La collezione

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Votazione

1 - non mi piace affatto
1
8%
2 - mi piace pochino
1
8%
3 - si lascia leggere
3
23%
4 - è bello
6
46%
5 - mi piace tantissimo
2
15%
 
Voti totali: 13

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

La collezione

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Quella che preferisco somiglia vagamente ad un lombrico. È rosea, lucida, sembra quasi unta. La forma è perfetta, una lancia smussata coi bordi scuri, che danno il senso della profondità. È asimmetrica - odio tutto ciò che emula la perfezione - su un lato si allunga e con delicate volte si assottiglia fino a scomparire nel solco formato dai seni. Si trova lì dove più mi serve, contorna quello che è il luogo che nessuno mai dovrà toccare. Che osino anche solo avvicinarsi...
Potrei osservarla e ammirarla per ore, non mi stanca mai. Quando la sfioro con la punta delle dita mi dà un brivido, piacevole; la ruvida superficie e lo spessore, ... se chiudo gli occhi la posso immaginare come una radice che penetra e raggiunge gli strati più profondi della pelle.
Ciò che l’ha creata è impresso nei miei ricordi, come cucito, ricamato, ne posso osservare ogni punto, ogni sfumatura: amo veder fluire le immagini, proiettate sulla parte nascosta delle mie palpebre.
Una volta ero più attenta, sapevo di non dover esagerare; indulgere in questa sorta di meditazione mi fa perdere il senso della realtà e quando mi ritrovo nuovamente in mezzo alle persone faccio fatica a pensare ad altro.
Mi rendo conto che questa mia passione sta gradualmente prendendo possesso della mia vita. Tutto il tempo che trascorro in solitudine ne viene assorbito. Quasi non mangio più, dormire mi pare una cosa insensata. Le passo in rassegna tutte, una dopo l’altra, dalle più sottili a quelle più profonde e significative, per concludere immancabilmente con Lei.
Quando sono costretta ad uscire sembro ormai un automa, perché tutte le mie energie convergono nel desiderio di tornare a casa il prima possibile e ricominciare. Ancora e ancora.
Certo, lo so. Si avvicina il momento in cui tutto ciò non sarà più sostenibile. Ci sarà colui che deciderà per me, mi costringerà a smettere, mi strapperà a questa ossessione.
Sarà comunque un regalo per me, creerà un’altra, perfetta cicatrice. Un’altra ad aggiungersi alla mia collezione.

Avatar utente
Ida-59
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Complimenti! Una brevissima storia scritta molto bene, con termini appropriati, studiati appositamente per evocare le immagini richiamate dal titolo, in un tripudio di aggettivazione che rallenta il ritmo. Davvero un ottimo stile, piacevole da leggere. Il finale è, volutamente, scioccante e induce a rileggere la storia che assume così tutto un altro significato.
Voto globale 4: mi è piaciuto più lo stile rispetto al contenuto.

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Il testo è scritto davvero molto bene, complimenti. Concordo con il commento precedente sul fatto che lo stile superi il contenuto, ma ho l'impressione che per apprezzarlo al 100% ci voglia una particolare sensibilità femminile che forse non ho. Voto 3 per me.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ida-59 ha scritto:
21/06/2020, 10:59
Complimenti! Una brevissima storia scritta molto bene, con termini appropriati, studiati appositamente per evocare le immagini richiamate dal titolo, in un tripudio di aggettivazione che rallenta il ritmo. Davvero un ottimo stile, piacevole da leggere. Il finale è, volutamente, scioccante e induce a rileggere la storia che assume così tutto un altro significato.
Voto globale 4: mi è piaciuto più lo stile rispetto al contenuto.
Grazie Ida per il tuo commento e apprezzamento, mi fa in particolare piacere il fatto che ti sia presa il tempo di rileggerlo per comprenderlo ancor meglio.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Valerio Geraci ha scritto:
21/06/2020, 11:19
Il testo è scritto davvero molto bene, complimenti. Concordo con il commento precedente sul fatto che lo stile superi il contenuto, ma ho l'impressione che per apprezzarlo al 100% ci voglia una particolare sensibilità femminile che forse non ho. Voto 3 per me.
Grazie Valerio, già aver scritto qualcosa di apprezzabile a livello stilistico è per me una soddisfazione. Riguardo il contenuto penso sia normale e comprensibile ciò che dici, leggere è un’attività molto personale, i gusti non si discutono :)

Macrelli Piero
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

La brevità e sintesi sono due aspetti di questo racconto che lo valorizzano lasciandoti con il piacevole dolore di non potere sapere di più. Cicatrice come innesto e ibridazione di cui purtroppo non ne vedremo la fioritura come ci preannuncia il finale.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 409
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

molto originale e ottimamente esposto, con descrizioni altamente efficaci, soprattutto alla seconda lettura.
finale a sorpresa ma non troppo, visto che dalla prima all'ultima riga lo prepari molto bene.
forse è breve, ma credo che più lungo sarebbe divenuto pesante.
bel lavoro, brava.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Letylety
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Letylety »

Un bel racconto-riflessione. Sentito, sudato, sofferto, curato con amore. Le cicatrici fanno parte della nostra vita e ne siamo legati a filo doppio. Nel bene e nel male come un fuoco che arde vivono dentro di noi

Namio Intile
Necrologista
Messaggi: 204
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ogni racconto sempre più bello del precedente, Selene. La brevità in questo caso è un dono e nonostante la brevità sei riuscita a sostenere il climax e la chiave interpretativa del racconto fino alla fine. Che dirti di più? Continua così.
Quanto al tema, quell'ossessione la conosco, ci sono passato con una persona cara anche se per lei si trattava di una compulsione. Adoperava cioè il dolore per sfuggire a un'ossessione.
A ogni modo, hai saputo rendere l'angoscia e il lento incedere verso la propria autodistruzione, come fosse un percorso ineluttabile.

Francesco Pino
Foglio bianco
Messaggi: 40
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Per i miei gusti è eccessivamente corto. Mi sarebbe piaciuto leggere un accenno di storia alle spalle della cicatrice e forse anche la descrizione di una seconda per dar più forza al concetto di collezione. Su quel che invece è scritto il moi giudizio è senz'altro positivo.

Roberto
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto »

Ciao, ben scritto, ma troppo involuto, a mio modesto avviso. A tal punto che si fatica a trovare il senso del racconto. Ma parlo per me, ovviamente.

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Una pentola a pressione è sul fuoco.
Al suo interno la pressione lentamente aumenta, poi cresce e cresce ancora e ancora più rapidamente.
Il rischio concreto è che continuando così la pentola esploda, invece d’un tratto qualcosa interviene.
Quando la pressione interna esercita sull’otturatore una spinta superiore al valore ritenuto pericoloso: si apre una valvola di sfogo.
Poco male, la pentola è salva e con lei la cena.
Questo sono quelle cicatrici.
Valvole di sfogo che fortunatamente evitano danni maggiori.
Sono anche un campanello d’allarme, molto chiaro.
Il soggetto non regge lo stress: questo vuole indicare quel campanello d'allarme.
Può esser, peraltro, anche segno premonitore di futuri tentativi di togliersi la vita.
Pare un controsenso: ci si procura del male per stare meglio.

Non tutti si procurano cicatrici solo con tagli o bruciature. Questo disagio induce nel farsi del male volontariamente anche con molteplici altre modalità più o meno subdole.

Ma perché?
Perché in definitiva ci si sente soli o morti dentro e per farla corta non in connessione con il proprio vero essere interiore. Così accade che il dolore fisico diventa nella testa del disagiato l’unico modo che trova per sentirsi vivo e percepire così tracce della presenza del proprio essere interiore.
E’ sempre bene interpretare questi comportamenti come una richiesta di aiuto che se trascurata può evolvere in qualcosa di assai peggio.

Il dono della fede aiuta molto a sintonizzarsi con il proprio essere interiore.
Anche passeggiare tra i boschi, navigare per diporto ad esempio può aiutare.
Scaricare periodicamente tutta la propria aggressività in allenamento o in certi contesti aiuta, specie se dopo averlo fatto cerchiamo un leale contatto con il nostro essere interiore.

In determinati ambiti lavorativi certi fenomeni vengono monitorati in continuo.
Ogni operatore riporta immediatamente qualsiasi segnale, che possa indicare anche solo lontanamente un simile disagio. Oltretutto i controlli medici sono settimanali e talvolta anche più ravvicinati.
Pur avendo a che fare con soggetti forti, selezionati ed in grado di resistere ad elevati livelli di stress.
Il coraggio non deve mai lasciare spazio ad incoscienza, questa può infatti mettere in pericolo tutti.
Eppure può capitare che la risposta psicofisica a compiti, di natura emotiva, cognitiva o professionale eccessivi, secondo lo stesso criterio delle cicatrici, possa sfogare in un agire poco lucido ed autolesionista, assai pericoloso sia per sé stessi che per i propri colleghi. Da qui l'esigenza di un controllo continuo.

Ciò premesso, dunque con i sensi allenati a scandagliare in continuo la propria mente, e quella dei colleghi, ho letto lo scritto.

Il racconto descrive fin troppo bene questi segnali.
Ora, considerato che la scorsa stagione il racconto, a mio sentire, trattava di suicidi, sale naturale un tremendo dubbio. Tuttavia, spero di averne intuito la tranquillizzante ragione.
Probabilmente una valvola di sfogo personale riguardo disagi che toccano altri, così da mettere in guardia il prossimo da patologie che possono facilmente interessare chiunque.

Alla luce di questo ritengo il pezzo scritto bene. Descrive altrimenti bene gli stati d’animo ed i contorti pensieri della disagiata protagonista.
A dire il vero l’argomento mi piace ben poco, pur essendo utile a tutti sviscerare il processo per cui un essere umano riesca ad arrivare a tanto. Comunque per come scritto e per come riesce a descrivere lo stato d’animo della protagonista e le dinamiche che regolano certi pensieri malati il mio voto è 4.

Il male alla radice di tutto questo a mio vedere rimane, come sempre, la lontananza più o meno volontaria da Dio. Chi si trova dentro o vicino a queste situazioni, meglio farebbe a tenerne conto.

:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Lucia De Falco
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Questo testo ha uno stile che crea un senso di curiosità e di attesa. Il ritmo è incalzante, anche per il susseguirsi di aggettivi, sempre più precisi nella descrizione, sia della cicatrice che dello stato d'animo della voce narrante. Questo ritmo ben riproduce il senso di ossessione della donna che esprime le sue emozioni, come in un vortice.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Macrelli Piero ha scritto:
22/06/2020, 10:21
La brevità e sintesi sono due aspetti di questo racconto che lo valorizzano lasciandoti con il piacevole dolore di non potere sapere di più. Cicatrice come innesto e ibridazione di cui purtroppo non ne vedremo la fioritura come ci preannuncia il finale.
Grazie per il tuo commento e per la lettura!

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Letylety ha scritto:
23/06/2020, 8:58
Un bel racconto-riflessione. Sentito, sudato, sofferto, curato con amore. Le cicatrici fanno parte della nostra vita e ne siamo legati a filo doppio. Nel bene e nel male come un fuoco che arde vivono dentro di noi
Grazie Letylety per l’apprezzamento e per le tue parole.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Namio Intile ha scritto:
23/06/2020, 18:25
Ogni racconto sempre più bello del precedente, Selene. La brevità in questo caso è un dono e nonostante la brevità sei riuscita a sostenere il climax e la chiave interpretativa del racconto fino alla fine. Che dirti di più? Continua così.
Quanto al tema, quell'ossessione la conosco, ci sono passato con una persona cara anche se per lei si trattava di una compulsione. Adoperava cioè il dolore per sfuggire a un'ossessione.
A ogni modo, hai saputo rendere l'angoscia e il lento incedere verso la propria autodistruzione, come fosse un percorso ineluttabile.
Wow grazie Namio, mi fa molto piacere leggere queste tue parole.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Francesco Pino ha scritto:
24/06/2020, 8:46
Per i miei gusti è eccessivamente corto. Mi sarebbe piaciuto leggere un accenno di storia alle spalle della cicatrice e forse anche la descrizione di una seconda per dar più forza al concetto di collezione. Su quel che invece è scritto il moi giudizio è senz'altro positivo.
Ciao, grazie per il tuo commento; riguardo la brevità capisco il tuo punto di vista, ne prendo atto.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Roberto ha scritto:
24/06/2020, 18:58
Ciao, ben scritto, ma troppo involuto, a mio modesto avviso. A tal punto che si fatica a trovare il senso del racconto. Ma parlo per me, ovviamente.
Ciao, capisco, ... quando si legge anche il lettore ha un ruolo importante, coi propri gusti e aspettative. È normale quindi che ci siano persone a cui un testo del genere non piace troppo, sono comunque felice che l’hai trovato ben scritto.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Teseo Tesei ha scritto:
27/06/2020, 1:01
Una pentola a pressione è sul fuoco.
Al suo interno la pressione lentamente aumenta, poi cresce e cresce ancora e ancora più rapidamente.
Il rischio concreto è che continuando così la pentola esploda, invece d’un tratto qualcosa interviene.
Quando la pressione interna esercita sull’otturatore una spinta superiore al valore ritenuto pericoloso: si apre una valvola di sfogo.
Poco male, la pentola è salva e con lei la cena.
Questo sono quelle cicatrici.
Valvole di sfogo che fortunatamente evitano danni maggiori.
Sono anche un campanello d’allarme, molto chiaro.
Il soggetto non regge lo stress: questo vuole indicare quel campanello d'allarme.
Può esser, peraltro, anche segno premonitore di futuri tentativi di togliersi la vita.
Pare un controsenso: ci si procura del male per stare meglio.

Non tutti si procurano cicatrici solo con tagli o bruciature. Questo disagio induce nel farsi del male volontariamente anche con molteplici altre modalità più o meno subdole.

Ma perché?
Perché in definitiva ci si sente soli o morti dentro e per farla corta non in connessione con il proprio vero essere interiore. Così accade che il dolore fisico diventa nella testa del disagiato l’unico modo che trova per sentirsi vivo e percepire così tracce della presenza del proprio essere interiore.
E’ sempre bene interpretare questi comportamenti come una richiesta di aiuto che se trascurata può evolvere in qualcosa di assai peggio.

Il dono della fede aiuta molto a sintonizzarsi con il proprio essere interiore.
Anche passeggiare tra i boschi, navigare per diporto ad esempio può aiutare.
Scaricare periodicamente tutta la propria aggressività in allenamento o in certi contesti aiuta, specie se dopo averlo fatto cerchiamo un leale contatto con il nostro essere interiore.

In determinati ambiti lavorativi certi fenomeni vengono monitorati in continuo.
Ogni operatore riporta immediatamente qualsiasi segnale, che possa indicare anche solo lontanamente un simile disagio. Oltretutto i controlli medici sono settimanali e talvolta anche più ravvicinati.
Pur avendo a che fare con soggetti forti, selezionati ed in grado di resistere ad elevati livelli di stress.
Il coraggio non deve mai lasciare spazio ad incoscienza, questa può infatti mettere in pericolo tutti.
Eppure può capitare che la risposta psicofisica a compiti, di natura emotiva, cognitiva o professionale eccessivi, secondo lo stesso criterio delle cicatrici, possa sfogare in un agire poco lucido ed autolesionista, assai pericoloso sia per sé stessi che per i propri colleghi. Da qui l'esigenza di un controllo continuo.

Ciò premesso, dunque con i sensi allenati a scandagliare in continuo la propria mente, e quella dei colleghi, ho letto lo scritto.

Il racconto descrive fin troppo bene questi segnali.
Ora, considerato che la scorsa stagione il racconto, a mio sentire, trattava di suicidi, sale naturale un tremendo dubbio. Tuttavia, spero di averne intuito la tranquillizzante ragione.
Probabilmente una valvola di sfogo personale riguardo disagi che toccano altri, così da mettere in guardia il prossimo da patologie che possono facilmente interessare chiunque.

Alla luce di questo ritengo il pezzo scritto bene. Descrive altrimenti bene gli stati d’animo ed i contorti pensieri della disagiata protagonista.
A dire il vero l’argomento mi piace ben poco, pur essendo utile a tutti sviscerare il processo per cui un essere umano riesca ad arrivare a tanto. Comunque per come scritto e per come riesce a descrivere lo stato d’animo della protagonista e le dinamiche che regolano certi pensieri malati il mio voto è 4.

Il male alla radice di tutto questo a mio vedere rimane, come sempre, la lontananza più o meno volontaria da Dio. Chi si trova dentro o vicino a queste situazioni, meglio farebbe a tenerne conto.

:smt006
Ciao Teseo, che dire, i tuoi commenti fanno quasi impressione per la sensibilità e attenzione che impieghi.
Ti ringrazio per il giudizio positivo nonostante l’argomento.

Ho però una domanda: quando parli del tema “suicidio” nel racconto della stagione precedente cosa intendi? Ognuno giustamente interpreta a proprio modo ciò che legge ma né in questo né nel mio precedente racconto si tratta/trattava di questo argomento.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Lucia De Falco ha scritto:
27/06/2020, 19:20
Questo testo ha uno stile che crea un senso di curiosità e di attesa. Il ritmo è incalzante, anche per il susseguirsi di aggettivi, sempre più precisi nella descrizione, sia della cicatrice che dello stato d'animo della voce narrante. Questo ritmo ben riproduce il senso di ossessione della donna che esprime le sue emozioni, come in un vortice.
Grazie Lucia per l’attenta lettura e per il tuo commento!

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Selene Barblan ha scritto:
28/06/2020, 19:03
Ho però una domanda: quando parli del tema “suicidio” nel racconto della stagione precedente cosa intendi? Ognuno giustamente interpreta a proprio modo ciò che legge ma né in questo né nel mio precedente racconto si tratta/trattava di questo argomento.
Il presente racconto non tratta infatti, in modo diretto, di quell'argomento.
Come specificato certi segnali possono essere avvisaglie che poi, non per forza, possono trasformasi proprio in quel crimine.

Nel racconto precedente Fosco, causa il suo comportamento, per una serie di figure retoriche impiegate, per certe descrizioni, e causa alcuni indizi, oltre che per tante altre ragioni mi pareva indicare proprio quell'argomento in modalità "subconscio".
Felice di essermi sbagliato, se non è così. :-D

:smt006
Ultima modifica di Teseo Tesei il 28/06/2020, 22:40, modificato 2 volte in totale.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: La collezione

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

👍😊

Roberto Virdo'
Foglio bianco
Messaggi: 13
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Meraviglioso scritto, a mio parere. Uno stile raffinato per dei contenuti estremamente profondi. L'autrice ha conquistato la mia ammirazione per aver sviscerato delle sensazioni tanto intime quanto complesse da rappresentare. Permettetemi una divagazione, forse l'unica del racconto (se non erro il solo inciso) e per questo ancor più bella: odio tutto ciò che emula la perfezione. Piccola perla in un forziere pieno di monete d'oro.

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Gare letterarie stagionali - annuario n° 1 (2018 - 2019)

Gare letterarie stagionali - annuario n° 1 (2018 - 2019)

Le Gare letterarie stagionali sono concorsi a partecipazione libera, gratuiti, dove chiunque può mettersi alla prova nel forum di BraviAutori.it, divertirsi, conoscersi e, perché no, anche imparare qualcosa. I migliori testi delle Gare vengono pubblicati nei rispettivi ebook gratuiti i quali, a ogni ciclo di stagioni, diventano un'antologia annuale come questa che state per leggere..
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Mazzi, Angelo Ciola, Aurora Gallo, Ida Dainese, Carlo Celenza, Carol Bi, Daniele Missiroli, Draper, Edoardo Prati, Fabrizio Bonati, Fausto Scatoli, Gabriele Ludovici, L.Grisolia, Laura Traverso, Liliana Tuozzo, Lodovico, Marco Daniele, Namio Intile, N.B. Panigale, Nunzio Campanelli, Pierluigi, Roberto Bonfanti, Seira Katsuto, Selene Barblan, SmilingRedSkeleton, Stefano Giraldi Ceneda, Teseo Tesei, Tiziano Legati, Tiziana Emanuele.
Vedi ANTEPRIMA (214,82 KB scaricato 30 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 51 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

L'anno della Luce

L'anno della Luce

antologia ispirata all'Anno della Luce proclamato dall'ONU

Il 2015 è stato proclamato dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce. Obiettivo dell'iniziativa adottata dall'ONU è promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno. Noi di BraviAutori.it abbiamo pensato di abbracciare questa importante iniziativa proponendo agli autori di scrivere, disegnare o fotografare il loro personale legame con la luce, estendendo però la parola "luce" a tutti i suoi sinonimi, significati e scenari.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Carnier, Amelia Baldaro, Andrea Teodorani, Angelo Manarola, Anna Barzaghi, Annamaria Vernuccio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Camilla Pugno, Cinzia Colantoni, Claudia Cuomo, Daniela Rossi, Daniela Zampolli, Domenico Ciccarelli, Dora Addeo, Elena Foddai, Emilia Cinzia Perri, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Francesca Santucci, Furio Detti, Gilbert Paraschiva, Giorgio Billone, Greta Fantini, Ianni Liliana, Imma D'Aniello, Lucia Amorosi, Maria Rosaria Spirito, Maria Spanu, Marina Den Lille Havfrue, Marina Paolucci, Massimo Baglione, Mauro Cancian, Raffaella Ferrari, Rosanna Fontana, Salvatore Musmeci, Sandra Ludovici, Simone Pasini, Sonia Tortora, Sonja Radaelli, Stefania Fiorin, Umberto Pasqui.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,65 MB scaricato 176 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 60 - Metropolis

La Gara 60 - Metropolis

(agosto/ottobre 2016, 24 pagine, 745,43 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Massimo Tivoli, Mirtalastrega, Gabriele Ludovici, Ilaria Rucco, Eliseo Palumbo,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (745,43 KB) - scaricato 54 volte.
oppure in formato EPUB (490,62 KB) (vedi anteprima) - scaricato 87 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 5 - A modo mio

La Gara 5 - A modo mio

(giugno 2009, 40 pagine, 758,80 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Pia, Massimo Baglione, Bonnie, Miriam, DaFank, Rona, Manuela, Massimo, Clali, Alessandro Napolitano, Gio, Snuff, Aigor, Yle,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (758,80 KB) - scaricato 325 volte.
oppure in formato EPUB (555,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 192 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

(giugno/luglio 2016, 35 pagine, 1,73 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Nunzio Campanelli, Massimo Tivoli, Carlocelenza, Stefania Di Giannantonio, Mirtalastrega, Skyla74, Patrizia Chini, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone,
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (1,73 MB) - scaricato 152 volte.
oppure in formato EPUB (583,49 KB) (vedi anteprima) - scaricato 150 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.