Mattoni

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
6%
3 - si lascia leggere
3
19%
4 - è bello
6
38%
5 - mi piace tantissimo
6
38%
 
Voti totali: 16

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 23/09/2019, 19:36

Mio marito è morto nove anni fa, ora sono sola. I miei vicini, buoni quelli, da un po’ si discute per il muretto. Hanno messo la ringhiera, ma un pezzo è anche mio. Gliel’ho detto che il lavoro andava rifatto, che mi hanno preso una parte del giardino.
Una mattina ho incontrato la moglie e mi sono lamentata di suo marito che mi aveva trattato male perché volevo la mia parte. Lei mi ha risposto infuriata che venivo a comandare a casa d’altri. Ma io ho detto che semmai voglio comandare a casa mia, che se n’approfittano perché sono sola. Se c’era ancora mio marito…
A noi i figlioli non ci sono venuti. Forse perché li aveva fatti tutti mia madre, undici. Siamo rimaste solo io e una mia sorella, ma non la vedo mai, è molto malata.
Io lo dico sempre: sono nata in un pagliericcio, come Gesù Bambino. Allora si partiva con il treno, si portava quello che si poteva, un guscio, delle lenzuola e le federe, delle coperte. Il padrone ci dava due stanzette, delle balle di paglia, si faceva il letto con quelle, dentro il guscio. Mia mamma mi aspettava, ma andò lo stesso, a casa rimanevano i figli grandi e quelli piccini. Ecco perché dico che sono nata nella paglia.
I miei sono andati in Piemonte fino a quando avevo ventidue anni, poi hanno smesso anche loro. Erano ormai anziani, sulla sessantina. Forse sono andati un altro anno o due, mi pare.
Si partiva a maggio, per Moncalieri, a fare i mattoni eravamo tutti toscani. E veneti. I piemontesi lavoravano a fare le automobili. Poi è cominciata ad arrivare la gente del sud. Qualcuna, come una mia amica, andava alla fabbrica delle caramelle.
Sotto quel sole si stava tutto il giorno a mettere la terra negli stampi, era un lavoro come fare il pane, andava fatto l’impasto e messo nelle forme. Verso le cinque si cominciava a mettere i mattoni seccati in pile, uno sull’altro a quadrato. Si riempiva tutto il piazzale, finché li venivano a prendere per portarli alla fornace.
Per San Pietro e Paolo capitava sempre una burrasca. Noi si riparavano i mattoni come si poteva perché l’acqua li rovinava e ce li pagavano la metà. Più si lavorava e più si guadagnava. Di marchette ce ne attaccavano meno di quello che era giusto. Ma c’era poco da fare.
A Moncalieri non c’erano feste e domeniche, si lavorava tutti i giorni. A casa, invece, si andava anche a ballare.
La sala da ballo era al circolo, cento metri più avanti, sulla strada. Si andava accompagnate dalla mamma. Se suonavano un tango, si avvicinavano di più le guance, tutti dicevano: guarda che fa quella! I vecchi, lo dicevano. La mamma non apriva bocca, ci guardava, rimaneva sempre a sedere.
Mia sorella mi ripeteva: che aspetti? Hai ventun anni. Allora a ventun anni eravamo vecchie. Io li guardavo e rispondevo: quello è antipatico, quello ha il naso grosso, non mi piaceva nessuno.
Poi è arrivato lui, veniva in vespa o con il motore. Alto, bello, con le camicie pulite, tutto preciso, non aveva mai i pantaloni sdruciti, era simpatico, mi piaceva come parlava. Ballavo tutta la sera con lui. Quando c’era l’intervallo si rimaneva accanto, poi i suonatori ricominciavano e si ballava insieme.
A mezzanotte l’orchestra smetteva e si usciva. Una sera, finite le danze, andavamo a casa e lui mi veniva dietro. Mia madre ha detto: che vuole quello? Le ho risposto: mamma, io ho scelto. La domenica dopo è venuto a casa mia e ci siamo fidanzati.
Un giorno, per le ferie, me lo vedo arrivare a Moncalieri, erano quattrocento chilometri. È venuto con il motore, io ero a fare i mattoni, avevo già pranzato, lui, poverino, è rimasto con me senza mangiare. Avevo le mani tutte sporche di terra, me le strusciavo con la rena per pulirle, ma insomma, un po’ mi vergognavo. Mi ha fatto delle fotografie, lui era in ferie, io no, avevo da lavorare, non c’era tempo di fare all’amore. Una ce l’ho ancora, una fotografia dove ci sono io e dietro si vedono tutte le pile di mattoni.
Quello, per me, è stato l’ultimo anno. Siamo tornati con – mi sbaglio sempre, ora con l’euro – settecento cinquanta… mila lire e cinquanta. No, cinquecento.
D’inverno si facevano altri lavoretti, non si stava mai fermi, ma il grosso veniva dal lavoro in Piemonte. Il mio babbo tagliava i salici, servivano per legare le viti, poi si facevano i canestri, si rivestivano i fiaschi con la paglia, qualcosa si faceva sempre.
Le scuole le ho fatte tutte, fino alla quinta. C’era una maestra severa, dava certe bacchettate sulle mani con la stecca, a me non è successo quasi mai, solo una volta ne ho prese tante perché avevo fatto copiare il dettato a una mia compagna. A casa la mamma mi ha visto con quelle dita tutte rosse e mi ci ha messo l’olio, la notte non sono riuscita a dormire da quanto mi facevano male e piangevo.
Quando sono tornata da Moncalieri siamo andati alla tabaccheria, io e il mio babbo. Il capoccio ha detto: abbiamo preso due sorelle, si prenderà anche lei. Ci sono rimasta due anni, poi mi sono sposata. Si fece anche il viaggio di nozze, tre giorni a Portovenere, mica tutti se lo potevano permettere.
Siamo andati a stare a casa sua. Commerciava in biciclette e motociclette, le accomodava e le vendeva, l’ho scoperto dopo che ci eravamo fidanzati. Ecco perché veniva sempre in vespa. Lui lo sapeva quello che facevo, ma io non l’avevo capito, finché non ho visto l’officina.
All’inizio teneva la Beta, perché la fabbrica era vicina, a Firenze, come le vespe di Pontedera, poi le Gilera, le Bianchi, Garelli e tante altre marche.
Siamo stati bene, aveva la sua bottega di motociclette, la domenica ne prendeva una e si andava in giro, anche al mare. Dopo un po’ si prese la prima macchina, una millecento di seconda mano. Un’automobile gliel’ho comprata io, col mio lavoro.
Avevo cominciato a cucire a casa, facevo cinque cappotti alla settimana. Mi dicevano sempre: vieni a lavorare interna. E io: ci penserò. Una mattina mi sono decisa, sono montata in bicicletta e sono andata a lavorare alla Lebole, è stata la mia fortuna.
Ci s’aveva un divano grande, ci si sarebbe potuto dormire in due, allora usavano in quel modo. Si fece anche la camera nuova e si comprò il frigorifero e la televisione, senza chiedere nulla a nessuno.
Non avevamo tutto quello che c’è ora, ma non ci mancava nulla. C’era tanta armonia. Si usciva di casa e si scendevano le scale, in fondo c’erano le porte degli altri appartamenti. D’estate non le chiudevano mai, tanto non c’entrava nessuno. Se avevo bisogno di qualcosa me lo dava quella che mi stava accanto. E lo stesso facevo io, eh, s’intende. Quando preparavo da mangiare le portavo sempre un piatto di pasta o la panzanella. Avevano tre bambini, noi no, non ci sono venuti.
A fare i mattoni mi ha insegnato il mio babbo, fin da quando ero bambina. Lui era bravo, svelto e preciso. Gli venivano perfetti, tutti i lati uguali, li potevi misurare con il righello. Poi ho imparato anch’io, ma all’inizio… quante sgridate! Il mio babbo no, quegli altri. Il padrone non veniva quasi mai, si lavorava per conto nostro, per questo più si lavorava e più si guadagnava. Ogni tanto la pioggia ce li rovinava e li pagavano meno, la metà. A volte si andava la notte a coprirli, se si vedeva che stava per piovere.
Ma poi ho fatto tante altre cose. In confezione diventai brava a cucire a macchina, ero una delle migliori, il padrone veniva sempre da me per fare i modelli. Qualche anno dopo chiuse e ricominciai a lavorare a casa, in fabbrica non ci sono più andata.
Quando smise con il negozio mio marito dette una parte della vendita alle sue sorelle. Io non gli dissi nulla, gli ho sempre fatto fare quello che voleva. Lo sapevo che una delle mie cognate non mi poteva vedere, non voleva neanche che suo figlio ci venisse a trovare. Eppure era nostro nipote, per me acquistato, d’accordo, ma sempre nipote, me lo metteva contro. Però, quando è morta, al funerale ci sono andata. A suo fratello, che poi era mio marito, non gli avevo impedito di darle la sua parte, potevo andare a testa alta.
Mio marito aveva preso un lettino per tenerlo in officina, nel retro. Quando era stanco si stendeva lì. Il giorno che è andato in pensione l’ha portato a casa. Ogni tanto ci faceva un riposino, d’estate, diceva che ci stava più fresco. Era agosto, nove anni fa, lo rimandarono dall’ospedale, poverino, lo sapevo che era alla fine. Lo volevano mandare in un altro ospedale. Gli dissi: ma dove lo volete portare, lasciatemelo a casa. C’è morto in quel lettino.
Ora sono vecchia, sì, fino a qualche anno fa non mi sembrava, ma ora lo dico che sono vecchia. Non ho più paura di nulla, neanche di morire, ormai. In fondo anche del giardino non è che me ne importi un granché, è solo per non dargliela vinta. A volte, però, ripenso a quando andavo in Piemonte. Ho sgobbato tanto, ma ero giovane ed ero contenta di quel poco che avevo. Tornerei anche a dormire in quel pagliericcio ricoperto con le lenzuola, allora non mi pareva così scomodo. Forse perché ero tanto stanca, dopo una giornata sotto quel sole che bruciava me e i mattoni.

L.Grisolia
Foglio bianco
Messaggi: 16
Iscritto il: 21/04/2019, 13:54

Commento

Messaggio da leggere da L.Grisolia » 23/09/2019, 23:05

Premetto che ammiro sempre chi riesce a scrivere immedesimandosi in un personaggio del sesso opposto. Sarà perché sono giovane ma lo trovo sempre difficile. Per il resto ho poco da dire e molto da imparare.
Un racconto costruito tutto in funzione di un personaggio. Anche la struttura delle frasi mi sembra voglia in qualche modo caratterizzare la protagonista e narratrice riuscendoci alla perfezione.

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 226
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 24/09/2019, 12:23

Il racconto introduce in una storia triste ma di vita vera del passato. Mi è piaciuto molto il "parlare" della protagonista, così come era in uso fare all'epoca, e nel contesto sociale in cui la storia si svolge. Mi è piaciuta anche molto l'analisi dettagliata dei vari stati d'animo e dei ricordi che lei rievoca. Sicuramente un buon racconto, forse un tantino lungo, ma comprendo anche che la storia andava spiegata minuziosamente, così come è stato fatto.

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 96
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensori)
10° dal 2019 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 24/09/2019, 15:58

E' bello.
A mio avviso non racconta di una storia triste.
Tutt'altro, narra della vita di alcune persone che hanno vissuto la loro vita in modo sereno.
La protagonista non ha rimpianti. Certo, le manca il marito, ma questo è del tutto naturale e lei stessa se ne è fatta una ragione.
Non vedo neppure rimpianto per non aver avuto dei figli, anzi accetta la vita per come è stata.
Rappresenta in modo corretto il pensiero di tanti anziani fortunati.
A mio avviso fortunati, perché cresciuti in tempi dove la stessa società dava la giusta importanza alle cose.
Perciò ritengo bello questo spaccato di vita.

:smt006
Ultima modifica di Teseo Tesei il 24/09/2019, 16:31, modificato 1 volta in totale.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 266
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 24/09/2019, 16:14

Brano ben delineato, dove la protagonista racconta la sua storia.
I luoghi ed il personaggio sono ben narrati.
Anche se il pezzo è un pochino lungo, lo si legge volentieri, perchè è incalzante e incuriosisce sempre di più ad ogni riga.
Voto 4 :smt006
Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 24/09/2019, 18:11

Faccio un rigraziamento collettivo a chi ha commentato il mio brano fin'ora, sono molto contento per come lo avete recepito.
In particolare, Teseo, sposo la tua analisi in pieno. Per questo voglio spiegare la genesi del racconto, non so se ho fatto un buon lavoro, ma è una storia a cui tengo.
Viene tutto da un dialogo con una signora anziana. Dialogo è una parola grossa, si vedeva che aveva voglia di parlare con qualcuno, in maniera molto semplice e spontanea mi ha raccontato la storia della sua vita; io non avevo niente di altrettanto interessante da dirle, quindi, più che altro, l’ho ascoltata.
Mi hanno colpito i suoi modi dignitosi ed eleganti e la sua lucidità, ero incantato dal fluire dei suoi ricordi, li ho fatti sedimentare per un paio di giorni e poi li ho messi, di getto, nero su bianco, ho solo aggiustato un po’ le sue parole, neanche troppo, mi piaceva che rimanesse quel sapore di racconto popolare e di altri tempi.

Namio Intile
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensori)
dal 2018 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 27/09/2019, 11:18

Un racconto ben differente dagli ultimi tuoi. Senza dialoghi, con una narrazione stringente in prima persona. Davvero magnifica la storia, l'ambientazione e le sensazioni che riesci a tirar fuori: ti faccio i miei complimenti.
Non ho nulla da segnalarti, mi pare perfetto nella forma, nello stile, nel tono, nella sintassi, però mi chiedo: l'aggancio iniziale, la lite a proposito del giardino con i vicini, funziona bene e tira la volata al finale. Ma proprio perché perfetta, non capisco perché tu abbia voluto inserire questo lungo periodo, quasi un pentimento:
"A volte, però, ripenso a quando andavo in Piemonte. Ho sgobbato tanto, ma ero giovane ed ero contenta di quel poco che avevo. Tornerei anche a dormire in quel pagliericcio ricoperto con le lenzuola, allora non mi pareva così scomodo. Forse perché ero tanto stanca, dopo una giornata sotto quel sole che bruciava me e i mattoni."
Che sembra riprendere il filo per poi di nuovo chiudere, col richiamo a quei mattoni del titolo. Forse questa la ragione.
A mio parere potevi benissimo chiudere con quel bellissimo " è solo per non dargliela vinta"; bello secco e d'effetto.
I mattoni del titolo, a mio parere un bel titolo, non hanno bisogno di quell'aggancio finale. Sono già nel racconto, sono l'essenza del racconto, non hai bisogno di specificarli altrimenti.
Per il voto attendo un congruo numero di racconti da leggere, voglio cercare d'esser più equo, ma nel tuo caso siamo su livelli molto alti.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 27/09/2019, 14:41

Ti ringrazio tanto, Namio. Hai ragione, è diverso dai miei soliti racconti, come ho detto in un commento precedente questo si basa su eventi che mi sono stati raccontati e io ho voluto conservare quella forma, quasi come se fosse una narrazione orale.
Riguardo al finale: temo che tu abbia ragione anche su questo, forse è inutile. Che ti devo dire, mi piaceva quella frase, ritornare appunto ai mattoni, chiudere il cerchio, concedere un piccolo rimpianto alla protagonista... ci penserò.
Grazie di nuovo, troppo buono!

Diego.G
Foglio bianco
Messaggi: 24
Iscritto il: 13/09/2019, 18:43
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensori)
dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Diego.G » 01/10/2019, 18:37

Ritengo anche io che non sia facile immedesimarsi nell'altro sesso, ma il racconto è strutturato bene e le testimonianze del tempo passato dipingono un passato oramai svanito. L'utilizzo di ricordi propri o altrui per descrivere la storia, anche quella più piccola, quella non raccontata nei libri di storia, lo trovo un metodo davvero interessante, che spinge il lettore, ma anche l'autore stesso in un percorso di conoscenza e curiosità, che ritengo fondamentali al giorno d'oggi.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 03/10/2019, 22:16

Ti ringrazio Diego, non posso che essere d'accordo con le tue considerazioni. La Storia, quella con la S maiuscola, talvolta tralascia gli aspetti più basilari e intimi dell'esperienza umana che, secondo me (e qui gioco col mio titolo), sono appunto i mattoni con i quali si costruisce una formazione cosciente, in un senso più ampio, dell'individuo.

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 04/10/2019, 22:59

Alla prima lettura mi ha lasciato un po' perplesso, come se mancasse qualche cosa. Poi l'ho riletto e mi è piaciuto. In un primo tempo ho trovato un po' slegato l'incipit dal resto della narrazione: questo entrare subito nel litigio, questo conflitto tra vicini che esplode così velocemente, lasciava intravedere un racconto "movimentato". Invece no... ed è proprio questo che ho trovato piacevole: il rifiuto del confronto violento e il ricercare la serenità in noi stessi, nei nostri ricordi.

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 05/10/2019, 20:02

Che bello! Davvero un bel racconto. Si intuisce che è una storia di vita vissuta, ma non è per niente facile renderla così bene. Mentre lo leggevo sono riuscita ad immaginarmela la signora seduta, mentre parla a ruota libera della sua vita. Assegno molto volentieri un 5.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 05/10/2019, 23:00

Grazie Frdellaccio, per il commento e anche per aver voluto concedere una seconda lettura al mio racconto, mi piace, è segno di attenzione. Un saluto.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 05/10/2019, 23:04

Stefyp, se sono riuscito a farti "vedere" la mia protagonista che racconta sono contento, ho raggiunto il mio scopo. Ti ringrazio tantissimo :D

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 326
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo » 09/10/2019, 13:45

Ciao Roberto, questo racconto, se mi è concesso il termine, amarcord, mi è piaciuto molto. Racconta bene il "sogno americano" rappresentato dal Piemonte in quell'epoca, intere famiglie lasciavano tutto per lavorare e per guadagnarsi da vivere. Bella la nota romantica.
Ho letto tra i commenti che è una storia vera, tu sei stato comunque molto bravo nel raccontarla.
Scritto molto bene, minuzioso, privo di errori. un racconto che fila e che si fa leggere tenendoti impiantato al desktop.
Complimenti.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

https://betoofarka.blogspot.it

https://adf.ly/1Udt1Y

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 09/10/2019, 18:26

Molto gentile, Eliseo, sono contento che ti sia piaciuto. Hai ragione, amarcord rende bene il senso di questo piccolo quadro di un'epoca, sicuramente più dura, ma allo stesso tempo più semplice e genuina del presente.

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+4)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone » 16/10/2019, 12:34

"Mi piaceva che rimanesse quel sapore di racconto popolare e di altri tempi", hai tenuto a dirci, e ci sei riuscito alla perfezione. Dialetto a parte, che lì era lombardo, mi ha ricordato "L'albero degli zoccoli di Olmi", che prese come attori i contadini che trovava in giro in campagna. E anche tu sei stato fortunato con questa signora, un bel personaggio conosciuto casualmente per strada. Anche il finale è all'altezza di quello che precede, cose che non sempre succede. Che altro dire? Bravissimo!
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 16/10/2019, 19:29

Ti ringrazio molto, Giorgio. Sì, è vero, sono stato fortunato, quella signora mi ha regalato una bella storia.

Saviani
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 16/10/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Saviani » 21/10/2019, 11:07

Bello. Prende piano piano ma sempre di più. l'ho trovato toccante e mi ha lasciato con un leggero e stimolante senso di angoscia, ha veramente vissuto la vita che voleva? E quell'abandono al mancato interesse per le sue cose e la non paura della morte. Rassegnazione, abbandono, delusione, in una vita perfetta, forse sarebbe ripartita dal mattone. Una riflessione su una vita spesa, ma come?
Una storia di tutti i giorni, una costante del nostro vivere quotidiano, l'immenso piccolo mondo del proprio spazio. Bello, grazie

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 22/10/2019, 21:57

Bello, Saviani, il tuo commento, grazie a te.

Vanessa-j
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 23/10/2019, 16:32

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Vanessa-j » 25/10/2019, 13:40

Il titolo per qualche ragione non mi attraeva. Ero incerta se leggerlo o meno... E invece poi mi è piaciuto molto questo racconto.
Mi è piaciuto perché è scritto bene. E anche perché la storia ha qualcosa di intimo, di familiare, di poetico. La vita della protagonista è riassunta attraverso pochi tratti, con naturalezza. La donna racconta di sé senza scomporsi; mi sembra che si intraveda l’anima di una donna che ha attraversato il fiume impetuoso della vita, e lo ha fatto così, senza farne un dramma.
Il linguaggio è appropriato. Colloca il personaggio nel suo contesto concreto, gli dà subito un’identità, una materialità.
Un’altra cosa interessante è che nel racconto si alternano questioni quotidiane a fatti che hanno condizionato un’intera esistenza. Si intrecciano in modo naturale, come se avessero la stessa importanza... Però alcune cose ritornano in questo racconto: ed è in quel loro tornare che si può forse indovinarne il valore profondo. Ad esempio i figli che non sono venuti. O il marito che è morto...
E poi tutti quei mattoni. Mattoni solidi, ma anche mattoni riusciti male (perché a volte si sciupano a causa della pioggia). Mattoni che uniscono generazioni, che sfamano intere famiglie. Mattoni che separano, come quelli ingiustamente imposti dai vicini nel giardino. Mattoni, anche, che tengono insieme i pezzi di tutta una vita.
Bello. Bravo Massimo.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8913
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2007 (recensori)
attività: ymw ymw ymw

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 25/10/2019, 17:34

Ricordatevi di specificare "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara, altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 28/10/2019, 22:22

Ti ringrazio per la tua precisa analisi, Vanessa, mi fa piacere che i punti salienti del racconto ti siano arrivati così bene, è molto gratificante.
p.s. Chi è Massimo? :D

Vanessa-j
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 23/10/2019, 16:32

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensori)
attività: ymw ymw ymw

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Vanessa-j » 29/10/2019, 9:48

Scusami, ho fatto confusione col nome... Intendevo Roberto :D

Avatar utente
Daniele Missiroli
Necrologista
Messaggi: 203
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 31/10/2019, 14:01

Uno spaccato di vita vissuta così verosimile che mi è venuto in mente quando mio padre costruiva mattoni, come la protagonista. Il suo primo lavoro, a 80.000 lire al mese. Oggi c'è chi le prende in mezzora, ma è passata una vita e lo capisco. Ho riconosciuto alcune situazioni e forse per questo mi è piaciuto di più. Tocca delle corde sopite in molti di noi. Sopite, sì, ma mai dimenticate. Eppure non c'è rammarico, non si vive la povertà e la fatica. Come non le ho vissute io, avvolto da una famiglia che è riuscita a proteggere i figli dalle avversità inevitabili della vita. Essere poveri senza sapere di esserlo, senza viverlo, è la scuola più formativa che ci possa essere. Io credo. Bello, bello, bello.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Mattoni

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 31/10/2019, 19:31

Ma che bel commento, Daniele! E che coincidenza con il primo lavoro di tuo padre, immagino che il periodo fosse più o meno lo stesso. Concordo con le tue conclusioni, in fondo lo dice anche la mia protagonista: non aveva tutto ma non gli mancava niente. Grazie.

Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 169 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Se io fossi... scriverei!

Se io fossi... scriverei!

Antologia di opere ispirate dai nostri autori preferiti

Ognuno di noi ha un proprio autore preferito.
Cosa scrivereste se voi foste loro?
O se loro entrassero in voi?
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Concita Imperatrice, Angela Di Salvo, Cinzia Colantoni, Daniela Rossi, Amelia Baldaro, Umberto Pasqui, Michela Giudici, Adriano Carrieri, Alma Trucillo, Diego Cocco, Laura Chiabudini, Enrico Arlandini, Franca Cini, Mauro Sighicelli, Flora Lalli, Anna Rita Foschini, Fabrizio Roscini, Maria Rosaria Spirito, Sandra Ludovici, Mauro Cancian, Agata Alleruzzo, Giorgio Leone, Cristina Giuntini, Sashenka, Gloria Dafne Fedi, Rosanna Fontana, Marina Paolucci.
Vedi ANTEPRIMA (174,98 KB scaricato 157 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
BReVI AUTORI - volume 4

BReVI AUTORI - volume 4

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Angela Catalini, Mirta D, Umberto Pasqui, Verdiana Maggiorelli, Francesco Gallina, Francesca Santucci, Sandra Ludovici, Antonio Mattera, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Romina Bramanti, Alberto Tivoli, Fausto Scatoli, Cinzia Iacono, Marilina Daniele, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Isabella Galeotti, Arcangelo Galante, Massimo Tivoli, Giuseppe Patti, SmilingRedSkeleton, Alessio Del Debbio, Marco Bertoli, Simone Volponi, Tiziano Legati, Francesco Foddis, Maurizio Donazzon, Giovanni Teresi, Sandro Pellerito, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (730,53 KB scaricato 57 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014 - (a colori)

(edizione 2014, 6,30 MB)

Autori partecipanti: Valeria Barbera, Marco Bertoli, Lucia Carpenetti, Antonella Cavallo, Angela Di Salvo, Sandra Ludovici, Eliseo Palumbo, Antonella Pighin, Daniela Rossi, Franca Scapellato, Ser Stefano, Lia Tomasich,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (6,30 MB) - scaricato 266 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre,
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 147 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 196 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 63 - Treni e stazioni

La Gara 63 - Treni e stazioni

(marzo/aprile 2017, 30 pagine, 932,81 KB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone, Mirtalastrega, Daniele Missiroli, Fabrizio Bonati, Angela Catalini, Manuel Crispo, Patrizia Chini,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (932,81 KB) - scaricato 58 volte.
oppure in formato EPUB (762,33 KB) (vedi anteprima) - scaricato 42 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.