The River of Dolls

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
7%
3 - si lascia leggere
5
33%
4 - è bello
6
40%
5 - mi piace tantissimo
3
20%
 
Voti totali: 15

Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

The River of Dolls

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »


Il sole asciugava l’uva nei vigneti ed evidenziava il viola e la patina di muffa nobile della bacca del Norton Cinthiana. Era una tarda mattina d'ottobre, faceva decisamente troppo caldo per continuare la vendemmia, in Florida c’è umidità anche nelle campagne. I braccianti sudati caricavano i trattori di tinozze colme di uva, alcune donne cominciavano ad apparecchiare su una tovaglia a terra: ciambelle con sciroppo d’acero e succo di mela, salsicce e sangria. Una bracciante notò un’auto parcheggiare nella proprietà di Zeph, ne scese una donna che si diresse verso il retro della casa.
“Guarda chi si rivede!”, distraendo gli altri che si voltarono.
“Ma quella è la figlia”
“Si, è lei, non si vedeva da un pezzo.”
Scese dall’auto e si predispose alla quiete, il CD che aveva ascoltato a basso volume, l’ultimo lavoro inciso da suo padre vent’anni prima, era bello ma già raccontava malinconia dal titolo – The River of Dolls – e a lei occorreva pace. Non l’aveva avvisato del suo arrivo. Aveva con sé la borsa della spesa e una piccola valigia, conteneva il necessario per quattro giorni. Lo trovò riparato dal sole sotto la pergola nel retro, in giardino. Dormiva sulla sedia a dondolo, teneva un libro poggiato sulle magre gambe scoperte, il portacenere sopra il tavolino era sconsolatamente pieno. Uno sciame di moscerini dell’uva silenziosi muoveva una danza disordinata vicino al cesto della frutta, pensò che fosse un ambiente d’abbandono. Buck arrivò scodinzolando felice: “Woof woof”.
Gli strinse affettuosamente il muso: “Shhh! Non svegliare Papi”, sorrise e gli diede un bacio sulla fronte. Suo padre non si svegliò – bene! – entrò in casa dall’ingresso posteriore e anche là c’era un contenuto disordine: un po’ di ragnatele agli angoli, tende ingiallite, libri e quaderni dappertutto. Lesse alcune pagine dei quaderni, pur non calcando più le scene il grande rocker continuava a scrivere canzoni. I testi erano sempre belli, scriveva canzoni che erano poesie, le scriveva per Lilith e su Lilith. Forse in altre pagine aveva anche scritto una canzone su di lei. Probabilmente no. Mise in ordine la stanza, libri e quaderni al proprio posto. Entrò nella sua camera da letto e volse gli occhi all’orsacchiotto della sorella appoggiato sul letto vuoto. Cacciò in gola il pianto, risolse di non aprire subito quel cassetto appena socchiuso della memoria, sapeva che sarebbe giunto quel momento, era tornata a casa anche per quello.
Buck si strusciò addosso al suo padrone, si erse sulle zampe appoggiandosi alla sedia a dondolo e lo leccò col suo vezzo canino di baciare. Lui si svegliò e, ancora intontito, percepì una presenza e un profumo di cipolla caramellata, carne alla brace e rosmarino stufato nelle patate al forno. Capì e malinconicamente si sorprese: “Dove sono gli occhiali? Sarà in cucina? Cosa le dico?”.
Lei stava apparecchiando la tavola, sentì nelle reni il silenzio di suo padre e si voltò, si guardarono, lui con la schiena dritta ma le spalle che cadevano pesanti, lei con una espressione involontaria che s’accordava con le spalle del padre. Non parlarono per un istante, che certi istanti durano immensi ricordi. Non si abbracciarono, lei sorrise:
“Non mi fermo molto, sai, fra sei giorni ho il volo per Roma”.
Zeph osservò la stanza in ordine, i quaderni, e gli scattò qualcosa: ”Hai letto i quaderni?”. Lei esitò un attimo di troppo a dirgli che no, non li aveva letti, le spalle scesero ancora più pesanti. Passarono una serata tranquilla, poche parole di circostanza, silenzi nascosti guardando il cielo stellato. Buck li tirava per i pantaloni e poi si rassegnava e si stendeva ai piedi di uno e dell’altra, di volta in volta.
Dormì poco e male, alle 06:30 suo padre ancora era a letto e lei già in cammino, con a tracolla la chitarra, Buck scodinzolando la seguì. Le bastarono cinque minuti per raggiungere il fiume e sedersi a guardar scorrere l’acqua, a farsi violentare da ricordi e sensazioni. Era l’anniversario. Trent’anni erano trascorsi.
“Anche tu hai i tuoi ricordi Buck? Ricordi quando morì tua madre? Quando ti staccarono dai fratellini?”, Buck dormicchiava incurante, lo accarezzò.
Rivide se stessa e Lilith piccoline, con il sogno di cantare un giorno sul palco insieme al loro idolo, loro padre. E poi quella bambola a cui lei e Lilith volevano fare il bagnetto: “Papà, dai! Andiamo al fiume!”
Non aveva tempo, si mise le cuffie alle orecchie e riascoltò ancora gli arrangiamenti delle ultime canzoni, voleva far uscire il suo disco per dicembre. Quando Lilith cadde nel fiume Zeph non sentì le urla, aveva le cuffie, stava limando gli arrangiamenti, era distratto, non sentì, non arrivò a salvarla. Parlò con sua sorella, parlò alle increspature dell’acqua là dove la vide per l’ultima volta. Le raccontò del suo gatto Oliver e di Leonard (il suo nuovo fidanzato taciturno), che era riuscita a diventare cantante di successo, che l’avrebbe portata con sé sul palco a Roma per quel concerto. Prese la chitarra: “Dimmi cosa ne pensi Lilith, vorrei cominciare il concerto con questa”. E iniziò a suonare alcuni accordi, poi a cantare. Finita la canzone, Lilith e l’acqua non le risposero. Ancora non pianse.
Sentì un frusciare, si voltò, era suo padre: “Sapevo che ti avrei trovata qui” e si sedette al suo fianco, assieme guardarono le increspature dell’acqua che brillavano del sole ormai sorto.
“È molto bella la canzone che stavi cantando, non la conoscevo, stai preparando un nuovo disco?”
Lei non rispose.
“Ti scriverò una bella canzone, sai? Parlerà di te, di quanto sei bella.”
“Sto andando via, papà”, lo decise nello stesso momento in cui glielo disse, “sto andando via”.
“Di già? Volevo… ”
“Si, andrò via”, si alzò e tornò a casa a preparare le sue cose, Buck la seguì, Zeph restò solo a guardare le increspature dell’acqua. La raggiunse mentre lei stava caricando nel baule la piccola valigia, appena aperta, giusto lo spazzolino da denti e il pigiama. Lei volse lo sguardo lontano, un velo di malinconia negli occhi, la carne verso il fiume.
“Papà, quando ero piccola ho smesso di amarti”, poi lo guardò dritto, sorrise con dolcezza come a dirgli che non doveva preoccuparsi “ma ormai sembra proprio un romanzetto da quattro soldi, non trovi? Tipo l’unica figlia del grande rocker, del grande Zephyr Hale Dillard”.
Lo abbracciò, provò a credere in quel gesto, lui triste e incurvato, le spalle cadenti:
“Ti scriverò una canzone, promesso”.
Un’altra The River of Dolls…, pensò. Salì in auto e andò via. Guardò i vigneti pensando che quell’anno sarebbe venuto un buon vino e, finalmente, pianse.
Ultima modifica di Marcello Rizza il 05/10/2020, 2:28, modificato 1 volta in totale.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 403
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Un racconto triste, fatto di ricordi originati da quel fiume di bambola da cui ebbe inizio tutto il suo dolore. Molto belle le sensazioni espresse mentalmente nei confronti di quel padre la cui distrazione fu fatale e tragica. Ho inteso che il perdono, nonostante i trenta anni trascorsi, quella figlia ancora non lo concedeva, non poteva. L'autore è riuscito ad esprimere con maestria e sensibilità i pensieri, l'ambiente, Buck (molto teneramente) e soprattutto il dolore mai placato di entrambi: pure da quel padre tormentato dai rimorsi, ben fatti intendere anche dalla sua postura. Il finale della storia, col suo pianto, finalmente, è molto appropriato. Bravo! Voto alto
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Grazie Laura. Hai colto e descritto con poche parole appropriate tutto il significato del racconto. Sei lettrice attenta e sensibile. Sai anche incoraggiare chi scrive, e in un mio momento di insicurezza come "scrittore" il tuo incoraggiamento consapevole mi motiva.
Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Molto molto bello. Complimenti. Ci sono proprio tutti gli ingredienti giusti e il risultato è evidente. L'espediente del cane è ottimo per smorzare (anche se giustamente parla la lingua del posto, i nostri fanno BAU...scherzo!). Bella la storia, l'intreccio, le sensazioni. Il tema del perdono, il rimpianto.
Menzione particolare per la lingua e lo stile elegante, perfetto. Bravo bravo bravo! Assegno un cinque netto, è solo il mio modesto parere ma è il massimo che posso.
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Composto egregiamente con attenzione alla punteggiatura, ai dialoghi e alle descrizioni.
In sottofondo un rapporto naufragato (in un fiume) tra il padre (persona di successo) e la figlia, fatto di poche parole ma di intensissime emozioni. Il paesaggio ci mette del suo a creare un'atmosfera consona e adeguata nel creare ancora più sensazioni. Non molto movimentato (a parte la coda del cagnolino) ma componimento più che discreto. Bel lavoro. 4. :D
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 403
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Marcello Rizza ha scritto: 25/09/2020, 9:29 Grazie Laura. Hai colto e descritto con poche parole appropriate tutto il significato del racconto. Sei lettrice attenta e sensibile. Sai anche incoraggiare chi scrive, e in un mio momento di insicurezza come "scrittore" il tuo incoraggiamento consapevole mi motiva.
Ciao Marcello, sei persona modesta e per ciò ti apprezzo, ti sei definito scrittore tra virgolette ma le virgolette credimi che ci crescono. Sei scrittore bravo e sensibile e non borioso, dote, quest'ultima, che a volte qui sfugge… Ma lasciamo perdere. Circa il voto devo avere fatto qualche errore, in realtà volevo mettere il massimo, ossia il 5, ma devo aver cliccato il 4 e una volta fatto non si può più correggere (se per caso Massimo mi leggesse, mi farebbe piacere cambiare il mio 4 con un 5).
Ti consiglio di esprimere almeno un commento su di un altro racconto così da potere essere in graduatoria: certamente avresti un'ottima posizione. Ciao
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Laura. Ti rispondo brevemente dal cellulare, non il mezzo migliore. Ho pubblicato solamente ieri sera. Mi sono ripromesso di leggere prima tutti i racconti e poi di commentare. Ma sono anche in difficoltà. Se un racconto non mi piace preferisco non commentarlo, non posso essere solo diplomatico. Non è una questione di presunzione, spero, mi interrogo. Penso che chi scrive debba essere incoraggiato o evitare di scoraggiarlo. Alla fine, dopo averli letti tutti, darò una mia valutazione solo a chi, per la mia sensibilità, mi sentirò onestamente di assegnarle/gli dal 4 al 5. Comunque grazie di avermi riposto e incoraggiato.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9270
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Marcello Rizza ha scritto: 25/09/2020, 16:39 Penso che chi scrive debba essere incoraggiato o evitare di scoraggiarlo.
Ti dirò... molte volte leggo in giro cose che temo siano frutto di questo eccessivo "buonismo" :lol:
L'autore, come qualsiasi altro artigiano, deve sapere la verità, specialmente se negativa ma costruttiva: gli serve per migliorarsi (se lo desidera).
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Massimo, hai ragione. Ma essendo qui in un contesto di "concorso" dove concorro sarei più a mio agio a commentare come visitatore. Ciò nonostante, dopo aver letto tutti i racconti, darò il mio contributo. 😊
Francesco Pino
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 89
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Scusami Marcello, il mio sarà il voto più basso fra quelli che hai ricevuto finora.
La bella descrizione della raccolta dell'uva mi sembra abbastanza inutile nel contesto del racconto. Si, alla fine la ragazza pensa che verrà fuori un buon vino, ma mi sembra che non c'entri nulla con tutto il resto.
C'è poi una cosa che mi suona come una contraddizione: "il CD che aveva ascoltato a basso volume aveva smesso di ascoltarlo da molto tempo". A moi parere si poteva dire meglio in un altra maniera e senza ripetere il verbo ascoltare.
Per il resto il racconto fila. Mi piace come hai impostato il rapporto fra padre e figlia: “Ti scriverò una bella canzone, sai? Parlerà di te, di quanto sei bella.” è dolcemente patetico e la brusca risposta della figlia rende la scena davvero triste. D'altra parte è un racconto triste ed è quello il sentimento che deve trasmettere.
A rileggerti!
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Francesco. Grazie del tuo feedback. Sulla ripetizione ti do ragione, quando domani sera tornerò a casa sistemerò il disguido. La decisione di iniziare così il racconto aveva un duplice scopo, spiegare subito l'ambiente per poi poter dedicare il cuore della storia al difficile rapporto genitoriale e per dare un taglio cinematografico che pensavo originale e movimentato a un racconto che per l'argomento non avrebbe potuto avere. Ma devo prendere atto che questo non è stato colto e pertanto è una mia imperizia. Sopratutto con commenti come il tuo riesco a crescere. Ancora grazie.
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 115
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Dal punto di vista emozionale la storia è molto forte e costruita davvero bene, compreso il finale non lieto, ma che ci sta, eccome se ci sta. Anche se è un finale un po' troppo rapido per me. E' come se l'autore fossde un po' scappato via dalle sue responsabilità.
Sullo stile, da un lato ti assegnerei un bel 5: un paio di frasi sono portentose, sublimi e te le invidio. Mi hai ricordato "Viaggio al termine della notte" di Celine. Però, personalmente non amo lo stile "flusso libero e caotico di coscienza" e nel tuo caso ogni tanto mi sono perduta tra narratore esterno e focalizzazione interna, con qualche virgola che depistava portando il voto a 3 o anche meno.
Un prova più che discreta, tutto sommato.
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Grazie del tuo commento Ida. Purtroppo questo è il mio stile, non riesco a scrollarmelo di dosso. E ti assicuro che la mia insegnante del corso di scrittura creativa, nel tentativo di migliorarmelo, è vicina all'esaurimento. Grazie del voto e del commento. 🤗
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 391
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Quando ho letto la prima volta questo racconto mi è piaciuto, ma, per via dello stile molto particolare, mi sono distratta un po’ e non l’ho saputo apprezzare fino in fondo. Stamattina l’ho riletto e devo dire che alcuni aspetti formali che mi sembravano “stonare” in realtà danno una carica particolare e rinforzano il carico emotivo dei contenuti. Per lo meno è l’effetto che ha avuto su di me. Penso sia importante mantenere uno stile personale, è una cosa preziosa e da preservare. Il racconto mi è piaciuto molto nella sua malinconia autunnale. Nonostante la vicenda sia molto triste mi ha lasciato un senso di pace, il fiume ha portato via, ma il fiume permette anche di trovare una propria strada.
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Grazie del tuo commento Selene. In effetti ho una forma mia che sono riuscito in questo racconto, a fatica, a contenere perché possa giungere più facilmente al lettore. Solitamente cerco termini più precisi nei miei scritti, ho un mio concetto di eleganza artistica, ma spesso accade che ciò che scrivo sia considerato faticoso. Sto provando a asciugare il testo mantenendo le sensazioni.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

storia carica di rimpianto, nostalgia e malinconia.
abbastanza ben scritta, con pochi refusi e buone descrizioni, soprattutto a livello emozionale.
il finale non lascia grandi speranze, mi pare, al rapporto tra padre e figlia.
ma almeno lei ci ha provato.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 74
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il racconto mi è piaciuto molto. La storia è commovente ed è resa con maestria, introducendo il lettore poco a poco ai ricordi e al dolore della ragazza. Bella la descrizione del suo arrivo in casa, con la presenza del cane, il "sentire" da parte della ragazza e del padre la presenza dell'uno e dell'altro. È molto importante il ruolo giocato dalla musica, che dà gioia, ma che ha causato la distrazione del padre. Mi stupisce un po' la ripetizione da parte del padre della frase "Ti scriverò una canzone " forse causata dall'imbarazzo.
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Grazie del tuo commento Lucia. Imbarazzo è poco. Senso di colpa direi, tentativo di conquistare l'unica figlia che le rimane, peraltro goffo. Lui la ama, anche lei ama lui. Ora dovranno fare i conti col perdonarsi e perdonare. "Mi amo, ti amo. Mi perdono, ti perdono. Mi libero, ti libero". Non tutti hanno compreso il mio racconto e questa è una mia pecca di non saper giungere col mio scrivere. È anche per questo che sto affrontando questo percorso di crescita qui con voi che mi state aiutando, soprattutto in questo momento che sto sentendo poca fiducia nel mio provare a scrivere. Grazie del tuo incoraggiamento.
Giulia0101
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 28/09/2020, 11:25

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Giulia0101 »

Ciao Marcello, mi è piaciuta molto la descrizione iniziale, non mi risulta pesante, ma molto evocativa.

Leggendola mi immaginavo i profumi, gli odori i sapori e un cielo azzurro, sembra quasi l'inizio di un film che poi arriva a descrivere il personaggio in entrata.

Il racconto è davvero molto triste, probabilmente è stata proprio una tua scelta renderlo così.
Ma proprio questa malinconia verso la fine forse era troppa.

Ribadisco che questo mio pensiero è soggettivo.

Io leggendolo avrei voluto che la figlia anche se non ha mai perdonato il padre, in questo piccolo ritorno gli facesse capire che l’avrebbe superato e forse quel giorno sarebbe stato il più importante per il padre perche' dopo tutti questi anni finalmente era arrivato il perdono agognato.

Ma quando ho letto la frase "Papà, quando ero piccola ho smesso di amarti” è stata davvero spiazzante...

Forse dopo avrei aggiunto qualcosa di commovente, ma che li univa di più, invece così mi è rimasto un nodo e un forte dispiacere per il padre in quelle condizioni.

Ovviamente le emozioni si sentono, la scrittura è articolata bene, i dettagli non mancano e Buck sembra un cane vero ;) Woof , veramente dolce.

Spero di leggere altre tue opere, hai un'ottima sensibilità il racconto è bello :D
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Giulia. Ti leggo. C'è molto di personale in quello che ho scritto. Non voglio, così scelgo, di approfondire perché questo sito è accessibile anche a mio figlio che mi ama ma che sceglie di non sapere alcune cose. C'è tanti amore in questo racconto, c:è tanta riflessione.
Giulia0101
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 28/09/2020, 11:25

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Giulia0101 »

Marcello Rizza ha scritto: 06/10/2020, 23:52 Ciao Giulia. Ti leggo. C'è molto di personale in quello che ho scritto. Non voglio, così scelgo, di approfondire perché questo sito è accessibile anche a mio figlio che mi ama ma che sceglie di non sapere alcune cose. C'è tanti amore in questo racconto, c:è tanta riflessione.
Non sapevo che fosse qualcosa di personale, ad ogni modo l'amore e la riflessione si sentono.
A me è piaciuto, alla prossima opera!
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 100
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un racconto scritto bene che rende in pieno la tristezza di un rapporto padre/figlia distrutto da una tragedia. Sono passati trent'anni, ma i ricordi fanno ancora male: la figlia riuscirà a perdonarlo ? L'acqua del fiume dovrà scorrere ancora un po', e allora, forse...
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Andr60 ha scritto: 07/10/2020, 10:11 Un racconto scritto bene che rende in pieno la tristezza di un rapporto padre/figlia distrutto da una tragedia. Sono passati trent'anni, ma i ricordi fanno ancora male: la figlia riuscirà a perdonarlo ? L'acqua del fiume dovrà scorrere ancora un po', e allora, forse...
Si, so già che che la figlia lo perdonerà. Prima o poi scriverò il seguito. Grazie del tuo commento.
Mariovaldo
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Mi è piaciuto; io amo i film americani anni'60 e leggendo, mi sembrava di vedere appunto uno di quei film, in bianco e nero, ambientato nel Sud, dall'andamento lento e dolente.
Buona la scrittura, verosimili i personaggi, curato nella forma. complimenti e voto alto
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Grazie Mario. C'è qualcosa, ma lo sto notando solo dopo aver letto il tuo commento, di Pick nick a Hanging Rock. Parlo di atmosfera sospesa e pigra ancorché drammatica. D'altronde amo quel film. E grazie anche per l'incoraggiamento.
Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 244
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Troppa carne sul fuoco in poco spazio. Il contesto iniziale, tutto sommato accattivante, perde importanza, si dilegua, nel proseguo del racconto e la vendemmia pare sia stata messa lì per permettere solo quell'ultima battuta. Il rapporto difficile tra padre e figlia, la sorella morta per incuria del padre, il rancore tra i due, che poi fanno lo stesso mestiere e paiono composti della stessa materia e quindi sovrapponibili un po' mi ha confuso.
Se lui ha lasciato sola lei, lei non mi pare che faccia di meglio. Una contrapposizione secondo me è necessaria tra i due caratteri.
Il cane, che ricorda Jack London, e woffeggia e non abbaia, il gatto, il fidanzato, gli addii e il vino buono. Ma il vino non lo fanno in California?
Inserire un elevato numero di elementi (e anche una piccola metastoria) ha tolto, a mio avviso, centralità al rapporto tra padre e figlia che è il cardine del testo.
Ti segnalo:
“Guarda chi si rivede!”, distraendo gli altri che si voltarono.
“Ma quella è la figlia”
Dopo il punto esclamativo non va la virgola
E dopo figlia avrei messo un punto fermo.
Successivamente metti tra trattini il titolo, è anche quello un errore. Avresti dovuto usare le virgolette, ma le hai adoperate in precedenza per circoscrivere i dialoghi, o il corsivo.
Ultima modifica di Namio Intile il 20/10/2020, 15:24, modificato 1 volta in totale.
Marcello Rizza
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ti ringrazio Namio di avermi letto e avermi consigliato. Prenderò atto anche del tuo punto di vista. Poi, ti dirò, mi interessa veramente molto poco la virgolettato o l'accento, materia che riguarda poi un eventuale editor. Mi sembrano puntigli ininfluenti. Mi riguarda invece molto il contenuto, la punteggiatura e la forma. Sui tuoi appunti in questo senso si, lo so, posso lavorarci. Ancora grazie.
Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 244
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: The River of Dolls

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Grazie a te. Un tempo pensavo anch'io che fossero dettagli i segni grafici. Poi ho compreso che dietro la forma si nasconde la sostanza. Dentro i trattini, ad esempio, può intervenire l'autore precisando o esplicando quando serve. Ma deve usarli solo con quella funzione, non per annotazioni della voce narrante o di uno dei protagonisti.
Non so se mi spiego.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


69 Orizzontale: l'Antologia erotica

69 Orizzontale: l'Antologia erotica

Oltre 300 pagine di ottimo erotismo sotto forma di racconti, poesie e illustrazioni. Contiene un racconto della scrittrice Valeria Ferracuti e disegni di Furio Bomben. Ogni testo è abbinato a una domanda in formato "settimana enigmistica" che testerà l'attenzione del lettore. La dura selezione alla quale sono stati sottoposti i partecipanti, garantisce al libro una qualità che raramente è stata raggiunta in passato.
A cura di Massimo Baglione, Angela Di Salvo e Alessandro Napolitano;
in collaborazione con Valeria Ferracuti di mysecretdiary.it;
copertina di Roberta Guardascione;
illustrazioni aggiuntive realizzate da Furio Bomben;
strisce enigmistiche di Diego Capani.

Contiene opere di: Allison Bersani, Gabriella Pison, Gianni Giovannone, Serena Rosata, Simone De Andreis Gerini, Thierry59, Grey Delacroix, Giovanni Altieri, Marina Priorini, Antonella Rita Provenzano, Furio Bomben, Alessandra Gaggioli, Marina Casali, Mew Notice, Enrica Restelli, Valter Padovani, Alessandro Moschini, Tullio Aragona, Elena Girotti, Edoardo Baietti, Gilbert Paraschiva, Gianluigi Redaelli, Connie Furnari, Flavia Ippolito, Mariella Scarano, Piergiorgio Annicchiarico, Poly, Alessio Boni, Carmine Rosano, Alberto Tristano, Barbara Bertucci, Armando D'Amaro, Livin Derevel, Stefano Masetti, Alfio Faedi, Giovanni Gentile, Bruno Elpis, Riccardo Carli Ballola, Roberta Eman, Anna Pisani, Ser Stefano, Riccardo Sartori, Giovanna Amoroso, Jen Ricci, Michele Cogni, Paolo Ferruccio Cuniberti, Claudio Gavina, Valeria Ferracuti.
Vedi ANTEPRIMA (298,69 KB scaricato 847 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Dentro la birra

Dentro la birra

antologia di racconti luppolati

Complice di serate e di risate, veicolo per vecchie e nuove amicizie, la birra ci accompagna e ha accompagnato la nostra storia. "Dentro la birra", abbiamo scelto questo titolo perché crediamo sia interessante sapere che cosa ci sia di così attraente nella bevanda gialla, gasata e amarognola. Perchè piace così tanto? Che emozioni fa provare? Abbiamo affidato questa "indagine" a Braviautori, affinché trovasse, tramite l'associazione e il portale internet, scrittori capaci di esprimere tali sensazioni. E infatti sono arrivati numerosi racconti: la commissione ne ha scelti 33. Nemmeno a farlo apposta, 33 è la quantità di centilitri di un gran numero di bottiglie (e lattine) di birra; una misura nota a chi se n'intende.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Andrea Andreoni, Tullio Aragona, Enrico Arlandini, Beril, Enrico Billi, Luigi Bonaro, Vittorio Cotronei, Emanuele Crocetti, Bruno Elpis, Daniela Esposito, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Livio Fortis, Valerio Franchina, Luisa Gasbarri, Oliviero Giberti, Elena Girotti, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Fabrizio Leo, Sandra Ludovici, Micaela Ivana Maccan, Cristina Marziali, Stefano Masetti, Maurizio Mequio, Simone Pelatti, Antonella Provenzano, Maria Stella Rossi, Giuseppe Sciara, Salvatore Stefanelli, Ser Stefano, SunThatSpeed, Marco Vignali.
Vedi ANTEPRIMA (276,03 KB scaricato 238 volte).
info e commenti compralo su   amazon

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,48 MB scaricato 159 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

(aprile 2014, 30 pagine, 454,14 KB)

Autori partecipanti: Annamaria Vernuccio, Anto Pigy, Nunzio Campanelli, Ser Stefano, Daniela Rossi, Alphaorg, Eddie1969, Marina Paolucci,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (454,14 KB) - scaricato 132 volte.
oppure in formato EPUB (613,40 KB) (vedi anteprima) - scaricato 245 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2020 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2020 - (in bianco e nero)

(edizione 2020, 2,86 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,86 MB) - scaricato 22 volte..

La Gara 42 - Elogio della follia

La Gara 42 - Elogio della follia

(novembre 2013, 30 pagine, 763,20 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Anto pigy, Pessimo autore, Eddie1969, Scrittore97, Alessandro D, Eliseo Palumbo, Luciallievi, Verity Hunt, Kaipirissima, Desiree Ferrarese,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (763,20 KB) - scaricato 196 volte.
oppure in formato EPUB (390,15 KB) (vedi anteprima) - scaricato 195 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.