Il pigiama giallo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 20/09/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
1
7%
2 - mi piace pochino
1
7%
3 - si lascia leggere
8
53%
4 - è bello
3
20%
5 - mi piace tantissimo
2
13%
 
Voti totali: 15

Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Il pigiama giallo

Messaggio da leggere da Stefyp »


«Può indicarmi, per cortesia, dove tenete i pigiamini per bambini?»
 «Mi segua signora, sono su questo ripiano» risponde la commessa del negozio indicando lo scaffale alla sua sinistra, poi si fa da parte e lascia il passo alla famigliola.
 Una bimbetta la supera impaziente, correndo verso lo scaffale.
 «Mamma, lo vorrei giallo, me lo prendi giallo?»
 «Certo Alice, puoi scegliere quello che vuoi» risponde la donna.
 «E gli accappatoi per bambini dove sono?» Chiede brusco l’uomo che le accompagna.
 «Venga con me, sono da quest’altra parte» risponde la commessa.
 Un bambino esile, con il viso pallido e due occhi grandi li segue.
 «Gli accappatoi per maschi sono qui a destra. Può scegliere tra quelli tradizionali in spugna oppure quelli in microfibra.»
 «Ci penso io» dice l’uomo fermandola con un gesto della mano. Il tono autoritario dell’uomo prende un po’ in contropiede la ragazza la quale, con un ‘mi scusi’ appena sussurrato, si allontana lasciandoli soli.
 Andando via non può fare a meno di notare la vistosa fasciatura all’indice della mano sinistra dell’uomo: «che esagerazione» le vien da pensare.
 «Luca, non ci stare a perdere troppo tempo, guarda che bello questo con Spiderman stampato sulla schiena.»
 «Non mi piace molto Spiderman, ne vorrei uno semplice, senza disegni» mormora il ragazzino.
 «Questo grigio con l’incredibile Hulk è ancora più bello.»
 «Non mi piace molto neanche quello, preferisco questo tutto viola.»
 «Come non ti piace! È bellissimo, l’avessi avuto io un accappatoio così alla tua età. Ma che razza di colore è viola, è un colore da mammoletta. Io mio figlio con un accappatoio viola non ce lo mando in giro. Prendiamo questo con l’incredibile Hulk, la taglia mi sembra la tua. Ok, deciso.»
 «Papà aspetta, va bene anche questo tutto blu, ma non quello!»
 «Discussione chiusa, non ho tempo da perdere. Vai a vedere se tua sorella ha finito.»
 Il tono perentorio dell’uomo richiama l’attenzione della commessa che, però, non osa avvicinarsi.
 «Hai trovato l’accappatoio?» Chiede al ragazzino quando le passa accanto, «se non ti piacciono quelli posso vedere se in magazzino ne ho altri.»
 «Grazie, va bene questo grigio» sussurra lui abbassando lo sguardo.
 Raggiunge velocemente la sorella, ancora incerta tra due pigiamini.
 «Luca, mi aiuti a decidere?» Gli chiede lei «quello rosa è fantastico, ma questo giallo è bellissimo e il giallo è il mio colore preferito!»
 «Fai presto Alice, papà si sta stancando» le mormora il fratello.
 «Ho capito, decido subito, prendo quello giallo.»
 «Papà, ti piace?» Chiede al padre girandosi verso di lui per mostrargli orgogliosa il pigiama scelto.
 «Ma che brutto! Giallo e arancione, sembrerai un pollo stasera.»
 Il sorriso sul volto della bambina si spegne all'istante e gli occhi si riempiono di lacrime.
 «Prendilo se ti piace tesoro, starai benissimo con quel pigiamino» le suggerisce la madre con un fil di voce.
 «Non ascoltare tua madre, cosa vuoi che ne capisca lei! Guarda com’è vestita oggi, sembra uno spaventapasseri. Ascolta il tuo papà prendi quello rosa, sembrerai una vera principessa.»
 «Va bene, prendo quello rosa» mormora la bambina con un fil di voce.
 «Forza usciamo da qui, abbiamo sprecato già troppo tempo, paghiamo e andiamocene via» intima il padre, incamminandosi verso la cassa con il passo baldanzoso di chi ha preso in mano la situazione e l’ha gestita per il meglio.
 I ragazzini lo seguono tenendosi per mano; la piccola non riesce a trattenere una lacrima e, furtivamente, se l’asciuga con la mano.
 Poi, forse perché lo sguardo è offuscato da quella lacrima, forse perché la luce del locale è un po’ troppo soffusa o forse per nessun motivo, la piccola inciampa e va a sbattere contro la schiena del padre. Per sostenersi l’uomo è costretto ad appoggiare la mano a un cesto di asciugamani vicino alla cassa.
 Il suo volto si rabbuia in un attimo e gli occhi si spalancano a dismisura. Si gira di scatto verso la figlia: «Alice il dito, lo sai che mi fa male il dito!» Sbotta afferrandole con forza il braccio.
 «Papà mi fai male, perdonami non l’ho fatto apposta. Davvero, non volevo!» Piagnucola la piccola.
 «Non stai mai ferma, sei un disastro, adesso per colpa tua il dito mi farà male per bel pezzo.»
 La voce dell’uomo si alza al di sopra del brusio degli altri clienti i quali, ad uno ad uno, si girarono verso la famiglia.
 «Papà, ci guardano tutti» osa dire il figlio.
 «Ehi ragazzino, non rivolgerti così a tuo padre o ti rifilo un ceffone, anche se ci guardano tutti» lo minaccia l’uomo, accompagnando la minaccia con il gesto della mano. Il ragazzo alza tutte e due le braccia come a ripararsi il volto, nel gesto tipico di chi il volto se l’è dovuto riparare troppe volte.
 La moglie, muta fino a quel momento, guarda il marito e sussurra: «Aldo ti prego, non qui in mezzo a tutti.»
 «Donna, stai zitta, non contraddirmi, io faccio quello che mi pare, dovresti saperlo. E se ancora non l’avete capito tutti quanti, ve lo mostrerò a casa per bene.»
 «Cosa sta facendo!» Si intromette un cliente «non…» La madre spaventata scuote la testa e lo guarda negli occhi supplicandolo di non continuare: «no» dice muta, muovendo appena le labbra. «No, è meglio di no.» Poi gira il volto dall’altra parte nel tentativo di nascondere una lacrima che non sfugge a nessuno.
 «Mamma» la chiama con un fil di voce la figlia «è colpa mia, mi dispiace tanto! Stai tranquilla, non sembri per niente uno spaventapasseri, tu per me sei bellissima…»
 La fila alla cassa, nel frattempo, si è smaltita, tutti i clienti escono dal negozio a testa bassa e in fretta, senza voltarsi indietro.
 La commessa prende le banconote dalle mani dell’uomo e consegna lo scontrino, in silenzio. Impotente, lo osserva uscire dal negozio col suo passo sfrontato e con i bambini spaventati dietro di lui, poi guarda negli occhi la donna e vi legge una profonda, infinita tristezza.
 Fa un passo verso di lei, appoggia la mano sulla sua spalla e stringe forte, con tenerezza, regalandole un sorriso…
Il Bardo Blu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Il Bardo Blu »

Il racconto si legge bene ed è scorrevole nonostante la storia sia un po' triste. Mi è rimasta la curiosità di conoscere il motivo di quella fasciatura così evidente al dito e di conoscere meglio i personaggi. In effetti sarebbe interessante sviluppare una storia più articolata partendo da questo squarcio sulla realtà di questa famiglia tormentata.
Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 229
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Davvero un bel racconto, Stefyp. Ben tratteggiati i personaggi, deliziosi i bambini. Solo la madre appena si intravede, ma ci sta; se fosse un carattere forte quell'uomo l'avrebbe già lasciato da un pezzo.
Molto ben riuscita la chiusa finale con quellincrocio si sguardi e quella stretta.
Beh, brava.
Speranza
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 18/01/2020, 19:02

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Speranza »

Il testo è indubbiamente scritto bene, quello che non mi è piaciuto proprio per niente è il finale. Mi ero creata molte aspettative e concludere con un sorriso ammetto che mi ha deluso un po'. Per il resto tutto è sviluppato molto bene.
Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 87
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Buongiorno, il testo è scritto bene, certamente. Devo confessare che non rispecchia il mio genere preferito, purtroppo di storie tristi se ne vedono e leggono tante e magari, come qualcuno ha detto in una precedente recensione, ti aspetti in una storia l'evento risolutore che rimetta un po' d'ordine - il come è da vedere -. Comunque un bel lavoro.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 452
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

tipica storia di violenza in famiglia, purtroppo sempre più frequente.
ben scritto, senza refusi e abbastanza scorrevole. certo, il finale lascia l'amaro in bocca, ma spesso è la triste realtà a superare ogni fantasia.
resta un po' oscuro il fatto del dito fasciato, anche se la sua parte la fa comunque, vista la reazione.
buon racconto.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Francesco Pino
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 80
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: Il pigiama giallo

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Un dramma purtroppo comune a molte famiglie.
Vado un po' contro corrente rispetto agli altri commenti e dico che la parte che mi è piaciuta di più è il finale. Gli altri clientgi escono a testa bassa… tutti noi potremmo fare o dire qualcosa, ma non lo facciamo mai, mai. Non abbiamo la prontezza, ne la "cattiveria" necessari, il più delle vote. Altre volte semplicemente siamo abituati a farci i fatti nostri (ben inteso che è lo stesso per me). La commessa invece è sola, lei è davvero impotente, ma non rimane indifferente e quel gesto di conforto è l'unica cosa che puo' fare.
Le frasi che usa il padre secondo me cozzano un po' col personaggio, non sono abbastanza rudi.
Segnalo "per UN bel pezzo".
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9232
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Il pigiama giallo

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altri suffissi), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Mauro Conti
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 37
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Tecnicamente scritto bene, scorrevole, senza divagazioni e/o ripetizioni.
A livello di contenuto, non si può parlare di trama, bensì di "realtà", che induce a riflettere se sia "normale" al giorno d'oggi, all'alba del 2021, che un uomo (tra virgolette) si imponga ancora in questo modo con moglie e figli piccoli. Secondo me quello che mi induce più tristezza non è ne la testa bassa della gente che osserva ne la mano sulla spalla della commessa, ma è la consapevolezza a livello sociale e globale di non poter fare nulla per migliorare le cose.
Quando il padre dice "a casa vi faccio vedere io" è proprio li che è esce la vera realtà, quella della violenza tra le mura domestiche (piccola o grande che sia - solo verbale/morale o meno). Qulla più diffusa.
Ci saranno sempre questi tipi di uomini, ci saranno sempre mogli indigeste e ci saranno sempre bambini infelici. Ed è questo che mi rammarica di più. Dopo questa riflessione personale concludo dicendo che a me il racconto è piaciuto, proprio come "piccola denuncia sociale".
Andrepoz
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 57
Iscritto il: 09/01/2020, 17:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andrepoz »

Il racconto fila via scorrevole, forse anche troppo, nel senso che alcuni punti avrebbero dovuto essere sviluppati un po' di più. Il continuo insistere sul dito fasciato, ad esempio, lascia immaginare al lettore che questo elemento sia destinato a svolgere un ruolo importante nella vicenda, cosa che invece non succede, lasciando un senso di incompiutezza.
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 57
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il testo è scorrevole e interessa il lettore. Dal titolo forse ci si aspetta qualcosa di tenero, invece poi la verità emerge poco alla volta, prima con la rassegnazione dei bambini, poi col finale. Mi ha trasmesso molta tristezza. Comunque, è vero che si potrebbe anche trasformare in un racconto più lungo, magari con un finale di riscatto, ma credo che fosse tua intenzione proprio trasmettere quell'atteggiamento passivo, quasi di impotenza, della madre.
Antonella martino
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 09/06/2020, 18:51

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Antonella martino »

Si delinea perfettamente la famiglia - tipo che viene descritta.
Una delle famiglie- tipo in cui si vivono fenomeni di violenza ma mi preme sottolineare che sono in realtà abbastanza variegate e non incanalate in una figura standard come quella di questo racconto che , purtroppo, è una delle peggiori.
in sintesi: breve, inciso e molto chiaro.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 362
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Delineato bene il personaggio del padre, un povero idiota, se posso permettermi, con quella fasciatura che secondo me ben incarna una debolezza mentale, o meglio spirituale (nel senso di spirito, animo) che va tutta a scapito della famiglia, che si illude di possedere e sulla quale esercita il suo potere. Un buon racconto.
Ilario Iradei
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 14/02/2020, 9:06

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ilario Iradei »

Un racconto toccante, colmo di umana disperazione. I bambini testimoni e in qualche modo complici, come la società che sta intorno, che guarda e non vede. Scelgono tutti il silenzio e non rimane che quel bel gesto finale che chiude il racconto.
Teo Tardy
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 3
Iscritto il: 10/09/2020, 22:08

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Teo Tardy »

Ciao! Non potevo esimermi dal commentare un racconto così ben scritto, mi piacerebbe davvero leggere un continuo dato che questa storia mi ha portato tanta curiosità.
Gran bel lavoro!
Alla prossima: )
Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 91
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Ciao Stefyp! Il racconto sinceramente non mi è piaciuto, non mi ha dato nessuno spunto nuovo di riflessione, mi ha lasciato con diversi dubbi tra cui:
In che modo l'uomo si è fatto male al dito?
Cosa ha portato la figura genitoriale maschile ad avere questi comportamenti?
Possibile che nessuna abbia fatto nulla e come mai questi comportamenti vengono accettati?
Per quanto riguarda invece la forma nulla da dire, un bel lavoro
Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Re: Il pigiama giallo

Messaggio da leggere da Stefyp »

Non ho ancora avuto modo di ringraziare tutti per i commenti ricevuti dei quali faccio tesoro.
Rispondo a quanto mi ha chiesto Simone. Il dito fasciato mi è servito solo per far avere al padre l'esageratala reazione finale. È vero non ho spiegato cosa si sia fatto, ma non l'ho ritenuto importante, non era il focus del mio racconto.
Rispetto alla seconda domanda la risposta è al quanto difficile: non c'è una motivazione razionale e specifica per il comportamento dei genitori violenti. Sono così perchè frutto della loro storia passata forse. Non sono né una psicologa nè una psichiatra ai quali lascio il compito di spiegare.
Chiedi perchè nessuno in negozio è intervenuto. Perchè intervenendo in situazioni come questa si corre il rischio di ottenere una reazione ancor più violenta sopratutto poi in privato con i famigliari (come ben sa la moglie, che subito fa un cenno per dissuadere il cliente che vorrebbe intervenire).
Il problema della violenza famigliare è una piaga della nostra società che non andrebbe ovviamente accettata, ma per risolvere la quale andrebbero fatte attente politiche di prevenzione, sostegno e accompagnamento. Ma per come gira il nostro paese in questi decenni la vedo dura...
Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 91
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Il pigiama giallo

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Ciao Stefy! Grazie per le spiegazioni, da lettore quelle erano le domande che mi sono posto ed a cui non sono riuscito a trovare risposta, non voleva essere una critica sterile ma piuttosto costruttiva. Spero che il mio commento possa esserti utile prima o poi :)
Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Re: Il pigiama giallo

Messaggio da leggere da Stefyp »

Simone_Non_é ha scritto: 20/09/2020, 15:16 Ciao Stefy! Grazie per le spiegazioni, da lettore quelle erano le domande che mi sono posto ed a cui non sono riuscito a trovare risposta, non voleva essere una critica sterile ma piuttosto costruttiva. Spero che il mio commento possa esserti utile prima o poi :)
E così l'ho presa tranquillo, tutte le critiche per me sono costruttive :)
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 381
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Storia triste di ordinaria prevaricazione maschile. Però, racconti così devo dire che mi fanno un poco innervosire nei confronti del "femminile". Mi domando sempre, ma non solo nei confronti del tuo racconto, ma in generale,- la cronaca giornalmente riporta fatti analoghi - perché certe donne oltre che rovinare se stesse consentono a certi "uomini" da schifo di rovinare i propri figli. Non è ammissibile al giorno d'oggi. A certi individui va dato il benservito. Passi lunghi e ben distesi da loro. Al di là di ciò il racconto scorre bene, si lascia certamente leggere.
Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Laura Traverso ha scritto: 21/09/2020, 18:31 Storia triste di ordinaria prevaricazione maschile. Però, racconti così devo dire che mi fanno un poco innervosire nei confronti del "femminile". Mi domando sempre, ma non solo nei confronti del tuo racconto, ma in generale,- la cronaca giornalmente riporta fatti analoghi - perché certe donne oltre che rovinare se stesse consentono a certi "uomini" da schifo di rovinare i propri figli. Non è ammissibile al giorno d'oggi. A certi individui va dato il benservito. Passi lunghi e ben distesi da loro. Al di là di ciò il racconto scorre bene, si lascia certamente leggere.
Magari riuscissero a farlo!, Ma sono anch'esse frutto della loro storia, di solito. Donne che hanno subito da bambine e che non conoscono altro modo di essere "donne".
Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2018 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2018 - (in bianco e nero)

(edizione 2018, 4,37 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,37 MB) - scaricato 55 volte..

Gara d'estate 2020 - Anniversari, e gli altri racconti

Gara d'estate 2020 - Anniversari, e gli altri racconti

(estate 2020, 45 pagine, 516,87 KB)

Autori partecipanti: Andrepoz, Mariovaldo, Namio Intile, Selene Barblan, Roberto, Roberto Virdo', Lodovico, Carol Bi, Fausto Scatoli, Laura Traverso.
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (516,87 KB) - scaricato 4 volte.
oppure in formato EPUB (389,76 KB) (vedi anteprima) - scaricato 3 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it 2012 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it 2012 - (a colori)

(edizione 2012, 6,33 MB)

Autori partecipanti: Marina, Paul Olden, Maurizio Vicedomini, Lady Rugiada, Andrea Leonelli, Angela Di Salvo, Celeste Borrelli, yami iume, Recenso, Simone Guidi, Mariadele, Tullio Aragona.
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (6,33 MB) - scaricato 418 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 215 volte).
info e commenti compralo su   amazon

77, le gambe delle donne

77, le gambe delle donne

ovvero: donne in gamba!

Antologia di 77 opere e 10 illustrazioni per esplorare, conoscere e rappresentare la complessità e la varietà dell'universo femminile. Ognuno dei testi presenti in questa antologia riesce a cogliere tanti aspetti, anche contrastanti, di questa creatura affascinante e sorprendente che assieme agli uomini per millenni ha contribuito, nell'ombra o sul palco della storia, all'evoluzione della civiltà così come la conosciamo oggi. è inutile aggiungere che 77 opere soltanto non hanno la presunzione di fornire una rappresentazione esaustiva, ma lasciamo che la parte di questo "iceberg" femminile ancora sommerso rimanga pronto per emergere in prossime indagini e, perchì no, per costituire ancora la materia prima di altre future opere di ingegno.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Maria Basilicata, Mara Bomben, Alessandro Borghesi, Emanuela Bosisio, Nunzio Campanelli, Paolo Caponnetto, Alessandro Carnier, Gino Centofante, Polissena Cerolini, Antonio Ciervo, Luigi Andrea Cimini, Giacomo Colosio, Cristina Cornelio, Marika Davoli, Stella Demaris, Maria Rosaria De Simone, Cetta de Luca, Cristoforo De Vivo, Roberta Eman, Luca Fadda, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Raffaella Ferrari, Virginia Fiorucci, Anna Rita Foschini, Franco Frainetti, Manuela Furlan, Nicola Gaggelli, Isabella Galeotti, Rebecca Gamucci, Lucilla Gattini, Michela Giudici, Antonino R. Giuffrè, Alessandro Kabon, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Greta Leder, Silvia Leuzzi, Yuleisy Cruz Lezcano, Libero, Marina Li Volsi, Rosalia Maria Lo Bue, Diego Luci, Sandra Ludovici, Verdiana Maggiorelli, Marino Maiorino, Angelo Manarola, Myriam Mantegazza, Germana Meli (geMadame), Roberta Michelini, Samuele Mocellin, Maurizio Nequio, Teresa Pace, Marina Paolucci, Roberto Paradiso, Umberto Pasqui, Viviana Picchiarelli, Daniela Piccoli, Anna Pisani, Luciano Poletto, Monica Porta, Pietro Rainero, Gianluigi Redaelli, Maria Rejtano, Stefania Resanfi, Franca Riso, Massimo Rosa, Francesca Santucci, Libera Schiano Lomoriello, Daniele Schito, Veronica Sequi, Salvatore Stefanelli, Stella Stollo, Paola Tomasello, Sonia Tortora, Liliana Tuozzo, Alessandro Zanacchi.
Vedi ANTEPRIMA (317,09 KB scaricato 344 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 59 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.