La messa è finita

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
2
11%
2 - mi piace pochino
1
6%
3 - si lascia leggere
5
28%
4 - è bello
6
33%
5 - mi piace tantissimo
4
22%
 
Voti totali: 18

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

La messa è finita

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 03/10/2019, 0:31

“Giovanna non andiamo”
Mi guarda con rancore
“Ascoltami non è obbligatorio”
La seguo mentre passa in fretta e furia dal bagno alla camera da letto per gli ultimi aggiustamenti “Ok, gli abbiamo fatto fare il catechismo ma…”
“Io gli ho fatto fare il catechismo - mi interrompe - a te il giudice ha tolto la patria potestà”.
“…Gli abbiamo fatto fare il catechismo, ma non è indispensabile che prenda subito la comunione. Possiamo aspettare qualche anno, quando sarà più consapevole”
“È oggi che tuo figlio fa la prima comunione. Oggi. Non mi fare urlare, non roviniamogli anche questa giornata.”
“Andrea, tesoro, sei pronto?” Dice con voce amorevole.
“Scendo subito mamma”
“Giovanna, te l’ho già detto, le ostie contengono delle sostanze chimiche”
“Matteo, me l’hai già raccontata questa storia della manipolazione, delle multinazionali. Tu hai sofferto da bambino a causa di quel prete, di quell’uomo malvagio che ha abusato di te, lo so e me ne dispiace, ma non puoi far scontare a tutti la tua pena. Le tue paranoie hanno già messo fine al nostro matrimonio. Adesso basta.”
Mentre camminiamo verso la chiesa mi sussurra “Continui regolarmente la psicoterapia?”
Non le rispondo. Ho interrotto da oltre un anno. Tanto non mi capiscono e non mi credono.
Entriamo, è opprimente questo posto.
Me lo ricordo bene quando, da ragazzino, il parroco mi chiedeva di aiutarlo a togliersi i paramenti. E mi accarezzava. Tornavo a casa e mi chiudevo in camera mia, vinto dalla vergogna. Perché i preti la passavano sempre liscia? Avevano qualche potere soprannaturale? Avevo gli occhi gonfi di lacrime in sacrestia, però le avevo viste bene quelle due scatole con le etichette: “Ostie” e “Ostie X”. Quest’ultima chiusa con un lucchetto. Era lì la spiegazione. Ne ero certo.
Lo psicologo cercava di distogliermi da quell’ossessione, ma più passavano gli anni e più non dimenticavo. Dovevo scoprire la verità. Ho passato notti intere in rete, trovando collegamenti tra il clero, le grandi banche e alcune multinazionali. Ho verificato chi produce le ostie: sono aziende collegate con il ramo della biotecnologia. Sono sicuro che le cialde contengano sostanze allucinogene che danno una vera e propria dipendenza, rendendo le persone manipolabili.
Ne ho parlato decine di volte con Giovanna: le religioni sono morte nel novecento, il secolo più terribile con centocinquanta milioni di morti per guerre e fame, manifestando la loro completa impotenza a indirizzarci verso una vita migliore. Le multinazionali sanno che solo l’uomo sereno, in pace con se stesso, consuma. Ed ecco il progetto: il rilancio della religione, che non ci impone osservanza, ma di essere tranquilli. Siamo controllati da un unico staff del marketing delle prime cinque multinazionali mondiali grazie alle ostie.
“Il signore sia con voi” inizia il prete
La chiesa è piena. Lo sguardo vitreo, fisso, sono tutti invasati, manipolati
Il mio bambino è lì sull’altare per prendere la sua prima comunione. Perché non sono riuscito a evitarlo?
“Spezzò il pane, lo diede ai suoi discepoli…”
Siete tutti strafatti, vi prostrate davanti a un’ostia che ha catturato le vostre deboli menti. La vecchia a fianco mi rimprovera con lo sguardo per non essermi inginocchiato.
“Ti senti bene? Sei tutto sudato” mi dice Giovanna guardandomi preoccupata
“Tutto a posto” le dico mentre mi martellano le tempie e iniziano a tremarmi le mani.
“Scambiatevi un segno di pace” dice il prete
Mani che si stringono, sguardi complici. Evito la stretta di Giovanna che mi guarda incredula.
“Beati gli invitati alla cena del Signore…” sento la chiamata alla comunione. Si inizia con gli adulti per poi finire con i bambini.
“Giovanna, non andare, ti prego” le afferro il braccio con forza, ma lei si divincola con uno strattone rabbioso.
“Dovrebbe vergognarsi” mi sibila la vecchiaccia che mi scavalca per unirsi alla fila.
Li guardo tutti tornare lentamente ai loro posti mentre succhiano l’ostia con la testa china. La droga si scioglie, sembrano zombi.
Giovanna, inginocchiata, rapita dall’effetto dello stupefacente, non si accorge mentre mi sfilo di lato. Percorro la navata destra fino all’altare. Sono dietro ai bambini che aspettano l’inizio del loro rito. Ecco il mio Andrea.
“Corpo di Cristo” Inizia il prete tra i flash dei parenti
“Amen” risponde la prima vocina
Il sacerdote si avvicina lentamente al mio bambino “Corpo di Cristo”
“Amen” rispondo io mentre scarico in pieno petto al prete la rivoltella.
Urla, gente che corre verso l’altare, i bambini scappano.
“Non ti preoccupare, è tutto finito” dico a Andrea che mi guarda impietrito
Giovanna lo prende in braccio e corre fuori. Mi siedo sui gradini dell’altare mentre sento le sirene. Entrano i poliziotti con le armi in pugno. Getto lontano la pistola e alzo le mani.
“Tranquilli non sono io il cattivo. Adesso vi spiego tutto.”
“In ginocchio e mani in alto” mi ordinano.
Esco sul piazzale ammanettato in mezzo ai militari. Sono tranquillo: è la prassi. Adesso spiegherò tutto in commissariato.
“Non ti preoccupare per il tuo papà, Andrea, ci vediamo tra due settimane e ti porto al luna park”.

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 234
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 03/10/2019, 19:35

Complimenti all'autore per aver descritto assai bene la realtà che si nasconde, purtroppo non per casi sporadici, dietro il clero. Le molestie sessuali subite da quel padre esprimono il dolore che, non è difficile da immaginare, certi individui, abusati da bambini, si portano appresso per tutta la vita come un macigno dolorosissimo. E quel tenerissimo padre si trasforma in assassino pur di togliere e di salvare "dall'ostia incriminata" il proprio bambino. Irritante, dal mio punto di vista, la figura materna perché, nonostante fosse al corrente di quanto subito dal marito, non mostra comprensione. Dinnanzi ad un fatto così sarebbe stato da prendere le distanze da certi ambienti... Racconto scritto bene, con una trama molto coinvolgente e triste.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 280
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 03/10/2019, 23:33

Ok, bravo, bravo, bravo.
Buona l’idea di rovesciare le posizioni con l’ossessione del complottismo, quella sì davvero mistica, di portarla fino al finale tarantiniano (chiedo venia, sono ancora sotto l’effetto di C’era una volta a Hollywood), rigorosa perfino nella promessa non mantenibile fatta al figlio.
Il racconto poteva scadere nella retorica, così, invece, diventa surreale, ironico, spiazzante.
C’è da chiedersi quanto ci sia di patologico e quanto di imprinting nella vicenda, quindi sono possibili altre letture, ma parteggio per la mia.
Attenzione alla punteggiatura nei dialoghi.

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 04/10/2019, 13:39

Roberto Bonfanti ha scritto:
03/10/2019, 23:33
Ok, bravo, bravo, bravo.
Buona l’idea di rovesciare le posizioni con l’ossessione del complottismo, quella sì davvero mistica, di portarla fino al finale tarantiniano (chiedo venia, sono ancora sotto l’effetto di C’era una volta a Hollywood), rigorosa perfino nella promessa non mantenibile fatta al figlio.
Il racconto poteva scadere nella retorica, così, invece, diventa surreale, ironico, spiazzante.
C’è da chiedersi quanto ci sia di patologico e quanto di imprinting nella vicenda, quindi sono possibili altre letture, ma parteggio per la mia.
Attenzione alla punteggiatura nei dialoghi.
Grazie della recensione Roberto. Hai ragione... non ho prestato la giusta attenzione alla punteggiatura. Un saluto

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 04/10/2019, 13:41

Laura Traverso ha scritto:
03/10/2019, 19:35
Complimenti all'autore per aver descritto assai bene la realtà che si nasconde, purtroppo non per casi sporadici, dietro il clero. Le molestie sessuali subite da quel padre esprimono il dolore che, non è difficile da immaginare, certi individui, abusati da bambini, si portano appresso per tutta la vita come un macigno dolorosissimo. E quel tenerissimo padre si trasforma in assassino pur di togliere e di salvare "dall'ostia incriminata" il proprio bambino. Irritante, dal mio punto di vista, la figura materna perché, nonostante fosse al corrente di quanto subito dal marito, non mostra comprensione. Dinnanzi ad un fatto così sarebbe stato da prendere le distanze da certi ambienti... Racconto scritto bene, con una trama molto coinvolgente e triste.
Grazie Laura... il tuo è il primo commento al mio primo racconto pubblicato su "BraviAutori".

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 275
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2011 (profili visti)
10° dal 2011 (recensiti)
dal 2010 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 04/10/2019, 17:11

Felice di averti letto. Un racconto che si legge velocemente. Una famiglia con problemi della nostra epoca. Personaggio del padre ampiamente descritto, con i suo incubi e le sue lucidità portato avanti egregiamente. La mamma, la classica apprensiva madre, che deve gestire oltre che il figlio e la troutine anche un ex marito abusato. Il figlio che sembra sopravvivere bene nonostante tutto. L'ambiente la chiesa, che tra cristiani, preti, si celano anche persone deviate. Poi il colpo finale, anche se quasi prevedibile, ma non certo con questa sequenza. Ottimo. Come già fatto notate qualche punto mancante. Voto 4
Immagine

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 96
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 05/10/2019, 11:46

Naturalmente non mi piace. :roll:

Non per come sia scritto, ma piuttosto per il messaggio che veicola.

Riassumendo: Un uomo con la mente assuefatta e completamente succube delle sue ossessioni uccide un sacerdote durante una funzione religiosa.
Perché lo fa?
Perché è stato, in gioventù, oggetto delle vergognose attenzioni di un sacerdote indegno e traditore della sua missione, ovvero la cura delle Anime.
Si badi bene: un sacerdote che ha provocato gravi lesioni ad un Anima di cui doveva prendersi cura, ma certamente non uccidendola. Quell' Anima avrebbe potuto e sopratutto dovuto rimettersi per proseguire lungo la sua via di salita.

Non è dato a sapersi se i due sacerdoti coincidessero nella stessa persona, pertanto è presumibile pure che l’assassino protagonista, abbia deciso di uccidere un diverso sacerdote. Cosa peraltro probabile essendo trascorsa almeno una generazione.

Che dire: Un vigliacco traditore ed assassino uccide un uomo votato a Dio confondendolo con l’ombra di un ricordo. Insegue l' ombra di un pari suo, dell’assassino, altrettanto vigliacco, altrettanto traditore ma almeno non assassino come lui, sebbene gli abbia lasciato gravi lesioni invisibili.

Un uomo confuso e criminale con il suo scellerato e deplorevole agire certamente non può e non deve giustificare mai, in alcun modo, il libero arbitrio di un altro uomo parimenti confuso che assume un agire altrettanto scellerato e deplorevole, sebbene ancor peggiore.

Entrambi sono delinquenti, entrambi malvagi, entrambi vigliacchi, entrambi traditori, entrambi anticristi.
Entrambi hanno stretto un patto col male, un patto che costerà loro assai caro.

Quale tra questi due soggetti sia il peggiore non spetta certamente a noi giudicarlo.
Delle loro azioni risponderanno, forse, alla giustizia terrena e certamente alla giustizia Divina.

Non vedo nel racconto alcuna condanna relativa l'agire dell’assassino.

E’impari il messaggio che ne esce ed è profondamente ingiusto perché viceversa il biasimo verso una intera categoria, il clero, è palpabile e concreto.
E'indubbio che vi siano mele marce, ma sono indubbiamente minoranza nella cassetta.
Che vadano levate senza troppe remore è altrettanto indubbio.

Il punto di vista del protagonista delinquente è una cosa, ma al lettore arriva il messaggio che quasi, quasi tutto questo abominio ha una qualche sorta di giustificazione. Quando invero nessuna giustificazione è ammissibile, salvo pure noi, lettori, sintonizzarci col male.
Vince il male alla fine e questa non è certo cosa buona e giusta. :smt018

Per questo il mio voto è minimo: Non mi piace affatto.

P.S. Di ieri la notizia di un fermato che ha ucciso due poliziotti in questura a Trieste. Era forse giustificato dal comportamento errato di qualche collega di questi in passato? Non credo affatto.

:smt006
Ultima modifica di Teseo Tesei il 05/10/2019, 12:23, modificato 2 volte in totale.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: La messa è finita

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 05/10/2019, 12:10

Ciao Teseo, grazie per la recensione.
Hai ragione: nnon c'è alcuna condanna del protagonista. Ho solo raccontato una storia cercando di non dare giudizi. Ognuno darà il proprio. A me sono sempre piaciuti i racconti che non si trasformino in pistolotti. Non mi piace quando l'autore mi dice chiaramente quale è la sua posizione. Quindi io, nel mio piccolo, che è veramente piccolo, cerco di rimanere fedele a questa mia idea. Ma, naturalmente, è solo la mia idea.
Ciao
Francesco

Teseo Tesei
Pubblicista
Messaggi: 96
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Re: La messa è finita

Messaggio da leggere da Teseo Tesei » 05/10/2019, 12:36

Francesco, avevo capito che questa fosse l'intenzione.
Il punto di vista del protagonista naturalmente è espresso bene.
E'chiaro che lui le cose le veda in quel modo.

Volevo col mio precedente commento creare spunto di riflessione sul fatto che, indipendentemente dalle intenzioni dell'autore, passa comunque un messaggio al lettore.
A volte lo stesso, non dire, specchiandosi su quanto comunque viceversa scritto trasferisce un messaggio in chi legge.
Può essere un messaggio involontario o voluto.
Ma comunque un messaggio passa.
Non servono pistolotti, magari basta qualche parola messa al punto giusto.

Rispetto naturalmente il punto di vista.
Prendi la mia come un esortazione allo stare sempre attenti al messaggio trasmesso sia voluto che involontario. Perché comunque un messaggio è passato.

Testo ben scritto al di la di tutto.
A rileggerci, ciao Francesco.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 51
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 05/10/2019, 13:30

Ho letto questo racconto tutto d'un fiato poi mi sono alzata e ho fatto altro. Questo racconto mi è entrato dentro e ho pensato a lungo a cosa dire e come valutarlo. Il racconto è scritto bene, qualche imprecisione ma peccati veniali. Non sapevo come esprimere il mio sentire senza offendere o risultare troppo moralista o giudicante. Sono tornata e scopro che Teseo Tesei ha scritto tutto quello che avrei voluto dire io, come se mi avesse letto nel pensiero. Tutto, sia nella prima che nella seconda parte. Non aggiungo altro perchè il mio pensiero è tutto lì. A rileggerci

Diego.G
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 13/09/2019, 18:43
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2018 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Diego.G » 05/10/2019, 15:15

Il racconto mi è piaciuto, si parla di realtà esistenti e spesso e volentieri insabbiate. Basti pensare ai collegamenti tra Banco Ambrosiano, Vaticano, Banda della Magliana e Mafia. Ci sta anche il finale, ricordandosi sempre che alla fine stiamo inventando storie, e a volte non bisogna prendersi troppo sul serio.

Avatar utente
Marco Daniele
Pubblicista
Messaggi: 81
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2018 (recensori)
dal 2018 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele » 05/10/2019, 23:43

Ottimo racconto, complimenti. Riesci a far entrare fin dentro la mente ossessionata del protagonista, a farci sentire vive e vibranti le sue paranoie. Niente fronzoli, niente orpelli, giusto qualche accenno al passato dell'uomo per rendere non certo giustificabile moralmente (l'unica violenza che può trovare una qualche giustificazione è la legittima difesa, e non è questo il caso) ma almeno coerente psicologicamente e narrativamente quello che fa. E' una caduta nella follia e nello stesso tempo un atto lucidissimo, premeditato.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine


Immagine

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 06/10/2019, 12:31

Stefyp ha scritto:
05/10/2019, 13:30
Ho letto questo racconto tutto d'un fiato poi mi sono alzata e ho fatto altro. Questo racconto mi è entrato dentro e ho pensato a lungo a cosa dire e come valutarlo. Il racconto è scritto bene, qualche imprecisione ma peccati veniali. Non sapevo come esprimere il mio sentire senza offendere o risultare troppo moralista o giudicante. Sono tornata e scopro che Teseo Tesei ha scritto tutto quello che avrei voluto dire io, come se mi avesse letto nel pensiero. Tutto, sia nella prima che nella seconda parte. Non aggiungo altro perchè il mio pensiero è tutto lì. A rileggerci
Ciao Stefyp, grazie della recensione.
Il fatti che tu abbia letto il racconto tutto d'un fiato, e che ti sia entrato dentro, lo considero un complimento. Per il resto è solo un racconto. Non c'era l'intento di diffondere un messaggio anti clericale. D'altronde sono sicuro di non avere masse di lettori da influenzare con due righe messe giù per gioco.
Ciao e grazie ancora

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 07/10/2019, 13:36

Isabella Galeotti ha scritto:
04/10/2019, 17:11
Felice di averti letto. Un racconto che si legge velocemente. Una famiglia con problemi della nostra epoca. Personaggio del padre ampiamente descritto, con i suo incubi e le sue lucidità portato avanti egregiamente. La mamma, la classica apprensiva madre, che deve gestire oltre che il figlio e la troutine anche un ex marito abusato. Il figlio che sembra sopravvivere bene nonostante tutto. L'ambiente la chiesa, che tra cristiani, preti, si celano anche persone deviate. Poi il colpo finale, anche se quasi prevedibile, ma non certo con questa sequenza. Ottimo. Come già fatto notate qualche punto mancante. Voto 4
Ciao Isabella, grazie di aver letto e recensito il mio racconto.
Francesco

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 07/10/2019, 13:49

Marco Daniele ha scritto:
05/10/2019, 23:43
Ottimo racconto, complimenti. Riesci a far entrare fin dentro la mente ossessionata del protagonista, a farci sentire vive e vibranti le sue paranoie. Niente fronzoli, niente orpelli, giusto qualche accenno al passato dell'uomo per rendere non certo giustificabile moralmente (l'unica violenza che può trovare una qualche giustificazione è la legittima difesa, e non è questo il caso) ma almeno coerente psicologicamente e narrativamente quello che fa. E' una caduta nella follia e nello stesso tempo un atto lucidissimo, premeditato.
Grazie Marco di aver letto e recensito il mio racconto. Mi fa piacere che tu abbia sottolineato che il passato dell'uomo serva per rendere coerente la storia e il suo atto folle.
Ciao
Francesco

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 341
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo » 09/10/2019, 12:14

Ciao Frdellaccio, da un punto di vista della scrittura intesa come grammatica, ortografia e forma, nulla da dire se non la punteggiatura all'interno delle virgolette, refusi credo di non averne visti (sto provando a leggere e commentare tutti i racconti in gara) ma per la trama non so, c'è qualcosa che non mi convince e la cosa più grave è che non riesco proprio a capire cosa.
La tematica iniziale, di denuncia, è nobile ma molto delicata; il protagonista, classico disturbo post stress traumatico, dal matrimonio fallito fradicio di ossessioni non incline alla terapia, è trito e ritrito; l'omicidio di un innocente (?) solo perché svolgeva lo stesso mestiere del suo aguzzino. Tutte queste cose non mi hanno convinto molto, però credo che tu possa fare meglio, si vede.
Opto per un 3 di incoraggiamento
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

https://betoofarka.blogspot.it

https://adf.ly/1Udt1Y

Avatar utente
Lodovico
Terza pagina
Messaggi: 561
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Lodovico » 10/10/2019, 18:03

Cattivo, dissacrante, cinico. E tutti questi, bada bene, per me sono aggettivi decisamente positivi quando parlo di un racconto. Sono convinto che quando si scrive si può anche stare lontani dal "politically correct". Sei riuscito a fare provare empatia per uno squilibrato assassino ossessionato da fantasmi complottistici, e ovviamente non giustificato dagli abusi subiti da piccolo. A me è piaciuto molto.
P.S. Ottimi il titolo e la frase finale della mamma! (l'unica cosa, perchè "ci vediamo tra due settimane"? Sinceramente avrei scritto"domani" per sottolineare l'indifferenza della donna.)
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 15/10/2019, 0:20

Lodovico ha scritto:
10/10/2019, 18:03
Cattivo, dissacrante, cinico. E tutti questi, bada bene, per me sono aggettivi decisamente positivi quando parlo di un racconto. Sono convinto che quando si scrive si può anche stare lontani dal "politically correct". Sei riuscito a fare provare empatia per uno squilibrato assassino ossessionato da fantasmi complottistici, e ovviamente non giustificato dagli abusi subiti da piccolo. A me è piaciuto molto.
P.S. Ottimi il titolo e la frase finale della mamma! (l'unica cosa, perchè "ci vediamo tra due settimane"? Sinceramente avrei scritto"domani" per sottolineare l'indifferenza della donna.)
Grazie Lodovico di aver recensito il mio racconto. Mi fa piacere che ti sia piaciuto.
A presto
Francesco

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 143
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+4)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone » 16/10/2019, 8:18

Più che a causa del prete pedofilo, che probabilmente è stato l'elemento scatenante e "indirizzante", Matteo impazzisce seguendo la strampalata teoria complottistica delle ostie "drogate". Un racconto di ordinaria follia, quindi e purtroppo, in quanto episodi simili - sia che avvengano in famiglia, che tra amanti, che in una scuola USA - sono riportati quasi tutti i giorni dalla stampa e dai telegiornali. Un racconto crudo e plausibile molto ben scritto e condotto, con personaggi tratteggiati a dovere. Ed essendo un racconto, di certo non è obbligatorio che sia veicolo di un messaggio, come pure non è necessario che ci sia la condanna conclamata di chi ha compiuto l'atto delittuoso: chi legge giudicherà e trarrà le sue conclusioni in autonomia. Ben diverso sarebbe - cosa che qui non c'è - se il racconto contenesse elementi che incitano a compiere un gesto simile o lo esaltano, o che ne dovesse assolvere in qualche modo l'autore colpevolizzando eccessivamente, ad esempio, l'ambiente in cui si è trovato a vivere o la società cui appartiene.
Per finire, una nota "colorata". Quando andavo a scuola dai preti, ci dicevano che le ostie erano preparate dalle suore: per cui la storia delle società che le producono, contenuta nel racconto, mi è sembrata parecchio strana. Ma la realtà supera la fantasia, mi è bastato digitare "ostie" su Google - cosa che potreste fare anche voi - per trovarle in libera disponibilità, di tutti i tipi e le misure, persino su Amazon. Mentre ero convinto che fossero articoli riservati al clero in vendita su canali riservati. La stessa sorpresa digitando ad esempio "articoli per religiosi". Cose da pazzi, appunto!
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 16/10/2019, 14:04

Giorgio Leone ha scritto:
16/10/2019, 8:18
Più che a causa del prete pedofilo, che probabilmente è stato l'elemento scatenante e "indirizzante", Matteo impazzisce seguendo la strampalata teoria complottistica delle ostie "drogate". Un racconto di ordinaria follia, quindi e purtroppo, in quanto episodi simili - sia che avvengano in famiglia, che tra amanti, che in una scuola USA - sono riportati quasi tutti i giorni dalla stampa e dai telegiornali. Un racconto crudo e plausibile molto ben scritto e condotto, con personaggi tratteggiati a dovere. Ed essendo un racconto, di certo non è obbligatorio che sia veicolo di un messaggio, come pure non è necessario che ci sia la condanna conclamata di chi ha compiuto l'atto delittuoso: chi legge giudicherà e trarrà le sue conclusioni in autonomia. Ben diverso sarebbe - cosa che qui non c'è - se il racconto contenesse elementi che incitano a compiere un gesto simile o lo esaltano, o che ne dovesse assolvere in qualche modo l'autore colpevolizzando eccessivamente, ad esempio, l'ambiente in cui si è trovato a vivere o la società cui appartiene.
Per finire, una nota "colorata". Quando andavo a scuola dai preti, ci dicevano che le ostie erano preparate dalle suore: per cui la storia delle società che le producono, contenuta nel racconto, mi è sembrata parecchio strana. Ma la realtà supera la fantasia, mi è bastato digitare "ostie" su Google - cosa che potreste fare anche voi - per trovarle in libera disponibilità, di tutti i tipi e le misure, persino su Amazon. Mentre ero convinto che fossero articoli riservati al clero in vendita su canali riservati. La stessa sorpresa digitando ad esempio "articoli per religiosi". Cose da pazzi, appunto!
Ciao Giorgio, ti ringrazio della bella recensione.
In effetti quello che scatena tutto è l'ossessione del complotto. L'ambiente ecclesiastico è solo un mezzo per dipanare il racconto. Ho sempre trovato affascinante il mondo della religione (lo dico da ateo): i suoi riti, i codici, le chiese, in generale tutti i luoghi di culto. Quell'austerità che si respira (o almeno io ho respirato finché non sono uscito dal percorso tradizionale che i miei genitori mi hanno fatto fare)... ho trovato tutto ciò congeniale a quello che volevo raccontare.
Curiosa la tua ricerca in rete sulle ostie.

Ciao
Francesco

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 104
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (profili visti)
dal 2018 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: **
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 22/10/2019, 18:58

Hai litigato con la punteggiatura.
Dopo Giovanna, primo rigo, ci va una virgola. Dopo ascoltami, terzo rigo, una virgola. Una incidentale non segnalata al quarto, e dopo aggiustamenti, ci va un punto.
Insomma, l'elenco di mancanze è lungo e uniforme.
Per il resto, a metà racconto la voce narrante, che poi è lo stesso protagonista, vira dal passato, al presente e viceversa.
Mantieni il presente come tempo verbale e la risolvi.
Il punto debole del racconto, a mio avviso, è proprio quel lungo inciso della voce narrante: troppo didascalico e con l'autore che fa capolino qui e lì con i suoi giudizi. Distanza ci vuole...

Avatar utente
Daniele Missiroli
Necrologista
Messaggi: 206
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
10° dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 31/10/2019, 15:29

Un racconto che affronta un tema terribile, ma in modo diverso dal solito. Ho letto alcuni giudizi che disapprovano il messaggio. Li rispetto, ci mancherebbe. Però (se non ho afferrato bene il senso delle critiche, mi scuso) una cosa è il racconto e una cosa il pensiero dell'autore. Se non ci fosse questa separazione netta, non si potrebbe scrivere di assassini, di violenze e altri tipi di immondizia. Purtroppo, esistono situazioni in cui non viene fatta giustizia. L'innocente va sulla sedia elettrica (in America è successo). Il colpevole viene rilasciato (succede ovunque). Questo non significa che l'autore sia d'accordo. Io l'ho visto come una storia che porta l'attenzione, ancora una volta, su ciò che troppe volte è successo e nessuno ha pagato. Poi il finale cerca di alleggerire la tensione con quella promessa irrealizzabile che rivela, se ce ne fosse ancora bisogno, l'alienazione del protagonista.
Per il resto, ci sono diverse cose da sistemare e meno giudizi da dare. Più spazio all'imaginazione del lettore.

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 46
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi » 02/11/2019, 11:25

Mi hai convinta già dalle prime righe. Ho letto tutto il racconto voracemente, con curiosità incalzante. Al diavolo le virgole e i punti quando comunque si riesce a trasmettere questo desiderio di sapere, di proseguire con la lettura. Ammetto poi che tu sia riuscito ad insinuarmi il dubbio...di preti molestatori ne abbiamo sentito parlare spesso(disgustoso), ma di ostie manipolate dalle multinazionali mai. Ho fatto una ricerca su questo dopo aver letto il tuo racconto ma non ho trovato nulla. È frutto della tua fantasia o è una teoria reale? Cmq mi è piaciuto moltissimo:5.

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 03/11/2019, 16:33

Carol Bi ha scritto:
02/11/2019, 11:25
Mi hai convinta già dalle prime righe. Ho letto tutto il racconto voracemente, con curiosità incalzante. Al diavolo le virgole e i punti quando comunque si riesce a trasmettere questo desiderio di sapere, di proseguire con la lettura. Ammetto poi che tu sia riuscito ad insinuarmi il dubbio...di preti molestatori ne abbiamo sentito parlare spesso(disgustoso), ma di ostie manipolate dalle multinazionali mai. Ho fatto una ricerca su questo dopo aver letto il tuo racconto ma non ho trovato nulla. È frutto della tua fantasia o è una teoria reale? Cmq mi è piaciuto moltissimo:5.
Ciao Carol
grazie per avermi letto e recensito...sono contento che il racconto ti sia piaciuto.
No, no... le ostie manipolate sono frutto unicamente della mia fantasia.
A presto

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 03/11/2019, 16:35

Namio Intile ha scritto:
22/10/2019, 18:58
Hai litigato con la punteggiatura.
Dopo Giovanna, primo rigo, ci va una virgola. Dopo ascoltami, terzo rigo, una virgola. Una incidentale non segnalata al quarto, e dopo aggiustamenti, ci va un punto.
Insomma, l'elenco di mancanze è lungo e uniforme.
Per il resto, a metà racconto la voce narrante, che poi è lo stesso protagonista, vira dal passato, al presente e viceversa.
Mantieni il presente come tempo verbale e la risolvi.
Il punto debole del racconto, a mio avviso, è proprio quel lungo inciso della voce narrante: troppo didascalico e con l'autore che fa capolino qui e lì con i suoi giudizi. Distanza ci vuole...
Ciao Namio
grazie per avermi letto e recensito.
Con il senno di poi condivido che la parte centrale possa risultare troppo didascalica. "Distanza ci vuole...". Hai ragione e ne terrò conto nei prossimi racconti.
A presto
Francesco

Giada.Trix
Foglio bianco
Messaggi: 13
Iscritto il: 12/11/2019, 21:43

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Commento

Messaggio da leggere da Giada.Trix » 14/11/2019, 17:37

Complimenti, il racconto mi è piaciuto. Il tema è uno dei miei preferiti: complottismo e controllo sulla massa, in questo caso attraverso il buonismo della religione, che influenza milioni di persone nel mondo.
Ultima modifica di Giada.Trix il 14/11/2019, 21:21, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 8932
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: ****
attività: ymw ymw ymw

Re: La messa è finita

Messaggio da leggere da Massimo Baglione » 14/11/2019, 20:25

Ricordatevi di specificare "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara, altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Macmariopc
Foglio bianco
Messaggi: 3
Iscritto il: 13/06/2011, 11:45

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Macmariopc » 18/11/2019, 11:23

Ciao, racconto che si lascia leggere. Trovo i dialoghi ben strutturati e la scrittura fluida. Lo prendo come un racconto di fantasia senza nessun messaggio, contro questo o quello.
E spero che sia così anche per lo scrittore.

Angelo Ciola
Pubblicista
Messaggi: 98
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2018 (recensori)
dal 2018 (autori prolifici)
dal 2018 (profili visti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola » 25/11/2019, 12:48

Buon racconto che riesce a coinvolgere il lettore e che si legge velocemente fino alla fine. Il problema della pedofilia nella Chiesa è un dramma che non è ancora stato affrontato completamente e che ha sicuramente lasciato tante cicatrici in molti ragazzi, speriamo che poi non tutti arrivino a questa reazione.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista: https://www.braviautori.com/forum/viewtopic.php?

Selene Barblan
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 25/11/2019, 13:25

Racconto angosciante come l’argomento che tratta; tema delicato, importante, triste, che non lascia spazio ad una conclusione positiva. Tutti i personaggi pagano per le nefandezze compiute da una persona senza scrupoli, personaggio nero che rimane nell’ombra, nascosto e infido. Il padre compie un gesto terribile mosso da fantasmi e incubi passati che ne condizionano la volontà, la madre che, forse stanca per le difficoltà che ha dovuto affrontare fino a quel momento, non capisce e non dà spazio a quell’uomo che era suo marito, il prete che paga per un errore non suo. E di nuovo un bambino che soffrirà, perdendo un importante punto di riferimento (ma che forse troverà la forza di riscattarsi). La tensione sale gradualmente bel racconto per sfociare in tragedia, racconto secondo me molto buono; assegno come punteggio un 4.

Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2018 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2018 - (a colori)

(edizione 2018, 6,77 MB)

Autori partecipanti: Angela Catalini, Laura Traverso, Liliana Tuozzo, Marco Bertoli, Lodovico, Giorgio Leone, Giovanni Teresi, Sandra Ludovici, Pietro Sanzeri, Serena Barsottelli, Ida Dainese, Nunzio Campanelli, Lucafan,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (6,77 MB) - scaricato 87 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 29 - Storie parallele

La Gara 29 - Storie parallele

(marzo 2012, 44 pagine, 863,42 KB)

Autori partecipanti: Polly Russel, Nathan, Lodovico, Jane90, Conrad, Carlocelenza, Tuareg, Luigi Bonaro, Lorella15, Roberta Michelini, Antonella P, Diego Capani,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (863,42 KB) - scaricato 149 volte.
oppure in formato EPUB (794,38 KB) (vedi anteprima) - scaricato 260 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

(aprile 2014, 30 pagine, 454,14 KB)

Autori partecipanti: Annamaria Vernuccio, Anto Pigy, Nunzio Campanelli, Ser Stefano, Daniela Rossi, Alphaorg, Eddie1969, Marina Paolucci,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (454,14 KB) - scaricato 123 volte.
oppure in formato EPUB (613,40 KB) (vedi anteprima) - scaricato 226 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


I sogni di Titano

I sogni di Titano

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il "cubo sognatore" su Titano aveva rivelato una verità sconvolgente sull'Umanità, sulla Galassia e, in definitiva, sull'intero Universo, una verità capace di suscitare interrogativi sufficienti per una vita intera. Come poteva essere bonariamente digerito il concetto che la nostra civiltà, la nostra tecnologia e tutto ciò che riguardava l'Umanità… non esisteva?
"Siamo solo… i sogni di Titano", aveva riportato il comandante Sylvia Harrison dopo il primo contatto col cubo, ma in che modo avrebbe potuto l'orgoglio dell'Uomo accettarlo? Ovviamente, l'insaziabile sete di conoscenza dell'Essere umano anelava delle risposte, e la sua naturale curiosità non poteva che spingerlo alla ricerca dell'origine del cubo e delle ragioni della sua peculiare funzione.
Gli autori GLAUCO De BONA (vincitore del Premio Urania 2013) e MASSIMO BAGLIONE (amministratore di BraviAutori.it) vi presentano una versione alternativa del "Tutto" che vi lascerà senza parole. Di Glauco De Bona e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (203,77 KB scaricato 18 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 138 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 40 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.