Il pagliaccio

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
5
56%
4 - è bello
2
22%
5 - mi piace tantissimo
2
22%
 
Voti totali: 9

Letylety
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

Il pagliaccio

Messaggio da leggere da Letylety »

Aiuto!

Aiuto amico!

Bell’amico che sei! Eppure ti ho sempre visto così l’amico dei giorni migliori, proprio come Pinocchio, il libro che avevamo letto insieme. Tu con gli occhi pieni di stupore, voltando pagina incuriosito dalle immagini del burattino e della fata Turchina ed io che fraternamente ti seguivo pagina dopo pagina.
Il fato ci ha unito e non ci ha più separato.
Ti ricordo ancora un ragazzino che entrava nella vita a passo veloce con la cartella di scuola con scritto W Juve. Ogni giorno un centimetro più alto e la voce strozzata dagli ormoni. E i primi segni di peluria, quella che ti sfregavi al mattino pensando che sarebbe cresciuta più in fretta.
Poi sei cresciuto e ti sei ritrovato un giovane uomo sempre allegro, custodito dal calore di questa casa. I muri e gli arredi rimanevano uguali mentre tu crescevi.
Il mondo lo attraversavi come un piccolo esploratore, dove parlare con i grandi, dire loro delle cose che sapevi solo tu, ti dava enorme piacere.
E come non ricordare i giorni cupi, tristi e nervosi, dove bastava ti guardassi con il mio sorriso sempre uguale per farti cambiare umore. Ho conosciuto i tuoi genitori prima che se ne andassero. Una bella famiglia dove non esistevano obblighi ma quel sano mutuo soccorso che ti ha reso forte.
Oggi ho assistito a un timelapse di tutta questa storia. Succede a ogni vita che sta per spegnersi. A caso bloccavo la visione e di ogni fotogramma ricordavo ogni scena, ogni parola come se fossi io lo sceneggiatore di quel lungometraggio. E quando l’immagine ripartiva, rivedevo il film della tua vita e di riflesso della mia. L’esistenza è lunga, addirittura lunghissima se consideri l’ossessivo ripetersi delle azioni quotidiane, che è sempre intervallato dai nostri pensieri. Eppure questa vita sembra infinitamente corta quando arriva ai titoli di coda e la pellicola consunta mostra i segni del finale.
Tutto qui? È già tutto finito? Dio! Quando arrivi a quel punto, non c’è tempo per riavvolgere il nastro né di registrare un’altra puntata.

Io sto morendo.

Questa però non dovevi farmela piccolo farabutto. Sì, per me sei sempre quel ragazzino spensierato che ho conosciuto. Ai miei occhi non sei cambiato, non sei cresciuto, non hai avuto disavventure.
Scusa, non volevo offenderti, c’è sempre tempo per questo. Non ho ancora finito, ora mi devi ascoltare mentre sei sdraiato nel tuo letto, perché ti devo giudicare.
Io non sono Ponzio Pilato, io devo dire quello che penso. E tu lo sai. E sai che il giudizio che emetterò sarà equo, la bilancia della verità non pende mai da una sola parte ma dondola come un pendolo e quando si fermerà arriverà il verdetto.
Parole che sento strozzate in gola, lanciate nell'aria di questo ripostiglio maledetto dove trapasserò in un aldilà fatto di rottami e rimasugli di consumi scellerati.
Non mi senti, non ti giunge la mia voce.
Questa vita cos'è? Un pozzo stretto e profondo dove si muove lento e vischioso il vostro umano egoismo. Carriera, figli, denaro, socialità. Puah! Puah! Sono solo sciapi palliativi, rappresentazioni della vostra insana sete di potere, prolungamento di un io malato e narcisista che vorrebbe dare senso a esistenze altrimenti vuote. Eppure ogni giorno sembrava di vedere una lontana luce di speranza, di normalità o almeno, io credevo di vederla, di toccare con mano un senso di gratitudine.
Ero solo uno stupido illuso.
Oggi sono caduto, e il mio cuore si è fermato.
Oggi sono a pezzi, inanimati frammenti che non dicono più nulla.
La donna delle pulizie con un gesto troppo rapido e maldestro mi ha scaraventato a terra. Mi sono rotto e interrotto, e sono finito nella spazzatura, dove mi hai trovato.

Aiuto!

Aria, ho bisogno d’aria. Ho dolori dappertutto.

Ma ti ricordi ancora quando mi posasti sul mobile in sala?
Mi avevi portato a casa come souvenir della tua prima vacanza da solo e tua madre, nel vedere quel pagliaccio di vetro tutto colorato portatole in regalo, si era talmente inorgoglita di te da raccontare il fatto a tutte le sue amiche.
Quante carezze quel giorno a sfiorare il mio corpo, gli occhi, il viso, il cappello che non mi sono mai tolto. Quanti sguardi a curiosare sui colori fantasmagorici che brillavano alla luce del sole.
Un pagliaccio di vetro.
Giallo, rosso e azzurro, con un’enorme boccaccia dipinta di bianco, un sorriso esagerato in un volto curioso, con tanto di cilindro sulla testa e lo sguardo che ti fissava e ti trapassava.
Non mi rammarico per ciò che è accaduto. Siamo come le foglie sugli alberi d’autunno diceva un poeta, e basta un colpo di vento per farci cadere. Oggi è toccato a me.
Ma quando stasera sei tornato a casa e hai alzato il coperchio di questa spazzatura e hai visto i pezzi del mio corpo e ne hai preso uno, osservandolo controluce come un orafo esperto e poi lo hai rimesso nel sacco con la freddezza e l’indifferenza del manager, bene, questa non è una ferita inferta al mio povero corpo frammentato, no, questa è una ferita alla mia anima, a tutto il bene che ti ho voluto, al silenzioso prodigarmi nel tuo cammino.
Ingrato! La vita è vuota senza ricordi.
Cristo santo! Morire così è proprio una brutta cosa. Pensavo che il mio giorno sarebbe venuto con dolcezza, un leggero soffio e via, la vista che si annebbiava, le voci che si allontanavano ed io che cercavo una luce che piano piano si dissolveva. E poi il buio. E invece no, abbandonato come un qualsiasi soprammobile rotto.

Aiuto!

Aiuto amico!

Niente, indifferente hai richiuso il mio angusto spazio. Immemore di tutto, travolto del tempo che t’invecchia e ti deforma.
Domani metterai fuori questo sacco e un uomo con la tuta verde mi porterà via per sempre.

Aiuto!

Aiutooo!

Aaaiuuuutoooooooooo!

Oh, sei tu?
Sì, sei tu!
Ma che succede?
Non ci posso credere! Hai aperto lo sportello e mi stai tirando fuori.
No, no, lo speravo e sta succedendo. Anche se non mi senti mi ascolti!
Mi stai toccando e accarezzando come tanto tempo fa! Ho ancora i più bei colori del mondo, lo vedi.
Bravo, continua così. Hai svuotato tutto il cestino sul tavolo e stai prendendo tutti i pezzi. Guarda bene alcune dite sono incastrate nel fondo del sacchetto.
Così, sì, forse mancherà qualcosa ma sarà poco importante. Il tempo che passa, il vetro che finisce in sabbia, voglio continuare a sperare.
Hai preso la colla per riattaccare tutti i pezzi. Amico, ti sei ricordato di me! Ora potrei anche andarmene, dissolvermi da qualche parte.
Però mi stai rimettendo in sesto come quei chirurghi che riattaccano gli arti e poi li fanno funzionare.
Dai, dai, manca poco. Sì, riesco ancora a stare in piedi. Mi mancano due dita e un pezzo di scarpa. E anche un bottone nero della giacca. Non fa nulla, basteranno gli altri due rimasti. Questa casa è sempre stata calda.
Amico, amico, grazie. Sei grande e sono sincero. Non sto pensando a me.
Continui a guardarmi e accarezzarmi. La colla si è asciugata ora e sono quasi intatto. Anche il dolore è sparito.
Ecco, sì, così, un ultimo ritocco e sono quasi rinato.
Oh, cosa fai, piangi?
Stai piangendo!
Appoggia la testa sul tavolo, così, bravo, e sfogati, liberati di tutto. Sto piangendo anch'io, non mi è mai successo. Se stai ripercorrendo la tua vita, indossa gli occhiali della compassione, così potrai vedere le immagini del tempo passato tinte di un giallo autunnale che infonderà dolcezza e comprensione al tuo animo.

Hai gli occhi arrossati ma sei più tranquillo.

Tanto tempo fa eravamo in tanti nel nostro movimento. Ci trovavi nelle corti dei potenti, nelle piazze, dentro carrozzoni malmessi a girovagare per il mondo ad allietare grandi e piccini, fedeli al messaggio di pace, di amore, di libertà.
Il nostro mantra quotidiano arrivava negli angoli nascosti del mondo e con il sorriso, gli inciampi, le finte urla, i vestiti colorati e troppo grandi raccontavamo l’assurdità dell’esistenza. Soprattutto i bambini accorrevano gioiosi perché erano più aperti degli adulti.
Ora siamo un po’ dimenticati, relegati in posti dove sembriamo oggetti di un passato remoto, ma il motivo per cui esistiamo è sempre lo stesso, proteggere le persone dall'inedia e dall'ignoranza. Dobbiamo aprire loro gli occhi.
Ci siamo e ci saremo sempre.
E oggi, in questa giornata solo apparentemente disgraziata, si è visto il senso della nostra vita. Ti sei ricordato di me o forse hai solo intuito la mia protezione. A me basta questo, un gesto d’amore che mi ha restituito la vita.
Quando mi riporterai al solito posto, la colla che hai usato poco a poco si scioglierà e domani mi ritroverai in tanti pezzi sparsi sul mobile e sul pavimento. So che non piangerai perché avrai capito il senso del destino.
Mi rivedrai nei sogni e nei colori dell’arcobaleno.
Il mio compito finisce qui, perché domani inizierò una nuova missione.

Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 63
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Arrivata al brano finale, tutta la storia si è ricomposta sotto i miei occhi e ha assunto il senso che fino a quel momento era mancato. Così, la mia principale critica di un uso maldestro della tecnica dello straniamento, è sfumata completamente in quel tocco finale fantasy, in quel "movimento" e nella sua morale. Molto dolci le ultime frase di chiusura, commoventi.
Ben scritta e mi è piaciuta. Voto 4.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 426
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

concordo con quanto scrive Ida, il finale risolve tutto.
sì, perché fino a quel punto era il semplice e anomalo sfogo di un pezzo di vetro colorato.
con la parte finale viene dato un senso alla storia.
scritto piuttosto bene con buone descrizioni ed esposizioni.
da rivedere un poco la punteggiatura, soprattutto nella prima parte
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 352
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Complimenti! Mi è piaciuto molto il tuo tenerissimo racconto, hai saputo dare vita ad un oggetto, il dolce pagliaccio di vetro andato in frantumi, con maestria e grande sensibilità. Ho trovato l'idea originale e la hai sviluppata con profondità, andando a scavare nell'animo umano, raccontando pure la loro storia nei tempi… di quel fantastico Movimento il cui mantra era quello di "proteggere le persone dall'inedia e dall'ignoranza". Delizioso! Massimo dei voti quindi.

Roberto
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto »

Ciao, trovo il racconto troppo 'mieloso'. Più che i pensieri e le emozioni di un personaggio non vivente, vedo il mezzo di trasferire il tuo senso della vita con l'uso di un oggetto inanimato. Ben scritto, comunque, ma forzato.

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Leggendo il tuo racconto mi sono immaginata il piccolo pagliaccio su un palco di teatro, con le luci ad illuminare solo lui, lo sfondo nero, appassionato nel suo monologo. Trovo sia scritto bene, mi piace soprattutto la parte finale, che mi incuriosisce. La parte centrale mi sembra un po’ troppo enfatizzata, ma è una questione di gusti.

“Guarda bene alcune dite sono incastrate nel fondo del sacchetto.“

Qui ti è sfuggito dite anziché dita.

Una lettura piacevole.

Lucia De Falco
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento il pagliaccio

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Questo testo mi è piaciuto molto per varie ragioni. Innanzitutto spesso mi sono fermata a riflettere sul valore degli oggetti che ci circondano, apparentemente futili per gli altri, ma importanti per noi. Cos'è un soprammobile, un giocattolo, un gingillo? Un ricordo, un pezzo di tempo che se n'è andato, ma che purtroppo non tornerà più. Tenendo quell'oggetto con cura i più nostalgici come me si illudono che il tempo possa non passare, sentono che anche le persone che non ci sono più, ma che magari ce l'hanno regalato, possano in qualche modo esserci ancora vicini. Inoltre mi è piaciuto che il racconto sia stato fatto dal punto di vista del pagliaccio.

Roberto Virdo'
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

L'idea alla base mi piace. Lo spunto fantasioso si accompagna peraltro a un progressivo ampliamento del significato che, con il procedere della lettura, acquista consistenza e profondità. Bello il finale che dirada completamente ogni foschia. Trovo il concetto espresso sicuramente valido tanto che le ultime righe potrebbero, chissà, diventare le prime di un nuovo racconto incentrato sullo stesso tema.

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Ciao Lety! Complimenti per il racconto breve, per me è un 4 senza ombra di dubbio. Mi sono piaciuti molto gli argomenti trattati, la figura del pagliaccio, i ricordi, i sentimenti, ciò che per alcuni può essere un tesoro e per altri un semplice oggetto e via discorrendo. Forse avrei aspettato un po' di più per chiarire tutta la situazione, ma del resto è un testo che arriva è questo credo sia l'aspetto più importante

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Museo letterario

Museo letterario

Antologia di opere letterarie ispirate dai capolavori dell'arte

Unire la scrittura all'immagine è un'esperienza antica, che qui vuole riproporsi in un singolare "Museo Letterario". L'alfabeto stesso deriva da antiche forme usate per rappresentare animali o cose, quindi tutta la letteratura è un punto di vista sulla realtà, per così dire, filtrato attraverso la sensibilità artistica connaturata in ogni uomo. In quest'antologia, diversi scrittori si sono cimentati nel raccontare una storia ispirata da un famoso capolavoro dell'Arte a loro scelta.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.
Introduzione del Prof. Marco Vallicelli.
Copertina di Giorgio Pondi.

Contiene opere di: Claudia Cuomo, Enrico Arlandini, Sandra Ludovici, Eleonora Lupi, Francesca Santucci, Antonio Amodio, Isabella Galeotti, Tiziano Legati, Angelo Manarola, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Annamaria Vernuccio, William Grifò, Maria Rosaria Spirito, Cristina Giuntini, Marina Paolucci, Rosanna Fontana, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (211,82 KB scaricato 144 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 482 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Questa antologia a tema libero è stata ispirata dalle importanti parole di Sam L. Basie:
Dedicato a tutti coloro che hanno scoperto di avere un cervello, che hanno capito che non serve solo a riempire il cranio e che patiscono quell'arrogante formicolio che, dalle loro budella, striscia implacabile fino a detonare dalle loro mani. A voi, astanti ed esteti dell'arte.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Iunio Marcello Clementi, Noemi Buiarelli, Marco Bertoli, Liliana Tuozzo, Alessandro Carnier, Martina Del Negro, Lodovico Ferrari, Francesca Gabriel, Pietro Rainero, Fausto Scatoli, Gianluigi Redaelli, Ilaria Motta, Laura Traverso, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Ida Dainese, Marino Maiorino.
Vedi ANTEPRIMA (921,21 KB scaricato 46 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 38 - Sorpresa!

La Gara 38 - Sorpresa!

(maggio 2013, 30 pagine, 1,07 MB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Ser Stefano, Anto Pigy, Monica Porta may bee, Patrizia Benetti, Yendis, freecora, Pardan, Lucia Manna,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,07 MB) - scaricato 312 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 30 - La verità è là fuori

La Gara 30 - La verità è là fuori

(aprile-maggio 2012, 33 pagine, 1,57 MB)

Autori partecipanti: Nathan, Lodovico, StillederNacht, Licetti, Lorella15, Mastronxo, Selene B, Alhelì, Antonella P, Tuarag, Kutaki Arikumo,
A cura di Diego Capani e Luigi Bonaro.
Scarica questo testo in formato PDF (1,57 MB) - scaricato 456 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 57 - Imbranati

La Gara 57 - Imbranati

(dicembre 2015, 27 pagine, 3,39 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Giorgio Leone, Angelo Manarola, Federico Pani, Alberto Tivoli, Skyla, Marina Paolucci, Eliseo Palumbo,
a cura di Carlocelenza.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 116 volte.
oppure in formato EPUB (448,80 KB) (vedi anteprima) - scaricato 173 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.