Amici per sempre

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2019.

Vota qui:

Sondaggio concluso il 23/12/2019, 23:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
13%
3 - si lascia leggere
2
13%
4 - è bello
8
50%
5 - mi piace tantissimo
4
25%
 
Voti totali: 16

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 181
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Amici per sempre

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Giacomo si alza dal letto e inizia faticosamente a girare per casa in pigiama. La luce del giorno filtra attraverso le persiane lasciate socchiuse perché, anche se è mattina presto, fa già caldo. In bagno si lava la faccia, in cucina annaffia qualche piantina, mette dei croccantini in una scodella per terra e cambia l’acqua della ciotola.
«Balù, vieni, la pappa è pronta.»
Il cane, però, non si vede.
Il campanello squilla e va ad aprire la porta. C’è un’altra persona anziana, con una valigia in mano, che gli sorride. Si stringono con affetto dandosi vigorose pacche sulle spalle.
«Eccomi qua, Giacomo, come ti avevo promesso.» dice il nuovo venuto. «Appena arrivato mi sono precipitato da te, prima ancora di andare a casa.»
«Hai fatto bene, Vanni, tanto lì non c’è nessuno. Mi hai fatto aspettare, ma alla fine eccoti qua. Entra, sarai stanco per il viaggio.»
«Lo sono, ma non vedevo l’ora di abbracciarti. Sono passati sei mesi dall'ultima volta che ci siamo visti.»
Si siedono al tavolo della cucina.
«Ti trovo così così, l'ultimo periodo non deve essere stato facile per te. Sei pallido come un morto!» dice il padrone di casa.
«Tu invece sei uguale all’ultima volta che ti ho visto, e pure tu non eri esattamente il ritratto della salute.»
Ridono di gusto e Vanni si accende una sigaretta.
«Adesso basta con i complimenti. Dai, beviamoci un bicchiere.»
«Ma non è un po’ troppo presto?»
«E chi se ne frega, ormai possiamo fare quello che vogliamo. Inoltre oggi dobbiamo festeggiare.»
Ridono ancora e brindano, restando poi qualche tempo in silenzio, presi dai ricordi. Riprende a parlare Vanni.
«E di te che mi dici, sempre solo soletto?»
«Lo sai bene che c’è sempre il mio cane a farmi compagnia. Tra noi c’è un’amicizia più unica che rara. Balù, vieni a mangiare, non hai fame oggi?»
Fischia, ma il cane non compare.
«Già, il tuo cane. Ma sei proprio sicuro che possa ancora venire da te?»
«Ma certo che può! Balù, dove ti sei cacciato?»
Vanni scuote la testa tristemente.
«Lo vedi che non viene? Te lo dico da amico, ormai non può più farlo.»
«Ti sbagli di grosso! Viene tutti i giorni almeno un paio di volte, si fa fuori i croccantini in un attimo, poi si accuccia ai miei piedi.»
«Sicuro di non immaginartelo? Non pensi che ormai sia solo nei tuoi ricordi?»
«Ma perché dici così?»
Vanni esita un attimo, poi si fa coraggio. Questa cosa non la voleva dire, ma non sa che altro fare.
«Perché la morte alza barriere invalicabili.»
«Ma l'amicizia che c’è tra me e lui è più forte di qualunque barriera! Chiamalo pure miracolo, se vuoi, ne sono stupito io per primo.»
Vanni sta per ribattere qualcosa, ma in quel momento entra il cane che abbaia felice al padrone e divora la pappa. Poi si allunga sul pavimento scodinzolando.
«È proprio Balù, lo riconosco.» dice Vanni sbalordito e frastornato «Ma com’è possibile?»
«Quindi lo vedi anche tu! Che dici, siamo in due a immaginarcelo?»
«Ti chiedo scusa, avevo torto.»
«Non ti preoccupare, facciamoci un altro calice alla salute di tutti e tre.»
Versa da bere.
«Alla nostra!»
«A noi! Evviva Balù!»

Al cimitero un cane è accucciato davanti a una tomba. Un uomo e una donna, che mettono fiori su quella accanto, lo guardano inteneriti.
«Che cane straordinario! Da quando il suo padrone è morto sei mesi fa, non si da pace e tutti i giorni, bello o cattivo tempo che sia, viene a trovarlo e se ne sta buono buono ai piedi della lapide.»
«Una storia incredibile e commovente, Balù è un cane unico. Spesso si addormenta e, ogni tanto, se ne va chissà dove. E pensare che tutti nel quartiere fanno a gara a offrirgli del cibo, ma lui rifiuta sempre.»
«Dio solo sa dove va a mangiare. Giacomo era solo al mondo e aveva come compagnia solo i suoi cani, Balù è stato l’ultimo. Ah no, mi sto sbagliando, aveva anche un amico, un compagno di scuola, un altro solitario. Si è occupato lui del funerale e di questa tomba. Ma tu pensa, l’hanno seppellito proprio ieri.»
Ultima modifica di Giorgio Leone il 12/11/2019, 9:09, modificato 4 volte in totale.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Lodovico
Terza pagina
Messaggi: 575
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lodovico »

Eh niente, mi piace molto. Bella storia, se vuoi un po' prevedibile, in un certo senso, ma molto bella. Appunto per questo io avrei fatto una sfida al lettore. Avrei terminato il racconto dove tu hai lasciato lo spazio, dove si dice "Evviva Balù", forse, ma solo forse, dando qualche piccolo indizio che i due amici avessero già fatto il grande passo. Può darsi che non sarebbe stato molto comprensibile, ma avrebbe, per me avuto più appeal. Comunque mi è piaciuto.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Diego.G
Foglio bianco
Messaggi: 33
Iscritto il: 13/09/2019, 18:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Diego.G »

Mi è piaciuto parecchio fino ad "Eevviva Balù". Non perché non ci stia una spiegazione, ma l'avrei lasciata più vaga, del tipo "è così, ma non te lo dico". Da quel punto in poi sembra, dallo stile di scrittura, terminato da qualcun altro: avrei continuato nello stesso stile, che ripeto mi piace in quanto scorrevole e piacevole. Solo un piccolo appunto: in «Già, tuo cane. Ma sei proprio sicuro che possa ancora venire da te?» Manca l'articolo vero?
Continuerò a seguirti.
Buona scrittura :-)

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 181
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Re: Amici per sempre

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Grazie a Diego.G. Effettivamente l'articolo mancava, così ho corretto. Maledetti refusi, sono peggio dei cookies!
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 181
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Re: Amici per sempre

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Sempre pronto ad accettare suggerimenti ed anche a recepirli, questa volta resto un po' spiazzato da quanto rilevato da Lodo e ripreso da Diego. Nella mia mente tutto si giocava sul fatto che il lettore venisse portato a credere che i due amici fossero vivi e il cane morto ("vivo" solo nella mente del padrone). Poi, invece, si scopre che i due amici sono morti e il cane vivo e vegeto, capace però di raggiungere in modo misterioso il suo ex padrone. Secondo me, se manca la seconda parte (che ingenuamente speravo non fosse così prevedibile) il racconto a mio avviso diventa un racconto non racconto. Quanto agli indizi della morte dei due, già ci sono («Ti trovo così così, l'ultimo periodo non deve essere stato facile per te. Sei pallido come un morto!» .... «Tu invece sei uguale all’ultima volta che ti ho visto, e pure tu non eri esattamente il ritratto della salute.», dopo di che ridono di gusto), ma per non "perdersi nel nulla" devono sempre a mio avviso essere confermati dalla seconda parte la quale, naturalmente, non può che essere diversa dalla prima nello stile: diverso il contesto e diversi gli attori, tranne Balù che, però, sta zitto.
Non vorrei però essere frainteso, non è che non apprezzi il vostro punto di vista, ho voluto solo puntualizzare il mio. Anche se, quando uno deve puntualizzare, probabilmente in qualche modo non ha reso al 100% quello che aveva in testa. Grazie ancora.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 349
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Bel racconto. In parte concordo con i commenti precedenti: l’epilogo, che pure dà un senso compiuto alla vicenda, forse perde un po’ di quella spontaneità e freschezza che caratterizza il resto della narrazione. Dico che sono d’accordo in parte perché non saprei come riagganciare quegli indizi (sono passati sei mesi dall'ultima volta che ci siamo visti, sei pallido come un morto, ormai possiamo fare tutto quello che vogliamo ecc.) che trovano soluzione nel finale.
Veramente ben descritto, con un abile uso dei dialoghi, il rapporto fra i due vecchi amici e fra Giacomo e Balù; ho trovato particolarmente azzeccato quello scambio di battute sulla morte e l’amicizia, in fondo sono il significato di tutta la storia.

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Racconto molto bello. A me è piaciuto tutto, anche la seconda parte che, ho letto nei commenti, qualcuno non ha convinto. Io trovo sia, la seconda parte, indispensabile per capire la prima. C'è un bel "gioco" tra i vivi e i non, che magari subito non si capisce ma poi sì, si comprende e si apprezza. L'autore racconta di un tema a me particolarmente caro; gli animali, in questo caso un cane. Contiene un bel finale anche: tutti e tre si sono ritrovati (in un mondo migliore, secondo me...). Bravo Giorgio, il tuo scritto è ben costruito, con bei dialoghi, ed è inoltre molto particolare; racconta di molti aspetti fondamentali dell'esistenza: l'amicizia, l'amore, la vita e la morte.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 407
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Amici per sempre

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Ciao Giorgio, gran bel racconto, scritto molto bene come al solito, mi sono piaciuti i dialoghi e il messaggio di fondo.
A essere sincero all'inizio avevo capito che fosse morto il cane e che i due fossero ancora viva, quegli indizi non li avevo intuiti, poi però appena è spuntato il cane mi sono bloccato un attimo, stavo per confondermi, ma per mia fortuna mi si è accesa la lampadina.
La parte finale ci sta e non ci sta: ci sta perché da la conferma di come siano andate le cose, non ci sta perché magari avresti potuto "spiegarlo meglio" in precedenza, ma questo è solo il mio modestissimo parere e sono sicuro che tu avessi in mente un'idea ben precisa prima di scriverlo, non hai di sicuro battuto i tasti della tastiera a caso.
Se ci fosse bisogno di eventuale conferma lo scrivo chiaro: mi è piaciuto molto, massimo dei voti
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 114
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Cani ed accanimento, così potremmo sintetizzare il racconto.
Il cane, Balù ricorda Hachiko, il celebre cane, di razza Akita inu bianco, nipponico che per dieci anni, dopo la morte improvvisa del suo padrone si recava ogni giorno invano alla stazione di Shibuya per attenderlo.
Queste anime mortali dotate di funzione vegetativa e funzione sensitiva, secondo il pensiero aristotelico non godono di funzione razionale.
Questo le rende mortali a differenza delle anime umane che notoriamente come “optional” :D sono dotate pure di funzione razionale.
La condivisione dell’anima sensitiva tra esseri umani ed animali, e spesso in questi ultimi più sviluppata, rende gli animali tanto cari agli esseri umani: intesi come animali razionali.
In breve: Gli animali sono incapaci di pensiero trascendente pertanto non possono elevarsi sopra la materia. Questa è la ragione per cui le loro anime sono mortali.
Cristiani, ebrei e mussulmani ritengono che gli animali abbiano anima mortale basandosi su quanto sopra. Viceversa buddisti ed induisti pensano che le anime degli animali siano immortali e possano trasmigrare.
Il pensiero trascendente e razionale tuttavia non è materia. Questo penso possano condividerlo tutti.

Passiamo quindi dai cani all’accanimento.
Trattasi di accanimento al materialismo, che nasconde un’insidia non da poco.
Semplificando all’osso: L’aldilà non è una sostanziale fotocopia dell’aldiquà, non è una replica migliorata di questo mondo.
Quello, sarà veramente un mondo nuovo. Altro che bischerate da calendario. :-D

Quindi riassumendo:
1) Il cane Balù sopravvive ai due esseri umani. Vanni sottolinea che la morte alza barriere invalicabili e Giacomo sostiene che l’amicizia permette di superarle. Cosa possibile, almeno da un punto di vista razionale, solamente fino alla morte di quella bestia di Balù.
2) Giacomo sostiene e porta avanti un messaggio insidioso e che non condivido. Una volta andato avanti. Oggetti materiali come pigiama, bicchiere e quant'altro, sempre da un punto di vista razionale, non esistono, non servono, non ci sono … è accanimento alla materia e trasmette un messaggio infido. :roll:

Come noto il mio giudizio si basa sulla sostanza del messaggio trasmesso più che sulla forma del testo.
Il testo è ben scritto ed a mio vedere il tuo intento di invertire le parti tra morti e vivi è riuscito bene.
Anche la distinzione tra prima e seconda parte la apprezzo e non la cambierei affatto. La questione è molto simile a quella della bischerata del calendario. A mio vedere serve e la lascerei proprio così ed in quella forma.
Ciò premesso, e solo per quanto al punto 2), di cui sopra, il mio giudizio è equivalente al valore del punto: quindi 2.
"Mi piace pochino", proprio per quell’aldilà scaduto così in basso e per il messaggio che trasmette troppo accanito verso la materia, quanto la fedeltà del buon Balu' verso il padrone, Giacomo: più animale che razionale. :-D

A rileggerci.

:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 181
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Re: Amici per sempre

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

"Semplificando all’osso: L’aldilà non è una sostanziale fotocopia dell’aldiquà, non è una replica migliorata di questo mondo... Quello, sarà veramente un mondo nuovo. Altro che bischerate da calendario... è accanimento alla materia e trasmette un messaggio infido... quell’aldilà scaduto così in basso..."
Mi hai convinto, però sotto quest'aspetto anche la Divina Commedia - specie l'Inferno con le punizioni corporali - fa veramente schifo.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 114
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Re: Amici per sempre

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Dipende.
A 35 anni Alighieri si ritrova in una selva oscura: si legga peccato.
La sua visione è piuttosto offuscata e tante cose ammette lui stesso di neppure capirle.
In questo viaggio si fa accompagnare da Virgilio che rappresenta la funzione razionale della sua anima.

Inizia ed intraprende un viaggio che è lo stesso che noi tutti dovremmo compiere durante la vita intesa come via d'ascesa verso la sommità della montagna che conduce al Paradiso.
Raggiunta quella sommità saremo Anime con l'iniziale maiuscola.
Durante questo viaggio la "zavorra materiale" viene, appiglio dopo appiglio, lasciata indietro.

Chiaramente l'Alighieri stordito che si attacca al primo appiglio della scalata vede e spiega al lettore il mondo dal lato che meglio conosce, ovvero quello in cui la materia fa da padrona. A suo vedere il mondo che lo circonda.
Poi man mano che sale, sentendosi più leggero per la "zavorra materiale" persa e forte dello spirito guadagnato comincia a speculare su questioni meno materiali.

A mio vedere Divina Commedia ed il racconto non sono comparabili, salvo Giacomo e Vanni si trovino all'inferno nel girone degli "storditi furbi e raccomandati dal gran capo dei demoni in persona", per cui hanno qualche "lieve" privilegio rispetto agli altri dannati, ma in questo caso mancano alcune premesse che nella Divina Commedia ci sono. :-D

Attenzione Giorgio, a mio vedere il tuo racconto non fa per nulla schifo, non vorrei ci sia fraintendimento in questo. Solamente non mi piace troppo quella visione sbiadita e fin troppo zavorrata dell'aldilà che visto dalla selva oscura dell' aldiquà, forse potrebbe anche essere concepito erroneamente in tal modo, ma da questo è, a mio sentire, cosa completamente diversa.

A rileggerci.

:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

COMMENTO

Messaggio da leggere da Frdellaccio »

Ciao Giorgio, un bel racconto. Un racconto positivo, che parla di speranza che tutti, a prescindere da quello in cui crediamo, avremo ancora un dopo. Bello che questo tema non venga trattato in modo melenso.

Si capiva che c'era un "morto che tornava" ma fino all'ultimo sono rimasto in bilico tra il cane e uno dei due amici.

Unico appunto, se posso permettermi, ho trovato troppo fredda l'introduzione del paragrafo ambientato al cimitero (" ora siamo al cimitero...").

Voto: 4

Ciao
Francesco

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

A me purtroppo, al contrario di Eliseo, non si è accesa nessuna lampadina leggendo il racconto. Mi si è accesa poi scorrendo i commenti. Allora l'ho riletto e ho capito! Apprezzo l'idea, ma la realizzazione non mi ha convinto. Mi aspetto qualcosa di più dall'aldilà, perché se ci dobbiamo ancora trascinare affaticati e solitari non è che cambi poi molto rispetto ad ora.

Alessandro Mazzi
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi »

Il racconto nel complesso è scritto molto bene: stile fluido e scorrevolissimo, nessun refuso da segnalare. Nella prima parte l'autore è bravo a darci il ritratto di quello che sembrerebbe essere un normale episodio di vita quotidiana. Nella seconda parte è altrettanto bravo a capovolgere le carte in tavola e spiazzare il lettore.
Nel complesso un buon racconto decisamente godibile. Unica nota stonata a mio avviso è l'attacco della seconda scena, con la frase "ora siamo al cimitero". In ogni caso nulla che vada ad influire sull'efficacia del racconto.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 283
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti »

Bel racconto, ma non mi ha preso molto. L'ho letto tutto, ma siccome non ho capito il doppio senso, sono arrivata alla fine a bocca asciutta. Quindi l'ho riletto. Poi ho letto tutti i commenti. Ed ho compreso che le carte potevano essere anche capovolte. Scritto bene, personaggi con un bel profilo, ed un adorabile Cagnolino. Voto 3
Immagine

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 152
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Gradevole il racconto, se non altro per il tentativo di capovolgimento che provi sin dalle prime battute. Dico provi per perché a mio avviso dovevi lasciare ai due amici defunti il compito di lasciar immaginare al lettore; cosa che già in parte nelle battute iniziali tenti. Il periodo finale, anche graficamente lontano dal racconto, spiega ma lascia l'amaro in bocca, la soluzione viene calata dall'alto, quasi un deus ex machina, e non scaturisce dai protagonisti.

Avatar utente
Daniele Missiroli
Necrologista
Messaggi: 210
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli »

Lo ammetto, mi hai spiazzato. Per me era normale che l'anziano credesse che il cane fosse vivo e immaginasse di vederlo, ma quando arriva, la risposta più semplice che mi potevo dare era che fosse l'amico a essersi sbagliato. Infatti lui lo ammette. La seconda parte credo vada inserita e stia bene così, come se fosse scritta da un altro. Siamo passati dal mondo virtuale a quello reale e così deve essere per aumentare nel lettore la consapevolezza. Come quasi tutte le storie con sopresa finale, è bene leggerlo due volte. Infatti, la seconda volta l'ho apprezzato di più. Bello!

Avatar utente
Carol Bi
Pubblicista
Messaggi: 51
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi »

Non ho parole. Sarà che ho perso il mio amatissimo amico peloso da poco e sono particolarmente sensibile all'argomento, ma ho pianto a dirotto, in modo incontrollabile. Non voglio dilungarmi nell'elencare tutte le meravigliose doti dei nostri amici a quattro zampe, ma voglio solo dirti che il racconto mi ha emozionato moltissimo. Grazie.

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 181
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Re: Amici per sempre

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Grazie, Francesco, ho recepito il tuo ottimo suggerimento.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 232
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ho letto il racconto più volte ed ogni volta l’ho apprezzato di più perché ho potuto coglierne nuove sfumature. Mi è sembrato inizialmente un testo semplice, scorrevole e di primo impatto ha suscitato in me tenerezza per l’affetto dimostrato da Balù, ma anche dal suo amico umano. Entrambi si incontrano ai confini, hanno ancora bisogno l’uno dell’altro. Rileggendo più attentamente mi sono potuta distaccare dal finale e concentrarmi di più sulla parte centrale dove trovo che gli “indizi” seminati dall’autore riescano in modo molto sottile a dirottare il pensiero del lettore in modo da poterlo sorprendere alla fine. Trovo che questo sia il punto forte del racconto, che secondo me è ben studiato ed efficace. Come dicevo poi il linguaggio è diretto, senza troppi fronzoli e coerente, rappresenta bene quello che potrebbe essere un dialoghi tra amici di lunga data.
Unico aspetto che mi convince un po’ meno è forse il finale; avrei staccato dalla parte iniziale e centrale evitando il discorso diretto, continuando come nelle prime righe della conclusione (per dare una sensazione di “visione da lontano” non so se mi spiego).
In sintesi il racconto mi è piaciuto e lo trovo ben scritto (voto 4).

P.s ho modificato il commento che avevo già inserito perché mi era sembrato un po’ sbrigativo...

Giampiero
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 23/12/2010, 17:31

Author's data

COMMENTO

Messaggio da leggere da Giampiero »

A mio modesto avviso in questo racconto deve essere colta l'ironia che alita in ogni dove (con un ritorno di riflessione sui dialoghi). È ottimo, un cambio di scena che non ti aspetti, quindi lo considero molto originale. Non cambierei nulla, se non affrettarmi a mettere l'accento alla terza persona del verbo dare nella frase che ti segnalo.

… «Che cane straordinario! Da quando il suo padrone è morto sei mesi fa, non si da pace e tutti i giorni…
La paura è un cavallo con le ali: una volta lanciato al galoppo perde il contatto con il suolo e incomincia a volare.

Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 28 - L'ultima notte

La Gara 28 - L'ultima notte

(febbraio 2012, 54 pagine, 1,94 MB)

Autori partecipanti: Nathan, Luigi Bonaro, Giorgio Arcari, Licetti, Ser Stefano, Antonella P, Arditoeufemismo, Jane 90, Lodovico, Flavio Graser, Angela Di Salvo, Roberta Michelini, Kutaki Arikumo, Tuarag, Unanime Uno, StillederNacht, Cordelia, ConcettaS, Mariadele, Lorella15, Alhelì, Morgana Bart, Bludoor, Diego Capani,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,94 MB) - scaricato 573 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 6 - Un racconto in una fotografia

La Gara 6 - Un racconto in una fotografia

(luglio 2009, 34 pagine, 309,09 KB)

Autori partecipanti: Massimo Baglione, Candido Bottin, Carlocelenza, Cmt, Manuela Costantini, Gio, Jean, Dino Licci, Macripa, Miriam, Pia, Ranz, Snuff,
A cura di Alessandro Napolitano e Dafank.
Scarica questo testo in formato PDF (309,09 KB) - scaricato 412 volte.
oppure in formato EPUB (230,74 KB) (vedi anteprima) - scaricato 217 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

(giugno/luglio 2016, 35 pagine, 1,73 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Nunzio Campanelli, Massimo Tivoli, Carlocelenza, Stefania Di Giannantonio, Mirtalastrega, Skyla74, Patrizia Chini, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone,
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (1,73 MB) - scaricato 149 volte.
oppure in formato EPUB (583,49 KB) (vedi anteprima) - scaricato 149 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


256K

256K

256 racconti da 1024 Karatteri

Raccolta delle migliori opere che hanno partecipato alla selezione per l'antologia 256K. Ci sono 256 racconti da non più di 1024 battute. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro della fantascienza italiana Valerio Evangelisti. Ogni pagina, è corredata da una cronologia dei vecchi computer dagli anni '50 agli '80. A ogni autore è stato inoltre assegnato un QR Code. Da non perdere!
A cura di Massimo Baglione e Massimo Fabrizi
con la partecipazione di: Alessandro Napolitano e Paolo Oddone.

Contiene opere di: Alberto Tristano, Roberto Guarnieri, Ramona Cannatelli, Ser Stefano, Giorgio Aprile, Gianluca Santini, Matteo Mancini, Giorgia Rebecca Gironi, Mariella Vallesi, Tommaso Chimenti, Diego Salvadori, Giulia Conti, Beatrice Traversin, Maria Cristina Biasoli, Massimiliano Campo, Il Cazzaro di 6502, Polissena Cerolini, Patrizia Birtolo, Paolo Capponi, Paolo Cavicchi, Luca Romanello, Igor Lampis, Diego Di Dio, Leonardo Boselli, David Parronchi, VS, Antonella Tissot, Sam L. Basie, Annamaria Trevale, Bruno Ugioli, Ilaria Spes, Bruno Elpis, Massimiliano Prandini, Andrea Marà, Riccardo Fumagalli, Joshi Spawnbrød, Daniele Picciuti, Gian Filippo Pizzo, Flavio Valerio Nervi, Ermanno Volterrani, Manuela Costantini, Matteo Carriero, Eva Bassa, Lorenzo Pompeo, Andrea Andreoni, Valeria Esposito, Stefano Caranti, Riccardo Carli Ballola, Stefano Pierini, Giuseppe Troccoli, Francesco Scardone, Andrea Cavallini, Alice Chimera, Cosimo Vitiello, Mariaeleonora Damato, Stefano Mallus, Sergio Oricci, Michele Pacillo, Matteo Gambaro, Angela Di Salvo, Marco Migliori, Pietro Chiappelloni, Sergio Donato, Ivan Visini, Ottavia Piccolo, Ester Mistò, Alessandro Mascherpa, Gianmarco Amici, Raffaella Munno, Michele Campagna, Diego Bortolozzo, Lorenzo Davia, Marco Solo, Gianluca Gendusa, Caterina Venturi, Lorenzo Crescentini, Silvia Tessa, Simona Aiuti, Chiara Micheli, Anna Tasinato, Valentina Giuliani, Giulio D'Antona, Maria Francesca Cupane, Veruska Vertuani, Giacomo Scotti, Chiara Zanini, Lorenzo Fontana, Tiziana Ritacco, Margherita Lamatrice, Aurora Torchia, Luigi Milani, Maurizio Brancaleoni, Gloria Scaioli, Filomena, Piergiorgio Annicchiarico, Morik Chadid, Chiara Perseghin, Massimo Ferri, Simone Messeri, Davide Dotto, Serena M. Barbacetto, Roberto Bernocco, Anthony Strange, Cristian Leonardi, Fabiola Lucidi, Roberto Bommarito, Antonio Russo De Vivo, Giacomo Gailli, Giovanni Duminuco, Federico Pergolini, Fabrizio Leonardi, Amigdala Pala, Natale Figura, Celeste Borrelli, Francesca Panzacchi, Andrea Basso, Giacomo Inches, Umberto Pasqui, Mario Frigerio, Luigi Bonaro, Luca Romani, Anna Toro, Giuseppe Varriale, Maria Lipartiti, Marco Battaglia, Arturo Caissut, Stefano Milighetti, Davide Berardi, Paolo Secondini, Susanna Boccalari, Andrea Indiano, Alexia Bianchini, Penelope Mistras, Anna Grieco, Samantha Baldin, Serena Bertogliatti, Valentina Carnevale, Gloria Rochel, Andrea Leonelli, James Carroll Wish, Marco Ferrari, Giovanni Ferrari, Mew Notice, Maurizio Vicedomini, Paride Bastuello, Alessandra Lusso, Mirko Giacchetti, Francesco Manarini, Massimo Rodighiero, Daniela Piccoli, Alessandro Trapletti, Marco Tomasetto, Conrad, Giovanni Sferro, Morgana Bart, Omar Spoti, Massimo Conti, Andrea Donaera, Roberto Alba, Libeth Libet, Angela Rosa, Valentina Coscia, Antonio Matera, Fabio Brusa, Stefano Olivieri, Isabella Galeotti, Chiara de Iure, Ilaria Ranieri, Lorenzo Valle, Francesco Fortunato, Valentina Tesio, Elena Pantano, Maria Basilicata, Antonio Costantini, Riccardo Delli Ponti, Giovanna Garofalo, Eliseo Palumbo, Federica Neri, Alessandro Napolitano, Stefano Valente, Linda Bartalucci, Luisa Catapano, Diego Cocco, Riccardo Sartori, Dario Degliuomini, Gianni Giovannone, Nicola Fierro, Federico Marchionni, Romeo Mauro, Francesco Azzurli, Filippo Pirro, Luca Marinelli, Triptil Pazol, Marco Sartori, Iunio Marcello Clementi, Maria Lucia Nosi, Valentina Vincenzini, Jacopo Mariani, Diletta Fabiani, Lodovico Ferrari, Paolo Franchini, Tullio Aragona, Davide Corvaglia, Davide Figliolini, Beniamino Franceschini, Roberto Napolitano, Valeria Barbera, Federico Falcone, Stefano Meglioraldi, Eugenia Bartoccini, Andrea Gatto, Sonia Galdeman, Filomena Caddeo, Dario D'Alfonso, Chantal Frattini, Viola Cappelletti, Maria Stella Rossi, Serena Rosata, Francesco Di Mento, Giuseppe Sciara, Mario Calcagno, Tanja Sartori, Andrea Giansanti, Lorenzo Pedrazzi, Alessio Negri Zingg, Ester Trasforini, Daniele Miglio, Viola Killerqueen Lodato, Delos Veronesi, Giuseppe De Paolis, Diego Capani, Stefano Colombo, Aislinn, Marco Marulli, Sanrei, Emanuele Crocetti, Andrea Borla, Elena Noseda, Anna Notti, Andreea Elena Stanica, Marina Priorini, Lucia Coluccia, Simone Babini, Fiorenzo Catanzaro, Francesco Mastinu, Cristina Cornelio, Roberto Paradiso, Andrea Avvenengo, Maria Boffini, Mara Bomben, Alex Panigada, Federico Iarlori, Marika Bernard, Alessandra Ronconi, Francesco Danelli, Gabriele Nannetti, Salvatore Ingrosso, Paolo Oddone, Valerio Evangelisti.
Vedi ANTEPRIMA (566,01 KB scaricato 846 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,11 MB scaricato 742 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
BReVI AUTORI - volume 3

BReVI AUTORI - volume 3

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, SmilingRedSkeleton, Francesco Gallina, Laura Traverso, Umberto Pasqui, Patrizia Benetti, Luca Valmont, Alessandra Leonardi, Mirta D, Pasquale Aversano, Gabriella Pison, Alessio Del Debbio, Alberto Tivoli, Angela Catalini, Marco Vecchi, Roberta Eman, Michele Botton, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Marco Bertoli, Fausto Scatoli, Massimo Tivoli, Laura Usai, Valentina Sfriso, Athos Ceppi, Francesca Santucci, Angela Di Salvo, Antonio Mattera, Daniela Zampolli, Annamaria Vernuccio, Giuseppe Patti, Dario Sbroggiò, Angelo Bindi, Giovanni Teresi, Marika Addolorata Carolla, Sonia Barsanti, Francesco Foddis, Debora Aprile, Alessandro Faustini, Martina Del Negro, Anita Veln, Alessandro Beriachetto, Vittorio Del Ponte.
Vedi ANTEPRIMA (215,03 KB scaricato 94 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.