Il passeggero

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/12/2019, 23:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
20%
3 - si lascia leggere
3
30%
4 - è bello
3
30%
5 - mi piace tantissimo
2
20%
 
Voti totali: 10

Alessandro Mazzi
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Author's data

Il passeggero

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi »

Ancora una volta aveva fatto tardi. Quando sentiva la parola “straordinari”, Jack non sapeva dire di no. Per la terza volta nell’ultima settimana, si era trattenuto in magazzino oltre l’orario di lavoro.
Sua moglie Suzie e la loro figlia Pauline, ormai ci avevano fatto l’abitudine: non erano certo contente degli orari di lavoro troppo flessibili di Jack, tuttavia ogni sera lo aspettavano pazientemente per cenare insieme come una famiglia unita.
Quella sera Jack timbrò il cartellino alle ventidue. Ben quattro ore di straordinari, il cui compenso sarebbe stato di qualche misera manciata di euro. Spesso Jack si domandava se avesse senso quello che faceva: lavorare fino ad orari assurdi, avere poco tempo per la famiglia e portare a casa uno stipendio appena sufficiente per sopravvivere. Il problema più grande però stava nel fatto che non si poteva dire di no al capo.
Attraversò il piazzale del parcheggio e salì sulla sua vecchia Ford Fiesta. Ogni volta che si sedeva su quella macchina, Jack ricordava di quanto fosse ormai antiquato quel catorcio e di quanto gli sarebbe costata la manutenzione. Acquistare un auto nuova per lui era fuori discussione.
Attraversò il cancello dell’azienda, pensando mestamente che tra meno di otto ore lo avrebbe varcato nuovamente in senso inverso.
Imboccò la lunga statale che da vent’anni ormai percorreva due volte al giorno, cinque giorni su sette. Il tragitto casa lavoro non era troppo lungo, né tanto meno impegnativo: quattro chilometri di rettilineo, interrotti da una leggera curva a sinistra e poi sempre dritto, fino alle prime case del centro abitato, dove viveva da quando di anni ne aveva soltanto cinque.
Nemmeno il traffico era molto intenso: a parte qualche macchina e pochi camion, si poteva dire che quella strada fosse quasi deserta. Chissà con quale coraggio la chiamavano strada statale.
Mancavano circa duecento metri alla curva, quando Jack vide sopraggiungere i fari di un grosso autotreno dalla corsia opposta. Aveva sempre odiato incrociare quei giganti su ruote, specie in prossimità di una curva.
Jack impostò la traiettoria, sterzando leggermente a sinistra. Non appena la vecchia Ford Fiesta imboccò la curva, qualcosa andò storto: il volante rimase bloccato nella sua posizione, togliendo a Jack ogni possibilità di correggere la traiettoria e condannandolo di fatto ad un probabile quanto inevitabile impatto contro il muso del grosso veicolo.
- Dannato catorcio! - imprecò Jack, cercando invano di controsterzare per tornare sulla propria corsia di marcia. Vide i fari del tir avvicinarsi rapidamente, sempre più vicini al cofano della sua auto.
Non ebbe il tempo di dire altro. Chiuse gli occhi. Le braccia erano rigide come due bastoni di legno, mentre i denti stretti, a fatica trattenevano le urla di terrore dentro la sua bocca.
Sollevò le palpebre dopo un tempo imprecisato, scoprendo un fortissimo bagliore giallo che accecò la sua vista. Chinò la testa, posando lo sguardo sull’orologio al polso destro: le lancette erano immobili.
Il tempo sembrava essersi fermato e jack avvertiva un senso nauseante di sospensione.
Udì un suono, come il verso di un animale provenire dal sedile di fianco a lui. Si voltò di scatto e vide un uomo anziano vestito interamente di nero. I radi capelli bianchi e la folta barba incolta incorniciavano un viso scheletrico e rugoso, che avrebbe potuto avere anche trecento anni. Gli occhi erano due biglie nere, prive di ogni espressività.
Jack lo osservò sbigottito. Non ricordava di aver caricato un estraneo in quel tratto di strada, eppure lui era lì. Lo poteva toccare con le sue mani e ne sentiva persino l’odore, un misto di acqua di colonia e rose, che lo rendevano più reale che mai. Non era frutto della sua fantasia.
- Immagino ti starai domandando chi sia – esordì il vecchio, rivelando un tono di voce fermo e deciso.
Jack lo squadrò meglio e vide una targhetta luccicante appesa al suo collo. Riuscì a distinguere perfettamente le lettere che vi erano impresse, ma non fu in grado di dare un significato alla parola che queste formavano: LEVID.
- Oh non badare a questo. È il mio tesserino, ma è un po' datato. Oltretutto chi lo ha stampato si è divertito a scombinare le lettere del mio nome. Ma che importa in fondo. Mi chiamano in mille modi su questo pianeta. Torniamo a noi, mio nuovo pallido e tremolante amico. Si da il caso che ti resti poco tempo ancora, quindi sarà meglio che tu prenda una decisione in fretta. Da quel che vedo penso che potrei concederti due sole possibilità. -
Jack guardò sconvolto le labbra rinsecchite del vecchio muoversi al ritmo delle sue parole, e ne ascoltò la voce cavernosa. Non era in grado di formulare nessuna frase di senso compiuto. La sensazione di irrealtà lo stava soffocando sempre più, impedendogli ogni ragionamento.
- Che sciocchi siete voi uomini. Sprecate il vostro tempo ad inseguire cose inutili o a cercare spiegazioni per fenomeni che mai comprenderete. E tra tutti i vostri affari e impegni, dimenticate di quanto il tempo fugga dalle vostre mani. È sempre bello guardarvi nell’ultimo istante, quando la vita sfuma dai vostri volti bianchi e spaventati. -
Jack continuava a tremare. Quella voce, ora pesante e stanca, sembrava il lamento di mille anime condannate a morte.
- Non perdiamoci in chiacchiere, inutile creatura! Anche se non mi sembri un tipo molto loquace. Come ti accennavo ti restano solamente due possibilità. Puoi chiudere gli occhi, darmi la mano e lasciare che il tempo riprenda il suo corso. Ovviamente quando questo accadrà, ti sfracellerai contro il muso di quel camion. Tranquillo. Non soffrirai assolutamente. Probabilmente non te ne accorgerai nemmeno. Sarai come un moscerino schiacciato sul parabrezza di una macchina. Ti potrà sembrare brutto, ma pensa alle mille possibilità che si apriranno per te dopo. Risposte ad ogni domanda, zero pensieri, nessun problema e il passaggio ad una dimensione celata agli occhi dell’umanità. Pensaci bene! Non è una brutta prospettiva. C’è chi impiega ore, giorni, mesi o addirittura anni di agonia per lasciare questo squallido mondo. Per te sarebbe molto più veloce. -
Jack fu sul punto di chiudere gli occhi e lasciarsi andare una volta per tutte. Le parole dello straniero lo avevano quasi convinto. Stava per allungare il braccio e stringere la mano del suo passeggero, quando questo riprese il suo inquietante monologo.
- No! Non ancora! Ti rimane un’altra possibilità, ricordalo. Puoi chiudere gli occhi ed immaginare che io non sia reale. Puoi stringere quel volante e cercare di raddrizzare la traiettoria di questo cesso con le ruote. Potrebbe funzionare. Ti prenderai un bello spavento e di me non avrai alcun ricordo. Un’occasione sprecata direi io, ma che vuoi farci. La vita è tua, sei tu a scegliere. -
Affascinato da quella prospettiva, Jack iniziò a rivalutare la sua posizione.
- Ovviamente tutto ha un prezzo, sciocco omuncolo! Se propendi per la seconda opzione, posso dirti che sopravviverai e vestirai quelle spoglie mortali per molti anni ancora, forse fin troppi. Sai, a volte la morte non è la cosa peggiore che potrebbe capitarti. Da oggi in poi l’inferno potrebbe anche farti visita a casa. Prendi per esempio Suzie, tua moglie: lei non sa ancora che quei dolori alla vescica si stanno trasformando in un orrendo cancro che la porterà sotto terra tra non più di tre anni. Eh già amico. Dovrai cavartela senza lei, e non sarà facile da solo, quando tua figlia Pauline a sedici anni vorrà uscire con quel tossico del suo ragazzo. Io non la farei salire su quella macchina la sera del suo diciottesimo compleanno. Potresti trovarti in problemi ancor più grandi. A te la scelta Jack, vieni con me o vivi all’inferno da oggi in poi … -
Jack chiuse gli occhi. Allungò la mano verso l’anziano e con un gesto cercò di colpirlo, come si colpirebbe il peggiore dei propri nemici.
- Fanculo! Tu non sei reale! - gridò Jack.
Il passeggero svanì davanti ai suoi occhi in una nube di fumo. Posò le mani sul volante dell’automobile e riaprì gli occhi.
Un colpo di clacson violentissimo, lo stridere delle gomme, il rumore delle lamiere che sfregano tra loro. Poi il silenzio.
Jack deglutì, toccandosi ogni parte del corpo per convincersi di essere ancora intero. Premette il pulsante per azionare la segnalazione luminosa di pericolo e scese dalla vettura.
Vide l’autista del camion corrergli incontro, poi guardò con aria sollevata la vecchia Ford.
- Mi costerà una fortuna sistemare la fiancata e lo specchietto, ma non è un problema. Perlomeno sono ancora vivo e questa è già una cosa per cui esser felici – borbottò tra se Jack.
In quel momento si era già scordato del suo incontro.

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 349
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Mi è piaciuto moltissimo questo racconto che inizia narrando della difficoltà di tirare avanti, in questo caso di Jack, ma che è comune, appartiene ai più, o per una cosa o per l'altra. Trovo che la storia sia scritta molto bene: nulla da segnalare. L'autore affronta con coraggio il tema della morte; il personaggio del vecchio è molto ben delineato e ciò che dice è assai significativo. In più, dal punto di vista terreno, il racconto ha un lieto fine. Perché noi umani preferiremmo sempre poter vivere: mediamente la morte ci terrorizza. Bravo, voto 5

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

La prima osservazione è che, invece di Jack, Suzie e Pauline, sarebbe stato meglio se i personaggi si fossero chiamati Giacomo, Susanna e Paolina. Questo perché nessun Jack riceverà mai una misera manciata di euro come pagamento di quattro ore di straordinario: semmai dollari, sterline, rand o che altro. Ovviamente questa è una stupidata, ma mi è saltata subito all'occhio e ti consiglio di correggere il testo di conseguenza. Per il resto, di incontri con la morte o con il Voladio (pardon, il Diavolo, il tesserino è venuto male) in letteratura ce ne sono già tanti, e pochi aggiungono qualcosa di valido o poetico. Qui poi abbiamo un demonio che fa una bel pistolotto sulla stupidità degli uomini, o meglio degli omuncoli (come sputare nel piatto dove si mangia), per poi proporre un'opzione che sa di minimo sindacale. Non soldi, donne e fama in cambio dell'anima, ma una morte veloce su un cesso di auto confrontata con la solita vita di merda, per giunta accanto alla moglie malata terminale. Da Belzebù ci si potrebbe aspettare qualcosa di più, ma probabilmente anche lui non è più quello di una volta.
Ultima modifica di Giorgio Leone il 04/12/2019, 9:26, modificato 1 volta in totale.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 403
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Racconto non originalissimo ma ben scritto.
Certo che da un patto col diavolo ci si aspetterebbe delle opzioni più vantaggiose; secondo me fa bene Jack a giocarsi le sue carte, pure alla luce delle fosche previsioni sul suo futuro e su quello dei suoi cari.
Sui nomi anglofoni concordo con Giorgio.

Diego.G
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 13/09/2019, 18:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Diego.G »

Non valuto la scrittura, ma la scelta di una tematica trita e ritrita come quella dell'incontro con la Mietitrice, che però a questo giro risulta un po' avara: offre inferno o inferno, subito, accettando lo schianto, o per sempre vivendo...ne ho "lette"di più generose. Tematiche simili o identiche si possono e si devono affrontare, ma con un pizzico di originalità e fantasia che le porterebbero a distinguersi. È solo un mio piccolo pensiero. Buona scrittura

Namio Intile
Necrologista
Messaggi: 204
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Nulla da dire dal punto di vista formale, a parte una svista: "Si da il caso", dove il verbo va accentato.
Anche la struttura va bene. Quanto al racconto in sé, di patti con il demonio è piena la letteratura; qui poi più che con il demonio, che avrebbe il compito di tentarti - è dalla tentazione che nascono tutta una serie di situazioni - , il patto è con la Morte (anche qui la letteratura è disseminata di accordi in extremis con la Signora con la Falce), e lì è tutto un altro paio di maniche. A ogni modo, l'originalità non è un valore in sé. Però questa confusione tra Morte e Demonio, questa sostanziale uguaglianza tra due ineguali, è una contraddizione che priva il racconto di equilibrio.
E ancora il protagonista - che dovrebbe andare all'inferno se gli si presenta il demonio in macchina - non dice nulla per giustificarsi, non ha pensieri alternativi, non espone il suo punto di vista e, di più, non ispira al lettore alcun sentimento, non un'emozione. E anche il demonio, che si lamenta dei suoi possibili clienti, pare proprio un altro Sé, troppo tenero e accondiscendente per essere quello che dovrebbe essere.

Stefyp
Apprendista
Messaggi: 117
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Un argomento come questo, di per sè non originalissimo, può comunque prestarsi a varie soluzioni anche originali. In questo caso però non è avvenuto. Il diavolo non ha peccato di troppa fantasia! Toglierei l'ultimissima frase che ritengo inutile, già si capisce che Jack non ha ricordi. Toglierei anche la parte della medaglietta con l'anagramma, superflua pure lei. Si intuisce, infatti, che l'anziano uomo è il demonio,

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 283
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti »

Ho letto questo racconto in un attimo. Anche se lo sviluppo del brano è già stato letto molte volte, credo che questo sia stato scritto bene. Certo scremerei alcune parti inutili, ma fa parte della personalità dello scrittore, se una persona vuol sottolinerare anche a chi non ha compreso un particolare, ribadiglielo, fa parte del pacchetto. Secondo me se fosse stato più scarno, probabilmente avrei scritto che mancavano dei chiarimenti. Ti segnalo solo "fermato e jack avvertiva". Voto 4
Immagine

Giampiero
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 23/12/2010, 17:31

Author's data

COMMENTO

Messaggio da leggere da Giampiero »

Non è male. Certo, perde forse qualcosina in originalità, ma a volte basta poco per migliorarlo, infilarci qualche aspetto inatteso, chessò un punto di vista particolare. Non è che manchi il punto di vista in questo racconto, anzi la prima parte trasuda del realismo dei giorni attuali, ma poi “hai deciso” che tutto sommato la vita è meravigliosa e vale viverla in pieno. E io sono soprattutto d’accordo con questo tuo finale che rivaluta, che si oppone allo scontato, al morire dentro.
La paura è un cavallo con le ali: una volta lanciato al galoppo perde il contatto con il suolo e incomincia a volare.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

I nomi dei personaggi sono anglofoni, considerando che si ragiona in euro, nel racconto, escludo che il racconto sia ambientato in Inghilterra o Stati Uniti d'America, ho immaginato in automatico che si svolgesse in italia, quindi perché non chiamarli Giacomo, Susanna, Paola e (per esempio) VaioloD? Ma è solo una mia considerazione, ognuno nel proprio racconto fa quello che meglio crede.
Due precisazioni più utili (o almeno spero):
1. "Puoi chiudere gli occhi ... Probabilmente non te ne accorgerai nemmeno" be', se ne sta accorgendo eccome che sta per morire, è già in un loop temporale in compagnia del diavolo.
2. Il diavolo non è onniscente, secondo la teologia, quindi non può prevedere il futuro, non può svelare quelle atrocità, infine è un punitore, non ha potere decisionale su chi possa vivere o meno.
Si lascia leggere, non l'ho trovato sgradevole.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Povero Jack, ha già un’esistenza logorante, lo aspettano avvenimenti anche più duri ed in più viene anche sbeffeggiato da un diavolo maleducato. Gli avvenimenti vengono descritti bene, si riesce ad immedesimarsi nel personaggio e la storia scorre fino alla fine suscitando a tratti empatia per il protagonista. La descrizione di “Devil” manca però di colori e anche la sua entrata in scena secondo me non è così incisiva. Il racconto pertanto non mi convince del tutto, voto 3.

Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


77, le gambe delle donne

77, le gambe delle donne

ovvero: donne in gamba!

Antologia di 77 opere e 10 illustrazioni per esplorare, conoscere e rappresentare la complessità e la varietà dell'universo femminile. Ognuno dei testi presenti in questa antologia riesce a cogliere tanti aspetti, anche contrastanti, di questa creatura affascinante e sorprendente che assieme agli uomini per millenni ha contribuito, nell'ombra o sul palco della storia, all'evoluzione della civiltà così come la conosciamo oggi. è inutile aggiungere che 77 opere soltanto non hanno la presunzione di fornire una rappresentazione esaustiva, ma lasciamo che la parte di questo "iceberg" femminile ancora sommerso rimanga pronto per emergere in prossime indagini e, perchì no, per costituire ancora la materia prima di altre future opere di ingegno.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Maria Basilicata, Mara Bomben, Alessandro Borghesi, Emanuela Bosisio, Nunzio Campanelli, Paolo Caponnetto, Alessandro Carnier, Gino Centofante, Polissena Cerolini, Antonio Ciervo, Luigi Andrea Cimini, Giacomo Colosio, Cristina Cornelio, Marika Davoli, Stella Demaris, Maria Rosaria De Simone, Cetta de Luca, Cristoforo De Vivo, Roberta Eman, Luca Fadda, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Raffaella Ferrari, Virginia Fiorucci, Anna Rita Foschini, Franco Frainetti, Manuela Furlan, Nicola Gaggelli, Isabella Galeotti, Rebecca Gamucci, Lucilla Gattini, Michela Giudici, Antonino R. Giuffrè, Alessandro Kabon, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Greta Leder, Silvia Leuzzi, Yuleisy Cruz Lezcano, Libero, Marina Li Volsi, Rosalia Maria Lo Bue, Diego Luci, Sandra Ludovici, Verdiana Maggiorelli, Marino Maiorino, Angelo Manarola, Myriam Mantegazza, Germana Meli (geMadame), Roberta Michelini, Samuele Mocellin, Maurizio Nequio, Teresa Pace, Marina Paolucci, Roberto Paradiso, Umberto Pasqui, Viviana Picchiarelli, Daniela Piccoli, Anna Pisani, Luciano Poletto, Monica Porta, Pietro Rainero, Gianluigi Redaelli, Maria Rejtano, Stefania Resanfi, Franca Riso, Massimo Rosa, Francesca Santucci, Libera Schiano Lomoriello, Daniele Schito, Veronica Sequi, Salvatore Stefanelli, Stella Stollo, Paola Tomasello, Sonia Tortora, Liliana Tuozzo, Alessandro Zanacchi.
Vedi ANTEPRIMA (317,09 KB scaricato 341 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 43 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

L'anno della Luce

L'anno della Luce

antologia ispirata all'Anno della Luce proclamato dall'ONU

Il 2015 è stato proclamato dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce. Obiettivo dell'iniziativa adottata dall'ONU è promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno. Noi di BraviAutori.it abbiamo pensato di abbracciare questa importante iniziativa proponendo agli autori di scrivere, disegnare o fotografare il loro personale legame con la luce, estendendo però la parola "luce" a tutti i suoi sinonimi, significati e scenari.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Carnier, Amelia Baldaro, Andrea Teodorani, Angelo Manarola, Anna Barzaghi, Annamaria Vernuccio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Camilla Pugno, Cinzia Colantoni, Claudia Cuomo, Daniela Rossi, Daniela Zampolli, Domenico Ciccarelli, Dora Addeo, Elena Foddai, Emilia Cinzia Perri, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Francesca Santucci, Furio Detti, Gilbert Paraschiva, Giorgio Billone, Greta Fantini, Ianni Liliana, Imma D'Aniello, Lucia Amorosi, Maria Rosaria Spirito, Maria Spanu, Marina Den Lille Havfrue, Marina Paolucci, Massimo Baglione, Mauro Cancian, Raffaella Ferrari, Rosanna Fontana, Salvatore Musmeci, Sandra Ludovici, Simone Pasini, Sonia Tortora, Sonja Radaelli, Stefania Fiorin, Umberto Pasqui.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,65 MB scaricato 176 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 44 - Il potere della parola

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre,
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 199 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 244 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 12 - Dopo mezzanotte

La Gara 12 - Dopo mezzanotte

(marzo 2010, 38 pagine, 588,25 KB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Carlocelenza, CMT, Dafank, Dino, Gigliola, Manuela, Marcello, Michele, Sphinx, Stefy71, VecchiaZiaPatty,
A cura di GiuseppeN.
Scarica questo testo in formato PDF (588,25 KB) - scaricato 442 volte.
oppure in formato EPUB (374,34 KB) (vedi anteprima) - scaricato 228 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 22 - Un'estate al mare.

La Gara 22 - Un'estate al mare.

(luglio 2011, 40 pagine, 693,14 KB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Aleeee76, Mastronxo, Arditoeufemismo, Tania Maffei, Stefano di Stasio, Morgana Bart, Polissena, Skyla74, Licetti,
A cura di Licetti.
Scarica questo testo in formato PDF (693,14 KB) - scaricato 293 volte.
oppure in formato EPUB (561,30 KB) (vedi anteprima) - scaricato 220 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.