Apertura ore 09:00

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Votazione

Sondaggio concluso il 22/09/2019, 0:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
13%
3 - si lascia leggere
3
38%
4 - è bello
4
50%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 8

Kork75
Foglio bianco
Messaggi: 1
Iscritto il: 06/09/2019, 20:22

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Apertura ore 09:00

Messaggio da leggere da Kork75 » 16/09/2019, 20:28

«Lei è il farmacista?» Domandò con tono minaccioso l’uomo in abito scuro e occhiali a specchio.
«No, guardi, sono il salumiere. Certo che sono il farmacista», rispose Pierino senza nemmeno voltarsi, intento a cercare le chiavi nel borsello.
«Perfetto, ho bisogno di un potente lassativo.»
«Buon uomo… Oggi non è questa la farmacia di turno. L’apertura ai clienti è alle ore nove.»
«Perché allora lei è qui alle cinque del mattino?» Chiese in tono scortese il tale appoggiandosi alla vetrina dell’esercizio.
«Perché? Perché l’attività è mia e potrò decidere a che ora andare a lavorare, non crede? Poi è una lunga storia… Diciamo per abitudine. Mio padre e prima ancora il mio caro nonno, anche loro farmacisti, mi hanno abituato così: rispettare una certa etica professionale. Il buon lavoro inizia da un’accurata preparazione. Comunque le ripeto non vede il cartello, ore nove!» Replicò Pierino che osservò disgustato l’impronta della mano dell’individuo stampata sul vetro.
L’uomo non aggiunse altro e senza salutare si allontanò di qualche metro, si sedette sui gradini del palazzo di fronte e si accese una sigaretta. Diede un'occhiata all’orologio, imprecò e si mise a urlare:
«Ehi! Farmacista, la fai un'eccezione per me vero? Dammi quello che ti ho chiesto.»
Pierino, intento a pulire la vetrata, si voltò e rispose divertito:
«Ore nove. Inoltre, ho messo anche il cartello chiuso, non vedi?».
Il tizio diede un rapido tiro, poi buttò la cicca in mezzo alla via e in uno scatto d’ira tornò sui suoi passi:
«Senti l’ho letto quel tuo stupido cartello e in effetti dice alle ore nove, sai cosa dice questa? Dice: calibro nove», ed estrasse una pistola che puntò alla tempia dell’ignaro farmacista, spingendolo all’interno del negozio.
«Calma, non c’è bisogno d’alterarsi. Per favore, metti via la pistola, sei dentro, sei il primo cliente della giornata. Per te ora è aperto», disse Pierino strappando il cartello chiuso.
«Scusa amico, non volevo arrivare a tanto, ma sai è una lunga storia… Diciamo per abitudine, mio padre e prima ancora il mio caro nonno, anche loro killer, mi hanno abituato così: rispettare una certa etica professionale. Il buon lavoro inizia da una accurata preparazione», rispose il sicario con tono canzonatorio tenendo sotto tiro il farmacista.
«Bene, anzi male, vediamo come ti posso aiutare. Però ti prego, mettilo via quel ferro… Mi mette una certa ansia ed evita di puntarmela addosso», disse Pierino spostando con il dito indice la canna dell'arma e richiudendo dietro di sé la porta con due secchi giri di mandata.
«Ok, amico mi hai convinto. Tra l’altro si vede che sei un tipo tosto», e così dicendo l’uomo si sbottonò la giacca e ripose la pistola nella fondina.
«Vediamo che cosa ho per te: lassativi osmotici, emollienti e di contatto. Mi serve sapere da quanto non evacui?» L’interpellò Pierino scrutando gli scafali dell’armadio ad ante scorrevoli posto dietro il bancone.
«Il più potente che hai? Poi non è per me», rispose sogghignando l’inaspettato e arrogante cliente.
Il killer confidò all’incredulo farmacista che nella macchina in fondo al viale, rinchiuso dentro al baule, c’era la sua vittima: un ricco imprenditore da eliminare su cospicua commissione.
«Fammi capire… Perché mi racconti questo?» Domandò stranito Pierino.
«Perché ti voglio rendere mio complice. Adesso ascoltami! Ieri notte attesi il rientro a casa del mio obbiettivo. Come faccio sempre per rendere più emozionante la situazione, simulai una rapina. Pensai che fosse un lavoretto semplice, mi feci consegnare il portafoglio, l’orologio e gli ori e poi come tutte le altre volte, quando la vittima è convinta di essersela cavata: bang! Dritto in fronte.»
«Invece?»
«Quel lurido aveva in tasca un anello di diamanti che non mi volle consegnare e sai cosa fece? Lo ingoiò e ora lo voglio, quel maledetto anello», disse il sicario sbattendo il pugno sul banco.
«Fammi capire un’altra cosa, perché non l’ammazzi? Porti a termine il tuo sporco lavoro e recuperi il gioiello, prima che questo arrivi all’intestino», commentò alla fine della irrazionale confessione Pierino.
«L’uomo che mi ha pagato per questo lavoro vuole che sia un’esecuzione secondo le sue direttive, ma io sono un tipo avido… La preda fin che è in vita è nelle mie mani e ci faccio ciò che voglio. Farmacista? Mi piaci sei un tipo deciso… Si vede che non hai paura e mantieni il sangue freddo. Spero anche la bocca chiusa», ribatté il criminale estraendo la pistola e puntandola per l’ennesima volta dritta al volto di Pierino.
«Va bene, ho capito. Ti do questo, è un lassativo di massa, accresce il volume della quantità fecale presente nell’intestino e rende il transito delle feci molto più rapido. Occhio alla flatulenza e al meteorismo, farà parecchia puzza. In pratica si caga addosso in dodici ore. Prima non ti rimane che sgozzarlo. Adesso rimetti via quell’arma e vattene e io non dirò niente di questo nostro incontro, stanne pur certo.»
Proprio nel momento in cui il killer mise nelle mani di Pierino otto banconote da cinquecento euro, entrò nella farmacia dalla porta sul retro la signora Maria, l’anziana nonna.
«Non sapevo che avevi amici. Chi è questo bel giovanotto? Non mi sembra di queste parti, è un tuo amico della città? Piacere Maria, la nonna di Piero. Sa, vengo sempre prima dell’apertura a dare una mano a mio nipote a rassettare e mettere in ordine la farmacia. È una lunga storia… Diciamo per abitudine, bisogna rispettare una certa etica professionale. Il buon lavoro inizia da una accurata preparazione», disse l’attempata signora posando la ramazza e il secchio.
«Signora quella di rispettare una certa etica professionale l’ho già sentita e mi trova pienamente d’accordo. No, non sono un amico di suo nipote. Sono solo un cliente di passaggio che il buon Piero sta aiutando con un problema d’intestino», rispose il killer mostrando il lassativo.
«Le ha dato quello? Lasci perdere quelle schifezze, se ha problemi a evacuare usi il vecchio metodo. Carta e penna e segni questa ricetta. Su avanti che cosa aspetta?» Domandò Maria.
L’uomo divertito dalla surreale situazione si preparò a scrivere. La donna si avvicinò al sicario e gli dettò:
«Minestrone lassativo: prende una lattuga, quattro cipollotti freschi, tre ceppi di spinaci, una zucchina bianca… Sta scrivendo tutto?» Chiese Maria all’uomo ricurvo sul bancone.
«Poi prende un'oliva, del grana grattugiato, un dado vegetale e sale a piacere», continuò la nonna.
«Poi signora?» Domandò con un sorriso a trentadue denti il killer.
«Ora la preparazione. Per prima cosa deve lavare bene e tagliare tutte le verdure a pezzetti, ma non troppo piccoli. Unisce le verdure a un mezzo litro d’acqua e le fa bollire per circa un’ora a fuoco lento. Una volta che le verdure saranno ben cotte passa tutto nel mixer e avrà una gustosissima crema, che la porterà dritta sul water, insomma una super purga naturale, garantito.»
«Signora preferisco il lassativo di suo nipote… Non ho tutto questo tempo per cucinare, mi creda», disse l’uomo rivolto ai due.
La donna con un’abile mossa estrasse un revolver che teneva nascosto sotto la camicetta. Il Killer stupito commentò: «Cosa sta succedendo? Signora posi l’arma non vorrà farsi del male?»
«Nonna dagli retta… Guarda, mi ha anche dato dei soldi. Lascialo andare», replicò Piero.
«Pierino, ho sentito tutto, ero nascosta nel retro. Sai chi è l’uomo nel bagagliaio? È Arturo quello della conceria. Proprio ieri mi ha fatto la proposta di matrimonio che io stupida, ho rifiutato. Poi questa mattina pentita tornai a casa sua, ma lui non c’era. Così avendo una copia delle chiavi sono entrata. Incuriosita dal fatto che non ha dormito nel suo letto, ho visionato le telecamere di videosorveglianza. Sai cosa ho visto? Ho visto questo porco aggredire il povero Arturo», proferì tutto d’un fiato l’anziana donna tenendo salda la pistola tra le mani e puntandola al petto del killer.
«Maria, questo è un gioco più grande di lei. Poi ha fatto benissimo a non accettare la proposta di Arturo. Lo sa che la fabbrica di pelli è una copertura? Li si producono pastiglie di ecstasy. Lo sa che quel uomo è un criminale? Per eliminarlo mi hanno pagato profumatamente», disse il sicario tenendo le mani in alto.
Con tono beffardo intervenne Pierino: «A dire il vero anche la farmacia è una copertura. Inoltre, la mia anziana nonnina non è proprio una gentile vecchietta. Poi che Arturo dopo la morte del nonno ci provasse con lei, è risaputo da tutti qua in paese. Ora sarà il caso che vado a tirarlo fuori, ha sofferto abbastanza poveruomo».
Sequestrata la pistola e in possesso delle chiavi dell’auto, Pierino si rivolse alla cara nonna:
«Fammi un favore, sbarazzati di questo idiota.»
«Con piacere!»
BANG!

Selene Barblan
Apprendista
Messaggi: 107
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 17/09/2019, 10:15

Mi è piaciuto, è scorrevole, spiritoso e ha un buon ritmo. Mi ha anche saputo un po’ sorprendere, non è prevedibile o scontato. Lo stile è semplice e godibile, ho solo qualche dubbio sui tempi verbali nei discorsi diretti. Secondo me un buon lavoro.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 273
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 17/09/2019, 13:34

Complimenti per la trama arzigogolata che strappa anche qualche sorriso. Storiella surreale degna di un Benni incattivito, un fumettone pulp che si attiene alle regole del genere, forse fin troppo.
Tutta la parte in cui il killer racconta la sua aggressione notturna l’avrei messa al passato prossimo (Ho atteso invece che attesi ecc.), visto che si riferisce a eventi appena trascorsi.
Qualcos’altro da editare, qualche imprecisione nella punteggiatura (ad esempio: Mi piaci sei un tipo deciso – Mi piaci, sei un tipo deciso), qualche volta metti la virgola dopo il discorso diretto, altre volte no.
Comunque, 4.000 euro per un lassativo mi sembra un po’ eccessivo.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 268
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 17/09/2019, 16:11

Avvincente. Mi ha catturato sin dalla prima riga "occhiali a specchio". Già intuivo che proprio non doveva essere un brano sereno e tranuquillo. Comunque, il protagonista ha carattere ed è anche un pò ingenuo, sembra non proprio del mestiere, visto che si fa abbindolare da una vecchina. A proposito una nonna che consulta le videocamere, non è sveglia è un fenomeno. Il farmacista anch'esso delineato bene. Il nome Pierino, poteva sviare il racconto da un'altra parte, bravo. Appunto personaggio d'apprima genuino e sincero, poi scaltro e cinico. L'ambientazione è carinissima. Come ha scritto Roberto Bonfanti, ho trovato qualche verbo non proprio centrato. Per lo svolgimento ho un dubbio. Come faceva a sapere il killer che in tasca aveva un diamente? Io lettore posso intuirlo, ma sarebbe stato carino leggerlo. Per l'ennesima volta, ma io ho letto che sarebbe stata solo la seconda volta che estraeva la rivoltella. A parte queste piccole sfumature, direi che il brano è divertente, carino, originale.
Immagine

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 230
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 18/09/2019, 0:01

Il racconto è veramente stupefacente, grottesco e paradossale. Tutti i personaggi sono una vera sorpresa in quanto travestiti da buoni per poi definirsi come perfidi individui.. Il narrato è originale e abbastanza divertente. Vero è che, da un'attenta lettura, saltano fuori alcune inesattezze, ma nel complesso si fanno "perdonare".

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 18/09/2019, 18:14

A parte piccole inesattezze verbali e di punteggiatura il racconto è ben scritto. È un racconto surreale, grottesco e paradossale, ma che non mi ha convinto fino in fondo. Alcuni passaggi, pochi a dire il vero, mi sono sembrati un pochino forzati. Come se man mano il brano scorreva, ci fosse una rincorsa a chi la sparava più grossa, che forse era proprio l'intento dell'autore. Però, almeno per me, ha funzionato fino ad un certo punto. Comunque sia l'ho letto tutto d'un fiato, curiosa di vedere come andava a finire. Cosa non scontata!

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 96
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2018 (profili visti)
dal 2018 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 19/09/2019, 0:10

Racconto giallo surreale, i personaggi non sono quelli che appaiono e il tutto si evolve velocemente in modo frenetico e sorprendente. Favola scritta in modo semplice ma con buone trovate che ho trovato di gradevole lettura.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista: https://www.braviautori.com/forum/viewtopic.php?

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BiciAutori - racconti in bicicletta

BiciAutori - racconti in bicicletta

Trentun paia di gambe hanno pedalato con la loro fantasia per guidarci nel puro piacere di sedersi su una bicicletta ed essere spensierati, felici e amanti della Natura.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina e logo di Diego Capani.

Contiene opere di: Alessandro Domenici, Angelo Manarola, Bruno Elpis, Cataldo Balducci, Concita Imperatrice, Cristina Cornelio, Cristoforo De Vivo, Eliseo Palumbo, Enrico Teodorani, Ettore Capitani, Francesco Paolo Catanzaro, Germana Meli (gemadame), Giovanni Bettini, Giuseppe Virnicchi, Graziano Zambarda, Iunio Marcello Clementi, Lodovico Ferrari, Lorenzo Dalle Ave, Lorenzo Pompeo, Patrizia Benetti, Raffaella Ferrari, Rebecca Gamucci, Rosario Di Donato, Salvatore Stefanelli, Sara Gambazza, Sandra Ludovici, Sonia Piras, Stefano Corazzini, Umberto Pasqui, Valerio Franchina, Vivì.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (4,67 MB scaricato 284 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
I sogni di Titano

I sogni di Titano

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il "cubo sognatore" su Titano aveva rivelato una verità sconvolgente sull'Umanità, sulla Galassia e, in definitiva, sull'intero Universo, una verità capace di suscitare interrogativi sufficienti per una vita intera. Come poteva essere bonariamente digerito il concetto che la nostra civiltà, la nostra tecnologia e tutto ciò che riguardava l'Umanità… non esisteva?
"Siamo solo… i sogni di Titano", aveva riportato il comandante Sylvia Harrison dopo il primo contatto col cubo, ma in che modo avrebbe potuto l'orgoglio dell'Uomo accettarlo? Ovviamente, l'insaziabile sete di conoscenza dell'Essere umano anelava delle risposte, e la sua naturale curiosità non poteva che spingerlo alla ricerca dell'origine del cubo e delle ragioni della sua peculiare funzione.
Gli autori GLAUCO De BONA (vincitore del Premio Urania 2013) e MASSIMO BAGLIONE (amministratore di BraviAutori.it) vi presentano una versione alternativa del "Tutto" che vi lascerà senza parole. Di Glauco De Bona e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (203,77 KB scaricato 16 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Vivere con 500 euro al mese nonostante Equitalia

Vivere con 500 euro al mese nonostante Equitalia

la normale vita quotidiana cosí come dovrebbe essere

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Vi voglio dimostrare come con un po' di umiltà, di fantasia e di buon senso si possa vivere in questa caotica società, senza possedere grandi stipendi e perfino con Equitalia alle calcagna. Credetemi: è possibile, ed è bellissimo!
Vedi ANTEPRIMA (108,61 KB scaricato 165 volte) -
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 54 - Sotto il cielo d'agosto

La Gara 54 - Sotto il cielo d'agosto

(agosto/settembre 2015, 24 pagine, 1,66 MB)

Autori partecipanti: Laura Chi, Annamaria Vernuccio, Alberto Tivoli, Angelo Manarola, Ida Dainese, Skyla74, Patrizia Chini, Eliseo Palumbo,
a cura di Giorgio Leone.
Scarica questo testo in formato PDF (1,66 MB) - scaricato 110 volte.
oppure in formato EPUB (259,51 KB) (vedi anteprima) - scaricato 169 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 55 - La capsula del Tempo

La Gara 55 - La capsula del Tempo

(ottobre 2015, 25 pagine, 824,77 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Carlocelenza, Angelo Manarola, Giorgio Leone, Patrizia Chini, Alberto Tivoli, Nembo13,
a cura di Skyla74.
Scarica questo testo in formato PDF (824,77 KB) - scaricato 134 volte.
oppure in formato EPUB (287,35 KB) (vedi anteprima) - scaricato 182 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 66 - Onirica

La Gara 66 - Onirica

(settembre/ottobre 2017, 30 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Angela Catalini, Enrico Gallerati, Mastronxo, Roberta Michelini, Lodovico, Daniele Missiroli, Ilaria Rucco, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Fabrizio Bonati, Ida Dainese, Michele,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 45 volte.
oppure in formato EPUB (1,52 MB) (vedi anteprima) - scaricato 38 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.