Uncertain Smile

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
6
55%
4 - è bello
4
36%
5 - mi piace tantissimo
1
9%
 
Voti totali: 11

Macrelli Piero
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Uncertain Smile

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Uncertain Smile

Lo vedete quel tipo seduto al banco sull'ultimo sgabello vicino all'entrata del locale? Si siede sempre lì. Arriva presto e passa tutta la serata da solo a bere una birra dietro l'altra; beve e fuma. Io lavoro qui, faccio il barista alla “La Route Cachée” un locale notturno alternativo in un vicolo dietro al commissariato nel centro storico di Rimini.
Sta nell'ordine delle cose che un barista cominci a notare i clienti abitué e a scoprirne manie e segreti e il tipo di cui vi voglio parlare di manie ne aveva e aveva anche un segreto così grande e pazzesco che non so se credergli o considerarlo un folle scatenato, ma c'è qualcosa nei suoi occhi, nella sua infinita malinconia che nasconde una certa buona fede. Insomma, lui ci crede e io dopo che gli parlai quella sera non so più cosa dire; posso solo raccontare quello che mi è stato detto e lasciare il giudizio a voi.
Tutto cominciò una sera. Il tipo arrivò e si sedette al solito posto e cominciò a ordinare. Quella sera il locale era pieno perché era “le soir sur disque jockey”, la sera dove gente che lavora in radio viene qui a mettere su la musica alla moda, quindi musica francese e basta. Sono anni, dalla fine degli anni '70 a questi primi anni '80, che tutta la tendenza giovanile è pilotata dalla Francia: musica, moda, arte e, Ça va sans dire, modo di parlare tutto francese. Merde. E dire che io amo molto l'inglese e ogni tanto lo studio un po' e infilo sempre qualche frase in inglese nei miei discorsi per fare il sofisticato, ma non funziona tanto. Ma torniamo alla nostra storia. Quella sera erano venuti a suonare i loro dischi due di Radio San Marino: Uno era Louis Pesaresi che con la sua trasmissione “La Vie En Rose” mette su tutta musica danzerina. Il suo idolo è Plastic Bertrand, ma mette su molto anche Jaen Michel Gascuel e Jeanne Mas, insomma il meglio che c'è in giro. L'altro era Garattoni che con la sua trasmissione “l'autre soir, un dj m'a sauvé la vie avec une chanson” ha una scelta musicale un po' più sofisticata e aggiunge a sorpresa anche qualche pezzo di Sylvie Vartan, Dalidà e di qualche sconosciuto chansonnier esistenzialista. A me piace molto quando mette sul quel pezzo di quel gruppo alternativo di Marsiglia, "Le Département De La Joie", che con il pezzo “Elle A Perdu Le Contrôle” fa ballare tutti quanti.
Il tipo aveva bevuto per tutta la serata e ogni tanto ripeteva un gesto strano: dava una lunga tirata alla sigaretta, ma invece di respirarla la soffiava dentro il bicchiere mezzo vuoto che si riempiva di fumo come il calice di un alchimista o un filtro magico di una strega; lo stava ad osservare per un po' e poi lo beveva. Una volta posato il bicchiere chiudeva per un attimo gli occhi e alla fine gli si dipingeva sul viso una sorta di smorfia, una specie di malinconico sorriso incerto dato dalla consapevolezza che quella pozione non avrebbe mai funzionato e il miracolo che desiderava non sarebbe mai avvenuto. Anche la mia collega Daniela, che vuole la si chiami Danielle, lo ha notato e gli ha dato il nomignolo “sourire bizzarre” e lo dice anche con un certo disprezzo; io invece lo trovo simpatico e poi volevo conoscere la sua storia e lo chiamavo con affetto “Uncertain Smile”.
Di lui sapevo poco. Si diceva che lo avevano trovato ferito e in coma a Viserba vicino a una cabina di smistamento dell'alta tensione che era saltata in aria a causa di un fulmine durante un temporale. Cosa ci facesse lì nessuno lo sa. Quando si risvegliò dopo un paio di settimane sembrava tutto a posto a parte delle leggere crisi epilettiche che gli sarebbero rimaste per sempre. Dopo qualche giorno cominciò a vaneggiare: diceva che si trovava in un locale che si chiama Slego, che non è mai esistito, e che era uscito per andare a pisciare contro un muretto e poi non ricordava più nulla e che adesso il mondo non corrispondeva più a quello di prima. Normale confusione gli dicevano i medici, passerà. E' maledettamente convinto dicevano gli amici: è impazzito. Il caso volle che quello era il periodo che doveva partire per il servizio militare e qualcuno dice che abbia fatto tutto apposta per evitare la leva. I militari se lo tennero un mesetto al reparto neuropsichiatrico militare e poi lo congedarono. Lui tornò a casa e si chiuse in un mutismo rassegnato.
Quella sera verso la chiusura lui era ancora lì al banco completamente ubriaco che fischiettava un motivetto malinconico e io stavo passando un panno sul bancone quando, osservandolo, mi scappò di bocca: “uncertain smile”. Non credevo che avrebbe sentito o comunque capito invece si destò e con un gesto fulmineo mi blocco il pulso. "Cosa hai detto?” mi disse con ansia “Ripeti cosa hai detto”. Io ero in imbarazzo. Pensavo che si fosse offeso, che sapesse come lo chiamavamo noi del bar, ma non credevo capisse l'inglese. “Conosci la canzone che canticchiavo? Conosci Uncertain Smile?”. Io non sapevo cosa dire e risposi che non conoscevo nessuna canzone e che avevo detto così perché mi piaceva la lingua inglese e che gli avevo visto un sorriso triste in volto, che non volevo offenderlo. Lui scosse la testa: “Lascia perdere.” mi disse “ Nessuno conosce la canzone. Nessuno.”

Quando chiusi il locale a notte inoltrata mi incamminai a piedi attraverso piazza Cavour per arrivare alla macchina e lo vidi che era seduto sui gradini del municipio. Mi avvicinai a lui per scusarmi di nuovo. Lui fece cenno con la mano come se non fosse importante. Era ancora molto ubriaco e mi sembrava l'occasione buona per farlo aprire e scoprire qualcosa di lui. Mi sedetti al suo fianco e gli offrii una sigaretta. Andai subito al dunque:
“Senti, si dicono strane storie su di te e vorrei sapere la tua versione.”
“Lascia perdere. Non mi crederesti e se anche mi crederesti non mi servirebbe a un cazzo.”
“ Insisto. Siamo qui soli in mezzo alla notte, sotto la luna piena, entrambi (mentii) completamente ubriachi e in momenti come questi sono disposto a credere a tutto; anche alla mia ragazza che dice che sono stato il suo primo uomo.”
Ci guardammo e scoppiammo a ridere. Avevo rotto il ghiaccio.
“Credi alla teoria degli universi paralleli e alla possibilità che si possa passare casualmente da uno all'altro? Un altro tanto simile da risultare quasi uguale, ma non perfettamente uguale?”
“Merde!” Non riuscii a trattenermi da dire.
“Vedi che è inutile?” Disse lui.
Stavo per rovinare tutto. “No, No. Continua. Scusa.”
“ Quella sera ero a ballare allo Slego a Viserba…”
“Ma non esiste nessun locale a Viserba che si chiama Slego.” Dissi Io.
“Non in questo universo. Non in questo Universo.” Disse lui.
“Dunque, c'era il temporale e io sono andato a pisciare dietro una cabina ENEL e poi non ricordo più nulla. Quando mi sono svegliato ero in ospedale e il mondo non era più lo stesso. Io ho cercato di dirlo, ma dicevano tutti che era colpa del fulmine, che i ricordi si erano mischiati con le mie letture di fantascienza e che con il tempo tutto sarebbe tornato a posto.”
“E non potrebbe essere così?” Dissi io.
“No. I ricordi del mondo alternativo sono troppo precisi e articolati. Non può essere un sogno.” Disse lui.
“Vai avanti. Continua.” Lo incitai io, che non volevo si fermasse.
“Poi quando sono andato nei militari speravo che mi avrebbero creduto, invece mi hanno messo in manicomio. Un sottotenente medico di complemento mi aveva preso in simpatia e una volta che ci trovammo soli mi disse che non era il caso che continuassi così e che ritrattasi tutto, che tanto mi avrebbero congedato lo stesso a causa delle crisi epilettiche e non era il caso di farmi passare per matto. E così ho fatto.”
Poi mi raccontò di come ricordava lui il suo mondo, dei locali, della cultura pop inglese che aveva invaso il mondo, della new-wave, dei personaggi di questo mitico locale, lo Slego. Io lo interrompevo spesso per farmi spiegare: aveva una conoscenza così profonda e particolareggiata che mi sembrava difficile fosse tutta inventata. Poi usava molto la lingua inglese nelle sue citazioni mentre nessuno la usa, anzi usano tutti il francese nel parlare e per essere “tendancieux”. E' sempre stato così. L'inglese non lo usa nessuno, come del resto il tedesco o il cecoslovacco.
“ Ma tu hai fatto delle ricerche?” Gli chiesi io.
“Certo, ma non me ne fregava un cazzo di certe cose. Per quello che ne so, Siouxie fa la commessa in un supermercato, Robert Smith il benzinaio a Londra e forse Jan Curtis non si è mai ammazzato.”
“Non riesco a seguirti.” Dissi io.
“Lascia perdere.” Disse lui “Ho fatto delle ricerche in generale e per quanto ne so Giulio cesare, Cristoforo Colombo, Napoleone e le due guerre mondiali tutto corrisponde. Io credo che il bivio tra il mio e vostro mondo sia avvenuto verso la fine degli anni '60 in Inghilterra durante gli scontri giovanili a Brighton. Qui devono essere stati molto più duri e lo stato ha virato a destra e poi è arrivata una certa Margaret Tathcher che ha eliminato il "welfare" e la crisi economica ha fatto il resto. Niente assistenzialismo, niente punk, niente band giovanili, niente controcultura, niente new wave. Niente di niente. Solo questa cultura pop francese che ha invaso tutto. Dio mio, Plastic Bertrand: nel mio mondo non lo avrebbero preso nemmeno per pulire i cessi dello Slego”.
“Parli sempre dello Slego. Ma che posto sarebbe stato?” Dissi io.
“Un paradiso. Un vero paradiso.” Disse lui ridendo.
“E invece la tua vita privata, come va?” Dissi io.
“A volte incontro persone che conoscevo nell'altro universo e che qui non mi conoscono e passo per scemo. Oppure mi salutano persone che dicono di essere dei miei grandi amici mentre io non li conosco e anche qui passo per scemo. Un inferno, cazzo, un inferno. Ad esempio hai presente la tua collega, Danny?” Disse lui.
“Chi, Danielle?” Dissi io.
“Sì, Daniela. Solo che nel mio mondo voleva essere chiamata con il diminutivo inglese. Adesso veste come Sylvie Vartan, ma io la ricordo che vestiva sempre come Siuoxie, faceva la dark e veniva allo Slego.” Disse lui.
Io non riuscivo a capire tutte le sue parole, ma lo lasciai continuare.
“Nel mio universo io e lei stavamo assieme, mentre qui non mi conosce nemmeno e credo persino di esserle antipatico. Eppure credo di conoscere qualcosa di lei che non dovrei sapere. Nel mio mondo lei mi raccontò che da piccola, scavalcando una rete, si era ferita in modo serio con il filo spinato all''inguine e che da allora aveva una cicatrice che non aveva mai fatto vedere a nessuno tranne me. Se lei dovesse avere una cicatrice, come farei io a saperlo che non ci conosciamo nemmeno? Sarebbe una prova? E poi a cosa servirebbe? Lasciamo perdere. Anzi, adesso vado a casa e ti saluto.” Disse. Si alzò e andò via.
Questa è la storia che vi volevo raccontare. Sta a voi crederci o meno. Volete sapere cosa credo io? Io non lo so cosa credo, ma c'è una cosa che voglio dirvi e che lui non sa. Io e Danielle stiamo assieme e io quella storia della cicatrice la so e la cicatrice l'ho vista. Io l'ho vista.
Ultima modifica di Macrelli Piero il 05/06/2020, 8:05, modificato 21 volte in totale.

Macrelli Piero
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Re: UNCERTAIN SMILE

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Mi sembrava che ci fosse articolo dove si spiegasse bene l'uso della punteggiatura, specialmente all'interno dei discorsi diretti. Uso delle maiuscole e altro, ma non riesco a ritrovarlo. Mi potete aiutare?

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 9117
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Uncertain Smile

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Speranza
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 18/01/2020, 19:02

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Speranza »

Complimenti davvero. Mi è piaciuto molto il tuo racconto e l'argomento scelto mi ha catturata. Sono molto sensibile al tema e più volte mi sono imbattuta in queste teorie dei mondi paralleli e la cosa non mi lascia indifferente (potrei raccontare esperienze che mi hanno portato a considerare la cosa) . Oltre al tema che hai scelto devo dire che è anche scritto molto bene. C'è tutto ciò che serve per rendere il tuo scritto vincente.

GioriF
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/03/2020, 17:06

Author's data

Re: Uncertain Smile

Messaggio da leggere da GioriF »

È scritto bene, molto bene. Efficaci i dettagli dell'ambientazione in Riviera e la "compilation"( passami il termine inglese) dei cantanti di quel periodo. Hai utilizzato con originalità un filone che tende all'inflazione. Che idee vengono in testa a noi umani, eh? A proposito, ti piace l'ultima di Plastica Bertrand? C'ero anche tra i sessantamila di San Siro, il 19 ottobre 2919. Uno spettacolo, lui sul palco è formidabile.😉

GioriF
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/03/2020, 17:06

Author's data

Re: Uncertain Smile

Messaggio da leggere da GioriF »

Anche io

GioriF
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 12/03/2020, 17:06

Author's data

Re: Uncertain Smile

Messaggio da leggere da GioriF »

2019. Ho le dita grosse per il touch.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 269
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Bel racconto, si lega in modo particolare a quello dell’ultima gara pur virando verso altri universi. La questione dei mondi paralleli mi affascina e l’hai saputa affrontare in modo efficace e non scontato. Si legge molto volentieri, voto 4.

Stefyp
Apprendista
Messaggi: 116
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Rispetto allo stile devo dire che mi piace, è ben scritto e delinea bene i personaggi e l'ambientazione. Personalmente avrei messo meno riferimenti musicali. Un paio ci stanno bene, rendono l'atmosfera, di più secondo me son troppi. L'argomento non è molto nelle mie corde, non mi entusiasmano le storie di mondi paralleli o simili. Il finale mi sembra un po' "chiamato", come se fosse ovvio che dovesse esserci qualcosa che collegasse i due mondi.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 432
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Oh madonna santa, certo che il povero epilettico ha lo sdegno: un mondo francofono, Nossignore no, no, no. Molto meglio quello originale.
Per un attimo ho creduto che il viaggiatore universale fosse il protagonista dell'ultima gara però lui stava "festeggiando" la fine degli '80 e l'avvento dei '90, quindi mi sono chiesto e se in realtà quello della gara precedente è la controparte di questo racconto, e quindi va a spiegare in un certo senso l'amarezza che aveva provato, dopo un decennio in un mondo non suo?
Mi sono flippato.
Potente
A rileggerci
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 326
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Certamente è scritto bene e l'argomento è abbastanza originale. I personaggi sono descritti al meglio e anche i dialoghi risultano veritieri ed efficaci. Le citazioni musicali avrebbero dovuto (secondo me) essere minori, mi pare che tutte appesantiscano un poco la lettura. Nel complesso è un buon racconto.

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Non amo molto il rivolgersi del protagonista al lettore, magari pure ammiccando. Non siamo fratelli, amici e neanche cugini e quindi tutta questa confidenza, da dove arriva? Sto scherzando, naturalmente, ma posso dirti che questo stratagemma, oltre ad esser troppo usato, produce delle contraddizioni. Per esempio, questa lunga digressione/spiegazione: "Sono anni, dalla fine degli anni '70 a questi primi anni '80, che tutta la tendenza giovanile è pilotata dalla Francia: musica, moda, arte e, Ça va sans dire, modo di parlare tutto francese. Merde. E dire che io amo molto l'inglese e ogni tanto lo studio un po' e infilo sempre qualche frase in inglese nei miei discorsi per fare il sofisticato, ma non funziona tanto. Ma torniamo alla nostra storia. "
Dove senti la necessità di uscire dalla narrazione per poi rientrarvi e solo per poter spiegare un paio di cosette che altrimenti rimarrebbero nell'aria e impedirebbero la comprensione del testo.
Ti segnalo poi dei refusi, o errori, vedi tu: "Non mi crederesti e se anche mi crederesti non mi servirebbe a un cazzo.” Dovrebbe essere: e se anche mi credessi.
Poi, questo periodo non va:“Poi quando sono andato nei militari credevo che mi avrebbero creduto, invece mi hanno messo in manicomio. Un sottotenente medico di complemento di leva non di carriera"
Io direi: quando sono partito militare, o per la leva.
E poi quel credevo… creduto, molto brutto… perché non pensavo… creduto?
Il sottotenente di complemento è per definizione non di carriera. E infatti oggi, con l'abolizione della leva, gli ufficiali di complemento non esistono più.
Ci si avvicina, come concetto, ma è altra cosa, la Riserva Selezionata.
A ogni modo, ho notato anche che non chiudi mai tra virgole le proposizioni incidentali, per esempio: ,di leva e di carriera,
Quanto al racconto, l'ho trovato gradevole, a tratti interessante, generalmente ben scritto e strutturato. Mi è piaciuto, anche se il tema degli universi paralleli è fin troppo battuto.
Un buon lavoro, a rileggerti.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 393
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ho trovato interessante questa declinazione del classico tema degli universi paralleli e ho apprezzato l’argomento di fondo, la cultura giovanile e la musica degli anni ’80, fa parte del mio background. Le citazioni anglofone virate al francese sono divertenti, come la canzone dei The The del titolo, anche se capisco che non tutti le possono cogliere.
Il racconto è scritto e strutturato bene, comunque ci sono dei refusi e delle imprecisioni, oltre a quelle già segnalate ho notato questa frase: “Qui devono essere stati molto più duri e lo stato a virato a destra è poi arrivata una certa Margaret Tathcher che ha eliminato il welfare inglese e la crisi economica ha fatto il resto.”
Secondo me: “Qui devono essere stati molto più duri e lo stato ha virato a destra, poi è arrivata una certa Margaret Tathcher che ha eliminato il welfare inglese e la crisi economica ha fatto il resto.”

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 372
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

per quanto sia argomento non originale, viene trattato in maniera diversa dal solito e quindi prende il lettore.
lo prende anche perché utilizzi un buon metodo di scrittura con delle ottime descrizioni, coinvolgenti.
ci sono però parecchi refusi, compresi dei verbi sbagliati che sarebbe opportuno correggere.
penalizzano un poco la storia che, comunque, è davvero gradevole.
piaciuto.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Francesco Pino
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Mi hai fatto scoprire una canzone che non conoscevo… sapevo dei THE ma non avevo mai ascoltato niente di loro :-) Veramente carino e veloce da leggere il racconto.
Credo che Uncertain Smile abbia ragione, fu alla fine degli anni sessanta che avvenne il corto circuito.
Robert Smith che fa il benzinaio pero' proprio non ce lo vedo neanche in un altro universo :P
Complimenti, mi è piaciuto tantissimo.

Mariovaldo
Foglio bianco
Messaggi: 16
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Un buon racconto, scritto bene, ricco di particolari (magri anche un po' troppi) di un genere fantascientifico molto sfruttato, ma questo non vuole essere una nota negativa: difficile scrivere qualcosa di veramente originale.
Il ponto debole, a mio gusto personale, è il finale, un filo esile e non completamente all'altezza del resto del racconto. Comunque resta un ottimo lavoro, complimenti

Macrelli Piero
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Re: Uncertain Smile

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Questa storia mi ha fatto un po' soffrire. Nata inizialmente come un racconto in prima persona è poi cambiata optando per l'inserimento della voce narrante che mi ha soddisfatto molto, ma ha fatto nascere il problema del finale. Io credo che la voce narrante dovesse essere coinvolta in qualche modo con il protagonista della storia e da qui è nata Daniela-Danielle-Danny che ha prodotto il finalino ad effetto tipico di certi racconti di questo genere. Avevo cercato un altro finale, ma non l'ho trovato. Per amor di discussione non mi dispiacerebbe conoscere altre possibilità e non mi offendo, anzi, ringrazio per eventuali suggerimenti.
Anche per l'altro racconto nella gara precedente mi è stato fatto rilevare l'eccessivo uso dei riferimenti e citazioni musicali, ma non ne potevo fare a meno.
I refusi, che io chiamerei chiaramente errori, fanno parte della mia scarsa preparazione e incapacità di avere la pazienza di una rilettura dopo una decantazione del testo di un po' di tempo dentro un cassetto. Spero di imparare a farlo.

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

(luglio/agosto 2012, 42 pagine, 720,59 KB)

Autori partecipanti: Nathan, Umberto Pasqui, Ardito Eufemismo, Lodovico, Ser Stefano, Maria92, Lorella15, Alhelì, Mastronxo, Monica Porta may bee, Exlex, Tuarag, Licetti, Angela Di Salvo.
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (720,59 KB) - scaricato 116 volte.
oppure in formato EPUB (936,83 KB) (vedi anteprima) - scaricato 207 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Gara d'inverno 2019-2020 - La luce dell'Est, e gli altri racconti

Gara d'inverno 2019-2020 - La luce dell'Est, e gli altri racconti

(inverno 2019-2020, 60 pagine, 949,50 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Eliseo Palumbo, Andr60, Goliarda Rondone, Roberto Ballardini, Alessandro Mazzi, Giampiero, Teseo Tesei, Athosg, Roberto Bonfanti, Carol Bi, Fausto Scatoli, Laura Traverso, Sonia85.
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (949,50 KB) - scaricato 17 volte.
oppure in formato EPUB (351,88 KB) (vedi anteprima) - scaricato 12 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 56 - Amicizia ritrovata

La Gara 56 - Amicizia ritrovata

(novembre 2015, 25 pagine, 794,03 KB)

Autori partecipanti: Carlocelenza, Skyla74, Alberto Tivoli, Patrizia Chini, Giorgio Leone, Eliseo Palumbo, Angelo Manarola.
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (794,03 KB) - scaricato 308 volte.
oppure in formato EPUB (324,30 KB) (vedi anteprima) - scaricato 184 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Rosso permissivo

Rosso permissivo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Una bambina e alcune persone subiscono una crudele e folle violenza. Cosa potrebbe fare una donna per vendicarsi e scongiurare la possibilità che anche sua figlia cada vittima dei carnefici? Lo scopriremo in questo racconto, dato che il rosso ce lo permette.

Copertina di Roberta Guardascione
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (382,46 KB scaricato 170 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

L'arca di Noel

L'arca di Noel

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Da decenni proviamo a metterci al riparo dagli impatti meteoritici di livello estintivo, ma cosa accadrebbe se invece scoprissimo che è addirittura un altro mondo a venirci addosso? Come ci comporteremmo in attesa della catastrofe? Potremmo scappare sulla Luna? Su Marte? Oppure dove?
E chi? E come?
L'avventura post-apocalittica ad alta tensione qui narrata proverà a rispondere a questi interrogativi.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (188,99 KB scaricato 18 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Biblioteca labirinto

Biblioteca labirinto

Cinque scaffali di opere concatenate per raccontare libri, biblioteche e personaggi letterari

Riportare la lettura e la biblioteca al centro dell'attenzione dovrebbe essere un dovere di ciascuno di noi. Se in qualche misura ci riesce una raccolta di racconti non si può che gioirne, nella speranza che possa essere contagioso, come deve esserlo tutto ciò che ci spinge a riflettere e a interrogarci sull'essenza del nostro esistere.
A cura di Lorenzo Pompeo e Massimo Baglione.
introduzione del Prof. Gabriele Mazzitelli.

Contiene opere di: Alberto De Paulis, Monica Porta, Lorenzo Pompeo, Claudio Lei, Nunzio Campanelli, Vittoria Tomasi, Cristina Cornelio, Marco Vecchi, Antonella Pighin, Nadia Tibaudo, Sonia Piras, Umberto Pasqui, Desirée Ferrarese.
Vedi ANTEPRIMA (211,75 KB scaricato 166 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.