A cena

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
13%
3 - si lascia leggere
5
63%
4 - è bello
2
25%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 8

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 27
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

A cena

Messaggio da leggere da Frdellaccio »

Mario agita la forchetta a mezz’aria, indeciso se infilare in bocca il pezzo di carne. “ La verità è che arrivano troppi barconi. La situazione è fuori controllo”
“Mario, devi pensare che è gente che scappa da guerre, fame e malattie” dice Gianni
“E cosa pensi che possano trovare qui? Eh Gianni… Cosa gli possiamo dare? Non c’è lavoro neanche per noi”
“Gli possiamo dare qualcosa di più del nulla che hanno adesso” ribatte deciso Gianni.
Mario, dopo aver deglutito il boccone di arrosto che è finalmente riuscito a infilarsi in bocca, si concede un momento compassionevole: ”Gianni, Gianni, ma cosa credi? Sono d’accordo con te. Mi piacerebbe che potessimo fare qualcosa per loro. L’unica cosa che non possiamo, e non dobbiamo fare, e dargli delle illusioni”
“Hai ragione amore, dobbiamo aiutarli, si, ma aiutarli a sviluppare il loro senso imprenditoriale. Devono sfruttare le immense ricchezze che gli offre la loro terra” cinguetta Anna mentre sparecchia i piatti per far posto al dolce.
“Ti ricordo, Anna, che le immense ricchezze del loro territorio sono sfruttate dalle multinazionali occidentali” dice Gianni mentre pensa se la moglie di Mario sia stupida dalla nascita o lo sia diventata impegnandosi.
“Posso saltare il dolce e uscire con i miei amici?” Dico nel modo più carino possibile. In realtà ne ho i coglioni pieni di queste frasi. Le stesse, identiche frasi, pronunciate in ogni cena con gli amici, i loro amici, con le stesse espressioni saccenti. Ho voglia di urlare, o di ruttare. Al limite di scorreggiare.
“No Mirko, finisci la cena con noi, e poi esci. Adesso c’è il dolce. Ho fatto la torta pere e cioccolato. La tua preferita”. “Anzi, ci piacerebbe sentire la tua opinione” dice la madre.

Nicola si versa il vino rosso nel bicchiere. Lo riempie fino all’orlo. Lo guarda come se fosse indeciso sul da farsi. Lo beve tutto in tre sorsi, pieni e lenti, con gli occhi socchiusi.

Mario riprende con la sua solita sicumera: “Ancora con questa storia delle multinazionali. Poi scommetto che tirerai fuori il colonialismo… Gianni, sono passati decenni. Questi sono alibi. Loro potrebbero prendere in mano il loro destino, ma non lo fanno e poi…”
Sorpresa: il tranquillo Gianni interrompe mio padre con una certa veemenza “ Mario, non diciamo cazzate dai. L’Eni, le compagnie petrolifere in Niger, le multinazionali dei diamanti. E’ ancora tutto in mano nostra. E dobbiamo risarcirli”
Ed ecco comparire il sorrisino saccente di Mario: “Potresti iniziare tu Gianni, con i fatti”
Nicola prende lentamente la bottiglia di rosso, controlla quanto vino ci sia e se lo versa nel bicchiere, con calma, guardandolo intensamente, come se cercasse chissà quali risposte. Si porta il bicchiere alla bocca e lo svuota.
Gianni riprende con entusiasmo. Non aspettava altro che illustrare il suo impegno sociale. Ma solo perché gli è stato chiesto, beninteso. “Io ho già iniziato con i fatti, Mario. C’è stato un momento in cui il cinismo, quel cinismo che tu manifesti con così tanta tranquillità, stava prendendo il sopravvento. Ma poi…”
Anna si alza con un sorriso tirato, muovendosi come un burattino snodato: “ Basta parlare di politica. Siete noiosi e state infastidendo Nicola.
“Mamma io vado, non lo voglio il dolce”
“Senti Mirko, non insistere. Chiedi il permesso a tuo padre. Decide lui.”
“Papa?”
“Stavo dicendo – riprende Gianni- che poi ho deciso di fare un’adozione a distanza. Tutti dovremmo fare qualche cosa senza affidarci ai massimi sistemi”
Ma cosa sta facendo questo pazzo? Osservo incuriosito Nicola che prende la bottiglia, ormai diventata la sua bottiglia, e se la porta alla bocca per finire a canna l’ultimo sorso. Una scena decisamente a effetto in una tavola perfettamente apparecchiata, con calici in cristallo, posate d’argento e tovaglia di lino. Mentre Nicola si fa scivolare le ultime gocce in gola, tenendo la bottiglia attaccata alla bocca come se fosse una tromba, mia madre guarda Gianni e mio padre, con il viso diviso in due. Gli occhi fingono attenzione per il duello verbale, mentre la piega della bocca manifesta il disagio per la conversazione.
“Papà posso uscire?”
Mario strabuzza gli occhi. “Un’adozione a distanza? Un’adozione a distanza? Ti prego dimmi che non è vero”
“Invece è vero, ed è un’esperienza bellissima”
“Quindi Gianni, tu ti metti a posto la coscienza con 100 euro all’anno, e vieni qui a farci il pistolotto. Ti eleggi padre di un figlio di cui hai a malapena una fotografia, e con il quale scambi qualche lettera ogni tanto”
Mario, implacabile, prende fiato, inclina leggermente la testa di lato e sospira. “ E poi Gianni…” è indeciso se dirlo. E’ indeciso se affondare il colpo di grazia. “E poi Gianni tu sei sicuro che tutti i tuoi soldi vadano al tuo figlio lontano? Non hai il dubbio che una parte, una cospicua parte, non vada a ingrossare quei paraculi delle ong?”
E finalmente Gianni sbotta: “Ma cazzo Mario, perché devi sempre spalare merda?”
Il mio bravo papà accetta la sfida e indossa i guantoni: “Perché mi avete rotto il cazzo voi buonisti, con i vostri sensi di colpa verso questi poveri, poveri, poveri africani. Mi avete veramente rotto il cazzo”
Adesso tocca me. E mi adeguo volentieri al clima della tavolata: “Io mi sono veramente il cazzo… voglio uscire con i miei amici”
“Mirko non dire parolacce” dice Anna, più a suo agio nel ruolo di madre che di arbitro tra Gianni e Mario.
“Eccolo il buon Mario. Ha gettato la maschera. Il buon Mario che tutte le domeniche poggia il culo sulle panche in prima fila nella chiesetta. Eh Mario… Dimmi… Sei lo stesso Mario? Scambiatevi un segno di pace. Pace. Pace. Dimmi, sei lo stesso Mario?”
“Cosa c’entra. Avanti, dimmi cosa c’entra” farfuglia mio padre, per la prima volta in difficoltà.
Nicola va in cucina e sceglie un’altra bottiglia di vino. Apre con sicurezza il cassetto giusto e prende il cavatappi. Si muove perfettamente, come se fosse in casa sua. Apre la bottiglia, annusa il tappo, e si versa un bicchiere di vino. Lo beve negli immancabili tre sorsi. Rimane in piedi e guarda il ring.
“Certo che c’entra Mario. Sei un’ipocrita. E, aggiungo, un grande stronzo. Vuoi fare il perbenista ma sei gretto” affonda il colpo Gianni
Salgo sulla sedia, sicuro che sia una posizione che dia autorevolezza “Voglio uscireeee. Non vi sopporto più. Non capisco di cosa parlate. E non lo voglio capire”
“Siediti subito se non vuoi una sberla”. A Mario non sembra vero poter usare il figlio per riaffermare la propria autorevolezza.
Ecco quel cazzone di mio padre che mi ha rivolto la parola. Il tutto mentre mia madre scambia messaggi con le sue amiche cerebrolesi.
“ E allora Gianni, padre a distanza, dimmi… dimmi cosa sta facendo adesso, in questo momento, il tuo amato figlio. Un buon padre dovrebbe sempre sapere cosa sta facendo il proprio ragazzo”.
“Io mi avvicinerei ai loro barconi facendo finta di soccorrerli e poi li speronerei con la motovedetta” dice improvvisamente Nicola. Lo dice tranquillamente, rimanendo in piedi, appoggiato allo stipite della cucina, con il bicchiere in mano.
Cala il silenzio.
Lo guardo incuriosito. Li affonderebbe? La prima cosa che ha detto in tutta la serata. I nostri occhi si incrociano e la mia curiosità probabilmente lo esorta ad andare avanti.
E Nicola va avanti, lentamente ma inesorabilmente: ” Tutti, ma proprio tutti, attorno a questa tavola, pensiamo la stessa cosa: che se ne stiano a casa loro e non ci rompano i coglioni. Abbiamo solo metodi diversi. Io, diciamo, sono solo un po’ più diretto di voi”
Lo guardo rapito sperando che vada avanti. E Nicola va avanti.
“Io li affonderei. Gianni investe 100 euro all’anno per aiutarli a casa loro, e tu Mario… tu sei un fenomeno… non spendi neanche 100 euro, però rompi i coglioni a tutti.”
Non so perché ma all’improvviso salgo di nuovo sulla sedia e inizio a battere le mani. Sempre più forte. Un battito ritmato. E danzo, alzo le braccia al cielo e urlo di gioia.
Mia madre aumenta il ritmo dei messaggi alle sue amiche, quasi prendesse una medicina. E questa medicina prevede un aumento della dose in caso di attacco di Nicola. Che dopo una piccola pausa, causata dal mio urlo, riprende lento e inesorabile, dopo essersi versato il decimo o undicesimo bicchiere di vino.
“Pensiamo tutti la stessa cosa, tutti e tre, solo che…”
“Anch’io la penso come te, come voi” lo interrompo urlando, in preda a una strana esaltazione. Mi sento per la prima volta parte del mondo degli adulti che avverto finalmente vicino. Finalmente un linguaggio che riesco a capire anch’io. Un linguaggio chiaro, senza se e senza ma, senza digressioni, senza profonde riflessioni. Azioni, azioni efficaci, di facile comprensione. Affondare. Affondare.
“Si cazzo… sono finalmente dei vostri”
E finalmente posso infilarmi in bocca il pezzo di torta. Pere e cioccolato. La mia preferita.

Avatar utente
Draper
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 23/03/2015, 0:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Draper »

All'inizio ho temuto fosse un racconto come tanti, ne ho letti parecchi su questa falsariga, ma dal terzo quarto in poi c'è proprio una marcia diversa, e secondo me il punto di vista del racconto ha fatto la differenza. Quella non era cosa che avevo mai visto qui. Ti faccio i miei complimenti, è un lavoro che riesce a essere originale nonostante il tema difficile da inquadrare sotto una luce "diversa" senza che si ricorra alle allegorie (come nel caso dei testi distopici o di fantascienza). Ti segnalo che c'è un refuso. La prima volta che Mirko dice "papà", manca l'accento sulla a. Ciao :D
Immagine
Immagine

Athosg
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Athosg »

Un racconto oserei dire dalla preistoria. Come quasi tutti i racconti che leggeremo in questa stagione ad eccezione, forse, di quelli distopici. Un tempo in cui l'omologazione diveniva un obbligo per convenienza. Riscrivilo tra un anno, chissà potrebbe avere un altro finale!

Gino Savian
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 18/02/2020, 18:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Gino Savian »

Una classica situazione che mi è capitato di vivere più volte con non poco nervosismo. Direi che le personalità che solitamente ritrovo anche io nella realtà sono tutte presenti e che mi piacerebbe essere un po' più Mirko in futuro…
Nonostante ciò non mi ha entusiasmato in maniera particolare, pur leggendolo volentieri.

Forse, dato che si tratta pur sempre di un racconto di fantasia, oltre alle azioni sconsiderate di Nicola e Mirko riservate solo alla fine, ne avrei aggiunte almeno un paio anche prima. Ovviamente si tratta solo del mio gusto personale visto che ho un debole per le situazioni eccentriche
Ultima modifica di Gino Savian il 23/03/2020, 14:37, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 9058
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: A cena

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altri suffissi), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 50
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Una scena con dialoghi molto realistici, sentiti tante volte sia in tv che al mercato. La politica delle contrapposizioni che dura da decenni, prima era DC/PCI, poi anti e pro Berlusconi, ora questo. E intanto, i diritti dei lavoratori scompaiono, chissà come mai.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 407
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Crudo, schietto, diretto, politicamente scorretto. L'ho apprezzato moltisismo.
Dialoghi efficaci, veritieri, reali. Fino a poco prima della pandemia, questo era l'argomento del giorno, se ne parlava ovunque e in qualsiasi momento.
Mi è piaciuto molto come hai costrutio il personaggio Nicola, e come lo hai fatto entrare lentamente in scena, sferrando alla fine il colpo di grazia, zittendo tutti, e allo stesso tempo mettendoli tutti d'accordo, Mirko compreso.
L'unica cosa che non ho capito come si è passati dal racconto in terza persona a quello in prima persona da parte di mirko, non so se sia stato voluto o se sia una svista.
A rileggerci
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 27
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio »

A Draper
Grazie del commento, sono contento che il racconto ti sia piaciuto

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 27
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio »

A Athosg
Ciao Athosg, grazie del commento. Si questo che stiamo vivendo condizionerà anche la nostra fantasia. A rileggerci.

Avatar utente
Frdellaccio
Foglio bianco
Messaggi: 27
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Frdellaccio »

A Gino Savian
Ciao Gino e grazie del commento. Hai ragione, forse avrei dovuto inserire qualche elemento di rottura già nella parte centrale del racconto.
A rileggerci

Roberto Ballardini
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Credo sia impossibile, nella nostra posizione (mi viene da dire "privilegiata" in un certo senso, anche se poi personalmente tutto questo privilegio mi pare pausibile solo quando messo a confronto con altre tragiche situazioni) dire qualcosa di utile sull'argomento, e mi pare che il racconto vada a parare proprio lì, offrendo lo spaccato di una cena familiare di ordinaria banalità. In questo senso, mi pare funzioni. Certo, il punto di vista di Mirko suona come quello meno retorico, ma credo sia lecito immaginare che, come tutti i suoi familiari e Nicola, anche lui sia destinato ad apportare ben poche novità in questo povero mondo. Avrei evitato la prima persona e lo avrei messo alla berlina insieme a tutti gli altri. Dialoghi scorrevoli. Buono.

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 186
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Buonisti, opportunisti, leghisti, male beneinformati, bene maleinformati, politicamente corretti, menefreghisti, nazisti, frasefattisti, illusionisti, colonialisti, fascisti, approfittatori, mafiosi e camorristi, furbastri, santi disinteressati, sinceri altruisti, sensacolpisti, sindacalisti, caporali, imprenditori astuti, onlusisti, complottisti, infiltrati, veri e falsi grandimpegnati, disfattisti, giornalisti e opinionisti, un'intera umanità gira intorno al mondo reale e dolente della disperazione e dei disperati. Il racconto è una summa delle banalità, buone e cattive quanto inutili, che si possono ascoltare fra una buona pastasciutta e un ottimo secondo, in attesa del dolce e del liquorino. Tanto nulla mai cambia. Anzi no, qualcosa ogni tanto cambia. Un nuovo adepto ha visto all'improvviso la luce, affiancandosi nell'omologazione all'agognato mondo degli adulti. Finalmente! Racconto che fa pensare, anche se anche pensare è inutile.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 3 - C'era una volta...

La Gara 3 - C'era una volta...

(febbraio 2009, 35 pagine, 645,23 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Federica, DaFank, Alessandro Napolitano, Yle, Ranz, Carlocelenza.
A cura di Bonnie.
Scarica questo testo in formato PDF (645,23 KB) - scaricato 293 volte.
oppure in formato EPUB (781,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 208 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 47 - Virus

La Gara 47 - Virus

(luglio 2014, 39 pagine, 542,17 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Carlocelenza, Ser Stefano, Angelo Manarola, Nunzio Campanelli, Mastronxo, Anto Pigy, Annamaria Vernuccio, Matteo Bottaro, Maddalena Cafaro, Eliseo Palumbo.
a cura di Patrizia Chini (con la supervisione di Lodovico).
Scarica questo testo in formato PDF (542,17 KB) - scaricato 168 volte.
oppure in formato EPUB (704,54 KB) (vedi anteprima) - scaricato 255 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 33 - Dica 33!

La Gara 33 - Dica 33!

(settembre/ottobre 2012, 55 pagine, 711,52 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, , Ser Stefano, Monica Porta may bee, Nathan, Skyla74, Licetti, Roberta Michelini, Cordelia, Tuarag, Mastronxo, Paride Bastuello, Isabella Galeotti, Angela Di Salvo, Lorella15, Recenso.
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (711,52 KB) - scaricato 149 volte.
oppure in formato EPUB (856,50 KB) (vedi anteprima) - scaricato 223 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Il Bestiario del terzo millennio

Il Bestiario del terzo millennio

raccolta di creature inventate

Direttamente dal medioevo contemporaneo, una raccolta di creature inventate, descritte e narrate da venti autori. Una bestia originale e inedita per ogni lettera dell'alfabeto, per un bestiario del terzo millennio. In questa antologia si scoprono cose bizzarre, cose del tutto nuove che meritano un'attenta e seria lettura.
Ideato e curato da Umberto Pasqui.
illustrazioni di Marco Casadei.

Contiene opere di: Bruno Elpis, Edoardo Greppi, Lucia Manna, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Roberto Paradiso, Luisa Gasbarri, Sandra Ludovici, Yara Źagar, Lodovico Ferrari, Ser Stefano, Nunzio Campanelli, Desirìe Ferrarese, Maria Lipartiti, Francesco Paolo Catanzaro, Federica Ribis, Antonella Pighin, Carlotta Invrea, Patrizia Benetti, Cristina Cornelio, Sonia Piras, Umberto Pasqui.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,15 MB scaricato 303 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
69 Orizzontale

69 Orizzontale

l'Antologia erotica

Oltre 300 pagine di ottimo erotismo sotto forma di racconti, poesie e illustrazioni. Contiene un racconto della scrittrice Valeria Ferracuti e disegni di Furio Bomben. Ogni testo è abbinato a una domanda in formato "settimana enigmistica" che testerà l'attenzione del lettore. La dura selezione alla quale sono stati sottoposti i partecipanti, garantisce al libro una qualità che raramente è stata raggiunta in passato.
A cura di Massimo Baglione, Angela Di Salvo e Alessandro Napolitano;
in collaborazione con Valeria Ferracuti di mysecretdiary.it;
copertina di Roberta Guardascione;
illustrazioni aggiuntive realizzate da Furio Bomben;
strisce enigmistiche di Diego Capani.

Contiene opere di: Allison Bersani, Gabriella Pison, Gianni Giovannone, Serena Rosata, Simone De Andreis Gerini, Thierry59, Grey Delacroix, Giovanni Altieri, Marina Priorini, Antonella Rita Provenzano, Furio Bomben, Alessandra Gaggioli, Marina Casali, Mew Notice, Enrica Restelli, Valter Padovani, Alessandro Moschini, Tullio Aragona, Elena Girotti, Edoardo Baietti, Gilbert Paraschiva, Gianluigi Redaelli, Connie Furnari, Flavia Ippolito, Mariella Scarano, Piergiorgio Annicchiarico, Poly, Alessio Boni, Carmine Rosano, Alberto Tristano, Barbara Bertucci, Armando D'Amaro, Livin Derevel, Stefano Masetti, Alfio Faedi, Giovanni Gentile, Bruno Elpis, Riccardo Carli Ballola, Roberta Eman, Anna Pisani, Ser Stefano, Riccardo Sartori, Giovanna Amoroso, Jen Ricci, Michele Cogni, Paolo Ferruccio Cuniberti, Claudio Gavina, Valeria Ferracuti.
Vedi ANTEPRIMA (298,69 KB scaricato 835 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Time City

Time City

amanti nel tempo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Con questo romanzo scopriremo in che modo un rivoluzionario viaggio nel Tempo darà il via a un innovativo sistema di colonizzare la Luna e, forse, l'intero Universo. Partendo dalla Terra con una macchina del Tempo, è possibile arrivare sulla Luna? In queste pagine vi sarà raccontato del lato "Tempo" di questa domanda. La parte "Luna" (qui solo accennata) verrà sviluppata più corposamente nel seguito di questo libro auto-conclusivo. L'autore ha cercato a lungo qualche riferimento a opere che narrassero di un crononauta che sfrutti il viaggio nel Tempo per raggiungere il nostro satellite naturale, ma non è riuscito a trovarne alcuna. Lo scrittore Giovanni Mongini (autore, tra le varie cose, dello splendido articolo "Viaggio al centro del tempo") lo ha confortato in tal senso, perciò si vuole concedere il lusso di indicare la sua persona come colei che ha inventato per prima questo tipo di viaggio Terra-Tempo-Luna. Concedeteglielo, vi prego, almeno per un po' di… tempo.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,18 MB scaricato 338 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.