Tre androidi cosmonauti

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2019.

Voti

Sondaggio concluso il 23/12/2019, 23:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
13%
3 - si lascia leggere
7
47%
4 - è bello
5
33%
5 - mi piace tantissimo
1
7%
 
Voti totali: 15

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Tre androidi cosmonauti

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Screenshot (4).png
La bandiera degli Stati Uniti Orientali sventolava alta nel cielo, posizionata al centro del semicerchio selciato antistante la sede spaziale di Las Velas.
Richard Pink, seduto sulla lussuosa ed ergonomica poltrona del suo ufficio, assisteva agli ultimi preparativi attraverso la parete in vetro.
La punta dello space shuttle Miguel I luccicava; la navicella puntava dritto in alto contro il sole. Le scalette arancione fosforescente furono smontate, gli addetti alla preparazione si allontanarono, sotto lo sguardo attento del ricco magnate; Mr. Pink si avvicinò al vetro, pensava che sembrassero piccole formichine, fece finta di schiacciarle premendo il polpastrello dell'indice contro la parete trasparente.
I motori si accesero, iniziò il countdown: 10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1
La sala pilotaggio ospitava tre cosmonauti ben allacciati ai loro sedili. La propulsione li schiacciò contro lo schienale; i tre chiusero gli occhi e afferrarono saldamente i tubi d'acciaio, che costituivano la struttura. In otto minuti la capsula era in orbita, libera dai booster di lancio. Le luci rosse furono sostituite da brillante luce bianca. M-000, M-001 e M-002, androidi Human Native, corpo d'acciaio, cuore umano, slacciarono le cinture, galleggiavano in assenza di gravità; si scambiarono sorrisi soddisfatti.
«Concentrazione ragazzi. La missione è appena iniziata.» Gracchiò la voce di Mr. Pink.
M-000 tornò subito ai comandi, avviò la gravità artificiale, controllò le coordinate, aumentò la velocità di propulsione e impostò il pilota automatico.
«Wow, non mi sembra vero.» Disse M-002
«Siamo nello spazio Youssuf!» Rispose M-001
«Datti una calmata, Mao.»
«Ronald, rilassati.» Obiettò M-001
«Abbiamo del lavoro da svolgere, controllate che sia tutto in ordine, fra dieci minuti indurremo il sonno artificiale. Il viaggiò durerà solo ventiquattro ore.»
Mao e Youssuf, rispettivamente M-001 e M-002, sbuffarono sonoramente.
Concluso il rapido controllo i tre androidi tornarono al posto, spensero la gravità artificiale, impostarono il timer e si disattivarono.
Ventidue ore più tardi riaprirono gli occhi. Attraverso gli oblò potevano vedere la superficie lunare. Nelle successive due ore prepararono l'allunaggio.
«Base, qui M-001, passo.»
«Ti riceviamo forte e chiaro, passo.»
«Tre minuti all'allunaggio, passo.»
«Buona fortuna, passo e chiudo.»
La manovra non fu difficoltosa, l'addestramento stava dando i suoi frutti. M-000 manovrò la navicella facendole toccare il fondo del cratere lunare delicatamente.
«Base, allunaggio avvenuto con successo. Passo.»
La trasmittente emise urla di gioia.
I tre staccarono la trasmissione senza aspettare risposta, sapevano già cosa fare. Indossarono i caschi, afferrarono il piccolo carrello con il materiale necessario e, aperto il portellone, lo fecero scivolare; attivarono il motore elettrico, facilitando il trasporto, e si allontanarono per circa 10 metri. Saldati i freni alle ruote del carrello, M-000, M-001 e M-002 si distanziarono e posizionarono una stella d'argento ciascuno sul suolo grigio, pigiarono un tasto rosso, tre raggi schizzarono in alto unendosi in una cupola. Gli androidi guidarono il carrello all'interno dei raggi, impugnarono le stampanti 3D, le accesero e iniziarono a creare l'involucro della cupola. Raggiunta la loro altezza massima, fissarono le stampanti alle porzioni di parete già stampata lasciandole lavorare in autonomia.
La costruzione durò alcune ore; giunti quasi alla fine, l'aria ossigenata, contenuta in tre grandi bombole coricate sul carrello, fu diffusa attraverso i pressurizzatori.
Il primo avamposto lunare della PinkLab. E della storia stava prendendo forma.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Diego.G
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 13/09/2019, 18:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Diego.G »

Mi è piaciuto il tuo racconto, e a dir la verità non ho molto da dire. L'idea non è una novità, però riesco a immaginare che questo racconto sia un sunto di una storia più grande, di un romanzo; non mi dispiacerebbe che questi tre androidi ne combinassero un po' di tutti i colori come i 3 Marmittoni. Dimmi che ne farai un romanzo;-)

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Diego.G ha scritto:
09/10/2019, 13:16
Dimmi che ne farai un romanzo;-)
Ciao Diego, contento che ti sia piaciuto, la fantascienza di solito fa storcere il naso.
I tre fanno parte di uno dei miei universi, che ho in mente. Un romanzo sul giovane Mr. Pink c'è già, ha partecipato l'anno scorso al premio Urania, ma purtroppo non sono rientrato tra i finalisti, per questo ho deciso di rivederlo, farlo editare e spero nel 2020 autopubblicarlo, su Kindle credo.
In futuro, se sarò fortunato come autore, usciranno diversi romanzi, brevi o lunghi, con gli androidi protagonisti.
Grazie per avermi letto
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 352
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Premetto che l'argomento non è il mio preferito. Sarà che abbiamo appena finito di scrivere su "LUNA" (antologia sui 50 dallo sbarco) e pertanto mi è sembrato molto simile ai tanti pubblicati sul tema.
Certamente il racconto è scritto bene, correttamente, ma l'insieme di numeri e sigle non hanno, secondo me, reso scorrevole la lettura. Ma, ripeto, è solo una questione personale; sono certa che piacerà molto, invece, soprattutto, ai commentatori uomini. Ciao Eliseo :-)

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Laura Traverso ha scritto:
09/10/2019, 15:03
Premetto che l'argomento non è il mio preferito. Sarà che abbiamo appena finito di scrivere su "LUNA" (antologia sui 50 dallo sbarco) e pertanto mi è sembrato molto simile ai tanti pubblicati sul tema.
Certamente il racconto è scritto bene, correttamente, ma l'insieme di numeri e sigle non hanno, secondo me, reso scorrevole la lettura. Ma, ripeto, è solo una questione personale; sono certa che piacerà molto, invece, soprattutto, ai commentatori uomini. Ciao Eliseo :-)
Grazie per avermi letto. Il tuo commento mi serve da spunto per poter rendere la mia scrittura sci-fi più accessibile e apprezzabile, m'impegnerò di più.
Buona giornata :smt006
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Il racconto mi sembra molto lineare: una missione spaziale ha successo senza che accadano particolari inconvenienti, quindi anch’io ho immaginato che fosse l’inizio di un racconto più lungo o di un romanzo, dove le avventure dei tre potrebbero svilupparsi in mille direzioni imprevedibili.
Quello che ho apprezzato di più è la caratterizzazione dei personaggi. Gli androidi saranno pure d’acciaio ma hanno un comportamento molto “umano”, in poche battute hai fatto ben intuire il rapporto che c’è fra di loro: M-000, Ronald, sembra il più razionale, quello che prende veramente sul serio la missione e riporta all’ordine i colleghi che battibeccano.
Solo una perplessità di carattere tecnico: perché attivare una gravità artificiale su un veicolo spaziale che fa un viaggio di poche ore? E solo per un brevissimo periodo in cui i cosmonauti sono svegli.
Ti segnalo un punto di troppo nell’ultima frase.
Mi piacerebbe leggere il seguito di questo breve racconto.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Tre Androidi Cosmonauti

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Ciao Roberto, grazie per avermi letto.
Era il loro primo viaggio in orbita, semplicemente per provare l'ebrezza dell'assenza di gravità. Se ti interessa, M-000 è il protagonista del racconto "Checkpoint" selezionato nell'antologia di braviautori "Non spingete quel bottone", leggendo quel racconto li e anche "Sesto senso" contenuta nell'antologia, sempre di BraviAutori "256k" credo che ti possa fare un'idea sula natura degli androidi.
Sicuramente leggerai altro su loro.
A presto.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 220
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Racconto difficile da inquadrare, perché sembra faccia parte di un contesto più ampio. Bada bene, pur avendo tutto ciò che occorre a un racconto: dei protagonisti, un'intreccio e una trama (seppur resa evidente, in modo fugace, nell'ultimo periodo) e anche di una certa gradazione ascendente, ti lascia un certo amaro in bocca; una insoddisfazione, come di aver condotto qualcuno in un certo posto senza un vero perché.
Ma queste cose credo che tu le sappia benissimo.
La forma va bene, solo questo periodo: " Saldati i freni alle ruote del carrello, M-000, M-001 e M-002 si distanziarono e posizionarono una stella d'argento ciascuno sul suolo grigio, pigiarono un tasto rosso, tre raggi schizzarono in alto unendosi in una cupola. Gli androidi guidarono il carrello all'interno dei raggi, impugnarono le stampanti 3D, le accesero e iniziarono a creare l'involucro della cupola. Raggiunta la loro altezza massima, fissarono le stampanti alle porzioni di parete già stampata lasciandole lavorare in autonomia." mi pare troppo lungo e arzigogolato per un racconto di quattromila battute e meno. Ma, appunto, in un contesto più ampio…
Un nota: le regole grammaticali del discorso diretto e di quello indiretto sono identiche; altrettanto nei passaggi dall'uno all'altro.
Pertanto quando scrivi: "«Wow, non mi sembra vero.» disse M-002
«Siamo nello spazio Youssuf!» rispose M-001
«Datti una calmata, Mao.»
«Ronald, rilassati.» obiettò M-001" dovresti inserire una virgola dopo vero, e rilassati, (o nulla, prima della chiusura dei caporali è consentito). Altrimenti, dopo il punto, ma lì è un errore, il disse e l'obiettò vanno in maiuscolo. Nel secondo rigo, dopo Youssuf eviterei l'esclamativo, e invece di rispose opterei per un esclamò.
Alla prossima

Avatar utente
Lodovico
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 579
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lodovico »

Credo di non sbagliare se suppongo che questo racconto faccia parte, come già ipotizzato da altri, di una storia più lunga e articolata. In realtà nel racconto attuale non accade nulla, si sta creando una base spaziale sulla luna e, chi la sta creando sono sia umani che androidi. Come sempre è ben scritto,ma manca un po' di trama. Ormai ci conosciamo da un bel numero di anni (Kutaki Harikumo o qualcosa del genere :-D), se non ho capito un tubo non sentirti in colpa a dirmelo) :lol: :lol:
P.S. Un bel 4 ci sta
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Lodovico ha scritto:
10/10/2019, 21:17
Credo di non sbagliare se suppongo che questo racconto faccia parte, come già ipotizzato da altri, di una storia più lunga e articolata. In realtà nel racconto attuale non accade nulla, si sta creando una base spaziale sulla luna e, chi la sta creando sono sia umani che androidi. Come sempre è ben scritto,ma manca un po' di trama. Ormai ci conosciamo da un bel numero di anni (Kutaki Harikumo o qualcosa del genere :-D), se non ho capito un tubo non sentirti in colpa a dirmelo) :lol: :lol:
P.S. Un bel 4 ci sta
Lodo ma come fai a ricordarti di Kutaki Arikumo, che grande!
Si la storia è nel mio cervello, fanno parte di uno dei 4 Universi che mi girano in mente al momento, prima o poi arriverà il loro momento
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Namio Intile ha scritto:
10/10/2019, 11:37
Racconto difficile da inquadrare, perché sembra faccia parte di un contesto più ampio. Bada bene, pur avendo tutto ciò che occorre a un racconto: dei protagonisti, un'intreccio e una trama (seppur resa evidente, in modo fugace, nell'ultimo periodo) e anche di una certa gradazione ascendente, ti lascia un certo amaro in bocca; una insoddisfazione, come di aver condotto qualcuno in un certo posto senza un vero perché.
Ma queste cose credo che tu le sappia benissimo.
La forma va bene, solo questo periodo: " Saldati i freni alle ruote del carrello, M-000, M-001 e M-002 si distanziarono e posizionarono una stella d'argento ciascuno sul suolo grigio, pigiarono un tasto rosso, tre raggi schizzarono in alto unendosi in una cupola. Gli androidi guidarono il carrello all'interno dei raggi, impugnarono le stampanti 3D, le accesero e iniziarono a creare l'involucro della cupola. Raggiunta la loro altezza massima, fissarono le stampanti alle porzioni di parete già stampata lasciandole lavorare in autonomia." mi pare troppo lungo e arzigogolato per un racconto di quattromila battute e meno. Ma, appunto, in un contesto più ampio…
Un nota: le regole grammaticali del discorso diretto e di quello indiretto sono identiche; altrettanto nei passaggi dall'uno all'altro.
Pertanto quando scrivi: "«Wow, non mi sembra vero.» disse M-002
«Siamo nello spazio Youssuf!» rispose M-001
«Datti una calmata, Mao.»
«Ronald, rilassati.» obiettò M-001" dovresti inserire una virgola dopo vero, e rilassati, (o nulla, prima della chiusura dei caporali è consentito). Altrimenti, dopo il punto, ma lì è un errore, il disse e l'obiettò vanno in maiuscolo. Nel secondo rigo, dopo Youssuf eviterei l'esclamativo, e invece di rispose opterei per un esclamò.
Alla prossima
Ciao Namio, grazie per le dritte ma per essere sicuro di aver capito faccio un esempio:
«Siamo nello spazio Youssuf!» Rispose M-001 oppure «Siamo nello spazio Youssuf!», rispose M-001
Dimmi che ho capito altrimenti ho bisogno di una ulteriore spiegazione
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Lodovico
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 579
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Lodovico »

Eliseo Palumbo ha scritto:
10/10/2019, 21:46
Lodo ma come fai a ricordarti di Kutaki Arikumo, che grande!
Si la storia è nel mio cervello, fanno parte di uno dei 4 Universi che mi girano in mente al momento, prima o poi arriverà il loro momento
Fanne un romanzo, secondo me tu hai bisogno di uno spazio che non siano i 10.000 caratteri, buttati sul racconto lungo, secondo me vai bene. Sì, mi ricordo di Kutaki Arikumo, quello che metteva recensioni cattivissime (non a me)! :-D
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 220
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Tre Androidi Cosmonauti

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Buona la prima, nel senso che dopo il punto esclamativo non va la virgola, ma comunque il maiuscolo.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Tre Androidi Cosmonauti

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Namio Intile ha scritto:
11/10/2019, 11:05
Buona la prima, nel senso che dopo il punto esclamativo non va la virgola, ma comunque il maiuscolo.
Grazie per la delucidazione
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Giorgio Leone
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Ciao Eliseo, molto che non ci vediamo. Prima cosa, probabilmente la più importante,hai migliorato incredibilmente la scrittura che una volta - non volermene - lasciava parecchio a desiderare.
Per quanto riguarda il resto, vado anch'io sull'onda di chi mi ha preceduto ma, per non essere monotono, te lo dico in un altro modo. Leggendo, direi dopo metà, ho cominciato a chiedermi: "chissà cosa succederà adesso: demonio di un Eliseo, deve aver preparato qualcosa di straordinario!". Le premesse per farmi la domanda c'erano infatti tutte. A parte la legittima aspettativa sempre esistente nel leggere ogni storia, la descrizione e il tratteggio dei personaggi (o mezzi personaggi perché si tratta di androidi) induceva l'attesa di qualcosa, di tragico o anche di umoristico. Verso la fine la mia tensione era ormai al diapason, ho iniziato a sudare e a tremare e mi sono detto: "sicuramente la bravura di Eliseo starà nel costringere l'avvenimento sospeso addirittura nell'ultima riga, onde ottenere il massimo dell'effetto."
Macchè, nell'ultimo periodo non è successo niente e sono rimasto come un ciula. Come leggere: "oggi siamo andati al mare, abbiamo fatto il bagno e siamo tornati". Vabbè, questo sarà anche solo l'incipit di uno sterminato romanzo, ma qualche piccola anticipazione potevi darcela!
Ultima modifica di Giorgio Leone il 11/10/2019, 18:25, modificato 1 volta in totale.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Tre Androidi Cosmonauti

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Ciao grande Giorgio! Ci incontriamo di nuovo dopo un bel po di tempo, hai ragione. Per quanto riguarda la scrittura, sperando di non passare per presuntuoso, ti do pienamente ragione, è migliorata sicuramente di netto, se dovessi toranre indietro e rileggere il mio primo racconto pubblicato in una gara mi vengono i brividi. Per quasi un anno sono "sparito" da BraviAutori ma ho continuato a scrivere in privato e su altre piattaforme dove ho potuto confrontarmi con altri autori emergenti o meno, mi è giovato molto.
Passando al racconto attuale in effetti hai ragione pure in questo caso, avrei potuto dedicare qualche riga in più e far accadere qualcosa oppure strutturare la trama in modo differente o anticipare qualcosa, mi dispiace se ho "deluso" le aspettative che si erano create durante la lettura e di averti lasciato con l'amaro in bocca, un autore(o aspirante tale) non dovrebbe mai farlo. Allo stesso tempo però devo dire che aver suscitato qualcosa in te mi fa molto piacere, lo prendo come un passo avanti.
A presto Giorgio, un abbraccio
PS grazie per aver dedicato del tempo al mio racconto
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 117
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Ripeto sicuramente ciò che è stato detto in precedenza. Così come appare in questo contesto il racconto perde parecchio del suo potenziale. Parte in quarta, ma non porta a nulla. Ha bisogno di essere ampliato magari fino a diventare un romanzo. A me personalmente non piace leggere libri di fantascienza, mentre amo il film di fantascienza, quindi chissà magari se diventasse anche un film potrei apprezzarlo.

Alessandro Mazzi
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi »

Innanzitutto scusami se ti sembrerò ripetitivo, ma come già segnalato da altri, anche secondo me il racconto potrebbe benissimo essere la base per un'argomentazione più ampia. Sia chiaro che questa non è assolutamente una nota a sfavore del testo, che trovo sia scritto davvero bene. La cronaca della partenza e del successivo allunaggio è scritta in maniera ineccepibile.
La tematica fantascientifica poi ovviamente può piacere o meno, ma al di là dei pareri soggettivi, il racconto nel suo complesso è di piacevole lettura.

Avatar utente
Isabella Galeotti
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 283
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti »

Bel racconto, che si lascia leggere. Ho trovato qualche refuso, ma di immediata soluzione. Come ho letto altri commenti, sembra un capitolo, tratto da un libro di racconti di fantascenza. Onestamente non mi ha trasmesso nulla, forse perchè i brani di questo genere non mi appassionano poi tanto. voto 3
Immagine

Giada.Trix
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 12/11/2019, 21:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giada.Trix »

Ciao Eliseo, sono molto appassionata di questo genere di racconti, per cui a mio parere è molto bello, mi piace l'atmosfera. Sarebbe stato molto interessante secondo me, visto che credo si tratti di un futuro molto lontano, se gli androidi fossero andati oltre la luna,molto più lontano, ma magari è solo l'inizio :)

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Stefyp ha scritto:
15/10/2019, 23:16
Ripeto sicuramente ciò che è stato detto in precedenza. Così come appare in questo contesto il racconto perde parecchio del suo potenziale. Parte in quarta, ma non porta a nulla. Ha bisogno di essere ampliato magari fino a diventare un romanzo. A me personalmente non piace leggere libri di fantascienza, mentre amo il film di fantascienza, quindi chissà magari se diventasse anche un film potrei apprezzarlo.
Magari! Sarebbe un sogno, un produttore si ritrova per caso questo stralcio e mi contatti per farne una pellicola, ma appunto resterà solo un sogno. Intanto sto lavorando al mio primo romanzo da autopubblicare, in futuro arriverà qualcosa sugli androidi pure
Isabella Galeotti ha scritto:
19/10/2019, 18:53
Bel racconto, che si lascia leggere. Ho trovato qualche refuso, ma di immediata soluzione. Come ho letto altri commenti, sembra un capitolo, tratto da un libro di racconti di fantascenza. Onestamente non mi ha trasmesso nulla, forse perchè i brani di questo genere non mi appassionano poi tanto. voto 3
Mi puoi indicare i refusi per favore?
Giada.Trix ha scritto:
14/11/2019, 21:59
Ciao Eliseo, sono molto appassionata di questo genere di racconti, per cui a mio parere è molto bello, mi piace l'atmosfera. Sarebbe stato molto interessante secondo me, visto che credo si tratti di un futuro molto lontano, se gli androidi fossero andati oltre la luna,molto più lontano, ma magari è solo l'inizio :)
Nell'universo che ho creato per loro diciamo che è un futuro lontano sì, ma non troppo, per questo mi sono fermato "solo" sulla Luna
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Alessandro Mazzi ha scritto:
17/10/2019, 19:39
Innanzitutto scusami se ti sembrerò ripetitivo, ma come già segnalato da altri, anche secondo me il racconto potrebbe benissimo essere la base per un'argomentazione più ampia. Sia chiaro che questa non è assolutamente una nota a sfavore del testo, che trovo sia scritto davvero bene. La cronaca della partenza e del successivo allunaggio è scritta in maniera ineccepibile.
La tematica fantascientifica poi ovviamente può piacere o meno, ma al di là dei pareri soggettivi, il racconto nel suo complesso è di piacevole lettura.
Grazie, ovviamente faccendo ammenda per non aver scritto un racconto autoconclusivo
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Buon racconto secondo me, senza particolari scossoni ma che mi lascia la voglia di leggere il prossimo capitolo. Sono curiosa di sapere cosa combineranno questi cosmonauti... . L’unica frase che non mi ha convinto è: “le stampanti alle porzioni di parete già stampata”, non mi suona bene. Invece la frase finale è molto bella. Voto 4.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Selene Barblan ha scritto:
04/12/2019, 6:58
Buon racconto secondo me, senza particolari scossoni ma che mi lascia la voglia di leggere il prossimo capitolo. Sono curiosa di sapere cosa combineranno questi cosmonauti... . L’unica frase che non mi ha convinto è: “le stampanti alle porzioni di parete già stampata”, non mi suona bene. Invece la frase finale è molto bella. Voto 4.
Prima o poi arriverà il seguito, grazie per aver letto
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Giampiero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 23/12/2010, 17:31

Author's data

COMMENTO

Messaggio da leggere da Giampiero »

Mi unisco al coro di chi ha immaginato il racconto parte di un lavoro più ampio. In ogni caso mi sembra un buon incipit, e avrei proseguito volentieri con la lettura. Le descrizioni hanno infatti plasticità e lo scenario è alquanto dinamico. Sembra quasi di vederli i tre cosmonauti che, schiacciati ai loro schienali, si aggrappano al tubo d’acciaio. Bella anche la scena di Mr. Pink che si avvicina al vetro, facendo finta di schiacciare le “formichine” contro la parete trasparente. Ho pensato a una specie di personalità deviata del ricco magnate.
La paura è un cavallo con le ali: una volta lanciato al galoppo perde il contatto con il suolo e incomincia a volare.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: COMMENTO

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Giampiero ha scritto:
09/12/2019, 18:34
Mi unisco al coro di chi ha immaginato il racconto parte di un lavoro più ampio. In ogni caso mi sembra un buon incipit, e avrei proseguito volentieri con la lettura. Le descrizioni hanno infatti plasticità e lo scenario è alquanto dinamico. Sembra quasi di vederli i tre cosmonauti che, schiacciati ai loro schienali, si aggrappano al tubo d’acciaio. Bella anche la scena di Mr. Pink che si avvicina al vetro, facendo finta di schiacciare le “formichine” contro la parete trasparente. Ho pensato a una specie di personalità deviata del ricco magnate.
Contento che ti sia piaciuto e contento di aver colto la personalità di Pink.
Grazie per la lettura.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BReVI AUTORI - volume 2

BReVI AUTORI - volume 2

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Daniele Missiroli, Fausto Scatoli, Angela Di Salvo, Francesco Gallina, Thomas M. Pitt, Milena Contini, Massimo Tivoli, Franca Scapellato, Vittorio Del Ponte, Enrico Teodorani, Umberto Pasqui, Selene Barblan, Antonella Jacoli, Renzo Maltoni, Giuseppe Gallato, Mirta D, Fabio Maltese, Francesca Paolucci, Marco Bertoli, Maria Rosaria Del Ciello, Alberto Tivoli, Debora Aprile, Giorgio Leone, Luca Valmont, Letteria Tomasello, Alberto Marcolli, Annamaria Vernuccio, Juri Zanin, Linda Fantoni, Federico Casadei, Giovanna Evangelista, Maria Elena Lorefice, Alessandro Faustini, Marilina Daniele, Francesco Zanni Bertelli, Annarita Petrino, Roberto Paradiso, Alessandro Dalla Lana, Laura Traverso, Antonio Mattera, Iunio Marcello Clementi, Federick Nowir, Sandra Ludovici.
Vedi ANTEPRIMA (177,17 KB scaricato 112 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Mai Più

Mai Più

Antologia di opere grafiche e letterarie aventi per tema il concetto del MAI PIÙ in memoria del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, di AA.VV.

Nel 2018 cade il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, perciò abbiamo voluto celebrare quella follia del Genere umano con un'antologia di opere grafiche e letterarie di genere libero aventi per tema il concetto del "mai più".

Copertina di Pierluigi Sferrella.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Alessandro Carnier, Romano Lenzi, Francesca Paolucci, Pasquale Aversano, Luisa Catapano, Massimo Melis, Alessandro Zanacchi, Furio Bomben, Pierluigi Sferrella, Enrico Teodorani, Laura Traverso, F. T. Leo, Cristina Giuntini, Gabriele Laghi e Mara Bomben.
(info e commenti).
Compralo su    amazon

Antologia visual-letteraria (Volume due)

Antologia visual-letteraria (Volume due)

Antologia dedicata agli animali

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per la seconda antologia di BraviAutori.it. I ricavati saranno interamente devoluti al sostentamento di una comunità felina abbandonata sita nei pressi del Nucleo industriale di Longarone, Belluno, a poche centinaia di metri dalla diga del Vajont.
A cura di Massimo Baglione e Alessandro Napolitano.

Contiene opere di: Paolo Maccallini, Gianluca Gendusa, Pia Barletta, Angela Di Salvo, Miriam Mastrovito, Alessandro Napolitano, Valentina Margio, Gilbert Paraschiva, Enrico Arlandini, Elena Piccinini, Stefano di Stasio, Eugenio De Medio, Celeste Borrelli, Luisa Catapano, Anna Maria Folchini Stabile, Giovanni Minio, Gemma Cenedese, Antonio Giordano, Rodolfo Vettorello, Cosimo Vitiello, Damiano Giuseppe Pepe, Patrizia Birtolo, Pietro Rainero, Roberto Stradiotti, Anna Giraldo, Maria Rizzi, Vittorio Scatizza, Paolo Frattini, Matteo Mancini, Piergiorgio Annicchiarico, Fabrizio Siclari, Emanuela Cinà, Laura Maria Rocchetti.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,10 MB scaricato 640 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara di primavera 2019 - La contessa, e gli altri racconti

Gara di primavera 2019 - La contessa, e gli altri racconti

(primavera 2019, 49 pagine, 777,86 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Mazzi, Angelo Ciola, Aurora Gallo, Daniele Missiroli, Draper, Fausto Scatoli, Gabriele Ludovici, Laura Traverso, L.Grisolia, Namio Intile, N.B. Panigale, Marco Daniele, Roberto Bonfanti, Selene Barblan, Tiziana Emanuele,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (777,86 KB) - scaricato 57 volte.
oppure in formato EPUB (354,48 KB) (vedi anteprima) - scaricato 38 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

(giugno/luglio 2016, 35 pagine, 1,73 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Nunzio Campanelli, Massimo Tivoli, Carlocelenza, Stefania Di Giannantonio, Mirtalastrega, Skyla74, Patrizia Chini, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone,
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (1,73 MB) - scaricato 154 volte.
oppure in formato EPUB (583,49 KB) (vedi anteprima) - scaricato 152 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 31 - Oops! – piccola enciclopedia degli errori

La Gara 31 - Oops! – piccola enciclopedia degli errori

(giugno 2012, 25 pagine, 1,32 MB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Ser Stefano, Nathan, Lorella15, Lodovico, Roberta Michelini, Umberto Pasqui, Tuarag, Alhelì, Simone Pelatti,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,32 MB) - scaricato 439 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.