Ma chi è Clelia?

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/03/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
19%
3 - si lascia leggere
8
50%
4 - è bello
4
25%
5 - mi piace tantissimo
1
6%
 
Voti totali: 16

Avatar utente
Carol Bi
Pubblicista
Messaggi: 51
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Author's data

Ma chi è Clelia?

Messaggio da leggere da Carol Bi »

Osservò con attenzione la vecchia foto trovata nel bauletto di cartone giallo: era scolorita, stropicciata e rattoppata con del nastro adesivo trasparente, ma i volti ad una prima occhiata parevano ancora riconoscibili. Infilò la foto nella tasca del cappotto e si guardò intorno cercando una traccia che potesse ricondurla a Marco. Si alzò lentamente per sgranchirsi le gambe. Era accovacciata a frugare in quel baule da una buona mezz’ora e l’intorpidimento degli arti cominciava a diventare vero e proprio dolore. Si stava sollevando cautamente quando una vocina stridula dal piano di sotto la fece raddrizzare bruscamente e colpire con la testa la trave portante del sottotetto. Il vecchio lampadario cominciò a roteare pericolosamente e una nuvola di polvere scese dalla cappella in ceramica della lumiera. Le particelle del pulviscolo si intrufolarono furtive nelle narici facendola starnutire violentemente.
- Tutto bene cara?- la fastidiosa vocetta della signora Clelia arrivò ridondante dalla cucina.
- Sì, tutto bene… ora scendo!
Decise di non fermarsi oltre, avrebbe potuto insospettire la vecchia Clelia rischiando di non farsi più aprire la porta di casa.
Ripose il bauletto nella mensola di legno, tra una cesta in vimini e un vecchio manuale sulla potatura degli alberi. Si diresse verso la porta dando un’ultima rapida occhiata all’ambiente fatiscente: non aveva nulla di diverso dalle soffitte di una qualsiasi casa di inizio secolo scorso…eppure, in quella soffitta, nulla pareva essere comune. Non sapeva spiegarsi il perché, forse era suggestione, forse le storie raccontate dai ragazzini del paese e prima ancora dai loro padri e dai padri dei loro padri non l’avevano lasciata totalmente neutrale, sebbene si fosse imposta di non credere a certe blasfeme dicerie.
- Cara, ci sei? Il the è pronto!
Chiuse velocemente la porta, si sistemò il cappotto e si assicurò di aver ben nascosto la foto nella tasca. Le si era smagliata la calza e una piccola striscetta rossa si intravedeva attraverso la maglia della microfibra.
Mentre scendeva le scale si detestò per aver indossato il tailleur nero e la scarpa col tacco per una simile visita, ma pensava che sarebbe stata solamente una visita di cortesia. Poi la vecchietta le aveva parlato dei ricordi che conservava in soffitta e non aveva saputo resistere alla tentazione di dare un occhiata. Per un attimo aveva dimenticato Marco e la sua ricerca. Erano giorni che ormai era scomparso e dentro di lei nasceva sempre più la convinzione che l’allontanamento fosse stato volontario. Pensò alla lite furibonda che avevano avuto nel pomeriggio della scomparsa, ricordò il suo viso paonazzo per la rabbia e tutte le peggiori parole che le aveva scagliato addosso e si rivide mentre con un’innaturale tranquillità e fermezza richiudeva la porta della camera alle sue spalle. La loro storia era giunta al capolinea ancora prima che se ne rendessero conto. Forse era meglio così, che se ne fosse andato prima lui, prima che potesse succedere il peggio… o forse il peggio era già successo?
Il volto sorridente della signora Clelia la ridestò dai suoi pensieri. Più che un sorriso pareva un ghigno, ma ancora una volta si obbligò ad allontanare i pregiudizi che poteva avere su quella donna.
- Cara, il thè si fredderà! Coraggio lo beva subito, la riscalderà prima di uscire.
Scese l’ultimo scalino e afferrò la tazza che Clelia le stava porgendo. Si sentiva un po’ a disagio a sorseggiare il thè in piedi con uno sguardo fisso che la scrutava con invadenza. Per un attimo le parve di essere violata nella sua intimità e per la prima volta si chiese perché si trovasse lì, perché avesse suonato quel campanello, cosa potesse centrare quella donna con la scomparsa di Marco.
Non le piaceva affatto quello che stava provando. Bevve velocemente l’ultimo sorso con l’intenzione di congedarsi frettolosamente, quando vide che l’anziana donna stava osservando la piccola ferita alla gamba.
Si affrettò a levarle la tazza dalle mani e, poggiandola sul comodino impolverato, gracchiò: - Tesoro… ma ti sei ferita, lascia che ti medichi.
Ester si affrettò a dissuaderla, non voleva farsi toccare da quelle mani rugose ed infime, ma non fece in tempo a protestare che Clelia aveva già agguantato un fazzolettino dalla tasca del grembiule e le stava tamponando la ferita.
Non riusciva più a sopportare quell’inspiegabile malessere. La testa le girava e le mancava l’aria. Sgusciò via dalla presa della vecchia che rimase ammutolita con il fazzolettino in mano. Si precipitò verso l’ingresso ed afferrò la maniglia della porta convinta che non si sarebbe aperta, come nei più spaventosi film horror. Ovviamente non fu così, la porta si aprì senza alcuno sforzo e in un attimo si trovò nel cortiIe. Inspirò voracemente l’aria, come se fosse rimasta in apnea fino a quel momento. La temperatura era glaciale. L’imbrunire stava avanzando e i lampioni della strada cominciavano ad accendersi rischiarandosi con una flebile luce. Il cielo era incredibilmente stellato e lasciava intravedere una luminosa luna rotonda. Sollevò il bavero del cappotto e volò fino al cancello di ferro battuto, lo oltrepassò e si trovò in strada.
Arrivò a casa in una manciata di minuti e mai come in quel momento apprezzò il suo covo, piccolo ma confortevole. Fece una doccia calda godendo di ogni singola goccia e, mentre faceva scorrere l’acqua lungo il collo, si ritrovò nuovamente a chiedersi perché diamine avesse suonato al campanello di quella casa…proprio non riusciva a ricordare. Si asciugò in fretta e, ancora umida, si infilò il pigiama e si fiondò sotto le coperte. Fu quando allungò un braccio per spegnere la luce che si ricordò della foto. Scese dal letto e aprì l’armadio, infilò una mano nella tasca del cappotto. Si lanciò sul letto e si rimise sotto le coperte. La foto era un po’ ingiallita dal tempo ma i volti erano abbastanza nitidi. A giudicare dagli elementi doveva essere stata scattata nei primi anni del novecento: un gruppo di baldi giovani guardavano sorridenti e spensierati il fotografo sotto una pianta di vite, probabilmente era settembre,durante la vendemmia. Alla destra un trattore e un carro incorniciavano il quadretto. Uno dei giovani accarezzava un cane da caccia, un altro stringeva la spalla dell’amico che posava al suo fianco, un altro ancora pareva tenere una sigaretta tra le mani, ma non ne era sicura. Fu mentre osservava il giovane sulla destra, quello che sollevava un grappolo di uva che rimase pietrificata. Prese gli occhiali che teneva sul comodino e li indossò, sgranò gli occhi e guardò meglio. Ancora una volta le mancò l’aria e un senso di stordimento la pervase. L’acconciatura era quella che andava in voga nei primi anni del novecento, così come i folti baffi, ma quel giovane, quello col grappolo d’uva, era proprio lui… quel ragazzo che sorrideva all’obiettivo era sicuramente il suo Marco.
***
Clelia armeggiava in cucina con una foga quasi animale, sapeva che non aveva molto tempo. Afferrò la scatola di latta e la aprì, prese un pizzico di nepeta cataria e muschio. Aprì un vasetto di miele e ne versò tre cucchiai su un pentolino, infine infilò una mano nella tasca del grembiule, afferrò il fazzoletto con il sangue ormai rappreso e lo spezzettò nel tegame. Sapeva esattamente cosa fare, oramai erano secoli che ripeteva sempre lo stesso rituale. Quando ebbe finito il sole stava sorgendo. Si strinse lo scialle sulle spalle e, sorseggiando una tazza di thè, si lasciò cadere sulla poltrona della sala da pranzo. Sorridendo chiuse gli occhi ed aspettò.
Ultima modifica di Carol Bi il 04/01/2020, 11:12, modificato 4 volte in totale.

Selene Barblan
Correttore di bozze
Messaggi: 305
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Bello! Il racconto mi è piaciuto, in particolare trovo che il primo paragrafo sia suggestivo e cattura subito l’attenzione del lettore. Anche la conclusione mi piace molto, mi incuriosisce pensare agli effetti delle erbe di Clelia mescolati all’”ingrediente” speciale... nella parte centrale trovo venga spiegato in maniera efficace il background senza togliere la possibilità al lettore di darsi autonomamente delle risposte.

C’è un solo passaggio che non mi convince:

...Le si era smerigliata la calza e una piccola striscetta rossa si intravedeva attraverso la maglia della microfibra.
Mentre scendeva le scale si detestò per aver indossato il tailleur nero e la scarpa col tacco per una simile visita, ma pensava che sarebbe stata solamente una visita di cortesia....

Nella prima frase non mi piace molto la scelta dei vocaboli “smerigliata” e la descrizione della ferita (trovo che nel resto del racconto hai saputo descrivere in modo più efficace situazioni e “immagini”) e nella seconda frase non ripeterei due volte “visita”... è però solo una mia opinione e comunque il testo non ne risente eccessivamente.

Globalmente come dicevo il racconto mi è piaciuto, voto 4 (e mezzo). Non do il voto massimo solo perché “Demonite” mi è piaciuto di più.

ElianaF
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Ciao, il racconto si è fatto leggere ma non mi ha entusiasmato. Alcuni aspetti non mi convincono ( la ragazza entra per la prima volta in una casa e passa il tempo a frugare in soffitta?), come pure il finale non mi è del tutto chiaro.

Roberto Ballardini
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Anche questo è un racconto intrigante e scritto bene, ma che però lascia qualche punto interrogativo aperto. Qualcuno probabilmente voluto, è il titolo stesso a dichiararlo, ma qualcuno forse di troppo, ma soltanto per il mio gusto. Provo a infilare tutte le domande aperte che a me sono rimaste in mente:
1) Perché la protagonista (non mi pare che tu ci abbia fornito il nome, giusto?) è andata a trovare Clelia?
2) Che cosa l’ha indotta a pensare che nella soffitta della vecchia Clelia ci debba essere qualche traccia del ragazzo che se ne è andato? (e tra parentesi, perché è così interessata se sembrava non aver risentito poi troppo della rottura?)
3) Come può in una foto degli inizi del novecento (non è specificato l’anno del momento in cui si svolge la storia, ma alcuni particolari fanno pensare al nostro presente, o poco lontano) esserci Marco, il ragazzo in questione, perfettamente riconoscibile, o quasi?
4) La vecchia Clelia è chiaramente qualcosa di simile a una strega, ma quali sono le sue intenzioni? Quale effetto il suo incantesimo avrà sulla ragazza, e soprattutto perché lo fa?
Ora, io credo che le domande 3 e 4 tu le abbia volute consapevolmente lasciare senza risposta, altrimenti non avresti usato quel titolo.
Alle domande 1 e 2, io però avrei preferito trovare una spiegazione, proprio in fase di incipit. Io presumo che la ragazza sia andata da Clelia perché lei ha un qualche grado di parentela con Marco, il che spiega la soffitta e la foto (in parte). Poi l’infuso della vecchia le ha fatto dimenticare. Però credo che specificare meglio l’inizio della ricerca non avrebbe tolto nulla al finale, lasciando girare le domande soltanto intorno alla foto e alla fattura.
Ovviamente è solo la mia opinione. Ciao. Non posso votare ma sarei indeciso tra il 3 e il 4, perché il racconto mi ha intrigato.
Per quanto riguarda il termine “smerigliato” credo sia un refuso e che il vocabolo giusto sia “smagliato”.

Avatar utente
Carol Bi
Pubblicista
Messaggi: 51
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi »

Roberto Ballardini ha scritto:
01/01/2020, 20:51
Anche questo è un racconto intrigante e scritto bene, ma che però lascia qualche punto interrogativo aperto. Qualcuno probabilmente voluto, è il titolo stesso a dichiararlo, ma qualcuno forse di troppo, ma soltanto per il mio gusto. Provo a infilare tutte le domande aperte che a me sono rimaste in mente:
1) Perché la protagonista (non mi pare che tu ci abbia fornito il nome, giusto?) è andata a trovare Clelia?
2) Che cosa l’ha indotta a pensare che nella soffitta della vecchia Clelia ci debba essere qualche traccia del ragazzo che se ne è andato? (e tra parentesi, perché è così interessata se sembrava non aver risentito poi troppo della rottura?)
3) Come può in una foto degli inizi del novecento (non è specificato l’anno del momento in cui si svolge la storia, ma alcuni particolari fanno pensare al nostro presente, o poco lontano) esserci Marco, il ragazzo in questione, perfettamente riconoscibile, o quasi?
4) La vecchia Clelia è chiaramente qualcosa di simile a una strega, ma quali sono le sue intenzioni? Quale effetto il suo incantesimo avrà sulla ragazza, e soprattutto perché lo fa?
Ora, io credo che le domande 3 e 4 tu le abbia volute consapevolmente lasciare senza risposta, altrimenti non avresti usato quel titolo.
Alle domande 1 e 2, io però avrei preferito trovare una spiegazione, proprio in fase di incipit. Io presumo che la ragazza sia andata da Clelia perché lei ha un qualche grado di parentela con Marco, il che spiega la soffitta e la foto (in parte). Poi l’infuso della vecchia le ha fatto dimenticare. Però credo che specificare meglio l’inizio della ricerca non avrebbe tolto nulla al finale, lasciando girare le domande soltanto intorno alla foto e alla fattura.
Ovviamente è solo la mia opinione. Ciao. Non posso votare ma sarei indeciso tra il 3 e il 4, perché il racconto mi ha intrigato.
Per quanto riguarda il termine “smerigliato” credo sia un refuso e che il vocabolo giusto sia “smagliato”.
Wow! Quante domande.
1) Il nome della protagonista è Ester, lo menziono una sola volta più o meno a metà racconto.
Per quanto riguarda il motivo della visita a Clelia, c'è un tratto in cui lei si chiede perché mai avesse suonato a quel campanello, proprio non se lo sapeva spiegare.
Va in soffitta perché Clelia gliene parla, soprattutto dei ricordi che conserva. Faccio intuire, ma forse effettivamente dovevo specificarlo meglio, che la curiosità la spinge a chiederle di vedere la soffitta. Ammetto che non ho trattato bene questo punto. Giustamente mi fai notare cosa la induce a pensare di trovare una traccia di Marco in quella soffitta. Qui ho proprio fatto un errore grande.
Il colpo di scena dovrebbe essere proprio la foto, infatti non è proprio possibile che ci sia Marco in una foto dei primi del novecento, qui sta il mistero. Quindi nessuna parentela con Marco, ma le capacità della strega di appropriarsi a suo modo, in questo caso imprigionanfo, la sua vittima in una foto.
Grazie per la segnalazione del refuso.

Giampiero
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 23/12/2010, 17:31

Author's data

COMMENTO

Messaggio da leggere da Giampiero »

Le domande sopra formulate sarebbero state anche le mie, grosso modo, quindi non le ribadisco perché non aggiungerei nulla di diverso. Lo spunto del racconto è interessante, in quanto nel complesso il contesto intriga. Data la capacità di scrittura espressa, sono certo che riuscirai a rendere la storia più coerente in generale.
La paura è un cavallo con le ali: una volta lanciato al galoppo perde il contatto con il suolo e incomincia a volare.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 415
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

ciao.
prima di commentare realmente, vorrei segnalare che una buona revisione non guaterebbe. ci sono delle virgole da sistemare, mancano alcuni spazi e, per le regole che conosco, dopo i tre punti ci vuole uno spazio, se sono a fine frase.
allo stesso modo, a inizio dialogo, dopo il trattino va uno spazio.
detto questo, la storia è intrigante e molto misteriosa. forse anche troppo, visto che parecchie cose restano in sospseso.
però mi piace l'idea di ritrovare una strega ai giorni nostri.
le scene sono abbastanza ben esposte, soprattutto a livello descrittivo.
livello emozionale un po' carente, invece.
alla prossima.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Mi è piaciuta molto l'atmosfera generale, anche considerando tutte le questioni che rimangono non spiegate, o probabilmente proprio per questo. Le intenzioni della fattucchiera sono ovviamente malefiche, che voglia prendere il controllo su Ester, imprigionarla in qualche diabolica fotografia dislocata in uno spazio-tempo diverso come Marco o altro, in fondo, non è importante, come non lo è che fin da subito si capisca che Clelia si merita tutte le dicerie sul suo conto; questo racconto è scritto bene e ha il sapore dell'horror psicologico vecchio stampo, un po' alla Shirley Jackson, per intenderci. Brava.
Oltre a qualche imprecisione nella punteggiatura, già segnalata, ho trovato questo: "cosa potesse centrare quella donna…", film e non films, "si trovò sul cortile…" scriverei "nel cortile", qualche d eufonica di troppo.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Chi sia Clelia credo che alla fine si capisca: un'immortale, un essere da poteri sovrannaturali, una persona, in qualche modo, legata a Marco. Qui sorgono dunque altre domande: chi è Marco? Perché non invecchia come Clelia? Innamorarsi, far innamorare qualcuno, per poi abbandonarla è forse un'abitudine?
Io mi sono dato alcune risposte e come al solito mi sono divertito a fantasticare.

Tornando al racconto in sé non mi è piaciuto come hai gestito la presenza della protagonista a casa di Clelia, mi sembra inverosimile che riesca a intrufolarsi nella soffitta di una sconosciuta e che la sconosciuta, a meno che non lo abbia voluto e fatto di proposito, non abbia obiettato.
Altro punto di discusisone è quel "Per un attio aveva dimenticato Marco..." come può essere? Credo che sia andata a casa di Clelia proprio per quel motivo e non così, tanto per far visita a una vicina di casa, perché se a piedi torna a casa in una manciata di minuti, vuol dire che non doveva abitare poi così lontano.

Secondo me andava gestito meglio il momento post doccia. Come ha fatto a dimenticarsi anche della foto, quel pomeriggio non fu per nulla normale, considerando anche il fatto che si era pentita di andare dalla signora Clelia, quindi doveva avere una certa concitazione.

La scena finale mi è piaciuta molto.
Il racconto si lascia leggere.

A presto.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Giada.Trix
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 12/11/2019, 21:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giada.Trix »

Da quel che ho capito Clelia è una strega, o qualcosa del genere..non ho colto però come abbia potuto far scomparire Marco, e in generali quali "poteri" abbia..però devo dire che mi ha inquietato la sua figura: sembra una vecchietta così gentile, quando in realtà per l'appunto come dice il titolo non si sa bene chi sia...in generale mi è piaciuto :)

Stefyp
Apprendista
Messaggi: 117
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Devi assolutamente sviluppare di più questo racconto, ha delle potenzialità. I dubbi già evidenziati, che non ripeterò, sono legittimi e tolgono valore al racconto. Noi leggiamo questo racconto come tale e quindi lasciare troppi enigmi prima e dopo di esso è un peccato. È ben scritto, solo qualche sforbiciatina qua e la per renderlo ancora più fluido, poca roba perchè è già fluente di suo. Non so che voto darti perchè mi è piaciuto ma quei dubbi... Ora devo uscire al mio deciderò.
A presto

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 71
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un racconto che desta curiosità nel lettore, sia sui poteri della strega Clelia sia sulla sorte dei due (ex) amanti: lui è eternamente giovane, o è stato imprigionato da un incantesimo? E la ragazza, ora che la strega ha il suo sangue, subirà una fattura? Brrr...

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 350
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

L'atmosfera un po' magica del racconto ha un suo indubbio fascino. Però, a mio parere, certi fatti restano un po' troppo in sospeso: troppe curiosità da soddisfare e alcuni fatti da chiarire. Ma probabilmente era questa l'intenzione dell'autrice, quella di terminare nel mistero... Qualche piccolo refuso l'ho trovato ed è già stato segnalato.

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Un racconto che mostra alcune incongruenze e ingenuità. A quelle già rilevate, ne aggiungo una. Hanno avuto una lite furibonda il pomeriggio della scomparsa, lui aveva il viso paonazzo per la rabbia, si sono dette tutte le peggiori parole, lei ha richiuso con fermezza la porta della camera alle sue spalle, ma solo dopo parecchi giorni quasi si convince che l’allontanamento sia stato volontario. Ai refusi aggiungo anche qualche termine strano qua e là, tipo mani “infime”. Scrivi bene e crei suggestioni, ma dovresti farlo dopo averci pensato di più. Comunque grazie per non averla drogata o avvelenata con il the.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Macrelli Piero
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Il tema della foto "fuori tempo" è sempre buono e intriga lasciando aperte mille strade narrative che possono essere spiegate o lasciate volutamente inesplorate. Concordo con le critiche degli altri commentatori e passo ad osare dire la mia se dovessi mettere mano a questo testo come se fosse un esercizio in una scuola di scrittura. Io amo tantissimo i racconti narrati in prima persona specialmente quando il protagonista è coinvolto nelle sue paure più intime e che farei uscire nel testo. Se si vuol partire con la presenza nella soffitta userei il "flash-back" per far capire perché è lì, magari di nascosto dopo una prima visita di cortesia che nasconde l'intento di voler scoprire cosa lega l'amato a quella casa e quella donna. Bello ritrovare allora la foto e magari anche il fazzoletto imbevuto del sangue e poi un bel finale aperto. Basta così che mi sto innamorando del tuo racconto...

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Un passo indietro

Un passo indietro

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il titolo di questo libro vuole sintetizzare ciò che spesso la Natura è costretta a fare quando utilizza il suo strumento primario: la Selezione naturale. Non sempre, infatti, "evoluzione" è sinonimo di "passo avanti", talvolta occorre rendersi conto che fare un passettino indietro consentirà in futuro di ottenere migliori risultati. Un passo indietro, in sostanza, per compierne uno più grande in avanti.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,82 MB scaricato 415 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Biblioteca labirinto

Biblioteca labirinto

Cinque scaffali di opere concatenate per raccontare libri, biblioteche e personaggi letterari

Riportare la lettura e la biblioteca al centro dell'attenzione dovrebbe essere un dovere di ciascuno di noi. Se in qualche misura ci riesce una raccolta di racconti non si può che gioirne, nella speranza che possa essere contagioso, come deve esserlo tutto ciò che ci spinge a riflettere e a interrogarci sull'essenza del nostro esistere.
A cura di Lorenzo Pompeo e Massimo Baglione.
introduzione del Prof. Gabriele Mazzitelli.

Contiene opere di: Alberto De Paulis, Monica Porta, Lorenzo Pompeo, Claudio Lei, Nunzio Campanelli, Vittoria Tomasi, Cristina Cornelio, Marco Vecchi, Antonella Pighin, Nadia Tibaudo, Sonia Piras, Umberto Pasqui, Desirée Ferrarese.
Vedi ANTEPRIMA (211,75 KB scaricato 166 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (802,46 KB scaricato 95 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (in bianco e nero)

(edizione 2016, 5,44 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (5,44 MB) - scaricato 98 volte..

La Gara 12 - Dopo mezzanotte

La Gara 12 - Dopo mezzanotte

(marzo 2010, 38 pagine, 588,25 KB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Carlocelenza, CMT, Dafank, Dino, Gigliola, Manuela, Marcello, Michele, Sphinx, Stefy71, VecchiaZiaPatty.
A cura di GiuseppeN.
Scarica questo testo in formato PDF (588,25 KB) - scaricato 443 volte.
oppure in formato EPUB (374,34 KB) (vedi anteprima) - scaricato 229 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 44 - Il potere della parola

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre.
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 200 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 245 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.