E' buio sul ghiacciaio

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
2
25%
2 - mi piace pochino
1
13%
3 - si lascia leggere
5
63%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 8

Roberto
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

E' buio sul ghiacciaio

Messaggio da leggere da Roberto »


Era ancora buio sul ghiacciaio. Il sole sarebbe sorto fra un paio d’ore; ma non lo avremmo visto prima del mattino avanzato, quando sarebbe stato così alto da superare con i suoi raggi obliqui la lunga cresta ovest.
Stavamo camminando lentamente nella parte piana o in lieve salita del ghiacciaio, verso la parete nord. Le lampade frontali illuminavano la neve davanti a noi e il fascio di luce circolare quasi ci ipnotizzava. La mente era vuota di pensieri; il corpo, come un automa, comandava il movimento meccanico dei piedi, con una cadenza commisurata al nostro passo.
Spesso ci si fermava per picchiare con la piccozza a lato degli scarponi che, ostinatamente, formavano uno zoccolo di ghiaccio sotto i ramponi. Poi si riprendeva.
Non c’era la luna e le stelle brillavano ancora, prima dell’alba e l’aria era così ferma che parevano dei puntini brillanti, senza sfarfallamenti.
Lei era una macchia nera davanti a me, sebbene la sua giaccavento fosse rossa; eravamo legati uno all’altra da una corda azzurra che, strisciando sulla neve, lasciava un leggero solco, come la traccia di una biscia.
Il ghiacciaio saliva dolcemente e ad ogni passo la pendenza aumentava; fino a che la piccozza tornava utile, come appoggio e come sicurezza, dal lato a monte. Si andava verso la crepaccia terminale, larga e slabbrata – non sarebbe stato uno scherzo superarla.
Al di sopra di essa si alzava la lunga e ripida parete nord, uno scivolo di neve e ghiaccio, che si restringeva verso l’alto, arrivando in prossimità della vetta che, fra un paio d’ore, sarebbe stata illuminata dal sole.
Faceva freddo – l’ideale per evitare cadute di pietre o di blocchi di ghiaccio – la temperatura era dieci sotto zero e le previsioni del tempo davano sereno per tutto il giorno. Era opportuno essere molto in alto prima che il sole, amato ma non desiderato, scaldasse la cima.
La crepaccia terminale, come molti sanno, è quella spaccatura – un vero e proprio crepaccio – che viene a formarsi dove la pendenza cambia bruscamente. Le forze in gioco sono così diversamente distribuite che si forma una tensione tale da spaccare la continuità del ghiaccio, proprio lì, fra il piano e la parete che sale ripidissima.
Il crepaccio era di dimensioni veramente notevoli. Assicurato da lei, mi sporsi oltre l’orlo per valutarne la profondità. Tutto buio: la lampada illuminava due verdi pareti di ghiaccio, verticali e che si avvicinavano più sotto, sprofondando verso il nulla, mentre mille cristalli e superfici contorte e compatte riflettevano la luce.
La parte a monte della spaccatura era più alta del labbro a valle di quasi due metri; il punto più stretto fra i due bordi era di circa un metro: avevamo un problema.
“Che facciamo, cara?”
“Come che facciamo, siamo venuti fin qui…andiamo avanti, no?”
Il bello nell’arrampicata – così come nella vita – è il fatto che, quando ci si trova di fronte a una difficoltà, si aspetta sempre che sia l’altro, per primo, a gettare, in un certo senso, la spugna. Ma se l’altro non ci pensa proprio? E’ raro che ammettiamo onestamente, noi stessi per primi, che abbiamo paura, che non ce la sentiamo. Fra l’altro, non useremmo mai questa parola: paura. La nostra mente è così abile che riusciremmo a inventare qualche circonlocuzione, qualche gioco di parole, che nasconda la realtà nuda e cruda. Potrebbe essere che la parete non è in ‘buone condizioni’. Questa è gà una scusa sufficiente, ma decisamente sfruttata. Un’altra, molto usata anch’essa, è quella di dichiararsi, con rammarico, fuori forma o, forse, lamentare un qualche dolore insopportabile e improvviso, di cui – una volta ridiscesi al rifugio – dobbiamo stare attenti a non dimenticarci.
Ma, messi alle strette da un ‘continuiamo, che siamo venuti a fare?’, ci si sente disarmati e ci si deve arrendere. Quindi, non c’era alternativa dignitosa, se non proseguire.
A due metri dal bordo, dalla nostra parte, avvitai a terra nel ghiaccio, un chiodo tubolare di sicurezza, da cui lei mi avrebbe dato corda, lentamente.
“Stai attento!”
“Sì, fammi sicura”
“Vai tranquillo”
Non si parla molto quando si va in montagna, non si ha tempo. Ma, chiunque sia con te, diventa più di un amico, diventa un fratello. E impari a conoscere tutto di lui, anche nel silenzio.
Con qualche esitazione, una larga spaccata, per portare un piede dall’altra parte, con le punte dei ramponi che mordevano il ghiaccio, due metri sotto il bordo; e l’altro piede ancora di qua. Le gambe tremavano un po’, non solo per lo sforzo, mentre gli occhi si rifiutava di guardare il nero vuoto sotto di me. Veloce, avvitai un altro chiodo sopra la mia testa qualche spanna sotto il bordo; infilai nell’anello un moschettone e dentro passai la corda, rimanendo appeso per qualche secondo, giusto il tempo di rifiatare.
Poi, piccozza in una mano, martello da ghiaccio nell’altra, entrambi piantati con violenza sopra la mia testa, oltre il bordo, lavorando di ramponi e di braccia, mi tirai su, fuori da quel muro, finalmente ‘a riveder le stelle’.
Anche lei faticò non poco, ma, tempo mezz’ora, eravamo entrambi oltre la crepaccia, pronti a salire la nostra parete.
Il resto dell’arrampicata non presentò alcun problema: un tiro di sessanta metri, salita di lei fino alla sosta, ripartenza; ripetendo le stesse manovre. Cinque tiri di corda filarono via così. Ora eravamo poco sotto la vetta e ci aspettava un traverso verso destra per arrivare alla cresta ovest e, da lì, per sfasciumi, in cima.
“Occhio, mi raccomando, dobbiamo traversare. La neve è molto sottile, muoviamoci come se fossimo senza peso, ok?”
“Sì, vai, ti tengo”
Piccozza, martello, ramponi che si piantavano in pochi centimetri di neve già ammollata, fra roccette in equilibrio instabile, il fiato quasi trattenuto.
“Bene, ci sono. Vieni pure, ti recupero. Piano… piano!”
Finalmente eravamo entrambi sulla cresta, assicurati alla solida raccia, una garanzia che niente può sostituire.
Salimmo gli ultimi metri in conserva, e, infine, eccoci in cima, col sole alle nostre spalle e un cielo ancora celeste, ma che presto sarebbe diventato blu cobalto.
Via il casco, via gli occhiali, via i guanti e via, almeno per un po’, ramponi e scarponi.
“Non mangi?” le chiedevo.
“No, non ho fame. E poi…sai che devo andare!”
La consapevolezza si fece strada in me, dolorosa come una pugnalata fra le viscere. Cosa era successo, cos’avevo fattofino a quel momento, con chi avevo stillato sudore, respirando come un mantice? Era tutto troppo reale, mi dicevo, per essere solo un’allucinazione della mente. Lei era lì, mi parlava, l’avevo toccata per lunghissime ore. Eravamo così felici legati assieme dalla corda su quello scivolo di ghiaccio. Supplicai:
“No, ti prego, aspetta, stiamo ancora qualche minuto qui, al sole, senti il calore dei suoi raggi e che luce meravigliosa!. Non andartene, cara!”
“Stai tranquillo, amor mio, non preoccuparti, tornerò presto, lo sai. Mi è molto piaciutosalire con te, è stato bellissimo”
“Sì, la più bella salita che ricordi. Ma ti prego, aspetta ancora…”
Ma stavo parlando da solo, ormai, e la voce mi usciva strozzata, a singhiozzi, come quella di un bambino disperato. Ero ancora seduto su quel masso piatto, silenzio tutt’attorno, l’aria immobile e la luce abbagliante del giorno che nasceva.
Guardai in basso: laggiù, lontano, vedevo il rifugio e piccoli omini che si muovevano senza alcun senso, pronti a riprendere il cammino.
Ancora più in basso, il fondovalle, molte ore più sotto; e il torrente che vorticava, verde, fra una gorra e una cascata; e i pini che salivano lungo ripidi pendii, inframmezzati da balze rocciose.
E ora? Mi toccava scendere da solo? Ma…forse ero salito anche da solo?
Fui preso dalla rabbia e dalla disperazione, una rabbia impotente; e, accecato da un furore che mi era del tutto inconsueto, cominciai ad agitare la piccozza, come fuori di me; finchè non mi colpii un piede con la punta aguzza e urlai per il dolore.
…Apersi gli occhi e, per qualche secondo, non capii. Solo il gatto, già completamente sveglio, saltava per tutto il letto, come avesse l’argento vivo in corpo e, con gusto un po’ perverso, mi graffiava un piede con le sue unghie acuminate, oltre le lenzuola.
La prima luce del mattino filtrava dalla finestra e il cane, ritto sulle zampe posteriori, mi si poggiava contro il petto con quelle davanti, in mezzo il muso umido. Era ora di portarlo a fare la sua passeggiata.
Piano piano, mi riaccomodai alla nuova realtà. Mi chiedevo quale fosse mai quella vera. Mi vestii e scesi di sotto.
Fuori, l’aria era frizzante, qualche passero già cantava sul pino, sarebbe stata una giornata serena. Il cane scodinzolava felice.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 405
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

La storia mi è piaciuta, crea aspettativa e tensione nel lettore, pensavo che la "lei" si volesse suicidare e invece il finale è stato sorprendente, non me lo aspettavo e mi è piaciuto. Le descrizioni della scalata sono assai buone, penso che chi ha scritto sia piuttosto esperto in materia. La forma è però da rivedere, ci sono molte parole unite (da staccare) e i tempi verbali non giusti. Se non fosse per questa ultima osservazione il mio voto sarebbe stato alto, mi fermo invece al 3, che poi non è affatto male.
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 68
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Re: E' buio sul ghiacciaio

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Ho trovato la storia fondamentalmente banale anche se discretamente ben descritta. L'ambientazione è sicuramente suggestiva e l'autore prova senza ombra di dubbio passione per la montagna in genere e la sue pertinenze, che si "respira" nel racconto. La forma insomma cosi' cosi', poco viva.
Se ci fossero i mezzi voti sarebbe un due e mezzo. Ma per lo spirito dell'ambientazione montano che ha sempre il suo fascino e la sua relativa descrizione arrotondiamo a 3.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 401
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Mi è piaciuta la descrizione della scalata, quindi buona parte del racconto; amo la montagna e anche se non so se avrò mai il coraggio di percorrere sentieri "difficili" o, addirittura, fare scalata o andare per ghiacciai, le descrizioni ben permettono di vivere indirettamente l'esperienza.
Quando il racconto cambia per prendere una piega un pò misteriosa mi sembra perda un pò del suo fascino; mi sembra che sia un pò troppo costruito, messo lì per impressionare, non così legato, non so se mi spiego.
Credo poi che una rilettura permetterebbe di sistemare qualche imprecisione, che però non mi ha infastidito particolarmente.
Globalmente non mi è dispiaciuto, ma mi sarebbe piaciuto di più se l'onda iniziale fosse fluita in altro modo...
Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Ho recensito questo breve testo qualche tempo fa. Non so se è il caso di replicare quanto detto, un giudizio più che positivo sulla spiccata capacità descrittiva. Ho avuto anch'io l'impressione di una chiusura prematura del testo, che si collega forse un po' a quanto dice Selene. Avrei preferito in sostanza una maggiore gradualità nel passaggio tra sogno e realtà, se non perfino un più spinto "occultamento". Ma molto molto valido.
Francesco Pino
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 90
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Mi è piaciuta particolarmente la parte dedicata alla paura, il finale invece mi ha deluso: stavo li a immaginarmi una scalata fatta da solo spinta dal forte ricordo della moglie morta in una scalata precedente e invece spunta il gatto!
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

l'unica cosa che mi è piaciuta della storia è la capacità descrittiva dell'autore, per il resto devo dire che proprio non ho apprezzato.
ci sono molti errori e refusi, anche se alcuni sono stati sistemati, mancano degli spazi, ci sono d eufoniche da togliere e c'è un uso errato dei tre punti.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

A prescindere dalla forma, dalla punteggiatura e da qualche refuso il racconto, a metà strada prometteva molto e a tre quarti conquistava. Il fatto che un finale non soddisfi il (un) lettore non vuol dire che sia sbagliato. Solo che le aspettative erano per un finale all'altezza della suspense che si era venuta a creare
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il racconto mi sembra ben scritto. Le descrizioni sono molto accurate. Devo dire, però, che mi ha un po' annoiata, perché non è il mio genere, non amo le descrizioni delle scalate. Poi mi ha sorpresa positivamente il finale: il sogno, con tutto ciò che può offrirci, con l'amore, l'illusione e la delusione.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 182 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Mai Più

Mai Più

Antologia di opere grafiche e letterarie aventi per tema il concetto del MAI PIÙ in memoria del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, di AA.VV.

Nel 2018 cade il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, perciò abbiamo voluto celebrare quella follia del Genere umano con un'antologia di opere grafiche e letterarie di genere libero aventi per tema il concetto del "mai più".

Copertina di Pierluigi Sferrella.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Alessandro Carnier, Romano Lenzi, Francesca Paolucci, Pasquale Aversano, Luisa Catapano, Massimo Melis, Alessandro Zanacchi, Furio Bomben, Pierluigi Sferrella, Enrico Teodorani, Laura Traverso, F. T. Leo, Cristina Giuntini, Gabriele Laghi e Mara Bomben.
info e commenti compralo su   amazon

Human Take Away

Human Take Away

Umani da asporto

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"Human Take Away" è un racconto corale dove gli autori Alessandro Napolitano e Massimo Baglione hanno immaginato una prospettiva insolita per un contatto alieno. In questo testo non è stata ideata chissà quale novità letteraria, né gli autori si sono ispirati a un particolare film, libro o videogioco già visti o letti. La loro è una storia che gli è piaciuto scrivere assieme, per divertirsi e, soprattutto, per vincere l'Adunanza letteraria del 2011, organizzata da BraviAutori.it. Se con la narrazione si sono involontariamente avvicinati troppo a storie già famose, affermano, non era voluto. Desiderano solo che vi gustiate l'avventura senza scervellarvi troppo sul come gli sia venuta in mente.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (497,36 KB scaricato 470 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 6 - Un racconto in una fotografia

La Gara 6 - Un racconto in una fotografia

(luglio 2009, 34 pagine, 309,09 KB)

Autori partecipanti: Massimo Baglione, Candido Bottin, Carlocelenza, Cmt, Manuela Costantini, Gio, Jean, Dino Licci, Macripa, Miriam, Pia, Ranz, Snuff,
A cura di Alessandro Napolitano e Dafank.
Scarica questo testo in formato PDF (309,09 KB) - scaricato 419 volte.
oppure in formato EPUB (230,74 KB) (vedi anteprima) - scaricato 220 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Gara di primavera 2019 - La contessa, e gli altri racconti

Gara di primavera 2019 - La contessa, e gli altri racconti

(primavera 2019, 49 pagine, 777,86 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Mazzi, Angelo Ciola, Aurora Gallo, Daniele Missiroli, Draper, Fausto Scatoli, Gabriele Ludovici, Laura Traverso, L.Grisolia, Namio Intile, N.B. Panigale, Marco Daniele, Roberto Bonfanti, Selene Barblan, Tiziana Emanuele,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (777,86 KB) - scaricato 70 volte.
oppure in formato EPUB (354,48 KB) (vedi anteprima) - scaricato 43 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 31 - Oops! – piccola enciclopedia degli errori

La Gara 31 - Oops! – piccola enciclopedia degli errori

(giugno 2012, 25 pagine, 1,32 MB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Ser Stefano, Nathan, Lorella15, Lodovico, Roberta Michelini, Umberto Pasqui, Tuarag, Alhelì, Simone Pelatti,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,32 MB) - scaricato 442 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.