Ataraxia

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/12/2019, 23:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
7
78%
4 - è bello
2
22%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 9

Avatar utente
Marco Daniele
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 81
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto

Author's data

Ataraxia

Messaggio da leggere da Marco Daniele »

«Si accomodi, signore»
Sono nervoso.
È la prima volta che mi trovo al cospetto di un commissario censore dell’ufficio Inquisizione e Controllo Testi, l’ultimo ostacolo da superare per poter pubblicare un libro nel 2229. L’imprimatur del timbro di approvazione che torreggia sulla sua scrivania è una di quelle cose per le quali un letterato baratterebbe persino la propria madre, o l’anima, o l’anima della madre.
Le mie mani si ancorano ai braccioli della poltroncina su cui mi sono appena seduto. Non sono mai stato bravo a bluffare e a fingere calma in momenti di grande ansia, ma mi sforzo di fare in modo che le dita che stringono con forza il rivestimento in ecopelle siano il solo segnale della mia agitazione interiore.
L’uomo di fronte a me è calvo e pallido, freddo e imperturbabile. Sembra uno di quei manichini robotronici dei grandi magazzini, anatomicamente indistinguibili da un essere umano e capaci anche di limitati movimenti. Per un attimo il dubbio che lo sia davvero mi sfiora la mente.
Dev’essere sicuramente arrivato a un alto livello di Atarassia, forse il settimo o l’ottavo, magari addirittura il nono, per essere così apatico. So che l’attuale obiettivo del governo è fare in modo che ogni singolo cittadino arrivi almeno al settimo livello di Atarassia, quindi credo che presto o tardi tutta la Terra sarà popolata soltanto da manichini di carne. E non è una prospettiva allettante per uno come me, che a malapena è al livello tre.
«Come ben sa, signor Parmesan» attacca «dal 2152 è autorizzata la pubblicazione soltanto di quelle opere che rispettano i Cinque Punti. I passati governi si sono impegnati così tanto per bandire il più possibile le dannose emozioni dell’animo umano e sarebbe un vero peccato se una novella o una canzonetta dovessero riaccenderle… concorda con me?»
«Sì, indubbiamente» rispondo.
Del resto, cos'altro dovrei dirgli? Che odio visceralmente quelle maledette cinque regolette che hanno trasformato l'arte, o meglio ciò che ne resta, in qualcosa di freddo e insignificante? Che erano bei tempi quelli in cui si poteva liberamente scrivere un sonetto, un romanzo di fantascienza, un poema epico, una fiaba senza essere arrestati, incarcerati e lobo-rieducati forzatamente? No, grazie, ci tengo alla mia vita, prima ancora che all’imprimatur per la pubblicazione dei miei racconti. Noi persone intelligenti abbiamo imparato che è meglio chinare il capo e ingoiare il boccone amaro per sopravvivere in questo regime di logici e burocrati instaurato quasi ottant'anni fa dagli Stati Uniti della Terra.
Il commissario censore mi squadra per qualche secondo. Forse intuisce che sto avendo pensieri perniciosi o forse è solo sospettoso verso chiunque.
Io mi sforzo di rimanere impassibile e di non lasciar trapelare nulla. Ci riesco, credo, perché lo sguardo del calvo si rilassa.
«Procediamo con l'analisi del suo manoscritto e la sua conformità ai Cinque Punti. Primo punto: è vietato pubblicare opere che condannino esplicitamente o implicitamente il governo e le istituzione o che minino in maniera esplicita o implicita il consenso nei confronti dell'operato degli stessi. Il suo manoscritto rispetta questo punto»
Almeno il primo ostacolo è superato!
«Secondo punto: è vietato pubblicare opere che siano in versi o rimate, perché la poesia è potenzialmente pericolosa e sovversiva, soprattutto nel caso degli animi più deboli e delle menti più facilmente suggestionabili. Il suo manoscritto rispetta questo punto»
Per forza, è una raccolta di racconti!
«Terzo punto: è vietato pubblicare opere di argomento fantastico, intendendo con tale denominazione tutte quelle opere che tratteggiano mondi o epoche differenti da quella attuale o da epoche passate debitamente documentate e ricostruibili. Il suo manoscritto rispetta questo punto»
Siamo a metà, evviva!
«Quarto punto: è vietato pubblicare opere che mettano in scena situazioni incompatibili con la morale pubblica»
Questa volta, il commissario censore non dice se il mio manoscritto rispetta quel punto, ma nemmeno se lo viola. Devo pensare a un lapsus involontario o dietro quest'omissione c'è qualcosa di più? Ma non ho tempo per scervellarmi al riguardo, arriva l'ultimo ostacolo.
«Quinto punto: è vietato pubblicare opere in cui siano descritti sentimenti violenti, illogici o comunque capaci di turbare l'animo umano. Purtroppo, il suo manoscritto non rispetta affatto questo punto...»
Faccio per aprir bocca, per difendermi, ma il pelato mi anticipa.
«Le prime tre storie sono a posto, signore. Il problema è la quarta. Lei ha scritto un breve racconto in cui un uomo veglia amorevolmente la moglie malata terminale, consolandola e parlandole finché non esala l'ultimo respiro... una prosa del genere rischia di risvegliare pericolose passioni nell'animo dei lettori, non trova? Commozione, pietà, tristezza... pianto...»
Pronuncia quell'ultima parola come se fosse la peggiore delle bestemmie o degli insulti, ma la cosa positiva è che per la prima volta lo vedo assumere un'espressione facciale diversa dalla solita maschera d'imperturbabilità, benché siano una smorfia di disgusto.
«E quel che è peggio» conclude «è che questa storia va contro ogni morale e ogni buonsenso, signore. E' profondamente deplorevole che un cittadino perda tempo dietro un individuo ormai condannato naturalmente a morte, sprecando così la propria produttività. Anzi, accetti un consiglio: metta da parte questi sogni puerili da scrittore e trovi un modo per essere più utile alla società. Di scrittori ce ne sono stati a bizzeffe nei secoli passati e guardi quanti danni hanno causato con le loro strampalate idee!»
Taccio, incapace di trovare un’argomentazione da opporre alle sue. O meglio, di argomentazioni ne avrei a bizzeffe, è solo che mi farebbero apparire come un sovversivo.
Mi limito a domandare una conferma: «Allora non ho l’approvazione dell’ufficio Inquisizione e Controllo Testi, dico bene?»
«Sì, dice bene. Mi dispiace» Quanto suonano fredde, false, insignificanti quelle due paroline pronunciate da un robot umano!
Faccio per alzarmi, ma l’uomo mi pone ancora una domanda: «Il suo livello di Atarassia, signor Parmesan?»
«Tre» rispondo, lì lì senza pensarci.
Per la prima volta, vedo sul volto del commissario censore qualcosa di vagamente simile a un sentimento umano: disprezzo, forse, o disgusto, o semplicemente compassione. Agli occhi di uno che ha quasi raggiunto il Moksa non posso che apparire un essere miserrimo, ancora schiavo delle ataviche debolezze dell’Homo sapiens.
«Può andare, signor Parmesan» è l’ultima cosa che mi dice.
Mi alzo. Improvvisamente mi sento la bocca impastata. Biascico un saluto e mi dirigo verso la porta, ma faccio in tempo a notare con la coda dell’occhio la mano del commissario che preme un pulsante sotto la scrivania. Capisco al volo ciò che sta per accadere.
Duecentocinquantaquattro piani dopo, nel parcheggio sotterraneo, mi attendono due uomini in nero del Centro di Lobo-Rieducazione.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine


Immagine

Avatar utente
Giorgio Leone
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Leggo pochi racconti di fantascienza perché li trovo troppo ripetitivi, anche se capisco quanto sia difficile scrivere qualcosa di originale in un settore così inflazionato. Anche qui abbiamo la solita società del futuro dove la poesia e le emozioni sono vietate perché ritenute pericolose e dannose, anzi dobbiamo sorbirci il noioso elenco dei punti necessari per ottenere l'imprimatur. Pure la fine, con invio al centro di lobo-rieducazione, non sorprende assolutamente. L'unica cosa nuova è il nome dell'ufficio che rilascia il nulla osta, che non tenta neppure di nascondere la sua reale natura non chiamandosi solo "ufficio Controllo Testi", ma "ufficio Inquisizione e Controllo Testi". Nessuna dittatura fu mai così esplicita.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 117
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Sono indecisa sul voto da dare a questo racconto. Lo stile mi piace: frasi ben composte, non una parola fuori luogo. È un piacere leggerlo, scivola via bene. Rispetto all'argomento, pur non essendo originalissimo, ci può stare. È il finale che avrei cambiato, finisce come è scontato che finisca. Non mi aspettavo un cambiamento dell'intero sistema dovuto a un racconto sfolgorante. Però un piccolo guizzo, un qualcosina, che non saprei dire su due piedi, ma che però lasciasse il segno alla fine della lettura.

Diego.G
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 13/09/2019, 18:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Diego.G »

Il racconto è scritto bene dal mio punto di vista, anche se qualche distrazione (poche) c'è, ma rimane una distrazione. L'argomento è vero, non è dei più originali, te lo dico perché io stesso ho scritto diversi anni fa un racconto trattante in parte la stessa tematica (ora lo sto ristrutturando). Rimane una buona lettura.

Avatar utente
Isabella Galeotti
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 283
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti »

Quando ho intuito che eravamo nel futuro, mi sono detta "La solita storiella". Invece ho ritenuto questo racconto interessante, e affatto noioso. Mi sono immedesimata nel povero Parmesan che aggrappato con le unghie alla poltroncina sperava di passare i 5 punti stipulati da folli umanoidi. L'ambientazione è aprezzabile, i presonaggi sono caratterizzati bene, e la stesura impeccabile. Secondo il mio modestissimo parere è un bel racconto. Magari da rinforzare il finale, pensavo che Parmesan facesse una pazzia, oppure che i controllori avessoro un ripensamento, insomma ho trovato logico anche il finale. Voto 4
Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Racconto canonico che si inserisce nel filone della fantascienza distopica.
Qui l’elemento interessante, per quanto non originalissimo, è l’inquisizione relativa ai libri, in fondo è qualcosa che sta a cuore a tutti noi, che scriviamo su questo portale.
Il punto debole, già evidenziato in altri commenti, è che si capisce fin da subito come andrà a finire per il povero Parmesan, manca il guizzo, la sorpresa.
Ben scritto, ma in altre occasioni hai dimostrato di saper fare meglio.

Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 352
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Mamma mia, la lobo-rieducazione... mi ricorda tanto il film, bellissimo pur nella sua tragicità, di "Qualcuno volo sul nido del cuculo" ma lì non era fantascienza ma realtà assoluta. Tornando al racconto, trovo che sia scritto bene, almeno io non ho trovato refusi. La storia narrata ricalca un po' le solite del genere, che non sono le mie preferite. Comunque non male

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Si stava meglio quando si stava peggio, si ritorna sempre al passato! Evvai!
L'inquisizione mi è piaciuta. Giusto indicare le regole.
Il racconto è scritto molto bene.
Per quanto riguarda le considerazioni di poco conto (perché strettamente personali), mi sarebbe piaciuto un colpo di reni sovversivo poco prima della fina, dopo lo schiaccio del bottone, ormai Parmesan aveva capito, quindi perché non togliersi la soddisfazione di vuotare il sacco e dire ciò che pensava d'altronde "Cosa sarebbe peggio: vivere da mostro o morire da uomo per bene?" cit.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Giampiero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 23/12/2010, 17:31

Author's data

COMMENTO

Messaggio da leggere da Giampiero »

Racconto efficace, per la buona scrittura e taglio delle frasi, con la scena finale che riesce a inquietare ulteriormente. È stata creata una dimensione verosimile di un possibile (e speriamo mai) futuro dal sapore nazista. Un Medioevo futuristico in cui le idee sono al bando, dove per gli scrittori è dura: meglio che non pensino, né che si commuovano, perché se lo fanno sono, seduta stante, messi agli arresti domiciliari.
La paura è un cavallo con le ali: una volta lanciato al galoppo perde il contatto con il suolo e incomincia a volare.

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Non ho niente di particolare da dire riguardo la forma, il racconto si lascia leggere, è chiaro e lineare. Detto ciò mi ha entusiasmato poco, non lo trovo particolarmente originale e non credo che mi resterà impresso. Chissà, forse sono stata colta da una sorta di atarassia. Voto 3.

Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 63 - Treni e stazioni

La Gara 63 - Treni e stazioni

(marzo/aprile 2017, 30 pagine, 932,81 KB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone, Mirtalastrega, Daniele Missiroli, Fabrizio Bonati, Angela Catalini, Manuel Crispo, Patrizia Chini,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (932,81 KB) - scaricato 73 volte.
oppure in formato EPUB (762,33 KB) (vedi anteprima) - scaricato 64 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

(gennaio 2012, 80 pagine, 1,06 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Ardito eufemismo, Skyla74, Nathan, Feffone, Mariadele, Stilledernacht, Tania Maffei, Angela di Salvo, Unanime uno, Cordelia, Ritavaleria, hellies15, Manuela, Tuarag, Licetti, Roberta Michelini, Antonella P, Kutaki Arikumo, Ser Stefano, Alessandro Napolitano, Alessandra 90, Alheli, Triptilpazol,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,06 MB) - scaricato 443 volte.
oppure in formato EPUB (668,88 KB) (vedi anteprima) - scaricato 198 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

(edizione 2015, 3,39 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 114 volte..

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Intellinfinito (un passo avanti)

Intellinfinito (un passo avanti)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Questo libro è il seguito di "Un passo indietro". Come il primo, è autoconclusivo.
"Esistevano davvero, gli dèi. Ma non erano dèi. Non lo erano stati per un'oscura volontà divina, ma lo erano semplicemente diventati mediante un'accanita volontà terrena di sopravvivenza".
L'Evoluzione umana (e non) come non l'avete mai immaginata.
Un romanzo postumano e transumano che vi mostrerà un futuro che forse non tarderà a divenire.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (206,96 KB scaricato 67 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Dentro la birra

Dentro la birra

antologia di racconti luppolati

Complice di serate e di risate, veicolo per vecchie e nuove amicizie, la birra ci accompagna e ha accompagnato la nostra storia. "Dentro la birra", abbiamo scelto questo titolo perché crediamo sia interessante sapere che cosa ci sia di così attraente nella bevanda gialla, gasata e amarognola. Perchè piace così tanto? Che emozioni fa provare? Abbiamo affidato questa "indagine" a Braviautori, affinché trovasse, tramite l'associazione e il portale internet, scrittori capaci di esprimere tali sensazioni. E infatti sono arrivati numerosi racconti: la commissione ne ha scelti 33. Nemmeno a farlo apposta, 33 è la quantità di centilitri di un gran numero di bottiglie (e lattine) di birra; una misura nota a chi se n'intende.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Andrea Andreoni, Tullio Aragona, Enrico Arlandini, Beril, Enrico Billi, Luigi Bonaro, Vittorio Cotronei, Emanuele Crocetti, Bruno Elpis, Daniela Esposito, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Livio Fortis, Valerio Franchina, Luisa Gasbarri, Oliviero Giberti, Elena Girotti, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Fabrizio Leo, Sandra Ludovici, Micaela Ivana Maccan, Cristina Marziali, Stefano Masetti, Maurizio Mequio, Simone Pelatti, Antonella Provenzano, Maria Stella Rossi, Giuseppe Sciara, Salvatore Stefanelli, Ser Stefano, SunThatSpeed, Marco Vignali.
Vedi ANTEPRIMA (276,03 KB scaricato 235 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Vivere con 500 euro al mese nonostante Equitalia

Vivere con 500 euro al mese nonostante Equitalia

la normale vita quotidiana cosí come dovrebbe essere

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Vi voglio dimostrare come con un po' di umiltà, di fantasia e di buon senso si possa vivere in questa caotica società, senza possedere grandi stipendi e perfino con Equitalia alle calcagna. Credetemi: è possibile, ed è bellissimo!
Vedi ANTEPRIMA (108,61 KB scaricato 173 volte) -
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.