Quello di Porlamar

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
3
75%
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
1
25%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 4

Avatar utente
Antonio Ognibene
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 20/02/2014, 10:21

Author's data

Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Antonio Ognibene »

5 Luglio 1998, isola di Margarita, Venezuela.

– Quando vai a comprare droga, devi andarci in taxi. – consigliai a un connazionale che avevo conosciuto giorni prima e che era lì per acquisti – Questo per evitare di essere fermato. – continuai – E poi le tariffe sono molto meno onerose delle nostre.
– Ti racconto una storia che mi è successa proprio qui un paio di anni fa, questo per evitarti eventuali guai.
Comprai un biglietto d'aereo andata e ritorno e una volta arrivato qui mi organizzavo vivendo la vita della gente del luogo, dal bus al mercato, metrò, ecc. Lingue improvvisate. Compravo solo la guida della Lonely Planet e con quella impostavo la vacanza. Ero venuto prevalentemente perché mi avevano descritto quest'isola come un paradiso. Io volevo fare snorkeling e surf. Ma mi avevano anche detto che qui si vendeva roba buona.
– Una sera conobbi un pusher della zona, era conosciuto come Quello di Porlamar ma non era del posto. Il suo vero nome era Giuliano Borlotti, cugino di un ex calciatore del Bologna.
Mi diede l'appuntamento per il giorno dopo, nella pensioncina dove viveva da anni.
Eravamo molto vicini, io stavo in un albergo a un centinaio di metri, tanto che decisi di andarci a piedi. Chi mi vede? Mi dissi. La strada era buia e senza illuminazione. In fondo si trattava di cento miseri metri.
Dopo aver comprato la roba iniziai a incamminarmi verso il mio hotel, che poi era una pensione scadentissima.
A un tratto iniziai a sentire qualcuno che intimava di fermarmi, io però non capivo bene cosa urlasse, e speravo che non fossero rivolte a me quelle grida. Non mi girai e mantenni la calma, continuando a camminare senza aumentare il passo.
Ad un tratto iniziai a sentire quella voce che ripeteva sempre la stessa frase e poi quello si mise a correre per raggiungermi. Il rumore dei suoi anfibi mi fece percepire il pericolo, ma nemmeno in quel momento mi girai. Avevo ancora la cocaina nelle mani, non sapevo neanche quante bustine fossero e nemmeno se fossero sigillate, ma sapevo che dovevo mettermele in bocca e non gettarle per terra. Mi accesi una sigaretta cercando di essere il più disinvolto possibile. Così mi venne detto di fare giorni prima, in caso che qualche sbirro mi fermasse.
In quel momento spuntarono mezzi della polizia per bloccare la strada, che venne illuminata a giorno dai fari posti sopra l'abitacolo delle camionette.
Il buio scivolò via e dai lati della strada iniziarono a spuntare poliziotti dappertutto, li vedevi saltare le recinzioni, siepi, muretti… Erano tutti lì proprio per me. Una retata!
Non mi ero ancora girato, che lo sbirro che mi correva dietro mi raggiunse, mi prese una spalla per farmi girare, e allo stesso tempo, con l'altra mano mi sferrò un pugno in pancia tanto da farmi piegare in due per il dolore. In una frazione di secondo, mi infilò una mano in bocca e con le unghie mi tagliò la parte posteriore della gola. Così facendo mi fece inghiottire le bustine di coca, invece di prenderle.
Venni circondato dai poliziotti, e tutti iniziarono a cercare per terra, mentre io venivo perquisito dallo sbirro picchiatore. Non capivo nulla di spagnolo, ma in quel momento riuscii a percepire ogni singola parola.
Ogni involucro che trovavano per terra me li portavano, dicendo che erano miei. Volevano che li toccassi. Io indietreggiavo negando tutto, con quelle maledette luci che mi accecavano.
Se lo vuoi sapere, quando mi portò verso la camionetta – e io ero senza documenti – rimasi solo con lui, e iniziai a fissare la sua pistola. Ero intenzionato a prenderla! Questo mi balenò nel cervello. Non avevo via d' uscita. Poi aprì lo sportello e mi fece salire. Dentro c'era Borlotti.
Aprì la mano e poggiò la sua cocaina sul sedile e mi disse: – Questi vogliono soldi ora ci penso io!
Disse loro che era una giornata di festa ed era giusto che anche loro si sarebbero dovuti divertire, e gli diede il denaro del mio acquisto. Ci lasciarono andare.
Dissi a Borlotti che avevo ingoiato la fecola, ma lui mi tranquillizzò dicendomi che era ben sigillata, ma che avrei dovuto vomitarla a breve.
Corsi in camera, era già passata un' ora, mi misi due dita in bocca ed iniziai a vomitare in preda all'ansia.
Telefonai a Borlotti per avere la certezza di quanti ne avessi ingoiati.
Il cameriere del mio albergo mi raccontò poi, che vide la scena delle camionette mentre stava rincasando con la sua ragazza.
Rimasi per tre giorni chiuso in camera dalla paura. Per mangiare scendevo nel pub ristorante dell' hotel.
Una sera nella sala da pranzo, c'era lo sbirro che mi sferrò il pugno, era assieme a sua moglie. Dopo una cena di sguardi, si avvicinò al tavolo e mi disse che sua moglie voleva fare sesso con me. Una donna grassa, sudata e nemmeno piacente. Avrà avuto trent'anni più di me.
Non sapevo che fare. Gli dissi che ci avrei pensato e scappai in bagno. Raccontai tutto al cameriere, mio amico, avevo paura di essere in trappola.
Mi disse che se i poliziotti non ti trovavano addosso la roba te la mettevano loro, per essere poi corrotti.
Così il cameriere mi fece salire su una jeep passando proprio davanti allo sbirro, per farmi vedere da lui, e mi portò ad una festa nella zona povera di Porlamar.
Sulla jeep c'era un bambino di nove anni che mi rompeva col suo nuovo gioco. Voleva farmi vedere a tutti i costi la pistola che aveva e si vantava. Per farlo contento, così avrebbe smesso, gli presi la pistola per guardarla. Era vera, non un giocattolo. Era stato appena promosso di livello.
Quando terminai il mio racconto, arrivò il taxi che avevo chiamato per andare all'aeroporto e tornare in Italia.
– E quel Borlotti? – mi chiese, forse per saggiare il terreno.
Tirai su le spalle. – Boh? Non l'ho più sentito.
Caricai le valigie nel baule e salutai il mio conoscente.
Quando il taxi si fermò a un semaforo, dopo un paio di auto, ci passò di fronte una camionetta della polizia. Mi sembrò di riconoscere il poliziotto che mi picchiò anni prima. Questo aveva dei folti baffi neri, ma giurerei che era lui.

Francesco Pino
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Francamente il racconto non regge. Secondo me la dovevi impostare in un'altra maniera la storia. Il ruolo del tipo a cui racconti l'accaduto è del tutto ininfluente, così come l'immagine del poliziotto alla fine. Sul cameriere accendi un barlume di curiosità, ma ci dovevi spendere delle parole in più. La cosa più riuscita è la parentela col calciatore del Bologna.

Avatar utente
Antonio Ognibene
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 20/02/2014, 10:21

Author's data

Re: Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Antonio Ognibene »

Ciao Francesco.
Grazie per la tua critica produttiva. Ho veramente apprezzato la tua sincerità.
Il racconto è una storia vera, non personale per fortuna, in realtà questo non è proprio il mio genere, preferisco scrivere e leggere storie di fantascienza e di solito posto su NASF. Però, in effetti, forse per aver scritto di getto, ho avuto troppa fretta nel pubblicarlo. Non ho saputo impostarlo. Provo a rileggerlo e a farci una revisione. Grazie ancora.

Lucia De Falco
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Premetto che non è il mio genere preferito. All'inizio suscita curiosità, è vero, potrebbe essere migliorato dando più spazio all'ascoltatore, facendo proseguire il racconto con delle vicende che lo riguardano, oppure si potrebbe sviluppare un po' di più il finale a sorpresa col poliziotto con qualcosa di inaspettato.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

purtroppo devo concordare con il commento precedente: la storia non regge proprio.
anche la chiusa è un poco anomala. o comunque particolare.
oltre a ciò, ci sarebbero da rivedere formattazione e punteggiatura, nonché i dialoghi, non molto chiari.

peccato perché l'idea era simpatica.
rivedendo l'insieme con calma ne può uscire un buon pezzo.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Roberto Virdo'
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Ho atteso i primi commenti per dire qualche parola, questo per essere certo di non farmi influenzare da una prima lettura o sensazione errata. Anch'io devo onestamente confessare che la tematica è veramente lontana, ma tanto, da quelle che preferisco leggere e ciò ovviamente non può essere imputato all'autore - che peraltro dimostra ampiamente di saper scrivere bene -. Ci sarà sicuramente occasione per fornire il voto che secondo me realmente merita.
Ultima modifica di Roberto Virdo' il 23/07/2020, 15:37, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Antonio Ognibene
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 20/02/2014, 10:21

Author's data

Re: Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Antonio Ognibene »

Grazie a tutti per i vostri commenti. Purtroppo non sono effettivamente riuscito a dare un senso a questa storia. Forse anche troppa fretta di postare per vedere i risultati. Andrà meglio la prossima volta. Grazie a tutti ancora.

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 62 - La famiglia

La Gara 62 - La famiglia

(gennaio/febbraio 2017, 35 pagine, 763,98 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Mirtalastrega, Angela Catalini, Laura Usai, Patrizia Chini, Gabriele Ludovici, Fabrizio Bonati, Francesca Facoetti.
a cura di Massimo Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (763,98 KB) - scaricato 69 volte.
oppure in formato EPUB (599,54 KB) (vedi anteprima) - scaricato 64 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 69 - Le parole che non ti ho mai detto

La Gara 69 - Le parole che non ti ho mai detto

(marzo 2018, 31 pagine, 956,10 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Patrizia Chini, Angela Catalini, Daniele Missiroli, Alberto Tivoli, Roberto Bonfanti, MicolFusca, David Cintolesi, Fabrizio Bonati, Enrico Gallerati.
a cura di Lorenzo Iero.
Scarica questo testo in formato PDF (956,10 KB) - scaricato 55 volte.
oppure in formato EPUB (569,16 KB) (vedi anteprima) - scaricato 57 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 18 - Brividi a Natale

La Gara 18 - Brividi a Natale

(gennaio 2011, 40 pagine, 731,48 KB)

Autori partecipanti: Miriam Mastrovito, Ser Stefano, Alessandro Napolitano, Manuela, Roberto Guarnieri, Skyla, Exlex, Hellies15, Davide Sax, Tania Maffei, Cazzaro.
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (731,48 KB) - scaricato 504 volte.
oppure in formato EPUB (394,72 KB) (vedi anteprima) - scaricato 205 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 181 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

I sogni di Titano

I sogni di Titano

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il "cubo sognatore" su Titano aveva rivelato una verità sconvolgente sull'Umanità, sulla Galassia e, in definitiva, sull'intero Universo, una verità capace di suscitare interrogativi sufficienti per una vita intera. Come poteva essere bonariamente digerito il concetto che la nostra civiltà, la nostra tecnologia e tutto ciò che riguardava l'Umanità… non esisteva?
"Siamo solo… i sogni di Titano", aveva riportato il comandante Sylvia Harrison dopo il primo contatto col cubo, ma in che modo avrebbe potuto l'orgoglio dell'Uomo accettarlo? Ovviamente, l'insaziabile sete di conoscenza dell'Essere umano anelava delle risposte, e la sua naturale curiosità non poteva che spingerlo alla ricerca dell'origine del cubo e delle ragioni della sua peculiare funzione.
Gli autori GLAUCO De BONA (vincitore del Premio Urania 2013) e MASSIMO BAGLIONE (amministratore di BraviAutori.it) vi presentano una versione alternativa del "Tutto" che vi lascerà senza parole. Di Glauco De Bona e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (203,77 KB scaricato 23 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 141 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.