Cadendo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/03/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
3
19%
2 - mi piace pochino
6
38%
3 - si lascia leggere
3
19%
4 - è bello
1
6%
5 - mi piace tantissimo
3
19%
 
Voti totali: 16

Gabrielegravina
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 12/01/2020, 10:29

Author's data

Cadendo

Messaggio da leggere da Gabrielegravina »

In quel locale dominavano le luci rosse. Lui era andato da solo. Il suo litigio con sua moglie per via della perdita del lavoro gli aveva fatto venire il bisogno di uscire, di vedere altre persone, diverse da quelle solite, i cui volti ormai conosceva a memoria. Il suo sogno, quello di lavorare in teatro, lo stava ultimamente prendendo così tanto che si è liberato di un impiego sicuro come quello per cui aveva studiato, immergendosi in un mondo in cui la sua unica sicurezza era la passione per ciò che avrebbe voluto fare. Più lotti per i tuoi sogni più ti accorgi che ci sono ostacoli, ma fanno bene, ti rendono pronto ad affrontare le future difficoltà, a capire se veramente tu sia disposto a dare tutto per diventare bravo in qualcosa, capire chi è disposto a lottare al tuo fianco e chi invece ti avrebbe preferito con una misera occupazione che paghi il trasporto casa-lavoro.
E così si ritrovava seduto ad uno dei tavoli del locale,con un bicchiere di scotch tra le mani, con le lacrime agli occhi, pensando più a quanto sia solo nella sua vita piuttosto che pensare se la scelta fatta è stata quella corretta. Ogni scelta presa dall’uomo è corretta, in quanto dettata dall’istinto, l’unico che conosce il futuro e che disegna la tua vita così come il destino vuole che essa venga vista sino al completamento dell’opera. Non ha mai trovato il vero amore. Il vero amore dura per sempre, con lo stesso fuoco e la stessa passione di quando si sono incrociati i vostri sguardi per la prima volta. Il suo era finito perché aveva dimostrato il suo vero modo di essere. “Prima di far divenire importante una persona per te, fa sì che ti dimostri che ti accetterà sempre per come sei, fino al resto dei vostri giorni, non dei suoi” si ripeteva nella mente sorso dopo sorso. In fondo era l’amore che veramente gli mancava. Una persona che lo capisse, che lo amasse, che lo rendesse meglio di quanto egli da solo possa mai fare. Sentirsi completati è come essere stesi in due in un corpo su una nuvola e guardare il mondo dall’alto. Una persona alla quale puoi rivolgere amore all’infinito e vedertelo ricambiato, una persona per la quale daresti la vita, una persona alla quale tieni quanto tieni a te stesso, se non di più.
Un uomo può divenire ciò che vuole nella propria vita, avere tutto il successo che molti altri gli condannano e per il quale molti altri lo osannano, ma senza LA persona della tua vita, hai fallito. Potrebbe esserti di fianco in questo momento, potresti starla pensando in questo momento, potresti essere con lei in questo momento e potresti star passando più tempo con una persona che in realtà non è la persona della tua vita piuttosto che con te. Non accorgertene tu. Lascia ancora una volta fare all’istinto. La vista di Quella persona mette in moto qualunque cosa. Ti senti con un vuoto nello stomaco, come se stessi cadendo da una montagna, come se stessi sulla discesa della più grande montagna russa sul pianeta. Senti che è come se vi conosceste da una vita anche se vi siete visti per la prima volta lì, in quel locale, entrambi con un bicchiere in mano, tu pieno di scotch e lei di vino rosso, tu con un’orribile giacca marrone e una camicia male abbottonata lei con un’estiva maglietta rosso scarlatto, tu da solo lei con cinque amiche. Ma vi siete voltati contemporaneamente, fissati, e avete capito in un istante, solo con gli occhi, che sapete molto più dell’altro che di voi stessi.

Ora lui può quindi sfondare nel mondo del teatro, in quanto lei gli ha tolto la maschera.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 431
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

L'intento del racconto è aprezzabile, sempre che abbia capito quale sia l'intento; io l'ho interpretato come una valanga di pensieri, atti ad autoconvincersi, più che altro, che la strada intrapresa sia quella giusta, a inseguire il proprio sogno, a essere, a volte, egoisti e pensare a sé stessi piuttosto che mettere al primo posto qualcun altro, che, magari, ha un'influenza negativa. E su ciò sono d'accordo, avere qualcuno al tuo fianco che crede in te, piuttosto che screditare ogni singola cosa tu faccia, ti da quella marcia in più, ma attenzione a non illudersi e a non credere che solo quel appoggio sia bastevole, a volte, il destino, come lo hai chiamato nel racconto, non coincide con il nostro volere, quindi la testardaggine non è detto che sia qualcosa di buono.
Per me il racconto è bello, tuttavia ci sarebbe qualcosa da sistemare, a mio avviso; ti riporto qualche esempio:
1. Inizi il racconto parlando di questo lui che si ritrova a bere scotch in un night e lo finisci dandogli del tu, parlando con il protagonista direttamente. Questa è l'impressione che si percepisce nonostante, credo, che tu abbia voluto riferirti con quel tu al lettore, quindi va sistemato.
2. "Ogni scelta presa dall’uomo è corretta, in quanto dettata dall’istinto, l’unico che conosce il futuro e che disegna la tua vita così come il destino vuole che essa venga vista sino al completamento dell’opera" l'unico che conosce il futuro chi? il destino? Se si perché hai scritto ... come il destino vuole che... ?
3. LA persone e Quella persona, oltre alle maiuscole credo si debbano mettere La e Quella tra virgolette.
4. Perché può sfondare nel teatro ora che non ha la maschera? Il teatro esiste grazie alle maschere e ogni attore ne indossa una, materiale o immaginaria che sia, per poter interpretare il personaggio assegnatogli.
Poi, personalmente, non ho capito il concetto di ogni scelta presa dall'uomo è corretta, e un uomo può divenire ciò che vuole nella vita, non credo che sia così ma non siamo qui a dibattere su punti di vista, bensì per scrivere e allenarci nella scrittura.
Come detto, complessivamente, il racconto è bello.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Gabrielegravina
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 12/01/2020, 10:29

Author's data

Re: Cadendo

Messaggio da leggere da Gabrielegravina »

Ciao Eliseo, grazie per il commento. Ti spiego alcuni punti:
1. Finisco il racconto rivolgendomi al lettore perché è come se avessi voluto traslare la figura dell'uomo protagonista per farla divenire quella del lettore.
2. Mi riferisco all'istinto, non al destino.
3. Forse dovrei informarmi, ma la mia è più una scelta stilistica. Inoltre il racconto non pretende troppo dal punto di vista di questi dettagli meticolosi che però hai fatto bene a sottolineare.
4. Non volevo svelare questo punto ma mi trovo costretto. "Può sfondare nel mondo del teatro"; in questa frase il teatro raffigura la vita, che ora lui può vivere essendo chi vuole essere veramente, anche e soprattutto grazie alla donna incontrata nel locale per pura casualità.
In quanto alle ultime considerazioni, avrei una spiegazione ma lascio almeno questo al lettore. Grazie mille Eliseo per le critiche costruttive e per chi ha letto questo mio flusso di pensieri.

Ianira Zeno
Foglio bianco
Messaggi: 3
Iscritto il: 31/08/2019, 18:47

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ianira Zeno »

Racconto originale ed interessante. Ti viene voglia di saperne di più del personaggio e di quello che ho interpretato come un tormento interiore. Nel complesso lo trovo scorrevole nonostante le tematiche trattate tutt'altro che ''leggere''.

Stefyp
Apprendista
Messaggi: 113
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Analisi interiore e riflessione personale più che racconto. Mi concentrerò più sullo stile piuttosto che sul contenuto perchè appunto sono riflessioni personali.
"Il suo litigio con sua moglie" uno dei due suo va tolto. La punteggiatura è un pochino da sistemare,
"starla pensando o star passando" star davanti ad un verbo non mi piace mai molto, in generale rivedrei qualche tempo verbale. Ci sono un po' troppe ripetizioni, anch'io ne uso parecchie perchè al momento mi sembra ci stiano bene, poi però chi legge me lo fa notare e quindi forse piacciono solo a me.
In conclusione, mi piace molto quando in un testo vengono inserite riflessioni personali, però le preferisco se inframezzate da un po' di azione.

Roberto Ballardini
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Una riflessione che tocca tutti coloro che in un modo o nell'altro si approcciano a un percorso artistico, percorso che spesso entra in conflitto con la vita di tutti i giorni - lavoro, relazioni, riconoscimento sociale. Credo che noialtri che ci si danna l'anima per imparare qualcosa della scrittura e si coltiva segretamente il sogno di una vita diversa, ci si possa riconoscere un po' tutti. A questa riflessione, poi, ne intrecci un'altra e la rendi complementare, legando cioè il raggiungimento dell'una a quello dell'altra. Uno spunto legittimo, anche se per quel che mi riguarda, non imprescindibile. C'è da curare un pochino la forma, a mio avviso.
Ultima modifica di Roberto Ballardini il 07/02/2020, 8:31, modificato 2 volte in totale.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 254
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

La sensazione che ho provato leggendo questo racconto è simile a quando, dopo un paio di bicchieri di troppo, mi sono lasciata andare a pensieri e discorsi un po’ sconnessi. Non mi ritrovo del tutto nelle considerazioni del protagonista e trovo che le immagini usate per rappresentare gli Stati d’animo potrebbero essere più efficaci se sviluppate meglio. Ci sono dei passaggi che andrebbero rivisti secondo me (starla pensando, montagna russa sul pianeta, ...). Globalmente mi è piaciuto pochino.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 393
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Personalmente non sono dell’idea che la realizzazione personale debba passare per forza dal completamento (talvolta dall’annullamento) in un rapporto di coppia e, in fondo, anche il personaggio del racconto sembra arrivare a questa conclusione, almeno interpretando il finale e l’ultima frase.
Ci sono delle ripetizioni e delle cose da sistemare ma lo stile è buono, rende l’idea del dialogo interiore, di una persona a un bivio fra il passato e un futuro tutto da decifrare.

ElianaF
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento: Cadendo

Messaggio da leggere da ElianaF »

Trovo che il racconto tocchi diversi temi e la trama compessiva si perda. Amori, sogni e poi accade qualcosa, ma esattamente cosa? Il passaggio da un sentimento all'altro è davvero repentino, è disperato poi basta uno sguardo e si risolve tutto?

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 367
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

francamente, per quanto possa apprezzare l'intento, mi sento di dire che il risultato lascia a desiderare.
a parte il fatto che non concordo con quanto dice il protagonista, ma questo, ovviamente, è normale, visto che ognuno ha un proprio pensiero, fossi in te darei una bella revisione al testo, così da sistemare un po' la punteggiatura e i tempi verbali.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 322
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Ognuno ha la propria visione dei fatti e certamente il protagonista del racconto li vede a modo proprio (non ritengo affatto che la realizzazione personale possa avvenire attraverso altri...). Il finale è carino ma un po' fiabesco. Circa il testo sarebbe un pochettino da controllare, come è già stato detto...

Angelo Ciola
Apprendista
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »

Un racconto che non mi ha coinvolto e, anche per me, nella stesura alcune cose sarebbero da modificare. Un monologo interiore che ci propone solo le idee del protagonista, ma siamo sicuri che poi riuscirà veramente a sfondare nel mondo del teatro?
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 189
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Mah, il racconto dà per scontate teorie che sono tutte da dimostrare ed è, a mio avviso, un po’ troppo miracolistico. Da quanto ho potuto capire e intuire, lui realizza che con la moglie è finita per sempre e va in un bar a piangere e a ubriacarsi indossando un’orribile giacca marrone e una camicia male abbottonata. Viene colto dal sospetto di aver fatto una stronzata nel lasciare il lavoro per una carriera teatrale tutta da inventare, così cerca di autoconvincersi che “ogni scelta presa dall’uomo è corretta, in quanto dettata dall’istinto, l’unico che conosce il futuro”, mentre è opinione prevalente che le scelte vadano assunte col l’uso del raziocinio e avendo anche pronto un piano “b”. Intanto, a causa dell’alcol, inizia ad avere problemi di consecutio (e così si ritrovava seduto ... pensando più a quanto sia solo nella sua vita), con le frasi e con la logica (fa sì che ti dimostri che ti accetterà sempre per come sei - che lo rendesse meglio - avere tutto il successo che molti altri gli condannano - potresti starla pensando), ma poi ecco l’illuminazione: se trovassi il vero amore, tutto andrebbe a posto. Detto fatto, eccola lì con un’estiva maglietta rosso scarlatto: si voltano contemporaneamente, si fissano, e capiscono in un istante, solo con gli occhi, che sanno molto più dell’altro che di loro stessi.
Miracolo! Ora lui può sfondare nel mondo del teatro, in quanto lei gli ha tolto la maschera, anche se non è chiaro di quale maschera si tratti.
Per concludere trovo l’intento buono, ma dovresti essere più critico con te stesso e trovare un punto di equilibrio nei tuoi pensieri prima di scrivere. Per finire, anche il titolo “cadendo” mi resta parecchio oscuro.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Museo letterario

Museo letterario

Antologia di opere letterarie ispirate dai capolavori dell'arte

Unire la scrittura all'immagine è un'esperienza antica, che qui vuole riproporsi in un singolare "Museo Letterario". L'alfabeto stesso deriva da antiche forme usate per rappresentare animali o cose, quindi tutta la letteratura è un punto di vista sulla realtà, per così dire, filtrato attraverso la sensibilità artistica connaturata in ogni uomo. In quest'antologia, diversi scrittori si sono cimentati nel raccontare una storia ispirata da un famoso capolavoro dell'Arte a loro scelta.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.
Introduzione del Prof. Marco Vallicelli.
Copertina di Giorgio Pondi.

Contiene opere di: Claudia Cuomo, Enrico Arlandini, Sandra Ludovici, Eleonora Lupi, Francesca Santucci, Antonio Amodio, Isabella Galeotti, Tiziano Legati, Angelo Manarola, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Annamaria Vernuccio, William Grifò, Maria Rosaria Spirito, Cristina Giuntini, Marina Paolucci, Rosanna Fontana, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (211,82 KB scaricato 142 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su    amazon

Biblioteca labirinto

Biblioteca labirinto

Cinque scaffali di opere concatenate per raccontare libri, biblioteche e personaggi letterari

Riportare la lettura e la biblioteca al centro dell'attenzione dovrebbe essere un dovere di ciascuno di noi. Se in qualche misura ci riesce una raccolta di racconti non si può che gioirne, nella speranza che possa essere contagioso, come deve esserlo tutto ciò che ci spinge a riflettere e a interrogarci sull'essenza del nostro esistere.
A cura di Lorenzo Pompeo e Massimo Baglione.
introduzione del Prof. Gabriele Mazzitelli.

Contiene opere di: Alberto De Paulis, Monica Porta, Lorenzo Pompeo, Claudio Lei, Nunzio Campanelli, Vittoria Tomasi, Cristina Cornelio, Marco Vecchi, Antonella Pighin, Nadia Tibaudo, Sonia Piras, Umberto Pasqui, Desirée Ferrarese.
Vedi ANTEPRIMA (211,75 KB scaricato 166 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su    amazon

La Paura fa 90

La Paura fa 90

90 racconti da 666 parole

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per l'antologia La Paura fa 90. Ci sono 90 racconti da non più di 666 parole. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro dell'horror Danilo Arona. Leggete questa antologia con cautela e a piccole dosi, perché altrimenti correte il rischio di avere terribili incubi!
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Maria Arca, Pia Barletta, Ariase Barretta, Cristiana Bartolini, Eva Bassa, Maria Cristina Biasoli, Patrizia Birtolo, Andrea Borla, Michele Campagna, Massimiliano Campo , Claudio Candia, Carmine Cantile, Riccardo Carli Ballola, Matteo Carriero, Polissena Cerolini, Tommaso Chimenti, Leonardo Colombi, Alessandro M. Colombo, Lorenzo Coltellacci, Lorenzo Crescentini, Igor De Amicis, Diego Di Dio, Angela Di Salvo, Stefano di Stasio, Bruno Elpis, Valeria Esposito, Dante Esti, Greta Fantini, Emilio Floretto Sergi, Caterina Franciosi, Mario Frigerio, Riccardo Fumagalli, Franco Fusè, Matteo Gambaro, Roberto Gatto, Gianluca Gendusa, Giorgia Rebecca Gironi, Vincenza Giubilei, Emiliano Gotelli, Fabio Granella, Mauro Gualtieri, Roberto Guarnieri, Giuseppe Guerrini, Joshi Spawnbrød, Margherita Lamatrice, Igor Lampis, Tania Maffei, Giuseppe Mallozzi, Stefano Mallus, Matteo Mancini, Claudia Mancosu, Azzurra Mangani, Andrea Marà, Manuela Mariani, Lorenzo Marone, Marco Marulli, Miriam Mastrovito, Elisa Matteini, Raffaella Munno, Alessandro Napolitano, Roberto Napolitano, Giuseppe Novellino, Sergio Oricci, Amigdala Pala, Alex Panigada, Federico Pergolini, Maria Lidia Petrulli, Daniele Picciuti, Sonia Piras, Gian Filippo Pizzo, Lorenzo Pompeo, Massimiliano Prandini, Marco Ricciardi, Tiziana Ritacco, Angelo Rosselli, Filippo Santaniello, Gianluca Santini, Emma Saponaro, Francesco Scardone, Giacomo Scotti, Ser Stefano, Antonella Spennacchio, Ilaria Spes, Antonietta Terzano, Angela Maria Tiberi, Anna Toro, Alberto Tristano, Giuseppe Troccoli, Cosimo Vitiello, Alain Voudì, Danilo Arona.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,10 MB scaricato 659 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 52 - Colpo di fulmine

La Gara 52 - Colpo di fulmine

(maggio/giugno 2015, 19 pagine, 422,19 KB)

Autori partecipanti: Patrizia Chini, Gloria D. Fedi, Laura Chi, Alberto Tivoli, Ricci Giuliana, Maddalena Cafaro.
a cura di Giorgio Leone.
Scarica questo testo in formato PDF (422,19 KB) - scaricato 142 volte.
oppure in formato EPUB (189,80 KB) (vedi anteprima) - scaricato 202 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 56 - Amicizia ritrovata

La Gara 56 - Amicizia ritrovata

(novembre 2015, 25 pagine, 794,03 KB)

Autori partecipanti: Carlocelenza, Skyla74, Alberto Tivoli, Patrizia Chini, Giorgio Leone, Eliseo Palumbo, Angelo Manarola.
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (794,03 KB) - scaricato 306 volte.
oppure in formato EPUB (324,30 KB) (vedi anteprima) - scaricato 184 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2017 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2017 - (a colori)

(edizione 2017, 4,25 MB)

Autori partecipanti:
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,25 MB) - scaricato 10 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.