Il canale dei dannati

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
2
29%
4 - è bello
5
71%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 7

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Il canale dei dannati

Messaggio da leggere da Andr60 »

Il canale dei dannati


1.
Se c'è una cosa che mai avrei pensato di fare nel corso della mia vita, è lo scrittore. Ho un lavoro fisso, un matrimonio soddisfacente, non ho particolari ambizioni di fama o di successo.
Eppure, ho maturato l'esigenza di raccontare storie, elaborare trame, vivere vite alternative alla mia tranquilla routine quotidiana. Non mi sento, né diventerò mai, un altro Hemingway, e non ne ho neppure l'ambizione. Mi limito a scrivere racconti e qualche romanzo, e a sottoporli all'attenzione dei critici letterari; non sono roso dal sacro fuoco dell'arte, e dalla loro accettazione non dipende se mi sentirò uno scrittore vero o di successo. Sarebbe solo una piccola soddisfazione, e nulla più.
Tuttavia, i puntuali, ripetuti e inesorabili rifiuti delle mie opere e, parallelamente, l'analisi delle opere dei miei concorrenti nelle numerose kermesse letterarie alle quali ho partecipato, mi hanno indotto a pormi delle domande sulla natura del mondo letterario della Pulcheria (una realtà molto piccola, se paragonata a quella ben più grande dei tericani e manglesi). Nella nostra repubblica non ci sono molti lettori, e il pulcheriano non è certo una lingua molto conosciuta nel mondo, rispetto alle altre continentali, insomma scrittori, critici e lettori non si conoscono per nome ma quasi.
Quindi le cose, prima o poi, si vengono a sapere; e io sono venuto a conoscenza di fatti, legati ai critici che mi hanno boicottato per anni, di assoluta gravità, almeno dal punto di vista morale, quando non di rilevanza penale.
Anche se pare che queste cose non interessino a nessuno, a me invece suggeriscono pensieri negativi. Criminali.

2.
Nadia Bigonci era la vera boss del Premio Megera: lo aveva ereditato dal padre, il professor Asdrubale Bigonci, accademico della Semola e docente per quarant'anni all'Università della Somma Cultura. Era stato lui a ideare quel premio, per dare visibilità a giovani scrittori e poeti poco noti ma ugualmente meritevoli. Col passaggio di consegne avvenuto alla sua morte, cinque anni prima, la figlia Nadia invece aveva preferito dare al premio una veste diversa, più consona allo spirito dei tempi, selezionando gli scrittori secondo il genere e le aree di appartenenza socio-culturale, rispettando i dettami del politically correct. Quell'anno il tema era “La violenza di genere” e Nadia aveva selezionato cinque romanzi e due raccolte di poesie di scrittori non ancora affermati ma già molto validi, non a caso cinque donne e due uomini, entrambi gay. Il secondo autore, un giovane efebico autore della raccolta poetica “Il lungo fiume d'argento”, era seduto in quel momento davanti a lei, e le stava declamando l'ode “La spada di fuoco”. Nadia lo guardò incantata, chiedendosi se il giovane avesse per caso anche altri gusti, oltre a quello per i propri coetanei. Lo avrebbe scoperto presto.

3.
Non so perché, ma mia moglie mi ha piantato. E' vero, negli ultimi mesi l'ho trascurata un po', dopo il lavoro in ufficio mi rintanavo nel mio studio e quasi non le rivolgevo la parola. Secondo lei, però, il motivo è un altro: è che, sempre secondo lei, io sarei cambiato, sarei diventato ossessivo e paranoico. Forse nomino troppo spesso i critici letterari incompetenti e i premi barzelletta ma, insomma, lo sanno tutti che la maggior parte sono pilotati per omaggiare gli amici degli amici, andiamo, su. Diceva anche che passo troppo tempo sui social, a caccia di informazioni sui miei nemici; in questo, devo darle ragione. I social sono una miniera inesauribile di pettegolezzi e maldicenze, in mezzo ai quali però ci sono delle rare pepite d'oro. Come quelle che ho trovato sulla Bigonci.
Secondo quella vecchia babbiona, i miei personaggi femminili sarebbero “schematici e poco approfonditi, degni di un adolescente frustrato”. Ebbene, le dimostrerò che, se voglio, posso approfondire molto bene i comportamenti femminili, soprattutto i suoi.

4.
In effetti, Alessio si era rivelato fin troppo versatile, con sua grande soddisfazione. Alla sua età, le occasioni per Nadia erano sempre più rare; single per scelta, aveva scoperto a sue spese di non essere più troppo appetibile, superati i fatidici anta, ma ora, in qualità di coordinatrice del gruppo di critici e lettori che facevano la scrematura per i candidati finali del premio, aveva buon gioco nello scegliere gli scrittori e i poeti idonei, e i veri criteri li poteva decidere lei.
Suonarono alla porta: forse era Alessio che aveva dimenticato qualcosa, sperò per un attimo.
Invece no, era il fattorino di un fioraio, pazienza.
Che splendide rose, chi me le manda? - gli chiese.
C'è un biglietto allegato, signora. – rispose lui, porgendoglielo.
Oh, davvero? Vediamo chi... - non finì la frase, visto che il fattorino le aveva messo sul naso uno straccio imbevuto di cloroformio. Nadia stramazzò a terra.
Il fattorino chiuse la porta dietro di sé; prese in braccio il corpo di Nadia e andò in camera da letto. Guardò dalla finestra che non ci fosse nessuno in strada (l'appartamento era al decimo piano) e buttò il corpo.
Il falso fattorino prese l'ascensore e uscì dalla porta dei garage condominiali, mentre un'auto si fermava davanti all'androne del palazzo. Voci concitate (e qualche urlo) lo convinsero che il cadavere era stato scoperto: la notizia del tragico suicidio della curatrice del Premio Megera avrebbe aperto il tiggì serale.

5.
La Bigonci era la prima della lista, in ordine alfabetico; sì, ho deciso che, essendo dei letterati, bisogna fare le cose per bene. Rispettare l'alfabeto è la prima cosa, la seconda è applicare la legge del contrappasso, visto che la Comedìa di Sante Aldighieri è un monumento della letteratura pulcheriana e i miei “amici” sono tutti loro estimatori.
Nadia, in qualità di peccatrice di lussuria e seduzione, ha subìto il trasporto in aria dalla bufera; in mancanza di vera tempesta di aria calda, ho ovviato con un volo dal decimo piano. Bisogna sapersi accontentare.
Un altro campione della letteratura nazionale, ben presente anche in molte trasmissioni televisive come tuttologo e polemista, è Vincenzo Trassi.
Vincenzino è stato molto carino (perdonatemi la rima) con me, in occasione del concorso “Una penna per Salano”; il romanzo che ho inviato, che raccontava di morti sul lavoro in un cantiere della città, è stato rifiutato per “l'eccessivo realismo sconfinante nel grand-guignol, in modo immotivato”, In compenso, il romanzo risultato vincitore (con ben 5000 Soldi) era di uno scrittore molto ben inserito nell'ambiente, e parlava di violenza domestica. Del tutto casualmente (o forse no), Trassi è ospite fisso della trasmissione Mariti Crudeli e nel corso della suddetta ha presentato il romanzo, che da allora è balzato in testa alle classifiche dei best seller.
Vincenzino è un perfetto esempio di seminatore di discordia, e come tale lo tratterò.

6.
Era stata una serata faticosa; Trassi, da intellettuale militante, era impegnato da tempo nel sostenere sia la nobile causa delle donne maltrattate in ambito familiare, sia nel parlare della differenza negli stipendi tra uomini e donne. Nel corso del programma di quella sera, “Lavoro, Mercato e Opportunità”, aveva avuto un diverbio piuttosto acceso con un economista il quale sosteneva la tesi assurda che la disparità salariale non esisteva ma era frutto di calcoli sbagliati e tendenziosi, figurarsi! Era come sostenere che la Terra fosse piatta, ma per favore...
Comunque si era davvero arrabbiato, e Trassi lo aveva distrutto in diretta, quel falsario. Ora però si sentiva davvero stanco, svuotato di ogni energia. Premette il pulsante dell'antifurto della propria auto e stava per aprire la portiera, quando apparve un'ombra dal nulla: - Chi è lei, cosa vuole? – chiese, bruscamente.
Nulla, signor Trassi, – rispose l'uomo, tranquillamente, – vorrei solo darle ciò che merita. – così dicendo lo narcotizzò col cloroformio e lo mise nel bagagliaio. Poi salì al posto di guida e accese il motore.

I poliziotti, avvertiti dalla segretaria di produzione del programma tv che aveva cercato inutilmente da ore di contattare Trassi, si trovarono di fronte uno spettacolo agghiacciante: nel garage della sua villa, egli era appeso con le mani incatenate a una parete. Era nudo, e probabilmente era morto dissanguato a causa di profonde coltellate che gli avevano squarciato il petto e il ventre, ma senza ledere gli organi vitali in modo irreparabile. Doveva avere sofferto parecchio.

7.
Le conventicole segrete e la Mattoneria sono realtà acclarate della Pulcheria (e di tante altre nazioni, sia continentali che no); di solito è in casi come premi, concorsi, assegnazioni di incarichi e/o di appalti che i frammattoni possono esplicare tutta la loro magnificenza nei campi della corruzione, della concussione o della semplice disonestà; Calogero Quagliarulo ne è un campione incontrastato, tenuto conto che è “chiacchierato” da tempo, denunciato da più parti ma sempre assolto con formula piena. Ebbi a che fare con lui l'anno scorso, quando gli diedi da valutare il mio romanzo “Un uomo tranquillo”, che parlava della ribellione di un piccolo borghese ai soprusi della burocrazia e delle banche. Quagliarulo lo stroncò, dicendo che “una simile accozzaglia di luoghi comuni non l'avrebbe scritta nemmeno un bambino ritardato”. Immaginarsi la mia sorpresa (e il mio sconcerto) quando un mese fa il tipo si presenta in tv in uno dei soliti programmi-marketta e propone la propria opera, che ha casualmente lo stesso titolo e lo stesso argomento del mio romanzo!
Naturalmente sono corso a comprarlo: Quagliarulo è stato molto scaltro, ha cambiato tutti i nomi dei personaggi e le ambientazioni, ma non c'è il minimo dubbio che la mia storia sia stata bellamente copiata. Ho interpellato un avvocato, il quale mi dice: ”Non c'è niente da fare, il plagio è difficile da provare e poi, se lui vuole, può trascinare la causa per decenni e tu non vedrai mai un soldo”.
Così non posso fare altro; la mia unica indecisione è in quale girone metterlo: i frodatori o i barattieri?

8.
Quagliarulo aveva un appartamento in centro, ma aveva anche ristrutturato la vecchia casa dei suoi genitori ormai deceduti. Spesso, per fuggire dal caos cittadino e trovare l'ispirazione lontano dalla numerosa famiglia (moglie petulante e tre figli adolescenti), non vedeva l'ora di salire in auto e fare settanta chilometri di una strada tutta curve, pur di trovare un po' di pace.
Così aveva fatto anche quel venerdì sera; imboccò la via laterale che portava alla sua vecchia casa, ma inaspettatamente la trovò bloccata da un furgoncino bianco. La strada era troppo stretta per superarlo, quindi attese qualche secondo; scese spazientito dall'auto: - Ehi, c'è qualcuno qui?
Si avvicinò al posto di guida del furgone, ma era vuoto; sconcertato, si diresse al portellone posteriore quando questo si spalancò improvvisamente, e un tizio mascherato gli mise uno straccio imbevuto di cloroformio sul naso. Quagliarulo perse conoscenza immediatamente.

Anche stavolta, i poliziotti si trovarono di fronte un gran brutto spettacolo: in un bidone di plastica riempito a metà (di pece, a quanto pareva) era stato messo un uomo, a testa in giù. Avrebbero dovuto lavorare, per pulire la sua faccia e permetterne il riconoscimento ai parenti, anche se non c'erano molti dubbi sulla sua identità. La moglie di Quagliarulo, arrivata il giorno dopo sul posto, non aveva avuto il coraggio, e nemmeno la forza, di togliere il corpo dal bidone che troneggiava nel cortile di casa.

9.
Il commissario Fedeli, incaricato del caso dell'omicidio di Quagliarulo, stava soppesando tutti gli elementi, cercando di metterli in relazione con le altre morti misteriose degli ultimi mesi: l'assassinio efferato di Trassi e il presunto suicidio della Bigonci. Tutti personaggi di spicco, in qualche modo legati al mondo della letteratura e della critica, con rapporti con l'editoria e i premi che servono da lancio di autori sconosciuti.
Fedeli aveva la sensazione che i tre casi fossero legati: fece una lista dei partecipanti ai tornei letterari (un elenco lunghissimo) e lo mise in relazione con i tre, grazie a un programma informatico che (finalmente!) era a disposizione della polizia pulcheriana.
Vennero fuori ventotto nominativi di persone che potevano avercela con almeno uno dei tre; Fedeli mise sotto torchio i suoi collaboratori, visto che i media già parlavano di un serial killer dei letterati e il questore di Salano aveva cominciato a dare segni di nervosismo, tempestandolo di telefonate.
Giunti al ventunesimo nome, suonò un piccolo campanello d'allarme: un certo Fausto Novelli aveva ricevuto critiche negative sia dalla Bigonci che da Trassi. Interrogato, non risultava avere alibi convincenti per i giorni della loro morte, e il suo cellulare risultava spento; molto strano, pensò Fedeli, che iniziò a indagare a fondo su di lui, interrogandolo più volte.
Nonostante gli sforzi, non trovò nulla di significativo, rimanendo però dell'opinione che Novelli nascondesse qualcosa.
Poi, un venerdì mattina di novembre, Fedeli entrò in banca per parlare con un impiegato col quale aveva un appuntamento: doveva rinegoziare il mutuo, il tasso variabile lo stava strangolando.
Poco dopo entrò un tizio mascherato che tirò fuori dal cappotto un AK47, intimando a tutti la frase classica: - Questa è una rapina!
Fedeli lo guardò con compatimento (ormai le rapine vere si fanno on line, brutto idiota! E non sempre i veri malfattori stanno al di qua del vetro divisorio...) e cercò di farlo ragionare, senza tirare fuori a sua volta l'arma.
Per tutta risposta, quello gli scaricò addosso una raffica di mitra e poi scappò; venne catturato il giorno dopo.
Comunque la morte di Fedeli sancì la fine delle indagini su Novelli, che tirò un sospiro di sollievo.

10.
Alla fine, ho deciso per i barattieri, visto che è (anzi no, era) la colpa principale di Calogero, ben noto per fare compravendita di titoli e premi, dall'alto delle sue numerose cariche.
Specialmente quest'ultimo omicidio ha fatto sensazione: qualcuno comincia a parlare di un serial killer dei critici letterari, che esagerazione!
In ogni caso, è meglio non sfidare il Fato: la polizia era sulle mie tracce ma mi è andata bene. Vorrà dire che ritornerò a fare il cittadino modello, umiliato & offeso.
Tra l'altro, del tutto inaspettatamente, ho ricevuto un'offerta di lavoro: un dirigente di produzione di Canale55 ha letto alcuni miei lavori e gli sono piaciuti. Forse, dopotutto, non sono ancora uno scrittore fallito. E se questo vuol dire lavorare per la tv di Tarasconi (che ho sempre detestato), pazienza.

11.
Mia moglie è tornata a casa. Ho il sospetto che questo fatto sia in correlazione con il miglioramento della mia situazione economica (ho un contratto annuale, rinnovabile, di centomila soldi; prima, da impiegato in un ufficio, ne percepivo la metà), anche se lei mi ha detto che non è così, che ora sono molto più sicuro di me e meno lamentoso, e bla, bla, bla.
Quando le ho dato il pass (riservatissimo) per l'accesso agli studi di Canale55 per assistere sia alle prove che alle prime serate delle trasmissioni che (lei) segue con assiduità, i suoi occhi si sono messi a brillare e mi ha detto una cosa che non mi diceva più da anni: - Ti amo, caro.
E' stato allora che ho capito la verità.
Il mio nuovo lavoro è ben pagato, ma non mi dà grandi soddisfazioni intellettuali, solo quelle economiche; faccio il ghost writer per i reality simbolo della rete, come “Una voce per voi” e “Il mio migliore amico”. In breve, scrivo le sceneggiature dei falsi battibecchi tra Samantha e Hannah per rubare il cuore di Uilliam, il quale è invece innamorato di Deborah che però è impegnata con Gionny. Insomma, con le mie parole gli adolescenti della Pulcheria impareranno ad avere come modelli ideali questi giovinastri, che non sarebbero capaci nemmeno di avvitare una lampadina senza un aiuto.
Se la televisione fosse un animale, questi programmi sarebbero la sua cacca: un lungo, immenso fiume di sterco che io contribuisco a creare.
Questa è la mia legge del contrappasso: sposato con una donna che sta con me solo per interesse, come gli adulatori e i lusingatori dell'inferno passerò la vita nel letame. È il prezzo della libertà.

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 166
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Andr.
Parto dalle cose che non vanno: dovresti lavorare sui tempi verbali, o tutto al presente o tutto al passato.
Quanto al contenuto, si tratta a mio avviso di un'invettiva camuffata da racconto e come tale andrebbe considerata. Il protagonista scopre a sue spese che il mondo dell'editoria è marcio, che non c'è nulla di vero e che tale finzione è subordinata agli interessi di pochi. E che per farsi avanti non conta quello che si dice, né come, ma la disponibilità a vendere se stessi, a ridursi a nient'altro che un oggetto, una merce messa all'asta e senza incanto. Consapevole della propria alienazione lo scrittore depone il linguaggio scritto, rinuncia a essere ciò che è (o che forse non è mai stato), a scrivere e a parlare, e uccide. Uccide coloro che ritiene siano i soggetti colpevoli di quella sua condizione. L'omicidio non come vendetta ma come soluzione.
Ma anche la soluzione è un inganno, perché lo scrittore, la vittima, non è migliore dei suoi carnefici. La corruzione è già dilagata dentro di lui e gli basterà un'occasione perché avvenga un totale capovolgimento: e la trasposizione da vittima a carnefice.
L'ho trovata un'azzeccata metafora della moderna condizione umana.
A rileggerti

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 247
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Non conosco bene il mondo dell’editoria e non ho mai “subito” angherie di questo tipo, posso però comprendere i sentimenti negativi che si creano attorno ad un rifiuto, alle ingiustizie e alle prevaricazioni, avendole vissute in altri contesti. Forse per questa comprensione il racconto mi ha inquietato un po’... il pensare a cosa arriva a fare una persona in determinate situazioni. Per poi arrivare ad una condizione anche peggiore, pur anche nella consapevolezza di cadere in un buio sempre più profondo. Scritto bene, un buon racconto secondo me, voto 4

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Ho trovato il racconto molto divertente, nonostante i numerosi omicidi. Il tutto è condito con una feroce ironia che pone l'accento in quello che, non è difficile da immaginare, succede nel mondo dell'editoria. Il tema trattato, anche con la parte noir (che è la più divertente, secondo me) è originale. La stesura del testo direi che è perfetta (non ho trovato refusi). I nomi scelti sono simpaticissimi; dal "Premio Megera" "Tarasconi" "Canale 55" che quindi ci sarebbe da dire, ridendo, 'ogni riferimento è puramente casuale...' E per finire la rassegnazione all'adeguamento del "così fan tutti", per non soccombere. Concludo dicendo Ok, il pezzo è giusto! Bravo.

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Ciao, Namio. Ho usato i tempi al presente per il racconto in soggettiva, e i tempi al passato per quello in terza persona, tanto per dare dinamicità al racconto (non so se ci sono riuscito). Il racconto non è autobiografico (non ho simili pretese, non parteciperò mai al Premio Str..., cioè Megera, per dire), ma non è un mistero che nel mondo dell'editoria, come in altri, domini la corruzione. Hai colto perfettamente il nocciolo della questione, come sempre. Inoltre ho voluto fare un omaggio al giorno dedicato al sommo poeta, con gli omicidi ispirati alla Divina Commedia.
A presto
Namio Intile ha scritto:
27/03/2020, 12:02
Ciao, Andr.
Parto dalle cose che non vanno: dovresti lavorare sui tempi verbali, o tutto al presente o tutto al passato.
Quanto al contenuto, si tratta a mio avviso di un'invettiva camuffata da racconto e come tale andrebbe considerata. Il protagonista scopre a sue spese che il mondo dell'editoria è marcio, che non c'è nulla di vero e che tale finzione è subordinata agli interessi di pochi. E che per farsi avanti non conta quello che si dice, né come, ma la disponibilità a vendere se stessi, a ridursi a nient'altro che un oggetto, una merce messa all'asta e senza incanto. Consapevole della propria alienazione lo scrittore depone il linguaggio scritto, rinuncia a essere ciò che è (o che forse non è mai stato), a scrivere e a parlare, e uccide. Uccide coloro che ritiene siano i soggetti colpevoli di quella sua condizione. L'omicidio non come vendetta ma come soluzione.
Ma anche la soluzione è un inganno, perché lo scrittore, la vittima, non è migliore dei suoi carnefici. La corruzione è già dilagata dentro di lui e gli basterà un'occasione perché avvenga un totale capovolgimento: e la trasposizione da vittima a carnefice.
L'ho trovata un'azzeccata metafora della moderna condizione umana.
A rileggerti

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Selene Barblan ha scritto:
27/03/2020, 14:07
Non conosco bene il mondo dell’editoria e non ho mai “subito” angherie di questo tipo, posso però comprendere i sentimenti negativi che si creano attorno ad un rifiuto, alle ingiustizie e alle prevaricazioni, avendole vissute in altri contesti. Forse per questa comprensione il racconto mi ha inquietato un po’... il pensare a cosa arriva a fare una persona in determinate situazioni. Per poi arrivare ad una condizione anche peggiore, pur anche nella consapevolezza di cadere in un buio sempre più profondo. Scritto bene, un buon racconto secondo me, voto 4
Ovviamente ho esagerato, se tutti gli scrittori rifiutati reagissero così, ci sarebbe una strage...
Però mi sono divertito a scriverlo. Grazie del commento

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Selene Barblan ha scritto:
27/03/2020, 14:07
Non conosco bene il mondo dell’editoria e non ho mai “subito” angherie di questo tipo, posso però comprendere i sentimenti negativi che si creano attorno ad un rifiuto, alle ingiustizie e alle prevaricazioni, avendole vissute in altri contesti. Forse per questa comprensione il racconto mi ha inquietato un po’... il pensare a cosa arriva a fare una persona in determinate situazioni. Per poi arrivare ad una condizione anche peggiore, pur anche nella consapevolezza di cadere in un buio sempre più profondo. Scritto bene, un buon racconto secondo me, voto 4
Ovviamente ho esagerato, se tutti gli scrittori rifiutati reagissero così, ci sarebbe una strage...
Però mi sono divertito a scriverlo. Grazie del commento

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Laura Traverso ha scritto:
27/03/2020, 16:49
Ho trovato il racconto molto divertente, nonostante i numerosi omicidi. Il tutto è condito con una feroce ironia che pone l'accento in quello che, non è difficile da immaginare, succede nel mondo dell'editoria. Il tema trattato, anche con la parte noir (che è la più divertente, secondo me) è originale. La stesura del testo direi che è perfetta (non ho trovato refusi). I nomi scelti sono simpaticissimi; dal "Premio Megera" "Tarasconi" "Canale 55" che quindi ci sarebbe da dire, ridendo, 'ogni riferimento è puramente casuale...' E per finire la rassegnazione all'adeguamento del "così fan tutti", per non soccombere. Concludo dicendo Ok, il pezzo è giusto! Bravo.
Ti ringrazio del commento: come ho detto più sopra, mi sono divertito parecchio a scrivere degli omicidi di critici di grande cultura ma con difetti umani, troppo umani. E il protagonista, a quale pena potrebbe essere condannato, per i suoi crimini? Nemmeno il genio di Dante avrebbe escogitato una pena così terribile: la prima serata su Canale 55...

Roberto Ballardini
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

E chi vuole più fare lo scrittore, ora? Le riflessioni amare che stanno alla base di questo bel racconto penso che le abbiano fatte in molti tra coloro che anche soltanto temporaneamente hanno vagheggiato di poter cambiare la propria vita ordinaria, e immaginato che la passione artistica potesse diventare il proprio principale mezzo di sussistenza. Ovviamente facendo acquisire ciò a cui qualsiasi essere umano credo aneli, e cioè attenzione e rispetto. Personalmente ritengo il tuo punto di vista ben motivato e più che legittimo. Magari non è sempre una questione di denaro, ma certo lo è di potere, anche quando si tratta di un potere piccolo piccolo e patetico come potrebbe essere quello di un giudice di gara o di uno scrittore con uno straccio di mercato. Sono riflessioni, credo, che rischiano di compromettere il piacere autentico dell'espressione e della creazione artistica.
Il protagonista sembra confermarlo e la sua delusione va ben oltre i confini del mondo letterario, estendendosi come un virus (mannaggia, mi ero ripromesso di cancellare il vocabolo dal mio dizionario) a tutto il contesto sociale in cui vive, finanche alle relazioni personali e familiari.
Un mondo senza speranza, dunque, come spesso traspare dai tuoi scritti e come purtroppo è legittimo pensare. Bravo Andr, come sempre.

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Roberto Ballardini ha scritto:
28/03/2020, 9:48
E chi vuole più fare lo scrittore, ora? Le riflessioni amare che stanno alla base di questo bel racconto penso che le abbiano fatte in molti tra coloro che anche soltanto temporaneamente hanno vagheggiato di poter cambiare la propria vita ordinaria, e immaginato che la passione artistica potesse diventare il proprio principale mezzo di sussistenza. Ovviamente facendo acquisire ciò a cui qualsiasi essere umano credo aneli, e cioè attenzione e rispetto. Personalmente ritengo il tuo punto di vista ben motivato e più che legittimo. Magari non è sempre una questione di denaro, ma certo lo è di potere, anche quando si tratta di un potere piccolo piccolo e patetico come potrebbe essere quello di un giudice di gara o di uno scrittore con uno straccio di mercato. Sono riflessioni, credo, che rischiano di compromettere il piacere autentico dell'espressione e della creazione artistica.
Il protagonista sembra confermarlo e la sua delusione va ben oltre i confini del mondo letterario, estendendosi come un virus (mannaggia, mi ero ripromesso di cancellare il vocabolo dal mio dizionario) a tutto il contesto sociale in cui vive, finanche alle relazioni personali e familiari.
Un mondo senza speranza, dunque, come spesso traspare dai tuoi scritti e come purtroppo è legittimo pensare. Bravo Andr, come sempre.
Ti ringrazio del commento e della stima, ricambiata. Come è stato detto in altra sede, lo scopo di scrivere può essere quello di esprimere le proprie emozioni, ma anche quello di descrivere ciò che detestiamo, nel mondo o nelle persone. Pensando al cinema, preferisco Ken Loach a Bergman o Antonioni. E secondo me, in un mondo che ormai ha privilegiato la dimensione economica, a scapito di tutto il resto, rimane l'unico modo per resistere.

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Andr60 ha scritto:
27/03/2020, 19:46
Ti ringrazio del commento: come ho detto più sopra, mi sono divertito parecchio a scrivere degli omicidi di critici di grande cultura ma con difetti umani, troppo umani. E il protagonista, a quale pena potrebbe essere condannato, per i suoi crimini? Nemmeno il genio di Dante avrebbe escogitato una pena così terribile: la prima serata su Canale 55...
Vero! Nessun girone infernale potrebbe essere peggio di "Canale 55" :lol: :lol: :lol: :lol:

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (288,78 KB scaricato 149 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 206 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

(soprattutto a letto)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Marika è una giovane ragazza. Non ha avuto alcuna esperienza sessuale e sta per sposarsi. Essendo molto intelligente, si accorge presto di essere una bella donna e sente di non poter rinchiudersi per tutta la vita in un contesto matrimoniale forzato e prematuro. Conosce un uomo, il quale la porta per gradi a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sul sesso. è un uomo speciale, totalmente diverso dal suo fidanzato e ne nasce una relazione molto particolare. Molto di quello che Marika impara può non corrispondere a quello che le donne desiderano, ma sono certa che, segretamente, prima o poi ci avranno pensato. è un racconto erotico, scritto però senza parole scurrili od offensive.

Copertina di Roberta Guardascione
di Mary J. Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (252,71 KB scaricato 176 volte) -
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 12 - Dopo mezzanotte

La Gara 12 - Dopo mezzanotte

(marzo 2010, 38 pagine, 588,25 KB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Carlocelenza, CMT, Dafank, Dino, Gigliola, Manuela, Marcello, Michele, Sphinx, Stefy71, VecchiaZiaPatty,
A cura di GiuseppeN.
Scarica questo testo in formato PDF (588,25 KB) - scaricato 441 volte.
oppure in formato EPUB (374,34 KB) (vedi anteprima) - scaricato 225 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 19 - Un incipit da Re

La Gara 19 - Un incipit da Re

(febbraio 2011, 70 pagine, 821,30 KB)

Autori partecipanti: Skyla74, Exlex, Ser Stefano, Arianna, Emma Saponaro, Arditoeufemismo, GTrocc, Manuela, Carlocelenza, Pia, Hellies15, Bludoor, Mastronxo, Roberto Guarnieri, Yle, Tania Maffei, Angela Di Salvo, Lucia Manna, Michele, StillederNacht, Vit,
A cura di Miriam Mastrovito.
Scarica questo testo in formato PDF (821,30 KB) - scaricato 488 volte.
oppure in formato EPUB (496,96 KB) (vedi anteprima) - scaricato 216 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 51 - 50 sfumature

La Gara 51 - 50 sfumature

(marzo/aprile 2015, 25 pagine, 1,83 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Patrizia Chini, Giorgio Leone, Viridis, Mastronxo, Shananm,
a cura di ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,83 MB) - scaricato 109 volte.
oppure in formato EPUB (295,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 154 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.