Una serata a casa

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Votazione

Sondaggio concluso il 20/06/2020, 1:00

1 - non mi piace affatto
10
91%
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
1
9%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 11

Daniele Grilli
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 29/04/2020, 0:09

Author's data

Una serata a casa

Messaggio da leggere da Daniele Grilli »

Mario e Marta stanno distesi davanti alla tv a vedere la loro serie preferita, Mario sta sgranocchiando i pop corn mentre Marta sta bevendo la coca-cola, ad un certo punto salta la corrente, il soggiorno come tutta la casa si fece buio, Mario smise di mangiare i popcorn ed esclamò subito <<accidenti! forse hai dimenticato la lavatrice accesa, se tutte le luci sono accese non si può lasciare anche quella!>>
<<Mi sembra che la lavatrice oggi non l’ho usata>> disse Marta
<<Allora sono io che ho lasciato la lavastoviglie giù in cucina accesa, non per altro ma purtroppo stavo facendo alcuni aggiornamenti sul mio portatile!>>
Marta prese un chicco di pop corn, mentre sta per mangiarselo esclama <<allora vai a dare un occhiata!>> Mario si alza dalla poltrona dove stava seduto tanto comodo e si fiondò in cucina <<Accidenti il tasto di accensione è su “on”>> e mise il tasto a “off”.
Poi levò il quadro dove dietro era posizionato l’impianto elettrico, vide che era scattato il salvavita, sistemò tutto. Appena tornata la corrente il villino di due piani si illuminò tutto quanto, Mario tornando su diede un’occhiata al pc, per fortuna il pc aveva finito di di fare gli aggiornamenti esattamente un minuto prima che saltasse la corrente, Marta disse <<Era la lavastoviglie vero?>>
<<Effettivamente si, sono stato sbadato a lasciarla accesa.>>
A Marta gli prese a squillare il suo smartphone, vide che era una sua amica, Marta appena rispose si sentì dire <<Ciao Marta scusa ti parlo di fretta, collegati su Skype, facciamo una videochiamata, qui’ al telefono purtroppo dove sto io si sente la linea disturbata, poi capirai dentro queste quattro mura spesse dove sto io non piglia mai!>>
<<Vabbè dai non ti preoccupare, ora parlo con Mario e gli chiedo se mi presta il suo portatile>>
<<Ok allora ciao a dopo.>>
<<Chi era?>> domandò Mario.
<<Era Anny, la mia migliore amica, senti amore, mi potresti prestare il tuo pc?>>
<<Ok, ma a che ti serve?>>
<<Anny mi ha detto se posso un attimino videochiamarla su Skype, ma tanto non è un problema, è già tra i tuoi contatti>>
<<Vai pure, tanto ho finito di fare gli aggiornamenti.>>
<<Ok perfetto, tanto te lo restituisco subito.>>
Marta dopo avere aperto il portatile di Mario entrò su Skype, Anny era già connessa, Marta avviò la videochiamata, dopo quattro squilli rispose.
<<Ciao! da quanto tempo che non ci sentiamo, come stai?>>
<<Insomma! Come sempre...>>
<<Dai che non appena fa più caldo andiamo tutti insieme al giardino delle cascate all’Eur>> Rispose Anny.
<<In effetti non è male come idea, non vedo l’ora che venga il caldo, oggi un freddo, poi fuori piove anche!>>
<<Oggi si, poi oggi non è giornata, lo smartphone che mi si blocca anche, mi ha scritto Francesca su WhatsApp e il messaggio mi è arrivato ben sette ore dopo!>>
<<Accipicchia! oggi a me invece Mario mi ha lasciato la lavastoviglie accesa e ha fatto saltare la corrente in tutta casa>>
<<Capisco, succede dai>> Rispose Anny.
Poi Marta si dimenticò della sua serie in tv preferita e disse <<Scusami è iniziata di nuovo la mia serie tv preferita, ci sentiamo dopo.>>
<<Ok, a dopo, ciao ciao!>> finita la conversazione con Anny Marta si fiondò davanti al divano finalmente, Mario prima di rimettersi seduto sul divano decise di farsi un caffè, si avviò giù in cucina, accese la macchinetta del caffè e andò via di nuovo la corrente in tutta casa.

Stefyp
Apprendista
Messaggi: 117
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Racconto da rivedere da cima a fondo. I tempi verbali non sono rispettati: presente, passato remoto, passato prossimo sparsi qua e là per la frase, ripetizioni ecc. ecc. ecc.
Non sono dell'idea che i racconti debbano sempre contenere una trama fenomenale, densa di avvenimenti o di dialoghi dalla profondità abissale. A volte, anzi spesso, capita di leggere e di godere di racconti dove la storia è un piccolo, ma intenso momento di vita.
In questo racconto però la trama io non l'ho proprio trovata, mi spiace.

Speranza
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 18/01/2020, 19:02

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Speranza »

Concordo con Stefyp; tutto da rivedere. Probabilmente hai inviato il racconto senza rileggere. Ti consiglio, come è stato suggerito anche a me tempo addietro, di rileggere più e più volte, magari anche il giorno seguente e ti renderai conto che ad ogni rilettura ci sarà sempre qualcosina da "aggiustare". Comincia da questo racconto, prova a modificarlo. Oltre ai tempi verbali e alla ripetizioni presta attenzione anche alla punteggiatura e ai piccoli errori di ortografia (ad esempio "un" richiede l' apostrofo se la parola che segue è femminile). Buona revisione!

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 406
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

purtroppo devo confermare i precedenti commenti: racconto scritto veramente male, con tempi verbali mescolati in maniera assurda, punteggiatura competamente da rivedere.
una revisione completa è assolutamente necessaria, anche per sistemare i dialoghi, le maiuscole e tutti vari refusi ed errori che si incontrano leggendo la storia.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Roberto
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Re: Una serata a casa

Messaggio da leggere da Roberto »

A mio avviso ci sono troppi svarioni riguardo la consecutio temporum.
Per quanto riguarda il soggetto, mi spiace dirtelo, ma non lo trovo per niente interessante

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Non dico che bisogna sempre raccontare di vicende strabilianti, a volte anche una giornata perfettamente “normale”, se narrata con uno stile particolare o facendo dei collegamenti / ragionamenti più approfonditi, può risultare interessante. In questo caso ci sono problemi sia a livello di scrittura che di contenuti, a parer mio. Per questi motivi ho dato come voto un 1.

Mariovaldo
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Diciamo così: non ho letto altro di tuo ma sono quasi sicuro che sarebbe migliore di questo. Difficile, e qui mi scuso per la franchezza, fare peggio: tempi verbali a casaccio, punteggiatura idem, dialoghi senza mordente, trama inesistente. Forse lo hai scritto in una giornata no. Dovresti fare come me, non che voglia insegnarti qualcosa, solo svelarti un trucchetto. Io quando finisco un racconto lo lascio a lievitare almeno una giornata. Poi mi fingo un estraneo e lo rileggo con attenzione: ti assicuro che trovo mille difetti e, a volte, cestino tutto. Prova.

Avatar utente
Ida-59
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Il racconto ha problemi con i tempi verbali e si passa più volte dal presente al passato remoto nella stessa frase, cosa non ammissibile; contiene inoltre molti altri errori, ripetizioni e ingenuità che rendono non interessante la lettura, anche perchè non c'è alcuna trama. Se lo scatto del contatore facesse nascere un furioso litigio tra i due che si rinfacciano le colpe avrebbe un senso, ma così...
Marta gli prese a squillare il suo smartphone
Questa frase è davvero un problema…
Marta gli prese a squillare il suo smartphone, vide che era una sua amica, Marta appena rispose si sentì dire «Ciao Marta scusa ti parlo di fretta
Marta ripetuto tre volte in una riga e mezza è eccessivo.
Poi Marta si dimenticò della sua serie in tv preferita e disse «Scusami è iniziata di nuovo la mia serie tv preferita, ci sentiamo dopo.»
Caso mai la ragazza si ricorda della sua serie preferita, invece di dimenticarla.

Alessandro Mazzi
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi »

Non voglio essere ripetitivo e segnalarti ancora tempi verbali sbagliati o ripetizioni eccessive. Quello che più mi colpisce, in maniera negativa, è la mancanza di una trama di fondo: nel racconto non succede praticamente nulla che catturi l'interesse di chi legge. La corrente che se ne va magari potrebbe essere il punto di partenza su cui creare un piccolo intreccio. Da rivedere sotto più punti di vista.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 403
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Non posso far altro che ripetere quanto già consigliato negli altri commenti: c’è bisogno di una bella revisione per mettere a posto refusi e imprecisioni. Inoltre ti consiglio di lavorare su alcuni punti del racconto in modo da introdurre elementi dinamici nella storia.

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La spina infinita

La spina infinita

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"La spina infinita" è stato scritto quasi vent'anni fa, quando svolgevo il mio servizio militare obbligatorio, la cosiddetta "naja". In origine era una raccolta di lettere, poi pian piano ho integrato il tutto cercando di dare un senso all'intera opera. Quasi tutto il racconto analizza il servizio di leva, e si chiude con una riflessione, aggiunta recentemente, che riconsidera il tema trattato da un punto di vista più realistico e maturo.
Di Mario Stallone
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (467,93 KB scaricato 181 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (802,46 KB scaricato 94 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,11 MB scaricato 745 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara d'autunno 2019 - Mattoni, e gli altri racconti

Gara d'autunno 2019 - Mattoni, e gli altri racconti

(autunno 2019, 70 pagine, 1,10 MB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Giampiero, Lodovico, Giorgio Leone, Athosg, Carol Bi, Diego.G, Massimo Centorame, Namio Intile, Alessandro Mazzi, Frdellaccio, Teseo Tesei, Stefyp, Laura Traverso, Eliseo Palumbo, Saviani,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (1,10 MB) - scaricato 21 volte.
oppure in formato EPUB (497,82 KB) (vedi anteprima) - scaricato 17 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 21 - Lasciate ogni speranza, oh voi ch'entrate.

La Gara 21 - Lasciate ogni speranza, oh voi ch'entrate.

(giugno 2011, 32 pagine, 424,38 KB)

Autori partecipanti: Exlex, Mastronxo, Feffone, Aleeee76, Ser Stefano, Arditoeufemismo, JohanRazev, Roberto Guarnieri, Angela Di Salvo,
A cura di Conrad.
Scarica questo testo in formato PDF (424,38 KB) - scaricato 284 volte.
oppure in formato EPUB (226,82 KB) (vedi anteprima) - scaricato 198 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Giudizio Ardito - A.D. - Apocalypse Day

Giudizio Ardito - A.D. - Apocalypse Day

(maggio 2010, 88 pagine, 1017,02 KB)

Autori partecipanti: Lucia Manna, Mr. Nicotina, Vit, Ser Stefano, Mario, Magasulla, Augusto Manghisi, Massimo Baglione, Diego Bortolozzo, GiuseppeN, Seigi, Vecchia Zia Patty, Stefy71, CMT, Mastronxo, Manuela, Arditoeufemismo, Carlocelenza,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (1017,02 KB) - scaricato 717 volte.
oppure in formato EPUB (702,41 KB) (vedi anteprima) - scaricato 197 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.