Cinquanta sfumature di Rosa

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/12/2020, 23:00

1 - non mi piace affatto
3
17%
2 - mi piace pochino
2
11%
3 - si lascia leggere
10
56%
4 - è bello
2
11%
5 - mi piace tantissimo
1
6%
 
Voti totali: 18

Athosg
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 27
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Author's data

Cinquanta sfumature di Rosa

Messaggio da leggere da Athosg »


“Piacere, Rosa.”
 “Piacere, Andrea.”
 Andrea strinse la mano alla donna e subito un flusso di pensieri lo investì, come tanti piccoli flash a rischiarare la sua vita.
 
  A quattordici anni era entrato in seminario spinto da sua madre, a sua volta condizionata dalle parole di Suor Anna, una cugina di terzo grado che viveva nel monastero di L. situato nel sud della Francia.
  Andrea a quei tempi era solo un timido chierichetto serio e puntiglioso durante la celebrazione delle messe. Sua madre cominciò a parlarne con lui, introducendo l’argomento poco alla volta, per consigliargli di iscriversi al seminario dove avrebbe potuto studiare teologia e iniziare una nuova vita. Lui, così piccolo e ingenuo, aveva ascoltato alcuni racconti della cugina durante una sua visita.
  Erano anche stati in Francia, tra le mura di quel monastero perso tra gli ulivi, dove il sole scendeva lento la sera, nascondendosi dietro la foresta in un silenzio irreale. Finì per seguire il consiglio materno e dopo un’estate passata tra i boy scout, a settembre entrò in seminario.
  Non gli ci volle molto per capire che quello non era il suo posto. Non tanto per le rigide regole di convivenza che ivi regnavano ma per quella terribile uguaglianza che sentiva sin dentro le ossa, per quegli sguardi che pesavano molto più delle parole, per le occhiate striscianti e indagatrici che lo ossessionavano a tal punto da non riuscire più a mangiare e dormire.
  Un mondo chiuso tra quattro mura, dove la legge del Divino era gestita da uomini essi stessi prigionieri della loro volontà.
  In quel posto senza aria era dimagrito di quattro chili, che nell'età dello sviluppo erano veramente tanti. Sua madre, rimasta vedova tre anni prima, ammise l’errore e lo fece rientrare a casa. Non sentì più la cugina suora e decise di iscrivere il figlio alla vicina scuola per geometri.
  Andrea si diplomò a ventuno anni, e subito dopo cominciò a cercare lavoro. Il periodo della grande crisi non era passato, e il ragazzo s’industriò come rider a consegnare centinaia di pizze ogni giorno. Poi fu la volta dei call center, dove ripeteva le identiche frasi a migliaia di utenti annoiati. Si sentiva un automa, rigido come un pezzo di legno dei tanti ulivi visti in seminario. Nel frattempo continuava a inviare curriculum.
 
  Qui finivano le fotografie della sua vita e iniziava la presa diretta.
  Quel giorno, all'alba dei suoi trent'anni, per presentarsi alla sua nuova direttrice si era vestito in giacca e cravatta, sbarbato e pettinato il giusto.
  Rosa Acunzi, un’elegante signora sulla cinquantina alta e magra, lo accolse con un bel sorriso.
  “Andrea, da oggi comincerai a lavorare con noi per sei mesi. Il contratto è a tempo determinato e ti permetterà di fare esperienza. Poi, al termine, se ti sarai ben inserito e se noi avremo ancora bisogno del tuo contributo, sarai assunto a tempo indeterminato.”
  “Grazie” le rispose Andrea.
  “Ti presento il tuo nuovo collega. Conosce tutte le procedure e quando avrai bisogno, chiedi pure a lui, è la nostra memoria storica. Non è vero Ernesto?”
  L’uomo era sopraggiunto improvviso alle spalle e assentì. Aveva circa cinquantacinque anni e sembrava il classico impiegato indispensabile nelle procedure aziendali.
  “Forza Andrea, vedrai che ti troverai bene.”
  “Grazie” rispose nuovamente il ragazzo, intimorito e stimolato da quel nuovo posto di lavoro.
 
  Durante i primi giorni Ernesto lo istruì sui programmi che avrebbe utilizzato, mostrandogli i codici dei prodotti e le operazioni di registrazione a magazzino.
  Andrea cominciò a inserirsi nel sistema. La sua scrivania era posta in un grande salone, dove lavoravano dieci donne e due uomini, lui ed Ernesto. Le colleghe avevano un’età compresa tra i trenta e i cinquant'anni. Erano gentili, perlopiù tutte madri di famiglia che abitavano nella zona. Ernesto era il miglior collega che avrebbe potuto sperare di trovare. Sempre disponibile e attento nei consigli. Dopo qualche giorno erano già colleghi affiatati.
  “Vedo che guardi le gambe di Rosa!” Gli disse un giorno Ernesto.
  “In che senso? Lavoro come un matto che non ho neanche il tempo di andare in bagno” rispose Andrea.
  “Eh, sei un bel furbetto” gli rispose il maturo collega, battendogli un pugno leggero sulla testa; Andrea fece finta di nulla.
  La sua scrivania era parallela a quella della direttrice. Un divisorio in vetro li separava, e lui osservava spesso Rosa quando nei giorni che portava la gonna, accavallava le gambe o si girava per recuperare una cartella dal cassetto.
  Rosa Acunzi era magra come un chiodo, sempre vestita attillata e con i capelli cortissimi. In azienda gli uomini la chiamavano la flaca, dalla celebre canzone di Jarabe de Palo, mentre le donne, più perfidamente, la smilza. Era comunque, agli occhi di Andrea, una donna abbastanza carina, curatissima e con un certo appeal felino e androgino.
  “Dove abita?” Chiese a Ernesto.
  “Fuori Milano, vicino a Lodi. Prende il treno tutti i giorni per venire a lavoro.”
  “È tanto che lavora qui?”
  “Una decina d’anni. Arriva da Roma. Ora mi chiederai se è sposata. Te lo dico subito: sì. Ha anche un figlio di quattordici anni. Per il resto non si sa molto altro perché è molto riservata. Come vedi è gentile ma di sé non racconta mai nulla.”
  Istintivamente guardò verso di lei mentre era al telefono che si passava una mano sulla coscia.
 
  Andrea giorno dopo giorno diventava sempre più veloce nelle registrazioni. Erano migliaia i prodotti trattati, ma con l’aiuto di Ernesto aveva trovato il sistema di ordinare i documenti, in modo tale da facilitarne l’inserimento nel sistema. Di solito registrava dal lunedì al giovedì pomeriggio. Poi stampava il tabulato del magazzino, lo controllava e il venerdì a mezzogiorno come uno scolaro preparato lo consegnava a Rosa.
 
  Era passato solo un mese e aveva già preso pieno possesso delle sue mansioni.
 
  Un venerdì entrò nell'ufficio di Rosa alle tre del pomeriggio.
  “Va bene il tabulato?” Le chiese.
  “Lo sto leggendo. Mi sembra che sia a posto. Bravo.”
  Lo guardò seria.
  “Andrea ti piace lavorare qui?” Gli chiese mentre il telefono cominciò a squillare.
  Lei prese il ricevitore e rispose. Andrea attese che finisse la conversazione, non smettendo mai di osservarle le labbra.
  Erano rosa, come il suo nome. Il colpo di rossetto disegnava perfettamente il profilo sottile. Continuò a guardarle sempre più assorto nei suoi pensieri. Rosa parlava, mentre lo sguardo scorreva tutte le linee piene di numeri del tabulato. Ogni tanto si fermava, alzava gli occhi e trovava quelli di Andrea fissi sulle sue labbra. Riabbassava lo sguardo, per poi rialzarlo. Andrea era sempre lì, incollato ai movimenti della bocca fino a quando terminò la telefonata.
  “Ti stavo chiedendo se ti piace il lavoro? Ti trovi bene qui?”
  “Sì, mi trovo bene con tutti e con le registrazioni mi sembra di andare spedito” le rispose.
  “Bene, tra qualche tempo prevediamo un picco di ordini in entrata. È una fortuna per te, perché avrai la possibilità di metterti in mostra. Se tutto va bene, alla scadenza dei sei mesi proporrò il rinnovo a Guglielmi.”
  “Scusi, chi è il signor Guglielmi?” Chiese Andrea.
  “Il direttore generale. Lavora nella sede di Torino e ti capiterà di vederlo ogni tanto. Non viene spesso qui. Comunque sono contenta che ti trovi bene. Se hai qualche problema non esitare a confidarmelo, mi raccomando.”
  Andrea le sorrise, e fissandole le labbra si congedò.
 
  Un giorno andò a pranzare con i colleghi in un ristorante vicino all'ufficio. C’erano Rosa Acunzi, Ernesto, Franca e Claudia.
  “Sei sposato?” Gli chiese Rosa.
  “No, neanche fidanzato.”
  “È libero lui, un ragazzo veramente libero” ironizzò subito Claudia, accarezzandogli un braccio. Andrea arrossì un poco, non sapendo cosa rispondere e Rosa corse subito in suo aiuto.
  “Fa bene, è ancora giovane. Senti, ti pongo una domanda: ti piace fare sport?”
  “Mi piace andare in piscina e camminare nei parchi. E a lei?”
  “A me piace cavalcare, vorrei avere un cavallo ma costa troppo mantenerlo. Allora mi sono iscritta a un circolo di equitazione.”
  Prima di rientrare al lavoro, brindarono alla futura fidanzata di Andrea. L’atmosfera era buona e lui si sentiva completamente a suo agio.
 
  La sera si ritrovò in birreria con Marco, uno dei suoi migliori amici.
  “Ciao frate, come va il lavoro?” Gli chiese.
  “Bene, sono contento. Ho una direttrice che mi controlla!” Gli rispose Andrea.
  “Com'è?”
  “Devi vederla Marco. È alta, magra e sinuosa. Mi guarda in una maniera particolare, non saprei spiegarti. L’altra sera mi ha detto che lavoro bene, che sto ingranando. Mi ha dato un secondo magazzino da gestire. Ora aumenteranno le registrazioni, dovrò fare degli straordinari. Comunque me li pagheranno, e non è male, non credi?”
  “Dai, va bene, un po’ di soldi in più fanno comodo” gli disse scherzando Marco.
  “Sì, e poi più ho le redini in mano e maggiori sono le speranze che mi confermino il contratto. In settimana devo correre” continuò “poi il venerdì dalle sei alle sette devo vedere con lei tutti i tabulati. Quasi non mi dispiace, mi è simpatica questa donna.”
  “Fai il bravo frate!” Gli rispose Marco alzando il boccale pieno di birra.
 
  La settimana successiva fu molto intensa. Era l’inizio del mese e l’azienda aveva acquistato grosse quantità di merce, in modo tale che avrebbe potuto dilazionare i pagamenti. Andrea aveva registrato a tutta velocità il primo magazzino e poi aveva cominciato a lavorare per il secondo. Finì tutti i giorni alle sette e mezzo. Rosa alle sette e cinque minuti spaccate tutte le sere usciva dall'ufficio per tornare a casa. Passava davanti alla sua scrivania, poi scivolava alle sue spalle e gli accarezzava il collo amichevolmente.
  “Bravo ragazzo, io vado perché altrimenti perdo il treno. Buona serata.”
  Andrea arrossiva al contatto e inconsciamente spingeva il corpo all'indietro per sentire meglio la pressione delle sue dita fresche e delicate.
 
  Aveva lavorato duro quei giorni e il venerdì sera entrò trafelato nell'ufficio di Rosa. Lei indossava un tailleur nero con un foulard rosa intorno al collo. Le mise sulla scrivania il tabulato. Era molto più corposo del solito.
  “Accidenti, ho capito perché questa settimana hai fatto tanti straordinari!” Gli disse sorridendo.
  Lui continuava a guardare fisso le sue labbra. Non vedeva l’ora di poterle osservare da vicino.
  Lei cominciò a scorrere le pagine del tabulato.
  ”Mmhh, qui forse c’è un errore. Il codice HGVC2 ha quantità zero.”
  “Vediamo, può essere che abbia sbagliato l’inserimento. Il sistema però non avrebbe dovuto accettare una quantità nulla.”
  “È vero” gli disse Rosa “potrebbe essere un errore del programma. Se non ricordo male, ci sono alcuni codici che sfuggono alla regola.”
  “Aspetti, vado a prendere il documento."
  Si mosse agile e troppo veloce. Urtò una penna che cadde per terra. Si piegò, la raccolse e vide con sorpresa che Rosa si era messa a piedi nudi, con le scarpe rovesciate poco vicino.
 Andrea ritornò nel salone a recuperare la bolla di consegna.
  “Quantità due, signora” le disse.
  “Perché non mi dai del tu come fanno tutti?”
  “Con lei sono abituato così, mi viene spontaneo. Poi penso che sia più facile nei dialoghi.”
  “Come vuoi Andrea.”
  Rosa si tolse gli occhiali e passò le mani sul viso, coprendosi gli occhi.
  “Oggi sono proprio stanca. Dovevo uscire con delle amiche ma credo che mi riposerò guardando un po’ di tv.”
  “Ma sì, signora. Ci sono sabato e domenica da organizzare.”
  “Hai ragione. Qualcosa troverò da fare. Mah. Vediamo intanto il documento.”
 Andrea si mise di fianco. Rosa s’inserì nella procedura e gli fece vedere l’errore del programma. Sentiva il suo profumo arrivargli alla testa. Si sporse in avanti per vedere meglio lo schermo e sentì il suo gomito urtargli la gamba, una leggera pressione che non diminuiva e non si staccava. Lui rimase fermo. Il gomito si mosse piano e delicato.
  Era sceso il silenzio nell'ufficio, il video lampeggiava e Andrea era sempre fermo a fianco della poltrona, dove era seduta Rosa. Il gomito continuava a strusciare sui pantaloni. Sapeva dove voleva arrivare, e come un ragno che tesse la ragnatela, raggiunse il suo scopo. Lo toccò lì, e lui subito alzò gli occhi al cielo. Sentiva il calore arrivargli sino alle tempie e una forza improvvisa scuotergli tutto il corpo. Le guardò la testa, ferma e rivolta in modo indifferente verso il video. Si spostò leggermente, ma la pressione non accennava a diminuire. Fece un passo indietro e ritornò a sedersi nella poltroncina davanti alla scrivania.
  Rosa lo guardò. Negli occhi aveva una luce strana, un bagliore che non aveva mai colto prima.
  “Possiamo smettere qui Andrea. Hai fatto un buon lavoro. Buona domenica. Prepariamoci a una settimana molto intensa” gli disse.
  Lui ricambiò lo sguardo, la salutò e uscì dall'ufficio.
 
  Come tutti i venerdì sera si sarebbe incontrato con Marco in birreria. Era stanco però quel giorno, la settimana era stata pesantissima e voleva riposarsi. Telefonò all'amico per rinviare l’incontro. Non voleva raccontare nulla di quanto successo poco prima, nella confusione non sapeva dove finiva la verità e dove iniziava l’impervio percorse dell’immaginazione.
 
  Il lunedì si presentò al lavoro alle otto e trenta in punto. Rosa era già alla sua scrivania. Appena lo vide si diresse verso di lui.
  “Ciao Andrea, senti, siamo un po’ incasinati. Ti devo dare una parte del terzo magazzino, perché Claudia è ammalata. Sarà assente tutta settimana. Diamoci dentro il più possibile, ti aiuterò anch'io. Poi venerdì ci troviamo e controlliamo i tabulati. Sai quando si corre troppo, è possibile commettere errori.”
  “Va bene Rosa, comincerò con il primo, poi seguirà il secondo e poi vedremo per il terzo.”
  “Sì. Ernesto, fai vedere come registrare il terzo magazzino” sorrise compostamente e ritornò in ufficio.
  Ernesto sghignazzava in maniera scomposta.
  “Minchia, ti ha preso di mira. È vero che sei veloce, ma in vent'anni che lavoro qui non ho mai visto nessuno essere caricato di lavoro come te. E poi il venerdì sera, ciliegina sulla torta, ti ritrovi a controllare tutto. Che palle! Ma sei giovane, ce la farai” gli disse.
  “Che cosa devo fare… dire di no?” Gli chiese preoccupato Andrea. “Comunque, tu mi spiegherai e poi ci penso io.”
  “Mi fa ridere l’idea che poi ti darà una mano. I suoi, caro mio, sono solo ordini. Agli ordini, signora mantide!”
  “Ernesto, sei il miglior collega che potessi desiderare. E mi fai anche morire dal ridere!
 
  Non aveva mai lavorato così. Anche sua madre gli chiedeva spesso se era soddisfatto di quel lavoro. In fondo era contenta, perché alla fine del mese la busta paga era buona e pensava che quando avesse voluto formare una famiglia, Andrea avrebbe avuto un po’ di soldi da parte.
 
  La settimana era partita con l’acceleratore a chiodo. Undici ore al giorno d’immissione dati fino a giovedì mattina, dove aveva completato i due magazzini. Ernesto gli fece vedere le registrazioni riguardanti il terzo magazzino, che aveva alcune peculiarità particolari. Andrea era sveglio e capì subito. Ci dette dentro altre dodici ore e il venerdì alle cinque entrò trafelato nell'ufficio di Rosa. Lei indossava una gonna attillata e una camicetta bianca, abbellita dal solito foulard rosa. Gli altri colleghi poco alla volta avevano abbandonato l’ufficio per il week end.
  “Settimana dura eh, mio caro Andrea?” Esordì.
  “Abbastanza Rosa, spero di aver fatto pochi errori.”
  Lei lo guardò rassicurante e prese il tabulato che le aveva passato. Anche qui trovò una quantità a zero. Forse era il solito errore del programma. Come il venerdì precedente Andrea andò sulla sua scrivania a prendere il documento in questione. Ritornò nell'ufficio e si mise al suo fianco.
  “Vedi” gli disse indicando una tabella sul video “questo è l’errore che i programmatori non riescono a eliminare.”
  “Il codice è sempre quello, possiamo controllarlo personalmente e non dovrebbero esserci problemi” le disse Andrea.
  Rosa non disse nulla. Poco alla volta spostò all'indietro il gomito fino a toccargli i pantaloni.
  Cominciò a muoverlo su e giù, con una pressione più forte della volta precedente. Andrea non si mosse. Lei arrivò dove voleva arrivare, il punto desiderato e cominciò a massaggiare. Il sangue cominciò ad andargli alla testa, mentre la donna era sempre seduta a guardare il video. Sembrava indifferente.
 Nel silenzio della stanza Rosa con tutta calma si girò e lo guardò negli occhi e Andrea rivide la stessa strana luce. Senza staccare lo sguardo Rosa cominciò a massaggiarlo con le mani, lentamente, quindi prese la fibbia della cintura e la slacciò tirando giù la cerniera.
  Spostò la poltrona con forza fino a farla finire contro la vetrata. Andrea temette di vederla andare in frantumi ma incredibilmente resse all'urto.
  Ora si trovava con i pantaloni abbassati e le dita delle mani che trattenevano la camicia. Era quasi paralizzato. Rosa era inginocchiata, in ammirazione di quell'erezione imponente.
  “Che bel cazzo che hai, duro e giovane” sospirò.
  Glielo prese con le mani, mentre il ragazzo le osservava la testa dall'alto.
  La sua direttrice ora era lì, eccitata ai suoi piedi. Il tabulato aperto a metà giaceva sulla scrivania. Il codice a zero lampeggiava sullo schermo.
  Lei muoveva la testa con movimenti lenti. Si era aggrappata languidamente, quando sollevò uno sguardo lascivo e disse con voce roca: “È tutto mio.”
  Quelle parole dette in quel modo colpirono Andrea nell'intimo più profondo. Una sensazione di prigionia già sperimentata, si sentì straziato da quella frase che gli ricordava antiche storie. Rimase in quella posizione ancora qualche secondo, poi fece uno scatto all'indietro.
  “No, tutto no.” Le urlò.
  Si rivestì in fretta e scappò dall'ufficio, lasciando socchiusa la porta.
 
  Il lunedì si presentò al lavoro in leggero ritardo. Non aveva dormito bene quella notte e si era alzato venti minuti più tardi del solito. Rosa era già alla sua scrivania e appena lo vide gli fece un bellissimo sorriso. Si alzò e si diresse verso di lui.
  “Ciao Andrea, senti, siamo sempre più incasinati. Ti devo dare una parte del quarto magazzino, perché Claudia è sempre ammalata e per di più Lorena questa settimana ha preso tre giorni di ferie perché ha il figlio con la febbre. Diamoci dentro il più possibile, ti aiuterò anch'io che siamo in emergenza. Poi venerdì ci troviamo e controlliamo i tabulati. Sai quando si corre troppo, è possibile commettere errori.”
  “Va bene Rosa, allora comincio con il primo, il secondo e il terzo, poi vedremo per il quarto. E venerdì verrò nel suo ufficio a controllare il tabulato. Magari troviamo ancora quel codice la cui quantità rimane sempre a zero” le rispose Andrea.
  “Come la volta scorsa” gli rispose la direttrice sorridendo.
  Ernesto, nella scrivania vicino diede due colpi di tosse, si alzò e andò a prendersi un caffè.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 457
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Mah! Che dire? in alcune parti il racconto è divertente e scorrevole ma in altre parti è ripetitivo e monotono. Non ho tanto ben compreso cosa c'entri con la storia narrata la lunga introduzione: seminario, lavori eseguiti... Immagino per far comprendere il percorso del ragazzo ma, a mio parere, ti sei dilungato troppo, appesantendo inutilmente il racconto. Poi non so, Rosa, le 50 sfumature…(dal discutibile libro delle 50 di grigio) sinceramente no, l'insieme non mi piace molto.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 496
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Il racconto è divertente e scorrevole; è scritto anche bene anche se ci sono alcune imprecisioni che però non influenzano particolarmente il tutto. Andrea dovrà sgobbare parecchio per godersi quelle sfumature di rosa... 😃 il titolo inizialmente mi ha inquietato, fortunatamente per come è scritto non rispecchia la citazione e globalmente si fa leggere con piacere.
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 85
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

A mio avviso è leggermente prolisso, alcune parti potevano essere argomentate meglio e alcune parti potevano essere tralasciate, come buona parte dell'introduzione. Non scorrevolissimo. In ogni caso l'idea è risultata simpatica. Inoltre il richiamo al titolo può portare ad associazioni mentali con altri contenuti. Nel complesso leggibile ma credo nulla più. Un vero peccato perché l'impegno c'è stato indubbiamente.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il testo è scorrevole e si lascia leggere, anche incuriosendo il lettore, soprattutto all'inizio. Il titolo mi sembra adatto a riflettere le mille sfaccettature della personalità della donna. Non è ben chiaro il rifiuto del ragazzo, per poi cambiare idea nel finale, forse si tratta di un accenno velato a qualche brutto ricordo di violenza subita in passato.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Il racconto si lascia legere ed è abbastanza ben scritto, la cosa che mi piace di meno è il titolo.
Dalla breve descrizione della triste vita in seminario mi sembra di capire che in quel luogo accadde qualcosa che segno' profondamente Andrea e che il ricordo di quel qualcosa viene fuori all'improvviso quando Rosa pronuncia la frase "è tutto mio".
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Mi sono rifiutato di guardare il film e di leggere il libro. Il titolo ammicca a quello e per questo l'ho procrastinato, infatti è uno degli ultimi che sto leggendo nel concorso. Che dirti, a me piace, mi ha incuriosito, divertito, eccitato, ed è scritto bene. Concordo con chi ha detto che l'introduzione è troppo lunga, anche se l'hai legata bene. Mi sento di "premiare" il tuo lavoro. Vado a votare. 😉
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Cinquanta sfumature di Rosa

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

E comunque, da ex seminarista dagli undici ai quindici anni, non è stata la mia esperienza quella che hai raccontato. Pur essendo stato mandato via perché "...signora, suo figlio non è adatto per questa vita" ho comunque un bel ricordo di quel periodo. 😊
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 551
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

divertente per certi versi e angosciante per altri.
si lascia leggere nonostante alcuni refusi. discrete le descrizioni scenografiche, buone quelle a livello emozionale.
certo, forse è un po' lungo e si potrebbe asciugare, ma nel complesso non è male
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Roberto Virdo'
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 180
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Non sono riuscito a gustarmi appieno il racconto. Credo sia principamente una questione di puro gusto, non è il mio genere. Mi ha incuriosito lo sviluppo iniziale, il seminario, per quanto l'immagine che ne esce non sia proprio positiva, e al riguardo trovo degna di nota la piccola condivisione personale di Marcello Rizza. Sicuramente c'è stato un notevole impegno che resta apprezzabile.
RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Re: Cinquanta sfumature di Rosa

Messaggio da leggere da RobediKarta »

A parte il titolo (da cambiare assolutamente), mi è piaciuto, è un racconto furbetto che fa bene il suo lavoro. Forse però funzionerebbe ancora di più senza la premessa del seminario, il lettore si diverte a fare ipotesi sul comportamento dei protagonisti.
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 218
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

C'è sicuramente da sforbiciare parecchio, il testo ne risulterebbe più scorrevole. I dialoghi non mi sembrano a volte poco credibili. Si intuisce molto presto dove il racconto vuole andare a parare. E una volta che l'ho capito ne ho perso l'interesse. Non si può dire che l'argomento trattato sia originale, anzi!
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 116
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Dal titolo ci si aspetta un racconto sensuale e anche erotico che in realtà viene sono sfiorato. Bene la prima parte, la capufficio mi sembra poco attraente come donna sexi, anche se fa di tutto per rendersi interessante e non mi piace il fatto della routine: lavoro duro per tutta la settimana e poi incontro provocatorio con la capo, viene ripetuto più volte e cala l'attenzione del lettore. Nel complesso non male.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Scorrevole e divertente. Ad un certo punto ero quasi convinto che lo "zero" fosse al centro di qualche imbroglio e per questo Rosa era diventata così disponibile... ma invece sembra più uno strataggemma usato per reiterare l'incontro.

Mi sono piaciuti il tono leggero ed il modo in cui viene presentata Rosa.
Non mi è piaciuto affatto tutto il preambolo (per me riuovibile) sulla vita pregressa di andrea. Poi, ci sono aclune seguenze lavorative che potrebbero essere snellite.
Bello anche il personaggio del "decano" Ernesto.

Tirando le somme, buono ma migliorabile.
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Mariovaldo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 61
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Sono sinceramente diviso tra l'apprezzamento e la perplessità.
Mi piace la scrittura, fluida e corretta, mi piace l'ambientazione nel mondo del lavoro, credo frutto di esperienza diretta, mi piace meno l'indecisione tra racconto "hard" e raccontino rosa, con il flirt tra il giovane impiegato e la matura capoufficio. Nel complesso credo sia un buon lavoro ma da ripensare in alcune sue parti, soprattutto in quella finale.
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Davvero niente male, un racconto divertente e ben scritto (salvo in qualche punto qui e là, ma niente che disturbi troppo il lettore), ma a volte non trovo il carattere di Rosa molto ben definito, forse una forma leggermente diversa in quei punti aiuterebbe a comprendere le decisioni della ragazza in certi momenti. Complessivamente si lascia leggere, continua così
M.perrella
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/03/2020, 19:22

Author's data

Re: Cinquanta sfumature di Rosa

Messaggio da leggere da M.perrella »

L'ho trovato davvero tecnicamente valido.
Il racconto procede senza intoppi dall'inizio alla fine, ben caratterizzati i personaggi che si muovono a proprio agio.
I vari ingredienti narrativi sono amalgamati con equilibrio.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 160
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Racconto piacevole che scorre bene, estremamente lontano dai miei gusti personali quindi mi trovo in difficoltà nel dire altro. Forse il titolo lo penalizza un pochino, comunque un lavoro che nella sua leggerezza riesce ad intrattenere il lettore. Buona scrittura
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Ci sono 4 concorsi attivi



Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

bando di concorso per la realizzazione di un'antologia di opere ispirate alla paura dell’ignoto.

- (attivo) - bando e commenti.

a cura di Roberto Virdò per BraviAutori.it

L'ignoto ci aspetta al varco, silenzioso e paziente, per catapultarci nello strapiombo degli incubi o nel vortice di ansie e desideri repressi. Amori contrastati e spettri, buie segrete, ma anche improvvisi impeti di violenza o l'inconfessabile desiderio della morte dell'altro.

È in quest'ultimo termine che si nasconde il vero senso di quest'antologia, dove potremo sì trovare vampiri ed esseri soprannaturali, ma nella quale i veri mostri saranno, molto più spesso, dei comuni mortali, gli stessi che incrociamo sulle strade di ogni giorno, i cui volti ed espressioni riconosciamo ambiguamente familiari, tanto da non poter respingere con assoluta fermezza il sospetto che essi restituiscano, in definitiva, la nostra immagine speculare.

Per racconti, poesie, disegni ed elaborazioni grafiche digitali.



Metropolis

Metropolis

bando di concorso per la realizzazione di un'antologia di opere ispirate da un ambiente metropolitano.

- (attivo) - bando e commenti.

a cura di BraviAutori.it

Si dovranno immaginare delle storie che si svolgano in città, in un ambiente metropolitano con tanta gente, grattacieli e condomini, metropolitane e tram, smog e traffico. Non ha importanza se in una città del passato, del presente o del futuro.

Pensate anche agli animali che sono costretti a vivere lì con i loro padroni.

Insomma, buttatevi nel convulso traffico della megalopoli in cerca di avventure e incontri originali, inquietanti, comici o amorosi.

Per storie intendiamo qualsiasi tipo di componimento, scritto o grafico, che parli allo spettatore, quindi vanno bene racconti, poesie, disegni ed elaborazioni grafiche digitali.

Genere libero.



Scene da CoronaVirus

Scene da CoronaVirus

Bando per la realizzazione di una antologia di racconti, testi teatrali brevi e sceneggiature di cortometraggi di carattere umoristico e satirico che raccontano la permanenza in casa legata alla pandemia del Covid-19..

- (attivo) - bando e commenti.

a cura di Lorenzo Pompeo

Descrivete scene di vita quotidiana ambientate in un appartamento nel quale un nucleo familiare è costretto a fronteggiare problemi legati alla lunga convivenza forzata dovuta alle limitazioni e ai divieti dettati dalle autorità. Verranno privilegiati testi di carattere comico, umoristico e fantastico.

NB: l'eventuale libro cartaceo derivato dal presente concorso sarà messo in vendita al solo prezzo di costo, e l'ebook sarà gratuito.



Le Gare Stagionali

Le Gare Stagionali

Concorso stagionale con pubblicazione in ebook gratuito trimestrale e antologia cartacea annuale

a scadenza stagionale - (attivo) - bando e commenti.

a cura dello Staff di BraviAutori.it
Hai un racconto breve che vuoi mettere alla prova?

Le Gare letterarie stagionali sono concorsi a partecipazione libera, gratuiti, dove chiunque può mettersi alla prova divertendosi, conoscendosi e, perché no, anche imparando qualcosa. I migliori testi di ogni Gara saranno pubblicati in un ebook gratuito e a ogni ciclo di stagioni pubblicheremo una antologia annuale.

Nota: può votare e commentare anche chi non partecipa come autore.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Intellinfinito (un passo avanti)

Intellinfinito (un passo avanti)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Questo libro è il seguito di "Un passo indietro". Come il primo, è autoconclusivo.
"Esistevano davvero, gli dèi. Ma non erano dèi. Non lo erano stati per un'oscura volontà divina, ma lo erano semplicemente diventati mediante un'accanita volontà terrena di sopravvivenza".
L'Evoluzione umana (e non) come non l'avete mai immaginata.
Un romanzo postumano e transumano che vi mostrerà un futuro che forse non tarderà a divenire.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (206,96 KB scaricato 70 volte).
info e commenti compralo su   amazon

L'arca di Noel

L'arca di Noel

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Da decenni proviamo a metterci al riparo dagli impatti meteoritici di livello estintivo, ma cosa accadrebbe se invece scoprissimo che è addirittura un altro mondo a venirci addosso? Come ci comporteremmo in attesa della catastrofe? Potremmo scappare sulla Luna? Su Marte? Oppure dove?
E chi? E come?
L'avventura post-apocalittica ad alta tensione qui narrata proverà a rispondere a questi interrogativi.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (188,99 KB scaricato 24 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Biblioteca labirinto

Biblioteca labirinto

Cinque scaffali di opere concatenate per raccontare libri, biblioteche e personaggi letterari

Riportare la lettura e la biblioteca al centro dell'attenzione dovrebbe essere un dovere di ciascuno di noi. Se in qualche misura ci riesce una raccolta di racconti non si può che gioirne, nella speranza che possa essere contagioso, come deve esserlo tutto ciò che ci spinge a riflettere e a interrogarci sull'essenza del nostro esistere.
A cura di Lorenzo Pompeo e Massimo Baglione.
introduzione del Prof. Gabriele Mazzitelli.

Contiene opere di: Alberto De Paulis, Monica Porta, Lorenzo Pompeo, Claudio Lei, Nunzio Campanelli, Vittoria Tomasi, Cristina Cornelio, Marco Vecchi, Antonella Pighin, Nadia Tibaudo, Sonia Piras, Umberto Pasqui, Desirée Ferrarese.
Vedi ANTEPRIMA (211,75 KB scaricato 176 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

(luglio/agosto 2017, 30 pagine, 676,30 KB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Massimo Tivoli, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Nunzio Campanelli, Enrico Gallerati, Angelo Manarola,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (676,30 KB) - scaricato 57 volte.
oppure in formato EPUB (757,58 KB) (vedi anteprima) - scaricato 54 volte..
Lascia un commento.

La Gara 14 - Storie di Storia

La Gara 14 - Storie di Storia

(giugno 2010, 68 pagine, 1,17 MB)

Autori partecipanti: VecchiaZiaPatty, Hellies, Magasulla, Jane90, Muirne, Ludo78, Gigliola, Enzo Milano, Arianna, Robbstark85, Manuela, Titty Terzano, Tetsu, Gloria, Arditoeufemismo, Michele, Pamelas, Stefy71, Bludoor, Vit, Mastronxo, Giacomo mass, Barbara g,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,17 MB) - scaricato 557 volte.
oppure in formato EPUB (759,29 KB) (vedi anteprima) - scaricato 227 volte..
Lascia un commento.

Gara d'autunno 2019 - Mattoni, e gli altri racconti

Gara d'autunno 2019 - Mattoni, e gli altri racconti

(autunno 2019, 70 pagine, 1,10 MB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Giampiero, Lodovico, Giorgio Leone, Athosg, Carol Bi, Diego.G, Massimo Centorame, Namio Intile, Alessandro Mazzi, Frdellaccio, Teseo Tesei, Stefyp, Laura Traverso, Eliseo Palumbo, Saviani,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (1,10 MB) - scaricato 32 volte.
oppure in formato EPUB (497,82 KB) (vedi anteprima) - scaricato 27 volte..
Lascia un commento.