How Can I Be Sure?

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

Il sondaggio termina il 22/09/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
1
17%
2 - mi piace pochino
1
17%
3 - si lascia leggere
3
50%
4 - è bello
1
17%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 6

Macrelli Piero
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

How Can I Be Sure?

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

How Can I Be Sure?


Anche stavolta abbiamo litigato e anche stavolta ci siamo lasciati e come una scema quando ritornerà, perché ritornerà, io gli dirò di sì. E' uno stronzo, ma lui dice che se non fosse stato stronzo io non mi sarei mai accorta di lui. Proprio così mi dice, Se non fossi stronzo non ti piacerei. E ho una gran paura che abbia ragione. E poi dice che se vado allo Slego vuole dire che mi piace il genere. Altrimenti avresti un moroso ciellino, così mi dice, che farei economia e commercio invece che il Dams. Ma lui ha finito le superiori e adesso lavora, lavora e va in giro con i suoi amici e con la sua moto, quella Yamaha XT del cazzo che vuole più bene e lei che a me. Però quando mi porta in giro mi piace anche a me. Insomma che cazzo sa lui di università che si permette di dire che il Dams è una stronzata, che l'ho fatto venire su anche a Bologna durante l'occupazione e si è divertito molto in facoltà occupata e anche nel mio letto, lo stronzo. E invece poi mi dice che il Dams è proprio roba del cazzo, per fighetti ricchi. Meglio che molli questa stronzata, mi ha detto in faccia, che qui non rimedi un cazzo. Mi ha offeso e mi sono messa anche a piangere e gli ho detto che era ignorante che non capiva che io ci credo veramente. Ci crede veramente, l'artista, mi ha detto in faccia e poi mi ha preso per un braccio che mi ha fatto anche male. Era fuori di testa e cominciò a dire, Adesso mi fai vedere il libretto degli esami, voglio proprio vedere il libretto degli esami. Diceva così e non mi lasciava il braccio e mi portava in giro per la mia stanza nell'appartamento di Bologna e rovesciava i cassetti per cercare il libretto degli esami. Non lo ha trovato e allora ha preso le sue cose ed è andato via. Io mi sono buttata sul letto e mi son messa a piangere come una scema che non la finivo più. Non perché mi aveva fatto male al braccio, non perché ci stavamo lasciando per la centesima volta, che tanto sabato allo Slego mi ci sarei rimessa di nuovo, ma piangevo soprattutto per una altra cosa. Perché aveva ragione, su quello aveva ragione, ma non lo volevo ammetterlo davanti a lui. Il mio libretto degli esami fa veramente schifo.

“How can I be sure?
When your intrusion is my illusion
How can I be sure
When all the time you changed my mind
I asked for more and more
How can I be sure.”

Tutte le mie amiche dicono che dovrei chiudere definitivamente con lui che poi quando arriviamo allo Slego lo vedono anche loro che è sempre ubriaco e balla come uno scemo con i suoi amici, che quella che poi alla fine fa la figura da stupida sono io e di riflesso anche loro rischiano di passare da stupide oche. Io invece dico che siamo un bel gruppo di ragazze che siamo "tendenzione" e qualche volta andiamo anche all'Aleph per regolarci il look, che comunque deve essere un look “dark” e “new vawe”, naturalmente.
Quando ci siamo conosciuti allo Slego suonavano una canzone dei “Cure”, “A Strange Day”. Io non me lo ricordo, ma lui dice che ne è sicuro che quando mi aveva visto aveva aspettato che mettessero su i “Cure” per venire da me, che poi si ricorda anche cosa mi aveva detto, Che strano che una ragazza per curare la propria femminilità deve imitare un uomo che per curare la propria immagine si trucca da donna e si cotona i capelli. Poi con il pollice mi ha sbaffato il rossetto. Ecco così sei uguale uguale, ha detto, Andiamo a ballare questo pezzo, Robert. Non mi chiamo Robert, ho detto, ma ero contenta e mi stimavo che gli piacevo, perché io quello lo avevo preso come un complimento, ma le mie amiche mi avevano detto che, secondo loro, mi stava prendendo per il culo. Io non lo credo, ma come faccio ad essere sicura? In fondo gli chiedo solo un po' più di amore. Solo un po' più d'amore, non voglio mica il controllo totale, ma non potrei sopportare un fallimento di questa storia.

“When you don't give me love (You gave me pale shelter)
You don't give me love (you give me cold hands)
And I can't operate on this failure
When all I want to be is
Completely in command.”

Però l'altra volta che abbiamo litigato eravamo allo Slego, di sopra, sul ballatoio vicino al guardaroba era quella volta che gli ho detto che quando arrivo allo Slego con le amiche lui è sempre ubriaco e che balla come uno scemo e che una volta aveva una scarpa diversa dall'altra. Io ero seria, ma lui mi ha guardato come se mi vedesse attraverso perso nei i suoi pensieri, poi mi ha detto, Adesso parliamo seriamente. Tecnicamente io sono astemio, non bevo e non fumo e appunto per questo mi bastano due bicchieri di trebbiano, trebbiano non sangiovese che mi schifa, che prendo al bar e che strozzo a fatica con spianata e mortadella. Solo quello, il resto è energia che scatena questo posto, non la senti, cazzo, non la senti che trasuda dai muri? Pensa che le prime volte che venivo qui prendevo il “Billy” il bricchetto di succo di arancio con cannuccia. Avevo anche paura di andare dall'altra parte del ballatoio dove si vanno a mettere tutti i tossici di piazza Cavour. L'anima nera di questo locale, buio e con la nebbia del fumo. Cazzo quando suonano “Psycho Killer” arrivano i cori dal di là come i lamenti di un girone infernale. Poi ti abitui, il posto ti prende e tutto diventa possibile. Cazzo tutto diventa possibile, grottesco e anche divertente. L'altra sera mentre arrivavamo c'era questo tipo grande e grosso che si faceva sotto un lampione vicino all'ingresso. Proprio così si era messo sotto il lampione perché non ci vedeva bene, mi ha detto. Tutti passavano facendo finta di niente, ma io come un boy scout che aiuterebbe una vecchietta ad attraversare la strada sono andato lì. Sono andato lì perché dovevo trasformare il dramma in una farsa. Lo facevo per me, non per lui. Lui era piegato che non riusciva a farsi gli ho detto, What's up Doc?, ma non credo abbia capito la battuta che poi quando è ripartito camminava come uno zombie che aveva ancora la siringa infilata nel braccio e voleva entrare messo così. Amico così sei impresentabile, gli ho detto e poi gli ho fatto togliere la siringa, ma poi dovevo trovare un finale grottesco alla situazione. Aveva un piede ingessato e la pantofola che ti mettono apposta quando hai un piede ingessato, me ne ero accorto in quel momento, e un uomo con un piede ingessato fa ridere anche se è un tossico strafatto. così dovevamo diventare un duo comico che fa la propria entrata. Teatro di improvvisazione, mi insegni tu che fai il Dams. Non dirmi che vuoi entrare così conciato, gli ho detto, Passi che sei fatto come un copertone, ma c'è comunque un minimo di livello estetico da mantenere altrimenti rovini la reputazione del locale. Con una scarpa così non ti faranno mai entrare. Lui, in pieno sballo, dondolava su se stesso e mugugnava cose senza senso e non si è nemmeno accorto che gli rubavo la scarpa che poi mi sono messo io e siamo entrati a braccetto zoppicando entrambi e che poi ho continuato ad indossare per tutta la tutta la sera ballando come uno scemo. Non potevo non farlo. A quel punto non potevo proprio non farlo. Lo capisci?

“How can I be sure
For all you say you keep me waiting
How can I be sure
When all you do is see me through
I asked for more and more
How can I be sure.”

Io sono rimasta senza parole. Riesce sempre a farmi cambiare idea. La mette in un modo che ti sembra che abbia ragione lui. Solo che io sto qui a d aspettare, aspettare che cosa? Che cambi lui, che cambi io? Io cerco solo una storia importante. Non voglio mica il completo comando, solo un po' più di amore, ma con lui come faccio? Come faccio ad essere sicura?
Ultima modifica di Macrelli Piero il 22/06/2020, 13:06, modificato 1 volta in totale.

Macrelli Piero
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Questa è la terza volta che partecipo a queste gare e se qualcuno ha letto i miei precedenti racconti avrà notato che sono intimamente legati. Tutto è nato sulle pagine Facebook dedicate allo "Slego", mitico locale riminese degli anni '80. Su queste pagine vengono lincati i pezzi musicali che si ascoltavano allora e a seguire brevi commenti. Io invece avevo cominciato a raccontare storie così, a mano libera senza troppa attenzione alla forma, poi ho cominciato ad aumentare l'attenzione e a curare un po' più la forma e così li metto qui per ricevere commenti anche in attesa di ulteriori correzioni. Il racconto trova ispirazione e segue l'emozione delle canzone "Pale Shelter" dei "Tears For Fears" e il testo ( che non è mio) è inserito nel racconto e spero ciò si possa fare senza ledere diritti.
https://www.youtube.com/watch?v=BUfcT5OoP-8

Io amo scrivere in prima persona e questa è la prima volta che la voce narrante è femminile e il rischio era di far trasparire un autore maschio che vuole scrivere come farebbe una autrice femmine. A me sembra di esserci riuscito evitando questo rischio.

Athosg
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Athosg »

È un buon racconto perché ha il pregio di raccontare un'epoca, quei mitici anni '80 che non verranno mai dimenticati per tanti di quei motivi che neanche mille sociologi riuscirebbero a spiegare. Dai ricordi del passato direi che la ragazza che parla in prima persona è una madonnara (fan di Madonna, cantante) 😀

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Il racconto è efficace nel rendere un’atmosfera, un passato neanche tanto lontano; mi sono immaginata il locale, la musica, le persone accalcate. Credo che i pensieri della ragazza siano abbastanza realistici, io me la sono figurata molto giovane e piuttosto insicura. Il testo non è di lettura immediata, per via dei dialoghi inseriti nel pensiero narrante; quando ad un certo punto il ragazzo racconta alla ragazza la scena della scarpa mi sono un attimo confusa perché non c’è una struttura ben definita (ma rileggendo poi ho capito). Ci sono diverse imprecisioni (es.: glielo fatta togliere, metteno su psycho killer, a d aspettare); da come la vedo io l’intento era di rendere il gergo giovanile del momento, ma mi ha a tratti infastidito. Globalmente non mi è dispiaciuto.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 406
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

nel complesso non mi dispiace.
la storia narra una situazione ma anche un periodo, con tutto quello che ne faceva parte.
le descrizioni sono buone, nulla da dire, però ho trovato alcuni refusi notevoli.
al contempo non apprezzo più di tanto il metodo narrativo, ma quello è di sicuro un mio problema
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Francesco Pino
Foglio bianco
Messaggi: 38
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

La giovinezza è un periodo davvero bello. Restiamo attaccati alla musica che ascoltavamo, ai nostri locali, alle moto, agli episodi… A nessun altro periodo del passato siamo legati alla stessa maniera.
Nell'insieme un buon racconto e l'uso del modo di parlare dei giovani lo rende più autentico. Io penso che avresti dovuto virgolettare quando parla il ragazzo.

Lucia De Falco
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il testo riflette un modo di parlare giovane, veloce, concreto. Anche se i giovani ad essere rappresentati appartengono agli anni ottanta, non si direbbe dal linguaggio. Si dovrebbe fare un po' più attenzione alla punteggiatura, aggiungendo delle virgole, inoltre quello che noto in questo testo è l'incompiutezza, ovvero, più che un racconto, sembra essere una pagina di diario che resta sospesa, quindi non soddisfa il lettore, curioso di conoscere il finale. Il pregio è che sembra veramente narrato da una ragazza.

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Idra Loop

Idra Loop

la strana verità di una fotografia che non dovrebbe esistere

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In una tranquilla cittadina del Nord Italia, gli abitanti rivedono se stessi da giovani. Il CICAP vuole vederci chiaro e ingaggia un reporter specializzato in miti e misteri. Però anch'egli viene suo malgrado coinvolto in qualcosa di altrettanto assurdo, infatti appare dal nulla una misteriosa fotografia Polaroid che lo ritrae in una circostanza mai esistita.
Cosa lega questi due misteri?
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (156,02 KB scaricato 154 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Rosso permissivo

Rosso permissivo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Una bambina e alcune persone subiscono una crudele e folle violenza. Cosa potrebbe fare una donna per vendicarsi e scongiurare la possibilità che anche sua figlia cada vittima dei carnefici? Lo scopriremo in questo racconto, dato che il rosso ce lo permette.

Copertina di Roberta Guardascione
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (382,46 KB scaricato 170 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

69 Orizzontale

69 Orizzontale

l'Antologia erotica

Oltre 300 pagine di ottimo erotismo sotto forma di racconti, poesie e illustrazioni. Contiene un racconto della scrittrice Valeria Ferracuti e disegni di Furio Bomben. Ogni testo è abbinato a una domanda in formato "settimana enigmistica" che testerà l'attenzione del lettore. La dura selezione alla quale sono stati sottoposti i partecipanti, garantisce al libro una qualità che raramente è stata raggiunta in passato.
A cura di Massimo Baglione, Angela Di Salvo e Alessandro Napolitano;
in collaborazione con Valeria Ferracuti di mysecretdiary.it;
copertina di Roberta Guardascione;
illustrazioni aggiuntive realizzate da Furio Bomben;
strisce enigmistiche di Diego Capani.

Contiene opere di: Allison Bersani, Gabriella Pison, Gianni Giovannone, Serena Rosata, Simone De Andreis Gerini, Thierry59, Grey Delacroix, Giovanni Altieri, Marina Priorini, Antonella Rita Provenzano, Furio Bomben, Alessandra Gaggioli, Marina Casali, Mew Notice, Enrica Restelli, Valter Padovani, Alessandro Moschini, Tullio Aragona, Elena Girotti, Edoardo Baietti, Gilbert Paraschiva, Gianluigi Redaelli, Connie Furnari, Flavia Ippolito, Mariella Scarano, Piergiorgio Annicchiarico, Poly, Alessio Boni, Carmine Rosano, Alberto Tristano, Barbara Bertucci, Armando D'Amaro, Livin Derevel, Stefano Masetti, Alfio Faedi, Giovanni Gentile, Bruno Elpis, Riccardo Carli Ballola, Roberta Eman, Anna Pisani, Ser Stefano, Riccardo Sartori, Giovanna Amoroso, Jen Ricci, Michele Cogni, Paolo Ferruccio Cuniberti, Claudio Gavina, Valeria Ferracuti.
Vedi ANTEPRIMA (298,69 KB scaricato 836 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 12 - Dopo mezzanotte

La Gara 12 - Dopo mezzanotte

(marzo 2010, 38 pagine, 588,25 KB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Carlocelenza, CMT, Dafank, Dino, Gigliola, Manuela, Marcello, Michele, Sphinx, Stefy71, VecchiaZiaPatty,
A cura di GiuseppeN.
Scarica questo testo in formato PDF (588,25 KB) - scaricato 442 volte.
oppure in formato EPUB (374,34 KB) (vedi anteprima) - scaricato 228 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 55 - La capsula del Tempo

La Gara 55 - La capsula del Tempo

(ottobre 2015, 25 pagine, 824,77 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Carlocelenza, Angelo Manarola, Giorgio Leone, Patrizia Chini, Alberto Tivoli, Nembo13,
a cura di Skyla74.
Scarica questo testo in formato PDF (824,77 KB) - scaricato 151 volte.
oppure in formato EPUB (287,35 KB) (vedi anteprima) - scaricato 201 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Gara d'Estate 2018 - Incontri, e gli altri racconti

Gara d'Estate 2018 - Incontri, e gli altri racconti

(estate 2018, 50 pagine, 840,41 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Carlo Celenza, Gabriele Ludovici, Draper, Nunzio Campanelli, Pierluigi, Roberto Bonfanti, Fausto Scatoli, Edoardo Prati, SmilingRedSkeleton, Daniele Missiroli, Lodovico,
a cura di Massimo Baglione e Laura Ruggeri.
Scarica questo testo in formato PDF (840,41 KB) - scaricato 43 volte.
oppure in formato EPUB (370,75 KB) (vedi anteprima) - scaricato 38 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.