Due amori

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
6%
3 - si lascia leggere
5
29%
4 - è bello
5
29%
5 - mi piace tantissimo
6
35%
 
Voti totali: 17

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 220
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Due amori

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Palermo, primavera 1989

Antonio mi cinse le spalle e a un orecchio sussurrò: «Ti do tre milioncini e mi porti Penelope in Turchia, ad Antalya.»
«Non bastano» obiettai.
Perché conoscevo Penelope ed ero consapevole delle sue esigenze.
Mi divincolai, stanco di marchette gratis al miliardario di turno.
«Non sono spiccioli… proprio con me vuoi fare il furbo?»
Mi guardò dritto negli occhi, come in una sfida a duello.
«Lo so quanto ti piace: ho visto come la guardi, un tempo avresti pagato tu per star con lei. Quando ti capita un’altra occasione? E poi senti» mi afferrò la faccia manco fossi una femmina da baciare, «non c’è fretta, anzi almeno un mese la devi portare in giro, lontano da quel ladro che la mantiene e la trascura.»
Annuii in silenzio e già sapevo dove voleva andare a parare.
«Compà, un tempo ero un fesso, ma ora mi sono stancato di andare dietro a gente che diventa ricca niente facendo. Perché sei tu facciamo cinque milioni, e per un mese di Penelope me ne occupo io.»
Antonio sembrò pensarci su. Ma ormai conoscevo i suoi bluff, e se davvero avesse avuto qualche altro disgraziato disposto a tutto tra le mani neanche mi avrebbe chiamato.
Allungò la mano destra e disse: «Affare fatto. Avrei accettato anche per sei.»
«E io l’avrei fatto anche per tre» aggiunsi, per il solo piacere di non dargliela vinta.

Avevo incontrato Penelope a Favignana, sulla banchina della tonnara vecchia, carezzata dalle acque trasparenti della baia e dalla brezza tiepida di giugno.
Era bellissima.
Alcuni giorni dopo fu proprio Antonio a invitarmi a stare qualche giorno con loro, in giro per l’arcipelago, e galeotte le acque limpide delle Egadi me ne innamorai.
Poi le nostre strade si separarono. Feci molte altre esperienze, ma lei sarebbe rimasta quella diversa, il mio unico vero amore.

Alla fine arrivò il momento. Quel torrido giorno d’inizio luglio ero pronto per rivederla.
Penelope, uno splendido sloop di quaranta piedi in alluminio, mi aspettava nelle acque luride del porto, dove il suo armatore la lasciava marcire per quasi tutto l’anno.
Antonio mi consegnò le chiavi e i documenti e si esibì nel suo solito avvertimento: «Giò, senza un graffio la devi riconsegnare.»
Sull’equipaggio invece mi aveva lasciato mano libera: porta chi vuoi, basta che a me non costi nulla.
Che significava qualche disperato in cerca d’avventura e disposto a tutto pur di andar per mare. Qualcuno convinto di fare lui l’affare della vita, e perciò intenzionato a lavorare gratis per il tizio che pagava un ormeggio due milioni al mese senza batter ciglio. Maledetto il denaro e chi l’ha inventato pure.
«Il mare… chi non lo conosce che ne sa dei suoi infiniti segnali, del suo umore cangiante, e con quale prodigiosa intensità scuota i sensi? Chi non conosce il mare che ne sa del suo odore sempre diseguale, dei suoi colori mai identici? Il mare è una sensazione che ti droga, e una droga che alle volte ti uccide» recitai proprio così.
Era quella la mia scena madre, offerta gratis a Blasco Internicola. La filastrocca l’avevo imparata a memoria, tante volte l’avevo sentita in bocca ad Antonio quando cercava di fottere me o qualcuno come me. E ora toccava a me rifilarla all’allocco di turno; cosa che feci con grazia, e lo stesso sorriso beffardo dell’Ignoto Marinaio di Antonello da Messina.
È proprio vero che nella vita o si fotte o si è fottuti, e stavolta toccava a Blasco d’esser fottuto.
Che avevo conosciuto in una regata d’altura il marzo prima, quando m’aveva confidato ch’era desideroso di mettersi alla prova con qualcosa di più impegnativo di una regata. Certo, il fatto che ci avesse fatto arrivare ultimi, volando in mare colpito dal boma di randa, non deponeva a suo favore. Ma nonostante la mezz’ora nel mare frangente di marzo al largo di Ustica cercando di recuperarlo, lo chiamai: gratuito e con un mese a disposizione conoscevo solo lui.
Gli raccomandai di venire il giorno prima della partenza, per preparare la barca alla crociera. E quando arrivò aveva un sorriso stampato come di chi ha vinto la lotteria di capodanno e fa di tutto per farlo vedere agli altri. Era un entusiasta Blasco e perciò non si rendeva conto che io lo stavo usando, e che qualcun altro stava usando me. Così va la vita.
Il giorno della partenza il mare era increspato dalla brezza del mattino; drizzammo la randa e il genoa e via: bussola a novanta gradi verso il misterioso Oriente. Da Palermo filammo al traverso lungo la costa settentrionale dell’isola. Blasco cazzava le scotte con i winch, regolava il trasto di randa, si dava da fare come un vero marinaio. Sembrava un buon diavolo, anche se sapevo bene come in mare bisognasse attendere che il valzer della fortuna terminasse il suo giro per capire di che pasta fosse fatto l’uomo. E l’uomo, in mare come in terra, parafrasando Sciascia, appartiene a cinque categorie: il marinaio, il mezzo marinaio, il mozzo, il pigliainculo e il jolly.
E io, sicuro di appartenere alla più nobile, mi ero incatenato al timone rifiutando a me stesso l’inserimento del pilota automatico e intenzionato a godermi il comando della mia Penelope, a carezzarla con le dita, ascoltarne gli umori, prevederne i bisogni, proprio come si fa con l’innamorata in carne e ossa.
«Hai mai visto le Eolie dal mare?» Gli domandai all’altezza di Cefalù.
Scosse la testa.
«E allora le vedrai» promisi, e cambiai rotta, virando la prua verso il mare aperto.
Arrivammo che cominciava a scurire: Alicudi è la più selvaggia delle sette sorelle, solo un fortunoso attracco per l’aliscafo e poche case appollaiate lungo i ripidi pendii vulcanici. Non una strada, non una macchina, persino l’elettricità era scoperta recente. Ci ormeggiammo alla meno peggio e feci un salto a terra con lo stesso spirito del capitano Cook.
Gli indigeni mi offrirono capperi e spigole e la prima notte la passammo cullati dal mare sotto un cielo luccicante di stelle.
Con vento al traverso incrociammo Filicudi, Salina, Lipari, Vulcano, dove diedi fondo nella Baia di Ponente.
Concedetti a Blasco la libera uscita e lui, sorridente come un pargolo col suo balocco, raggiunse la spiaggia col tender. Io preferii rimanere con la mia Penelope, memore di una brutta avventura capitatami lì un paio d’anni prima, quando un’improvvisa tempesta spedò le ancore delle barche alla fonda facendone affondare qualcuna. Tutta gente con tanti soldi e poco cervello. Così va la vita.
Ma quella sera meglio avrei fatto a lasciare Penelope sola e a seguire il prode Blasco a terra, pure se nulla m’aveva lasciato presagire che avessi per le mani un casanova da strapazzo accecato dal testosterone, una sottospecie di idiota in pieno annebbiamento ormonale. Quella sera Blasco, al ritorno dalla sua spedizione in terra incognita, portò a bordo un’olandesina di sì e no vent’anni, con un corpo da modella e un viso d’angelo.
«Questa è Kelly» la presentò, mezzo strammato, con un sorriso che gli allargava la faccia proprio come al jolly del mazzo di carte, ma senza i ben noti campanelli. «Le ho promesso un passaggio sino ad Atene» mi comunicò senza pudore, come se il mio assenso fosse un accessorio di serie o una pura formalità.
«Ma quale Atene e Atene» replicai. «Compà, tu pazzo sei! Noi ad Antalya dobbiamo andare. E non sei autorizzato a dare passaggi. Qua comando io!»
«Ma scusa… Antonio non t’aveva detto porta chi vuoi basta che sia gratis? Tu me l’hai raccontato… e lei gratis è» ribatté, con il fare d’un puttino.
«A questo mondo di gratis niente c’è. E poi porta chi vuoi Antonio l’ha detto a me! Il capitano sono io» lo ripresi.
«E io, infatti, lo sto chiedendo al capitano» fece, e scandì quell’ultima parola; «e poi una mano a bordo ci serve… sa cucinare.»
«Che fa, mi sfotti? Di donne a bordo non ne voglio. Portano una tremendissima sfiga, una mala sorte bestiale!»
«Che ti fotte della sfiga? Ma… tu l’hai vista?» balbettò. «Hai visto che corpo? E che gambe, che seni… che occhi» mi tentò, il diavolo accecato dal testosterone.
«E tu ll’occhi ci taliasti. Lo so io che ci guardasti! Niente donne, è un ordine» esclamai, con piglio militare.
«Kelly, vieni qui» le fece cenno Blasco, sforzandosi nel suo improbabile dialetto anglo siculo.
E il subdolo demonio la mise in mostra, facendola roteare su se stessa.
La ragazza, occhi verdi, bocca rossa, e una maglietta bianca che più che nascondere lasciava presagire ogni ben di Dio, s’accostò e mi sfiorò la guancia destra alitandomi sul collo.
Rimasi interdetto e la guardai di traverso prevedendo guai a non finire. Fui sul punto di buttarla fuori, ma il diavolo, complice il mio testosterone da tempo in colpevole accumulo, m’accecò: per un attimo immaginai cose turche nella cabina armatoriale.
«Va bene» acconsentii riluttante.
«Dagli la cabina a prua, e tu prendi la cuccetta a poppa. Separati vi voglio, e tu comportati da gentiluomo» lo avvertii. «Si cena tra mezz’ora e all’alba si riparte. Voglio arrivare in Calabria prima di sera.»
«Agli ordini, capitano» rispose Kelly, nel suo traballante italiano, e contenta mi fissò coi suoi smeraldi da gatta in calore.
La cena a base di ricciole prese alla traina se ne andò insieme a due bottiglie di Bianco d’Alcamo: «Carpe diem!» Latineggiai, e mentre riempivo i bicchieri riflettei sul fatto che quella donna si trovava a bordo da un paio d’ore e già m’aveva fatto infrangere il divieto assoluto d’alcool alla fonda. Così va la vita.
Il giorno dopo non incontrammo vento sino allo stretto di Messina, poi la brezza si alzò potente al nostro traverso. Drizzammo il genoa, lo scafo si inclinò, la spuma iniziò a spazzare il ponte, e cominciò la bolina. Davo ordini di virata continui, zigzagando tra i traghetti in spola tra le due rive dello stretto, i cargo che passavano da Oriente a Occidente, e le spadare dalle lunghe antenne a caccia degli ultimi spada del Mediterraneo.
«Vira a dritta» ordinai a Blasco, e sentii i sensi acuirsi, i muscoli farsi più potenti.
Lo facevo per tenermi in allenamento, ma volevo anche sfiancarlo perché aveva trascorso tutta la mattinata a pomiciare con Kelly, a strusciarsi infischiandosene delle mie consegne. Lo volevo stancare e lo volevo punire, volevo farlo soffrire quel verme pomiciante, quel mezzo marinaio d’un porto senza navi.
Forse il testosterone stava annebbiando pure me.
In quel frangente Kelly, non potendo fare uso di Blasco, si avvicinò. Io stavo dritto a poppa, le mani ben ferme sulla ruota del timone, strette come se tenessero i fianchi di una donna, con un occhio alle navi che incrociavano e un altro al mostravento a riva. Kelly aveva preso posto dietro di me, e cominciato a carezzarmi le spalle, scendendo giù, verso la schiena, verso i glutei. Rimasi imbalsamato, vagamente strammato, ma la lasciai fare: con un sorriso ebete lasciai che anche lei mi usasse… il demonio che viveva in me, e il testosterone che fluiva dentro di me, la lasciarono fare.
Kelly aveva diciannove anni, ma ne poteva avere trentanove per come giocava coi maschi. Infatti a Melito di Porto Salvo, un porto angusto con l’entrata tanto interrata che il progettista avrebbe meritato d’esser legato all’ultima crocetta di una qualunque maestra e portato a spasso per il Mediterraneo, lo dimostrò ancora. Avevo bisogno di carburante e di acqua dolce, prima di affrontare la traversata dello Jonio; e di tornare indietro a Reggio o di salire a Crotone non mi andava proprio.
Entrando nel porto per poco non mi arenai. Mi innervosii e comunicai alla ciurma di voler fare solo acqua e gasolio e di mollare subito gli ormeggi per Cefalonia.
«Ho voglia di camminare un po’» obiettò, nel suo italiano cantilenante, la dolce Kelly.
«E io ho detto di no» la zittii.
Anche Blasco iniziò a darle man forte rendendo la mia presa di posizione un inferno dove regnavano sguardi languidi e sorrisi ammalianti.
Purtroppo per me non valevo un mignolo della grinta del comandante del Bounty; il mitico William Bligh fece disertare tutto l’equipaggio piuttosto che cambiar rotta, e si trattava di Capo Horn, boia d’un mondo. Io invece acconsentii a passare la notte in quel buco dimenticato da Dio e ricordato male anche dagli uomini per andare dietro ai capricci della bella figlia dei tulipani e del suo innamorato ormonale. Così va la vita.
Così trascorsi la notte insonne, tra i mugolii amorosi di Kelly e i muggiti arrapati di Blasco che si divertivano, s’accoppiavano, si rotolavano, mentre fuori i pochi pescatori del porto lo facevano apposta a urtare Penelope a ogni passaggio.
Il giorno dopo, i due amanti ancora dormivano, lasciai il porto con bussola a novanta gradi, direzione isola di Cefalonia. Il mare era calmo, il vento spirava dai quadranti meridionali, branchi di delfini mi precedevano gioiosi; tutto sarebbe stato perfetto se non avessi ricominciato a sentire altri mugolii e fremiti di libido. Verso le dieci il casanova coi campanelli e la gatta del paese degli zoccoli uscirono, con loro comodo, a prendere il sole. Io ero già arrostito e stanco, perciò mi arresi all’automatico e mi sdraiai all’ombra della randa.
«La terra quasi non si vede più» osservò Blasco mormorando.
E io sentii puzza di codardo.
«Quanto ci impiegheremo per arrivare a Cefalonia?»
«Due tre giorni» feci.
Per non sentirlo scesi in quadrato a fare il punto nave stimato, e dopo salii con il mio sestante e il volume con le tabelle effemeridi dell’Istituto Idrografico della Marina per fare il punto nave con il sole. In realtà volevo solo mostrare ai due piccioncini chi era il capitano vero. Kelly era in topless sulla tuga e vederla così, bella, giovane, luminosa, coi bei seni al vento, mi provocò un notevole eccitamento ormonale che aumentò il volume del mio costume.
Cercai di ricompormi e mi concentrai: «Sulla carta, segna» ordinai a Blasco. «Latitudine 37 gradi 47 primi e 28 secondi nord, longitudine 16 gradi 32 primi e 12 secondi a est. Corrisponde al punto stimato?»
«Manco per niente» rispose acido, sicuramente geloso dei miei lunghi sguardi molli a Kelly e di quel rigonfiamento innascondibile.
«Dammi qua» lo zittii. «Se non fosse per me, in una tinozza vi perdereste. Deficiente» lo apostrofai, e tornai all’ombra della randa.
Kelly ci osservava divertita, movendo leggermente il capo, mettendo in mostra i bei seni appena abbronzati: sapeva di essere lei la causa del malumore tra noi due. Ma non solo non faceva nulla per metterci una pezza, sembrava addirittura che si divertisse.
La navigazione proseguì tranquilla fino a quando non incrociammo un relitto a una cinquantina di metri dalla prua. I miei sensi si destarono e si rimisero all’erta fiutando il pericolo.
«Dobbiamo fare i turni per la notte. Io faccio il primo fino alle due del mattino, poi ti sveglio e ti fai una tirata fino alle sei.»
«Non c’è pericolo» obiettò, indolente come non lo avevo mai visto prima e sicuramente desideroso di passare la notte a suonare lo zufolo con Kelly. «La rotta commerciale passa più a sud…»
«Le correnti non seguono le rotte commerciali, e Dio solo sa cosa cade da quelle stramaledette porta container. Fa’ quello che ti dico. E poi possono sempre esserci navi più a nord della rotta stabilita. E per loro noi siamo invisibili» tagliai corto, e mi rimisi al timone.
Kelly nel frattempo, con un sussulto di buona volontà, si era messa ai fornelli, anche se soltanto un pareo trasparente copriva le sue attraenti nudità e osservarla era una tortura senza fine, quasi quanto le stupide effusioni di Blasco ripetute sotto i miei occhi.
A ogni modo, la figlia dei tulipani si dimostrò un’ottima cuoca, e la cena fu consumata allegramente, lei seduta al mio fianco e pronta a versarmi il mio adorato Grecanico, a stuzzicarmi maliziosa, sfiorandomi i piedi con i suoi. Blasco a osservarla immusonito, accecato dalla gelosia. La sera stessa Penelope, che sino a quel momento aveva sopportato di buon grado i miei malumori e le mie distrazioni, cedette a una sventolata di scirocco. Accelerò d’improvviso, il pilota automatico non resse la rotta, e cominciò a fischiare. Corsi al timone e lo disinserii. Mollai la scotta di randa e ridussi il genoa, la navigazione riprese tranquilla, Penelope mi aveva fatto capire che non la potevo tradire, che con lei avevo il dovere di rigare sempre dritto. Mi feci tutta la notte nel pozzetto, perché Blasco si era sbronzato; Kelly mi venne a fare visita verso le tre del mattino, con un caffè caldo in mano, e si accucciò al mio fianco inebriandomi col suo profumo. Mi tenne sveglio, mi coccolò con la sua cantilena italo-olandese, mi raccontò dei suoi sogni: che avrebbe voluto viaggiare per il mondo libera, senza legami e costrizioni, magari con un vero uomo accanto.
«E i soldi?» Le domandai io, a un certo punto.
«I soldi si trovano» rispose lei facendo spallucce.
Non posso dire quel che pensai, ma di sicuro lo pensai.
Verso le cinque, albeggiava, le ordinai di andare a dormire, e io proseguii la mia veglia con Penelope, la moglie che non tradisce.
Da due giorni vedevamo solo acqua e cielo, il vento si era calmato, il mare non si muoveva. Ritirai bucato e stoviglie alla traina in mare, e li sciacquai in acqua dolce. Ammainai le vele e mi tuffai nel blu: sotto di me un abisso di cinquemila metri. Penelope scarrocciava lentamente verso nord mentre una testuggine mi nuotava vicino osservandomi quieta, per nulla preoccupata. Avrei voluto essere come lei, felice in un adesso senza tempo. E invece il diavolo mi seguiva da vicino. Le sfiorai il carapace e scomparì nel blu profondo. Osservai Kelly distesa sul ponte: una magnifica Naiade.
Blasco si accorse dei miei sguardi. «Ti potrei lasciare a mollo qui, a duecento miglia dalla costa, e scappare con Penelope, Kelly, e vivere felice per il resto della mia vita» mi urlò, armeggiando sotto il timone.
L’incanto si spezzò.
Accese il motore e Penelope si mosse, e mi convinsi che lo stava facendo per davvero: anzi lo presi talmente sul serio che iniziai a nuotare come un forsennato verso la scaletta ancora calata in acqua. Poi spense il motore, Penelope perse il suo abbrivio e si fermò.
Si mise a ridere, l’infame, e con lui la dolce Kelly.
M’ha fatto fare la parte del jolly, pensai una volta a bordo, e puntuale un sentimento di rabbia e di rancore si fece strada dentro di me.
Un altro giorno passò, ci prendevamo cura soltanto di noi stessi e di Penelope, mentre la costa greca si avvicinava e il nervosismo non accennava a diminuire.
Cefalonia venne fuori dalla foschia l’alba del giorno seguente, ci trovavamo più a sud del previsto, vicini a Zante, Cefalonia a sinistra. Preferii puntare su quest’ultima per le coste frastagliate e le possibilità illimitate di ormeggi tranquilli.
Argostoli ci accolse sonnolenta nel pomeriggio. L’unico marinaio della capitaneria ci accolse annoiato invitandoci a compilare dei moduli, osservando distrattamente i nostri passaporti. O meglio, controllò solo quello di Kelly e attaccò bottone in inglese costringendomi a interromperlo non troppo gentilmente. Mi guardò di traverso, e mi ordinò di sparire. Per una volta Blasco mi aiutò e tirò via la dolce Kelly. Così va la vita.
Feci rifornimento di nafta, acqua e frutta.
La baia era un lungo fiordo tra mare e monti e lasciava senza fiato, le acque calme con migliaia di ricci ad aspettare solo qualcuno che li facesse diventare un condimento per la pasta.
Mi venne voglia di un’insalata greca, con feta pomodoro zucchine e cipolla, e la innaffiai con mpura ghiacciata e ouzo, dopo giorni di acqua brodo.
Ci dondolammo per una settimana tra Santa Maura e Cefalonia, poi costeggiammo verso sud; volevo far vedere a Penelope la sua isola, la bella Itaca. E Penelope mi ringraziò a modo suo, e anche Blasco si rilassò, mentre Kelly aveva messo da parte gli atteggiamenti da femme fatale. Così, una volta a Itaca, lo mandai a terra in cerca di cibo fresco, e Kelly rimase in barca: «Non mi sento troppo bene, vai tu» si scusò.
Quando Blasco sparì dalla vista Kelly cominciò a stuzzicarmi, ma io non reagii. Allora lei mi saltò addosso come una belva affamata… e ottenne ciò che voleva offrendomi la sua merce più preziosa. Non avevo scampo, fui suo.
Dopo Itaca decisi di non passare per il canale di Corinto e di puntare a sud, oltre il Peloponneso, verso Creta. Oltre l’isola di Oxia il mare si fece frangente e con dieci nodi d’andatura costante puntai al mare aperto. Penelope cavalcava le onde che era una meraviglia, così decisi di montare il gennaker. Sistemai le scotte e drizzai la grande vela asimmetrica all’esterno del genoa.
Solo chi va per mare può capire. Dodici nodi con andatura al lasco, acqua libera a prua, libertà sciolta da vincoli.
Eppure il diavolo, anche quella volta, ci mise lo zampino. Per cominciare, Blasco, per quanto inebetito dal testosterone, si era accorto che tra me e Kelly era successo qualcosa, ed era tornato aggressivo, isterico. E poi il Meltemi aveva cominciato a soffiare impetuoso da nord, gonfiando il mare. Le onde si alzavano una dietro l’altra e frangevano. Ammainai il gennaker e distesi il genoa, ma nel pomeriggio l’anemometro segnava quaranta nodi di vento: terzarolai la randa, rollai il genoa, ingarrocciai un piccolo fiocco a prua, ma commisi l’errore di esser troppo prudente. Penelope perse velocità rischiando ogni volta di straorzare in cima all’onda a causa del rallentamento imposto dal frangente.
Ci vuole velocità, pensai, dopo aver preso un gran numero di scoppole.
«Molla un terzarolo» ordinai a Blasco, che s’era raggomitolato nel pozzetto accanto a Kelly, stravolta come lui dalla paura.
«Sulla tuga non ci salgo manco morto» mi urlò di rimando.
Persi la pazienza. «Il timone automatico questo mare non lo regge, e di sicuro non lo reggi neanche tu» gli urlai. «Catamiati! Alza il culo e leva una mano di terzaroli, altrimenti finiamo a mollo, cacasotto, jolly dei miei coglioni. Smetti di fare il buffone e datti una mossa!»
«Me ne catafotto dei tuoi ordini: mi vuoi far fuori per scoparti a Kelly» mi rinfacciò rosso in viso, mentre l’olandesina piangeva di fianco a lui.
D’un tratto un’onda molto alta e frangente più delle altre ci colpì al giardinetto di poppa. Penelope, troppo lenta, venne investita in pieno, e non riuscì a liberarsene: straorzò sull’onda coricandosi con la mura di sinistra quasi in orizzontale, con le crocette in acqua.
«Tenetevi» li avvertii, e poi vidi la piccola Kelly librarsi in aria. Misi la barra tutta a sinistra, sperando che la fortuna e la fisica facessero il resto, e infatti riuscii a riportarla in orizzontale.
Penelope non mi aveva tradito.
«Arrusu, pigliainculo! Ci farai affondare» gridai a Blasco, ma lui non replicò, né si mosse, e perciò decisi di rischiare con l’automatico che inserito iniziò a gemere come se lo stessero torturando. Feci scendere Kelly nel quadrato e le ordinai di chiudersi dentro. Serrai il tambucio e mi precipitai alla randa, sciolsi le borose, ma la drizza non ne volle sapere di andare su, la pressione del vento la inchiodava là dov’era.
«Il winch» indicai a Blasco il verricello accanto a lui. «Drizzala col winch…» Penelope straorzò ancora.
E questa volta fu peggio della precedente. Riafferrai il timone e diedi barra a sinistra, poi mi venne l’idea: il motore.
Tentai di accenderlo, sperando che le straorzate non avessero prodotto danni, e la fortuna mi assistette. Diedi tutta manetta e Penelope riacquistò velocità. Ogni cosa tornò al suo posto, le onde, affrontate con la giusta velocità, smisero di creare problemi.
Avevo rimediato all’errore.
«Sei un vigliacco e un pezzo di merda, Blasco. Ti sbarco a Heraklion» lo ripresi, quando la buriana si fu calmata. «Tu non sei un Marinaio, e non lo sarai mai» sentenziai senza possibilità di ricorso.
«Sono un vigliacco perché amo la vita e ho paura di perderla. A te invece fa schifo, il tuo coraggio è solo un bluff: sei solo uno psicopatico» mi rinfacciò. «E Kelly?» chiese dopo un po’.
«Kelly può far ciò che vuole» gli risposi.
«Te la sei scopata, vero?» Mormorò. «Lo sai che era mia, che ci tenevo… mi volevi fare fuori.»
«E io per una scopata ammazzo a uno…» e lo mandai a quel paese.
«Ci hai fatto l’amore, è vero?»
«Me la sono scopata» ammisi, col preciso intento di ferirlo, e lo affrontai. In risposta mi arrivò un gancio in faccia, e un altro ancora, prima di stramazzare in terra.
Seguirono ore di silenzio e vento al traverso, anche Kelly si era rintanata nella sua cabina per non uscire più.
«Va’ via» ordinai a Blasco attraccati a Heraklion. «E portati la tua olandese.»
«Non voglio andar via» mi pregò allora Kelly, e corse ad abbracciarmi. «Sono tua, se mi vuoi.»
La guardai con distacco, e pensai a tutto quello che era successo.
Osservai Penelope tranquilla, sicura, forte, stabile, fedele e pensai che per una stupida sbandata stavo rischiando di perdere un dono così grande. Il pensiero mi fece inorridire.
«A me basta Penelope» le dissi, e l’allontanai.
Li vidi percorrere un tratto insieme lungo la banchina, poi Kelly spintonò Blasco e sparì tra le barche a vela ancorate sul molo alla sua sinistra. Così va la vita.

Non potevo avere due amori, e la strada per Antalya era ancora molto lunga...

_________________
Ultima modifica di Namio Intile il 29/06/2020, 18:58, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 426
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

stupendo.
è la prima parola che mi viene dopo averlo letto.
storia d'amore vero, profondo, che alla fine obbliga a una scelta.
molto ben scritto, con splendide definizioni e descrizioni visive.
non me ne intendo proprio di nautica, ma sei riuscito a farmi vedere tutte le scene e i comportamenti dei protagonisti. davvero complimenti.
unico appunto, forse manca qualche virgola, ma è nulla rispetto alla bellezza della storia.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 220
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Due Amori

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Troppo buono, Fausto. Sulle virgole dovrò farmene una ragione, visto che non sei il primo che me lo fa notare. Forse c'entra il mio modo lento di leggere un testo.
A ogni modo, condensare gli oltre centomila caratteri del racconto originale è stata una gran faticaccia e molti begli scorci e passaggi sono rimasti fuori, quindi sono contento che anche così riesca a emozionare.
Il trasferimento ad Antalya lo feci veramente, c'era anche uno che somigliava a Blasco, e la tempesta al largo del Peloponneso ho beccato anche quella.
Ho scritto una specie di trilogia sul mare: Tre Capitani, Due Amori e La Tempesta. Quest'ultima è praticamente un romanzo e non vedrà mai questa gara. Pazienza, due su tre.
Ormai sono anni che non salgo più sopra una barca seria, decenni anzi, e l'unico mare che frequento è quello sotto casa mia, dove qualche decina di ulivi bastano ad assorbire le mie residue energie e attenzioni.
Così va la vita.

Roberto
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto »

Si nota la maestria di chi è avvezzo alle barche in generale. La storia però è alquanto inverosimile e prevedibile.
La ragazza, poi, sembra di cartapesta, uscita dal nulla con un unico scopo. Non è particolarmente avvincente, anche se è ben scritto.

Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 352
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Bello! Scritto benissimo. Storia simpatica. Un "ultimo" che ho apprezzato particolarmente: nonostante la tempesta ormonale in atto il cervello del Capitano ha avuto la meglio dinnanzi alla fighetta di turno. La terminologia nautica mi ha messo un poco in difficoltà non conoscendola affatto. I dialoghi li ho trovati assai divertenti, motivo per cui, nonostante la lunghezza, lo scritto è "volato" via piacevolmente. Gli itinerari, descritti così bene, che pareva di esserci... La mia valutazione pertanto è alta.

Francesco Pino
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: Due Amori

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Un bel racconto veramente, benché io odi le storie a sfondo sentimentale. Carini davvero i dialoghi e bella la narrazione. Dovrei andarmi a cercare quei termini "tecnici" cosi' imparo qualcosa in più. E poi mi hai riportato in luoghi di vacanze passate!
Mi è piaciuto.

Avatar utente
Teseo Tesei
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

La scelta tra Penelope e Kelly è fin troppo semplice.

Namio, ma questi erano due “babbasùni”.
E’fatto noto che le femmine a bordo portano sfortuna.
Superstizioni da veri Marinai con la M maiuscola, penseranno alcuni magari poco avvezzi alla navigazione ed alla conoscenza umana.
Tuttavia che il gentil sesso incasini la vita di bordo è abbastanza comprensibile.
Il tuo scritto spiega dettagliatamente alcune di queste dinamiche.
I marinai “single” diventano gelosi di quelli con accompagnatrice: questo è matematico.
Esiste un'unica alternativa a tutto ciò: una ferrea e rigorosa disciplina per tutti … e senza eccezioni.
Cosa piuttosto difficile da attuare considerata la stessa natura umana, ma non sempre impossibile.

Però scusa, ma se questi due “babbasùni” si pigliavano Kelly e la mettevano con le “minne de fora” a prora, il vento si calmava sicuro: come è sicuro che Eolo è “arrusu”.
Leggenda narra infatti che Eolo, in tali circostanze, si sarebbe vergognato alla vista delle nudità scappando.
Questa a mio vedere è pura leggendaria superstizione con poco fondo di verità ed ancor meno rispetto per Eolo stesso.
Sorvolando sulla leggenda che dipinge il pudico Eolo in tali effemminate sembianze, è bene ricordare che un tempo la prua delle imbarcazioni era ornata da polene raffiguranti bellissime donne nude o poco vestite proprio per ingraziarsi gli dei del mare ed evitare tempeste e naufragi.
Si credeva infatti che gli dei del mare avrebbero risparmiato dalle tempeste e dal brutto tempo le navi così ornate.

A riguardo di Sicilia, femmine imbarcate, superstizioni, Eolo, e mare grosso ricordo quel che accadde diversi anni orsono.
Se non altro perché la cosa mi segnò non poco.
Cinque belle ditate sulla guancia sinistra.
Durante una tempesta a forza 10, sebbene su battello più sicuro, ebbi l’ardire di consigliare scherzosamente ad una collega straniera imbarcata, di spogliarsi e recarsi a prua affinché Eolo se la battesse a gambe levate e pure il mare si placasse.
Non era olandese, tuttavia molto attraente. :mrgreen:
Alla mia frase: “non preoccuparti, poi ti asciughiamo noi”.
Una tua conterranea mi diede uno schiaffone che ancor mi duole.
La cosa mi lasciò di stucco più perché la mia era una semplice battuta scherzosa, priva di malizia e mai avrei creduto di provocare un tal ribollimento di sangue nella sicula gentildonna dalla mano lesta e dura.
Oltretutto, a parte un paio di pudicissimi complimenti da parte mia nei confronti della bella tua conterranea, neppure pensavo di interessarle. Vabbé forse "inconsciamente" intendevo stuzzicarla.
Naturalmente subito dopo la gentildonna se ne andò battendo i tacchi ed imprecando in vernacolo siculo parole poco chiare di cui ricordo vagamente: "grandissimo porcu fetuso pezz'i mieidda rugnusu" e così via andare su questo genere.
Dopo i primi istanti di smarrimento la rincorsi, perché naturalmente quando una gentildonna chiede soddisfazione ad un gentiluomo, secondo il codice d’onore marinaro, a questi non è concesso rifuggire da un tale dovere ed obbligo. Perciò mi “sacrificai”.
La sfidante ottenne infatti immediata soddisfazione, ovvero “onore e rispettabilità” vennero ristabiliti la sera stessa.

Da tempo che non sentivo più la parola “catamiati”.

Ho letto il racconto una sola volta, ma credo che lo rileggerò ancora più volte.
Mi piace è davvero divertente, avvincente ed interessante, oltre ad essere ben scritto.
Molti bei ricordi, recenti e passati, riaffiorano alla mente nel corso della lettura.
Sono costretto ad ad allungarti un miserrimo cinque, ma su una scala da uno a cinque ne vale almeno nove.

Alla prossima.

:smt006

P.S. Quando la trilogia sarà terminata e disponibile facci sapere dove trovarla.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 220
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Due Amori

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Bell'intervento, Teseo.
Nel racconto originale, molto più lungo, ho scritto qualcosa sulla sfortuna delle donne a bordo.
E sulle raffigurazioni di Eolo hai ragione, chissà perché dato che nel Mito Eolo, che diviene re delle Eolie sposando la figlia di Liparo, e quindi mitico re dei Venti, viene descritto come un tipetto piuttosto sanguinario e padre di dodici figli.
Sulle polene non so molto, ma non sono solo donne mi pare, però le antiche imbarcazioni avevano disegnati degli occhi a prua. In questo modo la barca si trasformava in un essere vivente in grado di vedere dove andare e quindi di evitare i pericoli.
Le siciliane non sono come le olandesi e fitusu era il minimo che ti potessero dire. Ringrazia Dio che non t'hanno cavato gli occhi o che non ci fossero nei paraggi padri, mariti, zii, cugini, fratelli, amici. T'avrebbero affondato la barca.

Edmondo
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 17/11/2015, 13:19

Author's data

Re: Due Amori

Messaggio da leggere da Edmondo »

Bel ritmo narrativo e avvincente avventura. Mi ricorda anni di traversate in Grecia e una fidanzata originaria di Cefalonia che viveva ad Atene. Bravo davvero: marinaio. Mi chiedo perché il commento non è valido? Forse è troppo breve?
Allora continuo. La mia fidanzata è vera eppure non sono mai stato marinaio. L'olandesina non sembra troppo credibile ma è certo che chi scrive sa condurre una barca a vela. Questo non toglie nulla al racconto che rimane bello.
Ultima modifica di Edmondo il 29/06/2020, 17:09, modificato 1 volta in totale.

Andr60
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 74
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Bel racconto che, come quello precedente, ti porta a camminare sul carabottino stando attento al boma e, nel mio caso, ad accostare e a scendere subito per evitare guai ulteriori, tempeste a parte.
Le femmine portano sempre guai, ma sulle barche non puoi scappare, a meno che non le butti fuori bordo. Però è illegale.
Complimenti a Namio per la vittoria nella gara precedente e anche stavolta voto 5.

Avatar utente
Teseo Tesei
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Re: Due Amori

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Namio Intile ha scritto:
26/06/2020, 11:39
Sulle polene non so molto, ma non sono solo donne mi pare, però le antiche imbarcazioni avevano disegnati degli occhi a prua. In questo modo la barca si trasformava in un essere vivente in grado di vedere dove andare e quindi di evitare i pericoli.
Si infatti, nel corso degli anni ci sono state tante scuole di pensiero.
Le polene raffiguranti donne nude o semi svestite lo erano per la ragione che ho indicato.
Poi come giustamente hai ricordato c'erano occhi proprio per quel che hai detto, leoni, draghi e via andare.
Sulla Amerigo Vespucci c'è nientemeno che messer Amerigo tutto d'oro con la mano destra sul cuore e una pergamena arrotolata in mano.
Namio Intile ha scritto:
26/06/2020, 11:39
Le siciliane non sono come le olandesi e fitusu era il minimo che ti potessero dire. Ringrazia Dio che non t'hanno cavato gli occhi o che non ci fossero nei paraggi padri, mariti, zii, cugini, fratelli, amici. T'avrebbero affondato la barca.
Non ne dubito affatto.
Ho avuto modo poi. :roll:

:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Avatar utente
Teseo Tesei
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Andr60 ha scritto:
27/06/2020, 11:59
Le femmine portano sempre guai ...
Suvvia dai questo non è vero.
Che si farebbe noi senza di loro.
Sono i nostri fari, le nostre stelle.
Ci aiutano ad orientarci, a trovar la rotta giusta.
Ci invogliano a tornare a terra.
Il marinaio ha tanti fari a terra, tante stelle in cielo e i tanti amori in ogni porto.
Lì devono restare.
Lo aiutano a ritornare, a navigare, a vivere.
Cosa sarebbe altrimenti un marinaio.
Un pesce senza pinne, un uomo senza cuore.

Scherzi a parte con il giusto rispetto e la giusta disciplina la convivenza è possibile. :roll:

:smt006
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Bellissimo, l’ho letto d’un fiato... non ho molto da aggiungere, è un ottimo racconto. E Penelope è una gran “donna”, batte sicuramente tutti.

Ti segnalo solo:

“Ci ormeggiamo alla meno peggio e feci un salto a terra con lo stesso spirito del capitano Cook.“

Non sarebbe ormeggiammo?

Mi sembra poi che hai insistito un po’ col termine testosterone.

Lucia De Falco
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Due amori: uno per Penelope, una barca, uno per una donna. All'inizio questo racconto mi era molto piaciuto per la suspense che si creava intorno alla figura di Penelope, che si è poi rivelata essere una barca, per il tono appassionato e per la passione per il mare, soprattutto l'elogio del mare. Ma poi quest'ultimo si è rivelato essere una recita per convincere Blasco, il secondo amore annunciato nel titolo non era altro che una passioncella sfumata nel nulla e il linguaggio è diventato crudo e troppo realistico e moderno per i miei gusti. Diciamo che per la cornice del mare avrei preferito un linguaggio più classico e una storia d'amore romantica.

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 220
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Due Amori

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Selene, e grazie. Hai ragione, mi è scappata una m in meno. Grazie a Francesco e a Laura. Grazie a Edmondo, ma io non sono mai stato un Marinaio. Forse lo è stato mio nonno che si è fatto due guerre in Marina ed ha navigato dappertutto dal Giappone a Capo Horn al Madagascar. È stato però un gran testa di cazzo.
Grazie a Andr60 e a Lucia.

Avatar utente
Giorgio Leone
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Veramente molto bello e godibile, questo racconto. Secondo me sei il più grande scrittore nautico contemporaneo siciliano vivente. Sempre piacevolissimo, poi, l'inserimento di termini dialettali dei quali, dopo Camilleri, siamo diventitati tutti edotti ed esperti. Complimenti ancora, quindi, e vediamo cosa ci proporrai dopo l'infido boma.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 220
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Due Amori

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Giorgio, grazie per il passaggio. Di tanti aggettivi ce ne hai azzeccato solo due: siciliano e vivente. Già sul contemporaneo nutro seri dubbi.
Spero di leggerti a questo giro.

Roberto Virdo'
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Non c'è niente da aggiungere. Per la mia modestissima opinione questo è un livello superiore. Introduzione con mossa a effetto (ammettiamolo: ci siamo cascati tutti, così va la vita). Perfetto utilizzo del discorso diretto, personaggi creati ad arte e non per questo inverosimili. La storia credibilissima, perché no? E comunque avvincente, in cui i termini tecnici sono stati sapientemente usati e risultano perfino affascinanti. Ancora: un'ironia di fondo sottile, usata anche con parole dialettali forti e genuine eppure leggera ed efficace perché opportunamente calata al momento giusto.
Mi permetto solo una brevissima digressione personale affinché tutto ciò non sia solo un ripetere inutile: Penelope la moglie che non tradisce mai, Kelly la Naiade, direzione Turchia. Ma Kelly non è una Naiade e l'autore lo sa perfettamente, questa è storia d'acqua salata… semmai l'ha voluta camuffare come tale. E Antalya non era una volta greca? E la "tempesta"? D'accordo, oltre Penelope viene citato anche il passaggio a Itaca quindi potrei sentirmi dire: bella scoperta! ma io vi risponderei che manifestare potrebbe essere un astuto modo per celare.

In definitiva, a me sembra proprio che Ulisse abbia voluto ascoltare il canto delle sirene e stavolta nella maniera più dolce possibile. Del resto, che sarebbe questo racconto senza Kelly? Somiglierebbe al nostro viaggio in mare senza averne incontrato almeno una.
Chapeau.

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 220
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Due Amori

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Un intervento molto acuto il tuo, Roberto. È vero, senza Kelly il racconto risulterebbe monco, irrilevante, come senza Penelope d'altra parte.
Ma cosa sarebbe dell'Odissea senza il tema del Ritorno a Itaca, a casa, nella casa di Penelope? Però anche senza Circe, che valore avrebbe il Ritorno? Qualunque Ritorno. E quale valore Penelope? L'una è il riflesso dell'altra.
E dunque, Circe. Non Le Sirene?
Un poco si confondono, Circe promette una vita altra, come le Sirene. Ulisse vuole ascoltare il loro canto, ma senza farsi ammaliare. Vuole godere dei piaceri della vita ma non vuole esserne travolto. E perciò si fa legare alla Maestra.
Il mio protagonista resiste da solo alla tentazione, non ha neanche bisogno d'esser legato tanto forti sono le sue convinzioni. Al contrario di Blasco, che viene letteralmente travolto; Blasco che nel profondo forse non ha quella componente negativa da cui pare affetto in apparenza. Forse non il jolly, il quaquaraquà, ma l'Uomo che vuole vivere.
Giovanni ascolta il loro canto scegliendo di non vivere, mentre Blasco ascolta e vuole vivere.
Giovanni non indulge ai piaceri dell'esistenza. Vive in un mondo fatto di proibizioni, niente alcol, niente donne, niente escursioni. In fondo è un borghese, col suo universo di valore borghesi da salvaguardare, che fa del controllo e della volontà di dominio il proprio unico scopo.
E come per ogni borghese ciò che più conta è forse il Ritorno da Penelope.

Ida Dainese
rank (info):
Sommelier letterario
Messaggi: 392
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida Dainese »

All'Amore non si sfugge, né per terra, né per mare. Ma qui l'amore vince, nonostante tentazioni e sirene. Una storia di mare ma anche una storia di lotta tra due "lei", Penelope e Kelly. La narrazione è accurata, soprattutto nei termini marinareschi, nella gestione dell'imbarcazione, nella descrizione del mare, forse addirittura penalizzata dagli accorciamenti, perché è una storia difficile da ridurre a racconto senza intaccarne la bellezza.
Mi ha colpito Penelope, che non dice mai una parola e che all'inizio si immagina sia una donna, per come emerge dal raccontare, per quell'elegante scivolare sul mare, per il suo lasciarsi schiaffeggiare dalle onde, per il suo restare a galla. Me la immagino perfino sogghignare in silenzio, mentre Kelly viene mandata via.
Immagine

Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 220
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Due Amori

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Ida. Sempre stimolante leggere le tue riflessioni. Una decina d'anni or sono (ridendo e scherzando sono quasi quindici anni che frequento forum), uno dei partecipanti alla gara odierna, in un'altra gara - di fronte alle critiche che mi piovevano addosso da alcuni autori che si lamentavano dell'uso eccessivo del dialetto o dei troppi termini nautici che a loro dire appesantivano il racconto rendendolo illeggibile - mi ha rincuorato dicendomi di non vergognarmi perché questo racconto è splendido e c'è tutto.
Più che le critiche hanno potuto quelle brevi parole, quel "c'è tutto" mi ha spinto a continuare a investire su Due Amori, sullo spessore dei protagonisti e sulle diverse chiavi di lettura.
Lo ringrazio adesso quell'autore.
Ne ho scritto una versione lunghissima (quasi un romanzo), una lunga, e una breve, l'attuale per Bravi Autori.
Sfoltita e sfrondata, è inutile negare che lo sforzo per farla arrivare a questo livello di brevità è stato grande.
Quanto si somigliano bravo e breve.
A ogni modo, voglio solo dirti che hai ragione che è stato difficile ridurre questa storia senza intaccarne la bellezza, come tu scrivi.
Però ti garantisco che in nessuno dei tre racconti il protagonista è mai arrivato ad Antalya. Forse sta ancora cercando ciò che non riesce a trovare.

Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 63
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Davvero una bella storia: mi piace molto il tuo stile, crudo e diretto, sempre assolutamente corretto. Mi sembrava che ci fosse lo stesso verbo ripetuto sulla stessa riga, ma ora non lo trovo più.
Il colpo di scena lo hai messo all'inizio. Invece che nel finale, con quella Penelope (bello che poi lui le faccia fare il giro intorno a Itaca) che… donna non è, ma vale ancora di più.

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Ciao Namio! Ho trovato questo racconto un po' faticoso, forse demerito anche mio, non sono riuscito ad entrare bene dentro ai suoi ritmi. Per il resto è una storia carina e scritta bene, avrei accorciato un po' il tutto perché è difficile leggerlo in attimi di pausa, detto questo ho apprezzato il tuo lavoro

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BReVI AUTORI - volume 2

BReVI AUTORI - volume 2

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Daniele Missiroli, Fausto Scatoli, Angela Di Salvo, Francesco Gallina, Thomas M. Pitt, Milena Contini, Massimo Tivoli, Franca Scapellato, Vittorio Del Ponte, Enrico Teodorani, Umberto Pasqui, Selene Barblan, Antonella Jacoli, Renzo Maltoni, Giuseppe Gallato, Mirta D., Fabio Maltese, Francesca Paolucci, Marco Bertoli, Maria Rosaria Del Ciello, Alberto Tivoli, Debora Aprile, Giorgio Leone, Luca Valmont, Letteria Tomasello, Alberto Marcolli, Annamaria Vernuccio, Juri Zanin, Linda Fantoni, Federico Casadei, Giovanna Evangelista, Maria Elena Lorefice, Alessandro Faustini, Marilina Daniele, Francesco Zanni Bertelli, Annarita Petrino, Roberto Paradiso, Alessandro Dalla Lana, Laura Traverso, Antonio Mattera, Iunio Marcello Clementi, Federick Nowir, Sandra Ludovici.
Vedi ANTEPRIMA (177,17 KB scaricato 112 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Rosso permissivo

Rosso permissivo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Una bambina e alcune persone subiscono una crudele e folle violenza. Cosa potrebbe fare una donna per vendicarsi e scongiurare la possibilità che anche sua figlia cada vittima dei carnefici? Lo scopriremo in questo racconto, dato che il rosso ce lo permette.

Copertina di Roberta Guardascione
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (382,46 KB scaricato 171 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

69 Orizzontale

69 Orizzontale

l'Antologia erotica

Oltre 300 pagine di ottimo erotismo sotto forma di racconti, poesie e illustrazioni. Contiene un racconto della scrittrice Valeria Ferracuti e disegni di Furio Bomben. Ogni testo è abbinato a una domanda in formato "settimana enigmistica" che testerà l'attenzione del lettore. La dura selezione alla quale sono stati sottoposti i partecipanti, garantisce al libro una qualità che raramente è stata raggiunta in passato.
A cura di Massimo Baglione, Angela Di Salvo e Alessandro Napolitano;
in collaborazione con Valeria Ferracuti di mysecretdiary.it;
copertina di Roberta Guardascione;
illustrazioni aggiuntive realizzate da Furio Bomben;
strisce enigmistiche di Diego Capani.

Contiene opere di: Allison Bersani, Gabriella Pison, Gianni Giovannone, Serena Rosata, Simone De Andreis Gerini, Thierry59, Grey Delacroix, Giovanni Altieri, Marina Priorini, Antonella Rita Provenzano, Furio Bomben, Alessandra Gaggioli, Marina Casali, Mew Notice, Enrica Restelli, Valter Padovani, Alessandro Moschini, Tullio Aragona, Elena Girotti, Edoardo Baietti, Gilbert Paraschiva, Gianluigi Redaelli, Connie Furnari, Flavia Ippolito, Mariella Scarano, Piergiorgio Annicchiarico, Poly, Alessio Boni, Carmine Rosano, Alberto Tristano, Barbara Bertucci, Armando D'Amaro, Livin Derevel, Stefano Masetti, Alfio Faedi, Giovanni Gentile, Bruno Elpis, Riccardo Carli Ballola, Roberta Eman, Anna Pisani, Ser Stefano, Riccardo Sartori, Giovanna Amoroso, Jen Ricci, Michele Cogni, Paolo Ferruccio Cuniberti, Claudio Gavina, Valeria Ferracuti.
Vedi ANTEPRIMA (298,69 KB scaricato 837 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 36 - De Rerum Scientia

La Gara 36 - De Rerum Scientia

(febbraio/marzo 2013, 35 pagine, 707,18 KB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Lodovico, Nunzio Campanelli, Roberta Michelini, Skyla74, Mastronxo, Patrizia Benetti, freecora, Ser Stefano, Marino Maiorino, sogliaoscura, Carlocelenza.
A cura di Monica Porta may bee.
Scarica questo testo in formato PDF (707,18 KB) - scaricato 306 volte.
oppure in formato EPUB (503,58 KB) (vedi anteprima) - scaricato 217 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2019 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2019 - (in bianco e nero)

(edizione 2019, 2,26 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,26 MB) - scaricato 43 volte..

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014 - (in bianco e nero)

(edizione 2014, 4,52 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,52 MB) - scaricato 234 volte..

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.