Alice Mon amour

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
8%
3 - si lascia leggere
6
46%
4 - è bello
3
23%
5 - mi piace tantissimo
3
23%
 
Voti totali: 13

Athosg
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (profili visti)
dal 2016 (autori prolifici)
dal 2016 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2017
diventa anche tu un sostenitore!

Alice Mon amour

Messaggio da leggere da Athosg » 25/09/2019, 18:40

Quante volte Alice mi aveva chiesto di scrivere un racconto che parlasse di noi.
All'epoca stavo preparando lo schema per il componimento del mio nuovo libro e lei, con amore infinito, mi pregava di scrivere la nostra storia.
La sua era un’insistenza dolce, e la sua voce s’insinuava lentamente nella mia testa. Io non rispondevo, o annuivo stancamente. In quei giorni avevo il classico blocco dello scrittore, e la pagina rimaneva bianca o pasticciata di mille ghirigori.
Le avevo provate tutte: camminate, uscite con gli amici, un po’ di sesso, birra, vino e grappa. Chiesi anche a un amico di procurarmi un po’ di marijuana per aprirmi la mente. Niente, qualche abbozzo d’idea, qualche riga scritta e nulla più. Non riuscivo a trovare la forza per dare incisività alle storie e le mie dita continuavano a grattare la testa.
Un giorno le dissi: “Alice, domani andremo a vedere l’oceano. Ho voglia di vedere la distesa d’acqua protrarsi all'infinito, il cielo che degrada dolcemente verso l’orizzonte e lì, sul molo di un paesino qualsiasi, abbracciarti.”
“Tutto quello che vuoi, io ci sarò.” Mi rispose.
Partimmo la mattina presto con destinazione Deauville. La giornata era semplicemente stupenda, con il cielo di un bellissimo colore blu pervinca per via del forte vento che aveva soffiato nella notte. Camminammo lungo la spiaggia, riscaldati dal pallido sole invernale, attorniati da una miriade di gabbiani festanti. Mi stavo rilassando, lasciando in disparte tutti i miei problemi e godendomi la brezza leggera che mi accarezzava il viso.
“Ti sta venendo l’ispirazione?” Mi chiese a bruciapelo.
“Alice” le risposi “non lo so. Viene nel momento che meno te lo aspetti. Questa passeggiata mi rilassa e da qui devo partire. Non so dove arriverò. Voglio scrivere un libro di racconti e attendo con pazienza le idee. Forse arriveranno da lontano, cavalcando le onde, sospinte dal vento. Io sono qui ad aspettarle.”
Ritornammo silenziosi, immersi nei nostri pensieri, profondi sino al fondo di noi stessi.
Nelle settimane successive incontrammo alcuni nostri amici. Io mi ritrovai in forma e molto ciarliero; ero intriso di un’ironia fiammeggiante, alimentata dalla mia disperazione di non riuscire a scrivere nulla. La confusione si accavallava nella mia testa e Alice non mi dava tregua. Non mi concesse molto tempo quel giorno, costringendomi, con mille sotterfugi, a rientrare a casa. Voleva che mi concentrassi, che cominciassi a scrivere di getto, con rabbia e furore, come nei miei primi romanzi.
Un giorno Alice arrivò con una decina di libri, da Carver a Yates, da Dubus a O’Connor, tutti i grandi delle short stories finirono sul mio tavolo. M’incitò sorridente, dicendomi che mi avrebbero aiutato nello sviluppo del nuovo libro. Mi diede un leggero bacio sulle labbra e mi portò un caffè. Io annuii come fa ogni bravo scolaro, e cominciai a leggere con una voracità primitiva che non avevo mai provato, stando sveglio fino a notte inoltrata, quando crollavo dal sonno sul suo ventre materno.
Nei lunghi pomeriggi passati bighellonando per la casa, tra letture e uscite in giardino per fumare una sigaretta, Alice mi studiava, mi monitorava. Anche quando ero assorto nella scrittura di qualche povera riga scritta al computer o su un semplice pezzo di carta, lei era lì. Mi rendevo conto della sua continua presenza quando il silenzio della casa diventava irreale, come se percepissi un fermo immagine inquietante. Allora i miei sensi mi riportavano alla realtà, e mi guardavo intorno. Lei era li. A quel punto sentivo i muri della stanza restringersi sempre più, li vedevo avvicinarsi pericolosamente al mio corpo, fino a che sentivo l’aria mancare e i muri stritolarmi. Allora sul foglio scrivevo: sensazione di claustrofobia.
Ripensavo spesso ai miei successi. Il primo libro s’intitolava La perfezione dell’uovo. Lo avevo scritto in poco più di un mese. Un tomo di quattrocento pagine che raccontava l’epopea di Zihor, un fantomatico mondo parallelo. La curiosità, che mi fa sorridere ogni volta che ci penso, deriva dal fatto che il titolo originale doveva essere La perfezione dell’uomo. Un incredibile errore tipografico aveva cambiato l’oggetto di questa perfezione e innescato un successo a livello mondiale. Quindici milioni di copie vendute in trentasette paesi, televisioni sotto casa e centinaia di studentesse pronte a tutto. Neanche Rocco Siffredi, John Holmes e uno stuolo di eredi avrebbero potuto soddisfarle.
Eppure sono sempre rimasto fedele alla mia Alice, madre, moglie, compagna, segretaria, schiava e sorella, tutte personalità che coabitavano in lei nel rapporto che ci univa. Poi vennero altri due libri, Il triangolo equilatero e Carne di tacchino. Erano racconti, pensieri, sulla solitudine esistenziale. Non ebbero il successo del primo, ma arrivarono sempre in vetta alle classifiche di vendita.
Oggi sono andato in cucina, lei era al lavello a preparare i pomodori. Ero stanco e sudato, nonostante fossimo in pieno dicembre.
“Alice, sto pensando seriamente di smettere di scrivere, di arrovellarmi, di sbattere la testa contro un muro che ogni giorno è sempre più resistente.” Le ho detto.
“Amore” mi ha risposto con gli occhi sbarrati “non desistere, ti prego, continua, impegnati, non aver timore. Hai vinto tanti premi letterari, sei famoso, non puoi lasciare tutto così.”
“Potrei fare il rappresentante, mettermi la cravatta e sbarbarmi tutte le mattine. Un po’ di acqua di colonia e via per le strade del mondo alla ricerca di clienti. Mi farebbe bene, potrebbe rischiararmi la nebbia che ho nella testa.” Ho ribattuto, senza troppa convinzione.
Ha messo i pomodori in una vaschetta, si è asciugata le mani e mi è venuta vicino, abbracciandomi.
“Amore, no, ti prego, non mollare, fallo per me. Vedrai che il sole diraderà tutte le foschie e tornerà a splendere su di noi.”
Ho guardato i suoi occhi di un azzurro chiaro limpidissimo, dove per tante volte mi sono perso viaggiando nel tempo.
Dio mio! Ora che Alice giace al mio fianco, su questo letto sfatto, fredda e rigida dopo che l’ho strangolata, ripenso a tutti i mesi precedenti. Amore, come sorridevi mentre le mie mani stringevano. Avevi capito che l’ispirazione stava arrivando.

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 46
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi » 27/09/2019, 13:34

Molto bello e ben scritto. Non mi convince però il finale. Ottima l'idea ma secondo me, ma è solo un mio parere, l'hai gestito male. Ad esempio "... fredda e rigida dopo che l'ho strangolata". Non avrei svelato subito il delitto, ma l'avrei fatto intuire piano piano con piccoli indizi nascosti ben dosato. Avrebbe esaltato maggiormente il colpo di scena finale. Ciò comunque non toglie pregio ad un ottimo racconto.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 271
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 27/09/2019, 23:54

Mi piace. Dal blocco dello scrittore al finale in tragedia, l’umore altalenante, il senso di frustrazione; tutto ben descritto, stemperato qua e là da toni più leggeri. Forse solo la chiusa è un po’ troppo repentina, anche se, cinicamente, è l’unica possibile.
A un certo punto mi aspettavo che il protagonista si mettesse a scrivere: “Il mattino ha l’oro in bocca. Il mattino ha l’oro in bocca. Il mattino…” :D
Bell’intuizione la trovata del refuso uomo-uovo, mentre l’unica cosa stonata mi sembra il riferimento ai due famosi pornodivi, goliardico e poco in linea con il tono del racconto.
Comunque complimenti.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 266
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 29/09/2019, 23:56

Ambientazione, romantica, la mia Normandia, perfetta per scrivere. Io mi mettevo sugli scogli a picco sull'oceano e scrivevo. Nome di lei Alice, poteva essere Monique, e già si intuiva che era girato in francia, scusa ambientato. Argomento: interessante, anche se molto srfuttato, in questo caso, è sviluppato armoniosamente. Manca il nome di lui peccato, un umano che di umano non ha nulla si poteva chiamare Henri, riferimento Henri Landru. Caratteri ben delineati. Come già scritto, anch'io credo che il finale andava curato un pò di più. Ho trovato un refuso---Lei era li---. Voto 3
Immagine

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 100
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (profili visti)
dal 2018 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Alice Mon amour

Messaggio da leggere da Namio Intile » 01/10/2019, 11:23

Un gran bel racconto, una scrittura matura e decisa, senza fronzoli, essenziale.
Perfetto nella forma ha il giusto ritmo e agganci davvero azzeccati. Quello iniziale, per esempio," Alice mi aveva chiesto di scrivere un racconto che parlasse di noi.", si incastra in modo magistrale con il finale e, pur anticipandolo, non suggerisce nulla sulla conclusione. Che giunge proprio e soltanto nell'ultimo periodo e, per quanto mi riguarda, inaspettata. Bravo, col cuore.
L'unico suggerimento che mi sento di offrire riguarda, per l'appunto, il finale.
Quest'inciso: "fredda e rigida dopo che l’ho strangolata" mi pare scordato. Perché con quel "Alice giace al mio fianco" già dici tutto e pure dopo aggiungi: " mentre le mie mani stringevano".
Pertanto potresti benissimo lasciare al lettore di formarsi l'idea, l'immagine, non trovo bisogno di specificarla.
Spero anche di leggere qualche tuo commento in più durante la gara.
A presto.

Diego.G
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 13/09/2019, 18:43
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2018 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Diego.G » 04/10/2019, 17:04

In totale mi è piaciuto il racconto (speriamo di non fare tutti come lo scrittore), anzi ti dirò che ad un certo punto ho proprio pensato che il problema della sua ispirazione fosse proprio la moglie. Solo un appunto, che ti è già stato fatto, sul finale, che secondo me doveva essere solo un pelo più lungo per permettere di svelare il tutto con dell'attesa, della suspence. Rivelare immediatamente l'omicidio è un pugno in un occhio rispetto al resto del racconto, ma rimane un mio parere.

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 06/10/2019, 12:18

Il racconto è scritto bene e cola via liscio. Leggendo si avverte la sensazione di impotenza del protagonista he non riesce più a trovare l'ispirazione. Però non mi è piaciuto il finale. Spiazza sicuramente. Troppo. Io l'ho trovato slegato dal corpo del racconto... forse sarebbe stato opportuno seminare qual he indizio.
Ciao

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 228
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 08/10/2019, 23:16

Confermo il parere dato da chi mi ha preceduto: il racconto è scritto bene, si legge agevolmente ma il finale, dal mio punto di vista, è un po' sfruttato. Tanti autori (maschi) si lasciano andare alla "moda" del momento, evvai quindi con le uccisioni (femminicidi), o per una cosa o per l'altra... Sarà che già la cronaca abbonda di storie simili, che già ogni giorno siamo costretti ad ascoltare simili orrori che beh, ormai non è più nulla di originale. Insomma avrei preferito un finale diverso, magari un bell'allontanamento, nottetempo, con una valigia in mano e, tanti saluti ad Alice e alla sua ossessione circa l'ispirazione.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 326
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo » 08/10/2019, 23:41

Ciao Athosg, gran bel racconto. Traspare lo stato d'animo del protagonisa in un climax ascendente con culmine l'omicidio della povera moglie, sono curioso di sapere il motivo del folle gesto: aveva forse Alice chiesto di parlare nuovamente di loro? Forse non ci è dato saperlo, fatto sta che il tizio venderà sicuramente ancora più copie, un best seller direttamente da dietro le sbarre.
Sul finale te lo hanno già detto tutti, quindi evito di ripetere.
A presto
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

https://betoofarka.blogspot.it

https://adf.ly/1Udt1Y

Athosg
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (profili visti)
dal 2016 (autori prolifici)
dal 2016 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2017
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Alice Mon amour

Messaggio da leggere da Athosg » 10/10/2019, 13:43

Grazie a tutti per i commenti e i consigli. In effetti il finale arriva veloce e inaspettato. Il mio intento era quello di chiudere il racconto e lasciare un senso di stupore. A volte l'impazienza produce la fretta di finire. E' anche vero che lasciare tracce qua e la, sottintendendo una situazione pericolosa per arrivare all'epilogo, presuppone un'abilità che forse non ho. Per quanto riguarda il femminicidio, così come lo leggiamo nelle cronache di ogni giorno, non sono molto d'accordo. Qui non ci sono gelosie, sospetti o inadeguatezze del maschio ma un generale senso di soffocamento e frustrazione che sfocia in un gesto liberatorio.

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 10/10/2019, 23:00

Mi allineo con il resto dei commenti, anche per me il finale risulta un po' frettoloso e non mi dice il motivo dell'omicidio. Va bene che lei era un tantino pedante con i suoi "non mollare, impegnati ecc" però addirittura ammazzarla povera... Qualche piccolo appunto rispetto ai dialoghi: Ho voglia di vedere la distesa d’acqua protrarsi all'infinito, il cielo che degrada dolcemente verso l’orizzonte" per esempio. Dubito si possa parlare così nella realtà.
Piccole cose, perchè il racconto è ben scritto

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 139
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+4)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone » 16/10/2019, 11:47

Un bel racconto in equilibrio fra accenni a Poe, sopratutto nella parte iniziale, e sprazzi di umorismo ben dosati. Neppure a me il finale ha soddisfatto e trovo fuori luogo e poco coerente la frase "Avevi capito che l’ispirazione stava arrivando." E allora? Oppure sono io che non ho capito a fondo. Mentre leggevo mi è sembrato di capire dove andassi a parare, anche se poi il finale mi ha contraddetto: comunque te lo dico nel caso ti piacesse e decidessi di rimaneggiarlo. L'omicidio di Alice sarebbe più convincente, nonché in linea con lo svolgimento della storia, qualora lui prima avesse il sospetto e poi si convincesse lentamente del fatto che è lei a inibirgli l'ispirazione con la sua presenza troppo assidua, i pesanti suggerimenti indesiderati e l'impazienza molesta in attesa del risultato. Troppo assillante, possessiva e invasiva, meglio sopprimerla per sempre e le idee arriveranno.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Daniele Missiroli
Necrologista
Messaggi: 203
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2016 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 31/10/2019, 14:46

La storia dello scrittore, che prima ha un successo inaspettato di portata mondiale, poi si avvia al declino, è convincente. Tutto il racconto è ben strutturato e ha una sua naturale lentezza nel tentare di superare il famigerato "blocco della pagina bianca". L'unico problema che vedo è che il lettore non si aspetta un finale del tipo: "Finalmente ce l'ho fatta e ho scritto 400 pagine" perchè sarebbe troppo scontato. Quindi si aspetta che uccida la moglie! Io l'ho pensato a metà racconto. Poi, quando succede, è troppo "raccontato" e immediato. E' vero che siamo già oltre i 5000 caratteri, ma il finale meritava di più. Cercando però di lasciare intuire qualcosa anche al lettore. Che sò... i carabinieri che insistono per entrare, mentre lui non vuole diusturbare Alice che non si muove dal letto da due giorni? :lol:

Athosg
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (profili visti)
dal 2016 (autori prolifici)
dal 2016 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2017
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Alice Mon amour

Messaggio da leggere da Athosg » 31/10/2019, 22:01

In effetti volevo inserire l'arrivo a sirene spiegate del maresciallo Rocca! I racconti vanno lasciati nel cassetto per alcuni mesi, diceva Raymond Carver. Ha ragione, come sono interessanti i commenti. Riscriverò il finale, dove Alice non morirà ma...

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8916
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Re: Alice Mon amour

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 01/11/2019, 5:53

Athosg ha scritto:
31/10/2019, 22:01
...come sono interessanti i commenti. Riscriverò il finale, dove Alice non morirà ma...
E' esattamente lo spirito delle Gare e di BraviAutori tutto :smt023
Continuate così, bravi!
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 70 - Troppo tardi

La Gara 70 - Troppo tardi

(aprile 2018, 20 pagine, 663,34 KB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Patrizia Chini, Daniele Missiroli, Gabriele Ludovici, Ida Dainese,
a cura di Lodovico Ferrari.
Scarica questo testo in formato PDF (663,34 KB) - scaricato 46 volte.
oppure in formato EPUB (326,04 KB) (vedi anteprima) - scaricato 41 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 23 - Pochi istanti prima del sogno

La Gara 23 - Pochi istanti prima del sogno

(agosto/settembre 2011, 85 pagine, 1,87 MB)

Autori partecipanti: Marco Marulli, Silvia Marulli, Licetti, Tania Maffei, Polissena e Sabina, Lucia Manna, Erania Pinnera, Nathan, Ritavaleria, Cordelia, Daniela Piccoli, Elisar, Alessandro, Conrad, Morgana Bart, Aleeee76, Skyla74, Mastronxo, Angela Di Salvo, Nevestella, Giosep, Parolina, Skyla74,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,87 MB) - scaricato 612 volte.
oppure in formato EPUB (655,20 KB) (vedi anteprima) - scaricato 183 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

(dicembre 2009, 46 pagine, 456,32 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Manuela, Daniela, Arditoeufemismo, Mario, Augusto, Magnonove, Cosimo Vitiello, Miriam, Snuff, Phigreco, Pia,
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (456,32 KB) - scaricato 467 volte.
oppure in formato EPUB (343,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 176 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Antologia visual-letteraria (Volume due)

Antologia visual-letteraria (Volume due)

Antologia dedicata agli animali

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per la seconda antologia di BraviAutori.it. I ricavati saranno interamente devoluti al sostentamento di una comunità felina abbandonata sita nei pressi del Nucleo industriale di Longarone, Belluno, a poche centinaia di metri dalla diga del Vajont.
A cura di Massimo Baglione e Alessandro Napolitano.

Contiene opere di: Paolo Maccallini, Gianluca Gendusa, Pia Barletta, Angela Di Salvo, Miriam Mastrovito, Alessandro Napolitano, Valentina Margio, Gilbert Paraschiva, Enrico Arlandini, Elena Piccinini, Stefano di Stasio, Eugenio De Medio, Celeste Borrelli, Luisa Catapano, Anna Maria Folchini Stabile, Giovanni Minio, Gemma Cenedese, Antonio Giordano, Rodolfo Vettorello, Cosimo Vitiello, Damiano Giuseppe Pepe, Patrizia Birtolo, Pietro Rainero, Roberto Stradiotti, Anna Giraldo, Maria Rizzi, Vittorio Scatizza, Paolo Frattini, Matteo Mancini, Piergiorgio Annicchiarico, Fabrizio Siclari, Emanuela Cinà, Laura Maria Rocchetti.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,10 MB scaricato 616 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 135 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Rosso permissivo

Rosso permissivo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Una bambina e alcune persone subiscono una crudele e folle violenza. Cosa potrebbe fare una donna per vendicarsi e scongiurare la possibilità che anche sua figlia cada vittima dei carnefici? Lo scopriremo in questo racconto, dato che il rosso ce lo permette.

Copertina di Roberta Guardascione
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (382,46 KB scaricato 165 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.