La mosca

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
3
33%
2 - mi piace pochino
1
11%
3 - si lascia leggere
2
22%
4 - è bello
1
11%
5 - mi piace tantissimo
2
22%
 
Voti totali: 9

Athosg
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Author's data

La mosca

Messaggio da leggere da Athosg »

Ogni volta che Giobbe doveva recarsi all'Agenzia delle Entrate il nervosismo si presentava già di prima mattina.
Quel giorno mentre stava ordinando meticolosamente uno sopra l’altro tutti i documenti, fu richiamato dalle grida di stupore della sua compagna. Uscì sul terrazzo e vide che la candela accesa ogni sera davanti all'immagine di Maria che scioglie i nodi si era tutta liquefatta sul piattino che la sorreggeva. Giobbe con tipica intraprendenza brianzola fece segno che non c’era nessun problema, e armatosi di coltello finemente seghettato, cominciò a togliere a piccoli pezzetti la cera incollata. Un lavoro apparentemente semplice sennonché la lama, al contatto con la ceramica, scivolò via maligna finendo la corsa sul suo pollice. Due centimetri di movimento dell’arnese fecero sì che una buona quantità di sangue cominciò a fuoriuscire dalla ferita.
Le urla e le imprecazioni si sprecarono, salendo al cielo nella mattinata silenziosa. Non contento e non sapendo con chi prendersela, in una fase di nervosismo energico diede un calcio al sacco vicino al tavolo che conteneva vestiti stracciati da gettare in discarica.
Il colpo fu troppo preciso e come un pallonetto sorvolò il muro del balcone per precipitare nel giardino sottostante. A breve distanza di circa due decimi di secondo anche la ciabatta fece lo stesso tragitto.
Giobbe, rimasto sorpreso, guardò subito in basso e là, nell'erba, vide sia il sacco sia la ciabatta separati da una trentina di centimetri. Non si perse d’animo e sotto lo sguardo attonito della compagna nel vederlo scalzo a metà, s’infilò le scarpe e scese al piano di sotto.
Suonò il campanello e subito una signora gli aprì la porta. Non si era preparato un discorso concreto e adducendo teorie varie, tra cui un taglio al dito che nulla aveva a che fare con le cose precipitate, si fece strada verso il giardino e recuperò il tutto. Uscì velocemente salutando la signora che come nulla fosse ricambiò con simpatia. Fu la prima lezione della giornata: tu puoi fare quello che vuoi ma devi essere terribilmente concentrato per metterlo in pratica, pensò mentre faceva le scale.
Tornato di sopra, si vestì, recuperò tutti i documenti e partì.
Arrivò all'Agenzia alle nove di mattina e subito cominciò a provare un gran fastidio. Non gradiva gli ambienti chiusi, l’aria umidiccia e insalubre, gli afrori delle persone incollate a cellulari sempre più grandi.
La gente in coda era tantissima e per non tediarsi ulteriormente ne approfittò per osservarla. Faceva sempre così. La annusava, e ogni volta che s’imbatteva in un profumo nuovo, aveva sempre una reazione ambivalente. Se da un lato provava lo sgomento del signorino di campagna al cospetto di siffatto odore, dall'altro subiva suo malgrado un’erezione importante. Si era spesso chiesto se le due cose fossero in antitesi o se una fosse il preludio dell’altra.
A coronamento del giorno no che rappresentava quella permanenza, gli capitava spesso di dover andare in bagno.
Fu così anche quel giorno.
Chiamavano il numero diciotto mentre lui aveva il ventotto. Pensò che avrebbe potuto ritirarsi e ritornare in tempo per essere pronto alla presentazione dei documenti.
Si affrettò il più velocemente possibile ma lo trovò occupato.
Attese pazientemente un paio di minuti, poi poté entrare.
La toilette era molto piccola e incredibilmente maleodorante, perché non aveva finestre e neppure un impianto di aerazione. Giobbe in fretta e furia slacciò i pantaloni e si sedette.
Una mosca girava fastidiosamente simile agli aerei della prima guerra mondiale, su e giù ininterrottamente planando ora sul lavandino ora sulle piastrelle sporche. Di sicuro stazionava lì da parecchio tempo. Inebriata dalle puzze che ammorbavano l'aria ed eccitata fino allo spasimo dall'elevatissimo tasso di umidità, era diventata particolarmente aggressiva, come quegli insetti che nelle sere estive cercano di infilarsi con insistenza nelle orecchie o nel naso. Giobbe sentiva il maledetto ronzio che si avvicinava minaccioso, zzz ZZZZ zzzzzzzzzzzzzz per poi tornare a volteggiare nell'aria, prendere la rincorsa e ritornare all'attacco.
Si sentiva nervoso e disturbato e cominciava a sudare. Nonostante gli sforzi profusi non riusciva a evacuare.
A un certo punto sentì bussare alla porta.
"Occupato" rispose per evitare che l’energumeno di turno la sfondasse.
"Oh scusi aspetto" gli rispose la voce dall'altra parte.
Giobbe con un gioco di parole pensò allo stronzio, quel metallo dal nome pertinente visto la situazione in cui si trovava. Non sapeva che consistenza avesse e dove si trovasse in natura e la domanda, per quanto sciocca, pensò che avrebbe assunto toni sublimi per un antropologo, nel vedere come l’uomo mantenga sempre una propria curiosità intellettuale anche nei momenti più disparati.
Digrignava i denti, strizzava gli occhi tirando i tendini della gola per spingere con estremo vigore; per uscire dall'apnea ogni tanto prendeva ampie boccate d'aria fetida, per ricominciare a spingere con maggior forza.
Toc toc, toc toc, "Scusi manca molto? È urgente, sono il direttore dell'ufficio."
Giobbe pensò in slang lombardo - E mì su de fà? –
"Un momento, manca poco" urlò esausto e sudato.
La mosca continuava a imperversare, e quando lo attaccava sulla testa sentiva le zampine attorcigliarsi ai capelli. Per farla desistere doveva smuovere il capo con energia da forsennato.
Il caldo era opprimente e la tensione saliva alle stelle poi, finalmente, Giobbe raggiunse il culmine dello sforzo e con un boato bestiale si liberò.
Che sensazione di benessere! Che sollievo! Che liberazione!
Anche la mosca si era tranquillizzata, non attaccava più e non si sentiva neanche volare.
Un silenzio assoluto regnava in quel bagno angusto, ora che anche l'insettaccio si riposava. Si prese dieci secondi di tempo per riprendersi dalla fatica, poi avrebbe dovuto rivestirsi perché sentiva vivamente lo stringere ansimante del direttore che era fuori ad aspettare.
Quando ebbe finito di sistemarsi, Giobbe inspirò una grande quantità di aria seguendo il metodo ayurvedico che gli aveva insegnato la sua compagna. Una volta espirato il fiato al metano sentì in bocca, alla pressione della lingua sul palato, qualcosa di morbido e inconsistente. Il sapore di quella strana pappa era indescrivibile, un gusto mai provato in vita sua.
Incredulo e inorridito mise due dita in bocca, e ne estrasse una poltiglia nero-verdastra con alcune piccole zampine semoventi.
La lasciò cadere nel water.
Poi tirò l'acqua.
Mentre aprì la porta al direttore, pensò di aver fatto due buone azioni. Con una si era liberato di un ingombro inutile, innominabile a voce alta nei salotti buoni eppur enunciato quotidianamente in tutto il mondo, con l’altra aveva eliminato un insetto fastidioso, contribuendo al mantenimento dell'equilibrio dell’ecosistema terrestre.
La natura vince sempre e anche per quel giorno il mondo era salvo, disse tra sé con un sorriso sbarazzino.
Quella fu la seconda lezione della giornata.

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 298
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

L’ho trovato divertente e scritto bene, nonostante la fine che fa la povera mosca. È scorrevole, piacevole per quanto l’argomento non sia così ... profumato. Io rivedrei questa frase:

“A coronamento del giorno no che rappresentava quella permanenza, gli capitava spesso di dover andare in bagno.
Fu così anche quel giorno.“

In questo periodo mi ci voleva una lettura di questo tipo.

Avatar utente
Ida-59
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Non mi è piaciuto per niente il contenuto e ciò ha reso noiosa e disturbante la lettura.
E' scritto abbastanza bene anche se io qui metterei un congiuntivo
Due centimetri di movimento dell’arnese fecero sì che una buona quantità di sangue cominciò COMINCIASSE a fuoriuscire dalla ferita.
Sul realismo della storia, che diventa quasi pedante nel bagno, mi sembra strano che un taglio di due centimetri non necessiti nemmeno di un piccolo cerotto.

Francesco Pino
Foglio bianco
Messaggi: 41
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Validissimo e divertentissimo! Mi hai fatto ridere più volte e mi sono immedesimato senza alcuna fatica nella scena che riguarda la candela :D
Non saprei cosa scrivere di negativo, quindi perchè sforzarmi a cercare inesistenti peli nell'uovo?
Per me il Massimo dei voti.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 411
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

francamente parlando, non mi è piaciuto più di tanto.
perbacco, l'idea è simpatica e ne sarebbe potuta uscire una storiella divertente, ma messa così fa l'effetto opposto.
ci sono dei refusi, un tempo verbale (già segnalato) che grida vendetta e, alla fine, manca il succo.
segnalo poi, tra le altre cose, che se ti fai un taglio di due centimetri non pui comportarti come fa il protagonista.
no, mi spiace ma non ci siamo
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Mi sfugge il collegamento tra le due lezioni giornaliere.
Ma non è detto che esista per forza un nesso.
Comunque racconto divertente.
Il succo c'è eccome, non è così gustoso, essendo succo di mosca, tuttavia leggendo bene lo si trova.
Riguardo lo "squartamento" del dito mi viene da ridere.
Infondo se la lama, con due centimetri di movimento dell’arnese ferisce il dito, mica significa che lo abbia staccato di netto e neppure che vi sia penetrata per due centimetri aprendolo come una fionda. Suvvia dai, una bella succhiata e via, "ferita" superficiale.

Voto 5 per l'ironia.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Francesco Dell'Accio
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Ciao Athosg
l'ho trovato divertente e ironico. Mi è piaciuto come hai raccontato un momento al tempo stesso quotidiano ma, come dire, un po' limite. Lo hai fatto con una quella semplicità che alla fine si è rivelata l'arma vincente dello scritto.

Lucia De Falco
Foglio bianco
Messaggi: 24
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Trovo che sia un breve racconto divertente, che fa sorridere e mette di buon umore. Mi ha fatto pensare a quando molti di noi al mattino andiamo di fretta e, proprio quando più ci aspetta un impegno importante tanto più ci capitano mille contrattempi che ci fanno ritardare...Certo avrei preferito indugiasse di meno sui particolari del bagno e che magari ci fosse un finale inaspettato, tipo: alla porta bussava insistentemente una persona, il protagonista perdeva la pazienza e gli rispondeva in malo modo e , alla fine, si scopriva che quella persona era un funzionario dal quale doveva fare una pratica importante....

Roberto Virdo'
Foglio bianco
Messaggi: 31
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Ho letto e confesso di non trovarmi di fronte al mio genere preferito. Nulla da ridire sullo stile, il testo è scritto bene anche se trovo che insistere su certi dettagli non giovi alla riuscita complessiva. Ma ribadisco il mio giudizio resta sul piano dei gusti puramente personali. Di certo qualche momento ironico c'è.

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Questa antologia a tema libero è stata ispirata dalle importanti parole di Sam L. Basie:
Dedicato a tutti coloro che hanno scoperto di avere un cervello, che hanno capito che non serve solo a riempire il cranio e che patiscono quell'arrogante formicolio che, dalle loro budella, striscia implacabile fino a detonare dalle loro mani. A voi, astanti ed esteti dell'arte.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Iunio Marcello Clementi, Noemi Buiarelli, Marco Bertoli, Liliana Tuozzo, Alessandro Carnier, Martina Del Negro, Lodovico Ferrari, Francesca Gabriel, Pietro Rainero, Fausto Scatoli, Gianluigi Redaelli, Ilaria Motta, Laura Traverso, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Ida Dainese, Marino Maiorino.
Vedi ANTEPRIMA (921,21 KB scaricato 45 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Dentro la birra

Dentro la birra

antologia di racconti luppolati

Complice di serate e di risate, veicolo per vecchie e nuove amicizie, la birra ci accompagna e ha accompagnato la nostra storia. "Dentro la birra", abbiamo scelto questo titolo perché crediamo sia interessante sapere che cosa ci sia di così attraente nella bevanda gialla, gasata e amarognola. Perchè piace così tanto? Che emozioni fa provare? Abbiamo affidato questa "indagine" a Braviautori, affinché trovasse, tramite l'associazione e il portale internet, scrittori capaci di esprimere tali sensazioni. E infatti sono arrivati numerosi racconti: la commissione ne ha scelti 33. Nemmeno a farlo apposta, 33 è la quantità di centilitri di un gran numero di bottiglie (e lattine) di birra; una misura nota a chi se n'intende.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Andrea Andreoni, Tullio Aragona, Enrico Arlandini, Beril, Enrico Billi, Luigi Bonaro, Vittorio Cotronei, Emanuele Crocetti, Bruno Elpis, Daniela Esposito, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Livio Fortis, Valerio Franchina, Luisa Gasbarri, Oliviero Giberti, Elena Girotti, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Fabrizio Leo, Sandra Ludovici, Micaela Ivana Maccan, Cristina Marziali, Stefano Masetti, Maurizio Mequio, Simone Pelatti, Antonella Provenzano, Maria Stella Rossi, Giuseppe Sciara, Salvatore Stefanelli, Ser Stefano, SunThatSpeed, Marco Vignali.
Vedi ANTEPRIMA (276,03 KB scaricato 234 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 56 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 51 - 50 sfumature

La Gara 51 - 50 sfumature

(marzo/aprile 2015, 25 pagine, 1,83 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Patrizia Chini, Giorgio Leone, Viridis, Mastronxo, Shananm,
a cura di ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,83 MB) - scaricato 112 volte.
oppure in formato EPUB (295,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 156 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 5 - A modo mio

La Gara 5 - A modo mio

(giugno 2009, 40 pagine, 758,80 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Pia, Massimo Baglione, Bonnie, Miriam, DaFank, Rona, Manuela, Massimo, Clali, Alessandro Napolitano, Gio, Snuff, Aigor, Yle,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (758,80 KB) - scaricato 326 volte.
oppure in formato EPUB (555,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 193 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 36 - De Rerum Scientia

La Gara 36 - De Rerum Scientia

(febbraio/marzo 2013, 35 pagine, 707,18 KB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Lodovico, Nunzio Campanelli, Roberta Michelini, Skyla74, Mastronxo, Patrizia Benetti, freecora, Ser Stefano, Marino Maiorino, sogliaoscura, Carlocelenza,
A cura di Monica Porta may bee.
Scarica questo testo in formato PDF (707,18 KB) - scaricato 305 volte.
oppure in formato EPUB (503,58 KB) (vedi anteprima) - scaricato 216 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.