Tempus Fugit

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Ti piace?

Sondaggio concluso il 23/03/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
1
5%
2 - mi piace pochino
2
10%
3 - si lascia leggere
5
24%
4 - è bello
8
38%
5 - mi piace tantissimo
5
24%
 
Voti totali: 21

Alessandro Mazzi
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Author's data

Tempus Fugit

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi »


Come glielo devo ripetere signor commissario? Con quello che è accaduto ieri notte, io c'entro poco o nulla.
 Magari si sarà fatto una strana idea di me. Immagino avrà sentito le voci che circolano sul mio conto. Lei è qui da pochissimo tempo dopotutto. Le posso assicurare che nonostante le apparenze, sono una persona a posto. Certo è vero non ho una casa, né una famiglia, ma quantomeno ho smesso di bere da un paio d’anni. Perfettamente sobrio. Cristo santo, meglio che non ci pensi. Quanto vorrei scolarmi quattro o cinque bicchieri di Jack Daniel’s.
 Oh si, certo mi scusi, sto divagando. Lei ha perfettamente ragione. È solo che la trovo insolitamente simpatico. Lo sa, solitamente non nutro una grossa stima nei confronti degli uomini in divisa. Anche il suo assistente lì di fianco mi sembra una brava persona. È una fortuna per il corpo di polizia di Durham aver trovato due come voi.
 Ma torniamo a noi. È vero ciò che affermate. La notte scorsa mi trovavo sul luogo dell’incidente. Assolutamente innegabile. Tuttavia ho una serie di considerazioni da esporvi prima di arrivare al dunque.
 Lo so vi sto tenendo sulle spine e sto allungando il brodo, come diceva sempre la mia cara nonna, ma lasciate che vi spieghi.
 Da un po di giorni a questa parte, il tempo qui in città non scorre più allo stesso modo. Non lo avete notato pure voi? No? Evidentemente non avendo un lavoro, né qualche modo per far passare le giornate, sono più soggetto a paranoie di questo tipo.
 La notte dura sempre meno. Le lancette degli orologi corrono all’impazzata, e mentre la gente soffoca la stanchezza accumulata durante la giornata fra le lenzuola, i minuti e le ore scivolano via con la velocità di un fulmine. Le persone riposano sempre meno, ma nessuno sembra accorgersene.
 Anche il mattino e il pomeriggio sfuggono alla stessa velocità. Non ditemi che non avete fatto caso nemmeno a questo.
 Santo cielo, devo essere l’unico ad aver notato che gli uomini al lavoro non hanno più nemmeno il tempo di sbrigare le proprie mansioni, prima che la campana segni la fine del turno.
 L’altro giorno la signora Ingrid non ha fatto tempo a lasciare a scuola il piccolo Thomas, che le lezioni erano belle che terminate. Ho calcolato che nella sola mattinata di ieri abbiamo perduto un’ora del nostro prezioso tempo.
 Certo, per un senzatetto come me un’ora più o un’ora meno non fa differenza.
 Come dice signor commissario? Che sto sviando il discorso? No assolutamente. Mi lasci finire.
 Dev’essere stata una settimana fa all’incirca. Avevo appena sistemato il mio giaciglio per la notte, come sempre sotto la torre dell’orologio, quando iniziai a sentire dei rumori insoliti provenire dall’alto. Così presi a salire le scale, e giunto nella sala dell’orologio, sapete quella con tutti gli ingranaggi, vidi un gruppetto di orribili creature, intente a muovere le grandi lancette dorate.
 Soltanto che non stavano semplicemente spostando avanti il tempo. Ho avuto l’impressione che se ne stessero nutrendo.
 Rimasi nascosto in un angolo, ad osservare sbigottito quegli esseri abominevoli.
 Erano piuttosto piccoli. A prima vista sembravano quasi buffi ed innocui. Poi li osservai meglio.
 Avevano il volto costellato di pustole, con un lungo becco appuntito giusto al centro. Ma la cosa peggiore erano le loro mani, che poi non erano nemmeno mani, ma grossi artigli. Avete presente quelli dei falchi o delle aquile?
 Ovviamente fuggii senza dir nulla. Porco demonio, ero perfettamente sobrio e quello non poteva essere uno scherzo dell’alcool.
 Ho dato un nome a quelle creature, sapete? Li ho chiamati FrangiTempo, e li ho visti ancora nei giorni seguenti al primo incontro.
 Ero certo che li avrei rivisti. Quello che non potevo sapere, è che li avrei incontrati nuovamente sotto una forma differente.
 Si celano sotto aspetti umani, e io vi posso garantire che anche in questo momento, per le strade della città, qualche FrangiTempo sta incrociando lo sguardo di persone comuni.
 Si nascondono ovunque. Sono il giardiniere sud Americano che taglia la siepe al parco, o la nuova baby sitter a casa dei coniugi Leskell. Sono praticamente invisibili all’occhio umano, e si palesano nella loro forma demoniaca solamente in presenza di un orologio o di qualche arnese che segni il tempo.
 Si va bene, va bene ora la faccio finita una volta per tutte. Come? Qual è il motivo per cui fanno questo? Non ne ho la più pallida idea. Credo si nutrano del nostro tempo, e che ne abbiano bisogno in dosi sempre maggiori, ma più di ciò non posso azzardare.
 Ieri sera, dopo aver sentito certi fastidiosi rumori, sono risalito alla torre dell’orologio.
 Ci saranno stati almeno una ventina di quei malefici FrangiTempo. Ero pronto a toglier loro ciò di cui avevano bisogno.
 Ricordo di essere uscito allo scoperto, mentre i loro occhi da rapace mi fissavano, e di essermi lanciato contro il meccanismo dell’orologio. L’ultima cosa che son certo di aver visto, sono stati quei corpi librati in volo, pronti a sferrare l’attacco.
 Il resto è storia che già conoscete. L’orologio è finito in mille pezzi, precipitando al suolo. Quegli esseri non devono aver un grande cervello per aver sferrato un’offensiva tanto sciocca e avventata, per di più proprio mentre mi stavo scansando dalla traiettoria del colpo.
 Qualche graffio me lo hanno lasciato. Vedete, proprio qui sul braccio destro.
 Questo è tutto ciò che ho da confessare. Ora se non vi dispiace, preferirei andare. Alle volte ho come l’impressione che mi stiano seguendo, che vogliano mettermi a tacere, in quanto sono l’unico a conoscere il loro segreto. Sono certo che durante il nostro interrogatorio qualcuno di quegli esseri si sia sfamato ancora.
 Lasciatemi dare un’occhiata all’orologio nel taschino della mia giacca. Dovrebbero essere all’incirca le undici. Eccolo qui, guardate voi stessi. Mezzogiorno in punto. Il tempo è fuggito ancora.
 Signor commissario, va tutto bene? Che le succede? Signor assistente, cosa sono quei puntini sul suo viso. Santo cielo, quegli artigli…
Ultima modifica di Alessandro Mazzi il 03/02/2020, 18:28, modificato 2 volte in totale.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 335
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Mi è piaciuto molto sia per la scrittura sia per l’idea, mangiatori di tempo, forse ce ne sono un paio anche dalle mie parti. Ho sentito una particolare vicinanza con la storia anche perché il termine FrangiTempo e il loro nascondersi in vesti umane mi hanno ricordato alla lontana il mio libro preferito (anche se nella storia di cui parlo io non sono i Frangitori ad avere le maschere). Si legge in un lampo, è coerente, ed è interessante il punto di vista della narrazione. Voto 5
Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Stilisticamente ben fatto. Forse un pochino la punteggiatura. Sud Americano non penso voglia la lettera maiuscola. Il racconto, nella sua semplicità, mi ha divertito, non mi aspettavo quel finale, ma direi che ci sta bene.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 358
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Racconto spiritoso e gradevolissimo, scorrevole e scritto bene. La storia narrata, pur intrisa di ironia e simpatia, racconta una realtà che ci appartiene: la fretta e il tempo che, purtroppo, vola via velocissimo a tutti noi.
Speranza
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 20
Iscritto il: 18/01/2020, 19:02

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Speranza »

Anch'io ti ho dato il voto massimo. Molto molto carino! Originale, divertente ma anche riflessivo, perché il tempo rubato è un tema che colpisce un po' tutti. L'ho letto in un attimo, perché ogni parola o frase mi appagava e mi invogliava e incuriosiva a proseguire nella lettura. Davvero bravo.
Avatar utente
Carol Bi
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 55
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi »

Concordo con i commenti precedenti e un bel 5 te lo dò anch'io e più che meritato. Devo ammettere che nemmeno io avevo intuito il finale, quindi davvero molto bravo nel gestire il tutto senza svelare nulla che potesse far supporre che commissario e assistente fossero le creature mostruose descritte. Interessante, come già segnalato, il tema del tempo e, soprattutto, interessante e originale il modo con cui lo hai affrontato.
Andr60
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

In un racconto di s.f., soprattutto se breve, l'aspetto fondamentale è l'idea; in questo caso, l'idea dei mangiatori di tempo è brillante e originale, anche se nel finale ci potevamo aspettare
il tema "gli invasori sono tra noi". Comunque lo svolgimento in forma di interrogatorio al commissariato dà al racconto una parvenza di plausibilità, che lo arricchisce. Voto massimo.
Avatar utente
Teseo Tesei
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Umani …
Siamo spesso molto bravi ad ingannare noi stessi, specie quando si tratta di mettere al sicuro la nostra pigrizia.
Ci fabbrichiamo perfino dei sensi di colpa, allo scopo di poterci crogiolare nell’inerzia, e non fare nulla di ciò che andrebbe fatto.

“Come dice signor commissario? Che sto sviando il discorso? No assolutamente. Mi lasci finire.”
Ma non vedete come sono ridotto, come potete aspettarvi qualche cosa da me?
Non vedete come soffro, come sono lacerato dai sensi di colpa?
Lasciatemi in pace io ho fatto tutto il possibile per combattere questi malefici FrangiTempo.

Non c’è che dire, una bella commedia.
L’importante è che non c’immedesimiamo in essa al punto di crederci o emulare il protagonista.
Altrimenti rischiamo di ammalarci di disperazione.

La commedia in scena, descritta al “commissario”, è ambientata sul set di Hogwarts: naturalmente presso la cattedrale di Durham.
Buona rappresentazione scenica di una vicenda tratta dalla vita quotidiana di molti, tutt’altro che a lieto fine purtroppo.
Degna dunque della saga cinematografica Harry Potter, questa commedia descrive il deragliamento della natura umana dai binari della vita terrena.

Naturalmente quando noi esseri umani c’incamminiamo verso il sentiero che conduce alla vetta della montagna, siamo tutti principianti ed impreparati.
Spesso procediamo per tentativi, ma se non riusciamo a sentire la voce della nostra Guida interiore, nessuno potrà insegnarci scorciatoie o passaggi più adatti alle nostre capacità.
Così ci incamminiamo per sentieri sbagliati.
Tutto ciò si concretizza in perdite di tempo, spesso accade che non s’impari nulla, e naturalmente, tanto meno, troviamo la via giusta.
Perché?
Perché non siamo cresciuti abbastanza per riconoscere la strada, o meglio perché più o meno coscientemente, ignoriamo le indicazioni della nostra Guida.

Esiste un'unica Guida: Dio.
Naturalmente le persone, o gli accadimenti, che vengono a mostrarci il sentiero o a sostenerci nei punti più difficoltosi, sono da Lui inviate.
Ogni essere umano è dotato di tutte le armi, apparati e materiali necessari, naturali e soprannaturali, per portare a buon fine questo viaggio verso la vetta.
Teoricamente, è impossibile riuscire a perderci, quindi è impossibile che perdiamo tempo.
In pratica, però, quel che sovente facciamo è chiudere occhi ed orecchi davanti ai suggerimenti che ci vengono dall’Alto, con il risultato di complicare a noi stessi le cose.
Inciampando e cadendo in situazioni sbagliate e fallimentari che rallentano il nostro percorso d’ascensione, ancor prima che noi si possa raggiungere le vere pareti e le vie di salita tecnicamente più impegnative.
Inciampare sul sentiero di avvicinamento in pianura non è da Alpinisti, diciamocelo sinceramente … potremmo evitarlo, senza troppa diffcoltà e senza accampare le solite scuse, più o meno scenografiche.

L’essere umano, tende naturalmente a trovare la via di ascensione, e così anche il senso della propria vita. Perdere tempo equivale a smarrire l’una e l’altra cosa.
Essendo dotato di libertà, l’essere umano può anche rifuggire coscientemente la Verità, e così perdersi lungo strade sbagliate, ben sapendo che sono tali, ma senza trovare in sé stesso la forza per spezzare l’incantesimo maligno che lo tiene avvinto a ciò che è per il suo peggio.
Sembra proprio la condizione del protagonista, che mente a sé stesso, sapendo di mentire: al commissario rappresentante il proprio ego. Un ego che alla fine giustamente lo spaventa.

Il protagonista si crea un alibi precostituito, volto a giustificare in anticipo il fatto che fallirà mancherà nella cosa più importante della sua vita: cioè nel significato stesso della vita.
Mancherà nel riconoscere qualcosa che, di fatto, è già sotto i nostri occhi, solo che alcune volte non riusciamo a riconoscere.

Siamo umani, e fallibili.
Cerchiamo il meglio, ma, spesso, ci aggrappiamo al partito peggiore: e così differiamo il momento della Verità.

E questo è un peccato: allontanarsi da Dio è indubbiamente un peccato.

Puntando all’essenziale, non perdiamo mai tempo.
L’essenziale è Verità, e la Verità è presso Dio. La verità è Dio!
Per capirlo, tuttavia, serve tempo, sembra un paradosso, ma è così.
Nessun essere umano possiede una saggezza tale da comprendere una simile evidenza con una prontezza operativa tale da riuscire a metterla in pratica senza frapporre alcun indugio, evitando una qualche dispersione di tempo.

Esiste un solo modo per non perder tempo: abbandonare il proprio Ego.

Lasciare andare tutto l’inutile bagaglio di brame e di paure, e lasciarsi guidare dalla sola voce che, in mezzo al coro delle voci fatue e discordanti, ha l’accento della Verità, la voce della Guida che saprà indicarci dove mettere i piedi e trovare gli appigli in sicurezza anche sulle pareti più difficili ed impegnative, che a qualsiasi mortale senza Guida appaiono come impossibili.

Il solo tempo veramente perso è dunque quello in cui reiteriamo gli stessi errori, rifiutandoci d’imparare alla scuola della vita.
Reiterare sempre gli stessi errori indica uno squilibrio, una disarmonia profonda, l’incapacità di essere docili davanti agli accadimenti della vita, accompagnata dalla superbia di voler dare torto ai fatti per poter dare ragione alla nostra pigrizia.
E si badi bene: Qui non si parla di pigrizia fisica: si può essere materialmente assai attivi, ma pigri spiritualmente e moralmente.
Proprio questa sindrome è la maggiormente diffusa: l’iperattività mirante a mascherare la pigrizia interiore.

Accogliendo Dio, l’essere umano ritrova se stesso e si realizza pienamente.
Rifiutando Dio, l’essere umano si smarrisce nel peccato.

Non si scala mai una montagna, rischiando la vita, per godere le emozioni irripetibili dell’attimo: non sarebbe una cosa seria.
La vita è una cosa estremamente seria.
Si scala una montagna per cercare e per ritrovare sé stessi, secondo la nostra vera natura di creature di Dio.

La sola azione veramente importante, la sola ascensione necessaria è quella che porta alla luce il senso della nostra chiamata.
Una chiamata che è individuale.
Ognuno di noi ha la sua, con le proprie strade.
Ma il senso di ogni chiamata è universale: fare della nostra vita una risposta al richiamo di Dio.
Il richiamo di Dio è l’amore. Il senso della nostra vita è amare.
In questo senso, il tempo è prezioso e va usato bene.

Il tempo che ci avvicina alla verità, tuttavia, non è mai sprecato.
La natura umana è volutamente tale che ben difficilmente riesce vedere la Verità di primo acchito.
Ancor più raramente è in grado di procedere verso di essa per la via più breve, che è pure, almeno all’inizio, la più faticosa.

Non perdiamo tempo, suvvia.
Fatti non foste a viver come bischeri, ma per seguir di Virtute e Canoscenza.

Dovrei mettere cinque per la scenografia e l’ambientazione, cinque per come è scritto e sopratutto cinque per la presa per le natiche indirizzata a tutti i bischeri di questo mondo.
Che ti frega però è quell’ : "apposto". Quindi il mio voto è quattro.

Santo cielo, quegli artigli…
è la ciliegina sulla torta della commedia in scena.
Il bischero seriale con quella frase riesce addirittura a superare sé stesso.

:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine
Avatar utente
Giorgio Leone
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Beh, ogni tanto può capitare di andare contro corrente, quasi sicuramente sbagliando perché a tutti è piaciuto: però secondo me l’idea dei mangiatori del tempo, pur essendo carina, è fine a se stessa - così tanto per colpire il lettore -, ma non porta da nessuna parte e non ha sviluppi interessanti. Quanto ai mostri di vario genere che si celano sotto aspetti umani, e ai finali del tipo “Santo cielo, quegli artigli…”, credo di averne letti un po’ troppi e mi hanno stancato. Racconto scritto bene, ma con parecchi refusi e piuttosto banale: privo, sempre a mio avviso, di momenti che riescano ad appassionare o a divertire veramente.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 437
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

mi sa che vado contro corrente pure io, stavolta.
perbacco, la stesura è buona e l'idea non è malvagia, però ci sono parecchi refusi e la punteggiatura sarebbe da rivedere.
mi permetto di segnalare un paio di cose che balzano agli occhi: io centro poco (c'entro) e sono una persona apposto (a posto)
sarò pignolo, ma leggere certi stravolgimenti della lingua italiana lo trovo fastidioso.
alla prossima
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
ElianaF
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

commento: Tempus Fugit

Messaggio da leggere da ElianaF »

Mi è piaciuto decisamente, forse il finale mi ha lasciato un pochino insoddisfatta, ma non so esprimere perchè.
Buono il ritmo e le descrizioni, forse un senza casa ed ex ubriaco che usa dei termini troppo sofisticati.
Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 224
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Numerosi i refusi/errori, alcuni già segnalati, ma questo m'è saltato all'occhio: " Qual’è il motivo per cui fanno questo?"
Qual è, non ammette apostrofo.
Per il resto la forma è corretta.
Il racconto in sé non mi ha detto molto, condivido in toto il pensiero di Giorgio Leone, si basa tutto sulla trovata dei mangia tempo e nient'altro, ma non è dato sapere come quando chi come dove perché e via discorrendo. Allo stesso modo del protagonista non si sa nulla e nulla della sua facoltà di accorgersi di ciò che gli altri non vedono. Anzi pare per questo una sorta di schizofrenico travolto dalle sue psicosi. Fosse stato così non sarebbe riuscito poi male; ma il finale con quegli artigli mi ha riportato nel genere favola fanciullesca, senza morale finale però. Dove i mostri, oltre a mangiare il tempo, si pappano pure i cristiani.
Angelo Ciola
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »

Buona l'idea dei frangitempo (io ne conosco tantissimi che si incontrano nella vita di ogni giorno anche se poi non hanno gli artigli), ben scritto e si legge con piacere. Magari un po' troppo sfruttata l'idea finale.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455
Roberto Ballardini
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Racconto leggero e scorrevole, ben organizzato. La forma inquisitoria mi ha dato una sensazione netta di deja vu, perché credo di aver letto in giro per vari forum almeno altri due racconti con la stessa formula. Il finale è un po' scontato, a mio avviso, troppo ligio al classico format horror o di fantascienza. Una maggior cura (mi riferisco ai refusi) credo sia d'obbligo. Buono.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

A me il racconto è piaciuto, al di là dei refusi e del vago senso di già visto, probabilmente anche per una ragione sentimentale: il finale mi ha ricordato i fumetti di Zio Tibia, letti da ragazzino.
A parte questo l’idea dei FrangiTempo e delle ore rubate è interessante, la forma usata riesce a dare tutte le informazioni aggirando l’info-dump, in più si può leggere nel brano anche una metafora della frenesia odierna; corri di qui, corri di là, abbiamo sempre l’impressione che il tempo ci sfugga dalle mani.
Leonardo74
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 26/11/2019, 17:30

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Leonardo74 »

Non mi fa impazzire il titolo (de gustibus). Per il resto però trovo questo racconto molto originale e senza dubbio scorrevole e ben scritto. Interessante il tema, le metafore, lo stile, ti faccio i miei complimenti.
Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Il racconto in sé non è malissimo, è vero che ci sono dei refusi, è vero che in qualche tratto vada rivista la punteggiatura, ma comunque sia non è proprio da buttare.
Il tempo scorre veloce, certe giornate sembrano scorrere più velocemente del solito anche a me, ma dopo un'attenta analisi forse siamo semplicmente stati incapaci di sfruttare al meglio le 24 ore messe a nostra disposizione.
Non riesco a definire il racconto, intendo dire che non riesco a capire se sia uno sfogo, se sia un monologo o cosa, perché il protagonista parla a terzi, che non entrano mai in scena, sono come figure dietro le quinte, apparentemente di scarsa importanza, importanza ottenuta alla fine con il finale già visto e reso pian piano prevedibile, e perché non c'è una "punteggiatura da dialogo", rendendo il racconto una specie di allucinazione vissuta unicamente dal barbone, che forse così sobrio alla fine non era.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine
Macrelli Piero
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 33
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Ricorda un po' "Essi Vivono" di Carpenter e anche l'incipit della " Invasione Degli Ultracorpi" per chi ama certa fantascienza e racconti adatti ai confini della realtà può trovare molte citazione e può far sembrare il tema esaurito, ma non è vero, c'è sempre spazio per queste tematiche che possono essere declinate e rinnovate continuamente. Il richiamo del personaggio border line che si accorge del fenomeno al posto delle persone integrate che lo subiscono inconsciamente è ben espresso.
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


77, le gambe delle donne

77, le gambe delle donne

ovvero: donne in gamba!

Antologia di 77 opere e 10 illustrazioni per esplorare, conoscere e rappresentare la complessità e la varietà dell'universo femminile. Ognuno dei testi presenti in questa antologia riesce a cogliere tanti aspetti, anche contrastanti, di questa creatura affascinante e sorprendente che assieme agli uomini per millenni ha contribuito, nell'ombra o sul palco della storia, all'evoluzione della civiltà così come la conosciamo oggi. è inutile aggiungere che 77 opere soltanto non hanno la presunzione di fornire una rappresentazione esaustiva, ma lasciamo che la parte di questo "iceberg" femminile ancora sommerso rimanga pronto per emergere in prossime indagini e, perchì no, per costituire ancora la materia prima di altre future opere di ingegno.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Maria Basilicata, Mara Bomben, Alessandro Borghesi, Emanuela Bosisio, Nunzio Campanelli, Paolo Caponnetto, Alessandro Carnier, Gino Centofante, Polissena Cerolini, Antonio Ciervo, Luigi Andrea Cimini, Giacomo Colosio, Cristina Cornelio, Marika Davoli, Stella Demaris, Maria Rosaria De Simone, Cetta de Luca, Cristoforo De Vivo, Roberta Eman, Luca Fadda, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Raffaella Ferrari, Virginia Fiorucci, Anna Rita Foschini, Franco Frainetti, Manuela Furlan, Nicola Gaggelli, Isabella Galeotti, Rebecca Gamucci, Lucilla Gattini, Michela Giudici, Antonino R. Giuffrè, Alessandro Kabon, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Greta Leder, Silvia Leuzzi, Yuleisy Cruz Lezcano, Libero, Marina Li Volsi, Rosalia Maria Lo Bue, Diego Luci, Sandra Ludovici, Verdiana Maggiorelli, Marino Maiorino, Angelo Manarola, Myriam Mantegazza, Germana Meli (geMadame), Roberta Michelini, Samuele Mocellin, Maurizio Nequio, Teresa Pace, Marina Paolucci, Roberto Paradiso, Umberto Pasqui, Viviana Picchiarelli, Daniela Piccoli, Anna Pisani, Luciano Poletto, Monica Porta, Pietro Rainero, Gianluigi Redaelli, Maria Rejtano, Stefania Resanfi, Franca Riso, Massimo Rosa, Francesca Santucci, Libera Schiano Lomoriello, Daniele Schito, Veronica Sequi, Salvatore Stefanelli, Stella Stollo, Paola Tomasello, Sonia Tortora, Liliana Tuozzo, Alessandro Zanacchi.
Vedi ANTEPRIMA (317,09 KB scaricato 344 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Antologia visual-letteraria (Volume uno)

Antologia visual-letteraria (Volume uno)

Collage di opere grafiche e testuali pubblicate sul portale www.BraviAutori.it

Il libro è un collage di opere grafiche e testuali pubblicate sul portale www.BraviAutori.it e selezionate tenendo conto delle recensioni ricevute, del numero di visualizzazioni e, concedetecelo, il nostro gusto personale. L'antologia non segue un determinato filone letterario e le opere sono state inserite volutamente in ordine casuale.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Dino Licci, Annamaria Trevale, Sara Palladino, Filippo C. Battaglia, Gilbert Paraschiva, Luigi Torre, Francesco Vespa, Luciano Somma, Francesco Troccoli, Mitsu, Alda Visconti Tosco, Mauro Cancian, Dalila, Elisabetta Maltese, Daniela Tricarico, Antonella Iacoli, Jean Louis, Alessandro Napolitano, Daniela Cattani Rusich, Simona Livio, Michele Della Vecchia, Giovanni Saul Ferrara, Simone De Foix, Claudia Fanciullacci, Giorgio Burello, Antonia Tisoni, Carlo Trotta, Matteo Lorenzi, Massimo Baglione, Lorenzo Zanierato, Riccardo Simone, Monica Giussani, Annarita Petrino, Luigi Milani, Michele Nigro, Paolo Maccallini, Maria Antonietta Ricotti, Monica Bisin, Gianluca Gendusa, Cristiana, Simone Conti, Synafey, Cicobyo, Massimiliano Avi, Daniele Luciani, Cosimo Vitiello, Mauro Manzo.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (3,85 MB scaricato 773 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Dentro la birra

Dentro la birra

antologia di racconti luppolati

Complice di serate e di risate, veicolo per vecchie e nuove amicizie, la birra ci accompagna e ha accompagnato la nostra storia. "Dentro la birra", abbiamo scelto questo titolo perché crediamo sia interessante sapere che cosa ci sia di così attraente nella bevanda gialla, gasata e amarognola. Perchè piace così tanto? Che emozioni fa provare? Abbiamo affidato questa "indagine" a Braviautori, affinché trovasse, tramite l'associazione e il portale internet, scrittori capaci di esprimere tali sensazioni. E infatti sono arrivati numerosi racconti: la commissione ne ha scelti 33. Nemmeno a farlo apposta, 33 è la quantità di centilitri di un gran numero di bottiglie (e lattine) di birra; una misura nota a chi se n'intende.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Andrea Andreoni, Tullio Aragona, Enrico Arlandini, Beril, Enrico Billi, Luigi Bonaro, Vittorio Cotronei, Emanuele Crocetti, Bruno Elpis, Daniela Esposito, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Livio Fortis, Valerio Franchina, Luisa Gasbarri, Oliviero Giberti, Elena Girotti, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Fabrizio Leo, Sandra Ludovici, Micaela Ivana Maccan, Cristina Marziali, Stefano Masetti, Maurizio Mequio, Simone Pelatti, Antonella Provenzano, Maria Stella Rossi, Giuseppe Sciara, Salvatore Stefanelli, Ser Stefano, SunThatSpeed, Marco Vignali.
Vedi ANTEPRIMA (276,03 KB scaricato 236 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2020 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2020 - (a colori)

(edizione 2020, 4,73 MB)

Autori partecipanti: Macmariopc, Roberto Paradiso, Athosg, Alessandro Mazzi, Daniele Missiroli, Laura Traverso, Angelo Ciola, Giorgio Leone, Selene Barblan, Ingmar, Lodovico, Marco Daniele,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,73 MB) - scaricato 66 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2017 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2017 - (a colori)

(edizione 2017, 4,25 MB)

Autori partecipanti:
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,25 MB) - scaricato 13 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 26 - Sulle note di una canzone

La Gara 26 - Sulle note di una canzone

(dicembre 2011, 69 pagine, 438,74 KB)

Autori partecipanti: Cazzaro, Kutaki Arikumo, Arditoeufemismo, Ser Stefano, Mariadele, Triptilpazol, Judith_Star, StillederNacht, Jane90, Unanime Uno, Maria92, Nathan, Lodovico, Tania Maffei, Cordelia, Ritavaleria, Tuarag, Manuela, Diego Capani, Lucia Manna,
A cura di Nathan.
Scarica questo testo in formato PDF (438,74 KB) - scaricato 684 volte.
oppure in formato EPUB (233,50 KB) (vedi anteprima) - scaricato 201 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.