Il Gioco

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
10%
2 - mi piace pochino
3
30%
3 - si lascia leggere
3
30%
4 - è bello
3
30%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 10

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Il Gioco

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Manu si svegliò prima del solito quella mattina, colmo d’eccitazione. Poco dopo il sorgere del sole, suo zio sarebbe venuto a prenderlo per accompagnarlo al terreno di gioco. Lo sguardo fisso sul soffitto della tenda, Manu fantasticava impaziente su ciò che lo aspettava: il viaggio in camion, la preparazione della battaglia, le sfide lanciate ai suoi compagni e, infine, l’arrivo al villaggio nemico.
Lo scopo del gioco era semplice: atterrare quanti più nemici possibile, e quella mattina Manu era determinato a battere il suo record di settanta punti.
Una volta, aveva perfino atterrato un bambino della sua età.
“Questi sono cinquanta punti” gli aveva detto orgoglioso suo zio.
Forse un giorno sarebbe diventato bravo come il suo papà, che era partito per partecipare ai campionati nazionali e che una volta, stando a quanto si raccontava al villaggio, era perfino apparso in televisione.
Suo zio gli aveva detto che se avesse totalizzato cento punti avrebbe vinto un paio di scarpette da calcio nuove di zecca. Manu se le immaginava già ai suoi piedi, mentre correva per il campo giù al fiume e infilava la porta come Ronaldo. Il suo amico Ibrahim gli aveva detto che un giorno aveva totalizzato duecento punti in una volta sola, ma Manu non sapeva se credergli. Di certo le scarpette di Ibrahim erano ancora rattoppate e logore.
Un raggio di luce inondò il letto, e Manu vide il telo che segnava il confine della sua stanza spostarsi delicatamente di lato. Dal buio comparve suo zio, portando con sé due fucili: uno era sicuramente per lui.
Si vestì di tutta fretta e uscirono insieme dalla camera.
“Non c’è tempo per la colazione, Manu. Gli altri ci stanno aspettando sul camion”, gli disse suo zio posandogli un braccio attorno alle spalle. Manu aveva fame, ma non poteva compromettere la missione della squadra: avrebbe mangiato più tardi.
Passando davanti alla cucina intravide sua madre, la testa raccolta tra le mani come tutte le volte che Manu andava a giocare con lo zio. Non appena lo vide, si asciugò gli occhi con il dorso della mano e corse verso di lui, baciandolo affettuosamente sulla fronte. Poi si alzò e sussurrò qualcosa all’orecchio del fratello.
“Sta’ tranquilla” le rispose lui, e si diresse verso l’uscita, portando Manu con sé.
“Oggi voglio fare almeno cento punti” esclamò Manu, uscendo dalla tenda con l’AK-47 in braccio.

Avatar utente
Ida-59
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Mamma mia, che botta il finale, anche se il dubbio che non fosse un gioco ce lo avevo e le lacrime della madre sono state la conferma.
Ben scritto e ben construito, ma non credo possa essere realistico, o, almeno, spero non lo sia.
A livello stilistico è buono, ma il contenuto non mi convince. Voto 2.

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Ida-59 ha scritto:
21/06/2020, 19:36
Mamma mia, che botta il finale, anche se il dubbio che non fosse un gioco ce lo avevo e le lacrime della madre sono state la conferma.
Ben scritto e ben construito, ma non credo possa essere realistico, o, almeno, spero non lo sia.
A livello stilistico è buono, ma il contenuto non mi convince. Voto 2.
Grazie Ida per il commento,
anch'io vorrei sperare che non sia realistico, ma purtroppo sono abbastanza convinto che lo sia. La tragica realtà dei bambini-soldato ormai penso sia, specie in un contesto di guerriglia in Paesi poveri (come vuole essere quello del racconto) un dato di fatto.
Un saluto.

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 350
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento.

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Il tuo racconto triste mi è piaciuto. E scritto bene, in maniera sintetica ma efficace. Penso che rispecchi la realtà dei fatti e poi, che sia lo zio o chi altro ad averlo addestrato a quel "gioco" terribile ha poca importanza. Non viviamo su di una nuvola rosa pertanto sappiamo che queste mostruose realtà esistono. Bravo ad averne parlato. Voto alto quindi.

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Re: Commento.

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Laura Traverso ha scritto:
21/06/2020, 21:55
Il tuo racconto triste mi è piaciuto. E scritto bene, in maniera sintetica ma efficace. Penso che rispecchi la realtà dei fatti e poi, che sia lo zio o chi altro ad averlo addestrato a quel "gioco" terribile ha poca importanza. Non viviamo su di una nuvola rosa pertanto sappiamo che queste mostruose realtà esistono. Bravo ad averne parlato. Voto alto quindi.
Grazie Laura, lusingato e contento che ti sia piaciuto :)

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 411
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

beh, il tema è tremendo e, purtroppo, attualissimo.
parlarne non fa mai male, sicuramente, anche perché molti fingono che il problema non sussista..
è scritto bene e le descrizioni sono buone.
l'unica cosa che non mi convince è proprio quella di averlo considerato un giorco in tutto e per tutto.
per quanto bambini, un po' di consapevolezza ce l'hanno.
positivo, comunque.
Ultima modifica di Fausto Scatoli il 22/06/2020, 10:29, modificato 1 volta in totale.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Fausto Scatoli ha scritto:
22/06/2020, 9:14
beh, il tema è tremendo e, purtroppo, attualissimo.
parlaarne non fa mai male, sicuramente, anche perché molti fingono che il problema non sussista..
è scritto bene e le descrizioni sono buone.
l'unca cosa che non mi convince è proprio quella di averlo considerato un giorco in tutto e per tutto.
per quanto bambini, un po' di consapevolezza ce l'hanno.
positivo, comunque.
Grazie Fausto,
hai ragione, anch'io credo che un po' di consapevolezza ce l'abbiano, e probabilmente nessun bambino sarebbe entusiasta di andare con lo zio al villaggio nemico, ma per loro "fare più punti" dei loro amici potrebbe essere anche più importante di una vita umana. Ho quindi voluto estremizzare il tutto proprio perché credo che i bambini vengano utilizzati, in questi contesti, soprattutto per il loro "non rendersi conto" della gravità dei gesti che compiono.
Un saluto.

Avatar utente
Teseo Tesei
Apprendista
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Valerio quello che hai descritto è un crimine di guerra.
Ne ho viste tante, ma dubito sia reale.
I bambini cresciuti in determinati ambienti sviluppano una consapevolezza della realtà elevata.
Mai, in condizioni di lucidità, andrebbero a sparare ad un loro coetaneo per ... far punti.
Questo lo fanno i loro coetanei più fortunati molto, molto distanti da quelle realtà nei videogiochi.
I bambini soldato quando impiegati in operazioni militari o illegali, purtroppo in molte, troppe, zone del mondo spesso lo fanno in condizioni di poca lucidità (drogati) o perché costretti.
La loro partecipazione diretta nelle ostilità o in ruoli di supporto non è quasi mai volontaria.
A mente lucida, e di testa loro, per quanto odio e sete di vendetta possano aver accumulato o possa essere stata in loro inculcata non ucciderebbero mai un loro coetaneo ... di testa loro scapperebbero da tutto e tutti nascondendosi. E se potessero aiuterebbero quel loro coetaneo qualora lo vedessero in difficoltà. Questo in generale, poi casi particolari se ne trovano sempre.
Non credo proprio che Manu, salvo sia completamente idiota segua lo zio col fucile tutto felice di andare a far punti accoppando senza alcun problema.
Infine: la mamma. I bambini soldato vengono anzitutto separati dai loro cari.
Se così non fosse il loro impiego non sarebbe molto efficace in combattimento.
Oltretutto gli stessi genitori si opporrebbero con tutte le forze.
Quella mamma non si limiterebbe a piangere, ma si opporrebbe con tutte le sue forze a quanto descritto.

Per queste ragioni ti lascio un mi piace poco.
Non per come scritto, anzi ..
Piuttosto per come questo argomento, di cui ti riconosco il merito di aver sottolineato, non sia veritiero e sia molto distante dalla realtà. Sofferenza, disperazione, terrore ... non altro deve essere attribuito a queste piccole vittime. Cattiveria e quant'altro va attribuita ad altri.
Non è la natura dei bambini quella, non a caso distacco o estraneità dalla propria identità creano in essi traumi e problemi assai difficili da curare ad ostilità finite.

Alla prossima.
:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Teseo Tesei ha scritto:
22/06/2020, 21:20
Valerio quello che hai descritto è un crimine di guerra.
Ne ho viste tante, ma dubito sia reale.
I bambini cresciuti in determinati ambienti sviluppano una consapevolezza della realtà elevata.
Mai, in condizioni di lucidità, andrebbero a sparare ad un loro coetaneo per ... far punti.
Questo lo fanno i loro coetanei più fortunati molto, molto distanti da quelle realtà nei videogiochi.
I bambini soldato quando impiegati in operazioni militari o illegali, purtroppo in molte, troppe, zone del mondo spesso lo fanno in condizioni di poca lucidità (drogati) o perché costretti.
La loro partecipazione diretta nelle ostilità o in ruoli di supporto non è quasi mai volontaria.
A mente lucida, e di testa loro, per quanto odio e sete di vendetta possano aver accumulato o possa essere stata in loro inculcata non ucciderebbero mai un loro coetaneo ... di testa loro scapperebbero da tutto e tutti nascondendosi. E se potessero aiuterebbero quel loro coetaneo qualora lo vedessero in difficoltà. Questo in generale, poi casi particolari se ne trovano sempre.
Non credo proprio che Manu, salvo sia completamente idiota segua lo zio col fucile tutto felice di andare a far punti accoppando senza alcun problema.
Infine: la mamma. I bambini soldato vengono anzitutto separati dai loro cari.
Se così non fosse il loro impiego non sarebbe molto efficace in combattimento.
Oltretutto gli stessi genitori si opporrebbero con tutte le forze.
Quella mamma non si limiterebbe a piangere, ma si opporrebbe con tutte le sue forze a quanto descritto.

Per queste ragioni ti lascio un mi piace poco.
Non per come scritto, anzi ..
Piuttosto per come questo argomento, di cui ti riconosco il merito di aver sottolineato, non sia veritiero e sia molto distante dalla realtà. Sofferenza, disperazione, terrore ... non altro deve essere attribuito a queste piccole vittime. Cattiveria e quant'altro va attribuita ad altri.
Non è la natura dei bambini quella, non a caso distacco o estraneità dalla propria identità creano in essi traumi e problemi assai difficili da curare ad ostilità finite.

Alla prossima.
:smt006
Ciao Teseo,
innanzitutto ti ringrazio per il commento dettagliato.
Non metto in dubbio ciò che dici, anche perché mi sembra tu ne sappia abbastanza sull'argomento, ma, come ho scritto nel commento sopra, ho voluto estremizzare la realtà per denunciare lo sfruttamento che si fa (e questo è reale) dell'ingenuità dei bambini in contesti bellici.
Perché credo che nessun bambino sia contento di andare in guerra, o non si renda conto della situazione, ma sicuramente in molti casi non viene loro insegnato ad attribuire la giusta importanza alla vita umana, anzi, essi subiscono un "lavaggio del cervello" reso possibile proprio dalla loro innocenza e ingenuità.
L'unico personaggio "cattivo" del racconto semmai è lo zio, non certo il piccolo, anzi l'ultima cosa che volevo era far passare l'idea che a muovere quest'ultimo ci fosse la cattiveria.
Ripeto, l'unica cosa che mi interessava descrivere era lo sfruttamento dell'ingenuità infantile, in una situazione se vogliamo estremizzata e inverosimile.
Un saluto

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 298
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Oltre alla violenza dell’atto in sé l’aspetto terribile dell’arruolamento di bambini per scopi bellici è, credo, l’annientamento della loro personalità. I bambini dovrebbero ricevere affetto, avere tempo di giocare e imparare giocando, ma non certo il tipo di gioco descritto nel racconto. Un tema importante da affrontare sicuramente. Trovo che sia caricato un po’ troppo l’aspetto dei punti e che le battute finali non siano così incisive rispetto al resto. Comunque “piacevole” da leggere (si fa per dire dato l’argomento).

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Selene Barblan ha scritto:
23/06/2020, 17:17
Oltre alla violenza dell’atto in sé l’aspetto terribile dell’arruolamento di bambini per scopi bellici è, credo, l’annientamento della loro personalità. I bambini dovrebbero ricevere affetto, avere tempo di giocare e imparare giocando, ma non certo il tipo di gioco descritto nel racconto. Un tema importante da affrontare sicuramente. Trovo che sia caricato un po’ troppo l’aspetto dei punti e che le battute finali non siano così incisive rispetto al resto. Comunque “piacevole” da leggere (si fa per dire dato l’argomento).
Grazie Selene per il commento e le osservazioni

Macrelli Piero
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Racconto alla R. Matheson o F. Brown, breve sintetico e colpo di scena finale. Meccanismo conosciuto, ma sempre piacevole se svolto bene e qui mi sembra che lo sia stato fatto e il meccanismo ha funzionato ed è scattato al momento giusto. Che l'argomento sia realistico o meno è ininfluente nell'economia del racconto.

Lucia De Falco
Foglio bianco
Messaggi: 24
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento Il gioco

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Questo brevissimo testo ha un tono inizalmente leggero, ma sottende e rivela, poi, nel finale, un tono crudo e realistico. Il bambino della storia potrebbe essere un bambino - soldato oppure potrebbe accompagnare un presunto zio in imprese camorristiche, in ogni caso, pur nella sua brevità,lancia un messaggio: non bisogna violare l'infanzia, non confondere i loro giochi con i cattivi "giochi" di un mondo spietato e crudele. Le lacrime della madre sono il simbolo di chi si è rassegnato a quella realtà.

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Macrelli Piero ha scritto:
27/06/2020, 17:32
Racconto alla R. Matheson o F. Brown, breve sintetico e colpo di scena finale. Meccanismo conosciuto, ma sempre piacevole se svolto bene e qui mi sembra che lo sia stato fatto e il meccanismo ha funzionato ed è scattato al momento giusto. Che l'argomento sia realistico o meno è ininfluente nell'economia del racconto.
Grazie mille Piero per il tuo commento positivo! :)

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Re: Commento Il gioco

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Lucia De Falco ha scritto:
27/06/2020, 19:16
Questo brevissimo testo ha un tono inizalmente leggero, ma sottende e rivela, poi, nel finale, un tono crudo e realistico. Il bambino della storia potrebbe essere un bambino - soldato oppure potrebbe accompagnare un presunto zio in imprese camorristiche, in ogni caso, pur nella sua brevità,lancia un messaggio: non bisogna violare l'infanzia, non confondere i loro giochi con i cattivi "giochi" di un mondo spietato e crudele. Le lacrime della madre sono il simbolo di chi si è rassegnato a quella realtà.
Grazie Lucia, sei riuscita a cogliere lo spirito del racconto e questo mi fa particolarmente piacere :)

Roberto Virdo'
Foglio bianco
Messaggi: 31
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Re: Il Gioco

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Buongiorno Valerio. Ho letto il breve testo e i messaggi precedenti. Complimenti per la brevità innanzitutto, la reputo sempre un "valore aggiunto". Effettivamente forse l'unica pecca, ma perdonabile, è l'estrema estremizzazione -perdona il gioco di parole-. Ma in sé l'idea è valida e il messaggio chiaro. Poiché per il mio modestissimo parere hanno preminenza i contenuti, propendo per un voto alto più alto della media.

Valerio Geraci
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/07/2016, 12:20
Località: Roma

Author's data

Re: Il Gioco

Messaggio da leggere da Valerio Geraci »

Roberto Virdo' ha scritto:
06/07/2020, 10:09
Buongiorno Valerio. Ho letto il breve testo e i messaggi precedenti. Complimenti per la brevità innanzitutto, la reputo sempre un "valore aggiunto". Effettivamente forse l'unica pecca, ma perdonabile, è l'estrema estremizzazione -perdona il gioco di parole-. Ma in sé l'idea è valida e il messaggio chiaro. Poiché per il mio modestissimo parere hanno preminenza i contenuti, propendo per un voto alto più alto della media.
Ti ringrazio molto Roberto per i complimenti e per il voto positivo :)

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BReVI AUTORI - volume 1

BReVI AUTORI - volume 1

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Fausto Scatoli. Giorgio Leone, Annamaria Vernuccio, Luca Franceschini, Alphaorg, Daniel Carrubba, Francesco Gallina, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Giuseppe C. Budetta, Luca Volpi, Teresa Regna, Brenda Bonomelli, Liliana Tuozzo, Daniela Rossi, Tania Mignani, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Umberto Pasqui, Ida Dainese, Marco Bertoli, Eliseo Palumbo, Francesco Zanni Bertelli, Isabella Galeotti, Sandra Ludovici, Thomas M. Pitt, Stefania Fiorin, Cristina Giuntini, Giuseppe Gallato, Marco Vecchi, Maria Lipartiti, Roberta Eman, Lucia Amorosi, Salvatore Di Sante, Valentina Iuvara, Renzo Maltoni, Andrea Casella.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,41 MB scaricato 126 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 256 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Bagliori Cosmici

Bagliori Cosmici

la Poesia nella Fantascienza

Il sonetto "Aspettativa" di H. P. Lovecraft è stato il faro che ha guidato decine di autori nella composizioni delle loro poesie fantascientifiche pubblicate in questo libro. Scoprirete che quel faro ha condotto i nostri poeti in molteplici luoghi; ognuno degli autori ha infatti accettato e interpretato quel punto fermo tracciando la propria rotta verso confini inimmaginabili.
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Sandro Battisti, Meth Sambiase, Antonella Taravella, Tullio Aragona, Serena M. Barbacetto, Francesco Bellia, Gabriele Beltrame, Mara Bomben, Luigi Brasili, Antonio Ciervo, Iunio Marcello Clementi, Diego Cocco, Vittorio Cotronei, Lorenzo Crescentini, Lorenzo Davia, Angela Di Salvo, Bruno Elpis, Carla de Falco, Claudio Fallani, Marco Ferrari, Antonella Jacoli, Maurizio Landini, Andrea Leonelli, Paolo Leoni, Lia Lo Bue, Sandra Ludovici, Matteo Mancini, Domenico Mastrapasqua, Roberto Monti, Daniele Moretti, Tamara Muresu, Alessandro Napolitano, Alex Panigada, Umberto Pasqui, Simone Pelatti, Alessandro Pedretta, Mattia Nicolò Scavo, Ser Stefano, Marco Signorelli, Salvatore Stefanelli, Alex Tonelli, Francesco Omar Zamboni.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,55 MB scaricato 328 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

(aprile/maggio 2013, 50 pagine, 1,25 MB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Lodovico, Patrizia Benetti, Antares, Monica Porta may bee, Licetti, Yendis, Carlocelenza, Scrittore97, Anto Pigy, Pardan, Freecora, Lorella15, Polly Russell, LeggEri,
A cura di Mastronxo e Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,25 MB) - scaricato 363 volte.
oppure in formato EPUB (1,30 MB) (vedi anteprima) - scaricato 211 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 43 - Cantami, o diva...

La Gara 43 - Cantami, o diva...

(dicembre 2013, 30 pagine, 1,91 MB)

Autori partecipanti: Polly Russell, Lodovico, Eddie1969, Kaipirissima, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Anto Pigy, Cladinoro, Marino Maiorino,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,91 MB) - scaricato 205 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 11 - Parole in padella

La Gara 11 - Parole in padella

(febbraio 2010, 50 pagine, 904,84 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Napolitano, Arditoeufemismo, Mario, Stefy, Massimo Baglione, Dino, Cosimo Vitiello, Bonnie, Nembo13, Giacomo Scotti, Erika, Manuela, Carlocelenza, CMT, Sphinx, Giuseppe, Miriam, Rita Di Sano, Abigail,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (904,84 KB) - scaricato 493 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.