Gioco erotico

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
11%
2 - mi piace pochino
2
22%
3 - si lascia leggere
4
44%
4 - è bello
2
22%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 9

Speranza
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 18/01/2020, 19:02

Author's data

Gioco erotico

Messaggio da leggere da Speranza »

Cosa ci facciamo qui?
***
Lo sai benissimo. Io ceno con i miei nuovi colleghi e tu farai tutto ciò che ti dirò .
***
Ti prego. E’ troppo affollato. Mi vergogno. Non sono pronta.
***
Tranquilla. Lo so. Non esagererò. Andrò per piccoli passi e se capirò che per te è troppo mi fermerò.
***
Ma dove sei? Non ti vedo.
***
Primo piano. Il soppalco. Da qui si vede tutto il piano terra. E’ perfetto. A proposito! Sei bellissima, il verde ti dona moltissimo.
***
Grazie.
***
Ok. Cominciamo. Siediti al secondo tavolo a destra, quello tra i tavolini bianchi.
Ecco, brava. Proprio lì.
No, non alzare lo sguardo, non cercarmi mai.
***
D’accordo. Scusa.
***
Brava. Molto bene. Ora ordina un gingerino con molto ghiaccio, una fettina d’arancia e due noccioline. Bada bene che quando dico “due noccioline” intendo letteralmente due.
***
Ma no! Come faccio a chiedere due noccioline di numero!
***
Il “no” non è contemplato, sappi che mi sto irritando.
***
Va bene. Lo farò.
***
Ah ah ah! Avresti dovuto vedere la faccia del cameriere.
***
Sono morta di vergogna.
***
Per così poco? Non sai cosa ti aspetta.
***
Ti prego. Non sono sicura di voler continuare. Non sono a mio agio.
Ehi! Ci sei!
Perché non mi rispondi?
Allora?
Fa parte del gioco?
***
Eccomi. Ti ricordo che non ci sei solo tu. Sono a cena con altri sei colleghi. Tutto questo messaggiare li sta infastidendo.
Comunque, tornando a noi… ora farò cenno al collega davanti a me di guardare giù e ti indicherò. Quando incrocerai il suo sguardo voglio che tu prenda un cubetto di ghiaccio dal bicchiere e dopo essertelo passato sulle labbra tu lo faccia scivolare lungo il solco del seno.
***
Ok. Ora sono seria. Fermiamoci qui.
***
Non è un invito, è un ordine. Ti dò venti secondi per individuare il nostro tavolo. Mi raccomando, non guardare me, ma solo esclusivamente il mio collega. Non distogliere mai la sguardo da lui, fino a che non senti la notifica del mio messaggio.
Il tavolo è quello vicino al finto cactus, il terzo da sinistra, vicino al parapetto. I venti secondi cominciano da ora.
***
Bravissima. Ah ah ah! Ti dico la verità, non pensavo potessi essere così… non mi viene il termine; diciamo… erotica. Ecco sì, direi che questo è il termine giusto.
***
Ma dai! Vi ho visti ridere! Mi stavate prendendo in giro. Non puoi immaginare come mi sono sentita. Una vera stupida. Che vergogna!
Davvero. Non sto scherzando. Fermiamoci qui.
***
Solo un ultima cosa e poi ti lascio andare. Voglio sia ben chiaro però che non sarò sempre così accondiscendente. Questa è la tua prima volta e sono stato generoso.
Ora per mezzoretta stop ai messaggi. Mangio il primo, chiacchiero un po’, soprattutto con Claudio che continua a guardare giù e a parlarmi di te e poi ti dò le ultime indicazioni.
Nel frattempo puoi andare in bagno ad asciugarti il vestito. Il ghiaccio ti ha lasciato un alone e sono sicuro che non ti sei bagnata solo con il ghiaccio.
***
Ti prego. Mi fai arrossire. Dai! Vai a mangiare.
***
Mi prudono le mani. Ti ricordo che non sei tu a dirmi quello che devo fare, ma viceversa. Hai dimenticato le regole?
Così non va proprio bene.
***
Hai ragione, scusa. Vado in bagno.
***
Sono tornata.
Ci sei?
***
Eccomi. Ora ascoltami bene. Questa è l’ultima prova e so che ti costerà molto. Ti anticipo che non tollero nessuna obiezione. Sono stato chiaro?
***
Sì.
***
Bene. La prossima volta lavoreremo anche sul modo corretto di rispondere.
Dunque… ora ti sfilerai molto lentamente le mutandine e le poggerai sul tavolo accanto al bicchiere. Dopodichè chiamerai il cameriere e, indicandogli il bicchiere, gli chiederai di portarti un altro gingerino.
***
Dovrei bere qualcosa di più forte di un gingerino, qualcosa che mi stordisca.
***
Bene. Fai la spiritosa.
Ricorda che il mio collega vedrà tutto. Non ti ha mai tolto gli occhi di dosso. Sei stata molto brava prima.
***
Sono stata una pazza e ancor di più ora.
***
Mmmhhh… molto eccitante. Il cameriere si è tinto di rosso fuoco e Claudio ho visto che ha fatto scivolare la mano sotto il tavolo.
Sto creando un mostro! Ah ah ah!
***
Ma smettila! Abbiamo finito? Non mi sono mai vergognata tanto!
***
Sì, per oggi basta così. Ne parliamo a casa. Non tarderò. Aspettami sveglia.
Se vuoi domani passo io a scuola a prendere Melissa. Poi ci fermiamo al supermercato. Prendo un paio di pizze surgelate per cena.
Domani tocca a Melissa scegliere un film.
Ora vai, sennò la baby sitter ci costa un occhio.
***
Ok. Ci vediamo a casa.

Lucia De Falco
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

E' un testo che scorre via velocemente, forse perchè il linguaggio è semplice, chiaro, quotidiano. E' un gioco di seduzione per stimolare curiosità sopite tra due coniugi. Non conosco lo scopo del testo, forse è anche ironico per il finale a sorpresa. Credo che sia un po' irrealistico, comunque si lascia leggere.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

sono più o meno sulla linea di Lucia.
il testo si lascia leggere facilmente e non vedo refusi, però non riesce a prendermi.
potrebbero effettivamente accadere, anzi, di certo accadono fatti simili, però restano fuori dalla mia ottica personale.
forse è per questo che non mi colpisce.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Roberto Virdo'
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Concordo con le precedenti recensioni. Il testo è scritto bene e l'ambientazione non è affatto male. Ma per una questione di sensiblità personale, alcune tematiche non mi "acchiappano" sia nella lettura che nella scrittura. Comunque si lascia certamente leggere, per quanto mi riguarda.

Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 352
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

certamente la storia è particolare anche se, non credo sia poi cosi tanto irreale, gente strana ce n'è tanta e ancora di più sono coloro dediti ai giochetti amorosi, per svariate ragioni… Concordo col fatto che il racconto sia ben scritto, si lascia certamente leggere, ma il tuo della gara precedente era, dal mio punto di vista, più coinvolgente, pur nella sua drammaticità. Comunque brava, riesci sempre a reinventarti.

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Premettendo che questo genere di racconti non è tanto nelle mie corde trovo che la scrittura sia corretta e che l’idea di rendere tramite la spaziatura il senso dello scambio di messaggi sia una buona idea. Secondo me nel messaggio: “Questa è la tua prima volta e sono stato generoso.“ scritto così viene da pensare che per lui invece non sia la prima volta... e dato che sono sposati la cosa è un po’ sospetta...
Secondo me poi il finale dove si scambiano i messaggi casalinghi smorzano quella che dovrebbe essere una crescente “agitazione emotiva”. Se hanno fatto tutto questo per darsi una scossa mi sembra poco plausibile che poi lui riporti tutto sul piano “terra”... ma è solo una mia opinione. Globalmente comunque non lo trovo malvagio.

Avatar utente
Lodovico
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 579
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lodovico »

Allora, il genere non mi dispiace e la scena scorre liscia lasciando capire, con un po' di pudore e un po' di compliocità dei nostri personaggi un certo tipo di storia. Quello che alla fine per me è mancato è il coraggio, Tutta questa preparazione, questo rischio, visto che i commensali erano gente conosciuta, per,... pagare la baby sitter? Ovviamente è un'idea mia, ma il racconto doveva seguire una linea un po' più "spinta", tolto magari un cambiamento d'idea di una o dell'altra parte ma più avanti
. Però nell'insieme, secondo me, merita un quattro (a parte gli asterischi di cui non ho capito l'utilità) Brava

P.S.
Uhmmm, rileggendolo mi era sfuggita questa frase:"Domani tocca a Melissa scegliere un film." forse ho capito male la storia, a questo punto e mi è sfuggito un particolare che darebbe tutt'altro sapore al racconto, Melissa è la figlia? fammi capire se non ci ho capito nulla nel mio commento perchè ne sono curiosissimo a questo punto.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Ciao Speranza
non mi è piaciuto. Alla fine ho avuto la sensazione di essere stato "tradito". Non ho ritrovato nella lettura la promessa del titolo. Non ho trovato le sfumature, le pulsioni, la follia dell'erotismo. Mi è parso tutto molto freddo, molto razionale: ordine ed esecuzione. Penso che on abbia aiutato la tecnica narrativa. Penso che una narrazione in terza persona avrebbe permesso ai pensieri, alle sensazioni, al non detto insomma, di avere più campo.
Ho trovato inadatto anche l'uso degli asterischi per separare i dialoghi.
Naturalmente è solo il mio gusto personale.
A rileggerti
Ciao
Francesco

Speranza
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 18/01/2020, 19:02

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Speranza »

Lodovico ha scritto:
16/07/2020, 21:12
Allora, il genere non mi dispiace e la scena scorre liscia lasciando capire, con un po' di pudore e un po' di compliocità dei nostri personaggi un certo tipo di storia. Quello che alla fine per me è mancato è il coraggio, Tutta questa preparazione, questo rischio, visto che i commensali erano gente conosciuta, per,... pagare la baby sitter? Ovviamente è un'idea mia, ma il racconto doveva seguire una linea un po' più "spinta", tolto magari un cambiamento d'idea di una o dell'altra parte ma più avanti
. Però nell'insieme, secondo me, merita un quattro (a parte gli asterischi di cui non ho capito l'utilità) Brava

P.S.
Uhmmm, rileggendolo mi era sfuggita questa frase:"Domani tocca a Melissa scegliere un film." forse ho capito male la storia, a questo punto e mi è sfuggito un particolare che darebbe tutt'altro sapore al racconto, Melissa è la figlia? fammi capire se non ci ho capito nulla nel mio commento perchè ne sono curiosissimo a questo punto.
Grazie per aver apprezzato. Non sapevo come trattare l'argomento, essendo un genere un po' "insolito", quindi ho cercato di essere il più delicata possibile, diciamo così.
Melissa effettivamente è la figlia.

Speranza
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 18/01/2020, 19:02

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Speranza »

Francesco Dell'Accio ha scritto:
16/07/2020, 21:37
Ciao Speranza
non mi è piaciuto. Alla fine ho avuto la sensazione di essere stato "tradito". Non ho ritrovato nella lettura la promessa del titolo. Non ho trovato le sfumature, le pulsioni, la follia dell'erotismo. Mi è parso tutto molto freddo, molto razionale: ordine ed esecuzione. Penso che on abbia aiutato la tecnica narrativa. Penso che una narrazione in terza persona avrebbe permesso ai pensieri, alle sensazioni, al non detto insomma, di avere più campo.
Ho trovato inadatto anche l'uso degli asterischi per separare i dialoghi.
Naturalmente è solo il mio gusto personale.
A rileggerti
Ciao
Francesco
Grazie del commento. Credimi, potevo spingermi ben oltre, ma temevo di esagerare. Ordine ed esecuzione di cui parli è proprio il gioco:, lei deve eseguire gli ordini di lui senza fiatare.
Ho deciso di usare la prima persona e, soprattutto, la messaggistica, proprio per far intuire ciò che accadeva senza descriverlo nei dettagli, proprio per non "appesantirlo".

Avatar utente
Lodovico
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 579
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Lodovico »

Speranza ha scritto:
16/07/2020, 21:51
Grazie per aver apprezzato. Non sapevo come trattare l'argomento, essendo un genere un po' "insolito", quindi ho cercato di essere il più delicata possibile, diciamo così.
Melissa effettivamente è la figlia.
Pensavo a un gioco in cui a turno un membro della famiglia sceglieva un film da "mettere in pratica" e (più probabilmente il marito, ma, eventualmente la moglie in uno slancio "erotico" avesse scelto qualcosa tipo "50 sfumature di grigio" e lo dovessero mettere in pratica, magari la figia il giorno dopo avrebbe scelto "Bambi" :-D
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

(dicembre 2009, 46 pagine, 456,32 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Manuela, Daniela, Arditoeufemismo, Mario, Augusto, Magnonove, Cosimo Vitiello, Miriam, Snuff, Phigreco, Pia.
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (456,32 KB) - scaricato 478 volte.
oppure in formato EPUB (343,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 195 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 5 - A modo mio

La Gara 5 - A modo mio

(giugno 2009, 40 pagine, 758,80 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Pia, Massimo Baglione, Bonnie, Miriam, DaFank, Rona, Manuela, Massimo, Clali, Alessandro Napolitano, Gio, Snuff, Aigor, Yle.
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (758,80 KB) - scaricato 326 volte.
oppure in formato EPUB (555,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 194 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 53 - Metamorfosi

La Gara 53 - Metamorfosi

(luglio 2015, 26 pagine, 662,06 KB)

Autori partecipanti: Patrizia Chini, Gloria D. Fedi, Giorgio Leone, Aurora Cecchini, Alberto Tivoli, Angela 73.
a cura di Laura Chi (con la supervisione di Giorgio Leone).
Scarica questo testo in formato PDF (662,06 KB) - scaricato 118 volte.
oppure in formato EPUB (280,87 KB) (vedi anteprima) - scaricato 183 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Antologia visual-letteraria (Volume due)

Antologia visual-letteraria (Volume due)

Antologia dedicata agli animali

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per la seconda antologia di BraviAutori.it. I ricavati saranno interamente devoluti al sostentamento di una comunità felina abbandonata sita nei pressi del Nucleo industriale di Longarone, Belluno, a poche centinaia di metri dalla diga del Vajont.
A cura di Massimo Baglione e Alessandro Napolitano.

Contiene opere di: Paolo Maccallini, Gianluca Gendusa, Pia Barletta, Angela Di Salvo, Miriam Mastrovito, Alessandro Napolitano, Valentina Margio, Gilbert Paraschiva, Enrico Arlandini, Elena Piccinini, Stefano di Stasio, Eugenio De Medio, Celeste Borrelli, Luisa Catapano, Anna Maria Folchini Stabile, Giovanni Minio, Gemma Cenedese, Antonio Giordano, Rodolfo Vettorello, Cosimo Vitiello, Damiano Giuseppe Pepe, Patrizia Birtolo, Pietro Rainero, Roberto Stradiotti, Anna Giraldo, Maria Rizzi, Vittorio Scatizza, Paolo Frattini, Matteo Mancini, Piergiorgio Annicchiarico, Fabrizio Siclari, Emanuela Cinà, Laura Maria Rocchetti.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,10 MB scaricato 640 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

I sogni di Titano

I sogni di Titano

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il "cubo sognatore" su Titano aveva rivelato una verità sconvolgente sull'Umanità, sulla Galassia e, in definitiva, sull'intero Universo, una verità capace di suscitare interrogativi sufficienti per una vita intera. Come poteva essere bonariamente digerito il concetto che la nostra civiltà, la nostra tecnologia e tutto ciò che riguardava l'Umanità… non esisteva?
"Siamo solo… i sogni di Titano", aveva riportato il comandante Sylvia Harrison dopo il primo contatto col cubo, ma in che modo avrebbe potuto l'orgoglio dell'Uomo accettarlo? Ovviamente, l'insaziabile sete di conoscenza dell'Essere umano anelava delle risposte, e la sua naturale curiosità non poteva che spingerlo alla ricerca dell'origine del cubo e delle ragioni della sua peculiare funzione.
Gli autori GLAUCO De BONA (vincitore del Premio Urania 2013) e MASSIMO BAGLIONE (amministratore di BraviAutori.it) vi presentano una versione alternativa del "Tutto" che vi lascerà senza parole. Di Glauco De Bona e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (203,77 KB scaricato 23 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (802,46 KB scaricato 97 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.