Imprevisti e probabilità

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/03/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
23%
3 - si lascia leggere
4
31%
4 - è bello
4
31%
5 - mi piace tantissimo
2
15%
 
Voti totali: 13

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Imprevisti e Probabilità

Non ci credevo. Non potevo assolutamente dar retta a quei tre ragazzi che avevo di fronte. Quello che stavano asserendo era completamente estraneo ad un esame universitario. Quando poi avevo sentito parlare di Imprevisti e Probabilità non avevo potuto fare a meno di sorridere. Fu proprio allora che uno dei tre mi guardò e mi disse: “sei un farmacista vero?”. Annuii con la testa. “Beh, fra un po’ te ne accorgerai ‘farmacista’, noi (dell’ISEF [oggi Scienze Motorie]) almeno abbiamo anche il mazzo delle Probabilità, voi solo quello degli Imprevisti”, aggiunse, allontanandosi con i suoi compagni. Che cosa aveva voluto dire? Sembravano discorsi talmente assurdi.
Poco più tardi, invece, uno studente di Farmacia, che stava per sostenere l’esame per la terza volta, mi spiegò che il termine Monopoli, riferito a quell’esame, era quanto di più azzeccato avesse mai sentito.
Quando arrivai in prossimità dell’aula cominciai a capire. All’interno erano stati sistemati otto tavoli, di colore verde chiaro, che formavano una sorta di quadrato, in effetti sembrava proprio il cartellone del Monopoli. In prossimità dei vertici sedevano tre persone, il più vicino alla porta era l’Assistente, vi erano poi due Interni e, al quarto vertice, avrebbe preso posto il titolare della cattedra. Il mio ‘collega’ mi spiegò che gli studenti dell’ISEF potevano essere chiamati, e quindi interrogati, dall’Assistente o da uno dei due Interni e, dopo un paio di domande, uscire dal gioco, come dicevano loro, con un buon voto. Certo, a qualcuno non andava altrettanto bene, poiché gli toccava il boss. Insomma la base del gioco del monopoli: Probabilità (di evitare il Professore) e Imprevisti (beccarlo). Ah, dimenticavo, noi farmacisti non partecipavamo alla versione ridotta del gioco, noi dovevamo superare tutti e quattro gli ostacoli. Come mi era stato anticipato: niente carte delle Probabilità.
Forse suggestionato da quelle strane premesse, mi immagino di dover giocare, veramente, una sorta di partita di Monopoli. Scopo del gioco: attraversare indenne i quattro lati del tabellone. Il ‘gruzzolo’ di partenza non è costituito da soldi finti bensì da voti veri. Parto con un teorico Trenta, riuscirò a mantenere almeno 18 di quei preziosi punti?
Si parte. Per primo mi tocca l’Assistente. Mi siedo, immaginando qualcuno che dall’alto lancia i dadi in mia vece, e prima ancora di aver detto “buongiorno” sono già caduto nella casella degli Imprevisti.
“Prenda un femore”, mi chiede l’Assistente indicando una pila di ossa, che nel frattempo un bidello ha scaricato su uno dei banchi. Stupito, mi alzo e mi dirigo verso la montagnola di ossa, poi, come un giocatore di shangai, che tra tanti colori cerca lo stecco nero, quello di maggior valore, inizio ad osservare le ossa. So bene come è fatto il femore: è l’osso più lungo del nostro corpo e ha ‘la testa’, un particolare facilmente distinguibile, eppure io non lo vedo. Decido che se l’Assistente me lo ha chiesto l’osso deve esserci, quindi mi rifugio nell’osso più grosso che trovo…… “Buttalo fuori!!!” Sento urlare alle mie spalle. E’ il Professore: è rosso in viso e ha deciso di farmi uscire dal gioco senza concedermi neppure un secondo tiro. Io, con in mano una tibia (osso abbastanza lungo e grosso ma certamente non un femore) sono senza parole. Per fortuna l’Assistente mi concede una seconda possibilità e mi dice di ritentare. A questo punto non mi faccio fregare una seconda volta e gli comunico che lì, nella montagnola di ossa, il femore non c’è. Lui, dubbioso, si alza, va a controllare e si accorge che avevo ragione. (Imprevisto dell’Imprevisto: cercare un osso che non c’è!). Comunque riesco ad uscire da quella casella e lancio i dadi altre tre volte; le domande non sono facili ma me la cavo.
Esco dal primo lato del quadrato avendo perso 3 punti poiché vedo che l’Assistente scrive un -3 su un bigliettino. Secondo lato: il sistema cardiovascolare. Qui sono più fortunato e nessuno mi chiede di cercare un’aorta o una valvola mitralica e con altri tre tiri di dadi esco dal secondo lato con un confortante -2. Entro nel terzo settore: il sistema connettivo. Sono abbastanza fortunato, tre tiri senza imprevisti e mi congedo dal secondo Interno con un -2 scritto sul solito fogliettino, che a questo punto viene recapitato al Professore. Ora il gioco si fa veramente duro, entro nel quarto lato, trovo il Professore e il sistema nervoso, un’accoppiata mortifera. Alzo lo sguardo e vedo solo caselle di imprevisti, tasse, alberghi altrui e la casella più terribile: la prigione. Se si finisce lì si resta prigionieri almeno tre mesi, cioè sino alla sessione d’esami successiva. Lancio i dadi per la prima volta e capito nella casella ipotalamo, poteva andare peggio. Cerco di articolare una risposta soddisfacente nonostante il Professore mi guardi con un’espressione che sembra dirmi: “guarda ragazzo che non mi sono per niente dimenticato la storia della tibia”. Dopo un paio di minuti, comunque, mi fa segno di lanciare di nuovo i dadi. Tremante conto le caselle ed arrivo a quella relativa al sistema nervoso vegetativo. Anche in questo caso riesco a dire qualcosa. Mentre parlo la tensione diminuisce, comincio a pensare che ho salvato 23 punti e ho dato due risposte anche al Professore, forse ce la farò. Proprio in quel momento lui mi sta sorridendo e mi fa segno che basta così. Ce l’ho fatta penso, niente più lanci di dadi, niente imprevisti è andato tutto abbastanza bene, dopotutto……“Mi dica che cos’è quello!!!”
Il risveglio dal sogno è tremendo. Il Professore sta indicando uno di cinque contenitori pieni di un liquido grigiastro. Penso che non vale. Nessuno ha lanciato i dadi ed io sono lo finito stesso nella casella degli Imprevisti. Titubante mi avvicino ai cinque contenitori di plexiglass. Apparentemente sono tutti uguali, ripieni di un liquido torbido in cui nuota qualcosa. Quello che vuole sapere il Professore è che organo è conservato all’interno del contenitore di destra. Sento il suo sguardo sulla mia nuca, la pressione aumenta e io non riesco a capire nulla. Mi sforzo ma proprio non capisco che cosa c’è. Dietro insistenza del docente azzardo: un fegato?

Dieci minuti più tardi mi ritrovo seduto su una panchina, assillato da un mal di testa che mi rende difficile perfino tenere gli occhi aperti. Cerco di ricordare gli ultimi, fatali, momenti del mio esame. Subito dopo aver detto fegato mi ero reso conto di aver dato una risposta assurda, l’organo, o quel che ne restava, era di colore, forse, grigiastro, avrebbe anche potuto trattarsi di un cervello, ma riconoscerlo immerso in quel liquido non sarebbe stato facile neppure per un patologo. Comunque, mentre stavo pensando che fegato era l’esatta parola che mi avrebbe mandato in prigione senza passare dal via, avevo sentito il Professore urlare e prima che potessi dire o fare una sola mossa tutto era già finito. Ora in quella panchina controllavo il mio libretto di studente, dall’alto al basso leggevo:
Fisica 30/30
Chimica generale 30/30
Botanica 30/30
Microchimica 30/30
Anatomia umana 18/30
Quel diciotto sembrava rovinare tutto. Avrei dovuto essere triste, arrabbiato, scontento, invece sorrisi, dopotutto quel diciotto voleva dire che non sarei mai dovuto tornare lì. Avevo vinto, di più, avevo sbancato il tavolo! Quel pomeriggio mi avrebbe lasciato solo un piccolo tarlo, non avrei mai più giocato a monopoli.
Ultima modifica di Errepi60 il 10/02/2020, 13:48, modificato 3 volte in totale.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 408
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Bel racconto, scritto molto bene, mi permetto di segnalare solo una d eufonica all'inizio "... ad un esame..." e un altra in questo pezzo "... ed io sono lo finito stesso..." dove credo vadano scambiati di posto finito e lo.
Non sentivo dire ISEF da non so quanti anni e mi ha fatto ridere la battua sull'aorta e la valvola mitralica, simpatica la considerazione finale sul finale, nel complesso si lascia leggere.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Grazie intanto di averlo letto tutto. ISEF in effetti è desueto, si chiamava così quando io studiavo, oggi si chiama Scienze Motorie. Un saluto

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 9067
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

...eh, quanta gnocca all'ISEF! Bei tempi! :-D
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Eh già. Nella mia Università, ai tempi a fronte di oltre 1000 domane all'anno gli ammessi/e erano solo trecento e quella che hai citato tu era una delle doti discriminanti.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 9067
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Mi pare giusto! :-P
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 305
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Carino il racconto, scritto al meglio. Segnalo un' inezia, "il tavolo.!", se metti l'esclamativo non deve esserci il normale. Circa il contenuto del testo, basato soprattutto sulle regole del gioco, risulta essere originale e ben costruito. E poi la terminologia, tra ISEF e il gioco dello shangai con ricerca del bastoncino nero, porta indietro nel tempo, e ricorda (almeno per me è così) un passato lontano... Bravo!

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Scritto bene, si legge tutto d'un fiato. Poi però... Però non mi ha lasciato niente: nessuna emozione, nessun trasporto. Un modo originale per raccontare un surreale esame universitario e niente di più e troppo poco. Mi spiace non riesco a dare un bel voto.

Leonardo74
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 26/11/2019, 17:30

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Leonardo74 »

Unico neo forse il finale che non è accattivante, alla fine vola via "così" e non resta molto. Però lo trovo carino, simpatico, scorrevole, leggero, easy, ben scritto. bravo.

ElianaF
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento: Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da ElianaF »

Ho trovato l'inizio faticoso anche perchè non mi era chiaro cosa centrasse l'ISEF (suggerirei di specificare cosa significa l'acronimo) con i farmacisti. Poi comincia il racconto e mi sono persa nei vari passaggi (per altro le domande mi sono sembrate molto facili) con i docenti (il prof e gli assistenti) che sono degli stereotopi.

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Laura Traverso ha scritto:
07/02/2020, 15:31
Carino il racconto, scritto al meglio. Segnalo un' inezia, "il tavolo.!", se metti l'esclamativo non deve esserci il normale. Circa il contenuto del testo, basato soprattutto sulle regole del gioco, risulta essere originale e ben costruito. E poi la terminologia, tra ISEF e il gioco dello shangai con ricerca del bastoncino nero, porta indietro nel tempo, e ricorda (almeno per me è così) un passato lontano... Bravo!
Grazie.

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Stefyp ha scritto:
07/02/2020, 19:12
Scritto bene, si legge tutto d'un fiato. Poi però... Però non mi ha lasciato niente: nessuna emozione, nessun trasporto. Un modo originale per raccontare un surreale esame universitario e niente di più e troppo poco. Mi spiace non riesco a dare un bel voto.
Grazie di cuore per le belle parole. Il racconto è proprio come lo hai descritto tu un esame surreale un pò 'romanzato' solo allo scopo di leggere sorridendo.

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Commento: Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da Errepi60 »

ElianaF ha scritto:
08/02/2020, 21:34
Ho trovato l'inizio faticoso anche perchè non mi era chiaro cosa centrasse l'ISEF (suggerirei di specificare cosa significa l'acronimo) con i farmacisti. Poi comincia il racconto e mi sono persa nei vari passaggi (per altro le domande mi sono sembrate molto facili) con i docenti (il prof e gli assistenti) che sono degli stereotopi.
Ciao, intanto grazie per il tempo dedicato alla lettura e al commento. La storia, purtroppo, è vera in tutto e per tutto, compresi Assistenti e Professore io l'ho solo raccontata come se fosse un gioco da tavolo.
Un saluto.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 236
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Adoro i giochi da tavolo e odio, temo, gli esami, soprattutto quelli orali. Fortunatamente non ne dovrò affrontare più, se non capita qualche imprevisto, ... il racconto esprime secondo me bene le sensazioni del protagonista, mi sono immedesimata e ho “rivissuto” alcune esperienze assurde. Il racconto mi è piaciuto e l’ho letto con piacere, idea divertente e originale. Voto 4.

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Grazie Selene per le belle parole. L'idea è sempre stata quella di trascorrere 10-15 minuti spensierati.
Un saluto.
Ultima modifica di Errepi60 il 11/02/2020, 13:44, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 327
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

storia simpatica e, a tratti, anche divertente.
non so se è voluto o meno, ma il racconto parte col tempo al passato e prosegue poi al presente.
tralasciando questo fatto, nel complesso è ben scritto, anche se sono poco efficaci le descrizioni.
non arrivano, a mio parere, il malessere e la soddisfazione del protagonista.
in ogni caso non è male.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Roberto Ballardini
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Secondo me sei stato bravo (deduco il maschile dallo scambio di battute con Massimo) a rendere appetibile un soggetto che di per sé non conteneva molti spunti utili per sostenere l'attenzione del lettore. Il parallelo con il conosciuto gioco da tavolo, la buona caratterizzazione degli inquirenti (mi viene da chiamarli così, dopo aver letto il racconto) - ottimo aver associato l'isterico professore al sistema nervoso - e il buon ritmo del racconto che non si sofferma mai troppo a lungo su un passaggio per annoiare, ne fanno un buon lavoro, a mio avviso.

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Fausto Scatoli ha scritto:
11/02/2020, 10:03
storia simpatica e, a tratti, anche divertente.
non so se è voluto o meno, ma il racconto parte col tempo al passato e prosegue poi al presente.
tralasciando questo fatto, nel complesso è ben scritto, anche se sono poco efficaci le descrizioni.
non arrivano, a mio parere, il malessere e la soddisfazione del protagonista.
in ogni caso non è male.
Salve Fausto,
grazie per averlo letto e commentato.

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Roberto Ballardini ha scritto:
11/02/2020, 10:04
Secondo me sei stato bravo (deduco il maschile dallo scambio di battute con Massimo) a rendere appetibile un soggetto che di per sé non conteneva molti spunti utili per sostenere l'attenzione del lettore. Il parallelo con il conosciuto gioco da tavolo, la buona caratterizzazione degli inquirenti (mi viene da chiamarli così, dopo aver letto il racconto) - ottimo aver associato l'isterico professore al sistema nervoso - e il buon ritmo del racconto che non si sofferma mai troppo a lungo su un passaggio per annoiare, ne fanno un buon lavoro, a mio avviso.
Salve Roberto,
grazie per averlo letto tutto e commentato. Come già scritto sopra l'unico scopo del racconto è trascorrere 10 minuti senza pensieri.
Un saluto.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 355
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Bella l’idea di rappresentare l’esame di anatomia come un gioco da tavolo e coinvolgente la descrizione dell’ansia del protagonista.
È un buon racconto, ironico e ben scritto, raggiunge lo scopo che hai dichiarato, quello di farsi leggere in maniera spensierata.
Si potrebbe obiettare che “avevo sbancato il tavolo” è un tantino esagerato (in fondo lo studente se l’è cavata con il minimo sindacale) e si saltella un po’ fra i tempi verbali, ma sono inezie.

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Salve Roberto,
grazie per la lettura e l'ottimo commento.
Un saluto

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

"Quel pomeriggio mi avrebbe lasciato solo un piccolo tarlo, non avrei mai più giocato a monopoli."
Tarlo non mi sembra azzeccato, è un'angustia che rode dall'interno. Volevi forse dire strascico, risvolto negativo o qualcosa del genere?
Come vedi ho iniziato dalla fine perché ho pescato un imprevisto che mi ha mandato lì senza passare dal Via.
Racconto gradevole e con un fondo di verità: non sempre occorre studiare per passare gli esami, spesso basta un po' di culo. Come al mio esame di geografia economica alla Bocconi degli anni '60, al quale mi presentai dopo una notte di bagordi senza aver neppure aperto il libro. Però mi fecero una domanda d'intelligenza, e lì ero ben preparato perché la mia maestra alle elementari era stata bravissima.
Professore: nella coltivazione estensiva, chi lavora la terra?
Io (in preda a un'ispirazione improvvisa): La natura, professore!
Professore: Bravo, le do 30. Ma se vuole la lode, devo farle un'altra domanda.
Io: col Cazzo, professore, va bene così! Allora il termine non si poteva dire, ma il senso era quello.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Posso solo dire GRANDE, di cuorep

Simone_Non_é
Foglio bianco
Messaggi: 33
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

A me è piaciuto molto, ciò che più mi ha colpito è stato come una situazione ordinaria si sia trasformata in un gioco, decisamente ben descritto. Essendo un amante dell'immaginazione nei suoi aspetti più svariati mi ha divertito e intrattenuto. In alcuni frangenti mi ha ricordato alcune atmosfere tipiche della serie "Scrubs", che dire, complimenti. Non è il mio genere preferito ma i gusti qua non c'entrano, ancora bravo

Errepi60
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Imprevisti e probabilità

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Salve Simone,
grazie per le belle parole che hai speso sul mio racconto.

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 69 - Le parole che non ti ho mai detto

La Gara 69 - Le parole che non ti ho mai detto

(marzo 2018, 31 pagine, 956,10 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Patrizia Chini, Angela Catalini, Daniele Missiroli, Alberto Tivoli, Roberto Bonfanti, MicolFusca, David Cintolesi, Fabrizio Bonati, Enrico Gallerati.
a cura di Lorenzo Iero.
Scarica questo testo in formato PDF (956,10 KB) - scaricato 50 volte.
oppure in formato EPUB (569,16 KB) (vedi anteprima) - scaricato 55 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 16 - Cinque personaggi in cerca di storie

La Gara 16 - Cinque personaggi in cerca di storie

(settembre 2010, 54 pagine, 842,16 KB)

Autori partecipanti: Cmt, ArditoEufemismo, Arianna, Hellies15, Ser Stefano, Vit, Giulia Floridi, Carlocelenza, Mastronxo, Gigliola, ABDeleo, VecchiaZiaPatty, Skyla74, Exlex, Lucia Manna.
A cura di Manuela.
Scarica questo testo in formato PDF (842,16 KB) - scaricato 417 volte.
oppure in formato EPUB (475,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 184 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

(ottobre 2009, 28 pagine, 470,72 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Napolitano, Manuela Costantini, Macripa, Valentina, Cmt, Bonnie, Carlocelenza, Arditoeufemismo, Barbara Bracci, Daniela Bisin.
A cura di Miriam.
Scarica questo testo in formato PDF (470,72 KB) - scaricato 363 volte.
oppure in formato EPUB (342,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 207 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Il Bestiario del terzo millennio

Il Bestiario del terzo millennio

raccolta di creature inventate

Direttamente dal medioevo contemporaneo, una raccolta di creature inventate, descritte e narrate da venti autori. Una bestia originale e inedita per ogni lettera dell'alfabeto, per un bestiario del terzo millennio. In questa antologia si scoprono cose bizzarre, cose del tutto nuove che meritano un'attenta e seria lettura.
Ideato e curato da Umberto Pasqui.
illustrazioni di Marco Casadei.

Contiene opere di: Bruno Elpis, Edoardo Greppi, Lucia Manna, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Roberto Paradiso, Luisa Gasbarri, Sandra Ludovici, Yara Źagar, Lodovico Ferrari, Ser Stefano, Nunzio Campanelli, Desirìe Ferrarese, Maria Lipartiti, Francesco Paolo Catanzaro, Federica Ribis, Antonella Pighin, Carlotta Invrea, Patrizia Benetti, Cristina Cornelio, Sonia Piras, Umberto Pasqui.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,15 MB scaricato 303 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 50 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 213 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.