Cyborg

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 20/06/2020, 1:00

1 - non mi piace affatto
2
33%
2 - mi piace pochino
1
17%
3 - si lascia leggere
3
50%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 6

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 16
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Cyborg

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

La navicella spaziale turbinava fra centinaia di asteroidi, sfidando la velocità della luce, quando apparve sul monitor un’astronave nemica. Dalle quattro ali della navicella fuoriuscirono altrettanti missili che colpirono e distrussero il nemico con un’esplosione di luci. La navicella proseguì il suo spericolato viaggio attraverso le rocce fluttuanti, preparandosi ad attaccare l’astronave madre nemica, mentre il suo comandante esultava soddisfatto.
“Peter, maledizione, spegni quell’affare! Ci è arrivato un altro pacco!”
Peter udì la voce di Christopher Davies che lo chiamava dalla stanza adiacente, e si alzò per spegnere la console. “Accidenti, stavolta ce l’avevo quasi fatta!” pensò amareggiato.
Peter era un tipo affabile e cordiale, fisicamente più alto della media, con piccoli occhi scuri e capelli neri rasati. Aveva iniziato a lavorare con Christopher Davies qualche mese addietro, dopo una lunga gavetta durata moltissimo tempo, tanto che stentava a ricordarne l’inizio.
Trovò Christopher intento ad aprire un grosso pacco della CyFoundation, la casa di produzione internazionale di robot e cyborg.
“E’ un modello addetto alle pulizie” disse Christopher alzando lo sguardo dal pacco. “E’ appena arrivato, perciò dobbiamo testarlo. Per montarlo non dovrebbero occorrere più di venti minuti. Su, dammi una mano”. Christopher tirò fuori ad uno ad uno dal pacco i vari componenti del cyborg e li sistemò con cura su un asse di metallo. Ravviandosi i capelli biondi, iniziò a leggere le istruzioni, ma dopo poco le stracciò. Faceva quel lavoro ormai da quindici anni, e sapeva benissimo come montare un cyborg. Iniziò quindi ad assemblare i vari pezzi con l’aiuto di Peter.
“Peter, come ti dicevo questo è un cyborg addetto alle pulizie. Dobbiamo solo azionarlo e, come facciamo con tutti i cyborg che ci arrivano, provare la sua efficienza” disse Christopher mentre collegava il braccio del cyborg al busto metallico. “E’ un modello abbastanza semplice, quindi dovresti riuscire a montarlo anche da solo. Nel frattempo vado a fare un po’ di sporcizia. Cogli l’occasione per buttare tutto quello che non ci serve per terra, così potremo subito mettere alla prova il nuovo arrivato”. Diede una pacca sulla spalla di Peter e si avviò verso la cucina, buttando il foglietto delle istruzioni sul pavimento.
L’intero lavoro di assemblaggio impiegò meno del previsto: infatti dopo quindici minuti i due, circondati da cartacce e avanzi alimentari, avevano davanti un cyborg intero, che li guardava con occhi spenti dall’alto dei suoi due metri di altezza.
“Ho finito, dobbiamo solo attivargli il Chip della Vita” esclamò Peter con soddisfazione, osservando il suo lavoro.
Il Chip della Vita era un dispositivo che conferiva al cyborg una “memoria di base”, che gli permettesse di credere che fosse in realtà un essere umano in carne ed ossa. Venivano impiantati ricordi di base, diversi da modello a modello, che consentissero ad ognuno di avere una propria identità. I ricordi principali contenuti nel Chip della Vita riguardavano gli anni della formazione, gli insegnamenti ricevuti per imparare il lavoro e l’inizio del periodo lavorativo: in questo modo i cyborg nascevano già istruiti, senza bisogno di nessun apprendistato. Ogni cyborg riceveva il suo Chip della Vita a seconda della mansione che era chiamato a svolgere, così che risultava essere impeccabile nel proprio compito.
Christopher prese il Chip dalla confezione e lo inserì nell’apposita fessura dietro la testa del cyborg.
“Ecco fatto, ora possiamo attivarlo” disse. Prese dal pacco il foglio contenente il codice di avviamento e lo lesse a voce alta. “KJD-7” articolò Christopher, scandendo le lettere ad una ad una.
Sulla testa del cyborg si accesero due piccoli occhi blu, che si guardarono intorno con aria confusa.
“Salve” farfugliò il cyborg. “Chi siete?” chiese squadrando i due individui con aria esitante.
“Da oggi lavorerai per noi. Non ricordi? Sei stato mandato qui ieri sera” disse Peter con sicurezza.
“Oh sì, ora ricordo.” affermò il cyborg, alzandosi dal letto.
“Bene. E’ pieno di cartacce qui. Io sono Christopher, e lui è Peter. Fai quello che devi fare, noi andiamo a mangiare qualcosa” disse Christopher. “A proposito … qual è il tuo nome?”
“Mi chiamo … George” rispose il cyborg, con un’espressione ancora intorpidita sul volto.
“Mettiti al lavoro, George” disse Christopher, chiudendo la porta dietro di sé.

Il giorno dopo Peter si alzò di buon’ora, e trovò Christopher seduto in cucina a fare colazione.
“Buongiorno” lo salutò.
“Buongiorno, Peter”
“Come va il nuovo arrivato? Funziona correttamente?”
“Sì, è efficiente” rispose Christopher mescolando il caffè. “Ha pulito tutto ieri sera e si è svegliato poco fa. Ha già fatto colazione, ora è nella sua stanza. Gli ho dato del tempo libero”.
“Bene, sono contento. Ultimamente ci arrivano sempre più cyborg difettosi e da dover rimandare indietro.”
“E’ vero, ma questo sembra non avere problemi. Mi è arrivata una lettera stamattina con diverse richieste. Quelli che sono disposti a pagare di più per lui sono una famiglia di Columbus. Domattina gli dirò che si dovrà trasferire là” disse Christopher prima di una lunga sorsata di caffè.
Si alzò e si diresse verso la sua camera per prepararsi ad una nuova giornata di lavoro.
“Io vado a farmi una doccia e a vestirmi. Poi devo andare a sbrigare delle faccende in ufficio e a comprare qualche pezzo di ricambio. Ci vediamo quando torno”
“A dopo” lo salutò Peter con la bocca piena.
Christopher fece per salire le scale che conducevano in camera sua quando notò una lettera sulla scrivania, nella sala degli imballaggi. Guardò con aria accigliata il logo sulla busta: CyFoundation.
“Accidenti, ancora lavoro!” pensò amareggiato. “Non si riesce ad avere un solo giorno di riposo in questo laboratorio”.
Aprì la lettera, e il suo volto cambiò espressione man mano che andava avanti nella lettura. Alla fine aveva un’espressione abbattuta sul viso. Si mise la lettera in tasca e salì le scale verso la camera da letto.

Quando Christopher fece ritorno, quella sera, Peter era in cucina a parlare con George del lavoro che lo aspettava l’indomani. Quando lo vide entrare lo salutò, ma Christopher ricambiò il saluto solo con un cenno del capo, e si affrettò a salire le scale per chiudersi in camera sua.
“Strano, in genere non si comporta così” disse Peter, più a sé stesso che a George.
“Avrà avuto una giornata storta” ipotizzò il cyborg. “Può capitare a chiunque di avere una giornata storta.”
“Vado a vedere cos’è successo” decise Peter. Si alzò e salì le scale, diretto verso la porta della camera dell’amico.
“Ehi, Chris!” lo chiamò. “Va tutto bene? Cos’è successo? Si tratta di lavoro? Hai ricevuto brutte notizie dalla dirigenza? Dobbiamo fare del lavoro extra nei prossimi giorni, per caso?”
Da dietro la porta si sentì un rumore di passi, e il volto pallido di Christopher Davies fece capolino dall’uscio. I suoi profondi occhi marroni squadrarono Peter dalla testa ai piedi come se lo vedessero per la prima volta, ma poi si fermarono per guardarlo in faccia. “Va tutto bene” sorrise Christopher. “Sono solo un po’ stanco, me ne vado a letto.”
“Ma non hai mangiato niente” protestò Peter. “La cena è pronta, io e George ti stiamo aspettando di sotto.”
“Non ho fame” si affrettò a replicare Christopher. “E poi ho mangiato un panino, tornando a casa.”
Peter guardò l’amico con aria preoccupata. Erano solo compagni di lavoro, ma col tempo erano diventati amici. Ora Christopher era il migliore amico di Peter, anche perché dovendo vivere sul posto di lavoro non c’erano molte possibilità di fare nuove conoscenze.
“Bene” acconsentì Peter sottovoce. “Allora io torno di sotto. Buonanotte Chris.”
“Buonanotte Peter”.
Peter sorrise all’amico e scese le scale. Non si voltò, ma sentì che la porta della stanza di Christopher non si richiuse fin quando lui non entrò in cucina.

L’uomo sentì la sveglia e si alzò dal letto, facendo attenzione a non fare rumore. Andò in bagno, si lavò, poi tornò nella camera per vestirsi. Prese la valigia che aveva riposto sotto al letto e le ultime cose che aveva lasciato sul comodino, e chiuse la porta della sua stanza dietro di sé. Scese le scale, lasciò un foglio di carta sul tavolo della cucina e fece per dirigersi alla porta d’ingresso, quando scorse una sagoma venire verso di lui.
“Christopher, sei tu? Dove stai andando?”
Era George. Evidentemente si era svegliato prima del dovuto.
“Me ne vado, George” rispose Christopher. “Ti auguro buona fortuna per tutto. Addio” e, così dicendo, scomparve dietro la porta.

Il mattino dopo Peter si svegliò e, come al solito, scese per fare colazione.
“Buongiorno George” disse al cyborg che lo aspettava in cucina. “Christopher è ancora a letto?”
“No, Christopher è andato via” rispose il cyborg.
“Andato via? Che significa? Dov’è andato, perché non mi ha detto niente?”
“Ho trovato questa lettera” disse George, porgendo il foglio di carta a Peter. “E’ per te”
Peter prese la lettera dalle mani di George con espressione preoccupata sul viso e si sedette sulla sedia più vicina. Poi cominciò a leggere.

“Carissimo Peter,
ho ricevuto una lettera dalla CyFoundation ieri mattina, nella quale c’era scritto che mi avrebbero trasferito. Ovviamente ero contrario, così sono andato a parlare con la dirigenza, ma non hanno voluto sentire ragioni. Ho provato a fargli cambiare idea ma non c’è stato verso. Percepirò un salario maggiore e avrò un laboratorio più grande a disposizione, con maggiore tempo libero per me e meno ore di lavoro. Ti dirò la verità Peter, amico mio, sapevo che sarebbe successo un giorno. Puoi darmi del codardo per non avere avuto il coraggio di salutarti di persona e lo sono, un codardo, ma così è meno doloroso per entrambi. Ed è ora che ti dica una cosa, Peter. Tu sei un cyborg. Un cyborg come gli altri. Il tuo compito è quello di testare altri cyborg. E’ per questo che sei stato costruito. In tutto questo tempo passato insieme, il mio unico compito era quello di provare la tua efficienza. Ora sei perfettamente in grado di svolgere il tuo lavoro da solo, senza il mio aiuto. Sai perfettamente come si fa. Quando arrivano nuovi cyborg, li devi montare e testare. Se svolgono il loro lavoro come previsto, aspetti che ci sia una richiesta per loro. Così con ogni cyborg. Sei stato un collega esemplare e un ottimo amico. Sono quelli come te che dimostrano quanto un cyborg, un essere creato dagli umani per i loro bisogni, possa essere migliore del proprio creatore. Ti auguro tanta fortuna e un futuro sereno.
Ti ho voluto bene Peter.
Con affetto, Christopher”.

Peter lasciò cadere il foglio, lo sguardo fisso davanti a sé. Probabilmente George mormorò qualcosa, ma lui non lo sentì. Pensava alla sua vita, una vita mai vissuta. Pensava a quanto fosse difficile accettare la verità. Pensava che dopotutto avrebbe continuato a fare il suo lavoro, perché, e quant’era difficile ammetterlo, era per quello che era stato costruito. Si alzò dalla sedia e aprì la porta della cucina, ma non aveva più fame. Davanti a lui vi erano due scatoloni: due nuovi cyborg da testare. Due suoi fratelli. Aprì il primo pacco e si mise al lavoro.
Ultima modifica di Valerio Geraci il 06/06/2020, 11:01, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 415
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

non parte benissimo, ci sono molte ripetizioni.
poi però, verso la fine, prende una piega diversa e diventa molto più leggibile.
ecco, una bella revisione non sarebbe male, anche perché l'idea è simpatica.
buoni i dialoghi, anche se a volte sembrano scontati.
discrete anche le descrizioni.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Selene Barblan
Correttore di bozze
Messaggi: 305
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Il racconto non mi è dispiaciuto e sei stato bravo a sorprendere il lettore, per lo meno io non mi aspettavo un finale simile. Il linguaggio è piuttosto semplice e lineare, va però rivisto perché ci sono degli errori. Ad esempio penso sia “ravviarsi” i capelli e non ravvivarsi, probabilmente è una svista. Anche alcuni tempi verbali sono da rivedere. Voto 3 per me

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 16
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Re: Cyborg

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Grazie ad entrambi per i preziosi consigli, ho provveduto ad effettuare una piccola revisione

Avatar utente
Ida-59
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Mah… il racconto non mi dice molto, né in quanto a originalità né come correttezza dello stile di scrittura. Una breve conclusione, più o meno prevista - tra tutti quegli improbabili "Buongiorno Peter" e "Ciao Christopher" per altro mancanti della virgola del vocativo - per una storia un po' dispersiva, troppo lunga per una sorpresa che non è poi stata tale.

Avatar utente
Flavio Capelli
Foglio bianco
Messaggi: 3
Iscritto il: 10/01/2015, 10:58

Author's data

Re: Cyborg

Messaggio da leggere da Flavio Capelli »

Da grande consumatore di fantascienza cyberpunk (ad es. Ghost in the Shell) la rivelazione non mi stupisce per nulla. Posso capire che funzioni per altri, però.

Direi che al racconto serve una buona revisione stilistica: dovrebbe essere più chiaro soprattutto all'inizio; usare un po' più "mostra, non raccontare" ed avere dialoghi più frizzanti. Un racconto con rivelazione a sorpresa di questo tipo potrebbe forse funzionare meglio se condensato al massimo in un singolo pugno da KO - oppure ha bisogno di essere espanso per sviluppare meglio il tema.

Però a me fa sorgere una domanda: in quale tipo di società viene considerato eticamente accettabile creare esseri senzienti e consapevoli con una vita fittizia?

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Tema abbastanza classico nella fantascienza, l’essere artificiale che non sa di esserlo. Si possono aprire infiniti dibattiti filosofici ed etici su questo argomento, senza arrivare a conclusioni definitive.
Una piccola incongruenza logica: si parla di montaggio, di busto metallico, riguardo ai cyborg, come possono pensare di essere umani se hanno coscienza di sé?
Per il resto il racconto mi sembra scritto bene, anche se è un po’ troppo descrittivo.

Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Gare letterarie stagionali - annuario n° 1 (2018 - 2019)

Gare letterarie stagionali - annuario n° 1 (2018 - 2019)

Le Gare letterarie stagionali sono concorsi a partecipazione libera, gratuiti, dove chiunque può mettersi alla prova nel forum di BraviAutori.it, divertirsi, conoscersi e, perché no, anche imparare qualcosa. I migliori testi delle Gare vengono pubblicati nei rispettivi ebook gratuiti i quali, a ogni ciclo di stagioni, diventano un'antologia annuale come questa che state per leggere..
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Mazzi, Angelo Ciola, Aurora Gallo, Ida Dainese, Carlo Celenza, Carol Bi, Daniele Missiroli, Draper, Edoardo Prati, Fabrizio Bonati, Fausto Scatoli, Gabriele Ludovici, L.Grisolia, Laura Traverso, Liliana Tuozzo, Lodovico, Marco Daniele, Namio Intile, N.B. Panigale, Nunzio Campanelli, Pierluigi, Roberto Bonfanti, Seira Katsuto, Selene Barblan, SmilingRedSkeleton, Stefano Giraldi Ceneda, Teseo Tesei, Tiziano Legati, Tiziana Emanuele.
Vedi ANTEPRIMA (214,82 KB scaricato 30 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Time City

Time City

amanti nel tempo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Con questo romanzo scopriremo in che modo un rivoluzionario viaggio nel Tempo darà il via a un innovativo sistema di colonizzare la Luna e, forse, l'intero Universo. Partendo dalla Terra con una macchina del Tempo, è possibile arrivare sulla Luna? In queste pagine vi sarà raccontato del lato "Tempo" di questa domanda. La parte "Luna" (qui solo accennata) verrà sviluppata più corposamente nel seguito di questo libro auto-conclusivo. L'autore ha cercato a lungo qualche riferimento a opere che narrassero di un crononauta che sfrutti il viaggio nel Tempo per raggiungere il nostro satellite naturale, ma non è riuscito a trovarne alcuna. Lo scrittore Giovanni Mongini (autore, tra le varie cose, dello splendido articolo "Viaggio al centro del tempo") lo ha confortato in tal senso, perciò si vuole concedere il lusso di indicare la sua persona come colei che ha inventato per prima questo tipo di viaggio Terra-Tempo-Luna. Concedeteglielo, vi prego, almeno per un po' di… tempo.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,18 MB scaricato 345 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

BReVI AUTORI - volume 4

BReVI AUTORI - volume 4

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Angela Catalini, Mirta D., Umberto Pasqui, Verdiana Maggiorelli, Francesco Gallina, Francesca Santucci, Sandra Ludovici, Antonio Mattera, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Romina Bramanti, Alberto Tivoli, Fausto Scatoli, Cinzia Iacono, Marilina Daniele, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Isabella Galeotti, Arcangelo Galante, Massimo Tivoli, Giuseppe Patti, SmilingRedSkeleton, Alessio Del Debbio, Marco Bertoli, Simone Volponi, Tiziano Legati, Francesco Foddis, Maurizio Donazzon, Giovanni Teresi, Sandro Pellerito, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (730,53 KB scaricato 64 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 1 - I 7 vizi capitali

La Gara 1 - I 7 vizi capitali

(novembre 2008, 20 pagine, 598,16 KB)

Autori partecipanti: Pia, Massimo Baglione, Nembo13, DaFank, Rona, Yle, Dixit.
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (598,16 KB) - scaricato 898 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 56 - Amicizia ritrovata

La Gara 56 - Amicizia ritrovata

(novembre 2015, 25 pagine, 794,03 KB)

Autori partecipanti: Carlocelenza, Skyla74, Alberto Tivoli, Patrizia Chini, Giorgio Leone, Eliseo Palumbo, Angelo Manarola.
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (794,03 KB) - scaricato 322 volte.
oppure in formato EPUB (324,30 KB) (vedi anteprima) - scaricato 185 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Proposta indecente - Le Lido

Proposta indecente - Le Lido

(aprile 2010, 22 pagine, 570,67 KB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Bonnie, Carlocelenza, Rita di Sano, Stefy 71, VecchiaZiaPatty.
A cura di Bonnie.
Scarica questo testo in formato PDF (570,67 KB) - scaricato 546 volte.
oppure in formato EPUB (355,52 KB) (vedi anteprima) - scaricato 204 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.