Quel sorriso

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
9%
2 - mi piace pochino
4
36%
3 - si lascia leggere
3
27%
4 - è bello
1
9%
5 - mi piace tantissimo
2
18%
 
Voti totali: 11

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Quel sorriso

Messaggio da leggere da Stefyp » 08/01/2020, 8:10

La serata che cambiò il corso della mia vita non iniziò certo sotto i migliori auspici.
Era un venerdì sera e io mi sentivo a pezzi. Era stata una settimana massacrante e desideravo concluderla nella assoluta tranquillità e solitudine di casa mia.
Avevo pianificato tutto: divano, birra ghiacciata, patatine e cioccolato a gogò. Oltre che alcune puntate arretrate di una serie TV assai demenziale, adattissima all’occasione.
Dopo una cena veloce mi avviai verso il salotto. Ancora non avevo toccato il divano che la suoneria imperiosa del mio cellulare mi fece sobbalzare.
In quel preciso istante i miei neuroni entrarono in comunicazione tra loro e mi riportarono alla realtà.
Era venerdì 19 e io me ne ero assolutamente, totalmente, inesorabilmente dimenticato.
Faticai a tenere sotto controllo il tremore delle mani mentre rispondevo al telefono.
«Non te lo sei scordato vero? Ci vediamo lì tra mezz’ora, giusto?»
«No cara, non me ne sono dimenticato e come potrei. È solo che…»
«Solo cosa? Vieni prima se riesci, o non troverai un buco al parcheggio. Io sto uscendo di casa adesso, anche tu vero?»
«Ancora no, perché io…»
«Ancora no? E cosa stai aspettando?» Quest’ultima sua domanda pose fine alla nostra conversazione.
A quel punto feci quello che ci si aspettava da me: diedi addio al divano, rimisi in frigorifero la birra e andai a vestirmi.
Avrei potuto cercare di resistere? Dire che stavo poco bene e volevo riposare? Si, avrei potuto, ma io sono patologicamente incapace di dire di no. A dire il vero non so neanche dire di sì. Io non so imporre la mia volontà. Non ne sono capace, sono sempre stato alla mercé di chiunque.
Per quella sera la mia cara compagna aveva prenotato due biglietti per il concerto di una band mediocre e sconosciuta ai più. Adorava Jake Leroy, il cantante bassista, e per lui prevedeva un futuro radioso e pieno di successi strepitosi. Io non desideravo affatto adorarlo, ma avevo acconsentito ad accompagnarla.
Come fossi riuscito a farmi attrarre e ad attrarre quella donna socialmente iperattiva, abbondantemente sportiva e assai piena di vitalità, è un mistero che ancora non so spiegarmi. O forse sì.
Lei era quella di cui io, a detta di tutti, avevo bisogno. E io ero quello che, a detta di tutti, lei avrebbe redento.
Com’era prevedibile arrivai al locale in ritardo. Il parcheggio era pieno oltre l’immaginabile, le macchine avevano invaso i marciapiedi e le aiuole circostanti.
Ora, si potrebbe pensare che se tutte le auto della città erano parcheggiate li, forse allora io mi sbagliavo e quella band un po’ di successo già l’aveva. Niente di più ingannevole: quel parcheggio serve anche un cinema multisala e un pub tra i più rinomati della città.
Quando ormai avevo perso ogni speranza di trovare anche il più piccolo pertugio, vidi un tizio avvicinarsi a un SUV e aprire la portiera.
«Bene, questo non me lo lascio scappare» pensai fermandomi subito.
L’uomo salì in macchina e…
E niente, i secondi passavano e lui non si muoveva «Va bene allacciarsi la cintura, sistemarsi lo specchietto, magari soffiarsi il naso. Ma poi basta, esci da quel maledetto parcheggio!» Borbottai furioso.
In quell’istante il display del mio cellulare si illuminò «Dove caz… sei finito? Sei sempre il solito» citava il messaggio.
Mi scappò un sospiro. Messaggio più che legittimo il suo, che riuscì però a irritarmi. Soprattutto il “sempre il solito” mi ferì. Non perché non fosse vero, era vero naturalmente. Ma in quel momento non avevo voglia di sentirmelo dire e quindi, con quello che potrebbe definirsi l’unico moto di ribellione della mia vita, decisi di tornare a casa. Alle conseguenze avrei pensato l’indomani.
Andandomene gettai lo sguardo verso il SUV. La posizione dell’autista attirò, per un attimo, la mia attenzione «Starà telefonando o gli sarà caduto qualcosa…» pensai distrattamente.
Mentre vagavo alla ricerca dell’uscita, ripassai davanti all’auto. La pioggia era diminuita di intensità e così potei vedere meglio l’autista. L’avevo di fronte e i fari della mia auto illuminavano la scena. La sua posizione non lasciava dubbi. Il corpo era abbandonato sul volante e di lui si scorgeva solo la nuca.
Frenai di colpo, indeciso sul da farsi. Mi riscosse il rumore di una vigorosa frenata appena dietro di me. Scesi dall’auto e vidi una ragazza affacciarsi al finestrino della sua auto. Non disse niente, ma lo sguardo che mi lanciò fu eloquente.
«È un’emergenza» cercai di giustificarmi scavalcando il cordolo.
Bussai esitante al finestrino del SUV. «Tutto bene?» Provai a dire. Non ottenni riposta. «Tutto bene?» Ripetei a voce più alta. Niente. Aprii la portiera e appoggiai la mano sulla sua spalla. L’uomo non rispose al mio tocco, anzi, si accasciò ancor di più.
«Sarà mica morto» la ragazza mi aveva evidentemente seguito.
«Oh cavolo, e adesso?»
Nei film l’eroico soccorritore sa sempre cosa fare e salva la vittima con gli opportuni massaggi cardiaci, ma quella era la realtà e lì c’ero io che di eroico non ho proprio niente.
«Respira? Prova ad avvicinare la guancia alle sue labbra» sussurrò lei con la voce esile e titubante di chi sta dicendo una cosa della quale dubita per primo la sensatezza. «L’ho visto fare in un film» si sentì in dovere di aggiungere.
Appoggiai il pover’uomo allo schienale e mi abbassai verso di lui «Si, lo sento, respira!» Risposi. Poi allentai la cravatta e il primo bottone «l’ho visto fare in un film» mi sentii in dovere di aggiungere a mia volta.
«Dovremmo chiamare il 112?»
«Si, giusto il 112! Vado a prendere il mio cellulare» concordò lei volando verso la sua auto.
La guardai correre via e rimasi in attesa cercando di controllare il mio di respiro e mantenere la mente lucida. Sentivo che l’ansia cominciava a impadronirsi di me, entro breve sarei entrato in uno stato di agitazione tale da non poter essere d’aiuto in alcun modo. Perché succede sempre così: io riesco ad essere d’aiuto in modo inversamente proporzionale all’altrui bisogno di aiuto.
«Chiama tu, ti prego» disse la ragazza porgendomi il cellulare «io non ce la faccio, in queste situazioni perdo la calma e la testa.»
Allungai la mano sconsolato, perché solo nei film un imbranato smette di essere imbranato quando ne trova uno imbranato quanto lui. La consapevolezza di dover contare solo su me stesso avrebbe portato la mia ansia a livelli d’allerta.
Le ci vollero ben tre tentativi prima di riuscire a darmi la password giusta. Quando finalmente riuscii a comporre il numero del pronto intervento e l’addetto rispose rimasi interdetto senza sapere cosa dire. Guardai la ragazza a bocca aperta, lei prese il telefono dalle mie mani e dopo mille balbettii e ripetizioni riuscì a spiegare la situazione.
«Dove siamo?» Mi chiese infine.
«Siamo al parcheggio di via… di via…» non riuscivo a ricordare il nome della via nonostante fosse una delle arterie principali della città.
«È un santo, digli che è il nome di un santo, questo me lo ricordo» farfugliai.
«Dice che dovremmo cercare di essere più precisi.»
«Be’, io non sono un tipo preciso, ok?» Risposi mettendomi ad urlare, il mio autocontrollo stava venendo meno. «Digli che c’è un cinema, un pub e un locale dove si esibiscono… Via sant’Andrea!» La folgorazione giunse propizia.
«Arriveranno prima possibile» mi comunicò la ragazza con un fil di voce. «Quanto ci metteranno secondo te?»
«Non saprei, l’ospedale più vicino è a 10 minuti da qui, ma con questo tempo…»
«Nel frattempo che facciamo?»
«Non ne ho idea» risposi «Aspettiamo e vediamo» che è un po’ il sunto della mia vita: aspettare e vedere…
«Forse è il caso che ci presentiamo» proposi allungando una mano.
«Giusto» rispose lei allungando la sua. Dopo i convenevoli del caso scoprimmo di essere tutti e due in ritardo per lo stesso concerto e di avere lo stesso entusiasmo nei confronti del medesimo.
«Non ci volevo venire, con una serata come questa me ne sarei stata volentieri a casa con una tisana calda. Ma me l’ha proposto il mio ragazzo e io non so dire di no. Non dico mai di no. Io ho dei seri problemi con i “no” e anche con i “si” a dire il vero» mi raccontò con un fil di voce.
Non l’avevo ancora osservata bene. Era alta la metà di me, sembrava esile e alquanto gracile. Portava un cappello dal quale spuntavano riccioli disordinati e gocciolanti. Contrariamente al resto il viso era paffuto, direi quasi grassoccio, gli occhi erano scuri, difficile al momento stabilirne il colore. Sorrideva. Un sorriso appena accennato, ma dolcissimo, imbarazzato e al contempo rassicurante, rilassante oserei dire. O per lo meno pareva a me. Mi convinsi in un attimo che quello era proprio il tipo di sorriso che avrei voluto ricevere ogni giorno della mia vita.
Per qualche minuto nessuno dei due parlò, io controllai l’uomo sul sedile «Respira ancora» comunicai.
«L’hai riconosciuto, vero?» Mi chiese ad un tratto.
«Dovrei?» La luce dell’abitacolo era molto flebile e quel che riuscivo a vedere erano i lunghi capelli raccolti in una coda disordinata, l’orecchino al lobo destro e un neo grosso come un chicco di caffè sotto l’occhio sinistro.
«No, non lo conosco.» In quel momento l’uomo trasse un respiro profondo, chiuse la bocca e cambiò un poco l’espressione del viso.
«Si, ora l'ho riconosciuto» sbottai.
Era Leroy Jake il leader del gruppo che doveva esibirsi quella sera.
Ma che ci faceva svenuto su quel SUV invece di essere sul palco, vestito con giacca e cravatta al posto dei soliti eccentrici stracci?
La consapevolezza che se Leroy era lì il concerto non sarebbe iniziato e che due degli spettatori avevano un motivo doppio per essere furiosi, ci colpì nel medesimo istante.
Chissà perché trovammo la cosa parecchio esilarante. Scoppiammo a ridere e continuammo a farlo fino all’arrivo dell’ambulanza.
Rilasciammo ai soccorritori le nostre generalità e un racconto succinto e convulso dell’accaduto, poi ci allontanammo insieme.
Non ho mai saputo cosa sia accaduto al pover’uomo quella sera, comunque si è ripreso in fretta ed è tornato presto ad esibirsi qua e là per la città.
Non sono diventato un suo fan, ma gli sono oltremodo riconoscente, grazie a lui, infatti, da allora ogni giorno posso beneficiare di quel dolce, delicato, confortante sorriso.
Ultima modifica di Stefyp il 09/01/2020, 21:26, modificato 4 volte in totale.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 364
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(3 dal 2015)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo » 08/01/2020, 11:00

Non sempre allora gli opposti si attraggono.
Il racconto si lascia leggere, non mi ha entusiasmato molto per diversi motivi: 1. la frase iniziale aveva creato in me chissà quale aspettativa; 2. una classica storia vista e rivista; 3 alcune sviste come la pioggia che si calma, quando non se n'era accennato prima; 4. L'uomo salì in macchina passarono i secondi e... non ho capito la sospensione. 5. L'imbarazzo dei due al telefono forse voleva essere comico ma non lo è stato, oppure se non lo voleva essere non mi è piciuto come sia statao gestito. 6. Il riconoscimento del leader del gruppo.

Per quanto riguarda la forma:
Suoneria invece di soneria
Cantante-bassista, non poteva quindi strimpellare la chitarra a prescindere :)
"La ragazza mi aveva evidentemente seguito" toglierei evidentemente.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 307
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
posizione nel Club recensori: *****
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
(4 quest'anno)
diventa anche tu un
sostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 08/01/2020, 12:09

storiella gradevole e divertente che si lascia leggere tranquillamente dall'inizio alla fine.
mi permetto di segnalare che vi sono dei refusi (es. riuscì però di irritarmi).
le descrizioni sono buone e i protagonisti abbastanza simpatici.
però non è una storia che lascia il segno, sinceramente
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

ElianaF
Foglio bianco
Messaggi: 29
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

commento Quel sorriso

Messaggio da leggere da ElianaF » 08/01/2020, 12:58

Storia romantica che si lascia leggere, comunque non credo nei colpi di fulmine! I racconti a lieto fine rallegrano, anche se poi si dimenticano in fretta. Bella la trovata del malore del cantante che li fa incontrare.

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 264
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(5 quest'anno)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 08/01/2020, 22:04

Racconto "rosa" come un tempo venivano classificate certe storie così, a lieto fine e con incontri, come in questo caso, molto romantici e che cambiano la vita: al meglio. Il racconto è carino, tipo favoletta appunto. Non annoia (è non è una cosa da poco...) ma non esalta. Si lascia pertanto leggere, secondo me.

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Quel sorriso

Messaggio da leggere da Stefyp » 09/01/2020, 19:49

Grazie a tutti per i commenti e i consigli.
Per Eliseo: hai ragione della pioggia non si parla prima, in una prima stesura più lunga un richiamo c'era, ma poi taglia qui taglia là. Non ho niente contro i chitarristi bassisti anzi! Ma il protagonista non la pensa come me. Per le correzioni prendo atto e correggo.
Grazie ancora

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 364
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(3 dal 2015)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Re: Quel sorriso

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo » 09/01/2020, 21:05

Stefyp ha scritto:
09/01/2020, 19:49
Grazie a tutti per i commenti e i consigli.
Per Eliseo: hai ragione della pioggia non si parla prima, in una prima stesura più lunga un richiamo c'era, ma poi taglia qui taglia là. Non ho niente contro i chitarristi bassisti anzi! Ma il protagonista non la pensa come me. Per le correzioni prendo atto e correggo.
Grazie ancora
No ma intendevo dire che prima era stato scritto che il leader fosse bassista e cantante, poi alla fine hai scritto che non era sul palco a strimpellare la chitarra, forse non mi ero spiegato bene
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Re: Quel sorriso

Messaggio da leggere da Stefyp » 09/01/2020, 21:24

Eliseo Palumbo ha scritto:
09/01/2020, 21:05
No ma intendevo dire che prima era stato scritto che il leader fosse bassista e cantante, poi alla fine hai scritto che non era sul palco a strimpellare la chitarra, forse non mi ero spiegato bene
Vero, scusa solo adesso ho capito la tua precisazione. Mea culpa. Hai ragione, correggerò.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 315
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(10 dal 2018)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 10/01/2020, 20:13

Galeotto fu il cantante, e il suo malore, vien da dire.
Il racconto è carino, buona la descrizione del carattere del protagonista, indolente e remissivo, che trova la sua anima gemella, proprio in senso letterale, in una ragazza molto simile a lui.
Nel commento al mio brano dici di cercare ispirazione per i dialoghi, in questo non sono affatto male, adeguati al contesto, un po' da commedia rosa.
Ripeto, racconto semplice e carino, tutto sommato piacevole.

Selene Barblan
Apprendista
Messaggi: 182
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(3 quest'anno)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 13/01/2020, 11:44

Racconto carino e godibile, i personaggi sono credibili, il lettore può facilmente simpatizzare o immedesimarsi in loro. Si legge volentieri, ma manca secondo me quel qualcosa in più, a livello stilistico o di contenuti, che me lo facciano piacere appieno. Voto 3.

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (155,92 KB scaricato 243 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Mai Più

Mai Più

Antologia di opere grafiche e letterarie aventi per tema il concetto del MAI PIÙ in memoria del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, di AA.VV.

Nel 2018 cade il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, perciò abbiamo voluto celebrare quella follia del Genere umano con un'antologia di opere grafiche e letterarie di genere libero aventi per tema il concetto del "mai più".

Copertina di Pierluigi Sferrella.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Alessandro Carnier, Romano Lenzi, Francesca Paolucci, Pasquale Aversano, Luisa Catapano, Massimo Melis, Alessandro Zanacchi, Furio Bomben, Pierluigi Sferrella, Enrico Teodorani, Laura Traverso, F. T. Leo, Cristina Giuntini, Gabriele Laghi e Mara Bomben.
per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Il Bestiario del terzo millennio

Il Bestiario del terzo millennio

raccolta di creature inventate

Direttamente dal medioevo contemporaneo, una raccolta di creature inventate, descritte e narrate da venti autori. Una bestia originale e inedita per ogni lettera dell'alfabeto, per un bestiario del terzo millennio. In questa antologia si scoprono cose bizzarre, cose del tutto nuove che meritano un'attenta e seria lettura.
Ideato e curato da Umberto Pasqui.
illustrazioni di Marco Casadei.

Contiene opere di: Bruno Elpis, Edoardo Greppi, Lucia Manna, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Roberto Paradiso, Luisa Gasbarri, Sandra Ludovici, Yara Źagar, Lodovico Ferrari, Ser Stefano, Nunzio Campanelli, Desirìe Ferrarese, Maria Lipartiti, Francesco Paolo Catanzaro, Federica Ribis, Antonella Pighin, Carlotta Invrea, Patrizia Benetti, Cristina Cornelio, Sonia Piras, Umberto Pasqui.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,14 MB scaricato 297 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 25 - Dietro la maschera!

La Gara 25 - Dietro la maschera!

(novembre 2011, 84 pagine, 2,22 MB)

Autori partecipanti: Diego Capani, Mastronxo, Ser Stefano, Unanime Uno, Aleeee76, Angela Di Salvo, Tuarag, Stefano di Stasio, Tania Maffei, Cordelia, Licetti, Lodovico, Triptilpazol, Ritavaleria, Maria92, Davide Sax, Cazzaro, Ser Stefano, Nathan,
A cura di Morgana Bart e Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,22 MB) - scaricato 670 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 61 - Ai confini della Realtà

La Gara 61 - Ai confini della Realtà

(novembre/dicembre 2016, 15 pagine, 777,31 KB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Ida Dainese, Gabriele Ludovici, Angela Catalini,
a cura di Massimo Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (777,31 KB) - scaricato 82 volte.
oppure in formato EPUB (579,86 KB) (vedi anteprima) - scaricato 89 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 7 - L'Incubo

La Gara 7 - L'Incubo

(agosto 2009, 38 pagine, 1,54 MB)

Autori partecipanti: Yle, Gerardo, Rona, Valentina, Manuela, Devil, Arditoeufemismo, Macripa, Pia, Bonnie, Piero Macrelli, Alessandro Napolitano, Dafank, Miriam,
A cura di CMT.
Scarica questo testo in formato PDF (1,54 MB) - scaricato 351 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.