Rimembranze d'autunno

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
2
15%
2 - mi piace pochino
4
31%
3 - si lascia leggere
5
38%
4 - è bello
1
8%
5 - mi piace tantissimo
1
8%
 
Voti totali: 13

Avatar utente
Ida-59
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Rimembranze d'autunno

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Una lama di luce s’insinua nel mio polveroso baule mentre il pesante coperchio si solleva; vecchi ricordi tornano in vita: Beatrice è infine tornata a cercarmi?
Il giovane volto maschile mi scruta con attenzione, poi il sorriso si allarga sulle labbra mentre mormora tra sé e mi prende tra le mani per osservarmi meglio:
- Sì, sì, non può essere altro, il baule riporta le sue cifre, quindi… questa pianella doveva appartenere a Beatrice d’Este!
Continua a fissarmi con un’aria di ebete felicità stampata sul viso, come se avesse scovato chissà quale tesoro: certo che sono la pianella di Beatrice; a dire il vero, ero anche la sua preferita prima che…
Il ricordo di quell’infausta mattina d’autunno mi assale.

*

Una lama di luce s’insinua sotto il letto mentre la punta del piedino di Beatrice tasta alla nostra ricerca: tocca a noi, tocca a noi! Mi faccio subito trovare, insieme a mia sorella, esaltata dall’avvento del gran giorno: l’inaugurazione di Piazza Ducale, regale cortile d'ingresso al castello, con l’arrivo del grande e temuto Carlo VIII! (1)
Anche Beatrice è eccitata, lo capisco dal rossore delle gote nel riflesso dello specchio, mentre solleva un poco l’orlo della “Turchesa” che ha creato in una sola notte (2): sono molto orgogliosa di essere la pianella di una dama di sì squisita eleganza! (3)
Vedo il cielo limpido riflettersi dietro le sue spalle in questa bellissima mattina di ottobre illuminata dal sole: tra poco saremo fuori, tra dame e cavalieri della corte più alla moda del momento. (4)
La porta si apre e il Duca entra: tra le mani reca l’astuccio di un nuovo, prezioso gioiello da appuntare sull’abito, ennesimo regalo (5) per la giovane moglie che gli corre incontro con entusiasmo.

Tutto è pronto e il corteo ducale sta per muovere dal castello verso la nuova Piazza per accogliere il Re di Francia. All’improvviso c’è scompiglio tra gli astanti; un messaggero si fa largo con decisione, avanza e s’inchina davanti alla mia Signora; sbircio a fatica dall’orlo della gonna: c’è qualcosa tra le sue mani ma non riesco a vedere bene, non capisco, ma… sì, sembrano proprio delle calzature! Come sono brutte!
- Un dono per la Duchessa, da Parigi, da parte di Carlo VIII, re di Francia! – annuncia il messo con voce tonante.
Il Duca inclina il capo, regale; fa cenno alla giovane sposa di accogliere l’omaggio, indossandolo subito in onore del re. Beatrice spalanca gli occhi:
- Indossare quelle? – mormora piano, incredula dell’ordine assurdo rivolto proprio a lei, così raffinata, signora della più splendida delle corti. – Sono raccapriccianti, fuori moda!
Ludovico inarca severo un sopracciglio e a labbra strette ingiunge:
- Non potete rifiutare il dono del Re di Francia!
La mano di Beatrice trema appena quando mi toglie dal suo piedino; una lacrima scende sul visetto rassegnato mentre mi osserva scotendo piano il capo e sospira:
- Le mie belle pianelle…
Con mia sorella finisco tra le mani della dama di compagnia, Lucrezia, troppo intenta a bearsi degli sguardi di Ludovico (6) per curarsi di noi come Beatrice vorrebbe. Passiamo veloci di mano in mano, mentre il corteo ducale riparte e abbandona il salone; in un passaggio tra mani più distratte di altre, cado a terra con un lieve tonfo attutito, senza nemmeno che si accorgano d’avermi perduto: mi calpestano, mi calciano via, finisco in un angolo, dimenticata, abbandonata…

*

Ecco la mia triste storia. Sì, triste, anche se il giovane cavaliere continua a osservarmi, sempre più felice, mentre mi tiene con delicatezza tra le mani, quasi timoroso di rovinarmi.
Anch’io lo osservo, sbalordita da strabuzzare gli occhi, se solo li avessi: ma che acconciatura porta? E che… vesti indossa? O povera me, dove sono mai finita?
- Bentornata alla vita, preziosa pianella di Beatrice, - mormora lo strano giovine, - dopo quasi 400 anni (7) era ora di prendere un po’ d’aria!
Quattrocento… anni? Ma… sarò ancora di moda?

Adesso sono qui, adagiata su un soffice cuscino: “pezzo da museo”, dicono; il più importante, soggiungo con orgoglio!
Ci sono bizzarre calzature vicino a me, colorate e luccicanti, con tacchi appuntiti come spilli (8): chissà che fatica a camminare, le loro padrone!
Mi manca tanto Beatrice; lei non voleva abbandonarmi: è stata costretta dalla ragion di stato…

--------

Note bibliografiche

(1) L’inaugurazione ufficiale della Piazza Ducale si fa risalire all’11 ottobre 1494, giorno in cui Carlo VIII, re di Francia, fece il suo ingresso in Vigevano. Da “L’informatore bisettimanale del territorio: Ludovico il Moro e Vigevano” testi di Marco Cantella.
(2) Tra i modelli che Beatrice inventò vi è la «Turchesa» fatta in una sola notte con la massima cura e precisione, come testimoniò in una lettera lo stesso Ludovico il Moro. (www.eventiesagre.it)
(3) Beatrice con il suo genio inventivo «portò il lusso delle vesti a una altezza non mai raggiunta in Italia e fuori» (Malaguzzi Valeri), tanto che proprio in quegli anni si cominciò a dire «si veste alla milanese» per dire che si vestiva alla moda. (www.eventiesagre.it)
(4) Informazione tratta dalla presentazione di “La dimora sforzesca” – Distretto del commercio di Vigevano.
(5) La creatività della duchessa pare fosse qualcosa di eccezionale, inventando vesti strabilianti che Beatrice stessa realizzava aiutata da una schiera di damigelle e di ricamatori che lavoravano sotto i suoi diretti ordini. Gli abiti venivano ornati poi con gli splendidi gioielli che il consorte le regalava. (www.eventiesagre.it)
(6) Lucrezia Crivelli è stata la prima dama di Beatrice d'Este; in seguito divenne amante di Ludovico. (http://it.wikipedia.org/wiki/Ludovico_il_Moro)
(7) Dal catalogo ufficiale del Museo Internazionale della Calzatura "Pietro Bertolini" risulta che “tradizionalmente la (pianella) si ritiene recuperata in seguito a scavi nel castello di Vigevano e appartenuta a Beatrice d’Este.”. Da informazioni verbali ricevute dall’Archivio Storico del comune di Vigevano risulta che la pianella sia pervenuta al Museo della calzatura tramite l’iniziale dono della Collezione Bertolini e che sia stata ritrovata nella seconda metà dell’ottocento durante scavi effettuati nel castello. Nel racconto ho quindi approssimativamente calcolato che fossero intercorsi quasi quattrocento anni dal momento dell’abbandono della pianella in un angolo (qualcuno l’avrà poi ritrovata e infilata nel baule di Beatrice!) fino al suo ritrovamento. Ovviamente, benché l’epoca storica coincida, non esiste alcuna reale certezza che la pianella fosse davvero appartenuta a Beatrice dì’Este.
(8) Un’intera sezione del Museo Internazionale della Calzatura "Pietro Bertolini" è dedicata alle calzature con tacco a spillo, che è nato proprio a Vigevano nel 1953. Tratto dal sito web del Comune di Vigevano.
Ultima modifica di Ida-59 il 11/04/2020, 18:48, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 432
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Povera pianella che manifesta tutta la sua speranza nel ritorno della padrona; alla fine si ritrova in un museo, a sua insaputa, tra i pezzi più importanti, un vero e proprio cimelio. Simpatica l'annotazione sui tacchi moderni e alla moda, dopo tutti quei secoli.

A rileggerla
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Stefyp
Apprendista
Messaggi: 116
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Non male, mi ha divertito questo punto di vista inconsueto. I numeri messi tra parentesi secondo me non sono necessari e forse distraggono un pochino. Sarebbe stata sufficiente la precisazione alla fine del racconto. Non condivido la scelta di qualche vocabolo, ma non segnalo perché è proprio dettato dal gusto personale. "Una lama di luce s’insinua" la ripetizione all'inizio dei due paragrafi è voluta?

Avatar utente
Ida-59
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Re: Rimembranze d'autunno

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Sì, la ripetizione è voluta, infatti si ripete in condizioni simili ma a distanza di tempo (presente e passato), proprio per introdurre e richiamare il precedente ricordo.
Grazie mille per il commento.

Namio Intile
Apprendista
Messaggi: 187
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Benvenuta su Bravi Autori. Ho letto un ottimo lavoro, Ida. Un racconto corretto, scorrevole, pieno d'ironia, anche singolare quel tuo modo di narrare la storia facendo parlare le tappine, si dice dalle mie parti, di Beatrice d'Este. Anche le note, forse troppe ma parte integrante del racconto, non mi hanno disturbato.
Insomma, hai affrontato un tema storico con originalità e spirito, non è cosa da poco.
A rileggerti, con curiosità.

Avatar utente
Ida-59
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Re: Rimembranze d'autunno

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Grazie mille per il benvenuto e i complimenti!
In effetti, le note sono pesanti ma fanno parte della bibliografia dell'opera, non della storia narrata: le avevo inserite in un messaggio successivo, appunto come note bibliografiche, ma poi sono state accorpate al messaggio del racconto.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 372
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

anche qui abbiamo il punto di vista di un oggetto, cosa che raramente avviene.
storia ben esposta, scritta in maniera corretta e scorrevole.
non segnalo errori di sorta o refusi.
forse quello che viene un poco a mancare è il coinvolgimento del lettore, perlomeno è ciò che è capitato a me.
buone anche le descrizioni.
in conclusione direi che è un buon lavoro.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 393
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

La personificazione e il punto di vista di un oggetto inanimato è un escamotage abbastanza comune in narrativa, in questo caso è usato con cognizione e gusto.
Il racconto è scritto bene, talvolta strappa anche un sorriso, come nel caso della reazione imbronciata di Beatrice alla vista del regalo; in fondo la Duchessa era una teenager.
Le note, invece, possono essere interessanti dal punto di vista storico ma mi sembrano un po’ superflue per la fruizione del testo, alcune poi non spiegano niente: per esempio, cos’è la “Turchesa”? Che tipo di veste?
Carino ma non mi ha coinvolto più di tanto.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 269
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ho trovato godibile il racconto, soprattutto per il punto di vista particolare e per l'attenzione per i particolari. È scorrevole e coerente, non ho niente da dire dal punto di vista formale. Come altri ho trovato un pò pesante l'inserimento delle note nel testo. Globalmente trovo sia carino, ma non mi ha preso più di tanto, per me è un 3.

Roberto
Foglio bianco
Messaggi: 8
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto »

Ciao Ida. Il tuo racconto mi è parso originale (il punto di vista di un oggetto), però l'ho trovato un po' troppo costruito e non mi ha coinvolto troppo. La tua scrittura è molto chiara e per niente noiosa, ma non è facile che l'attenzione venga catturata. Forse, dico forse, le note sono un po' superflue. Ad ogni modo, i miei complimenti. Ciao

Avatar utente
Ida-59
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Re: Rimembranze d'autunno

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Grazie a tutti per i commenti.
Come ho già scritto, le note fanno parte della bibliografia dell'opera, non della storia narrata: le avevo inserite in un messaggio successivo, appunto come note bibliografiche, ma poi sono state accorpate al messaggio del racconto. Mi spiace per l'inconveniente: erano state messe solo per fornire informazioni a chi fosse interessato.

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 252 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (802,46 KB scaricato 88 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Human Takeaway

Human Takeaway

(english version)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
What if we were cattles grazing for someone who needs a lot of of food? How would we feel if it had been us to be raised for the whole time waiting for the moment to be slaughtered? This is the spark that gives the authors a chance to talk about the human spirit, which can show at the same time great love and indiscriminate, ruthless selfishness. In this original parody of an alien invasion, we follow the short story of a couple bound by deep love, and of the tragic decision taken by the heads of state to face the invasion. Two apparently unconnected stories that will join in the end for the good of the human race. So, this is a story to be read in one gulp, with many ironic and paradoxical facets, a pinch of sadness and an ending that costed dearly to the two authors. (review by Cosimo Vitiello)
Authors: Massimo Baglione and Alessandro Napolitano.
Cover artist: Roberta Guardascione.
Translation from Italian: Carmelo Massimo Tidona.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (494,48 KB scaricato 158 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 - (in bianco e nero)

(edizione 2013, 7,12 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (7,12 MB) - scaricato 313 volte..

La Gara 68 - La gelosia

La Gara 68 - La gelosia

(gennaio 2018, 32 pagine, 945,88 KB)

Autori partecipanti: Lorenzo Iero, Enrico Gallerati, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Patrizia Chini, MicolFusca, Eliseo Palumbo, Claudio Lei.
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (945,88 KB) - scaricato 65 volte.
oppure in formato EPUB (414,28 KB) (vedi anteprima) - scaricato 54 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 24 - Andate tutti all'Inferno!

La Gara 24 - Andate tutti all'Inferno!

(ottobre 2011, 84 pagine, 4,26 MB)

Autori partecipanti: Skyla74, Jane90, Judith_Star, Giovanni Minio, Triptilpazol, dafank, Carlocelenza, Cazzaro, Nathan, Lodovico, William Munny, Recenso, Cristinacomparato, Nicoletta Palazzo , Exlex, Aleeee76, Ser Stefano, Cordelia, Maria92, Ritavaleria, Unanime Uno, jormungaard, Licetti, Davide Sax, Tuarag, Morgana Bart, Serenoodio, d Eg 0, Stefano di Stasio, Angela Di Salvo.
A cura di Alessandro Napolitano e Giovanni Capotorto.
Scarica questo testo in formato PDF (4,26 MB) - scaricato 659 volte.
oppure in formato EPUB (1,17 MB) (vedi anteprima) - scaricato 217 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.