria, nessuno lo nota quasi fosse un accessorio della fotocopiatrice al cui uso è adibito. Neppure il portiere del suo stabile risponde al saluto. L'aggettivo chiave che lo connota è "banale".

Allora, per far fronte alla quotidianità mediocre cui è condannato e che pure accetta come giusta e naturale, Woody oppone il sogno: quello in celluloide dei film, e quello notturno e ricorrente che lo vede protagonista eroico e avventuroso di esotiche gesta. Lì, nel sogno e nella fantasticheria, lui è James Bond, è Indiana Jones, è un "duro". Tutto ciò forse come logica conseguenza del nome "Woody", scelto dalla madre, grande estimatrice di Woody Allen, che lo ha predestinato a coltivare una passione sfrenata per il cinema.

Questa è la vita di Woody Grantortino, per lo meno fino al fatidico 27 luglio, giorno di paga, in cui esce di casa e sorprendentemente il portiere sembra accorgersi di lui e gli restituisce il saluto. Altrettanto sorprendentemente, il cagnaccio tozzo che lui ha battezzato George perché gli ricorda il padre Giorgio, anzi sospetta ne sia la reincarnazione, ebbene il cagnaccio che lo ha sempre scortato ogni domenica verso la Chiesa dove si celebra la Messa, due giorni prima lo aveva abbandonato lasciandogli solo l'immagine del suo posteriore che si allontanava dondolando.

Premonizioni? Indizi?

In effetti il 27 luglio, giorno di paga, si rivelerà davvero speciale.

Diretto in banca per riscuotere lo stipendio, Woody viene coinvolto in una rapina e il fatto di diventare in breve un protagonista della vita anche se nel ruolo scomodo di ostaggio dei banditi, lo sorprende a tal punto che sulle prime crede di trovarsi sul set di un film e non nella realtà. Da questo momento in poi, l'omino insignificante scopre di essere intelligente e astuto, capace di gestire un doppio gioco in piena regola aiutando i rapinatori nella loro fuga per aiutare, in realtà, se stesso e la donna poliziotto presa in ostaggio come lui.

Da dove trae tutta questa presenza di spirito? Dal cinema, ovviamente! E la sua fuga nella realtà, come recita il sottotitolo del romanzo, lo trascina in un vortice in cui il tempo accelera la sua corsa, in cui le scorribande in auto, l'avventura dello spassoso funerale di una stramba setta religiosa, l'accerchiamento dei pazzi di una Casa di Cura, il contatto pelle a pelle con la bella poliziotta, tutto è velocità, ritmo, movimento: in una parola, cinema.

L'autore riesce con grande efficacia in questa impresa: i nomi di Humphrey Bogart, John Wayne, Clint Eastwood e tanti altri che costellano i pensieri di Woody e le pagine del romanzo forniscono al lettore la chiave per comprendere a fondo la contaminazione tra immaginazione e realtà.

Alfonso La Licata è abilissimo nel tratteggio dei personaggi, nella raffigurazione dei loro stupori, dei loro goffi tentativi di governare la vita.

Il suo irrefrenabile gusto ironico non esente da punte di sarcasmo si avvicina più all'umorismo che alla comicità e non a caso la terra di La Licata, la Sicilia, è la stessa che ha dato i natali a Pirandello: c'è il gusto della derisione, è vero, ma ci sono anche la condivisione, il sentimento del contrario, la simpatia per tutti: dal cagnaccio dal deretano imponente ai banditi balordi, dalla poliziotta avvenente ai poveri pazzi seminudi, dai barbuti officianti di una cremazione grottesca a tutto il resto del mondo, con le sue meschinità, la sua pochezza, la sua mediocrità che talvolta esplode in inaspettati lampi di genio.

Così accade a Woody, così accade al bandito, quello più inconcludente che salva il resto della banda recitando brani shakesperiani.

Così è la vita: a volte proprio come al cinema.

E come al cinema anche nella vita di Woody, alla fine dell'avventura, c'è una commovente promessa di felicità.

E' un romanzo in corsa, questo "Woody" una corsa che l'autore regola scandendo le fasi dell'intreccio con capitoli dai titoli memorabili (Dreaming, Metempsicosi...) e con vere e proprie pietre miliari come quel "tiglio ombroso ed imponente", espressione apparentemente gratuita ma che ricorre tre volte e segna gli stacchi dell'azione.

Apparente semplicità. Perché, lo sappiamo, nulla è come appare.

recensione aggiornata il 13/02/2014

(aggiungi recensione a questo libro)






braviautori


Tag a caso:
...
Clicca qui per altri.


PayPal

L'associazione culturale BraviAutori sopravvive solo grazie alle piccole donazioni. Se il nostro sito ti è piaciuto, se vuoi contribuire alla sua crescita e allo sviluppo di nuove iniziative, se ci vuoi offrire una pizza, una birra o proprio non sai scegliere chi far felice, considera la possibilità di fare una donazione. Oppure acquista uno dei nostri libri. Puoi usare PayPal (qui a fianco) oppure seguire le istruzioni in fondo a questa pagina. Per ulteriori informazioni, scrivete alla .


Grazie, e buon lavoro!

up

vota


siti web
siti web
siti web

php
Creative Commons
MySQL
Aruba.it
Contatori visite gratuiti
(questo indicatore conta le visite da parte di nuovi visitatori)
PhpBB3



spotfree site


Per gli smartphone o per i computer lenti è disponible una visualizzazione più leggera del sito.

informazioni sulla tua navigazione:
CCBot/2.0 (https://commoncrawl.org/faq/)
IP: 75.101.220.230


BraviAutori.it (il portale visual-letterario)

Version: 20.0409

Developed by Massimo Baglione

special thanks to:

all the friends of BraviAutori who have contributed to
our growth with their suggestions and ideas.


map
Mappa del sito


Informazioni sull'uso dei cookie da parte di questo sito

La nostra policy sulla privacy

Info e FAQ

Contatti


© 2006-2020
All rights reserved

Copyrighted.com Registered & Protected

MyFreeCopyright.com Registered & Protected

Main site copyrights:
MCN: WVTT8-HGT7X-69B5W
MCN: WT4R4-8NXSX-1LXZB





Pagina caricata in 0,5 secondi.
up