Adorazione

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
25%
3 - si lascia leggere
3
25%
4 - è bello
4
33%
5 - mi piace tantissimo
2
17%
 
Voti totali: 12

Letylety
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

Adorazione

Messaggio da leggere da Letylety »


Il sole a ferragosto raggiunge lo zenit, immaginava l’uomo camminando pigramente lungo la banchina del porto. Tanti posti vuoti nei parcheggi acquatici, famiglie e variopinte compagnie di amici erano salpate di buon’ora per la giornata che rappresentava la festa dell’estate.
Nella sua testa molti ricordi affioravano come cartoline screpolate, dove il tempo della gioventù se n’era andato impercettibile. Era un pensiero ricorrente e la ricerca di quel cambio di passo, dal vociare esibito della giovinezza allo sciabordio silenzioso della maturità, non trovava mai risposta. Cos'era successo? Dov'era avvenuto il punto di svolta? E quanto era stato repentino per non essersene nemmeno accorto?
Quel sole abbagliante delle cinque della sera non gli metteva paura, anzi era una compagnia piacevole della sua solitudine. Aveva in sé il colore indefinito della speranza che crea un ordine naturale alle cose e il battito sincopato di un rimpianto impalpabile.
L’utopia è la miglior medicina nelle giornate estreme, pensava l’uomo.
Mentre il mondo celebrava la sua festa pagana, c’era chi si ritrovava completamente solo, con il carico del tempo. L’animo era leggero perché il caldo gli dava sempre un senso di festa. La pace interiore lo accompagnava durante quella passeggiata, dove le poche barche rimaste, ballavano placidamente la loro siesta e il vento tra gli alberi fischiava una musica antica.
Entrò in un bar e ordinò un caffè e un bicchiere d’acqua. Bevve tutto di un fiato, incocciando prima il caldo dalla tazzina e subito dopo il freddo del vetro. Pagò e uscì sulla strada bollente.
Fu lì che la vide.
Aveva I capelli color cenere e la pelle delicata. Il corpo snello e gli occhi azzurro-grigi lo bloccarono improvvisamente, che se si fosse trovato nella metro di una grande città, avrebbe creato problemi di assembramento, tanto improvviso fu il suo arresto.
Anche la ragazza lo guardò e sorrise. A occhio e croce aveva la metà dei suoi anni e il doppio della conoscenza del mondo.
Si avvicinò con sicurezza, con la testa vuota e nessun pensiero svolazzante se non l’ammirazione per una bellezza così perfetta. Le parlò brevemente. La ragazza tacque.
Rientrarono nel bar. L’uomo ordinò il solito caffè con un bicchiere d’acqua mentre la ragazza preferì una spremuta d’arancia. Rimasero in piedi lì, al bancone, nel bar senza clienti con il cameriere indaffarato a pulire i tavoli vuoti.
Terminata la consumazione uscirono camminando lentamente tra i marciapiedi deserti. Le mani si sfiorarono appena e loro subito sorrisero a quel leggero contatto.
Alla fine del viale arrivarono davanti a una porta che dava sulla strada. Era una tipica casa di mare, con le persiane azzurre, il muro intonacato di bianco e il tetto piano. L’uomo prese le chiavi poi spinse la porta e fece entrare la ragazza.
La stanza era tinta d’azzurro con piccole venature bianche al delimitare del soffitto. Sobria come la cella di un monaco: un tavolo di legno, una sedia e un piccolo letto ricoperto da lenzuola bianche la riempivano appena.
Unico oggetto fuori posto era un vecchio stereo messo in un angolo, collegato a un’unica cassa; e un disco, un vecchio quarantacinque giri senza copertina. Il locale era arioso e aperto al mondo e la notte avrebbe sicuramente riecheggiato dell’infrangersi delle onde, tanto era la vicinanza al mare.
La ragazza si pose al centro della stanza. Indossava un vestito sbracciato di lino bianco, con un leggero arricciamento intorno alla vita. Ai piedi aveva delle infradito color terra che si mimetizzavano con il pavimento, ad eccezione delle unghie laccate di bianco.
L’uomo si avvicinò e le chiese di rimanere scalza; anche lui fece lo stesso.
Appoggiò i piedi sul pavimento caldo. Il sole entrava dalla finestrella e illuminava i suoi capelli.
L’uomo le rivolse uno sguardo attento, poi andò verso il giradischi.
Una musica ipnotica riempì la stanza.
Io ballo a piedi nudi
Per un giro
Qualche strana musica mi attira
Le liriche di Patti Smith fluttuavano leggere nella stanza.
Lui s’inginocchiò e cominciò ad accarezzarle i piedi. Vi avvicinò il viso e li sfiorò con le labbra, passando le dita sulle caviglie.
Lei lo guardava incuriosita tenendo le braccia dritte lungo il corpo.
Poco alla volta l’uomo cominciò a risalire lungo le gambe. Non le scoprì, continuando ad
abbracciarla fino alla vita.
Le sue mani cercavano un appoggio sicuro, come un cieco che tasta il terreno. O come un naufrago della vita.
Arrivato alle spalle la cinse da dietro, sfiorandole il collo. Le mosse i capelli con il viso, tenendola per le braccia. Con le tempie si appoggiò alla nuca mentre la ragazza emetteva lunghi sospiri. Inspirò a lungo quell'odore di salsedine, stordente come un profumo d’oriente.
Si spostò e si piazzò davanti. Testa contro testa la strinse forte. E ridiscese verso il basso.
All'altezza dei seni si fermò, poi le baciò lo sterno, un bacio lunghissimo, puro, devoto.
Sto danzando a piedi nudi
Roteando
Una strana musica mi attira
Ritmi lenti e sincopati avvolgevano i due corpi.
Ridiscese lungo i fianchi immacolati di quel vestito di lino con il sole che scendeva. Giù giù lungo le gambe nude fino ai piedi color della terra.
Li strinse a sé, emettendo un lungo sospiro.
La ragazza mosse le braccia. Era la prima volta da quando era entrata in quella stanza. Le sue lunghe mani sottili gli sfiorarono i capelli lentamente. Poi li accarezzò con più forza, lo prese per la base del capo e lo portò più in alto, dove ardevano violenti gli umori di quell'estate solitaria.
Ansimava.
L’uomo in ginocchio la guardò con gli occhi umidi e trasognati.
Come un condannato arrivato all'ultimo respiro, come un monaco cenobita nella lode del mattino, giunse le mani in segno di supplica e le disse che non voleva profanare quel corpo che gli era offerto.
Avrebbe voluto continuare all'infinito quella sua personale adorazione.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 405
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Hai scritto questo racconto molto bene, con accurate descrizioni e sensazioni. Così ben espresse che pareva, leggendo, di viverle. Questo scritto, secondo me, è molto poetico e fiabesco: l'incontro, la sua rapida evoluzione e poi, l'adorazione… Normalmente nella vita reale succede il contrario. Credo sia difficile trovare uomini che, dinnanzi ad una richiesta così esplicita, supplichino di non procedere. Per ciò ho parlato di poesia… Brava! Mi è piaciuto. Voto alto
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il racconto mi è piaciuto innanzitutto per il linguaggio, molto curato, poi anche per la descrizione iniziale dello stato d'animo dell'uomo, con le riflessioni sull'utopia. La scena finale, più sensuale, è descritta in modo elegante, tra il detto e il non detto. Credo sia stato scritto da una donna, per la grande attenzione e sensibilità verso la figura femminile.
Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Una nota di merito per la citazione musicale. Ho dato uno sguardo al testo del brano, accipicchia che potenza poetica! Del resto quando parliamo di artisti di tale calibro difficile restare delusi. Chiedo scusa a LetyLety (Letizia?) per la digressione, probabilmente i più si ricorderanno la meravigliosa Frederick del 1979 che resta una pietra miliare dei suoi "best". Provare per credere.
Bello, molto. Scritto davvero bene. Padronanza della lingua notevole, a volte hai rischiato perfino di cadere nel troppo "ricercato" ma credo tu te lo possa permettere. E' vero la descrizione è poetica poiché incentrata sui sensi senza privilegiare in particolare la vista, cosa che trovo difficile ed estremamente pagante. La rinuncia (oserei dire estrema, ma senza ironia da parte mia) nobilita lo scritto innalzandolo a puro spirito. Sensibilità spiccata, complimenti per la scelta età matura vs giovane, anima vs corpo. Massimo voto.
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 115
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Breve racconto scritto bene, con l'introspettiva lentezza che mi piace. Quasi lirico in certi punti.
Il finale mi lascia però insoddisfatta perchè non mi spiega cosa è accaduto all'uomo, il cambiamento repentino tra giovinezza e maturità: è come se il finale fosse solo una parte della storia e ci fosse ancora un finale "vero" da leggere, che rispondesse alle domande che mi sono posta nella lettura.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 398
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Un racconto sensoriale e estetico, mi viene da dire; sensoriale perché le descrizioni danno una panoramica dettagliata di ciò che provano i due personaggi, estetico perché le immagini create sono molto belle, calibrate e equilibrate. Mi piace molto lo stile e anche la vicenda, pur nella sua brevità. La scena finale, per come me la sono immaginata, sembra dipinta come in un quadro sacro. Anche le sensazioni che prova inizialmente l’uomo sono belle, nella sua solitudine riesce a trovare un senso e una pace. Bel racconto!
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 68
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Bel pezzo sicuramente in primo luogo per la profondità emotiva, in secondo luogo per la fine descrizione dei dettagli ma senza che questi ultimi prendano il posto delle emozioni. E' il tipo di racconto che - per come sono fatto io e il mio "stile" - non riuscirò mai a comporre. E' una poesia in prosa e l'uso dei termini è veramente molto adeguato. Si sente una ventata di poesia e romanticismo.
Complimenti.
Macrelli Piero
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Questo è un commento in controtendenza rispetto agli altri e al risultato in classifica. Lo trovo un esercizio di stile formalmente curato, i rientri, gli a capo; cose del resto molto importanti nelle regole di queste gare (che io ho difficoltà a rispettare). A fine lettura mi è uscito un e allora? Dove si voleva andare a parare? I Personaggi mi sembrano stereotipati, in particolar modo la figura maschile che mostra troppo la mano femminile che lo crea.
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Racconto ben scritto, che evoca atmosfere rarefatte, tipiche dei pomeriggi estivi assolati e senza un alito di vento.
Dal mio punto di vista, si tratta di un voyeur (probabilmente feticista) particolarmente fortunato, visto che la ragazza lo ha accolto in casa propria, addirittura gratis!
A meno che, al termine delle liriche di Patti Smith, non gli chieda la carta di credito.
Francesco Pino
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 90
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Il racconto è scritto indubbiamente bene, ma non mi esalta. La sofferenza del protagonista è solamente appena accennata, ci voleva, a moi parere, qualcosa che giustificasse il suo comportamento nel finale, del tutto atipico per un uomo in quella situazione. L'alone di mistero che circonda la ragazza va bene, ma forse tra lo scambio di sguardi el il bar quello che la convinse a seguire l'uomo andava un attimo chiarito… cosa si dissero?
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 38
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Ho trovato questo racconto piacevole, da leggere. A dire il vero, il testo è riuscito a trasmettermi una forte sensazione di malinconia. Apprezzo la grazia e la capacità descrittiva dell’autrice, relativamente sia ai fatti che alle emozioni che ne scaturiscono.
Marcello Rizza
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 100
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Lety. E' il mio primo commento a un vostro racconto in questo concorso. Ho letto il tuo e mi sono fatta una idea. Poi ho letto i commenti e ho capito che dovevo rileggerlo. L'ho riletto altre due volte, con impegno. Pubblicamente ti dico che il tuo stile mi piace molto. La storia ha dei buchi importanti, che non racconto qui perché ognuno deve farsi una propria idea ma che ti spiegherò volentieri se vorrai contattarmi in privato. Il mio voto è 3 per stima riguardo al tuo lessico, alla tua poesia, a certe soluzioni immediate di assoluto effetto. anche se ero combattuto sul 2 perché la storia non funziona nei dettagli e in quell'immaginario che dev'essere comunque aiutato. Non per scoraggiarti. Senza questi commenti dalla mia editor non sarei cresciuto, sempre che sia cresciuto, e comunque non sono uno scrittore quindi prendi il mio giudizio come incompetente e ininfluente. Ai più sei piaciuta/o, a tutti sei piaciuta/o. Un abbraccio.
Ultima modifica di Marcello Rizza il 26/09/2020, 8:00, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9273
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Adorazione

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altri suffissi), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Racconto ben scritto, ma non mi appassiona. Mancano i dialoghi, è difatti un sogno. Trovo contrasto con l'inizio, dove la realtà è dettagliata, e poi si scivola nel sogno dove basta guardare una bella ragazza e lei segue l'uomo senza un perchè.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

scritto bene, praticamente senza errori o refusi a parte qualche virgola di troppo, forse con un linguaggio un po' esageratamente ricercato.
però faccio mio il commento di altri: alla fine cosa rimane? la figura di un adoratore maschio (che trovo anomala ma non impossibile) e niente altro.
mi manca il senso della storia, l'emozione reale...
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 446
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Re: Adorazione

Messaggio da leggere da carlocelenza »

Strana donna e strano uomo, lui desidera cosa? Lei sul più bello rifiutata cosa fa?
Descrivi un uomo che sogna da solo, tanto perso nelle sue elucubrazioni da essere alla fine deludente.
Non ci trovo un contrasto, un ripensamento, forse gli piace rimanere a piangersi addosso.
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La spina infinita

La spina infinita

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"La spina infinita" è stato scritto quasi vent'anni fa, quando svolgevo il mio servizio militare obbligatorio, la cosiddetta "naja". In origine era una raccolta di lettere, poi pian piano ho integrato il tutto cercando di dare un senso all'intera opera. Quasi tutto il racconto analizza il servizio di leva, e si chiude con una riflessione, aggiunta recentemente, che riconsidera il tema trattato da un punto di vista più realistico e maturo.
Di Mario Stallone
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (467,93 KB scaricato 189 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Mai Più

Mai Più

Antologia di opere grafiche e letterarie aventi per tema il concetto del MAI PIÙ in memoria del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, di AA.VV.

Nel 2018 cade il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, perciò abbiamo voluto celebrare quella follia del Genere umano con un'antologia di opere grafiche e letterarie di genere libero aventi per tema il concetto del "mai più".

Copertina di Pierluigi Sferrella.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Alessandro Carnier, Romano Lenzi, Francesca Paolucci, Pasquale Aversano, Luisa Catapano, Massimo Melis, Alessandro Zanacchi, Furio Bomben, Pierluigi Sferrella, Enrico Teodorani, Laura Traverso, F. T. Leo, Cristina Giuntini, Gabriele Laghi e Mara Bomben.
info e commenti compralo su   amazon

77, le gambe delle donne

77, le gambe delle donne

ovvero: donne in gamba!

Antologia di 77 opere e 10 illustrazioni per esplorare, conoscere e rappresentare la complessità e la varietà dell'universo femminile. Ognuno dei testi presenti in questa antologia riesce a cogliere tanti aspetti, anche contrastanti, di questa creatura affascinante e sorprendente che assieme agli uomini per millenni ha contribuito, nell'ombra o sul palco della storia, all'evoluzione della civiltà così come la conosciamo oggi. è inutile aggiungere che 77 opere soltanto non hanno la presunzione di fornire una rappresentazione esaustiva, ma lasciamo che la parte di questo "iceberg" femminile ancora sommerso rimanga pronto per emergere in prossime indagini e, perchì no, per costituire ancora la materia prima di altre future opere di ingegno.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Maria Basilicata, Mara Bomben, Alessandro Borghesi, Emanuela Bosisio, Nunzio Campanelli, Paolo Caponnetto, Alessandro Carnier, Gino Centofante, Polissena Cerolini, Antonio Ciervo, Luigi Andrea Cimini, Giacomo Colosio, Cristina Cornelio, Marika Davoli, Stella Demaris, Maria Rosaria De Simone, Cetta de Luca, Cristoforo De Vivo, Roberta Eman, Luca Fadda, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Raffaella Ferrari, Virginia Fiorucci, Anna Rita Foschini, Franco Frainetti, Manuela Furlan, Nicola Gaggelli, Isabella Galeotti, Rebecca Gamucci, Lucilla Gattini, Michela Giudici, Antonino R. Giuffrè, Alessandro Kabon, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Greta Leder, Silvia Leuzzi, Yuleisy Cruz Lezcano, Libero, Marina Li Volsi, Rosalia Maria Lo Bue, Diego Luci, Sandra Ludovici, Verdiana Maggiorelli, Marino Maiorino, Angelo Manarola, Myriam Mantegazza, Germana Meli (geMadame), Roberta Michelini, Samuele Mocellin, Maurizio Nequio, Teresa Pace, Marina Paolucci, Roberto Paradiso, Umberto Pasqui, Viviana Picchiarelli, Daniela Piccoli, Anna Pisani, Luciano Poletto, Monica Porta, Pietro Rainero, Gianluigi Redaelli, Maria Rejtano, Stefania Resanfi, Franca Riso, Massimo Rosa, Francesca Santucci, Libera Schiano Lomoriello, Daniele Schito, Veronica Sequi, Salvatore Stefanelli, Stella Stollo, Paola Tomasello, Sonia Tortora, Liliana Tuozzo, Alessandro Zanacchi.
Vedi ANTEPRIMA (317,09 KB scaricato 344 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 40 - La musica è letteratura

La Gara 40 - La musica è letteratura

(agosto 2013, 50 pagine, 1,14 MB)

Autori partecipanti: 2013Federica, Angelo Manarola, Nunzio Campanelli, Lodovico, LeggEri, Anto Pigy, Mastronxo, Desiree Ferrarese, Rovignon, Polly Russell, Lorella15, Monica Porta may bee, Nozomi, Freecora, Kaipirissima, Filippo19,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,14 MB) - scaricato 184 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Gara d'Estate 2018 - Incontri, e gli altri racconti

Gara d'Estate 2018 - Incontri, e gli altri racconti

(estate 2018, 50 pagine, 840,41 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Carlo Celenza, Gabriele Ludovici, Draper, Nunzio Campanelli, Pierluigi, Roberto Bonfanti, Fausto Scatoli, Edoardo Prati, SmilingRedSkeleton, Daniele Missiroli, Lodovico,
a cura di Massimo Baglione e Laura Ruggeri.
Scarica questo testo in formato PDF (840,41 KB) - scaricato 51 volte.
oppure in formato EPUB (370,75 KB) (vedi anteprima) - scaricato 40 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 70 - Troppo tardi

La Gara 70 - Troppo tardi

(aprile 2018, 20 pagine, 663,34 KB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Patrizia Chini, Daniele Missiroli, Gabriele Ludovici, Ida Dainese,
a cura di Lodovico Ferrari.
Scarica questo testo in formato PDF (663,34 KB) - scaricato 59 volte.
oppure in formato EPUB (326,04 KB) (vedi anteprima) - scaricato 75 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.