La morte di Charley

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
12%
3 - si lascia leggere
8
47%
4 - è bello
5
29%
5 - mi piace tantissimo
2
12%
 
Voti totali: 17

L.Grisolia
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 21/04/2019, 13:54

La morte di Charley

Messaggio da leggere da L.Grisolia » 17/01/2020, 19:34

Cosa ne sarà di Charley
Che cadde mentre lavorava
E dal ponte volò e volò sulla strada.




Suoni meccanici e metallici scandivano la mattinata del cantiere e dei suoi operai.
Piccoli punti gialli si spostavano da un angolo all’altro trasportando funi, mattoni, calce e attrezzi.
Nessuno si abbandonava a un sorriso o a una risata, i pensieri erano alle famiglie, ai propri cari. I visi contriti, rassegnati al lavoro ripetitivo e poco soddisfacente.
Uomini costretti a lavorare a lussurie di cui non avrebbero mai potuto godere.
I movimenti e i suoni ridondanti si dipanavano su uno sfondo colorato di un giallo acre, dovuto ai fumi e alla polvere del cantiere.
Un operaio intonava una melodia malinconica. Le sue parole, coperte dal frastuono, giungevano come un lamento alle orecchie stanche dei lavoratori.
Questo il paesaggio che si stagliava al di sotto dei due uomini che, seduti su una trave sospesa a decine di metri di altezza, si godevano una pausa.
Il loro sguardo tentava di scappare a quell’inferno di sudore e fatica puntando al di là delle transenne.
Uno dei due, finito un modesto panino, si accese una sigaretta. L’altro invece stava approcciando un’insalata di riso con sguardo famelico.
Il fumatore, con lo sguardo perso chissà dove, dondolava leggermente i piedi nel vuoto.
– Manco una sigaretta mi riesco più a godere – disse quasi in un sospiro.
L’operaio affamato gli lanciò un’occhiata veloce per poi tornare subito alla sua insalata di riso.
– Tu pensi troppo – disse con la bocca piena – L’unica cosa a cui dovresti pensare è lavorare e fare abbastanza soldi per sopravvivere – si fermò per infilarsi in bocca un’altra cucchiaiata di cibo – Mi dispiace che te la passi male, io invece dovrei essermi guadagnato una bella promozione… anche se ho dovuto fare qualche impiccio – fece un cenno d’intesa all’altro – Diciamo che ho dovuto camminare su qualche testa – concluse sorridendo.
– E ti senti soddisfatto? Voglio dire… la tua esistenza è tanto inutile al mondo quanto lo è a questo cantiere. Vedi, ogni tanto mi viene voglia di fare qualcosa di eclatante, inaspettato. Mi viene voglia di spezzare la routine, mi sta uccidendo questa dannata routine…– disse il fumatore avvolto nella nebbia della sigaretta.
– Fare qualcosa tipo cosa? –
– Niente di buono… mi vergogno a parlarne… forse sono pazzo, ma se decidessi di farlo rischierei di fare del male a delle persone, anche a quelle che mi stanno vicino… soprattutto loro –
– Devi fare quello che è meglio per te. “Ognuno per sé” questo è il mondo in cui viviamo. Nessuno ha il tempo, i soldi o la forza di preoccuparsi degli altri, è così che ho ottenuto la mia promozione ed è così che ho intenzione di ottenerne tante altre. Chi si ritroverà sotto il mio rullo compressore se ne dovrà fare una ragione. O me o loro –
– Forse hai ragione tu –
Per un momento nessuno dei due parlò. Rimasero in silenzio noncuranti del frastuono metallico, ormai non più che un brusio alle loro orecchie.
– È solo che… – proruppe l’operaio fumatore – Ho bisogno di fare qualcosa che voglio fare io, qualcosa che non sia mangiare tonno anziché fagioli, qualcosa di grande. Che sia il primo e ultimo atto drastico e radicale di un uomo che ha vissuto come una macchina –
L’altro operaio smise di ingurgitare cibo, il suo sguardo perplesso rimbalzò tra il suo interlocutore e il suolo che si stendeva molti metri più in basso. Per un istante le sue labbra si curvarono in un ghigno, poi si schiarì la voce ricomponendosi.
– Io sono dalla tua parte. Fai quello che devi fare. Per te e per nessun altro. È il potere che conta e l’unico potere che ci è rimasto è quello su noi stessi. Niente e nessuno potrà impedirti di fare quello che vuoi, nonostante le conseguenze –
Il fumatore sospirò di nuovo e puntò distrattamente gli occhi sulla distesa di polvere che si dipanava sotto di lui. Era attraversata da innumerevoli solchi irregolari che si intrecciavano in motivi astratti.
– Non c’è altro modo… dare una svolta alla propria vita con qualsiasi mezzo, o farla finita – disse.
– Nessuno ti giudicherebbe in entrambi i casi – disse l'altro sfregandosi le mani come dall’impazienza, il viso rimase inespressivo.
L’altro operaio gettò il mozzicone di sigaretta nel vuoto. Rimase qualche secondo a guardarlo cadere, finché non scomparve avvolto dalla polvere. Poi volse lo sguardo al suo collega, uno sguardo carico di tristezza. Gli posò una mano sulla spalla mentre una lacrima gli rigava lentamente la guancia.
– Grazie mille – disse chiudendo gli occhi.
L’altro operaio lo guardò con finta compassione, rivolgendo rapidi sguardi al baratro sul quale erano sospesi.
– Non ti preoccupare amico mio, ti capisco. Fai quello che devi fare – disse mentre sul suo viso si disegnava lentamente un ghigno sadico, di un uomo pronto ad assistere alla disfatta di un suo collega, al solo scopo di crogiolarsi nella sua, seppur misera, vittoria.
Ma l’operaio dagli occhi chiusi, e dal viso ormai rigato da numerose lacrime, invece di abbandonarsi alle grinfie del vuoto, fece pressione con la sua mano callosa sulla spalla dell’altro e mormorò: – Addio… Charley e grazie per la promozione – Charley, colto alla sprovvista, tentò invano di appigliarsi a qualcosa. Il suo viso, prima pervaso dal sadismo, si contorse in un grido di terrore e disperazione.
Un grido che, coperto dal frastuono metallico, nessuno riuscì a sentire.
Un tonfo che, in quel caos, fu come un leggero scricchiolio.
Infine, un corpo. Il corpo di Charley.

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 86
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 18/01/2020, 18:36

Anch'io a volte scelgo di non dare un nome ai protagonisti del racconto, mi sembra meglio, non so come dire. È difficile però rendere chiaro al lettore il tutto, la scelta dei pronomi si rivela a volte molto complicata. Qui ci sono troppi "altro" (l'altro operaio). Ho dovuto rileggere intere frasi per dare la sequenza giusta ai dialoghi. Optare per "l'operaio fumatore" mi stona un pochino.
Il senso del dialogo non mi è dispiaciuto, anche se la conclusione si rivela un po' prima del finale. Avrei forse reso più snelli di dialoghi tra i due.

L.Grisolia
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 21/04/2019, 13:54

Re: Commento

Messaggio da leggere da L.Grisolia » 19/01/2020, 14:21

Stefyp ha scritto:
18/01/2020, 18:36
Anch'io a volte scelgo di non dare un nome ai protagonisti del racconto, mi sembra meglio, non so come dire. È difficile però rendere chiaro al lettore il tutto, la scelta dei pronomi si rivela a volte molto complicata. Qui ci sono troppi "altro" (l'altro operaio). Ho dovuto rileggere intere frasi per dare la sequenza giusta ai dialoghi. Optare per "l'operaio fumatore" mi stona un pochino.
Il senso del dialogo non mi è dispiaciuto, anche se la conclusione si rivela un po' prima del finale. Avrei forse reso più snelli di dialoghi tra i due.
Sinceramente me l'aspettavo. Ho trovato non poca difficoltà nel districarmi tra i due interlocutori. Grazie comunque del commento!

Simone_Non_é
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é » 20/01/2020, 2:54

Il racconto non mi è dispiaciuto, credo sia una bella forma di denuncia per quel frangente della nostra società che in nome del potere è disposta a tutto. Certo non colgo ne vinti ne vincitori da questo breve racconto, in quanto su molti aspetti ricorda le già note "guerre tra poveri". Cos'altro dire, sono riuscito a seguire il tutto in modo fluido, forse il tema non è fra i più nuovi ma da comunque spunti di riflessione, bello inoltre il piccolo plot twist finale.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 211
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
pos. in Club recensori: **
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2020
(4 dal 2019)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 20/01/2020, 10:20

Mi è piaciuta la descrizione del cantiere, di come i due protagonisti vedano tutto dall’alto, da una posizione vertiginosa e così distante dalla realtà, ormai, da indurli a prendere decisioni estreme. Non c’è un buono e un cattivo, entrambi sono corrotti e guidati dalle proprie pulsioni e dai propri ragionamenti deviati. Trovo belle le tre righe poetiche iniziali. Mi stona “lussurie”. Globalmente non mi dispiace, voto 3.

Alessandro Mazzi
Foglio bianco
Messaggi: 23
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (profili visti)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi » 20/01/2020, 21:43

Trovo che il racconto sia di piacevole lettura. Scritto molto bene, a mio avviso si legge in maniera fluida. Ho apprezzato molto lo sconvolgimento finale, che a poche righe dalla fine sovverte le sorti dell'epilogo. Nella sua brevità il racconto mi è piaciuto.
P.S.
Ho apprezzato molto la citazione iniziale, dalla quale sei partito per costruire la vicenda di Charley.

ElianaF
Foglio bianco
Messaggi: 46
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento: La morte di Charley

Messaggio da leggere da ElianaF » 23/01/2020, 17:58

Ho fatto fatica a districarmi tra lui e l'altro, l'operario fumatore e l'altro operaio. Sostituirei il termine " lussurie " all'inizio. Tutti perdono, non ci sono né vinti né vincitori. Ma esistono ancora gli operai e le promozioni?

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 338
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2013 (profili visti)
pos. in Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(10 dal 2018)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 25/01/2020, 12:15

I dialoghi non sono da cantiere, ma qui siamo nel campo dell’allegoria, introdotta dalla citazione di De André che riprende Edgar Lee Masters, quindi il tutto va interpretato come metafora.
In quest’ottica è apprezzabile tutta la prima parte, densa di cupa rassegnazione, di malinconia e ignavia, contrapposta al colpo di scena finale dove, in senso letterale, si passa all’azione.
È vero, non ci sono ci sono vincitori e vinti: di fatto l’operaio, credendo di dare una svolta alla propria esistenza, sceglie di auto-condannarsi a perpetrare quella vita che disprezza tanto.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 324
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
pos. in Club recensori: *****
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
(4 quest'anno)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 27/01/2020, 12:10

così così.
visto l'omaggio a De André iniziale, mi sarei aspettato qualcosa di diverso.
intanto, a mio parere, il gesto finale è praticamente un suicidio. praticamente rinnega ogni cosa pensata prima, anche se il finale si capisce abbastanza presto.
poi segnalo che, secondo me, nei dialoghi non va il trattino a fine discorso.
qualche ripetizione di troppo ma, tutto sommato, si lascia leggere bene.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 284
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

pos. in Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(5 quest'anno)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 01/02/2020, 15:28

Il racconto contiene delle belle descrizioni, soprattutto riferite al cantiere e ai suoi rumori, colori e uomini al lavoro. Vi sono alcuni passaggi molto buoni, dal mio punto di vista: come il dialogare avvolti dal fumo di sigaretta. Il finale è triste e cinico ma ci sta, succede anche questo, forse...

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 179
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(7 dal 2014)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone » 05/02/2020, 21:13

Come si fa a non pensare alla famosa foto “Lunch atop a skyscraper” - scattata nel ’32 al Rockefeller Center di New York -, che fa bella mostra di sé in moltissime sale d’aspetto di ingegneri e architetti? Lì erano undici persone, mentre qui sono solo due, da come parlano quasi sicuramente professori universitari costretti dalla crisi a lavorare come operai. Anche se ogni tanto dicono cose strane tipo “lussurie”, piuttosto che frasi del tipo “fare qualche impiccio”, e “Ho bisogno di fare qualcosa che voglio fare io”. Comunque avevo bene in mente la foto, e quando ho letto che “l’altro operaio gettò il mozzicone di sigaretta nel vuoto. Rimase qualche secondo a guardarlo cadere, finché non scomparve avvolto dalla polvere.”, poiché soffro di vertigini mi si sono piegate le ginocchia e ho vomitato sulla tastiera del Mac. Bravo, ciò significa che scrivi bene e sei efficace nelle descrizioni, anche troppo. E di ciò se ne ha conferma proprio nel finale, tombale come una lapide nel cimitero di Spoon River: “Infine, un corpo. Il corpo di Charley.”. Ben fatto!
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Roberto Ballardini
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2019 (recensiti)
dal 2019 (recensori)
dal 2018 (autori prolifici)
pos. in Club recensori: *****
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2020
(2 quest'anno)
diventa anche tu un
sostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini » 06/02/2020, 7:54

Al contrario di ciò che ho letto in altri commenti non ho fatto alcuna fatica a sapere sempre chi parlava, un po' per la sigaretta e l'insalata di riso, e un po' perché i due atteggiamenti erano impostati bene fin dall'inizio. Malgrado si fosse capito da un po' che uno dei due sarebbe caduto di sotto, il dubbio che tu potessi optare per il nobile suicidio del fumatore mi è rimasto fino alla fine (e l'ho pure temuto). Invece il finale è quello giusto, secondo me, e il racconto diventa un'amara allegoria sociale molto contemporanea. L'ho trovato un po' traballante nella scelta di alcuni vocaboli (che ti hanno già segnalato) e nella parte descrittiva del cantiere che fa un po' troppo "poveri lavoratori" (lo posso dire, lavorando in cantiere da più di trent'anni,). Non che tu dica cose sbagliate eh, soltanto perché quei lavoratori lì sono in genere molto meno portati al vittimismo, e comunque la vita è dura per tutti (o quasi). Piaciuto. Voto 4

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 375
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Alcune sue statistiche:

pos. in Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(3 dal 2015)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo » 07/02/2020, 10:57

Durante la lettura mi sono un po' rivisto, non nei personaggi, bensì nell'autore, perché anche io spesso provo a non ripetere, o come in questo caso a dire i nomi, scervellandomi su potenziali aggettivi da utilizzare per indicare l'interlocutore del dialogo e differenziarli tra loro, cercando di far filare le battute del dialogo e non creare confusione: è difficile molto difficile, però devo dire che in questo caso sei stato abbastanza bravo e la lettura è scorsa piacevolmente.
Mi è piaciuta la marcata differenza tra i due colleghi: uno cinico e arrivista, l'altro tormentato e riflessivo. Ho apprezzato l'evoluzione avvenuta in così poche righe dell'omicida, che passa da uomo con i piedi per terra, nonostante si trovasse a chissà quanti metri d'altezza, e dai sani principi, a uomo freddo e ambizioso.
L'unica cosa che non mi è piaciuta è stato l'incipit, ha svelato la fine fin da subito.
Il racconto è bello.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2020 (autori prolifici)
attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Errepi60 » 10/02/2020, 8:48

Innanzitutto ringrazio Giorgio Leone che mi ha fatto luce sulla fotografia “Lunch atop a skyscraper” perchè il racconto mi ha portato proprio, in quel posto e in quel momento. Mi è piaciuta la descrizione del cantiere e soprattutto il finale come dire ma vaffa… Globalmente mi piace, voto 3.

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


256K

256K

256 racconti da 1024 Karatteri

Raccolta delle migliori opere che hanno partecipato alla selezione per l'antologia 256K. Ci sono 256 racconti da non più di 1024 battute. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro della fantascienza italiana Valerio Evangelisti. Ogni pagina, è corredata da una cronologia dei vecchi computer dagli anni '50 agli '80. A ogni autore è stato inoltre assegnato un QR Code. Da non perdere!
A cura di Massimo Baglione e Massimo Fabrizi
con la partecipazione di: Alessandro Napolitano e Paolo Oddone.

Contiene opere di: Alberto Tristano, Roberto Guarnieri, Ramona Cannatelli, Ser Stefano, Giorgio Aprile, Gianluca Santini, Matteo Mancini, Giorgia Rebecca Gironi, Mariella Vallesi, Tommaso Chimenti, Diego Salvadori, Giulia Conti, Beatrice Traversin, Maria Cristina Biasoli, Massimiliano Campo, Il Cazzaro di 6502, Polissena Cerolini, Patrizia Birtolo, Paolo Capponi, Paolo Cavicchi, Luca Romanello, Igor Lampis, Diego Di Dio, Leonardo Boselli, David Parronchi, VS, Antonella Tissot, Sam L. Basie, Annamaria Trevale, Bruno Ugioli, Ilaria Spes, Bruno Elpis, Massimiliano Prandini, Andrea Marà, Riccardo Fumagalli, Joshi Spawnbrød, Daniele Picciuti, Gian Filippo Pizzo, Flavio Valerio Nervi, Ermanno Volterrani, Manuela Costantini, Matteo Carriero, Eva Bassa, Lorenzo Pompeo, Andrea Andreoni, Valeria Esposito, Stefano Caranti, Riccardo Carli Ballola, Stefano Pierini, Giuseppe Troccoli, Francesco Scardone, Andrea Cavallini, Alice Chimera, Cosimo Vitiello, Mariaeleonora Damato, Stefano Mallus, Sergio Oricci, Michele Pacillo, Matteo Gambaro, Angela Di Salvo, Marco Migliori, Pietro Chiappelloni, Sergio Donato, Ivan Visini, Ottavia Piccolo, Ester Mistò, Alessandro Mascherpa, Gianmarco Amici, Raffaella Munno, Michele Campagna, Diego Bortolozzo, Lorenzo Davia, Marco Solo, Gianluca Gendusa, Caterina Venturi, Lorenzo Crescentini, Silvia Tessa, Simona Aiuti, Chiara Micheli, Anna Tasinato, Valentina Giuliani, Giulio D'Antona, Maria Francesca Cupane, Veruska Vertuani, Giacomo Scotti, Chiara Zanini, Lorenzo Fontana, Tiziana Ritacco, Margherita Lamatrice, Aurora Torchia, Luigi Milani, Maurizio Brancaleoni, Gloria Scaioli, Filomena, Piergiorgio Annicchiarico, Morik Chadid, Chiara Perseghin, Massimo Ferri, Simone Messeri, Davide Dotto, Serena M. Barbacetto, Roberto Bernocco, Anthony Strange, Cristian Leonardi, Fabiola Lucidi, Roberto Bommarito, Antonio Russo De Vivo, Giacomo Gailli, Giovanni Duminuco, Federico Pergolini, Fabrizio Leonardi, Amigdala Pala, Natale Figura, Celeste Borrelli, Francesca Panzacchi, Andrea Basso, Giacomo Inches, Umberto Pasqui, Mario Frigerio, Luigi Bonaro, Luca Romani, Anna Toro, Giuseppe Varriale, Maria Lipartiti, Marco Battaglia, Arturo Caissut, Stefano Milighetti, Davide Berardi, Paolo Secondini, Susanna Boccalari, Andrea Indiano, Alexia Bianchini, Penelope Mistras, Anna Grieco, Samantha Baldin, Serena Bertogliatti, Valentina Carnevale, Gloria Rochel, Andrea Leonelli, James Carroll Wish, Marco Ferrari, Giovanni Ferrari, Mew Notice, Maurizio Vicedomini, Paride Bastuello, Alessandra Lusso, Mirko Giacchetti, Francesco Manarini, Massimo Rodighiero, Daniela Piccoli, Alessandro Trapletti, Marco Tomasetto, Conrad, Giovanni Sferro, Morgana Bart, Omar Spoti, Massimo Conti, Andrea Donaera, Roberto Alba, Libeth Libet, Angela Rosa, Valentina Coscia, Antonio Matera, Fabio Brusa, Stefano Olivieri, Isabella Galeotti, Chiara de Iure, Ilaria Ranieri, Lorenzo Valle, Francesco Fortunato, Valentina Tesio, Elena Pantano, Maria Basilicata, Antonio Costantini, Riccardo Delli Ponti, Giovanna Garofalo, Eliseo Palumbo, Federica Neri, Alessandro Napolitano, Stefano Valente, Linda Bartalucci, Luisa Catapano, Diego Cocco, Riccardo Sartori, Dario Degliuomini, Gianni Giovannone, Nicola Fierro, Federico Marchionni, Romeo Mauro, Francesco Azzurli, Filippo Pirro, Luca Marinelli, Triptil Pazol, Marco Sartori, Iunio Marcello Clementi, Maria Lucia Nosi, Valentina Vincenzini, Jacopo Mariani, Diletta Fabiani, Lodovico Ferrari, Paolo Franchini, Tullio Aragona, Davide Corvaglia, Davide Figliolini, Beniamino Franceschini, Roberto Napolitano, Valeria Barbera, Federico Falcone, Stefano Meglioraldi, Eugenia Bartoccini, Andrea Gatto, Sonia Galdeman, Filomena Caddeo, Dario D'Alfonso, Chantal Frattini, Viola Cappelletti, Maria Stella Rossi, Serena Rosata, Francesco Di Mento, Giuseppe Sciara, Mario Calcagno, Tanja Sartori, Andrea Giansanti, Lorenzo Pedrazzi, Alessio Negri Zingg, Ester Trasforini, Daniele Miglio, Viola Killerqueen Lodato, Delos Veronesi, Giuseppe De Paolis, Diego Capani, Stefano Colombo, Aislinn, Marco Marulli, Sanrei, Emanuele Crocetti, Andrea Borla, Elena Noseda, Anna Notti, Andreea Elena Stanica, Marina Priorini, Lucia Coluccia, Simone Babini, Fiorenzo Catanzaro, Francesco Mastinu, Cristina Cornelio, Roberto Paradiso, Andrea Avvenengo, Maria Boffini, Mara Bomben, Alex Panigada, Federico Iarlori, Marika Bernard, Alessandra Ronconi, Francesco Danelli, Gabriele Nannetti, Salvatore Ingrosso, Paolo Oddone, Valerio Evangelisti.
Vedi ANTEPRIMA (1,08 MB scaricato 846 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
L'Altro

L'Altro

antologia AA.VV. sulle diversità del Genere Umano

Attraverso il concorso "L'Altro - antologia sulle diversità del Genere Umano", gli autori erano stati chiamati a esprimersi sulle contrapposizioni fra identità, in conflitto o meno, estendibili anche a quelle diversità in antitesi fra di loro come il terreste e l'alieno, l'Uomo e l'animale, l'Uomo e la macchina, il normale e il diversamente abile, il cristiano e il musulmano, l'uomo e la donna, il buono e il cattivo, il bianco e il nero eccetera. La redazione cercava testi provocatori (purché nei limiti etici del bando), senza falsi moralismi, variegati, indagatori e introspettivi. Ebbene, eccoli qua! La selezione è stata dura e laboriosa, ma alla fine il risultato è questo ottimo libro.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Furio Bomben.

Contiene opere di: Furio Bomben, Antonio Mattera, Maria Letizia Amato, Massimo Tivoli, Vespina Fortuna, Thomas M. Pitt, Laura Massarotto, Pasquale Aversano, Ida Dainese, Iunio Marcello Clementi, Federico Pavan, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Giorgio Leone, Giovanna Evangelista, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Francesco Zanni Bertelli, Gabriele Ludovici, Laura Traverso, Luca Valmont, Massimo Melis, Abraham Tiberius Wayne, Stefania Fiorin.
Vedi ANTEPRIMA (312,10 KB scaricato 84 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 211 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara d'inverno 2018-2019 - La soffitta, e gli altri racconti

Gara d'inverno 2018-2019 - La soffitta, e gli altri racconti

(inverno 2018 - 2019, 45 pagine, 504,58 KB)

Autori partecipanti: Stefano Giraldi, Teseo Tesei, Namio Intile, Daniele Missiroli, Marco Daniele, Fabrizio Bonati, Fausto Scatoli, Nunzio Campanelli, Seira Katsuto, Angelo Ciola, Carol Bi, Laura Traverso, Ida Dainese, Draper, Gabriele Ludovici, Roberto Bonfanti,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (504,58 KB) - scaricato 85 volte.
oppure in formato EPUB (328,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 40 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 68 - La gelosia

La Gara 68 - La gelosia

(gennaio 2018, 32 pagine, 945,88 KB)

Autori partecipanti: Lorenzo Iero, Enrico Gallerati, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Patrizia Chini, MicolFusca, Eliseo Palumbo, Claudio Lei,
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (945,88 KB) - scaricato 61 volte.
oppure in formato EPUB (414,28 KB) (vedi anteprima) - scaricato 53 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 24 - Andate tutti all'Inferno!

La Gara 24 - Andate tutti all'Inferno!

(ottobre 2011, 84 pagine, 4,26 MB)

Autori partecipanti: Skyla74, Jane90, Judith_Star, Giovanni Minio, Triptilpazol, dafank, Carlocelenza, Cazzaro, Nathan, Lodovico, William Munny, Recenso, Cristinacomparato, Nicoletta Palazzo, Exlex, Aleeee76, Ser Stefano, Cordelia, Maria92, Ritavaleria, Unanime Uno, jormungaard, Licetti, Davide Sax, Tuarag, Morgana Bart, Serenoodio, d Eg 0, Stefano di Stasio, Angela Di Salvo,
A cura di Alessandro Napolitano e Giovanni Capotorto.
Scarica questo testo in formato PDF (4,26 MB) - scaricato 656 volte.
oppure in formato EPUB (1,17 MB) (vedi anteprima) - scaricato 216 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.