Tre Capitani

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
2
12%
4 - è bello
8
47%
5 - mi piace tantissimo
7
41%
 
Voti totali: 17

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Tre Capitani

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Non avevo neanche dodici anni quando iniziai ad andare in barca a vela, sopra un vecchio e sgangherato Flying Junior che tenevo a galla a furia di viti passanti e colla epossidica.
Partecipare alle regate invece diventò un mio pallino ai tempi dell’università.
Avevo iniziato a regatare con barche di amici o conoscenti, o neanche quello: all’inizio come zavorra umana, poi come tailer, infine come prodiere.
In quegli anni non riuscii mai a conquistare il timone, ruolo riservato all’armatore o allo skipper; così, come ogni cosa a lungo negata, il timone, il comando, divenne l’oggetto dei miei desideri.
E per assecondare quella che, lo capii molto tempo dopo, era solo un’illusione ottica, con molti sacrifici, appena iniziai a lavorare coi primi soldi comperai uno scafo di otto metri adatto a regatare. Uno scafo piccolo e leggero ma veloce grazie al quale potei iscrivermi ai campionati invernali.
E com’era giusto, ogni volta timonavo io, l’armatore.
La febbre della competizione mi prese di brutto, e da febbraio a maggio, ogni due domeniche, novello Cino Ricci, la mia testa vagava tra tattiche di partenza e tecniche di strambata con mare formato. Per tre anni di seguito non andai mai oltre un misero sesto posto, sui dieci dodici della mia classe. E maturai la convinzione che con un equipaggio di compagnoni, qual era il mio, era assicurato il divertimento, ma non la vittoria.
Io volevo vincere, per dimostrare agli altri di essere il migliore; ma l’esperienza di quegli anni mi aveva mostrato che, se volevo guadagnarmi la settimana tutto compreso alla Martinica messa in palio dal club nautico che organizzava le regate, quell’inverno dovevo scendere in acqua con un equipaggio vincente.
Insomma, se volevo anche una sola chance di vittoria, dovevo convincere i migliori a salire sulla mia barca.
E per uno strano scherzo del destino, i migliori mi contattarono loro quell’inverno.

Ernesto detto Bic, un valido prodiere che aveva regatato con Falck in Atlantico, e Selino detto Kant, un ex tailer del Kauris di Tronchetti Provera.
Sorvolai sulle ragioni della loro diserzione di barche ben più importanti della mia e mi crogiolai, con largo anticipo, in rettilinei sogni di gloria, considerandomi in una botte di ferro, orgoglioso di essere stato oggetto dell’attenzione e della scelta dei migliori.
«Noi siamo i migliori» mi vantai la sera prima della partenza, alla consueta riunione organizzata dal club nautico che ufficializzava l’apertura del Campionato d’Inverno.
Erano presenti tutti gli skipper e gli armatori delle barche iscritte.
«Non avete speranze, con Ernesto e Selino la mia vittoria quest’anno è assicurata.»
E notai in quell’istante che finalmente, da tutti quelli che fino a quel momento mi avevano guardato dall’alto in basso, ero diventato io oggetto di ammirazione.
Arrivò la tanto attesa giornata di avvio del campionato, il classico bastone: un lato lungo di bolina e uno di ritorno al lasco.
Salpai in netto anticipo, lasciandomi la Cala alle spalle, con il mio equipaggio dei migliori e un volontario senza arte né parte a fare da zavorra umana; un certo Nanni, conosciuto giorni prima. Spirava quella mattina un vento sostenuto di maestrale, ben teso, sui venti nodi, con un mare vivo e frangente che rendeva ogni manovra più pepata. Partenza fissata a trecento gradi di bussola.
Col mio nuovo equipaggio avevamo fatto solo una prova generale la domenica precedente, e tutto aveva funzionato come l’ingranaggio di un orologio: tanto mi bastava. I miei migliori, benché non di primo pelo, sapevano dove mettere le mani senza che avessi bisogno di dare indicazioni… il sogno di ogni skipper.
Solo un piccolo particolare, quel giorno, mi lasciò interdetto: sia Bic che Kant avevano l’antipatica tendenza a mettere in discussione i miei ordini e le mie tattiche di partenza, nonché a battibeccare tra di loro per un nonnulla.
Poco male, pensai, meglio una ciurma al calor bianco, competitiva e bramosa di vittoria e con spirito d’arrembaggio, che una banda di smidollati rinunciatari interessati solo a passare una domenica in mare in allegra compagnia, magari tracannando vino e straparlando di donne.
Al via del campionato invernale non eravamo tanti.
I più forse scoraggiati dal gelido mese di gennaio che era da poco scivolato via o forse perché, mi crogiolai io, con il mio equipaggio le chances di vittoria erano tutte mie ancor prima di cominciare.
A ogni modo, tutte le barche e gli equipaggi che contavano in città erano sulla lay line.
Giungemmo sul campo di regata un’ora prima della partenza e iniziammo a far manovre: prove di partenza in bolina, virate strette, prove di velocità di cazzatura delle scotte coi verricelli, e infine strambate.
Poi arrivò il segnale dei dieci minuti: Kant si fece subito insofferente, criticando la mia scelta di virare sottovento alla Perseus.
Il dubbio mi assalì e pensai che avesse ragione, dopotutto lui era uno dei migliori, e l’assecondai; ma, facendolo, divenni inquieto.
Al segnale dei cinque minuti anche Bic si innervosì, dritto sulla prua a prender spruzzi e vento e a segnalarmi la distanza dal nemico che chiedeva acqua e ci tallonava sopravvento a pochi metri dalla nostra poppa.
Ai sessanta secondi ero diretto alla lay line di partenza in perfetto tempo, né troppo avanti né troppo indietro, primo con merito. Orzai ancora, strinsi la prua al vento più che potei e guadagnai acqua preziosa; l’imbarcazione procedeva sbandata di sessanta gradi, il vento mi sferzava il viso bagnandolo coi suoi gelidi spruzzi salati.
Quando suonò la tromba del via oltrepassai la linea di partenza per primo.
Mi sentii il re di Sicilia, l’imperatore del Mediterraneo; ma l’incanto me lo spezzò subito Bic.
«Potevi ottenere più vantaggio, pezzo di salame.»
Resistetti alla tentazione di mandarlo a quel paese sforzandomi di metabolizzare l’ingiuria.
Voglio vincere, dissi a me stesso, e mi feci forza.
Meglio competitivi che smidollati, fu il pensiero che cancellò gli altri.
Ma, per non sapere né leggere né scrivere, rimandai al mittente l’affettuoso epiteto, tanto per ricordare a tutti chi era il comandante.
Anche Kant ci mise tutta la sua perizia per guadagnare acqua. Iniziò a regolare la balumina del genoa, poi ripeteva l'operazione con la randa: alleggeriva di un soffio il caricabasso del boma e mi dava indicazioni continue su come stringere meglio il vento e su come affrontare i frangenti che avevano iniziato a formarsi. Ma la maggior parte di quei consigli non riuscivo a metterli in pratica, non riuscivo a stare al suo passo, e cominciai a sentirmi inadeguato.
«Faccio come so… come posso» mi difesi ad alta voce, quasi scusandomi.
La situazione alle nostre spalle si fece presto tesa: la Perseus e Onda Anomala guadagnarono un paio di lunghezze alle nostre spalle. Bic e Kant mi urlarono i loro contrapposti, contraddittori ordini.
Non passarono dieci minuti che ne ebbi abbastanza e li apostrofai con un sonoro: «Sono io che comando, bbuttana ladra! Ci state scassando la minchia!»
«Marinaio d’acqua dolce!» fece Bic senza neanche concedermi l’onore di uno sguardo.
«Comandante della domenica» lo seguì l’altro a ruota.
«Caaazzo» urlai pieno di livore.
Se voglio vincere mi devo trattenere, pensai, non li posso buttare a mare quei due pezzi di merda.
Con i miei vecchi compagnoni di solito funzionava così: perdevo la calma insultando madri, padri, zie e sorelle e la mia incazzatura li ammansiva di botto. Mi guardavano spersi, con la coda tra le gambe, e stavano zitti.
Con Bic e con Kant mi rendevo conto che la mia incazzatura progrediva di pari passo alla loro.
Dopo qualche virata a dritta e a sinistra e poi a dritta ancora riuscimmo a mantenere la prima posizione, seppur di sola mezza lunghezza.
Non soddisfatti dello scarso vantaggio sia Kant che Bic presero a ricordarmi e a far pesare la loro secolare esperienza con i migliori del pianeta in acque ben più tempestose di quelle in cui ci trovavamo.
Raccolsi le mie forze.
L’importante è vincere, volere è potere, m’imposi.
L’importante è vincere, non partecipare, mi raccontai.
Solo chi vince viene ricordato.
E mi convinsi che loro avevano ragione e che tutto andava bene per il sol fatto d’esser stato in testa per l’intero lato di bolina.
Ci preparammo al redde rationem, ossia, alla strambata: il momento in cui i migliori dimostrano al mondo di essere tali.
Qui si varrà la nostra nobilitate, pensai, confortato dall’innegabile valore aggiunto dei miei migliori e dal, seppure lieve, vantaggio sulle altre imbarcazioni.
Bic iniziò a preparare le scotte dello spi e a posizionare il boma a prua, ma questa volta fu Kant a scontrarsi con lui.
«Vanno tutte fuori!» gli urlò contro il filosofo di Königsberg, con una fermezza, con una ferocia, una forza degna della più impegnativa Coppa America.
«’Arrusu (che poi sta per frocio)… testa di minchia! Le scotte dello spi le devi mettere tutte dentro» lo apostrofò inviperito Bic.
E poi, in un inatteso e insensato crescendo, volarono insulti a Falck da una parte e a Tronchetti Provera dall’altra e poi alle rispettive madri e mogli, figlie e sorelle, amiche e amanti, più le ultime che le prime.
Mi deconcentrai, cercai di portare la pace. Mi sentii come l’ONU in un qualche paese del terzo mondo, una cosa inutile, perché loro bramavano una sola cosa: lo scontro, la competizione, la violenza, la guerra.
Il maestrale rinforzò ancora, Perseus e Onda Anomala mi sfilarono d’un soffio alla boa, strambando per primi e passando in vantaggio.
Per fortuna, spaventati dai frangenti sempre più alti e dal vento crescente evitarono d’issare lo spinnaker e proseguirono al lasco col solo genoa.
Mi era già capitato altre volte, perciò decisi di imitarli e impartii l’ordine: «Non alziamo lo spi, ce la vediamo col solo genoa!»
«Ca puru tu ti scanti?» Mi riprese, dandomi del fifone, il barone di Clichy. «Ormai li teniamo per le palle a quei cacasotto! In Atlantico abbiamo fatto ‘na simanata di aliseo a quaranta nodi con lo spi sempre a riva. Am’a vinciri!» mi incitò.
Mi spronò come si fa con un cavallo pauroso e al tempo stesso lisciò le mie corde più sensibili.
Mutatis mutandis questa volta decisi di non abboccare. «Continuiamo col genoa» ordinai.
Ma Bic se ne infischiò dei miei dubbi e del mio ordine, scese sottocoperta e fissò il moschettone della drizza alla penna dello spi e ordinò lui a Kant di drizzare.
«Nooo» urlai terrorizzato.
Ma Kant, catafottendosene anche lui fece salire la drizza a riva.
La grande vela simmetrica andò su in un istante, gonfiata dal vento che la sollevò senza fatica.
Superammo di slancio la Perseus e Onda Anomala, le distanziammo di parecchie lunghezze e ci avvicinammo, largamente primi, al traguardo.
Mi fece male ammetterlo, ma Bic e Kant erano stati bravissimi, un passo avanti agli altri.
I miei migliori hanno funzionato, pensai contento.
E sorrisi di felicità per essere stato disobbedito, per essermi sbagliato, perché la volontà di potenza aveva dimostrato di poter dominare l’Universo intero.

Il maestrale rinforzò ancora, e per bilanciare la spinta ci appollaiammo tutti e quattro sul cassero di poppa a far da contrappeso alla prua che si abbassava sotto il pelo del mare, trascinata dalla vela simmetrica gonfiata dal vento, impotenti e sferzati dai gelidi flutti del mare.
Nanni, la zavorra umana, s’era preso di paura e stava quasi completamente fuori bordo a far da contrappeso, come un acrobata sul trampolino, con gli occhi sbarrati e la grinta dei denti serrati, la bocca storta in uno strano ghigno.
Ritenendo di avere la vittoria in pugno e di avere rischiato abbastanza mi rivolsi a Bic: «Adesso ammaina! Abbiamo abbastanza vantaggio. Inutile rischiare di straorzare.»
L’ordine non produsse alcun effetto né su Bic né su Kant, se non per uno sguardo astioso e insofferente che mi lanciarono l’uno insieme all’altro.
Ripetei l’ordine questa volta gridando: «Ammaina, figghiu ‘i sucaminchia! Asinnò t’jettu a mmàri.»
Non l’avessi mai fatto. Bic stracanciò.
«Figghiu ‘ì sucaminchia a ccui? Cacàtu ri scantu!» disse gesticolando la mano destra. «Sono io che ti sto facendo vincere!» ringhiò, scuro in viso, assecondato e assistito da Kant.
Il quale, lanciandomi un’occhiata di disprezzo, aggiunse per sovraccarico: «Non si supera la linea del traguardo con le vele ammainate, ‘arrusu.»
«Obbedisci, sennò t’ammazzo» urlai, e afferrai la sua cerata all’altezza del collo strattonandolo ripetutamente, con l’adrenalina a mille che mi gonfiava i muscoli e il cuore che pompava sangue all’impazzata.
«Accussì mi scassate ‘a varca!»
Fu un attimo. Bic mi diede uno spintone tentando di strapparmi il timone dalle mani, aiutato dal fido compare Kant.
«Ammutinamento! Tornate ai vostri posti!»
«Statti muto, se ci tieni alla tua barca» minacciò Bic, con un tono vagamente mafioso.
E in quel momento capii che era pronto anche a buttarmi in mare pur di vincere sì, ma a modo suo.
Ero impietrito e solo allora mi resi conto che Nanni, la zavorra umana, mi fissava terrorizzato; ed ebbi l’impressione che stesse per saltare in acqua per sottrarsi al parapiglia. Lo trattenni, se non altro perché senza il suo peso avremmo straorzato e scuffiato in un baleno.
Il vento rinforzò ancora.
«Ammaina...» propose, questa volta, Kant al suo compare.
«Cacasotto puru attìa!» lo apostrofò Bic con gli occhi spiritati.

L’adrenalina della competizione l’aveva alterato a tal punto da fargli smarrire il senso della misura, del limite.
Fu un attimo. I due si spintonarono, scambiandosi colpi feroci. Ne approfittai per afferrare il timone anch’io.
Ci ritrovammo in tre al comando.
Nessuno alle vele, nessuno a tentare di capire il vento e il mare.
Nessuno ad occuparsi degli avversari alle spalle.
Nessuno a pensare alla barca e al suo equipaggio.
«Talìa» urlò Kant.
«Accùra» gridò Bic.
«Minchia» dissi io.
Accadde l’irreparabile, la prua affondò sotto l’onda frangente, la poppa si sollevò quasi in verticale e poi...
Precipitammo in mare.
L’albero si spezzò in due rovinando in acqua, il bulbo si staccò dallo scafo colando a picco, la barca si adagiò su un fianco semi affondata tra mille spume bianche nell’azzurro vivo del mare.
Per fortuna nessuno di noi si fece troppo male e dopo pochi minuti fummo soccorsi dal gommone della giuria.
Ci ritrovammo infreddoliti l’uno di fianco all’altro e finalmente silenziosi. Tranne Nanni, che sembrò svuotarsi di botto in quell’inatteso finale.
E si mise a inveire: «Psicopatici!»
E lo ripeté, nel silenzio generale: «Siete tre psicopatici del cazzo! Malati di mente.»
E ancora aggiunse: «Pazzi da catena!»
Nel mentre la mia Isabella sciabordava con mestizia tra le onde.
Ferito e umiliato, da lontano vidi che qualcuno l’aveva presa al traino.
Arrivammo ultimi, con disonore.
Bic, Kant e io ci guadagnammo l’immortalità, ma non come io avevo immaginato: da sconfitti.
E perdendo la nostra individualità perché, da Capo Gallo fino a Capo Zafferano da quel momento, da tutti fummo conosciuti solo come: i tre capitani.
 
Ultima modifica di Namio Intile il 30/04/2020, 16:13, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 432
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Be',che dire, un gran bel racconto, mi ha divertito. L'ho letto con estremo piacere. Quando leggo i termini in dialetto mi scappa sempre un sorriso. Sarebbe stato bello leggere un paio di battute in più sul significato dei soprannomi magari, nonostante potrei immaginare da cosa derivi Bic, ma Kant non riesco proprio.
Bella prova.
Nonostante non ne capisco un bel niente di nautica e di termini nautici per me è un voto massimo.
Il racconto potrebbe sembrare leggero ma non lo è, infatti ho trovato una filosofia di fondo: come dice il protagonista vincere è tutto quello che conta, può darsi, ma allo stesso tempo bisogna saper vincere, e il primo posto non si raggiunge facilmente, non si raggiunge prendendo due uomini a caso, se pur esperienti. La squadra è a vincere non il singolo.

PS: non hai allegato la votazione. Quindi al momento niente voto massimo
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 60
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Beh, Namio, che dire? Il racconto mi è piaciuto molto, ero anch'io sulla barca a fare la regata. E per un terricolo come me (potrei annegare anche nella vasca), è il massimo, e ho pure imparato che, in teoria, potrei pure far parte dell'equipaggio di un veliero, cosa che ignoravo.
La morale è che ci dev'essere sempre un solo capitano, altrimenti il naufragio è assicurato.
Voto massimo col vento in poppa!

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Andr e grazie, ti riferivi alla zavorra umana immagino. Sì, in regata sono molto utili.
Che in una barca a vela ci debba essere un solo prenditore di decisioni è vero. Ma è anche vero che in una barca a vela tutti sanno quello che devono fare senza che nessuno dia ordini o metta veti. Dipende dall'intelligenza dello skipper e dell'equipaggio nella misura in cui hanno a cuore la collettività piuttosto che le singole personalità. Nel racconto invece l'intelligenza non abbondava, contava solo l'io voglio.
Un caro saluto

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Eliseo. Grazie anche a te. La filosofia, come dici tu, del racconto, è che comandare è solo un'illusione ottica, come la voglia di vincere a tutti i costi. Ho provato a mettere un po' alla berlina la competizione, il bisogno di prevalere sempre e a ogni costo sugli altri per alimentare un'autostima che si basa sul binomio success or failure con cui ci hanno allattato sin dalla nascita. Ma questa volta ho provato a farlo con un racconto divertente e breve provando a non scassare i benedetti cabbasisi a nessuno.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 269
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Davvero molto bello e coinvolgente, qui i termini tecnici non appesantiscono la narrazione, servono davvero a rendere nitide le immagini e rendere immersivo il racconto. Mi è piaciuto tutto: i personaggi, la trama e anche il messaggio sottostante, condito da una bella ironia. Voto 5.

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 129
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Bello, mi è piaciuto. Anche i dialoghi in vernacolo siculo sono ben comprensibili. Bello e giusto il senso di quel che resta al lettore alla fine del racconto. Comandare e vincere è indubbiamente possibile tra uomini con molto ordine, disciplina ed attenzione. D'altronde non dimentichiamo l'antico adagio di tal Thomas Gray inglese che risale al lontano ottobre dei 1867:
"... Stando allerta tu dagli eventi prenderai consiglio pronto e sicuro in rapido periglio;
E non dimenticar che all'uomo dice Dio: …..aiutati tu …. che poi ti aiuto anch'io."

Parole che ogni marinaio impara da subito.
Perché comandare e vincere il mare è "meno semplice" che farlo con gli uomini.
Specie con le tre "teste di minchia" al "comando" dell'Isabella.

D'altronde un altro antico adagio in forma di epitaffio ricorda al marinaio alcune cose importanti:
"Qui giace Agesilao Giampitto, che quando aveva ragione andava dritto,
aveva ragione, è andato dritto, ed ora è morto ed è come se avesse avuto torto."

Bravo per me massimo del voto: 5
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 326
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Il racconto è avvincente, mi è piaciuto anche se di barche e regate me ne intendo poco, dico poco e non niente in quanto mia figlia ha avuto questa passione, e oltre ad aver fatto il corso specifico ha anche partecipato a diverse regate, pertanto qualche termine lo avevo sentito da lei. Le frasi riportate in dialetto ci sono state tutte nel contesto del racconto e il finale, dopo tante peripezie, è stato, non solo divertente: speriamo abbia insegnato qualcosa al protagonista...

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Laura e grazie. Ho avuto una barca a vela per tanti anni, ma adesso preferisco occuparmi dei miei ulivi. Strana la vita.
E un grazie a Selene, contento di averti strappato un sorriso.
Ciao, Teseo, il mare non si vince: si ama, si teme, lo si rispetta. Con le persone… lasciamo perdere. Sono stato tante volte una testa di minchia, ma l'epitaffio non me l'aveva mai scritto nessuno.
Un caro saluto

GioriF
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/03/2020, 17:06

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da GioriF »

Racconto scritto molto bene, alterni momenti di poesia a frammenti di quotidianita' spassosissimi. Le considerazioni del "presunto" capitano fanno un bel contrasto con le imprecazioni che i tre si lanciano nel pieno dell'azione. A dimostrazione di quanto siamo capaci, noi umani, di andare in un attimo dalle stelle alle stalle. Hai usato termini molto precisi per narrare la gara e questo non lascia spazio a dubbi: sai navigare su barca a vela, come hai gia' detto nella risposta precedente. Il racconto e' bello perché unisce la suspense della regata (si vuole sapere se ce la faranno) al messaggio morale, che si annusa nell'aria da principio. Bravo.

10aprile1992
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 08/04/2020, 21:06

Author's data

Messaggio da leggere da 10aprile1992 »

Un racconto davvero piacevole e scritto bene che mi ha ricordato perché su un campo da pallavolo sono durato quanto un gatto in tangenziale. Il ritmo è stato scorrevole e non mi sono mai perso o annoiato durante la lettura. In più, sebbene sia parzialmente indifferente verso il mondo della vela, ho davvero molto gradito i tecnicismi di tale disciplina i quali, sorprendentemente, non mi hanno affatto tediato. Degna nota di merito ai vari improperi in dialetto siciliano che mi hanno fatto molto sorridere.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 9117
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altri suffissi), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Ida Dainese
Sommelier letterario
Messaggi: 390
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida Dainese »

Un racconto che trascina in mezzo all'acqua, in precario equilibrio sul ponte di quella barca. Ben costruito, da una parte si nota la perizia, la conoscenza dei termini di quel navigare e dall'altra ci si compiace dello stile narrativo, che si adegua ai vari momenti, talvolta poetico, talvolta tecnico, spesso comico. Il racconto della regata è un po' la storia della vita, dove si impara spesso per esperienza pratica più che per lezione teorica. Saper guidare e comandare non significa sopraffare ma sfruttare il talento di ogni componente, il successo di una squadra è riconoscere il ruolo di ognuno e combinarlo con gli altri. Una morale su cui si riflette alla fine, dopo essersi gustati la parte più intensa: quel gridarsi l'uno con l'altro con forza, convinti che gli altri hanno torto, con battute che in italiano non avrebbero quel lucido bagliore di fulmini, e quello sguardo malinconico su un sogno che si spegne, trainato come un vecchio pezzo di legno.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Davvero non so come fai, Ida. Questi tuoi commenti sono dei veri e propri pezzi di bravura, non solo sono belli, ma anche profondi, veri; e qui, in almeno un punto, inducono a riflettere anche me, che il racconto l'ho scritto.
Immagino che tu abbia ragione ed è sempre un piacere leggerti.

Stefyp
Apprendista
Messaggi: 116
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Bello, mi è piaciuto. L'ho letto d'un fiato dalla prima all'ultima parola. Perfetti i dialoghi e l'uso del dialetto. L'unica cosa che, al contrario di altri pareri, mi ha appesantito un po' la lettura è l'uso dei termini tecnici. Ne avrei tolti alcuni, non tutti ovviamente, solo una piccola sforbiciata qua e là.

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Stefyp, e grazie. Terrò conto delle tue indicazioni e cercherò di trattenermi in futuro.
Un caro saluto.

Avatar utente
Ida-59
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Un racconto ben costruito, che sale e scende, come la vela in mezzo alle onde.
Comprendo l'oggettiva necessità del termini tecnici, che conosco, pur se poco, la cui quantità, però mi ha lievemente disturbato, ma solo perchè mi ha fatto sentire non all'altezza, nulla di ché.
Belle le descrizioni in soggettiva, difficile però la comprensione del dialetto (amo le note, come avrai notato leggendo il mio racconto) e qui non mi avrebbero disturbato.
Il climax sale, è indubbio, ma il lettore non riesce mai a capire se finirà bene o male: quando sembra andare bene, finisce male, e viceversa, ma non svelerò il finale. L'altalenare, su è già per le onde è, del resto, ciò che tiene avvinto il lettore fino alla fine… e ben giocato il finale con la sua morale.

Solo una piccola nota: Nanni, la zavorra umana, s’era preso di paura e stava quasi completamente fuori bordo a far da contrappeso, come un’acrobata. Non è di troppo l'apostrofo in "un'acrobata"? Credo che Nanni sia un uomo.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 393
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Bel racconto, forse più “lineare” e meno articolato di altri tuoi, non per questo meno efficace.
Le competizioni sportive sono spesso metafora della vita, quelle di squadra, come la vela in questo caso, probabilmente lo sono ancora di più; come spesso succede l’individualismo ha la meglio sul bene comune. Non sorprende che il malcapitato Nanni, in pratica il meno coinvolto nell’agone, sia il più lucido e razionale.
Come sempre ho apprezzato la tua cifra stilistica e l’ironia che aleggia in tutta la storia. Le frasi in dialetto sono doverose in questo contesto, mi stonerebbe il contrario, mentre per alcuni termini tecnici, da profano assoluto, sono andato un po’ a naso, ma questo non toglie niente al piacere della lettura.

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Grazie, Ida, per la lucida e pertinente analisi: non sei proprio una principiante.
E grazie per l'indicazione del refuso: questo racconto è ormai maggiorenne e non so quante volte l'ho letto e rivisitato. Eppure quell'apostrofo è stato sempre lì, incredibile.

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Roberto, apprezzo sempre molto i tuoi interventi. E se qualcuno non te l'avesse mai detto, te lo dico io ora: sei un gentiluomo. È vero, questo racconto è "lineare", avevo in mente di postarne uno dei miei soliti, ma poi ho desistito e ho voluto fare una prova: il lettore come cavia di un esperimento sociologico. No, scherzo. In realtà in passato ne ho scritto qualcuno di racconti come questo, ricordando il mio vecchio amore salmastro; e nella clausura m'era venuta nostalgia di quel modo di vivere il mare e voglia di sdrammatizzare.
Quanto al dialetto, ho provato a seguire il tuo ammonimento (ce l'ho sempre in testa) e un racconto inizialmente scritto quasi esclusivamente in siciliano è diventato un racconto in italiano con qualche espressione colorita in lingua madre. Non ho tradotto solo, credo, Talìa: che sta per guarda. E Accùra: che sta per attento.
Quanto ai termini tecnici, hai ragione naturalmente; ma di solito i termini tecnici vengono accettati con più facilità, come i termini in inglese, credo perché siamo tutti un po' assuefatti a tecnicità incomprensibili e le diamo non solo per scontate, ma forse le riteniamo necessarie; ci comportiamo un po' come i fedeli davanti a una liturgia in latino.
Spero che tu stia bene, non ho letto tuoi commenti per qualche tempo, e che stia superando questo periodo maledetto.
A rileggerti

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 372
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

beh, che dire? non sono un intenditore di barche e regate, quindi molti termini mi restano estranei, anche se ne afferro il significato.
ecco, sebbene non ne capisca una mazza, devo dire che il racconto è splendido.
scritto benissimo, senza errori o refusi, con ottime descrizioni su tutti i livelli.
esposto in maniera magnifica, si lascia leggere senza alcun problema fino in fondo.
oltre a ciò, lancia un bel messaggio, da recepire.
complimenti
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Mariovaldo
Foglio bianco
Messaggi: 16
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Un gran bel narrare, scorre che è un piacere e non fa pesare i termini gergali, anzi li rende comprensibili pure a chi, come me, di navigazione a vela sa molto poco. Ci si imbarca con te, magari solo come zavorra, e si fa il tifo pur intuendo che non finirà bene... mica ci possono essere tre capitani su una sola barca!
Bravissimo.

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Grazie, Fausto, per i complimenti.
E grazie a Mariovaldo, si comincia sempre come zavorra.

Francesco Pino
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

La mia esperienza con le barche a vela si limita ad aver visto le imprese di Luna Rossa in TV, malgrado cio' mi sono appassionato al racconto. E' una bella spiegazione su come cooperare dia più frutti che competere. Poi c'è quel "l'importante è vincere, non partecipare" che detto nell'ambito di una manifestazione sportiva rende ancora più forte la critica alla società.
Ma vi pigghiati piddaveru a mali parole ni da manera? Voto: 5

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Tre Capitani

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Eheheh, a li voti si santìanu puri li santi.
Lo sapevo che lungo quella Promenade des Anglais si aggirava un figlio della triscele.

Avatar utente
Giorgio Leone
Apprendista
Messaggi: 189
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Bel racconto, teso come il vento dall'inizio alla fine. Tutto fila iscio, tranne le virgole con le quali hai un pessimo rapporto. Eppure non è difficile, basta rileggere ad alta voce, respirando e dando enfasi e colore, e si capisce dove devono andare. Oppure fatti rileggere i racconti da un virgolaro, così non si vedrà più qualcosa come: "I più forse scoraggiati dal gelido mese di gennaio che era da poco scivolato via o forse perché, mi crogiolai io, con il mio equipaggio le chances di vittoria erano tutte mie ancor prima di cominciare." Frase anche sgrammaticata.
Comunque tutto ciò non inficia molto il racconto, parecchio insaporito anche dal siciliano.
Per quanto riguarda il finale, chiamarvi solo "i tre capitani" l'ho trovato un po' scialbo e riduttivo. Anche se magari sarà stato proprio così, come scrittore avresti dovuto trovare qualcosa di più "pepato", probabilmente in siculo.
Ancora una volta, quindi, è dimostrato che i triunvirati non funzionano, né in barca, né in politica: di galli nel pollaio ce ne deve essere uno solo. E infatti, quando ho visto Conte in mezzo a Di Maio e Salvini, personalmente mi è subito venuta in mente l'immagine di un membro (moscio) tra due testicoli: senza, naturalmente, nessun riferimento alla storia appena letta, non mi permetterei mai.
A proposito poi della zavorra umana (nel parallelo di cui sopra potrebbe rappresentare il cittadino italiano), anche noi in barca ne abbiamo sempre tenuto un esemplare, però molto, ma molto simpatico e amalgamante gli altri. L'anima della compagnia, per così dire, bravissimo in trattoria. Complimenti per il testo.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Antologia visual-letteraria (Volume uno)

Antologia visual-letteraria (Volume uno)

Collage di opere grafiche e testuali pubblicate sul portale www.BraviAutori.it

Il libro è un collage di opere grafiche e testuali pubblicate sul portale www.BraviAutori.it e selezionate tenendo conto delle recensioni ricevute, del numero di visualizzazioni e, concedetecelo, il nostro gusto personale. L'antologia non segue un determinato filone letterario e le opere sono state inserite volutamente in ordine casuale.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Dino Licci, Annamaria Trevale, Sara Palladino, Filippo C. Battaglia, Gilbert Paraschiva, Luigi Torre, Francesco Vespa, Luciano Somma, Francesco Troccoli, Mitsu, Alda Visconti Tosco, Mauro Cancian, Dalila, Elisabetta Maltese, Daniela Tricarico, Antonella Iacoli, Jean Louis, Alessandro Napolitano, Daniela Cattani Rusich, Simona Livio, Michele Della Vecchia, Giovanni Saul Ferrara, Simone De Foix, Claudia Fanciullacci, Giorgio Burello, Antonia Tisoni, Carlo Trotta, Matteo Lorenzi, Massimo Baglione, Lorenzo Zanierato, Riccardo Simone, Monica Giussani, Annarita Petrino, Luigi Milani, Michele Nigro, Paolo Maccallini, Maria Antonietta Ricotti, Monica Bisin, Gianluca Gendusa, Cristiana, Simone Conti, Synafey, Cicobyo, Massimiliano Avi, Daniele Luciani, Cosimo Vitiello, Mauro Manzo.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (3,85 MB scaricato 758 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Luna 69-19

Luna 69-19

antologia di opere ispirate al concetto di "Luna" e dedicata al 50° anniversario della storica missione dell'Apollo 11

Il 20 luglio 1969 è la data che segna per sempre il momento in cui il primo essere umano ha posato per la prima volta i piedi sul suolo lunare. Quel giorno una parte di voi era d'avanti ai televisori in trepidante attesa del touch-down del lander, altri erano troppo piccoli per ricordarselo e altri ancora non erano neppure nati, tuttavia ne siamo stati tutti coinvolti in molteplici maniere.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Mazzi, Andrea Coco, Andrea Messina, Angelo Ciola, Cristina Giuntini, Daniele Missiroli, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Franco Argento, F. T. Leo, Gabriele Laghi, Gabriele Ludovici, Gabriella Pison, Iunio Marcello Clementi, Laura Traverso, Marco Bertoli, Marco Daniele, Maria Emma Allamandri, Massimo Tessitori, Namio Intile, Pasquale Aversano, Pasquale Buonarotti, Pietro Rainero, Roberta Venturini, Roberto Paradiso, Saji Connor, Selene Barblan, Umberto Pasqui, Valentino Poppi, Vittorio Serra, Furio Bomben.
Vedi ANTEPRIMA (637,22 KB scaricato 51 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 252 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 41 - Tutti a scuola!

La Gara 41 - Tutti a scuola!

(ottobre 2013, 49 pagine, 1,59 MB)

Autori partecipanti: Eliseo Palumbo, Lodovico, Polly Russell, Desiree Ferrarese, Rovignon, Nunzio Campanelli, Alessandro D., Lorella15, Eddie1969, Michele, Kaipirissima.
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,59 MB) - scaricato 187 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 31 - Oops! – piccola enciclopedia degli errori

La Gara 31 - Oops! – piccola enciclopedia degli errori

(giugno 2012, 25 pagine, 1,32 MB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Ser Stefano, Nathan, Lorella15, Lodovico, Roberta Michelini, Umberto Pasqui, Tuarag, Alhelì, Simone Pelatti.
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,32 MB) - scaricato 435 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

(aprile 2014, 30 pagine, 454,14 KB)

Autori partecipanti: Annamaria Vernuccio, Anto Pigy, Nunzio Campanelli, Ser Stefano, Daniela Rossi, Alphaorg, Eddie1969, Marina Paolucci.
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (454,14 KB) - scaricato 129 volte.
oppure in formato EPUB (613,40 KB) (vedi anteprima) - scaricato 242 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.