Columbine School

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
43%
3 - si lascia leggere
4
57%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 7

Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Columbine School

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Martha era il suo nome e insegnamento il suo cognome. Occhi azzurri, magnetici, che catturavano i ragazzi ancora prima delle parole. Nessuno insegnava la storia come lei. La cattedra era il suo palcoscenico. Amava i suoi ragazzi. Tutti. Quelli tranquilli e quelli vivaci.
Il professor Tom Howard piaceva più al preside che ai ragazzi. Era un uomo che gli anni e la noia avevano ingrigito. Curvo e piccolo, doveva allungarsi per scrivere nella parte superiore della lavagna. Ma aveva occhi di falco. Forse ne aveva un paio anche sulla nuca visto che non gli scappava nulla. Nessuno ridacchiava o bisbigliava alle sue spalle. Conoscevano bene l’istinto da cacciatore del professor Howard.

“Signori, l’andazzo deve cambiare. Questa è la Columbine School. Qui le famiglie pagano una retta di ventimila dollari all’anno e si aspettano che i ragazzi raggiungano il diploma senza intoppi” il preside aprì così la riunione.
Aveva una faccia magra e severa, occhialini appoggiati sulla gobba del naso e labbra sottili che cerchiavano una piccola bocca dalla quale nessuno aveva mai sentito uscire parole fuori posto. Una figura austera, perfettamente in linea con la sobrietà dei corridori e delle stanze della famosa scuola che dirigeva da vent’anni. Vent’anni di ordine e certezze, amava dire.
“ Io trovo che non ci sia nulla di strano. Abbiamo solo qualche ragazzo un po’ più vivace degli altri” disse Martha
“Professoressa, per permettere di sfogare la vivacità abbiamo messo a disposizione splendidi campi e palestre” disse il preside
“La vivacità non è solo una manifestazione fisica, un’energia da sfogare” ribatté la donna.
“Martha, il signor preside affida a noi il compito di gestire al meglio gli alunni” disse il professor Howard.
“ Infatti, Tom, quello che facciamo, o meglio, che dovremmo fare, è proprio gestire questa sana vivacità e tradurla in motivazione e creatività” disse la professoressa.
“Martha, noi dobbiamo semplicemente seguire il programma di studi, rispettando i protocolli e la tempistica.” Il professore prediletto del preside fece scivolare fuori dalla sua bocca queste parole con quel tono monocorde che usava per spiegare sia il romanticismo che la beat generation.
Il preside si alzò lentamente dalla sedia e rimise i fogli nella cartellina. Era il suo modo per porre fine alla riunione. “Io vi chiedo solo di dispensare sapere e disciplina” aggiunse col sorriso benevolo del padre che spiega al giovane figlio come bisogna fare.
Le gambe della Brown andavano veloci verso casa. Nonostante la riunione, dove, come sempre, erano stati criticati i ragazzi, era di ottimo umore. La aspettava un piacevole weekend: spiaggia e cena con le sue amiche scatenate.
Il fine settimana del professor Brown forniva la sicurezza di non presentare imprevisti. Una passeggiata, e un sabato sera davanti alla televisione. Tom adorava rispondere alle domande del “ Il Quiz del sabato”.
Ma, a dire la verità, qualcosa di strano l’aveva visto mentre camminava nel parco: il preside che parlava in mezzo a un gruppetto di ragazzi. Facce che non aveva mai visto a scuola. Strano, pensò mentre tornava veloce verso casa, con la spesa necessaria per fare arrivare il Lunedì.

Martha iniziò la nuova settimana con un’abbronzatura dorata che faceva risaltare il suo radioso sorriso. Tom entrò nell’istituto con la solita aria. Su di lui il sole, la nebbia, la pioggia avevano lo stesso effetto. Nullo.
La professoressa stava facendo vivere ai ragazzi l’attacco alla base navale di Pearl Harbor quando sentì il primo colpo. Il rumore secco dello sparo corse per il corridoio ed entrò nella VB. Le palpebre della Brown si allargarono a dismisura, quasi a voler far uscire il bulbo oculare. Le bocche degli alunni si aprirono, ma non uscì una sola parola. Si aprirono in tanti cerchi muti.
Tre ragazzi salirono veloci le scale. Giù in basso il corpo dell’addetto alla sicurezza se ne stava a terra come un sacco che spurga liquido rosso. Le pallottole andavano contro i muri, le fotografie, le statue della prestigiosa scuola, risparmiando il quadro preferito del preside: “Abitudine, consuetudine e tradizione sono più forti della verità”.
Quando le armi entrarono in classe indugiarono un attimo. Le bocche fameliche dei fucili guardavano i volti terrorizzati dei ragazzi, ma quella che sembrava essere un’incertezza venne subito spazzata via dai colpi delle mitragliette. Stramazza al suolo la professoressa, cadono alcuni studenti, altri vivranno, risparmiati dal commando o dal caso.
Non parlano, si intendono con gesti rapidi e impercettibili. Guidati dalla follia, o da una strategia malata. Quando entrarono nella V A, Howard spiegava Hemingway. Per i ragazzi era più potente di due pastiglie di Roipnol.
Sembravano indecisi, come se stessero cercando qualcuno. Gli alunni e il professore sono in piedi, immobili, in silenzio. Aspettano che si risolva questo interminabile momento di impasse. E la soluzione arriva, veloce e impietosa. Proiettili che si infilano nelle prime carni che trovano sul loro percorso. Il professore sembra protetto da uno scudo invisibile e assiste alla mattanza in prima fila, da una posizione privilegiata. E i giovani cadono: Jim, vivace ma con grandi potenzialità; Ross, ribelle, forse troppo; Mike, quante volte hanno detto ai suoi genitori che forse questa non era la scuola adatta.
Il commando incrocia il preside in corridoio. Lo fissano con i fucili in mano. E’ calmo, sulla faccia la stessa non espressione di sempre. Il professor Brown, sporco di sangue non suo, lo guarda dalla soglia della porta della sua classe. Non capisce se sia pietrificato dalla paura o dal peso del fallimento che rappresenta questa mattanza nella sua scuola. La scena irreale venne interrotta dall’arrivo delle sirene.

I giovani vennero condannati a trent’anni di carcere e al preside non fu contestata alcuna inadempienza. Malgrado lo scandalo conserva il suo posto, e incredibilmente, l’anno successivo, nonostante l’aumento delle rette per finanziare il nuovo imponente servizio di sicurezza, le iscrizioni sono addirittura in aumento.
I racconti della professoressa Brown, che riposa in una tomba sempre ornata di fiori colorati e allegri, sono sostituiti dalle lezioni del severo ed esperto professor James.

“Mi avevano parlato di una scuola un po’ in declino, con ragazzi un po’ troppo vivaci” disse James, alla sua prima riunione d’istituto
“E’ cambiato tutto dopo la strage. Ci ho pensato tante volte.” Disse Howard. “Intendiamoci, è stato terribile. Però, non pensate male, è come se il destino avesse eliminato i problemi. Sono caduti, pace all’anima loro, i ragazzi più vivaci, quelli più problematici. La professoressa Brown era brava e simpatica… però sembrava che non si fosse accorta di avere lasciato la sua vecchia scuola di provincia. Comunque dobbiamo andare avanti. E adesso lo stiamo facendo bene. Non ho mai visto classi così silenziose e studiose”
“Si, in effetti adesso non vola una mosca” disse il preside con la bocca che si allarga in un sorriso alla quale non era più abituata.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

beh, la storia, presa da un episodio vero, finisce con un cinismo che non mi aspettavo proprio. sono rimasto maluccio.
comunque il testo è, secondo me, da rivedere. ci sono tempi verbali che non combaciano, un po' al passato e un po' al presente.
c'è qualche refuso, ma credo siano errori di battitura.
buone le descrizioni.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Edmondo
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 17/11/2015, 13:19

Author's data

Re: Columbine School

Messaggio da leggere da Edmondo »

Interessante ma il presente storico, per rendere la drammaticità del fatto, non va mescolato con altri tempi o si perde ogni effetto. Quanto ai personaggi non sono abbastanza credibili: troppo manichea la divisione tra apocalittici e integrati. L'insegnamento è un'altra cosa e la vita è assai più complessa. Comunque tu ci hai provato a darne una versione; non mi hai convinto ma brava lo stesso. Sarà forse perché mi tocca di fare l'insegnante per vivere.

Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9174
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Columbine School

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altri suffissi), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Lucia De Falco
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Inizialmente sembra una pagina di riflessione su due metodi e concezioni diverse dell'insegnamento: l'una più tradizionale e rigida, l'altra più dinamica e aperta al nuovo, tollerante verso i ragazzi "difficili" e più coinvolgente nel modo di fare didattica. Poi si entra nel vivo del racconto: un episodio, drammatico, realmente accaduto. Una tranquilla mattina a scuola, una tragedia imprevista. Anch'io sono un po' perplessa sul finale, forse sarebbe opportuno rivederlo per rendere il testo più aulico, più drammatico, magari dando più spazio al buon ricordo dell'insegnante da parte di alcuni studenti e famiglie.

Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Fausto Scatoli ha scritto:
28/06/2020, 8:16
beh, la storia, presa da un episodio vero, finisce con un cinismo che non mi aspettavo proprio. sono rimasto maluccio.
comunque il testo è, secondo me, da rivedere. ci sono tempi verbali che non combaciano, un po' al passato e un po' al presente.
c'è qualche refuso, ma credo siano errori di battitura.
buone le descrizioni.
Ciao Fausto, grazie per il commento. Hai ragione sono stato superficiale nella gestione dei tempi verbali
Francesco

Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Re: Columbine School

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Edmondo ha scritto:
28/06/2020, 14:12
Interessante ma il presente storico, per rendere la drammaticità del fatto, non va mescolato con altri tempi o si perde ogni effetto. Quanto ai personaggi non sono abbastanza credibili: troppo manichea la divisione tra apocalittici e integrati. L'insegnamento è un'altra cosa e la vita è assai più complessa. Comunque tu ci hai provato a darne una versione; non mi hai convinto ma brava lo stesso. Sarà forse perché mi tocca di fare l'insegnante per vivere.
Ciao Edmondo
grazie per il commento. In effetti ho sbagliato a mescolare i tempi verbali.
Ho una mia visione sul mondo della scuola, visione condizionata, come è normale che sia, dell'esperienza diretta vissuta come genitore. Dalle medie in poi devo dire che ho trovato, non in tutti i professori, una capacità di interagire con i ragazzi veramente bassa. Ma nel racconto non era mia intenzione dare una visione da bianco nero. Ho volutamente cercato gli estremi (gli apocalittici, gli integrati e il preside che assolda il commando di sbandati) per raccontare la storia. Tutto qui.
A rileggerci

Roberto Virdo'
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

L'episodio reale descritto è di una drammaticità devastante e devo confessare che non ho avuto subito questo riflesso mnemonico, tanto che inizialmente anch'io avevo pensato a un racconto incentrato sulla descrizione di due modi d'insegnamento diversi (che già si delineavano contrapposti e promettevano una "battaglia" interessante). Effettivamente qualche refuso di stampa non ha aiutato nella lettura penalizzando non poco il testo.

Avatar utente
Roberto Paradiso
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 25/10/2011, 13:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Paradiso »

Mi ha lasciato perplesso. Tralasciando l'aspetto grammaticale-sintattico, il cinismo del finale arriva come uno schiaffone in faccia. Ma, forse, è quello che l'autore voleva. Stigmatizzare il concetto che l'ordine e la disciplina possono essere ristabiliti solo con un'atto violento. Se letto così allora ha centrato nel segno.
Non esistono situazioni senza via d'uscita (James Tiberius Kirk)

77, le gambe delle donne
Immagine
concorso per racconti sulle donne
Immagine
Concorso per la realizzazione di un'antologia sulle bestie inventate.

Immagine

Immagine

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Personaggi estremi, situazioni estreme, reazioni e soluzioni ancora più estreme. Quello che è successo alla Columbine è purtroppo solo un esempio degli orrori che ci circondano, lontani e vicini, alcuni palesi, altri più nascosti. Trovo interessante questa trasformazione del fatto in un racconto. Trovo meglio riuscita la parte dove vengono descritti i due professori, la fase d’”azione” mi convince meno, mi sembra meno realistica, meno messa a fuoco. La conclusione invece è, come dicevo, interessante. Si legge globalmente volentieri nonostante il tema.

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

(gennaio 2012, 80 pagine, 1,06 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Ardito eufemismo, Skyla74, Nathan, Feffone, Mariadele, Stilledernacht, Tania Maffei, Angela di Salvo, Unanime uno, Cordelia, Ritavaleria, hellies15, Manuela, Tuarag, Licetti, Roberta Michelini, Antonella P., Kutaki Arikumo, Ser Stefano, Alessandro Napolitano, Alessandra 90, Alheli, Triptilpazol.
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,06 MB) - scaricato 443 volte.
oppure in formato EPUB (668,88 KB) (vedi anteprima) - scaricato 198 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 39 - Le nostre scelte generano molti mondi

La Gara 39 - Le nostre scelte generano molti mondi

(giugno 2013, 40 pagine, 630,19 KB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Lodovico, Robygian, Filippo Puddu, Rovignon, Anto Pigy, Nunzio Campanelli, Ser Stefano, Monica Porta may bee.
A cura di Nunzio Campanelli.
Scarica questo testo in formato PDF (630,19 KB) - scaricato 217 volte.
oppure in formato EPUB (551,18 KB) (vedi anteprima) - scaricato 212 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 53 - Metamorfosi

La Gara 53 - Metamorfosi

(luglio 2015, 26 pagine, 662,06 KB)

Autori partecipanti: Patrizia Chini, Gloria D. Fedi, Giorgio Leone, Aurora Cecchini, Alberto Tivoli, Angela 73.
a cura di Laura Chi (con la supervisione di Giorgio Leone).
Scarica questo testo in formato PDF (662,06 KB) - scaricato 118 volte.
oppure in formato EPUB (280,87 KB) (vedi anteprima) - scaricato 183 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 214 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 141 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (290,46 KB scaricato 153 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.