Una nuova ricetta

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/03/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
2
13%
2 - mi piace pochino
8
50%
3 - si lascia leggere
2
13%
4 - è bello
2
13%
5 - mi piace tantissimo
2
13%
 
Voti totali: 16

Angelo Ciola
Apprendista
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

Una nuova ricetta

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »

Oggi presenteremo un'esotica ricetta, non ancora molto conosciuta ma, a nostro parere, veramente gustosa e saporita. Un piatto entrato da poco nella cucina interplanetaria, ma che ha già riscosso ovunque un ottimo apprezzamento. La prepa­razione è semplice, veloce e non richiede particolari competenze; pertanto alla por­tata di tutti, avendo naturalmente a disposizione i giusti ingredienti. L’elemento base è la carne di un particolare animale, di cui si è da poco iniziato l’allevamento in di­versi pianeti civilizzati. E’ questa una bestia che, con gli opportuni accorgimenti, si adatta a vivere in diverse condizioni climatiche e comunque è semplice ed economico garantirne la sopravvivenza in apposite stalle artificiali. La difficoltà principale, che può riscontrare un allevatore, è data dalla durata della crescita dell’animale, molto lenta se confrontata con altre tipologie simili; ma la ricercatezza del prodotto e la particolare qualità della carne rende il suo allevamento co­munque competitivo. Per essere di qualità la bestia deve avere alla macellazione una età non superiore ai 7 o 8 anni, altrimenti la carne perde in tenerezza e sapore. Oltre quell’età si consiglia di acqui­stare solo animali castrati, che garantiscono ancora una discreta resa nei piatti. I pochi animali adulti, mantenuti per la fecondazione, non sono indicati per l’alimentazione e, quando non più utili allo riproduzione, destinati prevalentemente alla composizione di mangimi. L’ideale sarebbe inoltre di poter utilizzare solo prodotti allevati allo stato brado, è evidente che lo stress, provocato all’animale dagli allevamenti intensivi in batteria, si riversa sulla qualità della carne. Naturalmente deve essere consumata esclusivamente carne provenien­te da allevamenti certificati, esistono ancora allevatori senza scrupoli che, attraverso ormoni o altri prodotti chimici, gonfiano velocemente il prodotto per aumentarne la resa, con conseguenze negative anche sulla salute del consumatore finale. Sono stati fatti diversi tentativi di ulteriori utilizzi ma, sebbene l’animale sia dotato di una modesta intelligenza, non sono state ancora trovate adeguate pos­sibilità di sfruttamento. Questa, per quanto limitata, capacità intellettuale e una struttura fisica che ne agevolava la manualità aveva permesso alla specie di prevalere su tutte le altre del pianeta ma, a contatto con una società evoluta, ha inevitabilmente mo­strato i limiti di cui era dotata. Un forte spirito di indipendenza con conseguente mancanza di coesio­ne sociale, limitata capacita fisica e scarsa attitudine ad apprendere hanno compor­tato, da parte delle prime civiltà entrate in contatto con loro, diversi problemi di adattamento con gravi conseguenze per la sopravvivenza della specie stessa. In poco tempo si sono perduti i limitati progressi raggiunti da questo animale che, ri­tornato ad uno stile di vita primitivo e allontanato dalle zone abitative, in quanto ritenuto nocivo per la comunità, era ormai avviato verso un veloce processo di estinzione. Solo l’intervento, imposto dall’istituto per la salva­guardia delle biodiversità, istituito dalla Confederazione Galattica, ha permesso di salvare la specie che ha, alla fine, trova­to la naturale destinazione nell’utilizzo alimentare. Un buon esemplare infatti, dopo una adeguata cottura in forno, può tranquillamente soddisfare le esigenze nutrizionali di tutta la famiglia. Nel piatto il risultato migliore si ottiene scegliendo, come contorno, un altro straordinario prodotto, proveniente dallo stesso pianeta d’origine. Un delizioso tubero che si apprezza cucinato nelle maniere più variegate ma che dalla cottura in arrosto viene particolarmente valorizzato. Un ottimo piatto dunque, che rende la tavola un luogo di festa e socialità e che viene ormai comunemente chiamato con il nome che i prodotti avevano sul pianeta originario: terrestre arrosto con patate.
Ultima modifica di Angelo Ciola il 15/02/2020, 21:54, modificato 3 volte in totale.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Alla quarta riga già l'ingrediente di questo piatto si è rivelato al lettore. Questo ha fatto perdere il mordente a tutto il racconto. Se l'idea poteva essere divertente, il risultato finale lo è stato un po' meno. Tutto dal sapore un po' scontato. Rispetto allo stile niente da dire, è ben scritto.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 233
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Leggere questo racconto mi ha provocato un leggero senso di nausea, trovo sia costruito bene e studiato per suscitare questo tipo di reazioni. Anche io ho intuito quasi subito quale fosse l’ingrediente speciale, ma penso che, più che sorprendere, ci fosse l’intento di far riflettere il lettore. Mi sembra scritto molto bene, io me lo sono immaginato come una rubrica di cucina trasmessa in interstellar-visione. Buon lavoro, voto 4.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 327
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

in effetti, dopo due righe già si capisce di chi parli e la storia perde efficacia.
il racconto è ben scrtto e, credo, vuole essere sarcastico, portando dall'altro lato chi ogni giorno tratta allo stesso modo milioni di animali.
l'intento è comprensibile e la storia è ben esposta, buona anche la stesura, ma alla fine non mi pare raggiunga lo scopo prefissato.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Roberto Ballardini
Pubblicista
Messaggi: 86
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

L'hanno detto tutti, mi pare, e credo che effettivamente si intuisce subito dove va a parare il discorso, dopodiché se davvero perde d'efficacia come è stato detto (e come penso anch'io, ma è tutto relativo ovviamente) credo sia perché è costruito tutto contando sulla rivelazione finale, che poi rivelazione non è. Diciamo che intuendo qual è l'ingrediente principale, tutto il resto diventa un po' come la lettura di un bugiardino. Detto questo, da vegetariano e convinto detrattore dell'industria alimentare umana, non posso che apprezzare il soggetto. Ho letto persino un romanzo che mi è piaciuto molto, "Sotto la pelle" di Michel Faber, che tratta l'argomento dallo stesso punto di vista, in maniera molto più brutale. Ovvero alieni buongustai e terrestri ingrassati e macellati. Bon apetit.

ElianaF
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento: Una nuova ricetta

Messaggio da leggere da ElianaF »

Buona l'idea iniziale, peccato non averla sfruttata per descrivere effettivamente come cucinare il terrestre con patate invece di dedicarsi alla descrizione dell'animale, che per altro si intuisce subito.

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 298
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Beh, che dire? Che sono molto contenta che tu abbia affrontato ironicamente il problema dell'animale-uomo fatto arrosto, che non si meriterebbe altro dal momento che con la massima indifferenza brutalizza gli altri animali, non esitando neppure per un istante a schiavizzarli nel peggiore dei modi (allevamenti intensivi e altro...) per poi "arrostirli" e triturarli sotto i denti. Che vuoi Angelo, sono da decenni una vegetariana convinta, non perché la carne non mi piacesse, ma per una questione etica: trovo inaccettabile uccidere altre forme di vita per soddisfare il proprio palato. Si può vivere benissimo, più a lungo e con maggiore salute (tra l'altro) non cibandosi della carne altrui. Quindi, per finire, voto massimo al tuo racconto che, è anche ben scritto.

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 155
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Un lungo monologo contro gli allevamenti intensivi e l'uso di carne animale. Apprezzo il contenuto e ne condivido l'idea di fondo avendo io quasi abolito la carne animale dalla mia dieta. Però non sono sicuro che la strada che segui con il racconto sia quella giusta. Non è attraverso i tabù o gli anatemi che si risolve la situazione. Gli animali in casa sono ormai tantissimi e questo, credo, a lungo andare cambierà la sensibilità collettiva.
A parte queste considerazioni personali sul racconto non c'è molto da dire.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 407
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Il tema è prevedibile e inoltre la ricetta non viene mensionata se non solo per il nome "Terrestre arrosto con patate".
Non so quale sia stato l'intento del racconto, se era una specie di sensibilizzazione ci può stare(per i vegetariani/vegani) come anche no(per chi ama la carne e vuole benificiare dei suoi apporti nutrivtivi, ovviamente non esagerando) se invece era una dura critica all'essere umano e al suo modo di rapportarsi con l'ambiente andando incontro a una, aihmé ormai quasi certa, estinzione mi è piaciuto il modo in cui lo hai trattato, riducendo l'uomo da predatore a preda.
Non sono sicuro al 100% se vada scritto un'esotica oppure una esotica vado lo stesso bene, poi più avanti ho letto un " in pochi tempo"
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Angelo Ciola
Apprendista
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »

Eliseo Palumbo ha scritto:
07/02/2020, 12:21
...
Non sono sicuro al 100% se vada scritto un'esotica oppure una esotica vado lo stesso bene, poi più avanti ho letto un " in pochi tempo"
Grazie per la segnalazione, ho corretto il testo.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 355
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ribaltando il punto di vista emerge tutta la crudeltà dell’industria dell’allevamento, aggravata dal fatto che questi alieni riconoscono all’”animale” in oggetto una modesta intelligenza e capacità intellettuale.
In questo il racconto funziona, è ben scritto e rappresenta una visione impietosa della catena alimentare.
Dove vada a parare si intuisce presto, questo penalizza un po’ il tono ironico del brano che, comunque, rimane di buon livello.

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 183
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Io, invece, ho capito dove si sarebbe andati a finire mezza riga prima degli altri. Il racconto, tuttavia, si lascerebbe leggere se non fosse troppo ripetitivo e "tecnico" in molte parti: come a dire che personalmente l'avrei sfrondato parecchio. Inoltre molte frasi sono piuttosto involute e infarcite di virgole a go-go.
Qualche esempio:
"E’ questa una bestia che, con gli opportuni accorgimenti, si adatta a vivere in diverse condizioni climatiche e comunque è semplice ed economico garantirne la sopravvivenza in apposite stalle artificiali. " C'è un cambio di soggetto repentino che poteva essere facilmente evitato.
Dello stesso tipo: "L’ideale sarebbe inoltre di poter utilizzare solo prodotti allevati allo stato brado, è evidente che lo stress, provocato all’animale dagli allevamenti intensivi in batteria, si riversa sulla qualità della carne. "
Oppure questa, che mostra virgole in libertà: "Questa, per quanto limitata, capacità intellettuale e una struttura fisica che ne agevolava la manualità, aveva permesso, alla specie, di prevalere su tutte le altre del pianeta, ma, a contatto con una società evoluta, ha inevitabilmente mo­strato i limiti di cui era dotata.
Nulla di grave, ovviamente, ma sarebbe probabilmente bastata qualche rilettura per effettuare le opportune correzioni e rendere il testo più scorrevole.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Angelo Ciola
Apprendista
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »

Giorgio Leone ha scritto:
14/02/2020, 15:41
Io, invece, ho capito dove si sarebbe andati a finire mezza riga prima degli altri. ........
Nulla di grave, ovviamente, ma sarebbe probabilmente bastata qualche rilettura per effettuare le opportune correzioni e rendere il testo più scorrevole.
Grazie per i competenti consigli. Per le virgole rileggendo è vero sono troppe ma in tanti mi avevano segnalato che ne avevo usate pochissime nel mio primo racconto, che avevo messo in gara l'anno scorso, e probabilmente questo giudizio mi ha condizionato fino a esagerare...
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455

Simone_Non_é
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Purtroppo, come già detto, l'ingrediente segreto è risultato chiaro anche a me dopo poche righe. Non ho i mezzi per dare un parere sulla qualità della scrittura posso però dire che mi ha provocato un senso di nausea, quindi sicuramente arriva. Ho trovato lo spunto di riflessione riguardante gli allevamenti intensivi e la "stupidità" umana non particolarmente originale, questo penso sia dovuto anche al background personale che ognuno ha. Detto ciò, trovo che questo racconto breve faccia il suo compito, inoltre, personalmente parlando, mi piace quando un racconto ci spinge a farci delle domande, tutto qui, bravo

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

(soprattutto a letto)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Marika è una giovane ragazza. Non ha avuto alcuna esperienza sessuale e sta per sposarsi. Essendo molto intelligente, si accorge presto di essere una bella donna e sente di non poter rinchiudersi per tutta la vita in un contesto matrimoniale forzato e prematuro. Conosce un uomo, il quale la porta per gradi a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sul sesso. è un uomo speciale, totalmente diverso dal suo fidanzato e ne nasce una relazione molto particolare. Molto di quello che Marika impara può non corrispondere a quello che le donne desiderano, ma sono certa che, segretamente, prima o poi ci avranno pensato. è un racconto erotico, scritto però senza parole scurrili od offensive.

Copertina di Roberta Guardascione
di Mary J. Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (252,71 KB scaricato 176 volte) -
Compralo su   luluamazon
Il sole è nudo

Il sole è nudo

Antologia di opere che mettono a nudo la pratica del nudismo.
Questo libro non vuole essere un dibattito pro o contro; non ci riguarda, abbiamo solo avuto il desiderio di spogliarci con voi.
A cura di Angelo Manarola e Massimo Baglione.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Concita Imperatrice, M. C, Gianni Veggi, 1 s3mpl1c3 nud1sta, Paolo De Andreis, Mario Stallone, Leonardo Rosso, Iconat, Sergio Bartolacelli, Donatella Ariotti, Franca Riso, Lodovico Ferrari, Goldchair60, Emanuele Cinelli, Vittoria Tomasi, Simone Pasini, Anna Rita Foschini, Matteone, Galiano Rossi, Franca Mercadante, Massimo Lanari, Francesco Paolo Catanzaro, Francesco Guagliardo, Giacobsi, Bayron, Marina Paolucci, Guglielmo A. Ferrando, Stefano Bozzato, Marco Murara, Francesca Miori, Lorenzo Moimare, Vincenzo Barone, Rupert Mantovani, Domenico Ciccarelli, Siman, Roberto Gianolio, Francesco Marcone, utente anonimo, Jole Gallo, Giovanni Altieri, Daniela Zampolli, Robi Nood, Mauro Sighicelli, Lucica Talianu, Giovanni Minutello, Naturizia, Serena Carnemolla, Carla Bessi.
Vedi ANTEPRIMA (407,33 KB scaricato 576 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 469 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 68 - La gelosia

La Gara 68 - La gelosia

(gennaio 2018, 32 pagine, 945,88 KB)

Autori partecipanti: Lorenzo Iero, Enrico Gallerati, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Patrizia Chini, MicolFusca, Eliseo Palumbo, Claudio Lei.
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (945,88 KB) - scaricato 63 volte.
oppure in formato EPUB (414,28 KB) (vedi anteprima) - scaricato 54 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 57 - Imbranati

La Gara 57 - Imbranati

(dicembre 2015, 27 pagine, 3,39 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Giorgio Leone, Angelo Manarola, Federico Pani, Alberto Tivoli, Skyla, Marina Paolucci, Eliseo Palumbo.
a cura di Carlocelenza.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 113 volte.
oppure in formato EPUB (448,80 KB) (vedi anteprima) - scaricato 170 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2019 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2019 - (in bianco e nero)

(edizione 2019, 2,26 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,26 MB) - scaricato 41 volte..
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.