Quello di Porlamar

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 20/09/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
3
50%
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
3
50%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 6

Avatar utente
Antonio Ognibene
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 20/02/2014, 10:21

Author's data

Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Antonio Ognibene »


5 Luglio 1998, isola di Margarita, Venezuela.
 
 – Quando vai a comprare droga, devi andarci in taxi. – consigliai a un connazionale che avevo conosciuto giorni prima e che era lì per acquisti – Questo per evitare di essere fermato. – continuai – E poi le tariffe sono molto meno onerose delle nostre.
 – Ti racconto una storia che mi è successa proprio qui un paio di anni fa, questo per evitarti eventuali guai.
 Comprai un biglietto d'aereo andata e ritorno e una volta arrivato qui mi organizzavo vivendo la vita della gente del luogo, dal bus al mercato, metrò, ecc. Lingue improvvisate. Compravo solo la guida della Lonely Planet e con quella impostavo la vacanza. Ero venuto prevalentemente perché mi avevano descritto quest'isola come un paradiso. Io volevo fare snorkeling e surf. Ma mi avevano anche detto che qui si vendeva roba buona.
 – Una sera conobbi un pusher della zona, era conosciuto come Quello di Porlamar ma non era del posto. Il suo vero nome era Giuliano Borlotti, cugino di un ex calciatore del Bologna.
 Mi diede l'appuntamento per il giorno dopo, nella pensioncina dove viveva da anni.
 Eravamo molto vicini, io stavo in un albergo a un centinaio di metri, tanto che decisi di andarci a piedi. Chi mi vede? Mi dissi. La strada era buia e senza illuminazione. In fondo si trattava di cento miseri metri.
 Dopo aver comprato la roba iniziai a incamminarmi verso il mio hotel, che poi era una pensione scadentissima.
 A un tratto iniziai a sentire qualcuno che intimava di fermarmi, io però non capivo bene cosa urlasse, e speravo che non fossero rivolte a me quelle grida. Non mi girai e mantenni la calma, continuando a camminare senza aumentare il passo.
 Ad un tratto iniziai a sentire quella voce che ripeteva sempre la stessa frase e poi quello si mise a correre per raggiungermi. Il rumore dei suoi anfibi mi fece percepire il pericolo, ma nemmeno in quel momento mi girai. Avevo ancora la cocaina nelle mani, non sapevo neanche quante bustine fossero e nemmeno se fossero sigillate, ma sapevo che dovevo mettermele in bocca e non gettarle per terra. Mi accesi una sigaretta cercando di essere il più disinvolto possibile. Così mi venne detto di fare giorni prima, in caso che qualche sbirro mi fermasse.
 In quel momento spuntarono mezzi della polizia per bloccare la strada, che venne illuminata a giorno dai fari posti sopra l'abitacolo delle camionette.
 Il buio scivolò via e dai lati della strada iniziarono a spuntare poliziotti dappertutto, li vedevi saltare le recinzioni, siepi, muretti… Erano tutti lì proprio per me. Una retata!
 Non mi ero ancora girato, che lo sbirro che mi correva dietro mi raggiunse, mi prese una spalla per farmi girare, e allo stesso tempo, con l'altra mano mi sferrò un pugno in pancia tanto da farmi piegare in due per il dolore. In una frazione di secondo, mi infilò una mano in bocca e con le unghie mi tagliò la parte posteriore della gola. Così facendo mi fece inghiottire le bustine di coca, invece di prenderle.
 Venni circondato dai poliziotti, e tutti iniziarono a cercare per terra, mentre io venivo perquisito dallo sbirro picchiatore. Non capivo nulla di spagnolo, ma in quel momento riuscii a percepire ogni singola parola.
 Ogni involucro che trovavano per terra me li portavano, dicendo che erano miei. Volevano che li toccassi. Io indietreggiavo negando tutto, con quelle maledette luci che mi accecavano.
 Se lo vuoi sapere, quando mi portò verso la camionetta – e io ero senza documenti – rimasi solo con lui, e iniziai a fissare la sua pistola. Ero intenzionato a prenderla! Questo mi balenò nel cervello. Non avevo via d' uscita. Poi aprì lo sportello e mi fece salire. Dentro c'era Borlotti.
 Aprì la mano e poggiò la sua cocaina sul sedile e mi disse: – Questi vogliono soldi ora ci penso io!
 Disse loro che era una giornata di festa ed era giusto che anche loro si sarebbero dovuti divertire, e gli diede il denaro del mio acquisto. Ci lasciarono andare.
 Dissi a Borlotti che avevo ingoiato la fecola, ma lui mi tranquillizzò dicendomi che era ben sigillata, ma che avrei dovuto vomitarla a breve.
 Corsi in camera, era già passata un' ora, mi misi due dita in bocca ed iniziai a vomitare in preda all'ansia.
 Telefonai a Borlotti per avere la certezza di quanti ne avessi ingoiati.
 Il cameriere del mio albergo mi raccontò poi, che vide la scena delle camionette mentre stava rincasando con la sua ragazza.
 Rimasi per tre giorni chiuso in camera dalla paura. Per mangiare scendevo nel pub ristorante dell' hotel.
 Una sera nella sala da pranzo, c'era lo sbirro che mi sferrò il pugno, era assieme a sua moglie. Dopo una cena di sguardi, si avvicinò al tavolo e mi disse che sua moglie voleva fare sesso con me. Una donna grassa, sudata e nemmeno piacente. Avrà avuto trent'anni più di me.
 Non sapevo che fare. Gli dissi che ci avrei pensato e scappai in bagno. Raccontai tutto al cameriere, mio amico, avevo paura di essere in trappola.
 Mi disse che se i poliziotti non ti trovavano addosso la roba te la mettevano loro, per essere poi corrotti.
 Così il cameriere mi fece salire su una jeep passando proprio davanti allo sbirro, per farmi vedere da lui, e mi portò ad una festa nella zona povera di Porlamar.
 Sulla jeep c'era un bambino di nove anni che mi rompeva col suo nuovo gioco. Voleva farmi vedere a tutti i costi la pistola che aveva e si vantava. Per farlo contento, così avrebbe smesso, gli presi la pistola per guardarla. Era vera, non un giocattolo. Era stato appena promosso di livello.
 Quando terminai il mio racconto, arrivò il taxi che avevo chiamato per andare all'aeroporto e tornare in Italia.
 – E quel Borlotti? – mi chiese, forse per saggiare il terreno.
 Tirai su le spalle. – Boh? Non l'ho più sentito.
 Caricai le valigie nel baule e salutai il mio conoscente.
 Quando il taxi si fermò a un semaforo, dopo un paio di auto, ci passò di fronte una camionetta della polizia. Mi sembrò di riconoscere il poliziotto che mi picchiò anni prima. Questo aveva dei folti baffi neri, ma giurerei che era lui.
Francesco Pino
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 74
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Francamente il racconto non regge. Secondo me la dovevi impostare in un'altra maniera la storia. Il ruolo del tipo a cui racconti l'accaduto è del tutto ininfluente, così come l'immagine del poliziotto alla fine. Sul cameriere accendi un barlume di curiosità, ma ci dovevi spendere delle parole in più. La cosa più riuscita è la parentela col calciatore del Bologna.
Avatar utente
Antonio Ognibene
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 20/02/2014, 10:21

Author's data

Re: Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Antonio Ognibene »

Ciao Francesco.
Grazie per la tua critica produttiva. Ho veramente apprezzato la tua sincerità.
Il racconto è una storia vera, non personale per fortuna, in realtà questo non è proprio il mio genere, preferisco scrivere e leggere storie di fantascienza e di solito posto su NASF. Però, in effetti, forse per aver scritto di getto, ho avuto troppa fretta nel pubblicarlo. Non ho saputo impostarlo. Provo a rileggerlo e a farci una revisione. Grazie ancora.
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 57
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Premetto che non è il mio genere preferito. All'inizio suscita curiosità, è vero, potrebbe essere migliorato dando più spazio all'ascoltatore, facendo proseguire il racconto con delle vicende che lo riguardano, oppure si potrebbe sviluppare un po' di più il finale a sorpresa col poliziotto con qualcosa di inaspettato.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 442
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

purtroppo devo concordare con il commento precedente: la storia non regge proprio.
anche la chiusa è un poco anomala. o comunque particolare.
oltre a ciò, ci sarebbero da rivedere formattazione e punteggiatura, nonché i dialoghi, non molto chiari.

peccato perché l'idea era simpatica.
rivedendo l'insieme con calma ne può uscire un buon pezzo.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 84
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Ho atteso i primi commenti per dire qualche parola, questo per essere certo di non farmi influenzare da una prima lettura o sensazione errata. Anch'io devo onestamente confessare che la tematica è veramente lontana, ma tanto, da quelle che preferisco leggere e ciò ovviamente non può essere imputato all'autore - che peraltro dimostra ampiamente di saper scrivere bene -. Ci sarà sicuramente occasione per fornire il voto che secondo me realmente merita.
Ultima modifica di Roberto Virdo' il 23/07/2020, 15:37, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Antonio Ognibene
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 20/02/2014, 10:21

Author's data

Re: Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Antonio Ognibene »

Grazie a tutti per i vostri commenti. Purtroppo non sono effettivamente riuscito a dare un senso a questa storia. Forse anche troppa fretta di postare per vedere i risultati. Andrà meglio la prossima volta. Grazie a tutti ancora.
Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 91
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Ciao Antonio! Purtroppo la storia su alcuni aspetti non regge, insomma l'ho trovata un pochino forzata è però scritta bene e si lascia leggere senza problemi. Sono sicuro che con qualche sistemata in più sarai in grado di scrivere dei racconti brevi molto più convincenti, alla prossima
Andrepoz
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 57
Iscritto il: 09/01/2020, 17:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andrepoz »

In effetti, la storia sembra proprio scritta di fretta, ci sono dei cambi di scena troppo repentini e si fa fatica a stare dietro alla vicenda. Meriterebbe di essere riscritta con più calma e dando un po' più di "respiro" alla narrazione, perchè la vicenda è molto intrigante, si stenta a credere che sia una storia vera e non un frutto della fantasia dell'autore.
Mauro Conti
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 25
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Re: Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Si nota che è stata scritta di getto. Immediatamente questo fatto lo noto per il semplice motivo che capita (spesso) anche a me. A questo favore spezzo una lancia a favore di Antonio, lo capisco.
Ti viene l'idea, hai tempo di scrivere, hai voglia di scrivere, lo fai e poi...non puoi tenere li tutto in stand-by su word. Bisogna pubblicare...
Per tornare alla storia, magari il mio parere sarà controcorrente ma è tutto talmente paradossale, è talmente "buttata li", con svarioni spazio temporali molto ampi, che è divertente e curiosa proprio per questo motivo. Personaggi strani, decrepite pensioni da turista, droga, una retata dell'esercito, volendo guardare gli elementi ci sono tutti. Sono stati amalgamati un attimo troppo in fretta, ripeto, come capita anche a me. Ho fatto ben più fatica a leggere (e finire) altri pezzi molto più "accreditati".
Se fosse valido il mio voto avrei pensato ad un 3 - si lascia leggere.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9221
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Quello di Porlamar

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altri suffissi), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 181 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Biblioteca labirinto

Biblioteca labirinto

Cinque scaffali di opere concatenate per raccontare libri, biblioteche e personaggi letterari

Riportare la lettura e la biblioteca al centro dell'attenzione dovrebbe essere un dovere di ciascuno di noi. Se in qualche misura ci riesce una raccolta di racconti non si può che gioirne, nella speranza che possa essere contagioso, come deve esserlo tutto ciò che ci spinge a riflettere e a interrogarci sull'essenza del nostro esistere.
A cura di Lorenzo Pompeo e Massimo Baglione.
introduzione del Prof. Gabriele Mazzitelli.

Contiene opere di: Alberto De Paulis, Monica Porta, Lorenzo Pompeo, Claudio Lei, Nunzio Campanelli, Vittoria Tomasi, Cristina Cornelio, Marco Vecchi, Antonella Pighin, Nadia Tibaudo, Sonia Piras, Umberto Pasqui, Desirée Ferrarese.
Vedi ANTEPRIMA (211,75 KB scaricato 171 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 485 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 44 - Il potere della parola

La Gara 44 - Il potere della parola

(gennaio 2014, 33 pagine, 948,65 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Lodovico, Eddie1969, Anto Pigy, Skyla74, Scrittore 97, Daniela Rossi, Marina Paolucci, Silvia Torre,
A cura di Marino Maiorino.
Scarica questo testo in formato PDF (948,65 KB) - scaricato 205 volte.
oppure in formato EPUB (312,42 KB) (vedi anteprima) - scaricato 246 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 38 - Sorpresa!

La Gara 38 - Sorpresa!

(maggio 2013, 30 pagine, 1,07 MB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Ser Stefano, Anto Pigy, Monica Porta may bee, Patrizia Benetti, Yendis, freecora, Pardan, Lucia Manna,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,07 MB) - scaricato 312 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 43 - Cantami, o diva...

La Gara 43 - Cantami, o diva...

(dicembre 2013, 30 pagine, 1,91 MB)

Autori partecipanti: Polly Russell, Lodovico, Eddie1969, Kaipirissima, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Anto Pigy, Cladinoro, Marino Maiorino,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,91 MB) - scaricato 208 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.