Lisabetta

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/09/2019, 0:00

1 - non mi piace affatto
2
22%
2 - mi piace pochino
3
33%
3 - si lascia leggere
2
22%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
2
22%
 
Voti totali: 9

Sonia85
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 26/03/2019, 18:19

Author's data

Lisabetta

Messaggio da leggere da Sonia85 »

Ti ho amato.
E ti ho perso per sempre.
Era scritto nelle stelle, nel grande libro del destino del Padreterno, che tu e io non potevamo essere felici insieme. E adesso sono qui, affacciata alla finestra da cui ti spiavo sempre, sperando ogni mattina di vedere il tuo sorriso, ma la mia è un’attesa vana perché tu non sei più di questo mondo.
Una violenza inutile e brutale ha reciso lo stelo della tua vita e del nostro amore.
Abbiamo peccato? Forse. O forse no. Quale peccato può mai esserci nell’amore? A volte penso di essere stata come il Sole per Icaro: qualcosa di bello, di stupendo, di desiderabile, a cui il povero giovane si è avvicinato troppo e ne è rimasto scottato.
Forse avrei dovuto aspettarmelo dai miei fratelli. Non fanno che pensare alla loro ricchezza e in me vedono soltanto l’ennesimo strumento per aumentarla. Non fanno che parlare di unioni matrimoniali vantaggiose, di valutare pretendenti su pretendenti, da anni ormai. Non sono mai contenti di questo o quel partito, sono alla ricerca del meglio. E un povero garzone come te non lo era.
Ti hanno ucciso, mio amato Lorenzo. Ti hanno ucciso brutalmente, quei mostri. Sei diventato martire del nostro amore, e io sono tua vedova pur non avendoti sposato.
Mi hanno tolto tutto, quei maledetti. Anche l’ultimo ricordo di te, la piantina di basilico cresciuta nutrendosi nella tua testa, del tuo corpo.
Perdonami, se puoi, per questo scempio al tuo cadavere, ma avevo bisogno di un pezzetto di te accanto a me. Purtroppo i miei fratelli mi hanno tolto anche quello.
Adesso parlano di trasferirci a Napoli, e io dovrò obbedire, così come ho sempre obbedito a ogni loro volere. L’unica volta in cui non li ho seguiti e ho amato liberamente qualcuno a me caro ha pagato a caro prezzo, e non voglio che la cosa si ripeta.
In verità, non credo che avrò ancora molto da vivere. E allora spero che, varcata la soglia della luce, troverò te e solo te, mio Lorenzo. Se esiste una vita dopo la morte, non dovremo attendere a lungo prima di riunirci. Aspettarmi ancora un po’, amore mio.

Tua,
Lisabetta.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 283
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti »

Tristemente macabro. Un raccontino che apre il discorso della liberta delle donna. La protagonista è ben delineata e si capisce benissimo che è succube dei suoi fratelli. Il. Brano è scrutto bene e lo si legge in un attimo. Il vaso di basilico ed il pezzetto umano mi hanno un po spiazzato. Comunque poteva si poteva dare un po più di agio, mi sembra confezionato troppo in fretta.
Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 393
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Una lettera dal contenuto commovente ma dal significato un po’ oscuro, per quanto scritta correttamente eventi e motivazioni rimangono sconosciuti, impedendo di capire la vicenda fino in fondo.
Vedi il mio commento al racconto di Ivan Locatelli, riguardo alla tempistica della partecipazione alla gara.
Anche in questo caso sospendo il giudizio e mi astengo dal votare il racconto.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 264
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Il racconto è scritto piuttosto bene tecnicamente ed il pensiero di Elisabetta si esplicita in modo efficace. Detto ciò non mi ha entusiasmato particolarmente, nonostante le sfumature noir solitamente mi attraggano.

Angelo Ciola
Apprendista
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »

Più che un racconto è una drammatica riflessione sul ruolo femminile che è ancora, nella nostra moderna società, subalterno alle figure maschile della famiglia. Poche righe che si leggono velocemente ma che non sono un racconto.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455

Stefyp
Apprendista
Messaggi: 114
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Più che un racconto potrebbe essere un incipit. C'è spazio per allargare e approfondire i personaggi qui appena accennati,anche se il rischio è quello di ripetere le innumerevoli storie scritte sull'argomento. Ben scritto e scorrevole

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 322
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

anche se il racconto ha un suo significato senz'altro apprezzabile sulla condizione di certe donne e di certe culture, lo ho trovato eccessivo. L'inserimento del basilico nutrito dai poveri resti del poveretto ucciso, dal mio punto di vista, ci cresceva...

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 128
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Suvvia dai:
Lisabetta da Messina è la quinta novella della quarta giornata del Decameron.
Autore tal Boccaccio Giovanni: toscanaccio irriverente, versatile e sperimentatore.

Tutto avvenne pressoché in un simile contesto:
Lisabetta era una giovin donzella messinese, orfana di padre, viveva coi suoi tre fratelli, originari di San Gimignano divenuti ricchi con affari e commerci. La giovin donzella, non ancora maritata, commette lo sbaglio d’innamorarsi di Lorenzo, un modesto ragazzo di Pisa che aiuta i fratelli di Lisabetta nel loro lavoro. Lorenzo appartiene a un ceto inferiore a quello di Lisabetta pertanto il loro amore assume immediatamente implicazioni sociali assai complicate per l’epoca. La passione tra Lisabetta ed il pisano Lorenzo è invece semplicissima, assolutamente spontanea e naturale.

I tre fratelli scoperto che la sorella si reca nottetempo dal suo amante, inducono così Lorenzo a seguirli fuori città con una scusa, e una volta usciti da Messina lo assassinano occultandone il corpo.

Una notte Lorenzo appare in sogno a Lisabetta, rivelandole di essere stato ucciso dai fratelli, e mostrandole il luogo dove è stato sepolto da questi.
Così Lisabetta ottenendo il permesso dai fratelli di fare una gita in campagna, con una fidata donna di servizio, si reca sul luogo indicatole in sogno dall'amato. Scava trovando il cadavere ma non potendogli dare degna sepoltura, gli taglia la testa per poter conservare vicino a sé almeno un ricordo del suo innamorato.
A casa, Lisabetta nasconde la testa di Lorenzo in un vaso e la copre con una profumatissima pianta di basilico, che cresce in modo assai rigoglioso coprendone il fetore della decomposizione. Ogni giorno Lisabetta piange e si dispera sul vaso di basilico, trasferendo su questo l'amore e la passione insopprimibili per l'amato Lorenzo.

Il comportamento di Lisabetta insospettisce i vicini, che segnalano il tutto ai fratelli.
Questi ultimi decidono quindi di requisirle la pianta e, dopo averci trovato nel vaso la testa dell’amato, fanno sparire il tutto.
Timorosi che vicenda e delitto compiuto diventino di dominio pubblico, abbandonano Messina e si trasferiscono a Napoli, portando con loro Lisabetta.

La ragazza, già ammalatasi dopo la sottrazione della pianta, muore di lì a poco di dolore.

Mettiamola così: il racconto non è propriamente tutto farina del sacco dell'autrice, ma non è neppure plagio trattandosi di lettera che descrive quella situazione con parole proprie dell'autrice.
Tuttavia: UP massimo punteggio così rimango in pole position. :-D

:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'Altro

L'Altro

antologia AA.VV. sulle diversità del Genere Umano

Attraverso il concorso "L'Altro - antologia sulle diversità del Genere Umano", gli autori erano stati chiamati a esprimersi sulle contrapposizioni fra identità, in conflitto o meno, estendibili anche a quelle diversità in antitesi fra di loro come il terreste e l'alieno, l'Uomo e l'animale, l'Uomo e la macchina, il normale e il diversamente abile, il cristiano e il musulmano, l'uomo e la donna, il buono e il cattivo, il bianco e il nero eccetera. La redazione cercava testi provocatori (purché nei limiti etici del bando), senza falsi moralismi, variegati, indagatori e introspettivi. Ebbene, eccoli qua! La selezione è stata dura e laboriosa, ma alla fine il risultato è questo ottimo libro.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Furio Bomben.

Contiene opere di: Furio Bomben, Antonio Mattera, Maria Letizia Amato, Massimo Tivoli, Vespina Fortuna, Thomas M. Pitt, Laura Massarotto, Pasquale Aversano, Ida Dainese, Iunio Marcello Clementi, Federico Pavan, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Giorgio Leone, Giovanna Evangelista, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Francesco Zanni Bertelli, Gabriele Ludovici, Laura Traverso, Luca Valmont, Massimo Melis, Abraham Tiberius Wayne, Stefania Fiorin.
Vedi ANTEPRIMA (312,10 KB scaricato 84 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 43 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 50 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 62 - La famiglia

La Gara 62 - La famiglia

(gennaio/febbraio 2017, 35 pagine, 763,98 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Mirtalastrega, Angela Catalini, Laura Usai, Patrizia Chini, Gabriele Ludovici, Fabrizio Bonati, Francesca Facoetti.
a cura di Massimo Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (763,98 KB) - scaricato 65 volte.
oppure in formato EPUB (599,54 KB) (vedi anteprima) - scaricato 62 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 52 - Colpo di fulmine

La Gara 52 - Colpo di fulmine

(maggio/giugno 2015, 19 pagine, 422,19 KB)

Autori partecipanti: Patrizia Chini, Gloria D. Fedi, Laura Chi, Alberto Tivoli, Ricci Giuliana, Maddalena Cafaro.
a cura di Giorgio Leone.
Scarica questo testo in formato PDF (422,19 KB) - scaricato 142 volte.
oppure in formato EPUB (189,80 KB) (vedi anteprima) - scaricato 202 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

(dicembre 2009, 46 pagine, 456,32 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Manuela, Daniela, Arditoeufemismo, Mario, Augusto, Magnonove, Cosimo Vitiello, Miriam, Snuff, Phigreco, Pia.
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (456,32 KB) - scaricato 476 volte.
oppure in formato EPUB (343,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 190 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.