La combinazione del Peyote

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/03/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
4
33%
2 - mi piace pochino
1
8%
3 - si lascia leggere
1
8%
4 - è bello
5
42%
5 - mi piace tantissimo
1
8%
 
Voti totali: 12

Leonardo74
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 26/11/2019, 17:30

Author's data

La combinazione del Peyote

Messaggio da leggere da Leonardo74 »


Corre voce che “la combinazione del Peyote” sia un miscuglio fatto di colla di calzolaio, semi di Gorilla Glue e qualche altro mistero chimico dagli effetti apocalittici. Un intruglio esplosivo, commisurato al prezzo: il 20% dell’incasso del turno di notte.
 Sono le ore 3 e 15 minuti esatti quando il display s’illumina e il cicalino segnala la corsa. La città è deserta e in due minuti sono all’indirizzo. Sale un tizio qualsiasi, che si siede davanti, di fianco a me. Almeno così ho creduto, perché cento metri più avanti m’accorgo che invece è seduto dietro e che è un nano. Sono confuso. Comincio a guardarlo dal retrovisore e lui se ne accorge. Allora anche lui comincia a fissarmi.
 Sto per domandargli cosa ci faccia lì dietro, visto che si era seduto davanti, invece è lui a parlare per primo: - Non lo accende il tassametro?
 - Cazzo… Mi scusi!
 Eppure ero sicuro di averlo acceso.
 Le sostanze che a volte assumo trasformano le percezioni, questo sì, ne alterano l’intensità, d’accordo. Ma non mi rendono un visionario o uno sciroccato. Non è LSD. Quindi non riesco a spiegarmi cosa stia accadendo. Quando quest’uomo è salito a bordo era salito davanti e non era un nano. Ne sono certo. Vorrei dirglielo senza sembrare allucinato, ma di nuovo lui mi anticipa: - Non sarà mica uno di quei tassisti musoni? Il percorso è abbastanza lungo, parliamo di qualcosa, vuole?
 - Certo, perché no?
 Adesso ho l’impressione di viaggiare alla velocità di un razzo. Il mondo si distorce al mio passaggio. Mi volto indietro a guardare il cliente, voglio leggere il terrore nei suoi occhi e vedere la sua espressione mentre ci schiantiamo in tangenziale e diventiamo poltiglie al sugo, spappolate sul cruscotto. Invece quello ha un’espressione così serafica da convincermi che la velocità è solo un’illusione. Infatti sto guardando dietro, eppure non ci schiantiamo. Rimango a guardarlo aspettando che urli “guardi avanti!” Ma non lo fa. Sorride invece.
 - Parliamo del senso della vita. Qual è il senso della nostra esistenza, secondo lei?
 Parlare del senso della vita in una notte di ferragosto, imbottito di droga dentro un abitacolo con un nano del cazzo. Riesce difficile immaginare qualcosa di più onirico.
 - Non è proprio semplice, dico.
 - Provi.
 - Trovare delle risposte?
 - Interessante. Ma a quali domande?
 - Non saprei…
 - Provi.
 - Forse è proprio trovare delle risposte a domande come la sua, domande come: “qual è il senso della vita?”
 - Forse.
 - E lei ne ha trovate?
 - Cosa?
 - Di risposte alla domanda dico, ne ha trovate?
 - No.
 - Ne è certo?
 - Una, forse.
 - Sarebbe?
 - Il senso della vita è qualcosa di così immenso e profondo, che sarebbe davvero da sciocchi pensare di coglierlo. Non crede?
 Non rispondo, forse ha perfino ragione. Ai miei lati la città sfreccia in mille colori stonati, luci allungate dall’eccesso di velocità. Sembra la mostra sul futurismo che ho visto la settimana scorsa. Mi dico che non è grave, che siamo ancora nell’ambito delle sensazioni. La velocità, non è forse una percezione? Poi però guardo di nuovo nel retrovisore e quel che vedo non è più soltanto un’impressione: quell’uomo ha indossato una strana maschera bianca, da clown. No, non proprio da clown, ma da marionetta. Meglio ancora, non è una maschera… quell’uomo non è più un uomo, è diventato una marionetta. Trasfigurato. È di legno. E – insisto - lo è davvero, non soltanto nel mio mondo tossico di percezioni alterate dalla chimica. Questo deve essere chiaro.
 Mi dice: - non è forse per questa ragione che lei si droga?
 Fa caldo, non ho dubbi neanche su questo. Ma quando la marionetta parla, dalla sua bocca esce del fumo della stessa consistenza del vapore generato dall’alito caldo a contatto con l’aria fredda.
 Cosa diavolo sta succedendo? Decido di mischiare le carte. Concentro tutta la pressione che posso sul piede destro e pigio sul freno come un ossesso. Tutto quel che ottengo è rendermi conto di un’altra stranezza. La marionetta non è più da sola, ma con la sua famiglia. Sul sedile posteriore adesso ho quattro marionette. Padre, madre e due figli. Mi fissano.
 Sbotto a ridere. Quale avveniristico allucinogeno mi ha rifilato il Peyote?
 - Cazzo! siete in quattro adesso!
 - Siamo sempre stati in quattro, signore.
 - E se ora freno bruscamente?
 - Cosa?
 - Diventerete otto?
 Si guardano come se avessi detto una cazzata e cominciano a parlottare tra loro. Sembra parlino una strana lingua. Forse Amish, uno strano dialetto tedesco. Mentre parlano mi accorgo che in effetti non sono quattro, perché ci sono anche altre piccolissime marionette che camminano sul sedile posteriore. Non le avevo notate prima, forse per le loro dimensioni molto ridotte, più piccole di un playmobil.
 - Ma quanti siete là dietro?
 - Non c’è nessuno qui dietro signore. Siamo tutti nella sua mente.
 Giorni fa ho letto un libro sul Biocentrismo. Non ci ho capito molto, però cercava di convincermi che nulla esiste davvero, al di fuori del mio pensiero. Forse il nano (è un nano, una marionetta di nano) mi sta dicendo proprio questo? Ma se così fosse, anche lui, il nano – la marionetta, il clown, quel coso insomma – esisterebbe solo nella mia testa.
 A questo punto comincio a vedere marionette ancora più piccole camminare anche sul cruscotto. Qualche impulso proveniente da qualche parte nel mio cervello mi ordina di strizzare forte le palpebre, fino a farmi male.
 Poi riapro gli occhi. Sono ancora lì. Sempre più numerosi.
 - Ma quanti cazzo siete?
 - Prima che tutto questo divenga il manifesto di un nuovo esistenzialismo, o forse una specie di teatro dell’assurdo, si fermi che siamo arrivati.
 Fermo la macchina e ho la sensazione di non essermi mai mosso, di essere già fermo da chissà quanto tempo. Mi volto un’ultima volta e di nuovo la marionetta è sola. Dove sono finiti sua moglie e i suoi figli? E tutte le altre marionette più piccole?
 - Allora quanto le devo?
 - Mi deve una spiegazione. E che sia convincente.
 - Bene. Tenga pure il resto.
 Mi porge qualcosa. Mi caccia qualcosa in mano. Qualcosa di reale che non sono soldi. Non riesco ad aprire la mano finché non è sceso dall’auto e la portiera si è richiusa. Allora l’apro di scatto. È una marionetta. Nella mia mano c’è una piccola marionetta di legno bianco. Una cazzo di nano-clown-marionetta. Uguale a tutti gli altri, ma diversa: ha le mie sembianze, la mia faccia. Sono io.
Ultima modifica di Leonardo74 il 10/02/2020, 2:05, modificato 3 volte in totale.
Roberto Ballardini
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Wow. Credo sia rischiosissimo scomodare in un racconto sua maestà "il senso della vita", e confesso di aver tremato, sul momento. Poi sono arrivato in fondo e devo dire che mi è piaciuto molto. A prima veloce lettura mi pare che formalmente funzioni e offra una combinazione di immagini e sensazioni di una realtà allucinata che riesce a mio avviso a rimanere sui binari del racconto senza scadere nell'autocompiacimento (che secondo me è il rischio più grosso di scritti di questo tipo). Ok per il peyote, ma a prima lettura non ho afferrato il senso di quel "la combinazione del" (cioè combinato con cosa?). in ogni caso voto a caldo, come ho fatto con tutti gli altri, e per me è un 4.
Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 226
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Io di solito commento a freddo, sobrio e senza aver fatto uso di sostanze psicotropiche. L'ho letto un paio di volte, quel finale, e non l'ho capito. Ma ci può stare. Ci possono stare meno, a mio parere, gli scivoloni sui tempi verbali, con quel continuo tentennare tra passato e presente. E quei vocaboli un po' gergali (non dialettali) che storpiano l'italiano senza uno scopo, come affianco: o altri usati impropriamente, come sfrante. E poi quel velocità distorsiva, che vuol dire? Soprassiedo su colla del gorilla, ma quel riferimento al biocentrismo e a Lanza lasciato cadere là, come un sasso in uno stagno, che senso ha? E comunque io diffido degli uomini di scienza che si improvvisano filosofi. E poi quell'accenno al futurismo, che nella bocca di un tassista in preda ai fumi del Peyote mi ha lasciato perplesso. Perché mostrano l'autore, che fa capolino un po' a sproposito e a discapito del protagonista. Forse con un racconto di più ampio respiro e con un protagonista più costruito, dai tratti più solidi e concreti, le citazioni avrebbero avuto in me un effetto diverso.
Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Se devo essere sincero non conoscevo l'esistenza di questo tipo di marijuana chiamato Gorilla Glue, a tal proposito mi sono documentato, anche perché inizialmente non avevo nemmeno capito che il Peyote fosse il nome dello spacciatore, avevo inteso che l'uomo fosse sotto l'effetto del peyote, dunque per questo erano spiegate le allucinazioni.
Il racconto è un continuo evolversi di allucinazioni e fatti inspiegabili fino alla fine e alla marionetta con il suo volto, marionetta che personalmente ho collegato al "senso della vita", come se l'autore volesse dirci: occhio ai fili che ci governano.
La piccola marionetta però allo stesso tempo mi ha creato una confusione immane perché scrivi: "La conservo da allora, cel'ho ancora a casa...". Prima di questa frase credevo che il racconto si ambientasse nel presente o comuqnue in un passato molto prossimo, poi inserisci questa frase, e poi torni nuovamente al presente dicendo: "Nella mia mano c'è..." quindi credo personalmente che vada rivista.
Per il resto credo che non ci siano errori di battitura o distrazione a parte il "non" della prima battuta del dialogo, forse va messo maiuscolo.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 371
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Forse è un po' confuso il racconto, almeno a me è risultato essere un poco così. Non si capisce subito dove voglia andare a parare, ma forse è un'arte voluta, tanto per rendere più suggestivo il pezzo descritto. Quindi bene all'autore per esserci riuscito al meglio. Qualche imperfezione, peraltro già segnalata, nella stesura del testo. Complessivamente si lascia senz'altro leggere piacevolmente.
Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Ha l'aria di un racconto costruito frase per frase, parola per parola, per dire qualcosa. Ha una struttura, un'impalcatura per così dire, create ad arte per dare un senso al tutto. Peccato però che io questo senso non l'abbia capito. L'ho letto e riletto ma niente. Non ho colto. A parte qualche imprecisione verbale e qualche parola di dubbio significato ed esistenza è ben scritto, ma null'altro a mio parere.
Leonardo74
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 26/11/2019, 17:30

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Leonardo74 »

Roberto Ballardini ha scritto: 07/02/2020, 8:02 Wow. [...] per me è un 4.
Ciao Roberto. Hai ragione ho chiarito meglio in cosa consiste la "combinazione" :-) Mi fa piacere ti sia piacutio e grazie di averlo letto e apprezzato.
Leonardo74
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 26/11/2019, 17:30

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Leonardo74 »

Eliseo Palumbo ha scritto: 07/02/2020, 13:10 Se devo essere sincero non conoscevo l'esistenza di questo tipo di marijuana chiamato Gorilla Glue, a tal proposito mi sono documentato, anche perché inizialmente non avevo nemmeno capito che il Peyote fosse il nome dello spacciatore, avevo inteso che l'uomo fosse sotto l'effetto del peyote, dunque per questo erano spiegate le allucinazioni.
Il racconto è un continuo evolversi di allucinazioni e fatti inspiegabili fino alla fine e alla marionetta con il suo volto, marionetta che personalmente ho collegato al "senso della vita", come se l'autore volesse dirci: occhio ai fili che ci governano.
La piccola marionetta però allo stesso tempo mi ha creato una confusione immane perché scrivi: "La conservo da allora, cel'ho ancora a casa...". Prima di questa frase credevo che il racconto si ambientasse nel presente o comuqnue in un passato molto prossimo, poi inserisci questa frase, e poi torni nuovamente al presente dicendo: "Nella mia mano c'è..." quindi credo personalmente che vada rivista.
Per il resto credo che non ci siano errori di battitura o distrazione a parte il "non" della prima battuta del dialogo, forse va messo maiuscolo.
Ciao Eliseo, grazie di averlo letto e delle annotazioni. "La conservo da allora, ce l'ho ancora a casa..." è in effetti un periodo che ho aggiunto successivamente (non c'era nella versione originale) per suggerire al lettore che non si tratta soltanto di un'allucinazione, ma di un oggetto che esiste realmente. è però verissimo che genera confusione, hai ragione, troverò il modo di sistemarlo. Grazie ancora.
ElianaF
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento: La combinazione del Peyote

Messaggio da leggere da ElianaF »

Bel racconto, ben scritto, bella la trama complimenti. Si lascia leggere senza anticipare cosa succederà.
Unica osservazione: trovo che la citazione (un libro sul Biocentrismo, di un certo Robert Lanza) non aggiunga contenuti e spezzi il ritmo.
Leonardo74
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 26/11/2019, 17:30

Author's data

Re: Commento: La combinazione del Peyote

Messaggio da leggere da Leonardo74 »

ElianaF ha scritto: 08/02/2020, 21:24 Bel racconto, ben scritto, bella la trama complimenti. Si lascia leggere senza anticipare cosa succederà.
Unica osservazione: trovo che la citazione (un libro sul Biocentrismo, di un certo Robert Lanza) non aggiunga contenuti e spezzi il ritmo.
Ciao ELiana, grazie intanto di averlo letto e dell'apprezzamento.
In effetti questa annotazione sul libro del biocentrismo mi è stata già mossa, e probabilmente hai ragione. Il fatto è che quel libro ha a che fare col racconto, ma è pur vero che per chi non lo ha letto (il libro) può sembrare una citazione a casaccio, superflua. Valuterò se renderla significativa o toglierla, intanto grazie.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 349
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Finito di leggere il racconto, ho pensato che la combinazione del Peyote non l’avesse ingerita il tassista, bensì l’autore ... o di averne presa un po’ io per sbaglio. Mi ha ricordato un telefilm un po’ allucinato degli anni ottanta, twin peaks, ma senza quel senso di mistero magnetico anche perché trovo lo stile poco curato (tempi verbali e lessico), il testo non scorre, resta fermo come il taxi. Per questo il racconto mi è piaciuto pochino.
Leonardo74
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 26/11/2019, 17:30

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Leonardo74 »

Selene Barblan ha scritto: 09/02/2020, 12:23 Finito di leggere il racconto, ho pensato che la combinazione del Peyote non l’avesse ingerita il tassista, bensì l’autore ... o di averne presa un po’ io per sbaglio. Mi ha ricordato un telefilm un po’ allucinato degli anni ottanta, twin peaks, ma senza quel senso di mistero magnetico anche perché trovo lo stile poco curato (tempi verbali e lessico), il testo non scorre, resta fermo come il taxi. Per questo il racconto mi è piaciuto pochino.
Ciao Selene, no ti assicuro che non ho ingerito nulla :-)
Grazie per aver letto e valutato il racconto, anche se non gradito.
Non discuto il senso di mistero o il testo che non scorre, essendo cose soggettive, ma sarebbe gradito se potessi indicarmi dove il lessico e i tempi verbali sarebbero poco curati (così posso lavorarci). Grazie mille e buona giornata.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 349
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Leonardo74 ha scritto: 09/02/2020, 16:04 Ciao Selene, no ti assicuro che non ho ingerito nulla :-)
Grazie per aver letto e valutato il racconto, anche se non gradito.
Non discuto il senso di mistero o il testo che non scorre, essendo cose soggettive, ma sarebbe gradito se potessi indicarmi dove il lessico e i tempi verbali sarebbero poco curati (così posso lavorarci). Grazie mille e buona giornata.
😄 meno male. Sì certo, ecco qui:

“Almeno così credevo, perché facciamo cento metri e...” metterei almeno così credo, dato che parli al presente o anche: almeno credo che così abbia fatto.

“Sto per domandargli cosa ci fa lì dietro, visto che si era seduto davanti” io metterei cosa ci faccia lì dietro

“Laroba che a volte assumo” è un po’ gergale, anche se ci può stare, eventualmente si può mettere tra virgolette.

“Quando quest’uomo è salito a bordo non era un nano, ed era salito davanti.“ toglierei la virgola


“- Certo, perché no.” Metterei un punto interrogativo

“Rimango a guardarlo aspettando che urli: guardi avanti!“ metterei che urli “guardi avanti!”

“La combinazione sa anche guidare? “ frase poco chiara secondo me

“-cosa...” metterei ?
“Affianco a me la città sfreccia in mille colori stonati, luci allungate dall’eccesso di velocità.” A fianco a me/ di fianco a me

“ Sì, è il futurismo. Oppure è il Peyote, che ha intrugliato troppo. “ frase poco chiara Secondo me

“Poi però guardo di nuovo nel retrovisore, e non so come faccio a esserne certo, ma lo sono, che quell’uomo ha indossato una strana maschera bianca da clown.” Controllerei le virgole

“- Ma quanti siete la dietro?” Là

“- Non c’è nessuno dietro signore. Siamo tutti nella sua mente.” Qui dietro

“Non riesco ad aprire la mano finché non discende dall’auto “ discende mi suona male


Ovviamente sono mie opinioni e probabilmente mi sbaglio; credo che sistemandolo un po’ diventerebbe più godibile .. buona serata 🙂
Leonardo74
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 26/11/2019, 17:30

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Leonardo74 »

Selene Barblan ha scritto: 09/02/2020, 23:37 😄 meno male. Sì certo, ecco qui:

“Almeno così credevo, perché facciamo cento metri e...” .... [...]
Ovviamente sono mie opinioni e probabilmente mi sbaglio; credo che sistemandolo un po’ diventerebbe più godibile .. buona serata 🙂
Ok.
I tempi verbali in realtà non sono sbagliati, il primo "almeno così credevo" si riferisce ad un pensiero che avviene prima del presente in cui è la narrazione, quindi l'imperfetto forse non suona benissimo (ora ho scritto "ho creduto) ma formalmente credo fosse corretto. Non mi pare ci siano altri tempi verbali sbagliati.
Riguardo le altre cose mi sembrano dettagli, su molti dei quali comunque hai ragione.
Grazie comunque.
Ciao.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Efficace la descrizione della corsa allucinata in taxi (questa combinazione del peyote dev’essere proprio roba forte). Quella battuta sul futurismo forse è un po’ criptica, ma a me è piaciuta, nel contesto evoca la velocità.
Delle imprecisioni ti hanno già detto e mi pare che tu le abbia corrette, quindi sorvolo. Solo una domanda: da cosa si intuisce che le marionette, a un certo punto, siano una famiglia? Ma forse è poco lecito cercare di razionalizzare un incubo lisergico.
Sono tentato di ipotizzare una “morale” del racconto: il dialogo sul senso della vita e il finale mi fanno pensare che tutti siamo marionette, che ci sia qualcosa di superiore e incomprensibile che ci manovra.
Leonardo74
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 26/11/2019, 17:30

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Leonardo74 »

Roberto Bonfanti ha scritto: 10/02/2020, 22:26 Efficace la descrizione della corsa allucinata in taxi (questa combinazione del peyote dev’essere proprio roba forte). Quella battuta sul futurismo forse è un po’ criptica, ma a me è piaciuta, nel contesto evoca la velocità.
Delle imprecisioni ti hanno già detto e mi pare che tu le abbia corrette, quindi sorvolo. Solo una domanda: da cosa si intuisce che le marionette, a un certo punto, siano una famiglia? Ma forse è poco lecito cercare di razionalizzare un incubo lisergico.
Sono tentato di ipotizzare una “morale” del racconto: il dialogo sul senso della vita e il finale mi fanno pensare che tutti siamo marionette, che ci sia qualcosa di superiore e incomprensibile che ci manovra.
Ciao Roberto, grazie intanto. In effetti è un tipo di racconto che non andrebbe spiegato, perché avrebbe l'ambiziosa pretesa di essere un racconto onirico, dell'assurdo, di sollevare domande più che trovare risposte, e anche di avere più piani di lettura, o comunque di essere molto soggettivo. Perdonami quindi se le mie risposte ti sembraranno elusive. Quanto alla famiglia è in realtà il tassista che vede una famiglia. Non è detto che lo sia, ma è possibile. La famiglia fa parte del senso della vita? Di quello del tassista certamente. Riguardo la "morale" da te ipotizzata, anche in questo caso è certamente una possibilità. Tutti ni questo mondo rischiamo di essere comparse grottesche, velocissimi ma fermi, marionette e clown :-)
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 442
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

racconto completamente onirico, una sorta di delirio. provocato o meno, al tassista, dall'utilizzo di droga non lo so dire. credo sia soggettivo.
certo, a mio parere bisogna leggerlo più volte per entrare nella meccanica della storia, però, una volta dentro non ne esci più e sali sul taxi.
il senso della vita... bella domanda. cerchiamo solo di non essere tutti marionette, sarebbe già qualcosa.
i refusi te li hanno già segnalati.
piaciuto.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Giorgio Leone
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Mah, io l'ho letto adesso e non mi sono intoppato da nessuna parte. Magari l'hai corretto, magari no. Domande non me ne sono fatte, mi è piaciuto e basta. Scritto benissimo, simpatico e accattivante. Qualche commento che ho letto mi ha un po' spiazzato e alcuni voti bassi mi hanno stupito: la dimostrazione, se mai ce ne fosse bisogno, che ognuno ha la propria sensibilità ed è bello quello che piace. Complimenti, a mio giudizio un racconto molto originale che non ha la pretesa di dimostrare o insegnare niente, ma solo divertire.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

(giugno/luglio 2016, 35 pagine, 1,73 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Nunzio Campanelli, Massimo Tivoli, Carlocelenza, Stefania Di Giannantonio, Mirtalastrega, Skyla74, Patrizia Chini, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone.
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (1,73 MB) - scaricato 156 volte.
oppure in formato EPUB (583,49 KB) (vedi anteprima) - scaricato 155 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 35 - Zombie & Incipit

La Gara 35 - Zombie & Incipit

(gennaio 2013, 28 pagine, 621,45 KB)

Autori partecipanti: Patrizia Benetti, lodovico, Nunzio Campanelli, Monica Porta may bee, Lorella15, Alessandro Pedretta, Mastronxo, Exlex, freecora.
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (621,45 KB) - scaricato 225 volte.
oppure in formato EPUB (351,62 KB) (vedi anteprima) - scaricato 216 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 54 - Sotto il cielo d'agosto

La Gara 54 - Sotto il cielo d'agosto

(agosto/settembre 2015, 24 pagine, 1,66 MB)

Autori partecipanti: Laura Chi, Annamaria Vernuccio, Alberto Tivoli, Angelo Manarola, Ida Dainese, Skyla74, Patrizia Chini, Eliseo Palumbo.
a cura di Giorgio Leone.
Scarica questo testo in formato PDF (1,66 MB) - scaricato 126 volte.
oppure in formato EPUB (259,51 KB) (vedi anteprima) - scaricato 193 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Luna 69-19

Luna 69-19

antologia di opere ispirate al concetto di "Luna" e dedicata al 50° anniversario della storica missione dell'Apollo 11

Il 20 luglio 1969 è la data che segna per sempre il momento in cui il primo essere umano ha posato per la prima volta i piedi sul suolo lunare. Quel giorno una parte di voi era d'avanti ai televisori in trepidante attesa del touch-down del lander, altri erano troppo piccoli per ricordarselo e altri ancora non erano neppure nati, tuttavia ne siamo stati tutti coinvolti in molteplici maniere.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Mazzi, Andrea Coco, Andrea Messina, Angelo Ciola, Cristina Giuntini, Daniele Missiroli, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Franco Argento, F. T. Leo, Gabriele Laghi, Gabriele Ludovici, Gabriella Pison, Iunio Marcello Clementi, Laura Traverso, Marco Bertoli, Marco Daniele, Maria Emma Allamandri, Massimo Tessitori, Namio Intile, Pasquale Aversano, Pasquale Buonarotti, Pietro Rainero, Roberta Venturini, Roberto Paradiso, Saji Connor, Selene Barblan, Umberto Pasqui, Valentino Poppi, Vittorio Serra, Furio Bomben.
Vedi ANTEPRIMA (637,22 KB scaricato 53 volte).
info e commenti compralo su   amazon

La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,11 MB scaricato 748 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Kriminal.e - racconti gialli evoluti

Kriminal.e - racconti gialli evoluti

Kriminal.e è una raccolta di testi gialli "evoluti", che contengono cioè elementi tecnologici legati all'elettronica moderna.
Copertina di Diego Capani.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Nunzio Campanelli, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Emanuele Finardi, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Francesca Paolucci, Umberto Pasqui, Antonella Pighin, Alessandro Renna, Enrico Teodorani.
Vedi ANTEPRIMA (172,07 KB scaricato 153 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.