Alì il terribile

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/03/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
1
7%
2 - mi piace pochino
6
43%
3 - si lascia leggere
3
21%
4 - è bello
1
7%
5 - mi piace tantissimo
3
21%
 
Voti totali: 14

Kork75
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 06/09/2019, 20:22

Author's data

Alì il terribile

Messaggio da leggere da Kork75 »

Alì Khaled uscì in coperta e si diresse a prora per controllare di persona l’ormeggio alla fonda della sua nave all’interno della piccola insenatura. Arrivato all’altezza dell’albero maestro si fermò e allargò le braccia fissando le vele ripiegate in maniera approssimativa. Imprecò levando gli occhi al cielo. Inveì male parole ad alcuni uomini appoggiati ai loro remi ordinandogli di risistemare quanto prima la velatura. Il suo sguardo si posò su di un marinaio stravaccato in coperta, a passo svelto si diresse da lui e con sdegno lo prese a calci. L’uomo si destò dal suo dormiveglia e cercò come poté di ripararsi dalle violente e inaspettate pedate; si sollevò barcollando, alzò lo sguardo e riconobbe il suo condottiero. Alì lo colpì a mano aperta al volto, il marinaio chinò mestamente il capo, biascicò qualcosa d’incomprensibile, indietreggiò e ricadde goffamente e rumorosamente al suolo, poi gattonando si rifugiò dietro a delle gomene tra le risa e gli sbeffeggi dei presenti sul ponte. Il saraceno furibondo si diresse sul cassero e attese irrequieto il rientro della lancia che ore prima mandò in perlustrazione. Dall’alto della sovrastruttura scrutò l’orizzonte, e quando intravvide il rientro dei suoi marinai segnalato dal luccichio di uno specchio, batté stizzosamente i pugni sul parapetto della nave. Distribuì urlando alcuni ordini quasi a voler richiamare l’attenzione del suo equipaggio, cercando inutilmente di svegliarlo dal torpore dell’attesa, ma la risposta che ottenne fu solo sguardi cupi e un tiepido vociare. La ciurma apparve malinconicamente svogliata: “malata”, come si dice nel gergo marinaresco. Quello stato di fastidio fu figlio del loro essere. Troppo tempo passò dall’ultima volta che quella schiera di farabutti, malfattori, rinnegati e traditori mise piede a terra brandendo le loro scimitarre per depredare, distruggere, uccidere e stuprare. Il sangue infermo che scorreva nelle loro vene doveva tornare a pulsare il prima possibile di odio e aggressività nei confronti degli “infedeli”, onde evitare che la noia si tramutasse in malumore per poi sfociare in insubordinazione. Combattere! L’unico modo per placare la sete di sangue e violenza di quei uomini arcigni, rudi, violenti, con le mani incallite sul remo e col dorso incurvato dal fardello della vita barbaresca: spregevole marmaglia saracena su legni ottomani. Tutto questo il loro comandante Alì Khaled lo sapeva benissimo; per questo accettò dei rischi mai presi prima. Una pazzia pensò attaccare la fortezza, soprattutto ora che la sua nave dopo l’ultima battaglia era rimasta isolata dal resto della flotta saracena, ma non aveva alternative: ci doveva provare.
Visto dal mare il castello che sormontava il paese aveva un aspetto feroce, ma ormai erano anni che nessuna guarnigione difendeva e proteggeva quel fiorente borgo di pescatori; questo però Alì Khaled non lo sapeva. Durante i suoi trasferimenti dalla Spagna al sultanato di Tripoli con a bordo il prezioso carico di schiavi cristiani, il comandante ottomano mise sempre prudentemente il suo sciabecco al sicuro dalla portata di qualsiasi colpo di cannone proveniente dalla fortezza, limitandosi solamente ad attaccare eventuali ignare imbarcazioni di pescatori che gli capitavano a tiro finendo nella sua temibile “rete”. Sapeva che bastava solo il nominare del suo nome “Alì il terribile” per mettere in agitazione intere popolazioni del mediterraneo; la sua fama era di quelle che non tradivano le aspettative, al pari di un navigatore avventuriero scopritore di nuove terre, di un martire o di un poeta, che abili nelle loro arti e virtù erano conosciuti e stimati, così lui era il “più bravo” nel suo campo: disumano, crudele e spietato, insomma il peggiore o il migliore dal suo punto di vista dei predoni saraceni, un vero “mangia cristiani” al soldo delle reggenze di Tripoli, di Tunisi o di Algeri. Il sole tramontò e solo una decina di marinai osservarono i precetti, Alì indicò a loro la giusta direzione delle loro orazioni, poi scosse il capo pensando alla sua anima dannata. Ordinò al timoniere di accendere e spegnere una torcia a ritmi regolari di clessidra in maniera da segnalare la loro posizione alla lancia e poi ricominciò a camminare lungo la nave, controllando il sartiame, i remi, i cannoni e scambiando alcune parole con chi gli chiedeva se l’indomani avrebbero attaccato il forte, dando sempre la stessa risposta: “se Lui vuole”. Giunto a prora, il suo sguardo si perse nell’infinito mare scuro tra i rimpianti di una vita felice non vissuta di quando era un bambino di nome Simone tra le braccia di sua madre. Desiderava ardentemente scordare quei momenti di spensieratezza infantile prima della sua deportazione nella terra del sultano, ma non ci riuscì mai; dopodiché si sdraiò e scrutò la volta stellata facendosi cullare dal ritmo delle onde che lambivano le paratie, cercando così di lasciare evadere “se Lui vuole” il peso delle sue pene.

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 93
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Ci sono diversi tempi verbali da rivedere a mio parere: te ne indico uno "che ore prima mandò in perlustrazione" Qui ci stava un "aveva mandato" ma rileggendo attentamente se ne possono trovare altri.
" ma la risposta che ottenne fu solo sguardi cupi e un tiepido vociare" plurale singolare da sistemare.
Ad un corso di scrittura, alla quale ho partecipato tempo fa, mi han ripetuto fino alla nausea di usare il meno possibile avverbi in ...mente, in effetti ho notato che cercare alternative a volte rende più fluida la frase.
Qualche virgola mancante, anche se questo lo devo dire a bassa voce perchè la punteggiatura è un mio punto debole.
Per il resto i racconti tesi a delineare i personaggi mi piacciono sempre molto. Non so che voto dare perchè il racconto mi è piaciuto, lo stile un po' meno.

Kork75
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 06/09/2019, 20:22

Author's data

Re: Alì il terribile

Messaggio da leggere da Kork75 »

Stefyp, grazie per i suggerimenti (si cerca sempre di migliorare, ottime osservazioni). Un saluto Kork75.

ElianaF
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento: Alì il terribile

Messaggio da leggere da ElianaF »

Il testo richiama Salgari, soprattutto all’inizio è molto descrittivo e lascia presumere avventure, attacchi e ricchi bottini, invece prende una piega intimista. Molti spunti, alcuni non sviluppati, lasciano il racconto come sospeso.

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Concordo con entrambi i commenti precedenti: avrei cambiato alcuni tempi verbali, comunque il racconto è interessante, anche se lascia in sospeso la sorte del convertito (per forza) Simone-Alì.
Mi è tornato in mente (dopo una vita) il romanzo di Salgari "Le pantere di Algeri"...
Voto 4.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 247
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Un personaggio potenzialmente interessante in un contesto che mi avrebbe affascinato maggiormente se il racconto fosse stato più equilibrato: viene dato tanto spazio alla descrizione iniziale della nave, si spiega bene cosa sta succedendo in quel momento, mentre viene solo accennata la storia personale di Ali. La conclusione mi sembra slegata, come conclusa di fretta. Andrebbe secondo anche riletto per migliorarlo a livello formale. Voto 3.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 327
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

tutto sommato la storia c'è, niente da dire su questo.
il problema è che ci sono molti errori, sia di tempi verbali che di punteggiatura, e questo fatto rende negativo l'impatto del lettore.
le descrizioni sono piuttosto buone, riesci a far vedere molte delle scene narrate, però mi permetto di consigliare una bella revisione generale, così da sistemare refusi ed errori.
alla fine diverrebbe gradevole di sicuro.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 124
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Inshallah, espressione islamica che stà a significare: Se Dio vuole.
La usano i credenti per manifestare la speranza che un evento possa realizzarsi.
I cristiani si rivolgono a Dio con la preghiera: Sia fatta la Tua Volontà.
Deus vult! Gridavano invece i crociati, certissimi che il loro agire, corrispondesse appieno alla reale volontà di Dio.

Inshallah, sintetizza la fede musulmana:
Una totale sottomissione dell'uomo a Dio, l'affidarsi alla Sua Volontà in ogni momento e circostanza della vita.
L’espressione “Inshallah” è tipica del convinto credente mussulmano.
Non molto distante, in fondo, dalla speranza del convinto credente cristiano.
Non serve dire che Dio è lo stesso per entrambi.

Il comandante predone ed assassino Alì è un credente convinto, questo concetto viene ribadito anche alla fine del racconto.
Tuttavia è un credente che non prega.
Pur essendo cosciente delle sue mancanze verso Dio, la sua fede sembra salda ... ma non prega.
Questa mancanza probabilmente è alla base della sua efferatezza inumana.
Può essere che i doveri del comando in quel momento non consentissero la preghiera, ma questo suo fare incuriosisce. Non prega, tuttavia spera che la sua volontà sia conforme alla Volontà di Dio.
Un po' come i crociati, insomma.

Cosa voglia Dio, non è un mistero, né per cristiani né per mussulmani.
Le differenze tra religioni non dovrebbero mai spaventare.
Quel che dovrebbe preoccupare è invece la mancanza di fraternità tra le creature di Dio.

Troppo spesso il nome di Dio è stato usato, ed ancor oggi, purtroppo viene usato per dividere.
Perfino a livelli bassissimi da chi aspira a detenere o detiene una carica elettiva negli organismi statali. :roll: Siamo all'apoteosi della demenza. :mrgreen:

Il racconto mi è piaciuto parecchio per quel che trasmette ed anche per come scritto.

Ho visto Alì su quel' isolata unità navale “da corsa”, rischiare grosso attaccando la fortezza.
Come noto chi non risica non rosica, ma per contro, chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quel che lascia, e non sa quel che trova, anche perché in fondo: la verità non potrà mai contraddire la Verità.

Massimo voto, è un ottimo spunto su cui riflettere, attualissimo, oggi come ieri.

:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 166
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ho letto altri tuoi racconti di mare, e mi domando da dove arrivi questa passione.
Il difetto principale di questo tuo racconto, e non solo di questo, consiste nel non rispettare la concordanza dei tempi verbali.
Come regola generale, quando scrivi un racconto al passato (imperfetto, passato remoto e così via) per indicare un'azione avvenuta nel passato rispetto al momento in cui si svolge l'azione narrata, devi adoperare i trapassati e non il semplice passato remoto.
In modo analogo, quando scegli il tempo presente, per descrivere un'azione passata devi ricorrere al passato prossimo.

Kork75
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 06/09/2019, 20:22

Author's data

Re: Alì il terribile

Messaggio da leggere da Kork75 »

Namio Intile, grazie per i consigli. Un saluto Kork75

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Non si possono non segnalare i numerosi refusi e la mancanza di coerenza con i tempi verbali usati. Capita! Pertanto si suggerisce un controllo accurato al testo che sicuramente migliorerebbe, e non poco, in quanto la storia narrata non è affatto male.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 355
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Belle le descrizioni ambientali e del personaggio; ho apprezzato anche l’incertezza sulla sorte dell’attacco al forte, il finale sospeso riflette bene la figura e la psicologia del tormentato Alì.
Sui difetti del racconto (tempi verbali e punteggiatura) ti hanno già detto, quindi non mi dilungo ulteriormente.

Roberto Ballardini
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Mi dà più l'impressione di un primo capitolo che di un racconto vero e proprio. Nel primo caso non avrei nulla da eccepire, salvo aspettarmi poi di vedere approfonditi tutti i vari spunti, dal contesto storico in cui si svolge l'azione, a quello scenografico dell'imbarcazione e della fortezza, a quello personale del protagonista. In qualità di racconto mi lascia l'impressione di qualcosa di incompiuto. Ho notato anch'io qualche tempo da aggiustare e qualche refuso.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 413
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Racconto breve e intenso che si lascia leggere.
Nonostante la brevità l'ho trovato personalmente pesante da leggere per via di punteggiatura e concordanze verbali, tuttavia il capitano Alì-Simone è sicuramente un personaggio interessante, sul quale mi piacerebbe sapere di più e leggere qualcosa in futuro, anche del continuo di questa storia magari.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Volendo fare un paragone col cinema, questo non è un film, ma il trailer di un film. Ecco Alì il Terribile sulla sua nave, poi con i suoi uomini – maledetta marmaglia mossa solo dalla voglia di uccidere e saccheggiare -, durante una battaglia, sotto la fortezza da attaccare, bambino con la mamma in un flashback, sdraiato a prora, solo sotto la volta celeste stellata. Un trailer che fa venir voglia di vedere il film, anche se è popolato di tempi verbali sbagliati. Eppure non è così difficile, anche perché qui presenti e passati prossimi non ce ne sono. E allora, se il passato remoto descrive ovviamente un avvenimento passato, il trapassato remoto indica un’azione avvenuta immediatamente prima.
Quindi non “attese irrequieto il rientro della lancia che ore prima mandò in perlustrazione”, ma “attese irrequieto il rientro della lancia che ore prima aveva mandato in perlustrazione”. A sua volta l’imperfetto descrive eventi ripetuti o continuati nel tempo. Quindi non ”Quello stato di fastidio fu figlio del loro essere. Troppo tempo passò dall’ultima volta”, ma “Quello stato di fastidio era figlio del loro essere. Troppo tempo era passato dall’ultima volta”.
Poi ci sono alcune frasi non corrette o mal costruite: non “Inveì male parole ad alcuni uomini appoggiati ai loro remi ordinandogli”, ma “Inveì con male parole contro alcuni uomini appoggiati ai loro remi ordinando loro”, a meno che tu invece di “inveì” volessi dire “inviò”. Come pure, non “la risposta che ottenne fu solo sguardi cupi e un tiepido vociare”, ma “come risposta ottenne solo sguardi cupi e un tiepido vociare”. Non “Una pazzia pensò attaccare la fortezza”, ma “Una pazzia - pensò - attaccare la fortezza”.
Scusa la pedanteria, l’intento è solo quello di esserti utile.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 24 - Andate tutti all'Inferno!

La Gara 24 - Andate tutti all'Inferno!

(ottobre 2011, 84 pagine, 4,26 MB)

Autori partecipanti: Skyla74, Jane90, Judith_Star, Giovanni Minio, Triptilpazol, dafank, Carlocelenza, Cazzaro, Nathan, Lodovico, William Munny, Recenso, Cristinacomparato, Nicoletta Palazzo , Exlex, Aleeee76, Ser Stefano, Cordelia, Maria92, Ritavaleria, Unanime Uno, jormungaard, Licetti, Davide Sax, Tuarag, Morgana Bart, Serenoodio, d Eg 0, Stefano di Stasio, Angela Di Salvo.
A cura di Alessandro Napolitano e Giovanni Capotorto.
Scarica questo testo in formato PDF (4,26 MB) - scaricato 657 volte.
oppure in formato EPUB (1,17 MB) (vedi anteprima) - scaricato 216 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 11 - Parole in padella

La Gara 11 - Parole in padella

(febbraio 2010, 50 pagine, 904,84 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Napolitano, Arditoeufemismo, Mario, Stefy, Massimo Baglione, Dino, Cosimo Vitiello, Bonnie, Nembo13, Giacomo Scotti, Erika, Manuela, Carlocelenza, CMT, Sphinx, Giuseppe, Miriam, Rita Di Sano, Abigail.
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (904,84 KB) - scaricato 488 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 48 - Stelle

La Gara 48 - Stelle

(settembre/ottobre 2014, 34 pagine, 799,91 KB)

Autori partecipanti: Maddalena Cafaro, Nunzio Campanelli, Stella_decadente, Marina Paolucci, Umberto Pasqui, Patrizia Chini, Annamaria Vernuccio, Paolo Ninzatti, Lodovico.
a cura di Marina Paolucci (con la supervisione di Lodovico Ferrari).
Scarica questo testo in formato PDF (799,91 KB) - scaricato 111 volte.
oppure in formato EPUB (380,91 KB) (vedi anteprima) - scaricato 165 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La Paura fa 90

La Paura fa 90

90 racconti da 666 parole

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per l'antologia La Paura fa 90. Ci sono 90 racconti da non più di 666 parole. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro dell'horror Danilo Arona. Leggete questa antologia con cautela e a piccole dosi, perché altrimenti correte il rischio di avere terribili incubi!
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Maria Arca, Pia Barletta, Ariase Barretta, Cristiana Bartolini, Eva Bassa, Maria Cristina Biasoli, Patrizia Birtolo, Andrea Borla, Michele Campagna, Massimiliano Campo , Claudio Candia, Carmine Cantile, Riccardo Carli Ballola, Matteo Carriero, Polissena Cerolini, Tommaso Chimenti, Leonardo Colombi, Alessandro M. Colombo, Lorenzo Coltellacci, Lorenzo Crescentini, Igor De Amicis, Diego Di Dio, Angela Di Salvo, Stefano di Stasio, Bruno Elpis, Valeria Esposito, Dante Esti, Greta Fantini, Emilio Floretto Sergi, Caterina Franciosi, Mario Frigerio, Riccardo Fumagalli, Franco Fusè, Matteo Gambaro, Roberto Gatto, Gianluca Gendusa, Giorgia Rebecca Gironi, Vincenza Giubilei, Emiliano Gotelli, Fabio Granella, Mauro Gualtieri, Roberto Guarnieri, Giuseppe Guerrini, Joshi Spawnbrød, Margherita Lamatrice, Igor Lampis, Tania Maffei, Giuseppe Mallozzi, Stefano Mallus, Matteo Mancini, Claudia Mancosu, Azzurra Mangani, Andrea Marà, Manuela Mariani, Lorenzo Marone, Marco Marulli, Miriam Mastrovito, Elisa Matteini, Raffaella Munno, Alessandro Napolitano, Roberto Napolitano, Giuseppe Novellino, Sergio Oricci, Amigdala Pala, Alex Panigada, Federico Pergolini, Maria Lidia Petrulli, Daniele Picciuti, Sonia Piras, Gian Filippo Pizzo, Lorenzo Pompeo, Massimiliano Prandini, Marco Ricciardi, Tiziana Ritacco, Angelo Rosselli, Filippo Santaniello, Gianluca Santini, Emma Saponaro, Francesco Scardone, Giacomo Scotti, Ser Stefano, Antonella Spennacchio, Ilaria Spes, Antonietta Terzano, Angela Maria Tiberi, Anna Toro, Alberto Tristano, Giuseppe Troccoli, Cosimo Vitiello, Alain Voudì, Danilo Arona.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,10 MB scaricato 657 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
L'anno della Luce

L'anno della Luce

antologia ispirata all'Anno della Luce proclamato dall'ONU

Il 2015 è stato proclamato dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce. Obiettivo dell'iniziativa adottata dall'ONU è promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno. Noi di BraviAutori.it abbiamo pensato di abbracciare questa importante iniziativa proponendo agli autori di scrivere, disegnare o fotografare il loro personale legame con la luce, estendendo però la parola "luce" a tutti i suoi sinonimi, significati e scenari.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Carnier, Amelia Baldaro, Andrea Teodorani, Angelo Manarola, Anna Barzaghi, Annamaria Vernuccio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Camilla Pugno, Cinzia Colantoni, Claudia Cuomo, Daniela Rossi, Daniela Zampolli, Domenico Ciccarelli, Dora Addeo, Elena Foddai, Emilia Cinzia Perri, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Francesca Santucci, Furio Detti, Gilbert Paraschiva, Giorgio Billone, Greta Fantini, Ianni Liliana, Imma D'Aniello, Lucia Amorosi, Maria Rosaria Spirito, Maria Spanu, Marina Den Lille Havfrue, Marina Paolucci, Massimo Baglione, Mauro Cancian, Raffaella Ferrari, Rosanna Fontana, Salvatore Musmeci, Sandra Ludovici, Simone Pasini, Sonia Tortora, Sonja Radaelli, Stefania Fiorin, Umberto Pasqui.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,65 MB scaricato 173 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

(soprattutto a letto)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Marika è una giovane ragazza. Non ha avuto alcuna esperienza sessuale e sta per sposarsi. Essendo molto intelligente, si accorge presto di essere una bella donna e sente di non poter rinchiudersi per tutta la vita in un contesto matrimoniale forzato e prematuro. Conosce un uomo, il quale la porta per gradi a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sul sesso. è un uomo speciale, totalmente diverso dal suo fidanzato e ne nasce una relazione molto particolare. Molto di quello che Marika impara può non corrispondere a quello che le donne desiderano, ma sono certa che, segretamente, prima o poi ci avranno pensato. è un racconto erotico, scritto però senza parole scurrili od offensive.

Copertina di Roberta Guardascione
di Mary J. Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (252,71 KB scaricato 176 volte) -
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.