Utopia

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
25%
3 - si lascia leggere
1
13%
4 - è bello
4
50%
5 - mi piace tantissimo
1
13%
 
Voti totali: 8

Lelle Carpisa
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 01/11/2016, 14:46

Author's data

Utopia

Messaggio da leggere da Lelle Carpisa »


Il tuo corpo, un corpo armonioso sublime. Profuma, sa dite.
Rebecca ho ancora il tuo profumo di vaniglia intrappolato nelle mie narici. La tua snellezza è ancora stampata nella mia mente.
Il mio respiro sempre più pesante, affaticato, irregolare. Ti vedo e non ti vedo; sento la tua voce e anche no.
E' così che ci si sente quando si è innamorati? Sublime è il tuo viso, ridenti sono I tuoi occhi.
Così inetto sono e così somma sei tu. Il mio corpo è freddo, a riscaldarlo ci sei tu. Ci sei sempre stata tu a mettere tutto a posto.
Ora so che è così.
Non sei cambiata di una virgola rimani la mia dolce donna permalosa, scostante e allo stesso tempo disponibile.
Quando è stata l'ultima volta che ti sei presa cura di te stessa? Ricordi ancora come si fa?
Questi pensieri attanagliano questa mente sciocca che non vuol capire, non vuole ragionare.
Mi guardi e mi sorridi e io stento un sorriso velato dall'orgoglio, anche ora è così.
Forse non cambierò mai o forse ora ho la possibilità per farlo.
Come la mettiamo adesso? Qui in questa stanza accogliente solo in apparenza.
Oh Rebecca il mio cuore è così stanco e affaticato. Grazie di essere qui accanto a me sempre seduta al lato del letto con la luce soffusa della lampada che sottolinea ancora una volta la perfezione che ti circonda come un alone di beatitudine e santità uniche.
Sei di spalle e ti accingi a fumare la tua sigaretta, un'arma letale. Come puoi lasciare che comandi la tua mente così?
Alla fine non ti è mai importato e per me vai bene comunque.
Teso ed indeciso porto il mio indice ad appoggiarsi con estrema delicatezza lungo la tua colonna vertebrale. Ancora vibri ma per come sei fatta lo nascondi con un goffo colpo di tosse.
Lo so non ti piace che io attui questi colpi bassi senza lasciare tempo alla tua persona di riprendersi ma lo sai io sono fatto così. Ci sei abituata e non opponi alcun tipo di resistenza lasciandoti fare.
Grazie che permetti a questo stolto di assaporare, per qualche minuto in più, il sapore delle tue verità.
Non nascondere le tue cicatrici lascia che io possa guardarle.
Permettimi di prendermi cura di loro, di rassicurarle col mio tocco e di alleviarle con qualche bacio furtivo.
Ti senti scoperta ed amo questo tuo lato.
Avvicinati e godiamo ancora per un po' della compagnia reciproca, prima che sia giorno, prima che arrivi l'alba.
"Rebe…"
"Giulio ti prego lo sai quanto odio questo nomignolo." mi disse un po' indispettita.
"Rebecca perché sei qui stasera? Chi te lo fa fare?"
"Ho altra scelta Giulio?" disse.
In effetti come potevi avere altra scelta? Nonostante la tua libertà di scelta eccoci qui legati da un filo rosso.
Non è stato il destino, non è stato Dio e nemmeno Il caso eppure siamo avvinghiati l'uno all'altra.
"Ora cerca di riposare Giulio"
"Come potrei?"
"Ci riuscirai sicuramente".
Che donna forte e indipendente che sei e me ne accorgo solo ora.
Di nuovo sono assalito dai pensieri, manca poco. Oh Rebecca!
Perché non siamo riusciti a capirci prima? Perché siamo stati cosi bigotti noi che, con l'arroganza nella mente e ideali utopici sull'amore nel cuore, siamo sempre stati convinti che l'amore non fosse così essenziale?
Ti prendo la mano e in preda al delirio, alla febbre alta tossisco senza pietà e senza pausa.
Nessuna immagine nei miei occhi, nessuna stanza nella memoria e niente che ricordi il tuo passaggio.
Ormai è ora che tu vada Rebecca prima che il coraggio ti manchi e ti assalga la nostalgia di noi.
La mascherina dell'ossigeno non ha più alcun effetto su questi polmoni malandati, la flebo è finita da un pezzo.
Io su questo letto nudo di emozioni e freddo ti guardo prima di chiudere un po' gli occhi.
Ho bisogno di dormire un po', solo qualche minuto.
Tu in piedi urli, forse stai litigando con l'infermiera del turno di notte.
Non disperarti amore mio perché non sto male, più I minuti passano e più mi sento alleviare il dolore. E' la tua presenza a farmi stare bene.
D'improvviso sento risvegliarmi la mente, mi accorgo che non siamo nella nostra stanza d'albergo a consumarci in atti sessuali. Mi accorgo che sono in questo odioso ospedale e il respiro manca del tutto.
Guardami Rebecca prima che io vada!
No non puoi sentirmi, nessuno può. Tu impegnata con quella signora di mezza età in piena notte ed io qui senza fiato, senza parole in gola.
Forse ho ancora una speranza: finalmente sta arrivando il medico con la sua troupe, speriamo mi faccia stare meglio.
Cosa odo? Potrei non farcela? Impossibile con te a fianco.
Con le lacrime agli occhi ti avvicini e mi sussurri parole incomprensibili. Dio non riesco a sentirti! Parla più forte!
Inspiegabilmente riesco a ridere tra un colpo di tosse e l'altro al ricordo della tua sigaretta quasi terminata. Ricordi? Quando di soprassalto ti ho abbracciata da dietro e ti è caduta sulla pelle nuda e ti sei ustionata? Che risate!
Si è a questo ricordo che sento che mi baci sulla fronte mentre chiudo inesorabilmente questi occhi.
Finalmente la pace, finalmente nessuna voce. Non più urla in stanza, non più immagini che mi causano il mal di testa. Finalmente il buio e il silenzio.
Ora finalmente posso tirare il mio ultimo sospiro con la consapevolezza di averti dato tutto ciò che avevo e di averti protetta finché ho potuto. Perché alla fine ci siamo amati anche se non lo abbiamo mai ammesso.
Tu ed io nella stessa stanza, due mondi distanti. Lo sapevo io, lo sapevi tu. Lo sapevamo entrambi eppure non abbiamo fatto nulla per cambiare le cose.
Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Che dire Lelle. Mi è piaciuto il tuo testo. Ci sono spunti, più d'uno credo, degni di essere ripresi per altri racconti, come dei punti di partenza. Mi sembra scritto bene anzi lo è, almeno per me che come lettore non sono un purista (mentre nello scrivere ci provo e il risultato resta ignoto anche se, ahimè, qualche dubbio permane). Certo in gara ci sta che ogni aspetto venga analizzato, ma i miei occhi restano invariabilmente concentrati sul contenuto che qui vedo corposo, intenso, drammatico senza derapate. Molto bello e significativo. Proprio un'utopia, hai ragione.
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Inizio un tantino legnoso, ma poi si "apre". Racconto (anche questo) triste e struggente; ovviamente ognuno scrive sull'argomento che desidera. E' stata usata bene la componente drammatica, come diceva Roberto, senza eccessi, senza esagerazioni patetiche a cui è facile cedere descrivendo certe situazioni. Profonda e intimistica la riflessione dell'uomo sul suo passato, di quello che non è stato.
Uso delle parole e frasario mi sembrano buoni. Trama e dinamismo direi al minimo ma ci può stare, in un pezzo più descrittivo e sentimentale che altro. Concludo che si lascia leggere.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Mi sono domandata una cosa. Ma come è possibile che a fianco a un malato del genere, con gravi problemi polmonari e in ospedale, lei fumi tranquillamente? Mi pare di aver compreso bene. Lei fuma? Ma, indipendentemente dal particolare assai poco veritiero, devo dire che il racconto non mi è piaciuto molto. L'ho trovato un po' contorto, pesante. Ma forse non lo ho capito bene...
Lelle Carpisa
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 01/11/2016, 14:46

Author's data

Laura traverso

Messaggio da leggere da Lelle Carpisa »

Laura Traverso le tue domande sono più che lecite. Ho omesso il particolare che nel mentre delle sensazioni di lui , lei nel frattempo sia uscita per una sigaretta , abbia poi al suo ritorno parlato con l’infermiera per poi infine incentrarsi di nuovo su di lui .
Forse come dici tu avrei dovuto appurare meglio il dettaglio ma ho preferito volutamente omettere il contesto per concentrarmi su loro due e sul come si sentivano entrambi in quel momento.
Ho preferito lasciar trasparire le varie emozioni che il contorno di fondo.
L’ho lasciato volutamente confuso per far capire la confusione della mente di lui... sul punto di morte.
Sicuramente in quei momenti non si comprende bene la realtà attorno e ho voluto farla trasparire così. Sfocata , confusionaria e non cronologica apposta , come se a lui non importasse altro che di rebe ☺️
Grazie per l’osservazione fatta.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

parto dal negativo:
punteggiatura alquanto rada e da rivedere quasi completamente.
qualche d eufonica da togliere.
descrizioni non chiarissime, forse volutamente.

di contro, la storia, pur risultando pesante, descrive una situazione tristemente plausibile e l'argomento viene affrontato discretamente.
però, ripeto, alla fine non risulta tutto ben chiaro.
onestamente non mi è piaciuto molto
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 100
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Di primo acchito mi sono immaginato un moderno Dante...ridondante a descrivere una Beatrice. Poi è arrivato il cuore del racconto, la descrizione di una versione di Beatrice che potrebbe non piacere a tutti, ed è questo il bello del tuo racconto. Lo stile invece, e alcuni refusi, mi mettono in difficoltà a giudicarti. Decido di non assegnati un voto, sarebbe basso, e non sono attrezzato per assegnare un voto basso a chi partecipa con entusiasmo a un concorso. Concludendo, l'idea non è originale, purtroppo in questo frangente di covid, il tenore comunque mi piace, lo stile mi blocca.
Lelle Carpisa
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 01/11/2016, 14:46

Author's data

Marcello Rizza

Messaggio da leggere da Lelle Carpisa »

Onestamente... non ho voluto riproporre una Beatrice new age.
Ho semplicemente voluto descrivere una situazione “ normale “ accentuandone il contesto ma soprattutto le sensazioni umane di questi due soggetti.
Cercando di far trasparire il che cosa significhi vivere una stanza di ospedale con chi sa che sta per andarsene e chi sa che deve rimanere. Nonostante tutto, nonostante il lerciume del mondo...
Abbiamo una Rebecca affranta e arrabbiata con la vita. Anzi oserei dire vinta nell’animo dalla vita stessa .
A sottolinearlo è il fatto che non riesce assolutamente a mantenere una costanza ( degna di essere definita tale ) nell’appoggiare ed assistere il suo , come diremmo oggi “ lover “ fino in fondo.
Infatti come si può intuire , anche se non l’ho descritto fino in fondo , continua dentro e fuori per la stanza . Fuma , torna , parla con l’infermiera alla porta della stanza.
Entra , si lascia ammirare ma non ne regge il peso di quello sguardo stanco , malato.. affamato degli ultimi sprazzi di vita che gli rimangono.
Ci vedo poca , se non quasi nulla , Divina Commedia in tutto ciò.
Una coppia moderna , con una vita banale e normale , i quali tentano ( anche se oramai disincantati dalla società e da qualsivoglia mito sull’amore eterni ) , inutilmente di “ vincere”.
Se proprio dovessi esprimermi si avvicinerebbero di più verso i Malavoglia che a Dante.
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 76
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il testo mi è piaciuto molto, innanzitutto per il linguaggio appassionato, tipico di una persona innamorata, poi per l'inaspettato risvolto drammatico: l'amore fino alla fine, fino a stare accanto alla persona amata. Unico appunto: si dovrebbe aggiungere qualche virgola. Inoltre stona il riferimento troppo esplicito quando il narratore dice che ha compreso di essere in una camera d'ospedale, e non impegnato in amplessi amorosi, perché mi sembra che tolga un po' di eleganza al linguaggio, che, invece, è raffinato e non troppo esplicito.
Lelle Carpisa
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 01/11/2016, 14:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lelle Carpisa »

Lucia De Falco
Ti ringrazi infinitamente per averlo letto :)
Farò tesoro di ciò che hai detto ( specialmente nelle ultime righe).
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 76
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Re: Utopia

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Una curiosità, anzi due: perché si intitola "Utopia" e perché più volte si lascia intendere che i due non hanno saputo approfittare del tempo per amarsi? È volutamente lasciato nel mistero il motivo? Forse si tratta di una reazione clandestina?
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 38
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Effettivamente il racconto è molto triste e leggendo il testo ho colto appieno gli stati d’animo dei protagonisti. Trasmettere emozioni a mio parere è già di per se un aspetto positivo. Il finale è molto toccante, l’uomo sul punto di morte è deluso di non aver vissuto appieno il sentimento che lo lega alla donna, ma ormai è troppo tardi. A mio modesto parere il testo è uno spunto di riflessione, spesso ci rendiamo conto del valore delle persone solo quando siamo sul punto di perderle.
Per quanto riguarda stile, punteggiatura e refusi, non mi sento all’altezza di dare giudizi in merito.
Ultima modifica di Anna Gri il 07/10/2020, 10:35, modificato 1 volta in totale.
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Si può apprezzare un racconto sia per il valore in sé sia per le emozioni (o i ricordi) che suscita nel lettore. E questo racconto (a parte i refusi già segnalati e qualche tempo verbale fuori posto) coglie nel segno, almeno per quanto mi riguarda.
Lelle Carpisa
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 01/11/2016, 14:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lelle Carpisa »

Grazie infinite per tutte le vostre risposte. Ne farò tesoro per potermi migliorare ancora di più e proseguire lungo il percorso. Grazie a tutti per averlo letto
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Antologia visual-letteraria (Volume due)

Antologia visual-letteraria (Volume due)

Antologia dedicata agli animali

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per la seconda antologia di BraviAutori.it. I ricavati saranno interamente devoluti al sostentamento di una comunità felina abbandonata sita nei pressi del Nucleo industriale di Longarone, Belluno, a poche centinaia di metri dalla diga del Vajont.
A cura di Massimo Baglione e Alessandro Napolitano.

Contiene opere di: Paolo Maccallini, Gianluca Gendusa, Pia Barletta, Angela Di Salvo, Miriam Mastrovito, Alessandro Napolitano, Valentina Margio, Gilbert Paraschiva, Enrico Arlandini, Elena Piccinini, Stefano di Stasio, Eugenio De Medio, Celeste Borrelli, Luisa Catapano, Anna Maria Folchini Stabile, Giovanni Minio, Gemma Cenedese, Antonio Giordano, Rodolfo Vettorello, Cosimo Vitiello, Damiano Giuseppe Pepe, Patrizia Birtolo, Pietro Rainero, Roberto Stradiotti, Anna Giraldo, Maria Rizzi, Vittorio Scatizza, Paolo Frattini, Matteo Mancini, Piergiorgio Annicchiarico, Fabrizio Siclari, Emanuela Cinà, Laura Maria Rocchetti.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,10 MB scaricato 640 volte).
info e commenti compralo su   amazon

La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,11 MB scaricato 751 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Biblioteca labirinto

Biblioteca labirinto

Cinque scaffali di opere concatenate per raccontare libri, biblioteche e personaggi letterari

Riportare la lettura e la biblioteca al centro dell'attenzione dovrebbe essere un dovere di ciascuno di noi. Se in qualche misura ci riesce una raccolta di racconti non si può che gioirne, nella speranza che possa essere contagioso, come deve esserlo tutto ciò che ci spinge a riflettere e a interrogarci sull'essenza del nostro esistere.
A cura di Lorenzo Pompeo e Massimo Baglione.
introduzione del Prof. Gabriele Mazzitelli.

Contiene opere di: Alberto De Paulis, Monica Porta, Lorenzo Pompeo, Claudio Lei, Nunzio Campanelli, Vittoria Tomasi, Cristina Cornelio, Marco Vecchi, Antonella Pighin, Nadia Tibaudo, Sonia Piras, Umberto Pasqui, Desirée Ferrarese.
Vedi ANTEPRIMA (211,75 KB scaricato 171 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Proposta indecente - Le Lido

Proposta indecente - Le Lido

(aprile 2010, 22 pagine, 570,67 KB)

Autori partecipanti: Arditoeufemismo, Bonnie, Carlocelenza, Rita di Sano, Stefy 71, VecchiaZiaPatty,
A cura di Bonnie.
Scarica questo testo in formato PDF (570,67 KB) - scaricato 550 volte.
oppure in formato EPUB (355,52 KB) (vedi anteprima) - scaricato 205 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2020 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2020 - (in bianco e nero)

(edizione 2020, 2,86 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,86 MB) - scaricato 24 volte..

La Gara 28 - L'ultima notte

La Gara 28 - L'ultima notte

(febbraio 2012, 54 pagine, 1,94 MB)

Autori partecipanti: Nathan, Luigi Bonaro, Giorgio Arcari, Licetti, Ser Stefano, Antonella P, Arditoeufemismo, Jane 90, Lodovico, Flavio Graser, Angela Di Salvo, Roberta Michelini, Kutaki Arikumo, Tuarag, Unanime Uno, StillederNacht, Cordelia, ConcettaS, Mariadele, Lorella15, Alhelì, Morgana Bart, Bludoor, Diego Capani,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,94 MB) - scaricato 583 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.