Buono a nulla

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/12/2019, 23:00

1 - non mi piace affatto
1
10%
2 - mi piace pochino
1
10%
3 - si lascia leggere
5
50%
4 - è bello
2
20%
5 - mi piace tantissimo
1
10%
 
Voti totali: 10

Avatar utente
Daniele Missiroli
Necrologista
Messaggi: 208
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(4 dal 2017)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Buono a nulla

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 04/11/2019, 19:11

A diciotto anni Jenkins fu assunto alla Baker & Butler.
Non aveva voglia di studiare, ma gli piacevano i numeri e aveva una bella calligrafia. Le volte che aveva marinato la scuola, imitando alla perfezione la firma dei genitori, non si contavano. Così, dopo essere uscito dal liceo a calci nel sedere, era stato costretto a cercarsi un lavoro.
– Sei un buono a nulla – il padre lo rimproverava ogni giorno.
In effetti, Jenkins non sapeva proprio far niente, quindi nessuno lo assumeva. Nessuno tranne Tom Wilford, poiché il ragazzo gli aveva detto che avrebbe lavorato gratis per imparare il mestiere.
Fu così che si ritrovò a distribuire la posta negli uffici di quella ditta. La compagnia concludeva affari in tutto il mondo: commerciava immobili, merci, azioni ed era quotata bene a Wall Street. Jenkins si rivelò metodico nel suo incarico. Prendeva servizio alle otto in punto e alle undici aveva già consegnato tutta la posta. Wilford, per farlo arrivare a fine giornata, lo aveva anche incaricato della distruzione dei documenti che venivano gettati incautamente nei cestini.

Un giorno, mentre vuotava proprio il cestino di Tom, si lasciò sfuggire una frase. Il presidente della compagnia, Arnold Stone, che casualmente aveva sentito, restò sorpreso sentendogli dire che bisognava vendere tutte le azioni. Tom scosse la testa, scusandosi per le corbellerie di Jenkins, ma il boss era diventato ricco proprio facendo quello che gli altri non avrebbero mai fatto. Il rischio gli procurava scariche di adrenalina irrinunciabili.
– Perché venderesti le nostre azioni? – Stone si lisciò il pizzetto. – Tutti le desiderano e il loro valore sale ogni giorno.
– Lei ne possiede solo il 40% e ormai nessuno le vende, perché stanno salendo.
– Appunto – Tom cercò di accompagnarlo a forza fuori dal suo ufficio.
– Venda tutto il pacchetto e le azioni crolleranno! – Jenkins fece l'occhiolino al signor Stone.

Dopo una settimana, durante la quale le azioni della B&B erano precipitate, e poi erano risalite alla stessa quotazione, Jenkins fu convocato nell'ufficio del presidente.
– Ho deciso di promuoverti – Stone lo fece accomodare.
– La ringrazio e mi congratulo con lei per aver raggiunto il 65%
– Oh, un colpo di fortuna, credo – il presidente gli fece l'occhiolino. – Mi hanno detto che sei bravo con i numeri, voglio che controlli i conti di tutte le filiali.
Da quel giorno la vita di Jenkins cambiò. Cominciò ad arrivare alle sette e a tornare a casa alle otto di sera. Le filiali erano trenta e c'erano gli ultimi dieci anni da verificare. Il lavoro era immenso, ma Jenkins lo affrontò con la consueta meticolosità.
Imparò l'uso di un programma, che fece poi modificare per i suoi scopi, e creò enormi tabelle. In quegli anni ebbe anche il tempo di laurearsi in Economia. La sua tesi si intitolava: "Come frodare piccole somme" e in pratica era il sistema che aveva scoperto nelle filiali. Il giorno dopo la laurea, Jenkins consegnò al signor Stone il rapporto definitivo. Wilford venne arrestato e lui fu promosso Direttore Generale.

Per altri dieci anni diresse la compagnia in modo puntiglioso. Licenziò tutti i rami secchi e assunse persone che, come lui, si dedicavano al lavoro dodici ore al giorno. Le operazioni speciali, quelle di cui il governo era meglio non venisse a conoscenza, le curava con particolare attenzione. Anche quella volta che un cartello colombiano gli chiese di affittare dei magazzini per stoccare la loro merce gli andò bene. Quando la polizia, grazie a una soffiata, arrivò sul posto, lui aveva già spostato tutto, perché non si fidava di nessuno.
– Un segreto è tale solo se lo conosce un numero dispari di persone inferiore a due – soleva dire ai suoi sottoposti.
Ora possedeva una villa principesca, due Ferrari, un conto in banca milionario ed era felice.

Tempo dopo il signor Stone lo convocò: – Ho deciso di fare una fusione – Albert chiuse a chiave la porta – e voglio che ci sia tu a capo della nuova società.
– Ma... – cercò di obiettare Jenkins, che aveva solo trentacinque anni.
– Ci uniremo alla Simon & Simon, creando una compagnia da un miliardo di dollari e tu sarai il presidente.
Jenkins rimase senza parole.
– Io ormai sono vecchio e resterò solo come consigliere esterno. Tutti i documenti sono già pronti, manca solo la tua firma. Gli avvocati ti aspettano in sala riunioni, insieme ai rappresentanti della Simon. Ricorda che nessuno deve saperlo fino a quando verrà dato l'annuncio ufficiale, fra una settimana.
Jenkins sapeva bene di cosa stesse parlando. La pena per insider trading poteva arrivare a vent'anni di prigione e a cinquanta milioni di dollari di multa.
Raggiunse la sala e firmò tutti i documenti, che gli avvocati si affrettarono a chiudere in cassaforte. Poi tornò nel suo ufficio e disse alla segretaria che si sarebbe preso una settimana di vacanza.

Sette giorni dopo si presentò, puntuale, alla conferenza stampa che annunciava la fusione. Aveva appena iniziato a parlare, che la sala fu invasa da un nugolo di poliziotti. Si diressero sul palco e gli chiesero le generalità. Lui rispose che era un amico del presidente, che gli aveva chiesto di parlare in sua vece.
Arnold Stone, che era seduto in prima fila, si alzò e disse che era falso: era Jenkins il nuovo presidente, mentre lui era solo uno dei tanti consiglieri esterni. La polizia controllò i documenti, prontamente forniti dagli avvocati. Su tutti c'era la firma di Stone e lo arrestò. Era perfetta, indistinguibile da quella vera.
Jenkins, in quella settimana, si era licenziato e aveva acquisito una piccola società d'affari che era solita speculare su diverse aziende. E proprio in quel periodo, casualmente, quella ditta aveva acquistato molte azioni delle due società che si sarebbero fuse.
Anche Stone l'aveva fatto, ma lui era il presidente: insider trading!
Gli diedero diciotto anni. Morì in prigione dopo cinque.
Jenkins visse alle Maldive, circondato da belle ragazze, per il resto dei suoi giorni.
Ultima modifica di Daniele Missiroli il 10/11/2019, 14:24, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 149
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(7 dal 2014)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone » 05/11/2019, 13:32

Il racconto si lascia leggere e sarebbe anche divertente, basta evitare di farsi domande. Sarebbe infatti meglio, quando si scrive di un determinato specifico argomento, avere almeno un'infarinatura in proposito. Qui invece ci sono azioni che salgono senza che nessuno le possa comprare (perché nessuno le vende, alla faccia della legge sulla domanda e l'offerta), consigli geniali del tipo "Venda tutto il pacchetto e le azioni crolleranno!" (bella scoperta!), e quello vende il 40% (alla faccia della normativa sul flottante) e poi ricompra il 65% guadagnandoci, come se uno potesse vendere e ricomprare all'istante senza effetto sul corso dei titoli (il realtà è un buon metodo per restare in mutande, altrimenti lo farebbero tutti), misteriosi documenti con firma falsa per nominare un presidente (non funziona così), pene per insider trading riservate agli "interni" e non a chiunque sia venuto a conoscenza di notizie riservate, ecc. Ti comunico infine che Stone si chiana Arnold all'inizio, per poi diventare Albert.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Diego.G
Foglio bianco
Messaggi: 33
Iscritto il: 13/09/2019, 18:43
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (autori prolifici)
dal 2019 (recensiti)
dal 2018 (recensori)
posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Diego.G » 06/11/2019, 10:12

Il racconto può ricordare il film "Il socio" con Tom Cruise, con la differenza che nel film i termini borsistici sono più approfonditi, più studiati. Jenkins da buono a nulla si trasforma, con un facile suggerimento, in un ricco imprenditore e presidente di una società quotata in Borsa: troppo semplice davvero e purtroppo mancante di originalità. Ci mancava solo che si prendesse la donna di qualcun'altro.
Jenkins poi firma i documenti, va in vacanza, torna, arrivano i poliziotti che gli chiedono le generalità, compare Albert (chi è!? Hai chiamato Stone in due modi diversi!), si parla di firme taroccate per tornare nuovamente a Jenkins che frega tutti.,, "già visto, già detto, già fatto", ma non è tanto questo il problema, è il come è stato fatto.

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 72
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 06/11/2019, 22:03

Io non ne capisco niente di finanza ed economia, ma è parso strano anche a me che con un consiglio così banale lui potesse farsi notare dal mega capo. Non so cosa sia l'insider trading e come me immagino anche qualcun'altro e buttato li così, quasi a caso senza alcuna spiegazione un po' mi sembra fuori luogo, come pure le firme, possibile che nessuno se ne sia accorto?
"Ora possedeva" forse è corretto, ma non mi piace molto.
Albert, che era seduto in prima fila, si alzò e disse che era falso" troppi che...

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 319
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(10 dal 2018)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 07/11/2019, 23:13

Ne so poco di finanza e giochi di borsa, ma quel poco mi fa dubitare della verosimiglianza della vicenda. A parte questo penso che si debba intendere il racconto come una specie di favola con una contro-morale: Jenkins è il prototipo del mediocre senza scrupoli che raggiunge i suoi scopi con l’ambizione e l’astuzia.
Il cambio di nome di Stone te l’hanno già segnalato.

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 267
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(5 quest'anno)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 07/11/2019, 23:51

L'argomento trattato non mi pace molto in quanto non lo comprendo. Che dire quindi? A me dispiace sempre dare opinioni non positive ma così è per questo racconto che non coinvolge minimamente. Normalmente scrivi buoni racconti, di piacevole lettura. Andrà meglio alla prossima gara, ne sono certa, Ciao.

Avatar utente
Daniele Missiroli
Necrologista
Messaggi: 208
Iscritto il: 04/01/2016, 19:32
Località: Bologna
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(4 dal 2017)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Re: Buono a nulla

Messaggio da leggere da Daniele Missiroli » 10/11/2019, 14:31

Grazie dei commenti: Arnold/Albert era una distrazione che ho corretto.
L'intenzione era più quella della favola (il buono a nulla, se motivato,si riscatta e fa qualcosa di buono) piuttosto che la descrizione di giochi di borsa seri. Non sono riuscito a creare l'alone di leggerezza che serviva; andrà meglio in primavera. :) Forse. :(

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 125
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
dal 2018 (recensori)
posizione nel Club recensori: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile » 12/11/2019, 11:50

Se non l'avessi scritto in risposta ai commenti non l'avrei mai indovinato: una favola. Il protagonista sarebbe una specie di Giufà (un personaggio tipizzato nelle favole siciliane), uno che non ne combina mai una giusta (uno che se gli dici serra le imposte prende una sega e le fa a pezzi), ma che alla fine frega tutti. Qui da noi ce ne sono a centinaia di storie di questo tipo con Giufà protagonista.
Però il tuo Giufà tanto buono a nulla non è. Perché usciti dal Liceo nessuno sa far niente (non è un posto dove si imparano competenze) e il nostro protagonista lavora invece da subito con impegno e dedizione e riesce a scalare con le sue sole forze i vertici dell'azienda dove lavora. Si laurea, scopre truffe, e via discorrendo, diventa il massimo dirigente. Perché sarebbe un buono a nulla? Forse lo era suo padre, non lui.
A mio avviso proprio nella costruzione del carattere del personaggio Jenkins perdi la scommessa. Il protagonista è un vincente, non il contrario. Un vincente che costruisce la sua fortuna con metodo e impegno, non un cretino che per caso mette nel sacco tutti.
Fosse stato un buono a nulla avresti dovuto farlo rimanere tale fino alla fine per dare un senso alla storia. Il senso che tu scrivi debba avere.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 364
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(3 dal 2015)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo » 22/11/2019, 22:48

Professore carissimo, come stai?
Racconto scritto molto bene come tuo solito. La favola a me è piaciuta. Il titolo è una provocazione come a dire: buono a nulla chi? (o almeno io l'ho interpretata così)
Per il resto, non mi sono fatto troppe domande sul mondo della finanza eccetera.
Voto positivo
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 277
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2011 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(4 dal 2012)
diventa anche tu un
sostenitore!

Re: Buono a nulla

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 02/12/2019, 18:20

...e vissero tutti felici e contenti. Anch'io come altri non mi sono fatta domande, ma ho letto il racconto così, senza addentrarmi in dinamiche complicate. Infatti sono arrivata alla fine velocemente. Il racconto è scritto bene e la morale è che al mondo ci sono troppe volpi che si fanno passare per agnellini che poi non sono. Voto 3.
Immagine

Selene Barblan
Apprendista
Messaggi: 186
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(3 quest'anno)
diventa anche tu un
sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 04/12/2019, 7:13

Il racconto seppur scorrevole non mi ha convinto particolarmente, lo trovo poco coinvolgente, infatti mi è rimasto poco impresso dopo la prima lettura quando è stato pubblicato. Non so se mi spiego ma sembra che si voglia dire troppo con troppe poche parole... specialmente nel finale. Voto 3.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 277
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2011 (profili visti)
dal 2011 (recensori)
10° dal 2011 (recensiti)
posizione nel Club recensori: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(4 dal 2012)
diventa anche tu un
sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti » 05/12/2019, 0:06

e vissero tutti felici e contenti. Anch'io come altri non mi sono fatta domande, ma ho letto il racconto così, senza addentrarmi in dinamiche complicate. Infatti sono arrivata alla fine velocemente. Il racconto è scritto bene e la morale è che al mondo ci sono troppe volpi che si fanno passare per agnellini che poi non sono. Voto 3.
Immagine

Giampiero
Pubblicista
Messaggi: 59
Iscritto il: 23/12/2010, 17:31
Località: Catania
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: ***
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
diventa anche tu un
nwsostenitore!

COMMENTO

Messaggio da leggere da Giampiero » 10/12/2019, 9:27

Scritto alquanto bene, il che per me non è mai un aspetto secondario nell’economia del panorama che condivido. Però mi sembra più un articolo giornalistico che un testo di narrativa, tutto infatti scorre come un resoconto asettico, in cui anche i colpi di scena sono una toccata e via, e comunque non riescono a incidere come dovrebbero in storie simili.
Carlo Ragonese

Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (257,26 KB scaricato 48 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
L'Altro

L'Altro

antologia AA.VV. sulle diversità del Genere Umano

Attraverso il concorso "L'Altro - antologia sulle diversità del Genere Umano", gli autori erano stati chiamati a esprimersi sulle contrapposizioni fra identità, in conflitto o meno, estendibili anche a quelle diversità in antitesi fra di loro come il terreste e l'alieno, l'Uomo e l'animale, l'Uomo e la macchina, il normale e il diversamente abile, il cristiano e il musulmano, l'uomo e la donna, il buono e il cattivo, il bianco e il nero eccetera. La redazione cercava testi provocatori (purché nei limiti etici del bando), senza falsi moralismi, variegati, indagatori e introspettivi. Ebbene, eccoli qua! La selezione è stata dura e laboriosa, ma alla fine il risultato è questo ottimo libro.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Furio Bomben.

Contiene opere di: Furio Bomben, Antonio Mattera, Maria Letizia Amato, Massimo Tivoli, Vespina Fortuna, Thomas M. Pitt, Laura Massarotto, Pasquale Aversano, Ida Dainese, Iunio Marcello Clementi, Federico Pavan, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Giorgio Leone, Giovanna Evangelista, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Francesco Zanni Bertelli, Gabriele Ludovici, Laura Traverso, Luca Valmont, Massimo Melis, Abraham Tiberius Wayne, Stefania Fiorin.
Vedi ANTEPRIMA (312,10 KB scaricato 83 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Museo letterario

Museo letterario

Antologia di opere letterarie ispirate dai capolavori dell'arte

Unire la scrittura all'immagine è un'esperienza antica, che qui vuole riproporsi in un singolare "Museo Letterario". L'alfabeto stesso deriva da antiche forme usate per rappresentare animali o cose, quindi tutta la letteratura è un punto di vista sulla realtà, per così dire, filtrato attraverso la sensibilità artistica connaturata in ogni uomo. In quest'antologia, diversi scrittori si sono cimentati nel raccontare una storia ispirata da un famoso capolavoro dell'Arte a loro scelta.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.
Introduzione del Prof. Marco Vallicelli.
Copertina di Giorgio Pondi.

Contiene opere di: Claudia Cuomo, Enrico Arlandini, Sandra Ludovici, Eleonora Lupi, Francesca Santucci, Antonio Amodio, Isabella Galeotti, Tiziano Legati, Angelo Manarola, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Annamaria Vernuccio, William Grifò, Maria Rosaria Spirito, Cristina Giuntini, Marina Paolucci, Rosanna Fontana, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (211,82 KB scaricato 140 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 14 - Storie di Storia

La Gara 14 - Storie di Storia

(giugno 2010, 68 pagine, 1,17 MB)

Autori partecipanti: VecchiaZiaPatty, Hellies, Magasulla, Jane90, Muirne, Ludo78, Gigliola, Enzo Milano, Arianna, Robbstark85, Manuela, Titty Terzano, Tetsu, Gloria, Arditoeufemismo, Michele, Pamelas, Stefy71, Bludoor, Vit, Mastronxo, Giacomo mass, Barbara g,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,17 MB) - scaricato 545 volte.
oppure in formato EPUB (759,29 KB) (vedi anteprima) - scaricato 210 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

(luglio/agosto 2012, 42 pagine, 720,59 KB)

Autori partecipanti: Nathan, Umberto Pasqui, Ardito Eufemismo, Lodovico, Ser Stefano, Maria92, Lorella15, Alhelì, Mastronxo, Monica Porta may bee, Exlex, Tuarag, Licetti, Angela Di Salvo,
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (720,59 KB) - scaricato 110 volte.
oppure in formato EPUB (936,83 KB) (vedi anteprima) - scaricato 203 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 52 - Colpo di fulmine

La Gara 52 - Colpo di fulmine

(maggio/giugno 2015, 19 pagine, 422,19 KB)

Autori partecipanti: Patrizia Chini, Gloria D. Fedi, Laura Chi, Alberto Tivoli, Ricci Giuliana, Maddalena Cafaro,
a cura di Giorgio Leone.
Scarica questo testo in formato PDF (422,19 KB) - scaricato 136 volte.
oppure in formato EPUB (189,80 KB) (vedi anteprima) - scaricato 197 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.