La verità è un due

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
14%
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
4
57%
4 - è bello
2
29%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 7

Simone_Non_é
Foglio bianco
Messaggi: 37
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

La verità è un due

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Svegliati alle sette in punto. Tirati su, guarda tua moglie dormire nel letto con quei capelli biondi che ti hanno sempre fatto impazzire, o almeno questo è ciò che credevi. Vestiti. Vai a svegliare Erika. Prepara la colazione. Lavati. Sorridi a tua figlia, guardala crescere è allontanarsi inesorabilmente da te mentre il tempo si diverte a lasciare impronte sul tuo volto. Accompagna tua figlia a scuola e poi dritti al lavoro nell'azienda di famiglia che ormai è diventata la tua. Lascia due monete a Sid, il simpatico mendicante che sorride quanto te. Saluta i tuoi dipendenti, vai in ufficio, lavora.
Oggi è mercoledì devo scoparmi l'amante. Lavorare fino alle 20:20, pregare che non ci siano intoppi.
Questa è la mia routine oppure sono io, è da tempo che mi chiedo se ormai ci sia differenza fra me e lei. Sono un uomo fortunato, non ho mai dovuto impegnarmi troppo per ritrovarmi tutto quello che ho, dalle vacanze alle case, agli amici. Nonostante questo mi chiedo se sia mai stato davvero felice oppure se mi sono semplicemente dimenticato come si fa, sempre che fra le due cose ci sia differenza. Ora non ho tempo per pensare, la pausa in bagno è finita devo lavorare e mandare due messaggi a mia moglie.


"Grazie e buon lavoro Giò!" Sorridevo mentre prendevo la seconda elemosina della giornata, ormai questo era un posto sicuro, il parcheggio davanti ad un enorme azienda circondata dal verde eppure quel palazzo spiccava, era grigio, non avrebbe dovuto farlo. Sono finito per strada a causa della mia dipendenza. Come ogni giorno mi sveglio alle 07:07 nascondo il mio letto di fortuna, metto le mie coperte nel mio zaino, prendo la mia vecchia chitarra e comincio a camminare. Il caffè offerto dalla barista che mi ha raccontato di quanto si senta in colpa per come si è comportata con la madre, tappa obbligatoria giusto poco prima del parcheggio aziendale. Si continua dritti per il centro, sotto il solito portone. Ora siediti e metti il cappello per terra, tira fuori la chitarra, fingi di farlo perché ti interessa, dimentica di non avere nulla. Suona. Suona. Suona ancora. Sorridi e ringrazia per ogni moneta regalata. Se penso che ho smesso con la droga da ormai anni e sono ancora qui impazzisco, sono la mia ombra, un vecchio ricordo di me. Devo essermi incastrato nella mia routine oppure devo esserlo diventato. Ogni tanto mi fermo e li guardo, mi chiedo come deve essere avere una casa, una famiglia, un lavoro, qualcosa per cui lottare che non sia la sopravvivenza. Vorrei avere tutto quello che non ho, penso starei meglio dopo, potrei rimettermi in sesto e ricordarmi ancora di vivere.


Sono le 19,00 ormai il lavoro è finito un ultimo sforzo Gio ed anche per oggi hai fatto il tuo compito. In tutto questo non ho potuto fare a meno di notare Sid il mendicante di questa mattina, dalla mia finestra in ufficio. Sembra sorridere guardando il nulla, dovrei forse sentirmi in colpa per non essere felice? Per avere tutto questo e non sapere più che sapore ha la felicità? Non importa, devo finire le ultime cose e poi sarò a cena dalla mia famiglia.

Mi piace riposare qui per un paio d'ore prima di tornare nel mio letto di fortuna, guardo le macchine che vorrei guidare; immagino di farlo, chiudo gli occhi, guido per strade deserte sorrido, almeno ci provo, perché spesso mentre lo faccio i miei occhi lacrimano. Ora basta però mi sento stanco meglio andare, il mio piccolo letto mi aspetta.

Ore 20:20 ho finito come previsto e non riesco però a provare nulla. L'idea di tornare a casa da mia moglie e mia figlia, dopo essere andato a letto con Monia mi angoscia, meglio non pensarci. Sorridi va tutto bene. Hai tutto, no?

Il buio iniziava ad impossessarsi della città, le ultimi luci davano spazio ora al torpore dei lampioni.
Un piccolo soffio di vento sollevò una foglia spingendola un po' in aria, mentre Gio e Sid si incrociavano per la strada, la guardarono entrambi nello stesso momento.
Un pensiero.

Giò: "Ho tutto è non riesco ad apprezzare nulla ".
Sid: "Non ho nulla e vorrei poter apprezzare tutto".

Gli sguardi si incrociarono: "Se esiste un posto chiamato inferno allora dev'essere questo."

"Buona serata Giò!" Sorrisi.
"Anche a te Sid..." Sorrisi di riflesso.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 269
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Due persone, che possono essere mille altre, anche me o te, in un certo momento della nostra vita. Non è una storia nuova, ma la trovo piuttosto vera e sentita. Per questo mi è piaciuta, l’ho trovata onesta. Ed anche lo stile è chiaro, pulito. Un buon lavoro secondo me, voto 4.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 432
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Be', che dire? Un altro racconto nel tuo stile, molto carino e apprezzabile, con una nota di sottofondo che fa riflettere qualche secondo.
Per quanto riguarda l'aspetto formale è scritto molto bene, apparte un apostrofo mancante in un "un'", pulito, delineato, logico, senza sbavature.
Mi è piaciuta la scena finale e il continuo sovrapporsi dei punti di vista dei due personaggi. Personalmente, ma è solo una stupida sottigliezza, non avrei evidenziato l'interlocutore nelle ultime due battute perché si capisce chi dice cosa, ma come detto, il racconto è tuo.
Alla Prossima.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 372
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

bella, l'idea di mettere a confronto due punti di vista sostanzialmente opposti o, comunque, contrapposti.
anche abbastanza ben riuscita.
a mio parere ci sono, in certi punti, troppi aggettivi possessivi, meglio eliminarne un po', tanto si capisce comunque.
forse è solo una mia impressione, ma mi pare che alcuni tempi verbali non coincidano.
tralascio il fatto che a tratti la punteggiatura non c'è e che si va a capo pochissimo, perché se lo si considera flusso di coscienza, ci può anche stare.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

FedericoBisto
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 29/04/2020, 0:37

Author's data

Re: La verità è un due

Messaggio da leggere da FedericoBisto »

Lo stile del racconto è bello, incisivo. Attraverso monologhi interiori si mettono a confronto due vite totalmente diverse eppure simili. Giò e Sid insomma, intrappolati nella loro routine non si accettano, non sanno quello che vogliono e chi sono. Costretti a recitare una parte che la vita gli ha dato sono costretti a guardarsi e non riconoscersi.

Simone_Non_é
Foglio bianco
Messaggi: 37
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Selene Barblan ha scritto:
06/04/2020, 13:36
Due persone, che possono essere mille altre, anche me o te, in un certo momento della nostra vita. Non è una storia nuova, ma la trovo piuttosto vera e sentita. Per questo mi è piaciuta, l’ho trovata onesta. Ed anche lo stile è chiaro, pulito. Un buon lavoro secondo me, voto 4.
Grazie mille Selene! Ti confesso che pensavo fosse un idea abbastanza originale, almeno affrontata in questo modo, ma forse mi sbagliavo. Grazie mille per questo tuo commento :-)

Simone_Non_é
Foglio bianco
Messaggi: 37
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: La verità è un due

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

FedericoBisto ha scritto:
10/05/2020, 11:54
Lo stile del racconto è bello, incisivo. Attraverso monologhi interiori si mettono a confronto due vite totalmente diverse eppure simili. Giò e Sid insomma, intrappolati nella loro routine non si accettano, non sanno quello che vogliono e chi sono. Costretti a recitare una parte che la vita gli ha dato sono costretti a guardarsi e non riconoscersi.
Caio Federico! Bellissimo il tuo riassunto, anch'io non avrei saputo fare di meglio, mi ha fatto davvero piacere leggere questo tuo pensiero, grazie :-)

Solo una cosa ho notato che il titolo del tuo pensiero non è "Commento" se non sbaglio ai fini della gara è importante cambiare il titolo, spero questa info possa esserti utile

Simone_Non_é
Foglio bianco
Messaggi: 37
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Fausto Scatoli ha scritto:
03/05/2020, 21:56
bella, l'idea di mettere a confronto due punti di vista sostanzialmente opposti o, comunque, contrapposti.
anche abbastanza ben riuscita.
a mio parere ci sono, in certi punti, troppi aggettivi possessivi, meglio eliminarne un po', tanto si capisce comunque.
forse è solo una mia impressione, ma mi pare che alcuni tempi verbali non coincidano.
tralascio il fatto che a tratti la punteggiatura non c'è e che si va a capo pochissimo, perché se lo si considera flusso di coscienza, ci può anche stare.
Ciao Fausto! Ti ringrazio per il tuo commento farò tesoro dei tuoi consigli e mi fa piacere che tu abbia trovato il lavoro nel complesso abbastanza ben riuscito :-)

Simone_Non_é
Foglio bianco
Messaggi: 37
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Eliseo Palumbo ha scritto:
14/04/2020, 14:10
Be', che dire? Un altro racconto nel tuo stile, molto carino e apprezzabile, con una nota di sottofondo che fa riflettere qualche secondo.
Per quanto riguarda l'aspetto formale è scritto molto bene, apparte un apostrofo mancante in un "un'", pulito, delineato, logico, senza sbavature.
Mi è piaciuta la scena finale e il continuo sovrapporsi dei punti di vista dei due personaggi. Personalmente, ma è solo una stupida sottigliezza, non avrei evidenziato l'interlocutore nelle ultime due battute perché si capisce chi dice cosa, ma come detto, il racconto è tuo.
Alla Prossima.
Ciao Eliseo! Intanto grazie mille per il tuo commento, per me è importante avere un proprio stile e mi ha reso felice il fatto che tu abbia notato questo particolare. Dopo l'ultimo racconto che era un pochino più onirico-visionario forse qui ho calcato troppo la mano sulla chiarezza del contenuto, rifletterò su questo dettaglio. Comunque ci tengo a dire che ho letto il tuo racconto nella gara precedente e mi era piaciuto, non ho fatto però in tempo a commentarlo, spero di recuperare :-)

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Human Takeaway

Human Takeaway

(english version)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
What if we were cattles grazing for someone who needs a lot of of food? How would we feel if it had been us to be raised for the whole time waiting for the moment to be slaughtered? This is the spark that gives the authors a chance to talk about the human spirit, which can show at the same time great love and indiscriminate, ruthless selfishness. In this original parody of an alien invasion, we follow the short story of a couple bound by deep love, and of the tragic decision taken by the heads of state to face the invasion. Two apparently unconnected stories that will join in the end for the good of the human race. So, this is a story to be read in one gulp, with many ironic and paradoxical facets, a pinch of sadness and an ending that costed dearly to the two authors. (review by Cosimo Vitiello)
Authors: Massimo Baglione and Alessandro Napolitano.
Cover artist: Roberta Guardascione.
Translation from Italian: Carmelo Massimo Tidona.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (494,48 KB scaricato 158 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 180 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Questa antologia a tema libero è stata ispirata dalle importanti parole di Sam L. Basie:
Dedicato a tutti coloro che hanno scoperto di avere un cervello, che hanno capito che non serve solo a riempire il cranio e che patiscono quell'arrogante formicolio che, dalle loro budella, striscia implacabile fino a detonare dalle loro mani. A voi, astanti ed esteti dell'arte.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Iunio Marcello Clementi, Noemi Buiarelli, Marco Bertoli, Liliana Tuozzo, Alessandro Carnier, Martina Del Negro, Lodovico Ferrari, Francesca Gabriel, Pietro Rainero, Fausto Scatoli, Gianluigi Redaelli, Ilaria Motta, Laura Traverso, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Ida Dainese, Marino Maiorino.
Vedi ANTEPRIMA (921,21 KB scaricato 45 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara di primavera 2019 - La contessa, e gli altri racconti

Gara di primavera 2019 - La contessa, e gli altri racconti

(primavera 2019, 49 pagine, 777,86 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Mazzi, Angelo Ciola, Aurora Gallo, Daniele Missiroli, Draper, Fausto Scatoli, Gabriele Ludovici, Laura Traverso, L.Grisolia, Namio Intile, N.B. Panigale, Marco Daniele, Roberto Bonfanti, Selene Barblan, Tiziana Emanuele,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (777,86 KB) - scaricato 44 volte.
oppure in formato EPUB (354,48 KB) (vedi anteprima) - scaricato 37 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2019 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2019 - (a colori)

(edizione 2019, 4,37 MB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Paola Salzano, Sandra Ludovici, Lodovico, Angela Catalini, Laura Traverso, Massimo Melis, Marco Bertoli, Ida Dainese, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Daniela Rossi,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,37 MB) - scaricato 107 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

(luglio/agosto 2017, 30 pagine, 676,30 KB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Massimo Tivoli, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Nunzio Campanelli, Enrico Gallerati, Angelo Manarola,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (676,30 KB) - scaricato 50 volte.
oppure in formato EPUB (757,58 KB) (vedi anteprima) - scaricato 50 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.