Eroe di guerra

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
15%
3 - si lascia leggere
4
31%
4 - è bello
4
31%
5 - mi piace tantissimo
3
23%
 
Voti totali: 13

Goliarda Rondone
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 08/02/2020, 21:48

Author's data

Eroe di guerra

Messaggio da leggere da Goliarda Rondone »

La prima cosa che udì fu un ticchettio a intervalli irregolari. L’area del cervello deputata al riconoscimento dei suoni gli suggerì che fosse il clic clac di una penna a scatto. Ne dedusse che nei paraggi qualche pollice nevrotico stesse giocherellando con una penna. Anche la vista iniziò a collaborare, poco alla volta. Al grande schermo nero si sostituirono delle ombre su un orizzonte caffelatte, poi figure sfocate. Mentre la gamma dei colori si arricchiva, sentì l’aria invadergli le narici e i polmoni: stava respirando. Tentò di parlare ma non gli riuscì. Le labbra erano incollate, al posto della lingua aveva un invertebrato. Ruotò appena il collo, provando scosse e fitte lancinanti. Mise a fuoco la mano che torturava la biro, risalì con lo sguardo lungo il braccio e le spalle fino al volto: quello di un uomo, dall’aspetto rassicurante. Indossava un camice. Un medico, con ogni probabilità.
- Buongiorno Adam. Come ti senti?
Il ragazzo richiuse gli occhi e sospirò.
Adam. Era così che si chiamava?
Conveniva assorbire tutto ciò che quella situazione potesse offrirgli: informazioni, luci, colori, suoni. Come un neonato appena venuto al mondo. Si chiamava Adam e stava respirando, era un buon inizio. Per tutto il resto c’era quel medico, lo avrebbe aiutato.
- Se mi capisci, per favore Adam, fammi un cenno. Uno qualsiasi.
Il ragazzo guardò il medico, e batté due volte le palpebre.
- So che ti senti indolenzito e privo di memoria, che non riesci a parlare né a muoverti; ma è una situazione transitoria, credimi.
Il ragazzo batté di nuovo le ciglia: ok.
Entrò una donna, sui quaranta, anche lei insaccata dentro un camice bianco. Preparò una siringa riempendola con uno strano liquido rosa.
- Ora la dottoressa ti farà un’iniezione. Quando ti sveglierai ti sentirai molto meglio.
Pochi secondi dopo fu buio pesto.

*

- Ciao Adam, come ti senti?
Il ragazzo tentò subito di muovere le labbra.
- Meglio - sussurrò, sollevato per essere riuscito a parlare.
- Te lo avevo detto, no? Ti rimetteremo in sesto.
- Dove mi trovo?
- Siamo al Columbus Hospital, Adam.
- Perché non riesco a muovere nulla, al di sotto del collo?
- In realtà dovresti riuscire a muovere le dita delle mani e dei piedi. Perché non provi?
Il dolore gli si dipinse sul volto in ghigni oblunghi.
- Non importa, ci riuscirai. Senza fretta.
- Cosa mi è successo?
- Hai avuto un incidente, Adam. Un terribile incidente.
“Adam”. Un nome a cui cercava di abituarsi, ma che sentiva estraneo. Socchiuse gli occhi. Un incidente...
- Non ricordi nulla?
Avrebbe scosso il capo, se solo non avesse provato quelle terribili fitte. Non aveva idea neanche di chi fosse.
- Questa è la brutta notizia, Adam. La tua amnesia è generalizzata. Questo significa che – per il momento - hai dimenticato tutto ciò che è accaduto prima dell’incidente. Però adesso concentriamoci sulla buona notizia…
Il ragazzo gli scoccò un’occhiata in tralice. Una situazione del genere prevedeva buone notizie?
- La tua è un’amnesia retrograda. Significa che ricorderai tutto ciò che è accaduto dopo l’incidente.
- Come lo sa?
- Abbiamo riscontri clinici. E poi appena sveglio hai detto di stare meglio…
Adam lo scrutò con aria inquisitoria.
- Semplice analisi grammaticale, ragazzo. Meglio è un avverbio comparativo. Meglio di prima, meglio di quando non riuscivi a parlare. Ricordi che non riuscivi a parlare?
- Sì.
- Guarda Adam che è importante, direi fondamentale, perché almeno possiamo ricostruire la tua memoria passata.
- Vorrei uno specchio, dottore.
- Di norma sarebbe un’ottima idea, ma devo avvisarti che in questo momento non sei uno splendore, ragazzo. L’incidente ci ha costretto a… insomma hai subito degli interventi.
- Mi trovi uno specchio, per favore.
Quello che vide nella superficie riflessa fu un ammasso di bende e garze, macchiate di sangue. Gli fasciavano per intero la testa. Gli occhi – soltanto quelli poté esaminare – erano due buchi neri. Lo scrutavano come fossero quelli di un estraneo. Il ragazzo reclinò il capo all’indietro, rassegnato.
- Faremo di nuovo un’iniezione adesso. Al tuo risveglio cominceremo a lavorare sui tuoi ricordi.

*

- Bene Adam, come ti senti oggi?
Il ragazzo non rispose.
- Ricordi la nostra chiacchierata di ieri?
Annuì.
- Bene. Oggi dovresti riuscire a muovere le dita, vuoi provare?
Per lo sforzo si morse un labbro fino a farlo sanguinare. I tendini del collo si tesero e le vene si gonfiarono, ma nessun dito si mosse.
- Va bene, riproveremo più tardi. Adesso vorrei che tu guardassi delle cose con me. Si tratta di disegni, oggetti e fotografie. Vorrei che tu mi dicessi cosa sono, oppure cosa pensi che siano, d’accordo?
- Va bene.
- È possibile che sentirai delle piccole scosse elettriche, non preoccuparti. Sono stimolazioni che indurrò nell’area dell’ippocampo, non c’è alcun pericolo.
Il primo oggetto era una fotografia che ritraeva quattro persone sorridenti, in un parco. Poteva essere una famiglia.
- Li conosci?
Di sicuro era una famiglia. Sembravano spensierati, felici. Tra i piedi della bambina faceva capolino anche un cane, un cucciolo di cocker spaniel inglese. Adam si chiese dove fosse la sua, di famiglia. Ne aveva una? Quanto alla fotografia non riconobbe nessuno.
- No. Chi sono?
Il medico scagliò un’occhiata di complicità oltre una finestra di vetro riflettente, dietro il quale si presume ci fossero altre persone ad assistere. Forse psichiatri, o altri medici. O forse le persone della foto?
- Guarda bene per favore, proprio non riconosci nessuno di loro?
- No, mi dispiace.
Il secondo oggetto era una pipa a sassofono in schiuma di mare. Anche questo oggetto gli sembrò del tutto estraneo. Forse era per via delle condizioni in cui versava, ma la sola idea di fumare lo disgustava. Non immaginava comunque sé stesso come un tipo da pipa.
Il medico mostrò al ragazzo una caricatura su un foglio di carta, un cubo di Rubik, infine la piastrina militare in argento di un certo sergente Adam Korby.
Nulla che gli richiamasse un ricordo. Quel nome, Adam Korby, immaginò che fosse il suo, ma continuava a suonargli estraneo.
- Vorrei vedere la mia famiglia, dottore.
Sperando che io ne abbia una, pensò tra sé e sé.
Il medico abbozzò un sorriso di circostanza e assentì.
- Una cosa alla volta, ragazzo. Per oggi direi che basta così.
Si palesò di nuovo la bella dottoressa, munita della solita siringa col liquido rosa, per spedirlo tra le braccia di Morfeo.

*

- Adam, sei sveglio?
Avevano sforato già di mezz’ora. Il ragazzo non dava ancora segni di vita.
- Adam? Se puoi almeno sentirmi ti prego di fare un cenno.
Il medico gesticolò rivolto verso il vetro riflettente. Un istante dopo la dottoressa si precipitò in sala.
- Ha interrotto la somministrazione farmacologica come da programma?
- Sì, dottore.
- Ha eseguito la stimolazione in modo corretto?
- Certo.
- Pressione arteriosa?
- Nella norma.
Il medico si grattò il capo, poi estrasse dal camice una piccola torcia a forma di penna, aprì le palpebre del paziente e gli puntò la luce dritta sulle pupille. Prese uno stetoscopio e lo auscultò.
- Faccia venire subito il generale.
Dentro l’alta uniforme, alla quale erano appese decorazioni a nastro, placche e fasce in gran quantità, un uomo massiccio e claudicante avanzò con l’aiuto di un bastone. Si avvicinò al ragazzo, poi al medico.
- Abbiamo perso anche questo, colonnello?
- È ancora vivo, ma temo sia inservibile. Abbiamo fallito ancora, generale.
- Abbiamo? Ha fallito. Lei ha fallito ancora, dottore.
Il colonnello avrebbe voluto dissentire, invece si limitò a torturare il meccanismo a molla della penna, abbozzando una qualche giustificazione.
- La prima fase è andata alla perfezione, già ieri non aveva più traccia della precedente memoria. Non ha riconosciuto neanche il suo nome, sé stesso né la sua famiglia. Non aveva nessun ricordo.
- Ma poi qualcosa è andato storto – eccepì il generale.
- Il problema si è presentato nell’acquisizione di una nuova memoria indotta. Dopo l’ultimo coma farmacologico gli abbiamo somministrato i farmaci sperimentali e lo abbiamo collegato all’induttore, ma si è risvegliato nelle condizioni che vede…
- È l’undicesimo, dico bene?
Il colonnello slacciò il camice con fare frenetico, inconsolabile.
- Eppure si trattava di un soggetto giovane, sano, privo di esperienze traumatiche pregresse, con un elevato quoziente intellettivo. Un candidato ideale…
- Ne trovi uno più ideale allora, veda di non fallire ancora! - tuonò il generale, zoppicando verso l’uscita.
- Sissignore.
Dopo che il superiore fu uscito la dottoressa prese temperatura, pressione e polso al ragazzo.
- Cosa facciamo, signor colonnello?
Il medico portò le mani al volto, per stropicciare gli occhi e frizionare le tempie. Sbuffò.
- Siringa blu.
- Ricevuto. Per la procedura…
- Sì, come gli altri. Eroe di guerra. Funerale di Stato e tutto il resto.
- Signorsì.

10aprile1992
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 08/04/2020, 21:06

Author's data

Re: Eroe di guerra

Messaggio da leggere da 10aprile1992 »

Racconto interessante, scritto bene, scorrevole, con finale a sorpresa e spiazzante.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 9117
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Eroe di guerra

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altri suffissi), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Speranza
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 18/01/2020, 19:02

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Speranza »

Sei riuscito a mantenere alto l'interesse dalla prima riga fino all'ultima e questa è una grande qualità. Anche il tema è originale e si arriva alla conclusione con il desiderio di saperne di più. Ti domandi se è frutto della fantasia o se c'è una base di verità da cui è stato costruito il racconto.

Macrelli Piero
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Non originalissimo, ma essere sempre originali non è un obbligo. Ben strutturato nei tempi drammaturgici, buon equilibrio tra le cose dette e quelle non dette; tra le spiegazioni e le omissioni. Forse la sostituzione del generale con una eminenza grigia civile avrebbe allargato la possibilità delle congetture. Bello.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 269
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ho apprezzato particolarmente le descrizioni dettagliate delle sensazioni al risveglio e gli stacchi tra un risveglio e l’altro, che danno il senso di chiusura e riapertura degli occhi e della coscienza. Un buon racconto. Per me voto 4.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 432
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

o mio dio, o mio dio, o , mio, dio
Ma cosa ho appena letto.
Bello, fantastico, sublime.
Uno spettacolo di racconto, io adoro questo tipe di storie. Spero in futuro di leggere altro su questo esperimento militare di super-soldato.
Per il resto, tornando calmi un attimo, scritto molto bene, tensione rimasta sempre costante, sviluppo ottimo, inserimento dei personaggi così come i dialoghi eccellenti. Usato bene lo stereotipo del generale veterano burbero, così come del medico-militare.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Andr60
Pubblicista
Messaggi: 60
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Come già fatto notare, forse sarebbe stato meglio scegliere come capo-progetto un civile, magari di Langley (cfr.: The Bourne identitity), ma queste sono scelte individuali.
Molto buono, nel complesso.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 372
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

piaciuto parecchio.
scorrevole dall'inizio alla fine, senza intoppi, molto ben esposto e senza refusi.
ma soprattutto ha delle descrizioni ottimali, che ti portano nella stanza e ti fanno vivere la scena.
peccato per il povero Adam e per chi lo ha preceduto, ma tu che ne hai scritto la storia sei veramente capace.
complimenti
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 393
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Il tema non è originalissimo, ormai è quasi un cliché della fantascienza, ma è affrontato con gusto, lasciando al lettore ampi spazi di immaginazione sulle motivazioni dell’esperimento e sulla contingenza della situazione (guerra? Probabile, visto il finale e i soggetti che sono militari).
Un buon racconto.

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara d'Autunno 2018 - Lettera a Giovanni, e gli altri racconti

Gara d'Autunno 2018 - Lettera a Giovanni, e gli altri racconti

(autunno 2018, 35 pagine, 707,65 KB)

Autori partecipanti: Fausto Scatoli, Ida Dainese, Nunzio Campanelli, Carol Bi, Lodovico, Roberto Bonfanti, Liliana Tuozzo, Daniele Missiroli, Laura Traverso, Tiziano Legati, Draper.
a cura di Massimo Baglione e Laura Ruggeri.
Scarica questo testo in formato PDF (707,65 KB) - scaricato 51 volte.
oppure in formato EPUB (336,32 KB) (vedi anteprima) - scaricato 49 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (a colori)

(edizione 2016, 11,89 MB)

Autori partecipanti: Giuseppe Bauleo, Cristina Giuntini, Giorgio Leone, Ida Dainese, Anna Rita Foschini, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Daniela Rossi, Lodovico, Marco Bertoli, Alberto Tivoli, Sandra Ludovici, Cristina Biolcati, Marina Paolucci.
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (11,89 MB) - scaricato 167 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Gara d'autunno 2019 - Mattoni, e gli altri racconti

Gara d'autunno 2019 - Mattoni, e gli altri racconti

(autunno 2019, 70 pagine, 1,10 MB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Giampiero, Lodovico, Giorgio Leone, Athosg, Carol Bi, Diego.G, Massimo Centorame, Namio Intile, Alessandro Mazzi, Frdellaccio, Teseo Tesei, Stefyp, Laura Traverso, Eliseo Palumbo, Saviani.
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (1,10 MB) - scaricato 16 volte.
oppure in formato EPUB (497,82 KB) (vedi anteprima) - scaricato 17 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 252 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 140 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Museo letterario

Museo letterario

Antologia di opere letterarie ispirate dai capolavori dell'arte

Unire la scrittura all'immagine è un'esperienza antica, che qui vuole riproporsi in un singolare "Museo Letterario". L'alfabeto stesso deriva da antiche forme usate per rappresentare animali o cose, quindi tutta la letteratura è un punto di vista sulla realtà, per così dire, filtrato attraverso la sensibilità artistica connaturata in ogni uomo. In quest'antologia, diversi scrittori si sono cimentati nel raccontare una storia ispirata da un famoso capolavoro dell'Arte a loro scelta.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.
Introduzione del Prof. Marco Vallicelli.
Copertina di Giorgio Pondi.

Contiene opere di: Claudia Cuomo, Enrico Arlandini, Sandra Ludovici, Eleonora Lupi, Francesca Santucci, Antonio Amodio, Isabella Galeotti, Tiziano Legati, Angelo Manarola, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Annamaria Vernuccio, William Grifò, Maria Rosaria Spirito, Cristina Giuntini, Marina Paolucci, Rosanna Fontana, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (211,82 KB scaricato 142 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.