La mosca

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
3
25%
2 - mi piace pochino
2
17%
3 - si lascia leggere
4
33%
4 - è bello
1
8%
5 - mi piace tantissimo
2
17%
 
Voti totali: 12

Athosg
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Author's data

La mosca

Messaggio da leggere da Athosg »

Ogni volta che Giobbe doveva recarsi all'Agenzia delle Entrate il nervosismo si presentava già di prima mattina.
Quel giorno mentre stava ordinando meticolosamente uno sopra l’altro tutti i documenti, fu richiamato dalle grida di stupore della sua compagna. Uscì sul terrazzo e vide che la candela accesa ogni sera davanti all'immagine di Maria che scioglie i nodi si era tutta liquefatta sul piattino che la sorreggeva. Giobbe con tipica intraprendenza brianzola fece segno che non c’era nessun problema, e armatosi di coltello finemente seghettato, cominciò a togliere a piccoli pezzetti la cera incollata. Un lavoro apparentemente semplice sennonché la lama, al contatto con la ceramica, scivolò via maligna finendo la corsa sul suo pollice. Due centimetri di movimento dell’arnese fecero sì che una buona quantità di sangue cominciò a fuoriuscire dalla ferita.
Le urla e le imprecazioni si sprecarono, salendo al cielo nella mattinata silenziosa. Non contento e non sapendo con chi prendersela, in una fase di nervosismo energico diede un calcio al sacco vicino al tavolo che conteneva vestiti stracciati da gettare in discarica.
Il colpo fu troppo preciso e come un pallonetto sorvolò il muro del balcone per precipitare nel giardino sottostante. A breve distanza di circa due decimi di secondo anche la ciabatta fece lo stesso tragitto.
Giobbe, rimasto sorpreso, guardò subito in basso e là, nell'erba, vide sia il sacco sia la ciabatta separati da una trentina di centimetri. Non si perse d’animo e sotto lo sguardo attonito della compagna nel vederlo scalzo a metà, s’infilò le scarpe e scese al piano di sotto.
Suonò il campanello e subito una signora gli aprì la porta. Non si era preparato un discorso concreto e adducendo teorie varie, tra cui un taglio al dito che nulla aveva a che fare con le cose precipitate, si fece strada verso il giardino e recuperò il tutto. Uscì velocemente salutando la signora che come nulla fosse ricambiò con simpatia. Fu la prima lezione della giornata: tu puoi fare quello che vuoi ma devi essere terribilmente concentrato per metterlo in pratica, pensò mentre faceva le scale.
Tornato di sopra, si vestì, recuperò tutti i documenti e partì.
Arrivò all'Agenzia alle nove di mattina e subito cominciò a provare un gran fastidio. Non gradiva gli ambienti chiusi, l’aria umidiccia e insalubre, gli afrori delle persone incollate a cellulari sempre più grandi.
La gente in coda era tantissima e per non tediarsi ulteriormente ne approfittò per osservarla. Faceva sempre così. La annusava, e ogni volta che s’imbatteva in un profumo nuovo, aveva sempre una reazione ambivalente. Se da un lato provava lo sgomento del signorino di campagna al cospetto di siffatto odore, dall'altro subiva suo malgrado un’erezione importante. Si era spesso chiesto se le due cose fossero in antitesi o se una fosse il preludio dell’altra.
A coronamento del giorno no che rappresentava quella permanenza, gli capitava spesso di dover andare in bagno.
Fu così anche quel giorno.
Chiamavano il numero diciotto mentre lui aveva il ventotto. Pensò che avrebbe potuto ritirarsi e ritornare in tempo per essere pronto alla presentazione dei documenti.
Si affrettò il più velocemente possibile ma lo trovò occupato.
Attese pazientemente un paio di minuti, poi poté entrare.
La toilette era molto piccola e incredibilmente maleodorante, perché non aveva finestre e neppure un impianto di aerazione. Giobbe in fretta e furia slacciò i pantaloni e si sedette.
Una mosca girava fastidiosamente simile agli aerei della prima guerra mondiale, su e giù ininterrottamente planando ora sul lavandino ora sulle piastrelle sporche. Di sicuro stazionava lì da parecchio tempo. Inebriata dalle puzze che ammorbavano l'aria ed eccitata fino allo spasimo dall'elevatissimo tasso di umidità, era diventata particolarmente aggressiva, come quegli insetti che nelle sere estive cercano di infilarsi con insistenza nelle orecchie o nel naso. Giobbe sentiva il maledetto ronzio che si avvicinava minaccioso, zzz ZZZZ zzzzzzzzzzzzzz per poi tornare a volteggiare nell'aria, prendere la rincorsa e ritornare all'attacco.
Si sentiva nervoso e disturbato e cominciava a sudare. Nonostante gli sforzi profusi non riusciva a evacuare.
A un certo punto sentì bussare alla porta.
"Occupato" rispose per evitare che l’energumeno di turno la sfondasse.
"Oh scusi aspetto" gli rispose la voce dall'altra parte.
Giobbe con un gioco di parole pensò allo stronzio, quel metallo dal nome pertinente visto la situazione in cui si trovava. Non sapeva che consistenza avesse e dove si trovasse in natura e la domanda, per quanto sciocca, pensò che avrebbe assunto toni sublimi per un antropologo, nel vedere come l’uomo mantenga sempre una propria curiosità intellettuale anche nei momenti più disparati.
Digrignava i denti, strizzava gli occhi tirando i tendini della gola per spingere con estremo vigore; per uscire dall'apnea ogni tanto prendeva ampie boccate d'aria fetida, per ricominciare a spingere con maggior forza.
Toc toc, toc toc, "Scusi manca molto? È urgente, sono il direttore dell'ufficio."
Giobbe pensò in slang lombardo - E mì su de fà? –
"Un momento, manca poco" urlò esausto e sudato.
La mosca continuava a imperversare, e quando lo attaccava sulla testa sentiva le zampine attorcigliarsi ai capelli. Per farla desistere doveva smuovere il capo con energia da forsennato.
Il caldo era opprimente e la tensione saliva alle stelle poi, finalmente, Giobbe raggiunse il culmine dello sforzo e con un boato bestiale si liberò.
Che sensazione di benessere! Che sollievo! Che liberazione!
Anche la mosca si era tranquillizzata, non attaccava più e non si sentiva neanche volare.
Un silenzio assoluto regnava in quel bagno angusto, ora che anche l'insettaccio si riposava. Si prese dieci secondi di tempo per riprendersi dalla fatica, poi avrebbe dovuto rivestirsi perché sentiva vivamente lo stringere ansimante del direttore che era fuori ad aspettare.
Quando ebbe finito di sistemarsi, Giobbe inspirò una grande quantità di aria seguendo il metodo ayurvedico che gli aveva insegnato la sua compagna. Una volta espirato il fiato al metano sentì in bocca, alla pressione della lingua sul palato, qualcosa di morbido e inconsistente. Il sapore di quella strana pappa era indescrivibile, un gusto mai provato in vita sua.
Incredulo e inorridito mise due dita in bocca, e ne estrasse una poltiglia nero-verdastra con alcune piccole zampine semoventi.
La lasciò cadere nel water.
Poi tirò l'acqua.
Mentre aprì la porta al direttore, pensò di aver fatto due buone azioni. Con una si era liberato di un ingombro inutile, innominabile a voce alta nei salotti buoni eppur enunciato quotidianamente in tutto il mondo, con l’altra aveva eliminato un insetto fastidioso, contribuendo al mantenimento dell'equilibrio dell’ecosistema terrestre.
La natura vince sempre e anche per quel giorno il mondo era salvo, disse tra sé con un sorriso sbarazzino.
Quella fu la seconda lezione della giornata.

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

L’ho trovato divertente e scritto bene, nonostante la fine che fa la povera mosca. È scorrevole, piacevole per quanto l’argomento non sia così ... profumato. Io rivedrei questa frase:

“A coronamento del giorno no che rappresentava quella permanenza, gli capitava spesso di dover andare in bagno.
Fu così anche quel giorno.“

In questo periodo mi ci voleva una lettura di questo tipo.

Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 66
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Non mi è piaciuto per niente il contenuto e ciò ha reso noiosa e disturbante la lettura.
E' scritto abbastanza bene anche se io qui metterei un congiuntivo
Due centimetri di movimento dell’arnese fecero sì che una buona quantità di sangue cominciò COMINCIASSE a fuoriuscire dalla ferita.
Sul realismo della storia, che diventa quasi pedante nel bagno, mi sembra strano che un taglio di due centimetri non necessiti nemmeno di un piccolo cerotto.

Francesco Pino
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 48
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Validissimo e divertentissimo! Mi hai fatto ridere più volte e mi sono immedesimato senza alcuna fatica nella scena che riguarda la candela :D
Non saprei cosa scrivere di negativo, quindi perchè sforzarmi a cercare inesistenti peli nell'uovo?
Per me il Massimo dei voti.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 426
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

francamente parlando, non mi è piaciuto più di tanto.
perbacco, l'idea è simpatica e ne sarebbe potuta uscire una storiella divertente, ma messa così fa l'effetto opposto.
ci sono dei refusi, un tempo verbale (già segnalato) che grida vendetta e, alla fine, manca il succo.
segnalo poi, tra le altre cose, che se ti fai un taglio di due centimetri non pui comportarti come fa il protagonista.
no, mi spiace ma non ci siamo
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Teseo Tesei
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Mi sfugge il collegamento tra le due lezioni giornaliere.
Ma non è detto che esista per forza un nesso.
Comunque racconto divertente.
Il succo c'è eccome, non è così gustoso, essendo succo di mosca, tuttavia leggendo bene lo si trova.
Riguardo lo "squartamento" del dito mi viene da ridere.
Infondo se la lama, con due centimetri di movimento dell’arnese ferisce il dito, mica significa che lo abbia staccato di netto e neppure che vi sia penetrata per due centimetri aprendolo come una fionda. Suvvia dai, una bella succhiata e via, "ferita" superficiale.

Voto 5 per l'ironia.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Ciao Athosg
l'ho trovato divertente e ironico. Mi è piaciuto come hai raccontato un momento al tempo stesso quotidiano ma, come dire, un po' limite. Lo hai fatto con una quella semplicità che alla fine si è rivelata l'arma vincente dello scritto.

Lucia De Falco
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Trovo che sia un breve racconto divertente, che fa sorridere e mette di buon umore. Mi ha fatto pensare a quando molti di noi al mattino andiamo di fretta e, proprio quando più ci aspetta un impegno importante tanto più ci capitano mille contrattempi che ci fanno ritardare...Certo avrei preferito indugiasse di meno sui particolari del bagno e che magari ci fosse un finale inaspettato, tipo: alla porta bussava insistentemente una persona, il protagonista perdeva la pazienza e gli rispondeva in malo modo e , alla fine, si scopriva che quella persona era un funzionario dal quale doveva fare una pratica importante....

Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 50
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Ho letto e confesso di non trovarmi di fronte al mio genere preferito. Nulla da ridire sullo stile, il testo è scritto bene anche se trovo che insistere su certi dettagli non giovi alla riuscita complessiva. Ma ribadisco il mio giudizio resta sul piano dei gusti puramente personali. Di certo qualche momento ironico c'è.

Mariangela
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 05/06/2020, 15:53

Author's data

Re: La mosca

Messaggio da leggere da Mariangela »

Mah, forse c'era qualcosa da capire e non l'ho capito. Nel complesso non mi è piaciuto affatto, Lo spunto della visita all'Agenzia delle Entrate poteva essere interessante, nel senso che si prestava a vari sviluppi, ironici, drammatici, comici etc. Tra questi, non vedo il nesso con il bagno.....

Andrepoz
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 16
Iscritto il: 09/01/2020, 17:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andrepoz »

Alcune cose di questo racconto non mi tornano. Se nella prima riga mi parli dell'Agenzia delle Entrate, mi aspetto che questa cosa abbia una sua importanza e ritorni poi in modo funzionale nel seguito della narrazione, cosa che invece non accade. Allo stesso modo, non si coglie il nesso tra le due lezioni, o almeno io non riesco a coglierlo. Forse sarebbe stato meglio isolare solo la parte dedicata alla mosca e concentrarsi solo su quella.

Avatar utente
Ayako Satomi
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 15/10/2019, 18:23
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ayako Satomi »

Molto scorrevole, non ho avuto alcun calo di attenzione nel leggerlo e questo denota una grande abilità.
Mi sfugge solo quale sia effettivamente la "trama" del racconto, ma non so se si tratta di una scelta artistica. In tal caso faccio "mea culpa" per non averla compresa.
Segnalo solo qualche ripetizione qua e là tipo:
"A coronamento del GIORNO no che rappresentava quella permanenza, gli capitava spesso di dover andare in bagno.
Fu così anche quel GIORNO."
oppure
"Occupato" RISPOSE per evitare che l’energumeno di turno la sfondasse.
"Oh scusi aspetto" gli RISPOSE la voce dall'altra parte.
Ce ne sono anche altre, ma nulla di grave, perché non compromettono la scorrevolezza nel racconto (che dal mio punto di vista rimane eccellente).
A rileggerci!

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 63 - Treni e stazioni

La Gara 63 - Treni e stazioni

(marzo/aprile 2017, 30 pagine, 932,81 KB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone, Mirtalastrega, Daniele Missiroli, Fabrizio Bonati, Angela Catalini, Manuel Crispo, Patrizia Chini.
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (932,81 KB) - scaricato 73 volte.
oppure in formato EPUB (762,33 KB) (vedi anteprima) - scaricato 64 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 19 - Un incipit da Re

La Gara 19 - Un incipit da Re

(febbraio 2011, 70 pagine, 821,30 KB)

Autori partecipanti: Skyla74, Exlex, Ser Stefano, Arianna, Emma Saponaro, Arditoeufemismo, GTrocc, Manuela, Carlocelenza, Pia, Hellies15, Bludoor, Mastronxo, Roberto Guarnieri, Yle, Tania Maffei, Angela Di Salvo, Lucia Manna, Michele, StillederNacht, Vit.
A cura di Miriam Mastrovito.
Scarica questo testo in formato PDF (821,30 KB) - scaricato 493 volte.
oppure in formato EPUB (496,96 KB) (vedi anteprima) - scaricato 219 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 55 - La capsula del Tempo

La Gara 55 - La capsula del Tempo

(ottobre 2015, 25 pagine, 824,77 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Carlocelenza, Angelo Manarola, Giorgio Leone, Patrizia Chini, Alberto Tivoli, Nembo13.
a cura di Skyla74.
Scarica questo testo in formato PDF (824,77 KB) - scaricato 155 volte.
oppure in formato EPUB (287,35 KB) (vedi anteprima) - scaricato 203 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'anno della Luce

L'anno della Luce

antologia ispirata all'Anno della Luce proclamato dall'ONU

Il 2015 è stato proclamato dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce. Obiettivo dell'iniziativa adottata dall'ONU è promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno. Noi di BraviAutori.it abbiamo pensato di abbracciare questa importante iniziativa proponendo agli autori di scrivere, disegnare o fotografare il loro personale legame con la luce, estendendo però la parola "luce" a tutti i suoi sinonimi, significati e scenari.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Carnier, Amelia Baldaro, Andrea Teodorani, Angelo Manarola, Anna Barzaghi, Annamaria Vernuccio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Camilla Pugno, Cinzia Colantoni, Claudia Cuomo, Daniela Rossi, Daniela Zampolli, Domenico Ciccarelli, Dora Addeo, Elena Foddai, Emilia Cinzia Perri, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Francesca Santucci, Furio Detti, Gilbert Paraschiva, Giorgio Billone, Greta Fantini, Ianni Liliana, Imma D'Aniello, Lucia Amorosi, Maria Rosaria Spirito, Maria Spanu, Marina Den Lille Havfrue, Marina Paolucci, Massimo Baglione, Mauro Cancian, Raffaella Ferrari, Rosanna Fontana, Salvatore Musmeci, Sandra Ludovici, Simone Pasini, Sonia Tortora, Sonja Radaelli, Stefania Fiorin, Umberto Pasqui.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,65 MB scaricato 179 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

L'arca di Noel

L'arca di Noel

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Da decenni proviamo a metterci al riparo dagli impatti meteoritici di livello estintivo, ma cosa accadrebbe se invece scoprissimo che è addirittura un altro mondo a venirci addosso? Come ci comporteremmo in attesa della catastrofe? Potremmo scappare sulla Luna? Su Marte? Oppure dove?
E chi? E come?
L'avventura post-apocalittica ad alta tensione qui narrata proverà a rispondere a questi interrogativi.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (188,99 KB scaricato 21 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 53 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.