Cambi di vocali

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2019.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
6%
3 - si lascia leggere
3
19%
4 - è bello
6
38%
5 - mi piace tantissimo
6
38%
 
Voti totali: 16

Avatar utente
Lodovico
Terza pagina
Messaggi: 561
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Cambi di vocali

Messaggio da leggere da Lodovico » 08/10/2019, 19:26

Resa.
Quello sguardo aveva segnato la sua resa, uno sguardo tenero, finalmente. Da mesi lo attendevo, mesi spesi a corteggiarla, a venerarla, a “farle il filo” come si dice qui da noi. E poi, finalmente, nel momento in cui il sole si trasferiva dietro le montagne per godersi la notte, gli occhi di lei avevano tradito l’abbandono. Nelle mani dell’amore, nelle mie mani. L’aria ancora tiepida dell’autunno le accarezzava il viso e le scompigliava timidamente i capelli. Nemmeno nei miei sogni più arditi l’avevo vista così bella. E un luogo così poco romantico come il parcheggio del supermercato si era trasformato pian piano nel castello delle fiabe. Le auto in sosta ci fecero da testimoni mentre lei piegava il suo viso verso il mio. Quando sentii il calore della sua pelle pensai che tutte quelle vetture avrebbero ricordato a lungo il nostro primo bacio. E sarebbero diventate tutte rosse per la vergogna.

Riso.
Varcammo la soglia. La luce abbagliante del mezzogiorno di luglio ci accecò per un attimo. Fu sufficiente per essere colti di sorpresa. Una nuvola bianca di chicchi di riso ci assalì. Tra i capelli, attraverso il collo della camicia troppo largo, persino dentro le scarpe di cuoio nuove di negozio. Amici e parenti sorridenti avevano atteso, fuori dalla chiesa, che firmassimo la nostra unione davanti a Dio e allo Stato per investirci bonariamente con quel lancio di cereali. Pensai che qualcuno la avrebbe poi dovuta raccogliere, tutta quella coltre bianca, ma immaginai non sarebbe stato il prete, troppo grasso per un lavoro così faticoso. L’auto addobbata a festa ci attendeva davanti al portale. E il ristorante aspettava tutti i nostri invitati. A settantacinque euro a testa.

Raso.
Finalmente la vidi. Era candida, liscissima, sensuale. La sottoveste di raso fece capolino da sotto il vestito da sposa. E in trasparenza si vedeva il completino intimo in pizzo. Lei si spogliò con lentezza, piegando l’abito con attenzione. La macchia di vino rosso, anche se minuscola, si notava, tutta sola com’era, dispersa nel bianco della stoffa. La lavanderia, nei prossimi giorni, l’avrebbe tolta e il vestito, appeso nell’armadio della nostra nuova casa avrebbe testimoniato il nostro amore eterno. Anche la sottoveste finì ben piegata sulla sedia e la sua pelle, così profumata e conosciuta, apparì per stregarmi in quella notte di nozze. La vidi entrare in bagno in mutandine e reggiseno di pizzo. Non l’avrei più vista uscire. Il dispettoso Morfeo mi abbracciò prima che potesse farlo lei, sottraendomi furtivamente la prima notte da sposi.

Rosa.
Lo scotch non tenne. Il fiocco rosa cadde ai miei piedi. Mi venne in mente un’imprecazione ma non uscì dalle labbra, rimase isolata nel cervello. Ritentai con una striscia più lunga. Finalmente il nastro adesivo fece presa sulla porta d’ingresso del condominio. Un biglietto bianco, scarabocchiato dalla mia calligrafia incerta, recitava “È nata Lucrezia”. Mi congratulai con me stesso per la scelta attenta delle parole e per l’originalità del testo. Anche se il nome che avevamo scelto per nostra figlia, ora, mi pareva tanto impegnativo per quella minuscola cucciola d’uomo. Lucrezia: sarebbe diventata bellissima, da grande, sarebbe stata la gioia del papà. Ah, e anche della mamma, dimenticavo! Decisi di tornare in ospedale per riempirmi gli occhi della bellezza della madre e della figlia. Le mie donne. In quel momento il fiocco rosa, abbandonata la stretta dello scotch, planò verso terra schiantandosi per l'ennesima volta sul piano dell’androne.

Risa.
Mi sentivo come la pantera rosa. Mi avvicinai alla stanza. Rumore di risa. Me lo avevano sempre detto gli amici. Ma era una battuta: “non si deve mai tornare a casa, dal lavoro, in anticipo”. E avevano ragione. La porta era semichiusa ma non riusciva a trattenere all’interno della camera i rumori di sospiri e di reti del letto cigolanti. Non credevo di avere bisogno che altri sensi, oltre l’udito, mi confermassero ciò che appariva chiaro anche da lontano. Ma, forse lo spirito masochistico, mi spinse a volere osservare l’interno della stanza. E osservare il suo corpo nudo, verticalmente appoggiato su di un orizzontale uomo, fu esattamente quello che avrei sperato di non vedere. Era bella, lì sopra, bellissima, rideva, sospirava e sembrava felice. Non li disturbai, mi pareva maleducato interromperli.

Rose.
Quante ne avevano messe i fioristi! Una corona gigantesca di rose. Per soli centosettanta euro. Bianche, candide, immacolate. Come lei. Non riuscivo a fermare le lacrime, le sentivo scendere sulle guance e bagnare la giacca. Non è una cosa originale piangere al funerale della propria moglie, ma non sono mai stato un tipo troppo eccentrico. Ci aveva lasciati troppo presto, come avevo fatto scrivere sul manifesto funebre, troppo. Il maresciallo dei carabinieri che mi aveva interrogato la sera prima era d’accordo. Troppo presto. E mi aveva chiesto dove mi trovavo alla tal ora e alla tal altra. Ho avuto l’impressione che sospettasse che avessi fatto del male io a mia moglie.
Non era vero.
Ero stato attento.
Molto attento a non farle del male.
Aveva sofferto pochissimo.
Ultima modifica di Lodovico il 09/10/2019, 0:37, modificato 1 volta in totale.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 229
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 08/10/2019, 22:29

E' bello e originale questo racconto. Con il "cambio di vocali" è stata creata una storia di ordinaria quotidianità: dall'amore, all'amaro... come sovente nella vita succede. La narrazione scorre bene, dapprima ci si chiede dove voglia andare a parare l'autore, tra un "capitoletto" e l'altro. Ma poi, arrivati alle risa, non è stato difficile immaginare le rose... Bello il finale (se bello si può definire un omicidio...).
Il protagonista del racconto era stato sincero, aveva detto il vero al maresciallo "aveva sofferto pochissimo". Bravo Lodovico :-)

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 326
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo » 08/10/2019, 23:13

Ciao Lodovico, come al solito una bomba di racconto.
Non ti leggevo da un po, ma già dalla prima parola ho subito riconosciuto il tuo stile e un sorrisetto mi si è stampato in volto, sapevo già che non avresti deluso le aspettative.
La calma del protagonista è assolutamente agghiacciante, un classico esempio, a mio modesto avviso, di come la delusione di un uomo semplice possa trasformarsi in follia, per uccidere, premeditatamente o meno, non si deve essere in sé.
Complimenti ancora. Spero tu legga il mio.
A presto.
Ultima modifica di Eliseo Palumbo il 09/10/2019, 13:11, modificato 1 volta in totale.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

https://betoofarka.blogspot.it

https://adf.ly/1Udt1Y

Diego.G
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 13/09/2019, 18:43
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Diego.G » 08/10/2019, 23:27

Non so bene cosa pensare del tuo racconto. Mi piace come scrivi e mi è piaciuta l'idea dei capitoli con il cambio di vocale (tieni conto che io sono nuovo ed è la prima volta che m'iscrivo a questa gara). Preferisco i primi tre capitoli sinceramente, li trovo più originali, soprattutto il fatto che non venga consumato nessun rapporto durante la prima notte di nozze (davvero divertente). Nel quarto capitolo il continuo cascare del fiocco sembra un segno premonitore per qualcosa di negativo, che poi effettivamente avviene. Purtroppo sto leggendo diversi racconti (alcuni anche in questa gara) in cui alla fine LEI muore e ciò non mi fa impazzire; ma è soltanto una mia riflessione. Mi piace come scrivi, ma quarto e quinto capitolo non mi possono soddisfare. Leggerò altro di tuo :-)

Avatar utente
Lodovico
Terza pagina
Messaggi: 561
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Lodovico » 09/10/2019, 0:14

Diego.G ha scritto:
08/10/2019, 23:27
Non so bene cosa pensare del tuo racconto. Mi piace come scrivi e mi è piaciuta l'idea dei capitoli con il cambio di vocale (tieni conto che io sono nuovo ed è la prima volta che m'iscrivo a questa gara). Preferisco i primi tre capitoli sinceramente, li trovo più originali, soprattutto il fatto che non venga consumato nessun rapporto durante la prima notte di nozze (davvero divertente). Nel quarto capitolo il continuo cascare del fiocco sembra un segno premonitore per qualcosa di negativo, che poi effettivamente avviene. Purtroppo sto leggendo diversi racconti (alcuni anche in questa gara) in cui alla fine LEI muore e ciò non mi fa impazzire; ma è soltanto una mia riflessione. Mi piace come scrivi, ma quarto e quinto capitolo non mi possono soddisfare. Leggerò altro di tuo :-)
Hai ragione il finale è tutt'altro che piacevole. Ma io sto scrivendo una storia non la mia storia oppure non una storia che per forza apprezzo. Come puoi immaginare non ho nessuna empatia per chi, per qualunque motivo sì abbassi ad essere violento con una donna o anche in generale violento con chiunque. Ma come testimonia la cronaca queste storie succedono e anche abbastanza spesso. la mia speranza è che il protagonista di questo racconto Semmai fosse esistito si facesse un buon numero di anni nelle patrie galere. :smt006
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Lodovico
Terza pagina
Messaggi: 561
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Cambi di vocali

Messaggio da leggere da Lodovico » 09/10/2019, 0:18

Eliseo Palumbo ha scritto:
08/10/2019, 23:13
Ciao Lodovico, come al solito una bomba di racconto.
Non ti leggevo da un po, ma già dalla prima parola ho subito riconosciuto il tuo stile e un sorrisetto mi si è stampato in volto, sapevo già che non avresti deluso le aspettative.
La calma del protagonista è assolutamente agghiacciante, un classico esempio, a mio modesto avviso, di come la delusione di un uomo semplice possa trasformarsi in follia, per uccidere, premeditatamente o meno, non si deve essere in sé.
Complimenti ancora. Spero tu legga il mio.
A presto.
Ciao caro Eliseo è parecchio tempo che non ci incrociamo più . Stavolta ho deciso di ricominciare a partecipare alle gare di bravi autori. Ti ringrazio per i tuoi complimenti immeritati e sicuramente leggerò il tuo racconto. :P :smt006
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Lodovico
Terza pagina
Messaggi: 561
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+3)
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Commento

Messaggio da leggere da Lodovico » 09/10/2019, 0:29

Laura Traverso ha scritto:
08/10/2019, 22:29
E' bello e originale questo racconto. Con il "cambio di vocali" è stata creata una storia di ordinaria quotidianità: dall'amore, all'amaro... come sovente nella vita succede. La narrazione scorre bene, dapprima ci si chiede dove voglia andare a parare l'autore, tra un "capitoletto" e l'altro. Ma poi, arrivati alle risa, non è stato difficile immaginare le rose... Bello il finale (se bello si può definire un omicidio...).
Il protagonista del racconto era stato sincero, aveva detto il vero al maresciallo "aveva sofferto pochissimo". Bravo Lodovico :-)
Grazie mille per il tuo commento. Come ho già detto a Diego sono ben lungi da giustificare il comportamento del protagonista di questo racconto. Spero proprio che il maresciallo lo mandi in prigione a lungo come merita :smt006
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Necrologista
Messaggi: 273
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: cdr: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+1)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 09/10/2019, 0:36

Questo racconto mi sembra quasi la “novelization” della tua fredda cronaca burocratica esposta nella gara di primavera.
Con quel gioco enigmistico promesso nel titolo hai ben raccontato una storia d’amore, di tradimento e infine di delitto, speriamo non impunito.
Buono lo stile, che alterna momenti poetici a considerazioni molto più pratiche, dettagli che fanno intuire una personalità egocentrica e disturbata del protagonista (“Ah, e anche della mamma, dimenticavo!”), il tutto amalgamato da un sottile umorismo. Ovviamente nero, visto l’epilogo.
Solo una frase mi turba: “E osservare il suo corpo nudo, verticalmente appoggiato su di un orizzontale uomo”. Qui, secondo me, ti sei fatto prendere la mano da un’altra branca dell’enigmistica: le parole crociate :)
A parte gli scherzi, mi piace.

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

COMMENTO

Messaggio da leggere da Frdellaccio » 15/10/2019, 0:33

Ciao Lodovico, che bel racconto. Mi è piaciuto tantissimo.
Bello il gioco delle vocali, la scorrevolezza, l'ironia ("...non mi sembrava educato disturbarli").

Mi è piaciuto come hai "animato" gli oggetti: le auto che diventano rosse dalla vergogna.
Ancora complimenti.

Ciao
Francesco

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+4)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone » 15/10/2019, 13:20

Bravissimo Lodo, un racconto che, a mio giudizio, è perfetto. A differenza di altri, poi, l'ho visto in crescendo sino al delitto. Che tristezza, una storia che era iniziata e procedeva così bene, finisce con una corona gigantesca di rose a sole centosettanta euro. Ma quando si mettono in verticale su un deficiente in orizzontale il sangue va alla testa, anche se la vendetta è un piatto che si consuma freddo. Fortuna che i cambi di vocale erano finiti, se no una brutta sorte sarebbe toccata anche all'amante.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 266
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2012 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: cdr: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 17/10/2019, 23:10

Ogni tuo racconto è una garanzia. In questi giorni sto rileggendo alcune antologie, e quando mi imbatto in uno dei tuoi, mi metto comoda e lo assaporo profondamente. Questo con il gioco di vocali è geniale, 6 paragrafi che si susseguono con capitoli della vita dei protagonisti, della quotidianità. Bella del parroco troppo grasso e il riso da racogliere. Splendida le auto che arrossiscono. Pazzesca quella che non volevo disturbarli. PEr terminare Non le ho fatto troppo male. Ottimo 5
Immagine

Stefyp
Foglio bianco
Messaggi: 46
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 18/10/2019, 8:01

Il racconto mi è piaciuto, anche se il tradimento è un argomento un po' troppo scontato. Anche il finale, ma così come l'hai concepito proprio nelle righe finali salva il racconto. Bella l'idea del cambio di vocale. Avrei voluto mettere un bel 5, ma alcune, poche per la verità, frasi non mi hanno convinto.
"E sarebbero diventate tutte rosse per la vergogna", per esempio oppure la sottoveste "liscissima". Inezie che non tolgono nulla al racconto e che esprimono un gusto personale.

Athosg
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (profili visti)
dal 2016 (autori prolifici)
dal 2015 (recensiti)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2017
diventa anche tu un sostenitore!

Re: Cambi di vocali

Messaggio da leggere da Athosg » 18/10/2019, 21:23

Un bellissimo racconto. Durante la lettura si intuiva come andava a finire, d'altronde in cinquemila battute forse tutte le esperienze umane, e le possibili storie, sono state già scritte. E quindi entra in campo la personalità del protagonista, distaccato dalla realtà e molto fatalista. La vita nella media è fidanzamento, matrimonio, figli, pensione e camposanto. Ci hai risparmiato la pensione.

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2018 (recensori)
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 22/10/2019, 18:35

L'espediente di sei micro racconti per narrare una storia è ambizioso, ma rischioso. La prosa però è ottima e il ritmo incessante, il risultato quindi pare raggiunto.
A mio avviso nel finale, gli ultimi due micro racconti, osi troppo: viri sul noir, vuoi infilarci l'omicidio, e la chiusura a effetto, ma non del tutto convinto condisci tutto con dell'umorismo. Mi viene pure il sospetto che tu l'abbia fatto per assecondare il palato dei lettori di questa gara.
Non fraintendermi, riesci a dargli un bel tocco, il mestiere c'è e si vede, però che dire: il sapore un po' si perde in mezzo a tanti ingredienti.
Al tuo posto avrei continuato a raccontare una storia normale, quella storia che già stavi raccontando, senza metterci umorismo ed evitando l'omicidio, ogni finale a effetto, e senza la conta degli euro per fiori e ricevimenti. Una storia e basta, retta da sei micro titoli, quel variare di parole spostando vocali, e dal titolo iniziale.
A proposito, anche lì, quel cambi è di troppo.
Bastava un semplice vocali, per dare un senso a tutto e tenere tutto insieme, come per magia.

Avatar utente
Daniele Missiroli
Necrologista
Messaggi: 205
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019 (+2)
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 31/10/2019, 14:21

Una rara combinazione di elementi originali. Dalla scelta del titolo e dei relativi titoletti, alla vena ironica velata di una struggente tristezza, che traspare anche nei periodi più felici. Il personaggio si auto tratteggia bene fin dall'inizio: è una persona precisa e ordinata nelle sue cose. Sembra tenere un diario degli eventi pipù significativi della sua vita. Particolarmente apprezzabile la scelta delle frasi brevi, all'inizio di ogni modulo e soprattutto alla fine. Mi è piaciuto molto.

Avatar utente
Carol Bi
Foglio bianco
Messaggi: 46
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2018 (recensori)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi » 02/11/2019, 11:33

Originale il modo in cui hai affrontato il tema. La struttura del racconto regge bene e sarò onesta, quando ho capito che si parlava di rose per una corona funebre mi è scesa una lacrima, perché mi ero convinta che la moglie fosse morta di vecchiaia o malattia e comunque non giovane. Giustamente il finale è un po' diverso da come me l'aspettavo anche perché sarebbe stato difficile da gestire a livello temporale. Ottimo racconto!!!

Selene Barblan
Apprendista
Messaggi: 106
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 17/11/2019, 6:57

Il racconto mi è piaciuto, lo associo ad una poesia o, ancor meglio, ad una canzone. Infatti sia come è stato costruito, il ritmo/la struttura, sia i termini utilizzati richiamano in me una melodia, con a tratti, e soprattutto nel finale, delle note più scure. Là personalità del protagonista si intuisce già nei primi paragrafi, accennata, senza però rovinare la conclusione. La moglie invece è marginale, utile, come per lo sposo nella storia della sua vita, al fine della narrazione ma non ha in questo caso potere di replica. Il tutto è condito anche da una ricercata ironia.
A mio parere dunque un racconto molto buono, voto 4 (sarebbe quasi un cinque ma voto secondo una personale classifica).

Andr60
Foglio bianco
Messaggi: 3
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 » ieri, 18:17

I capitoli scanditi dai cambi di lettera mi ricordano un racconto che lessi molti anni fa, "L'angelico lombrico" di F. Brown. Lo svolgimento mi è piaciuto fino all'inevitabile conclusione. Ciò che non capisco è la excusatio non petita relativa al protagonista, che l'autore fa nei commenti: gli psicoreati non sono punibili. Almeno per ora.

Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 41 - Tutti a scuola!

La Gara 41 - Tutti a scuola!

(ottobre 2013, 49 pagine, 1,59 MB)

Autori partecipanti: Eliseo Palumbo, Lodovico, Polly Russell, Desiree Ferrarese, Rovignon, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Lorella15, Eddie1969, Michele, Kaipirissima,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,59 MB) - scaricato 178 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 7 - L'Incubo

La Gara 7 - L'Incubo

(agosto 2009, 38 pagine, 1,54 MB)

Autori partecipanti: Yle, Gerardo, Rona, Valentina, Manuela, Devil, Arditoeufemismo, Macripa, Pia, Bonnie, Piero Macrelli, Alessandro Napolitano, Dafank, Miriam,
A cura di CMT.
Scarica questo testo in formato PDF (1,54 MB) - scaricato 348 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 56 - Amicizia ritrovata

La Gara 56 - Amicizia ritrovata

(novembre 2015, 25 pagine, 794,03 KB)

Autori partecipanti: Carlocelenza, Skyla74, Alberto Tivoli, Patrizia Chini, Giorgio Leone, Eliseo Palumbo, Angelo Manarola,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (794,03 KB) - scaricato 264 volte.
oppure in formato EPUB (324,30 KB) (vedi anteprima) - scaricato 167 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BReVI AUTORI - volume 3

BReVI AUTORI - volume 3

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, SmilingRedSkeleton, Francesco Gallina, Laura Traverso, Umberto Pasqui, Patrizia Benetti, Luca Valmont, Alessandra Leonardi, Mirta D, Pasquale Aversano, Gabriella Pison, Alessio Del Debbio, Alberto Tivoli, Angela Catalini, Marco Vecchi, Roberta Eman, Michele Botton, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Marco Bertoli, Fausto Scatoli, Massimo Tivoli, Laura Usai, Valentina Sfriso, Athos Ceppi, Francesca Santucci, Angela Di Salvo, Antonio Mattera, Daniela Zampolli, Annamaria Vernuccio, Giuseppe Patti, Dario Sbroggiò, Angelo Bindi, Giovanni Teresi, Marika Addolorata Carolla, Sonia Barsanti, Francesco Foddis, Debora Aprile, Alessandro Faustini, Martina Del Negro, Anita Veln, Alessandro Beriachetto, Vittorio Del Ponte.
Vedi ANTEPRIMA (215,03 KB scaricato 92 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

(soprattutto a letto)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Marika è una giovane ragazza. Non ha avuto alcuna esperienza sessuale e sta per sposarsi. Essendo molto intelligente, si accorge presto di essere una bella donna e sente di non poter rinchiudersi per tutta la vita in un contesto matrimoniale forzato e prematuro. Conosce un uomo, il quale la porta per gradi a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sul sesso. è un uomo speciale, totalmente diverso dal suo fidanzato e ne nasce una relazione molto particolare. Molto di quello che Marika impara può non corrispondere a quello che le donne desiderano, ma sono certa che, segretamente, prima o poi ci avranno pensato. è un racconto erotico, scritto però senza parole scurrili od offensive.

Copertina di Roberta Guardascione
di Mary J. Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (252,71 KB scaricato 169 volte) -
Compralo su   luluamazon
La Paura fa 90

La Paura fa 90

90 racconti da 666 parole

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per l'antologia La Paura fa 90. Ci sono 90 racconti da non più di 666 parole. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro dell'horror Danilo Arona. Leggete questa antologia con cautela e a piccole dosi, perché altrimenti correte il rischio di avere terribili incubi!
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Maria Arca, Pia Barletta, Ariase Barretta, Cristiana Bartolini, Eva Bassa, Maria Cristina Biasoli, Patrizia Birtolo, Andrea Borla, Michele Campagna, Massimiliano Campo, Claudio Candia, Carmine Cantile, Riccardo Carli Ballola, Matteo Carriero, Polissena Cerolini, Tommaso Chimenti, Leonardo Colombi, Alessandro M. Colombo, Lorenzo Coltellacci, Lorenzo Crescentini, Igor De Amicis, Diego Di Dio, Angela Di Salvo, Stefano di Stasio, Bruno Elpis, Valeria Esposito, Dante Esti, Greta Fantini, Emilio Floretto Sergi, Caterina Franciosi, Mario Frigerio, Riccardo Fumagalli, Franco Fusè, Matteo Gambaro, Roberto Gatto, Gianluca Gendusa, Giorgia Rebecca Gironi, Vincenza Giubilei, Emiliano Gotelli, Fabio Granella, Mauro Gualtieri, Roberto Guarnieri, Giuseppe Guerrini, Joshi Spawnbrød, Margherita Lamatrice, Igor Lampis, Tania Maffei, Giuseppe Mallozzi, Stefano Mallus, Matteo Mancini, Claudia Mancosu, Azzurra Mangani, Andrea Marà, Manuela Mariani, Lorenzo Marone, Marco Marulli, Miriam Mastrovito, Elisa Matteini, Raffaella Munno, Alessandro Napolitano, Roberto Napolitano, Giuseppe Novellino, Sergio Oricci, Amigdala Pala, Alex Panigada, Federico Pergolini, Maria Lidia Petrulli, Daniele Picciuti, Sonia Piras, Gian Filippo Pizzo, Lorenzo Pompeo, Massimiliano Prandini, Marco Ricciardi, Tiziana Ritacco, Angelo Rosselli, Filippo Santaniello, Gianluca Santini, Emma Saponaro, Francesco Scardone, Giacomo Scotti, Ser Stefano, Antonella Spennacchio, Ilaria Spes, Antonietta Terzano, Angela Maria Tiberi, Anna Toro, Alberto Tristano, Giuseppe Troccoli, Cosimo Vitiello, Alain Voudì, Danilo Arona.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,10 MB scaricato 627 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.