Quello di Porlamar

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
3
60%
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
2
40%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 5

Avatar utente
Antonio Ognibene
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 20/02/2014, 10:21

Author's data

Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Antonio Ognibene »

5 Luglio 1998, isola di Margarita, Venezuela.

– Quando vai a comprare droga, devi andarci in taxi. – consigliai a un connazionale che avevo conosciuto giorni prima e che era lì per acquisti – Questo per evitare di essere fermato. – continuai – E poi le tariffe sono molto meno onerose delle nostre.
– Ti racconto una storia che mi è successa proprio qui un paio di anni fa, questo per evitarti eventuali guai.
Comprai un biglietto d'aereo andata e ritorno e una volta arrivato qui mi organizzavo vivendo la vita della gente del luogo, dal bus al mercato, metrò, ecc. Lingue improvvisate. Compravo solo la guida della Lonely Planet e con quella impostavo la vacanza. Ero venuto prevalentemente perché mi avevano descritto quest'isola come un paradiso. Io volevo fare snorkeling e surf. Ma mi avevano anche detto che qui si vendeva roba buona.
– Una sera conobbi un pusher della zona, era conosciuto come Quello di Porlamar ma non era del posto. Il suo vero nome era Giuliano Borlotti, cugino di un ex calciatore del Bologna.
Mi diede l'appuntamento per il giorno dopo, nella pensioncina dove viveva da anni.
Eravamo molto vicini, io stavo in un albergo a un centinaio di metri, tanto che decisi di andarci a piedi. Chi mi vede? Mi dissi. La strada era buia e senza illuminazione. In fondo si trattava di cento miseri metri.
Dopo aver comprato la roba iniziai a incamminarmi verso il mio hotel, che poi era una pensione scadentissima.
A un tratto iniziai a sentire qualcuno che intimava di fermarmi, io però non capivo bene cosa urlasse, e speravo che non fossero rivolte a me quelle grida. Non mi girai e mantenni la calma, continuando a camminare senza aumentare il passo.
Ad un tratto iniziai a sentire quella voce che ripeteva sempre la stessa frase e poi quello si mise a correre per raggiungermi. Il rumore dei suoi anfibi mi fece percepire il pericolo, ma nemmeno in quel momento mi girai. Avevo ancora la cocaina nelle mani, non sapevo neanche quante bustine fossero e nemmeno se fossero sigillate, ma sapevo che dovevo mettermele in bocca e non gettarle per terra. Mi accesi una sigaretta cercando di essere il più disinvolto possibile. Così mi venne detto di fare giorni prima, in caso che qualche sbirro mi fermasse.
In quel momento spuntarono mezzi della polizia per bloccare la strada, che venne illuminata a giorno dai fari posti sopra l'abitacolo delle camionette.
Il buio scivolò via e dai lati della strada iniziarono a spuntare poliziotti dappertutto, li vedevi saltare le recinzioni, siepi, muretti… Erano tutti lì proprio per me. Una retata!
Non mi ero ancora girato, che lo sbirro che mi correva dietro mi raggiunse, mi prese una spalla per farmi girare, e allo stesso tempo, con l'altra mano mi sferrò un pugno in pancia tanto da farmi piegare in due per il dolore. In una frazione di secondo, mi infilò una mano in bocca e con le unghie mi tagliò la parte posteriore della gola. Così facendo mi fece inghiottire le bustine di coca, invece di prenderle.
Venni circondato dai poliziotti, e tutti iniziarono a cercare per terra, mentre io venivo perquisito dallo sbirro picchiatore. Non capivo nulla di spagnolo, ma in quel momento riuscii a percepire ogni singola parola.
Ogni involucro che trovavano per terra me li portavano, dicendo che erano miei. Volevano che li toccassi. Io indietreggiavo negando tutto, con quelle maledette luci che mi accecavano.
Se lo vuoi sapere, quando mi portò verso la camionetta – e io ero senza documenti – rimasi solo con lui, e iniziai a fissare la sua pistola. Ero intenzionato a prenderla! Questo mi balenò nel cervello. Non avevo via d' uscita. Poi aprì lo sportello e mi fece salire. Dentro c'era Borlotti.
Aprì la mano e poggiò la sua cocaina sul sedile e mi disse: – Questi vogliono soldi ora ci penso io!
Disse loro che era una giornata di festa ed era giusto che anche loro si sarebbero dovuti divertire, e gli diede il denaro del mio acquisto. Ci lasciarono andare.
Dissi a Borlotti che avevo ingoiato la fecola, ma lui mi tranquillizzò dicendomi che era ben sigillata, ma che avrei dovuto vomitarla a breve.
Corsi in camera, era già passata un' ora, mi misi due dita in bocca ed iniziai a vomitare in preda all'ansia.
Telefonai a Borlotti per avere la certezza di quanti ne avessi ingoiati.
Il cameriere del mio albergo mi raccontò poi, che vide la scena delle camionette mentre stava rincasando con la sua ragazza.
Rimasi per tre giorni chiuso in camera dalla paura. Per mangiare scendevo nel pub ristorante dell' hotel.
Una sera nella sala da pranzo, c'era lo sbirro che mi sferrò il pugno, era assieme a sua moglie. Dopo una cena di sguardi, si avvicinò al tavolo e mi disse che sua moglie voleva fare sesso con me. Una donna grassa, sudata e nemmeno piacente. Avrà avuto trent'anni più di me.
Non sapevo che fare. Gli dissi che ci avrei pensato e scappai in bagno. Raccontai tutto al cameriere, mio amico, avevo paura di essere in trappola.
Mi disse che se i poliziotti non ti trovavano addosso la roba te la mettevano loro, per essere poi corrotti.
Così il cameriere mi fece salire su una jeep passando proprio davanti allo sbirro, per farmi vedere da lui, e mi portò ad una festa nella zona povera di Porlamar.
Sulla jeep c'era un bambino di nove anni che mi rompeva col suo nuovo gioco. Voleva farmi vedere a tutti i costi la pistola che aveva e si vantava. Per farlo contento, così avrebbe smesso, gli presi la pistola per guardarla. Era vera, non un giocattolo. Era stato appena promosso di livello.
Quando terminai il mio racconto, arrivò il taxi che avevo chiamato per andare all'aeroporto e tornare in Italia.
– E quel Borlotti? – mi chiese, forse per saggiare il terreno.
Tirai su le spalle. – Boh? Non l'ho più sentito.
Caricai le valigie nel baule e salutai il mio conoscente.
Quando il taxi si fermò a un semaforo, dopo un paio di auto, ci passò di fronte una camionetta della polizia. Mi sembrò di riconoscere il poliziotto che mi picchiò anni prima. Questo aveva dei folti baffi neri, ma giurerei che era lui.

Francesco Pino
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 48
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Francamente il racconto non regge. Secondo me la dovevi impostare in un'altra maniera la storia. Il ruolo del tipo a cui racconti l'accaduto è del tutto ininfluente, così come l'immagine del poliziotto alla fine. Sul cameriere accendi un barlume di curiosità, ma ci dovevi spendere delle parole in più. La cosa più riuscita è la parentela col calciatore del Bologna.

Avatar utente
Antonio Ognibene
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 20/02/2014, 10:21

Author's data

Re: Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Antonio Ognibene »

Ciao Francesco.
Grazie per la tua critica produttiva. Ho veramente apprezzato la tua sincerità.
Il racconto è una storia vera, non personale per fortuna, in realtà questo non è proprio il mio genere, preferisco scrivere e leggere storie di fantascienza e di solito posto su NASF. Però, in effetti, forse per aver scritto di getto, ho avuto troppa fretta nel pubblicarlo. Non ho saputo impostarlo. Provo a rileggerlo e a farci una revisione. Grazie ancora.

Lucia De Falco
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Premetto che non è il mio genere preferito. All'inizio suscita curiosità, è vero, potrebbe essere migliorato dando più spazio all'ascoltatore, facendo proseguire il racconto con delle vicende che lo riguardano, oppure si potrebbe sviluppare un po' di più il finale a sorpresa col poliziotto con qualcosa di inaspettato.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 426
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

purtroppo devo concordare con il commento precedente: la storia non regge proprio.
anche la chiusa è un poco anomala. o comunque particolare.
oltre a ciò, ci sarebbero da rivedere formattazione e punteggiatura, nonché i dialoghi, non molto chiari.

peccato perché l'idea era simpatica.
rivedendo l'insieme con calma ne può uscire un buon pezzo.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 50
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Ho atteso i primi commenti per dire qualche parola, questo per essere certo di non farmi influenzare da una prima lettura o sensazione errata. Anch'io devo onestamente confessare che la tematica è veramente lontana, ma tanto, da quelle che preferisco leggere e ciò ovviamente non può essere imputato all'autore - che peraltro dimostra ampiamente di saper scrivere bene -. Ci sarà sicuramente occasione per fornire il voto che secondo me realmente merita.
Ultima modifica di Roberto Virdo' il 23/07/2020, 15:37, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Antonio Ognibene
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 20/02/2014, 10:21

Author's data

Re: Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Antonio Ognibene »

Grazie a tutti per i vostri commenti. Purtroppo non sono effettivamente riuscito a dare un senso a questa storia. Forse anche troppa fretta di postare per vedere i risultati. Andrà meglio la prossima volta. Grazie a tutti ancora.

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Ciao Antonio! Purtroppo la storia su alcuni aspetti non regge, insomma l'ho trovata un pochino forzata è però scritta bene e si lascia leggere senza problemi. Sono sicuro che con qualche sistemata in più sarai in grado di scrivere dei racconti brevi molto più convincenti, alla prossima

Andrepoz
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 16
Iscritto il: 09/01/2020, 17:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andrepoz »

In effetti, la storia sembra proprio scritta di fretta, ci sono dei cambi di scena troppo repentini e si fa fatica a stare dietro alla vicenda. Meriterebbe di essere riscritta con più calma e dando un po' più di "respiro" alla narrazione, perchè la vicenda è molto intrigante, si stenta a credere che sia una storia vera e non un frutto della fantasia dell'autore.

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

(luglio/agosto 2012, 42 pagine, 720,59 KB)

Autori partecipanti: Nathan, Umberto Pasqui, Ardito Eufemismo, Lodovico, Ser Stefano, Maria92, Lorella15, Alhelì, Mastronxo, Monica Porta may bee, Exlex, Tuarag, Licetti, Angela Di Salvo.
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (720,59 KB) - scaricato 120 volte.
oppure in formato EPUB (936,83 KB) (vedi anteprima) - scaricato 209 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2019 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2019 - (in bianco e nero)

(edizione 2019, 2,26 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,26 MB) - scaricato 44 volte..

La Gara 23 - Pochi istanti prima del sogno

La Gara 23 - Pochi istanti prima del sogno

(agosto/settembre 2011, 85 pagine, 1,87 MB)

Autori partecipanti: Marco Marulli, Silvia Marulli, Licetti, Tania Maffei, Polissena e Sabina, Lucia Manna, Erania Pinnera, Nathan, Ritavaleria, Cordelia, Daniela Piccoli, Elisar, Alessandro, Conrad, Morgana Bart, Aleeee76, Skyla74, Mastronxo, Angela Di Salvo, Nevestella, Giosep, Parolina, Skyla74.
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,87 MB) - scaricato 624 volte.
oppure in formato EPUB (655,20 KB) (vedi anteprima) - scaricato 203 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,11 MB scaricato 747 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 53 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Museo letterario

Museo letterario

Antologia di opere letterarie ispirate dai capolavori dell'arte

Unire la scrittura all'immagine è un'esperienza antica, che qui vuole riproporsi in un singolare "Museo Letterario". L'alfabeto stesso deriva da antiche forme usate per rappresentare animali o cose, quindi tutta la letteratura è un punto di vista sulla realtà, per così dire, filtrato attraverso la sensibilità artistica connaturata in ogni uomo. In quest'antologia, diversi scrittori si sono cimentati nel raccontare una storia ispirata da un famoso capolavoro dell'Arte a loro scelta.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.
Introduzione del Prof. Marco Vallicelli.
Copertina di Giorgio Pondi.

Contiene opere di: Claudia Cuomo, Enrico Arlandini, Sandra Ludovici, Eleonora Lupi, Francesca Santucci, Antonio Amodio, Isabella Galeotti, Tiziano Legati, Angelo Manarola, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Annamaria Vernuccio, William Grifò, Maria Rosaria Spirito, Cristina Giuntini, Marina Paolucci, Rosanna Fontana, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (211,82 KB scaricato 144 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.